Your SlideShare is downloading. ×
0
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Analisi per flussi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Analisi per flussi

6,903

Published on

Diapositive su analisi per flussi e rendiconto finanziario

Diapositive su analisi per flussi e rendiconto finanziario

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
6,903
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
198
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. L’ANALISI DI BILANCIO: I FLUSSI FINANZIARI L’analisi dei flussi finanziari ha la finalità di evidenziare e interpretare le variazioni intervenute nella situazione patrimoniale e finanziaria di un’azienda, ponendo a confronto i valori assunti dal Capitale Circolante Netto o dalla Liquidità (immediata) in due momenti diversi.
  • 2. Il capitale circolante nettoIl capitale circolante netto è dato dalla differenza trale attività correnti e le passività correnti ricavabilidallo Stato patrimoniale riclassificato secondo criterifinanziari.
  • 3. Stato patrimoniale sintetico riclassificato secondo criteri finanziariImpieghi FontiAttivo corrente Ac Debiti a breve PbAttivo immobilizzato Im Debiti a medio lungo Pc Patrimonio netto: Capitale proprio Cp Utile RnTotale impieghi Ci Totale fonti Tf
  • 4. Il capitale circolante netto Totale impieghi = Totale fonti Ac + Im = Pb + Pc + Cp + Rnda cui otteniamo: Ccn = Ac - Pb = Pc + Cp + Rn - Im
  • 5. Il capitale circolante netto Ac - Pb = Pc + Cp + Rn - Im Il capitale circolante netto è influenzato dalle operazioni che comportano variazioni in uno o più elementi posti a destra dell’equazione.
  • 6. Flussi finanziari di Ccn PASSIVITA’ ATTIVO CONSOLIDATE CAPITALE DI PROPRIETA’IMMOBILIZZATO • Aumenti di capitale GESTIONE • Accensione di proprio con apporto REDDITUALE • Acquisti di finanziamenti di denaro • Ricavi monetariimmobilizzazioni • Rimborso di • Costi monetari finanziamenti • Diminuzione di capitale con • Vendite di • Utilizzo di fondi rimborsoimmobilizzazioni rischi e oneri CAPITALE CIRCOLANTE NETTO
  • 7. LA GESTIONE REDDITUALEDeterminazione del flusso di Ccn prodotto dalla gestione reddituale Procedimento Rm - Cm analitico Ccn generato dalla gestione reddituale Procedimento Rn + Cnm - Rnm sintetico
  • 8. Conto Economico (a sezioni divise) COSTI RICAVIAcquisto materie Vendite prodottiDecrementi Proventi finanziaririmanenze IncrementiSalari e stipendi rimanenzeServizi PlusvalenzeAmmortamenti Costruzioni inOneri finanziari economia…… ……..
  • 9. Conto Economico finanziario COSTI RICAVICOSTI MONETARI RICAVI MONETARIAcquisti materie prime Vendite beni e serviziCosti per servizi Incrementi rimanenzeOneri finanziari Proventi variOneri straordinari Proventi finanziariOneri tributari Proventi straordinariCOSTI NON MONETARI RICAVI NON MONETARIAmmortamento PlusvalenzeQuote TFR Capitalizzazione costi (es. CostruzioniMinusvalenze interne)UTILE D’ESERCIZIO (PERDITA D’ESERCIZIO)
  • 10. I componenti di reddito monetariI componenti di reddito monetari sono rappresentati da costi e ricavi misurati davariazioni di liquidità o da variazioni nei debiti e nei crediti a breve Acquisto materie Salari e stipendi Consulenze, trasporti, leasing Interessi passivi Costi monetari Oneri sociali Imposte Vendita prodotti Prestazioni servizi Fitti attivi Interessi attivi Ricavi monetari
  • 11. Esempi di costi monetari Materie c/acquisti a Fornitori Interessi passivi a Banca c/c Oneri sociali a Banca c/c Si tratta di costi monetari perché hanno come contropartita una uscita di liquidità o un aumento di debiti a breve
  • 12. Esempi di ricavi monetari Clienti a Prodotti c/vendite Cassa a Fitti attivi Banca c/c a Interessi attivi Si tratta di ricavi monetari perché hanno come contropartita una entrata di liquidità o un aumento di crediti a breve
  • 13. Componenti di reddito non monetariI componenti di reddito non monetari sono i costi e i ricavi che non danno luogo a variazioni di liquidità o a variazioni nei debiti e nei crediti a breve Ammortamenti Tfr Costi non monetari Minusvalenze Lavori interni Costruzioni in economia Ricavi non monetari Plusvalenze
