• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Repubblica web tv
 

Repubblica web tv

on

  • 432 views

Repubblica web tv

Repubblica web tv

Statistics

Views

Total Views
432
Views on SlideShare
431
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

1 Embed 1

http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Repubblica web tv Repubblica web tv Document Transcript

    • MERCOLEDÌ 8 FEBBRAIO 2012 Il personaggio La cultura L’ascesa Vecchia e brutta di Xi Jinping Auslander la Cina trova fa rivivere il nuovo Mao Anna Frank GIAMPAOLO VISETTI SUSANNA NIRENSTEIN I 47Canali generalisti, tematici e realitynon godono di buona saluteOra il nuovo fenomeno è Internetdove ognuno può costruirsiprogrammi e show fatti su misura DAL NOSTRO CORRISPONDENTE FEDERICO RAMPINI NEW YORK L a tv è moribonda. L’ago- nia avviene così in fretta che non ci sarà il tempo per celebrarne i funerali. Personal Sta accadendo proprio qui in America, nel regno dei network, nella culla del “cable”, delle news 24 ore su 24 e dei canali tutto-sport, dei reality, delle serie a puntate che hanno plasmato la cul- Tv tura di massa nel mondo intero. Non si tratta solo del tramonto del- la tv “generalista” (archeologia in- dustriale...), ma anche dei canali te- matici, del satellite, dei “bouquet” per abbonati via cavo. Tutto ciò che chiamiamo “televisione”, anche nei suoi formati e sviluppi più re- centi, è in via di estinzione. Non i contenuti: quelli si stanno trasfe- rendo su Internet, ma così facendo l’intero settore cambia pelle e adot- ta nuovi linguaggi, mentre le gerar- chie di potere sono sconvolte, il mo- dello di business è rivoluzionato. L’equivalente delle attuali “reti” tv si chiameranno Google (YouTu- be), Apple, Amazon, Netflix. I nu- meri di questa transizione sono im- pressionanti. Nel dicembre 2011 per la prima volta YouTube ha ol- trepassato la soglia di 1.000 miliardi di “contatti” per i suoi video, e que- st’anno prevede un balzo verso vet- te ancora più stratosferiche, anche grazie all’elezione presidenziale: perché cresce il numero di conteni- tori e contenuti di attualità politica che prendono direttamente la via di Internet senza neppure transitare attraverso i vecchi network tv. SEGUE NELLE PAGINE SUCCESSIVE CON UN ARTICOLO DI ALESSANDRO LONGO OGGI SU REPUBBLICA.IT MERCOLEDÌ FILIPPO CECCARELLI Tecno Cinema IL TEMPO DELLA TRUFFA Blackberry A qualcuno O cchiali “luminol” per barare al casinò, bloc- nuovo sistema piace chi di tufo spediti al posto di iPad, virus tele- per il riscatto Reynolds matici che chiedono il pizzo, concorsi fasulli per lavorare a Montecitorio o in villaggi turistici, Viaggi profughi libici su cui fare la cresta, vendita di finti Immersioni prodotti bio... Poche attività umane restituiscono, meglio delle truffe, il significato autentico dei tem- nel verde pi e il loro dissennato segreto. Da questo punto di vi- della Thailandia sta, il mix di macroscopico scientismo e devota su- perstizione che ha portato un certo “Gruppo di Ri- Sport Immagini iPad cerca Idrofrequenziale per il Riequilibrio Bioener- Lo speciale Venezia getico dell’Individuo e dell’Ambiente” a commer- sul “6 Nazioni” l’atelier cializzare pretesa acqua santa proveniente da Lour- des, Fatima e Medjugorje a scopo terapeutico dice di rugby del Carnevale abbastanza sul genio truffaldino, ma ancora di più Interattività dice quale e quanta risorsa credulona può essere ac- “L’ITALIA SONO ANCH’IO”: LA RACCOLTA DELLE FOTO cesa dal futuro remoto dell’eterna paura. © RIPRODUZIONE RISERVATA
