Pre 100227 R (Lean And Agile)

671 views

Published on

Lean vs Agility - Roberto Crippa, CPIM seminario AD-net del 27 febbraio 2010

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
671
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
33
Actions
Shares
0
Downloads
26
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pre 100227 R (Lean And Agile)

  1. 1. LEAN vs. AGILE IN UNO SCENARIO AD ALTA INCERTEZZA conflitto o coesistenza ? TruEconomy Consulting Roberto Crippa, CPIM Bologna, 27.02.2010 TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts
  2. 2. struttura dell’intervento uno sguardo Delineare e condividere un possibile scenario al futuro delle Operations per i prossimi anni e le sue implicazioni per la gestione della Supply Chain Lean vs Agile: Verificare i presupposti di validità delle logiche conflitto o di Lean Manufacturing alla luce dello scenario coesistenza? delineato nuove esigenze, Individuare gli opportuni modelli di riferimento per la (ri)progettazione della supply chain in nuovi modelli contesti ad alta incertezza conclusioni alcuni punti-chiave (da non dimenticare!) 2 TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  3. 3. uno sguardo al futuro TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  4. 4. fuori dal tunnel ? Uscita dalla crisi (%) la mia Impresa il mio Settore nessuna crisi entro il 2009 entro il 2010 tra il 2011 ed il 2014 non ho idea mai 0 10 20 30 40 50 Fonte: adattato da: Economist Intelligence Unit, Manufacturing Confidence Report 2009, London / New York / Hong Kong, May 2009 [RES] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  5. 5. Italia: il downturn in cifre % utilizzo Capacità 2008-2009 Prodotti Alimentari Tessile, Abbigliamento Cuoio, Pelletteria Legno, Arredamento Carta, Editoria Raffinazione di Petrolio Chimica, Fibre Prodotti Metallici Macchine, App. Meccanici Elettronica, App. Elettrici Mezzi di Trasporto 50,0 60,0 70,0 80,0 2008 2009 Fonte: il Sole 24 Ore, 19 ottobre 2009 5 [RES] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  6. 6. un’Europa a diverse velocità variazioni% del PIL: 2009 Q4 vs 2009 Q3 +2,0 +1,5 +1,0 +0,5 +0,0 -0,5 -1,0 Fonte: la Repubblica, 14 febbraio 2010 6 [RES] © 2010 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  7. 7. i grandi timori Impatti immediati sulla resilienza (%) tracollo di Fornitori Aspettative sulle dinaniche di scenario (%) mancato accesso al capitale volatilità dei costi energetici/materie prime molto ottimistiche neutrali pessimistiche ottimistiche non ho idea molto pessimistiche protezionismo e barriere al commercio pressione sui prezzi leggi e regolamenti accesso al credito squilibri climatici dinamiche dei tassi di cambio interruzione di erogazione dell’energia stabilità dei Fornitori terrorismo/instabilità geopolitica costi dell’energia scarsità di acqua costi del trasporto costi/disponibilità delle materie prime 0 20 40 60 capacità di trattenere i dipendenti ad alto potenziale 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 Fonte: adattato da: Economist Intelligence Unit, Manufacturing Confidence Report 2009, London / New York / Hong Kong, May 2009 7 [RES] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  8. 8. due fenomeni sovrapposti MUTAMENTI STRUTTURALI NEL BUSINESS E NELLA GESTIONE DELLE OPERATIONS 8 [RES] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  9. 9. il “Buco Rosso” RESILIENZA MITIGAZIONE DEL RISCHIO ASSETTO GLOBALE DEL NETWORK DI SUPPLY CHAIN - dimensionamento globale - allocazione geografica - riassetto Make vs Buy CONTROLLO REVISIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVO-GESTIONALI - Global Sales & Operations Planning - Supply Chain Collaboration - Supply Chain Visibility strategia Domanda, Capacità tattica D C ? di velocità variazioni t 9 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  10. 