  • 14. Esempi di costi non monetari Ammortamento a Fondo Amm.to TFR a Debiti per TFR Nel primo caso non si ha movimentazione di valori finanziari; nel secondo caso sorge un debito non a breve ma a medio-lungo termine.
  • 15. Esempi di ricavi non monetari Immobili a Costr. in economia Macchinari a Plusvalenze In questi casi si movimentano esclusivamente valori economici
  • 16. IL RENDICONTO FINANZIARIOIl Rendiconto Finanziario è un prospetto che riporta le variazionifinanziarie originate dalla gestione dell’azienda.I modelli di Rendiconto Finanziario che risultano maggiormenteutilizzati nella realtà operativa sono: il rendiconto delle variazioni di capitale circolante netto; il rendiconto delle variazioni di liquidità.
  • 17. IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DI CCNRedazione del documento Per la predisposizione del Rendiconto finanziario del CCN è necessario disporre del bilancio di esercizio nelle sue tre parti: Stato patrimoniale, a stati comparati; Conto economico; Nota integrativa.
  • 18. IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DI CCN I flussi finanziari di capitale circolante netto possono costituire: fonti (flussi positivi): sono rappresentate, ad esempio, da vendite di immobilizzazioni, aumento di debiti di finanziamento a medio-lungo termine, ecc.; impieghi (flussi negativi): sono originati, ad esempio, da acquisti di immobilizzazioni, riduzioni di debiti per TFR, pagamento utili ai soci, ecc.
  • 19. IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DI CCN L’analisi dei flussi specifica: qual è l’origine delle fonti di finanziamento e qual’è l’entità dei mezzi finanziari raccolti; come i mezzi finanziari raccolti sono stati utilizzati; quali relazioni legano le fonti e gli impieghi.
  • 20. IL RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DI CCNMetodologia di analisi Le fasi operative del processo di formazione del rendiconto delle variazioni di Ccn sono le seguenti:1. determinazione della variazione globale di Ccn e delle variazioni intervenute nelle voci che lo compongono;2. riclassificazione in termini finanziari del conto economico, separando i costi e i ricavi monetari dai componenti di reddito non monetari;3. determinazione del flusso di Ccn prodotto dalla gestione reddituale con il procedimento analitico o con quello sintetico;4. individuazione delle variazioni finanziarie patrimoniali, connesse a movimenti di attività immobilizzate, di passività consolidate e di capitale proprio.
  • 21. RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DI CAPITALE CIRCOLANTE NETTO SEZIONE I – Dimostrazione delle fonti e degli impieghi Fonti Impieghi Gestione reddituale: Aumenti di immobilizzazioni:Utile esercizio acquisto di mobili e arredi acquisto brevetti+ costi non monetari- ricavi non monetari Diminuzioni di immobilizzazioni: Diminuzioni di passività consolidate:vendita macchinari rimborso mutui rimborso obbligazionivendita automezzi storno debiti TFR Aumenti di passività consolidate: Diminuzioni di capitale proprio:emissione prestito obbligazionario distribuzione dividendi Aumenti di capitale proprio:emissioni di azioni con sovrapprezzoTOTALE FONTI TOTALE IMPIEGHI Diminuzione di Ccn Aumento di CcnTot. a pareggio Tot. a pareggio
  • 22. RENDICONTO FINANZIARIO DELLE VARIAZIONI DI CAPITALECIRCOLANTE NETTO SEZIONE II – Variazioni negli elementi del CCN Variazioni positive Variazioni negativeAumenti di attività correnti Aumenti di passività correnti(es. +banca, cassa, magazzino) (es. + debiti v/fornitori, tributari, ratei passivi)Diminuzioni di passività correnti Diminuzioni di attività correnti(es. – debiti v/fornitori) (es. – cassa e banca, - crediti)Totale variazioni positive Totale variazioni negative Totale delle variazioni positive - Totale delle variazioni negative = Aumento/diminuzione CCN

×