    • la RepubblicaMERCOLEDÌ 8 FEBBRAIO 2012 L’INCHIESTA R2MONDOI 48 La televisione generalista è in crisi Ma anche i canali tematici e i reality non godono di buona salute. Perché oggi il nuovo fenomeno è Internet dove chiunque può scegliere, in qualsiasi momento della giornata, il programma preferito. Può piazzare le sue immagini e farle vedere al mondo. Così ognuno di noi diventa “produttore di se stesso” Web L’era dellatv fai da te (segue dalla copertina) DAL NOSTRO CORRISPONDENTE to lo stratega di YouTube Ro- bert Kyncl al Consumer Elec- tronic Show di Las Vegas – un saranno creati su Internet. Ca- nali! Non singoli video. Il Nordamerica continua ad nadese guarda online 251 video al mese tra film, sport, musica, informazione. Negli Stati Uniti nomi che spaziano da Disney all’agenzia stampa Reuters, passando per la casa cinema- FEDERICO RAMPINI dato che dovrebbe far riflettere essere all’avanguardia nelle ri- il consumo raggiunge 204 video tografica Lionsgate e il rapper l’industria dello spettacolo». voluzioni tecno-sociali, e an- ogni mese. YouTube ne sta Jay-Z. Le tv si affannano a rin- NEW YORK Sempre secondo le previsioni che in questo caso è probabile traendo le conseguenze: ha correre questa tendenza, e a lo- primi sintomi di questo elaborate nel quartier generale che il resto del mondo finisca lanciato 100 milioni di investi- ro volta moltiplicano le offerte I fenomeno erano stati av- vistati da tempo: sotto i 20 anni, esiste un’intera “generazione senza” te- lespettatori di tipo tradiziona- le, cioè quelli abituati a seder- si davanti a uno schermo e a di Google, entro il prossimo de- cennio il 75% di tutti i canali tv per imitare il modello più avan- zato. Già oggi in media ogni ca- menti in produzioni video ori- ginali, alleandosi con grandi in streaming, cioè via Internet: programmi che si possono sca- ricare in diretta sul pc, sull’i- Pad, sul telefonino. E’ una lotta contro il tempo, anche perché nel mondo dei video online gli spot pubblicitari stanno cre- fare zapping col telecomando scendo al ritmo del 42% annuo. in mano. Tanti giovani ameri- La velocità con cui i grandi cani ignorano dalla nascita network televisivi sono avviati quella dipendenza passiva dai al declino, ispira qualcuno a ce- palinsesti: si fanno la loro tv su lebrare con toni nostalgici la fi- misura, “à la carte”, selezio- ne di un’epoca. L’esperto di tec- nologia del Wall Street Journal, Kevin Sintumuang, ha trasfor- “Ben presto mato la sua column in una iro- il 90% di tutto nica lettera di addio. I toni sono quelli con cui ci separa dopo la il traffico online fine di un lungo amore: «Cara tv sarà occupato via cavo, lasciami dire che non è dai video” colpa tua, dipende tutto da me. Sono cambiato in questi anni. Raramente sto a casa. E quando nando su YouTube i program- ci sono, non ho lo sguardo in- mi che li interessano e passan- collato ai programmi tv in diret- doseli fra amici grazie a Face- ta. Ho arretrati di settimane da book e altri siti sociali. Ma smaltire, nel mio videoregistra- adesso YouTube e gli altri non tore. Ma soprattutto, se mi rilas- si accontentano più di essere so su un divano con un teleco- dei motori di ricerca. Diventa- mando, è su Internet che vado a no i nuovi centri della produ- cercare lo show o il film che mi zione e distribuzione di pro- interessa. Mi dispiace. Questa è grammi tv, oltre che della rac- semplicemente la realtà. Ti la- colta pubblicitaria. scio, cable-tv». Scordatevi l’epoca in cui Nella lettera d’addio c’è una YouTube era sinonimo di vi- verità tecnologica. La morte deo “virali” con bebè che sghi- della tv soppiantata dallo gnazzano, gattini esilaranti, e streaming online, non signifi- video musicali di modesta qua- ca la fine dello schermo a cri- lità acustica. «Ben presto il 90% stalli liquidi o Hd-plasma, non di tutto il traffico online sarà oc- comporta la rinuncia alla qua- cupato dai video – ha annuncia- lità dell’immagine, non co-
