Energia fotovoltaica
20-20-20: i numeri del futuro <ul><li>La UE ha varato il nuovo  pacchetto energia , che prevede una riduzione, entro il 20...
LA DIRETTIVA 2002/91/CE   <ul><li>O B I E T T I V I </li></ul><ul><li>Abbattimento delle emissioni di CO 2 </li></ul><ul><...
Cosa ci tirerà fuori dalla dipendenza da petrolio <ul><li>Non illudiamoci : non ci sono soluzioni miracolose. A “salvare i...
Inondati di energia <ul><li>1 mq di suolo italiano riceve dal sole 1600 kWh/anno </li></ul><ul><li>È lo stesso contenuto e...
“ Numeri” importanti <ul><li>Mappa dei valori annuali mediati su 24h </li></ul>In Italia 200 W/m 2
“ Numeri” importanti <ul><li>Provincia di BELLUNO </li></ul>Centrale termoelettrica di Porto Tolle: 2640 MW Nella provinci...
“ Numeri” importanti <ul><li>Sembra una potenza enorme ! </li></ul><ul><li>Si deve però fare i conti con il territorio  </...
“ Numeri” importanti <ul><li>Provincia di BELLUNO </li></ul>
La conversione <ul><li>Conversione in energia termica </li></ul><ul><li>Collettori piani </li></ul><ul><li>Concentratori <...
Conversione fotovoltaica <ul><li>Principio </li></ul><ul><li>La luce trasporta energia (fotoni) </li></ul><ul><li>Alcuni m...
Albert Einstein   Un pò di storia Gerald Pearson, Daryl Chapin, e Calvin Fuller   Il principio fu meglio compreso nel 1905...
Un pò di storia La prima applicazione di celle solari è dovuta agli americani che nel marzo del 1958 alimentarono la trasm...
Il fotovoltaico oggi
UNA CELLA FOTOVOLTAICA
STRUTTURA DELLA CELLA CONTATTO POSTERIORE ZONA DI SVUOTAMENTO REGIONE N (Fosforo) REGIONE P (Boro) ANTIRIFLESSO CONTATTO A...
L’efficienza della cella Perdite ottiche Perdite elettriche
IL MODULO FOTOVOLTAICO <ul><li>Elemento base degli impianti fotovoltaici </li></ul><ul><li>Costituito da celle fotovoltaic...
Conversione fotovoltaica <ul><li>Moduli PV ( P hoto V oltaic) </li></ul>
Conversione fotovoltaica <ul><li>Esempio: Modulo da 180 Watt </li></ul>Peso  16.5 kg  Dimensioni (mm)  1581 x 809 x 48  Su...
INDUSTRIA DI PRODUZIONE DELLE CELLE Le industrie fotovoltaiche (produzione moduli MW/anno) Le nazioni (produzione moduli M...
Conversione fotovoltaica <ul><li>Costi chiavi in mano  (valori orientativi, IVA escl.) </li></ul>Circa 2.5 - 3.5 €/W Insta...
Conversione fotovoltaica <ul><li>Rendimento conversione </li></ul><ul><li>12 – 16 % </li></ul>
Conversione fotovoltaica <ul><li>Non confondere il rendimento della conversione dei sistemi a collettore con il fotovoltai...
Conversione fotovoltaica <ul><li>Rinnovabile senza emissioni gassose, particellari, acustiche </li></ul><ul><li>In simbios...
Conversione fotovoltaica <ul><li>produce energia lì dove c’è bisogno, evitando gli sprechi delle dispersioni  attraverso i...
Conversione fotovoltaica <ul><li>Orizzonte “alto” per la presenza delle montagne, minore periodo di pieno irraggiamento. <...
Conversione fotovoltaica <ul><li>Creare una mappatura della radiazione solare mediante rete di sensori (radiometri) allo s...
La vita dei pannelli <ul><li>Manutenzione: semplice pulizia annuale della superficie dei pannelli, autopulizia grazie a pi...
Tossicità <ul><li>Il silicio è l'elemento più abbondante sulla crosta terrestre dopo l'ossigeno. </li></ul><ul><li>Il mate...