10. Supply Chain future: una facile previsione PRESSIONE COME NON MAI ! globalizzazione e spostamento della Domanda volatilità dei costi riduzione della Customer Loyalty accresciute difficoltà di accesso al credito più alti livelli attesi di servizio (velocità, affidabilità, flessibilità) incremento del tasso di lancio di Nuovi Prodotti (combattere la banalizzazione dell’offerta e soddisfare bisogni segmentati) incremento di Joint Ventures, Fusioni ed Acquisizioni (copertura geografica, penetrazione di Mercato, allargamento Offerta) ESPLOSIONE DELLA COMPLESSITA’ (tutto dipende da tutto) 10 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  11. 11. cosa è un Sistema Complesso? UN SISTEMA COMPLESSO E’ UN SISTEMA LE CUI PROPRIETA’NON POSSONO ESSERE COMPLETAMENTE SPIEGATE DALLA COMPRENSIONE DELLE SUE COMPONENTI rilevanza delle relazioni non-linearità delle relazioni difficile prevedibilità dubbia rilevanza della storia La Ruota ad Acqua di Edward Lorenz (Amsterdam, Nemo Museum) [CPX] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  12. 12. Lean e Agile: conflitto o coesistenza ? TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  13. 13. un quesito doveroso! globalizzazione Just In Time frammentazione delle supply chain Lean Manufacturing ? volatilità nei prezzi Offshoring delle commodity incertezza, rischio ? complessità Strategic Network costo del lavoro nei (re) Design Paesi Emergenti Agilità attenzione alla Carbon Footprint Resilienza 13 TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  14. 14. Lean Manufacturing: i pilastri LEAN MANUFACTURING JUST IN TIME HEIJUNKA JIDOKA Pull production Takt-Time Production One Piece Flow Mixed-Model production volumi stabilizzati prossimità dei nodi manifatturieri flussi lineari 14 [OPM] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  15. 15. lean vs agile AGILITA’ E’ POTER GESTIRE DI FRONTE ALL’INCERTEZZA 15 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  16. 16. nuove esigenze, nuovi modelli TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  17. 17. il punto di partenza VALORE PER VALORE PER IL CLIENTE L’AZIENDA ESTESA Innovazione Scelta/Marca Vision VALUE Prezzo Mission PROPOSITION Servizio Strategie Relazione/Esperienza Market Operations Finance Facing Facing Facing CSR (*) Risk Facing Facing (*) Corporate Social Responsibility 17 [STR] © 2010 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  18. 18. ...nel DNA delle imprese plan source make deliver return return A T G T A C 18 [D4V] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  19. 19. definire le strategie di Supply Chain MARKET DRIVEN STRATEGIA DI SUPPLY CHAIN MARKET MARKET DRIVING DECOUPLING 19 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  20. 20. strategie di Supply Chain: la connotazione MARKET MARKET MARKET DRIVING DRIVEN DECOUPLING leader, follower, follower, POSIZIONE DI MKT oligopolista competitor aggressivo competitor aggressivo date promesse, risposta veloce, da magazzino, POLICY DI SERVIZIO gestione priorità On-Time In Full reattività concordata GESTIONE CAPACITA’ Lagging, Levelling Leading, Chasing Levelling, Chasing SCORTE … basse basse - medie medie - alte … concentrate su: materiali materiali, premontati materiali, P. Finito LEAD TIME medio - alto basso medio - alto FLESSIB. VOLUME bassa - media media media - alta FLESSIB. MIX bassa alta media efficienza, velocità di risposta, accuratezza previsiva, PAROLE CHIAVE saturazione capacità Lean Manufacturing Inventory Management 20 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  21. 