    • la RepubblicaMERCOLEDÌ 8 FEBBRAIO 2012 @ PER SAPERNE DI PIÙ www.nytimes.com wwitv.com I 49 Il caso Nel 2011 un vero e proprio boom con un business in crescita: 10 milioni di fatturato Sit-com e sprechi della politica la carica dei 590 canali italiani ALESSANDRO LONGO all’interno di un ristorante (500 mila euro di fatturato); Vallesina Tv, basata ROMA a Jesi (300 mila euro); Board tv, dedica- è la web tv che ha fat- ta agli sport estremi (100 mila euro). È C’ to una sit-com per promuovere il terri- torio. E quella che vuole favorire l’inte- grazione in un quartiere degradato. C’è chi si occupa di inchieste sugli sprechi della politica locale e chi fa un cresciuta molto Varese News, nato co- me giornale online nel 1997 e diventa- ta web tv nel 2005: oggi conta dieci gior- nalisti professionisti, sette collabora- tori, e fattura un milione di euro. Come guadagna una web tv? «I mo- di sono tantissimi. Molti sfruttano la documentario sul G8 di Genova dieci pubblicità: sul sito, in forma di ban- anni dopo. Nel 2011 è cresciuto l’uni- ner, o all’interno dei video. Altri rica- verso delle web tv italiane (canali ac- vano dalle commesse di aziende o cessibili con qualsiasi connessione pubbliche amministrazioni, che ri- internet, da un sito o un’applicazione chiedono servizi televisivi a paga- cellulare): ora sono 590, ben distri- mento», continua Colletti. C’è chi rie- buite da Nord a Sud. sce a fondere il business della web tv Tutte nate dal basso: con quello di un’altra attività: il risto- dall’entusiasmo di rante (Pnbox) o un’agenzia di comu- semplici utenti e con i nicazione (Vallesina Tv). «Ultima no- loro soldi. E i soldi ora vità, c’è chi comincia a sfruttare il cominciano pure a boom degli smartphone e dei tablet, farli, grazie alle pro- fornendo applicazioni per accedere prie piccole tv: è la no- ai video. Bari Tv ne offre alcuni gra- vità che emerge dal tuiti e altri a pagamento, dall’applica- rapporto Netizen zione», aggiunge Colletti. 2011, pubblicato po- Aumenta anche il pubblico di queste chi giorni fa dall’os- tv in miniatura: nel 2011 il 30 per cento servatorio Altratv. tv. di loro ha avuto tra i 7 mila e i 10 mila vi- Ha fatto un censimen- sitatori mensili (era soltanto il 20 per to: le regioni con il cento nell’anno precedente). Cresce maggior numero di anche il numero di quelle con oltre 10 web tv attive sono La- mila contatti (ora sono il 28 per cento). zio (102), Lombardia «Se trasmettessero a reti unificate, (85), Puglia (63) e Emi- avrebbero un totale di 800 mila visita- lia-Romagna (53). Ov- tori», stima Colletti. E qualche volta viamente sono canali l’hanno fatto: alcuni programmi pro- visibili ovunque nel dotti da Altratv sono stati trasmessi in mondo, via Internet, contemporanea da tutte o quasi. È ca- ma si occupano perlo- pitato con un documentario sul G8, un più di fatti locali: un video celebrativo su Paolo Borsellino e po’ come le “tv di stra- uno sul terremoto dell’Aquila. da” degli anni passati. Ma il programma tipico delle web «Quest’anno hanno tv nostrane si occupa di temi più vici- cominciato a vedere il ni al territorio e meno roboanti. Tra business: stimo in 10 quelli di maggiore successo nel 2011: milioni di euro il fattu- TamTam, di R-nord tv, che si occupa rato complessivo del- dei problemi di convivenza in un le web tv italiane», di- quartiere disagiato di Modena. La sit-stringe ad affaticare gli occhi Amazon sta facendo la stessa L’ESPERTO ce Giampaolo Colletti, fondatore di com 84100, di Salernotravel. tv, per lasullo schermo più piccolo di un Su siti come cosa con la sua colossale libre- In alto, Altratv.tv. Nel conto si considerano promozione del territorio. E “La li-computer. No, il grande scher- YouTube gli spot ria di Dvd. E ovviamente Apple Giampaolo solo le iniziative dal basso; non quel- bertà di…”, programma di PolarTv dimo che avete installato in sa- è in grado –grazie alla scatoletta Colletti le di gruppi editoriali o comunque di Bergamo, fatta da ragazzi massimolotto a Natale non è da