Your SlideShare is downloading. ×
0
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Ma sono davvero nativi digitali?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ma sono davvero nativi digitali?

878

Published on

Intervento a HItechSchool - Bassano del Grappa - 11/4/2014

Intervento a HItechSchool - Bassano del Grappa - 11/4/2014

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
878
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Ma sono davvero Nativi Digitali? Antonio Fini Dottore di ricerca Dirigente scolastico Istituto Comprensivo di Arcola-Ameglia (SP)
  • 2. 2 di 19 Una premessa
  • 3. 3 di 19 Tecnologie e scuola. Dove siamo?http://en.wikipedia.org/wiki/File:Gartner_Hype_Cycle.svg Gartner Hype Cycle – grafico di Jeremy Kemp.
  • 4. 4 di 19 L’eterno supplizio
  • 5. 5 di 19 Da bravo DS, ecco la circolare! Le cosiddette "tecnologie dell'educazione" non hanno ancora avuto nella scuola l'effetto innovatore, e talvolta dirompente, che essi hanno esercitato in altri settori della comunicazione e della vita sociale. Senza alcuna aprioristica esaltazione, ma anche senza ingiustificate diffidenze e allarmismi, i nuovi mezzi (….) devono essere considerati per quello che essi sono, cioè strumenti dell'azione didattica che facilitano i processi conoscitivi, pur senza presumere di surrogare all'insostituibile rapporto personale adulto giovane una mediazione puramente artificiale ed estrinseca. I nuovi mezzi vanno, quindi, considerati come i continuatori, a livello tecnologico più avanzato, dei tradizionali sussidi didattici, alla stessa stregua cioè del manuale scolastico o degli altri più modesti strumenti didattici, dal quaderno degli appunti alla tavola nera o ai cartelloni murali. Certamente la maggiore complessità dei nuovi strumenti e la necessità di disporre anche di cognizioni tecniche e pratiche per il loro uso apre un nuovo capitolo nel costume della comunicazione a fini di insegnamento. Le cosiddette "tecnologie dell'educazione" non hanno ancora avuto nella scuola l'effetto innovatore, e talvolta dirompente, che essi hanno esercitato in altri settori della comunicazione e della vita sociale. Senza alcuna aprioristica esaltazione, ma anche senza ingiustificate diffidenze e allarmismi, i nuovi mezzi (….) devono essere considerati per quello che essi sono, cioè strumenti dell'azione didattica che facilitano i processi conoscitivi, pur senza presumere di surrogare all'insostituibile rapporto personale adulto giovane una mediazione puramente artificiale ed estrinseca. I nuovi mezzi vanno, quindi, considerati come i continuatori, a livello tecnologico più avanzato, dei tradizionali sussidi didattici, alla stessa stregua cioè del manuale scolastico o degli altri più modesti strumenti didattici, dal quaderno degli appunti alla tavola nera o ai cartelloni murali. Certamente la maggiore complessità dei nuovi strumenti e la necessità di disporre anche di cognizioni tecniche e pratiche per il loro uso apre un nuovo capitolo nel costume della comunicazione a fini di insegnamento. Anno scolastico ___/____?
  • 6. 6 di 19 Ora possiamo iniziare… Focus sui nostri allievi La domanda è: sono davvero nativi digitali? Forse sì e forse no Ma, perché ci interessa?
  • 7. 7 di 19 Si! http://www.upsidelearning.com/blog/index.php/2011/04/07/5-myths-about-digital-natives/
  • 8. 8 di 19 Ma anche No!
  • 9. 9 di 19 Il pericolo Stereotipo Pregiudizio
  • 10. 10 di 19 La competenza…
  • 11. 11 di 19 …Digitale
  • 12. 12 di 19 Dimensioni multiple La competenza digitale nella scuola. Modelli e strumenti per valutarla e svilupparla Antonio Calvani, Antonio Fini, Maria Ranieri Erickson, Trento, 2010
  • 13. 13 di 19 Quanto sono competenti? La competenza digitale nella scuola - Modelli, strumenti, ricerche Antonio Calvani, Antonio Fini, Maria Ranieri Rivista della Società Italiana di Ricerca Didattica 5. 9-21 12-2010 Test web-based Anno 2009 1056 alunni 34 scuole Età media 15
  • 14. 14 di 19 Perché è importante DIGITAL DIVIDE
  • 15. 15 di 19 Cittadinanza Cittadinanza Digitale: un arcobaleno di diritti e opportunità Fiorella De Cindio, Leonardo Sonnante, Andrea Trentini http://mondodigitale.aicanet.net/2012-2/public/04_de_cindio.pdf
  • 16. 16 di 19 Quale scuola per i nativi digitali? http://expositions.bnf.fr/utopie/grand/3_95b1.htm
  • 17. 17 di 19 Oltre le insidie dell’ovviohttp://www.slideshare.net/MariaRanieri1/nativi-digitali-vs-immigrati-digitali-mito-o-realt Maria Ranieri – Università di Firenze
  • 18. 18 di 19 Torniamo alla circolare del 1971! …. è auspicabile che gli insegnanti stessi, con iniziative da attuare preferibilmente a livello di singoli istituti, promuovano attività di aggiornamento, dibattito, sperimentazione, volte ad affrontare le nuove situazioni derivanti dalla generalizzazione dei vari modi comunicativo informativi, evitando rinunce fatalistiche o abdicazioni traumatizzanti: al contrario assumendo essi stessi il compito di inserire questi portati dei moderni avanzamenti tecnico scientifici nel quadro dei valori e dei comportamenti culturali collaudati dalla nostra tradizione. …. è auspicabile che gli insegnanti stessi, con iniziative da attuare preferibilmente a livello di singoli istituti, promuovano attività di aggiornamento, dibattito, sperimentazione, volte ad affrontare le nuove situazioni derivanti dalla generalizzazione dei vari modi comunicativo informativi, evitando rinunce fatalistiche o abdicazioni traumatizzanti: al contrario assumendo essi stessi il compito di inserire questi portati dei moderni avanzamenti tecnico scientifici nel quadro dei valori e dei comportamenti culturali collaudati dalla nostra tradizione.
  • 19. 19 di 19 Grazie! antonio.fini@gmail.com Non dimenticate di visitare Bricks!

×