ESPERIMENTOGORDON&HENDRICKAPPENDICE CRE PaolaBERTI IreneBOLLELLA AnnaBUSDON GiuliaCOGNIZIONE ELINGUAGGIOProf.ssa Maria Ter...
INTRODUZIONE Esperimento di P.C. Gordon e R. Hendrick,Appendice C Dimostrare la validità del principio C dellaBinding Th...
OBIETTIVI Dimostrare che il C-Comando influiscesulla facilità di co-referenza Dimostrare che le sequenze NP, NN e PNinfl...
COME PROCEDERE? Somministrazione di 48 frasi randomizzatea 40 soggetti. I soggetti devono valutare con cheprobabilità si...
SOGGETTI 40 soggetti di età compresa tra i 18 e i 40anni 18 maschi 22 femmine 2 licenza media 21 diploma 17 laurea t...
FRASI 48 Frasi suddivise in:o 24 Relative:• 12 referente soggetto• 12 referente oggettoo 24 Non Relative:• 12 referente s...
 In ogni gruppo di 12, sono presenti:o 6 frasi con C-Comando• 2 NP, 2 NN, 2 PNo 6 frasi senza C-Comando• 2 NP, 2 NN, 2 PN
NON RELATIVEReferente Soggetto
C O M A N D O ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 1 , 3 9 ) = 9 9 . 7 3 0 , p = . 0 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n e...
S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 2 0 8 . 8 1 , p = 0 . 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n...
C O M A N D O * S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 9 7 . 0 6 2 , p = 0 . 0 0 0 0D e c o...
RELATIVEReferente Soggetto
C O M A N D O ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 1 , 3 9 ) = 5 . 8 0 1 5 , p = . 0 2 0 8 4D e c o m p o s iz io n e...
S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 1 3 4 . 0 5 , p = 0 . 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n...
C O M A N D O * S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 4 1 . 2 8 4 , p = . 0 0 0 0 0D e c o...
RELATIVEReferente Oggetto
SI «Giulia ha detto a Marco che lui e Sara non erano assicurati.»NO «Giulia ha detto a Marco e Sara che lui non era assicu...
S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 8 9 . 4 5 8 , p = 0 . 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n...
C O M A N D O * S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 2 7 . 4 9 1 , p = . 0 0 0 0 0D e c o...
CONCLUSIONIAnalizzando i dati raccolti siamo arrivate allaconclusione che:il C-Comando influisce sulla co-referenzaanche ...
QUINDILa combinazione tra lapresenza del C-Comando e lasequenza referenziale Nome-Pronome facilita sempre la co-referenza.
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Ricostruzione dell'esperimento di P.C. Gordon e R. Hendrick, Appendice C

55

Published on

L'obiettivo di questo esperimento era quello di dimostrare la validità del principio C della Binding Theory.

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
55
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Dai dati emerge che nelle frasi con sequenza NP la presenza/assenza del ccomando non influenza la co-referenza che rimane a valori alti. Nelle frasi NN e PN la presenza del ccomando influisce negativamente sulla facilità nel co-referire.
  • Anche in questo caso nelle frasi NP in presenza di ccomando si ha i valori di co-referenza più alti, mentre in assenza di ccomando i valori calano notevolmente rendendo addirittura la coreferenza ambigua. Nei casi NN e PN si ha la tendenza opposta anche se non molto marcata.
  • Anche in questo caso, NP con ccomando ha i valori di coreferenza più alti che si abbassano in sua assenza. Come prima, anche NN e PN, in presenza di ccomando hanno valori di coreferenza più bassi rispetto a quando ccomando è assente.
  • Transcript of "Ricostruzione dell'esperimento di P.C. Gordon e R. Hendrick, Appendice C"