21. Design For Value: schema di riferimento PRODOTTO PROCESSO SUPPLY CHAIN Product FISICO Manufacturing Structure Supply Chain Network Warehousing & Transportation Innovations LOGICO Management Product Organizational Master Data Structure Operations Management ABILITATORI BUSINESS PERFORMANCE METRICS SUPPORTING TOOLS CHANGE MANAGEMENT 21 [D4V] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  22. 22. D4V: il livello fisico PRODOTTI, MERCATI, GEOGRAFIA, SISTEMA PAESE, INFRASTRUTTURE tecnologie TECNOLOGIE prodotti PROVIDER E SERVIZI DI SUPPORTO prodotti mercati distributori tecnologie produttori mercati RETE DI AZIENDA ESTESA livelli di produttori fornitura distributori livelli di distribuzione 22 [D4V] © 2009-2010 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  23. 23. comprendere e mappare la domanda HI STABILITA’ DELLA DOMANDA Efficienza ME LO Efficacia LO ME HI LIVELLO DI SERVIZIO RICHIESTO 23 [OPM] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  24. 24. affrontare la variabilità della domanda HI LEAN AGILITA’ MANUFACTURING RESILIENZA pull push/pull push/pull postponement VARIABILITA`DI MIX postponement ridondanze mirate strategic network design OTTIMIZZAZIONE EFFICIENZA DEI PROFITTI push gestione capacità pull selettività mimimizzazione strategic network ridondanze design LO VARIABILITA`DI VOLUME HI 24 [OPM] © 2010 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  25. 25. push o pull? PULL Hi DELLA DOMANDA PULL 1 2 1 INCERTEZZA 4 2 4 3 3 Lo PUSH PUSH Lo ECONOMIE DI SCALA Hi PULL PUSH considerare inoltre: COMPLESSITA’ PRODOTTO, LEAD TIME, RELAZIONI DI FORNITURA [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  26. 26. conclusioni 26 TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  27. 27. due approcci complementari dinamiche ELIMINAZIONE SPRECHI GESTIONE INCERTEZZA MIGLIORAMENTO MIGLIORAMENTO INCREMENTALE DISCONTINUO DAL BASSO DALL’ ALTO AGILE THINKING LEAN THINKING incertezza variabilità t 27 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  28. 28. il cambiamento di ottica DETERMINISTICO PROBABILISTICO PLAN PLAN SND (*) (*) STRATEGIC NETWORK DESIGN ottimizzazione di ottimizzazione della parametri del network struttura del network ridurre l’incertezza gestire l’incertezza (CONTROLLO) (RESILIENZA) 28 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  29. 29. la resilienza di Supply Chain capacità di “assorbire” le conseguenze di cambiamenti significativi ed improvvisi, ristabilendo una condizione di soddisfacente equilibrio 10 6 8 5 4 6 3 4 2 2 1 0 9 0 9 7 1 7 1 2 2 3 5 3 5 4 4 5 3 5 3 6 6 7 7 8 1 8 1 9 9 10 10 BASSA RESILIENZA ALTA RESILIENZA 29 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  30. 30. “3-A” Supply Chain: i fondamenti AGILITA’ ADATTABILITA’ ALLINEAMENTO OBIETTIVI OBIETTIVI OBIETTIVI - Rispondere velocemente a - Adeguare la struttura della SC per - Generare iniziative per il cambiamenti nella Domanda/Offerta far fronte a cambiamenti strutturali miglioramento globale delle - Gestire al meglio i “punti di - Adeguare la SC a variazioni di performance discontinuità” strategie, prodotti e tecnologie METODI METODI METODI - Favorire i flussi informativi con - Monitorare le economie alla ricerca - Scambiare liberamente informazioni e fornitori e clienti di opportunità di acquisto/vendita conoscenza con fornitori e clienti - Sviluppare relazioni collaborative - Utilizzare Terze Parti per sviluppare - Definire e condividere chiare “regole coi fornitori nuove infrastrutture logistiche e del gioco” - Design for Postponement manifatturiere - Condividere equamente rischi, costi e - Gestire buffer di materiali critici - Monitorare i bisogni dei consumatori benefici delle iniziative di - Avere sistemi