buttare pubblicitari stanno di cui sopra – di offrire il suo fondatore di carattere industriale (come le web tv 30enni, con l’obiettivo di liberare davia. “Taglio il cordone ombeli- crescendo al ritmo ipermercato virtuale iTunes: Altratv.tv di Rai, La7 o Floptv della Fox). regole non scritte del comportamen-cale”: questo slogan lanciato del 42% annuo film, programmi tv, musica. Esempi di successo 2011: Pnbox. tv, to che nessuno vieta di infrangere.sul Wall Street Journal si riferi- Anziché essere vincolati dai pa- che a Pordenone racconta fatti locali © RIPRODUZIONE RISERVATAsce a un altro pezzo di har- linsesti dei network, la tv ce ladaware che rischia di finire in facciamo noi, scegliendo di vol-soffitta, il cavo coassiale insie- ta in volta da un catalogo che sime con la scatoletta nera del espande alla velocità della luce.decoder per i segnali cable o Il passo successivo, è quello giàsatellitari. «Ti ho amato davve- intrapreso da YouTube che pre-ro – scrive ancora Sintumuang sto sarà impegnato a “produr-– Da bambino. Da adolescente. re” 25 ore al giorno di nuoviAnche all’università ho conti- contenuti originali. L’uniconuato a esserti fedele. Dai pro- problema, per il momento, ri-grammi per l’infanzia di guarda quelle zone sprovvisteNickelodeon alla musica di di collegamenti Internet ad altaMtv, dallo sport su Espn ai film velocità: un servizio lento puòdi Hbo. Dal giorno in cui i miei significare che il film richiestogenitori mi lasciarono guarda- ci mette parecchi minuti ad es-re la tv fino a quando litigavo sere scaricato; o peggio ancora,con mia moglie per il controllo la scena si ferma sul più bellodel telecomando, la mia vita mentre lo schermo aspetta ladentro la pop culture sarebbe fatto il loro ingresso delle scato- “ricarica”. Un inconvenientestata sminuita senza di te». lette nuove. Hanno il logo della reale, ma destinato a scompari- Ma ora lo stesso telespettato- Apple, o quello della Sony. Pos- re, tanto più che il collegamen-re non sa più che farsene di sono servire per collegarsi con to wi-fi può offrire le stesse pre-quelle centinaia di canali, affol- Internet, trasferendo le imma- stazioni senza investimenti inlati a tutte le ore con dozzine di gini su qualsiasi schermo (nel reti di cavi a fibre ottiche.cloni di “AmericanIdol”o “Bal- caso della Sony, lo stesso appa- La direzione di marcia è que-lando con le stelle”, “Isola dei recchio che serve come console sta. Su YouTube e altri prota-famosi” e “Jersey Shore” più gli per i videogiochi scarica in gonisti di Internet stanno mi-chef con le ricette di cucina, i streaming film e programmi te- grando a gran velocità non so-documentari sul regno anima- levisivi). Ma il cambiamento lo i creatori di contenuti “dile, la fitness. «O è troppo o è non è solo tecnico. Il medium è nicchia”, ma gran parte deitroppo poco». Quando una co- il messaggio anche in questo nuovi canali. Compresi i piùsa t’interessa davvero, puoi es- caso. Tutti i paradigmi della te- popolari tra i giovani, come isere sicuro di trovarla su Inter- levisione saltano, se è Internet il tre canali creati da Ray Williamnet. La prova: da quest’anno vettore dei contenuti. Lo hanno Johnson, una nuova star deiperfino il SuperBowl — l’even- capito i nuovi protagonisti che teenager, un attore-autore eto sportivo più seguito in asso- si affacciano con prepotenza in anchorman la cui specialità èluto — è andato in onda in strea- questo business. Netflix, il lea- proprio il commento sui videoming. La tecnologia ha già “li- der nell’affitto di Dvd, si sta ri- “virali” del momento. Audien-berato” da tempo Internet dal- convertendo a gran velocità ce: un miliardo di contatti, e 5,3la schiavitù del computer. Nel- verso la vendita online: non so- milioni di abbonati.le case degli americani hanno lo film, anche serie televisive. © RIPRODUZIONE RISERVATA