    1. 1. ESPERIMENTOGORDON&HENDRICKAPPENDICE CRE PaolaBERTI IreneBOLLELLA AnnaBUSDON GiuliaCOGNIZIONE ELINGUAGGIOProf.ssa Maria Teresa Guasti
    2. 2. INTRODUZIONE Esperimento di P.C. Gordon e R. Hendrick,Appendice C Dimostrare la validità del principio C dellaBinding Theory C-comando/Effetti sequenza NP-NN-PN
    3. 3. OBIETTIVI Dimostrare che il C-Comando influiscesulla facilità di co-referenza Dimostrare che le sequenze NP, NN e PNinfluiscono sulla facilità di co-referenza Valutare se l’interazione tra C-Comandoe le sequenze facilita la co-referenza
    4. 4. COME PROCEDERE? Somministrazione di 48 frasi randomizzatea 40 soggetti. I soggetti devono valutare con cheprobabilità sia possibile effettuare la co-referenza su una scala da 0 a 10.
    5. 5. SOGGETTI 40 soggetti di età compresa tra i 18 e i 40anni 18 maschi 22 femmine 2 licenza media 21 diploma 17 laurea triennale
    6. 6. FRASI 48 Frasi suddivise in:o 24 Relative:• 12 referente soggetto• 12 referente oggettoo 24 Non Relative:• 12 referente soggetto• 12 referente oggettoN.B. Le frasi Non Relative con referente oggetto non sono stateconsiderate per problemi di traduzione
    7. 7.  In ogni gruppo di 12, sono presenti:o 6 frasi con C-Comando• 2 NP, 2 NN, 2 PNo 6 frasi senza C-Comando• 2 NP, 2 NN, 2 PN
    8. 8. NON RELATIVEReferente Soggetto
    9. 9. C O M A N D O ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 1 , 3 9 ) = 9 9 . 7 3 0 , p = . 0 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n e ip o t e s i e ffe t t iv eL e b a r r e v e r t ia li in d ic a n o in t e r v a lli d i c o n fid e n z a a l 0 . 9 5s i n oC O M A N D O01234567891 0VD_1SI «Lisa è andata a trovare suo fratello all’università.»NO «Il fratello di Lisa è andato a trovarla all’università»SI «Gianni ha incontrato i suoi compagni al ristorante.»NO «I compagni di Gianni lo hanno incontrato al ristorante.»
    10. 10. S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 2 0 8 . 8 1 , p = 0 . 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n e ip o t e s i e ffe t t iv eL e b a r r e v e r t ia li in d ic a n o in t e r v a lli d i c o n fid e n z a a l 0 . 9 51 2 3S E Q U E N Z A01234567891 0VD_11 = NP2 = NN3 = PNNP «Lisa è andata a trovare suo fratello all’università.»NN «Gianni ha incontrato i compagni di Gianni al ristorante.»PN «I suoi compagni hanno incontrato Gianni all’università.»
    11. 11. C O M A N D O * S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 9 7 . 0 6 2 , p = 0 . 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n e ip o t e s i e ffe t t iv eL e b a r r e v e r t ia li in d ic a n o in t e r v a lli d i c o n fid e n z a a l 0 . 9 5s ì c - c o m a n d on o c - c o m a n d oN P N N P NS E Q U E N Z A- 101234567891 01 1VD_1
    12. 12. RELATIVEReferente Soggetto
    13. 13. C O M A N D O ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 1 , 3 9 ) = 5 . 8 0 1 5 , p = . 0 2 0 8 4D e c o m p o s iz io n e ip o t e s i e ffe t t iv eL e b a r r e v e r t ia li in d ic a n o in t e r v a lli d i c o n fid e n z a a l 0 . 9 5s i n oC O M A N D O01234567891 0VD_1SI «Gianni chiese alla pasticceria di preparare una torta per lui eChiara.»NO «Lui e Chiara chiesero alla pasticceria di preparare una torta perGianni.»SI «Cristina pensò che si sarebbe dovuta fare una festa per lei ePaolo.»NO «Lei e Paolo pensarono che si sarebbe dovuta fare una festa perCristina»
    14. 14. S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 1 3 4 . 0 5 , p = 0 . 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n e ip o t e s i e ffe t t iv eL e b a r r e v e r t ia li in d ic a n o in t e r v a lli d i c o n fid e n z a a l 0 . 9 51 2 3S E Q U E N Z A01234567891 0VD_11 = NP2 = NN3 = PNNP «Gianni e Chiara chiesero alla pasticceria di preparare una tortaper lui.»NN «Gianni chiese alla pasticceria di preparare una torta per Gianni eChiara.»PN «Lei pensò che si sarebbe dovuta fare una festa per Cristina ePaolo.»
    15. 15. C O M A N D O * S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 4 1 . 2 8 4 , p = . 0 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n e ip o t e s i e ffe t t iv eL e b a r r e v e r t ia li in d ic a n o in t e r v a lli d i c o n fid e n z a a l 0 . 9 5S E Q U E N Z A1S E Q U E N Z A2S E Q U E N Z A3s i n oC O M A N D O01234567891 0VD_1
    16. 16. RELATIVEReferente Oggetto
    17. 17. SI «Giulia ha detto a Marco che lui e Sara non erano assicurati.»NO «Giulia ha detto a Marco e Sara che lui non era assicurato.»SI «Franco promise a Lucia che lei e Davide sarebbero statiinvitati.»NO «Franco promise a Lucia e Davide che lei sarebbe statainvitata.»
    18. 18. S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 8 9 . 4 5 8 , p = 0 . 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n e ip o t e s i e ffe t t iv eL e b a r r e v e r t ia li in d ic a n o in t e rv a lli d i c o n fid e n z a a l 0 . 9 51 2 3S E Q U E N Z A01234567891 0VD_11 = NP2 = NN3 = PNNP «Franco promise a Lucia che lei e Davide sarebbero stati invitati.»NN «Giulia ha detto a Marco che Marco e Sara non erano assicurati.»PN «Franco promise a lei e Davide che Lucia sarebbe stata invitata.»
    19. 19. C O M A N D O * S E Q U E N Z A ; M e d ie M QE ff. c o r r e n t e : F ( 2 , 7 8 ) = 2 7 . 4 9 1 , p = . 0 0 0 0 0D e c o m p o s iz io n e ip o t e s i e ffe t t iv eL e b a r r e v e r t ia li in d ic a n o in t e r v a lli d i c o n fid e n z a a l 0 . 9 5S E Q U E N Z A1S E Q U E N Z A2S E Q U E N Z A3s i n oC O M A N D O01234567891 0VD_1
    20. 20. CONCLUSIONIAnalizzando i dati raccolti siamo arrivate allaconclusione che:il C-Comando influisce sulla co-referenzaanche se non sempre facilitandola.Le sequenze referente/anafora influisconosulla facilità di co-referenza: le frasi NPrisultano tendenzialmente più facili da co-riferire.
    21. 21. QUINDILa combinazione tra lapresenza del C-Comando e lasequenza referenziale Nome-Pronome facilita sempre la co-referenza.

    ×