logistici/3PL affidabili finali miglioramento - Predisporre contingency plan e - Creare strutture di prodotto flessibili “Gruppi di Crisi” - Monitorare il posizionamento rispetto al ciclo di vita dei prodotti ed alle tecnologie in essi contenuti ABILITATORI ABILITATORI ABILITATORI - Strategic Network Design - Strategic Network Design - Global S&OP - Global S&OP - SC Visibility/Collaboration - SC Visibility/Collaboration - SC/Operations Intelligence - SC/Operations Intelligence - SC/Operations Intelligence - 3D Concurrent Engineering - 3D Concurrent Engineering Fonte: adattato da Hau Lee, The Triple A Supply Chain, Harvard Business Review, Oct 2004 30 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  31. 31. l’ “allineamento delle varietà” Gestione della varietà Innovazione offerta soddisfazione del Cliente Gestione delle varietà Performance prodotta della Operations Supply Chain Fonte: Crippa R, Larghi L, Pero M, Sianesi A, New Product Development and Supply Chain Aligment, Working Paper, 2008 31 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  32. 32. una visione integrata LA PROGETTAZIONE DELLA SUPPLY CHAIN E’ LA META-COMPETENZA “CORE” PER Prodotto UN’ORGANIZZAZIONE E’ LA COMPETENZA NEL SELEZIONARE TUTTE LE ALTRE COMPETENZE la progettazione della Supply Chain precede ed anticipa le sfide della Logistica e della Gestione dei Materiali Processo il Fronte nelle odierne arene competitive è la progettazione della Supply Chain. Deve essere parte del pensiero strategico delle Organizzazioni progettare e sviluppare la Supply Chain (…) strategicamente e contemporaneamente coi prodotti ed i processi Supply Chain non esiste competenza più critica di quella di una progettazione (infrastruttura eccellente della “catena delle competenze” di un’Organizzazione, & prestazioni) partendo dal consumatore finale e risalendo fino alle Fonti di materie prime e di nuove tecnologie Fonte: Fine CH, Clockspeed, MIT Press, 1998 32 [D4V] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  33. 33. Risk Management: un approccio strutturato 1 definizione del perimetro di riferimento 2 identificazione dei rischi da considerare (esogeni, endogeni) 3 selezione delle aree di intervento (quali rischi gestire?) 4 modellazione degli elementi di rischio (Strategic Network Design, System Dynamics) 5 selezione delle strategie generiche di Risk Mitigation (postponement, ridondanza, differenziazione, prevenzione…) 6 contestualizzazione delle strategie di Risk Mitigation 7 valutazione dei trade-off e decisioni Fonte: Crippa R, Larghi L, Gestione del Rischio di Supply Chain: moda o sostanza? , Quaderni di Management nr, 41, sep-oct 2009 33 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  34. 34. quali rischi gestire? + 4 3 impatto sul business ? ! IGNORARE ? GESTIONE GESTIONE “STRATEGICA” “STRATEGICA” ? DEL RISCHIO 1 2 GESTIONE IGNORARE “TATTICA” DEL RISCHIO - - probabilità di accadimento + 34 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  35. 35. un incrocio fondamentale STRATEGIE STRATEGIE CORPORATE DI SUPPLY CHAIN SEGMENTAZIONE DELLA SC 3D CONCURRENT ENGINEERING STRATEGIC NETWORK DESIGN GLOBAL S&OP STRATEGIE DI SUPPLY CHAIN VISIBILITY GESTIONE DEL ALLINEAMENTO (KPI CONDIVISI) RISCHIO 35 [STR] © 2009 TruEconomy TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx
  36. 36. rcrippa@trueconomy.com TruEconomy Consulting BV Headquarters Stationsstraat 2, 4001 CE –Tiel (The Netherlands) Phone: +31 (0)344 713000 - Fax: +31 (0)344 713025 www.trueconomy.com Italian Operations Strada Cavalli 42, 28835 - Feriolo di Baveno (VB) Tel: +39 0323 280811 - Fax: +39 0323 2808110 www.trueconomy.it 36 TruEconomy Consulting – The Supply Chain Experts PRE_100227R*.pptx

×