Tossicità Il silicio non è tossico come elemento ed in tutte le sue forme naturali, silicone e silicati.
FV - La situazione italiana <ul><li>Il “vecchio” Conto Energia (DM 28/07/05 e 06/02/06) </li></ul><ul><ul><li>Gestione com...
Il meccanismo del  Conto Energia 2007
Il meccanismo del Conto Energia <ul><li>Scambio sul posto  (per impianti da 1 a 20 kW): il kWh prodotto tramite FV viene “...
Un “conto della serva” <ul><li>Ogni kW installato genera annualmente (valori del Nord Italia per impianto in regime di “sc...
Domande presentate con il Conto Energia
Vecchio CE - Distribuzione delle domande
Vecchio CE – Potenza installata <ul><li>A fronte di richieste per quasi 400 MW… </li></ul>
Nuovo CE – n° di richieste
Nuovo CE – potenza installata
CE 2007 – distribuzione delle richieste
Nuovo CE – impianti per fascia
CE – Potenza installata <ul><li>Se nel  2006  la potenza installata era stata pari a  9,4 MW , a settembre 2007 questa era...
FV installato in Italia <ul><li>L’andamento mensile di installazione in Italia registra installazioni di 42 e 51 Megawatt ...
Stime GSE per l'installazione <ul><li>Potenza di fotovoltaico installato in Italia: </li></ul><ul><li>2010 -  1850 MW (il ...
FV installato nel mondo - 2010 <ul><li>I costi ribassati, i forti interessi di investitori internazionali e il sostegno po...
FV - Il mercato mondiale
FV – Capacità produttiva
FV – prospettive 2011 <ul><li>Assestamento del mercato </li></ul><ul><li>Prevalenza del Si cristallino sul medio termine <...
Angolazione dei pannelli <ul><li>L’angolazione (tilt angle) è un fattore essenziale nell’utilizzo dei pannelli termici e f...
Angolazione  - pannello solare <ul><li>L’angolazione del pannello solare dipende dall’utilizzo prevalente: </li></ul><ul><...
Strutture – effetto del vento
Strutture – effetto del vento
FV - Strutture di sostegno Fisse A inseguimento A 1 asse di rotazione A 2 assi di rotazione Le strutture fisse sono le più...
Fotovoltaico – Tilt angle =
Produttività del Fotovoltaico <ul><li>Produttività annua di 1 kWp di pannelli fotovoltaici per le varie zone d’Italia </li...
Tipi di montaggi Posa su tetto piano Posa su falda Posa integrata
Utilizzo Stand-alone
Utilizzo grid-connected
Pannello FV Modalità di installazione
Caratteristica elettrica del pannello FV
Inverter – caratteristiche essenziali <ul><li>L’inverter è un componente essenziale di un sistema FV: </li></ul>
Inverter <ul><li>Per impianti  grid-connected  l’inverter ha la funzione di: </li></ul><ul><ul><li>Convertire CC in AC </l...
Caratteristiche dell’inverter <ul><li>Potenza nominale: potenza erogabile indefinitamente </li></ul><ul><li>Potenza massim...
Batterie di accumulo <ul><li>Le batterie sono necessarie al funzionamento stand-alone (p.e baite di montagna) </li></ul><u...
Batterie di accumulo
Schema unifilare di connessione
Raccomandazioni minime <ul><li>Dimensionare accuratamente i supporti </li></ul><ul><li>Inverter e batterie vanno riparate ...
Ma quanto dureranno? <ul><li>“ ...La particolarità dell’impianto FV di Lugano è la sua data di creazione. Risale infatti a...
<ul><li>“ ...La cosa stupefacente è che in quasi 30 anni si ha avuto un decadimento delle prestazioni davvero contenuto: s...
Dimensionamento <ul><li>Si suppone di dover dimensionare un impianto FV per una abitazione che consuma ca. 2800 kWh/anno. ...
Posiz. pannelli e inverter <ul><li>Come visto deve essere disponibile una falda di tetto non ombreggiata orientata ca. ver...
Disposizione pannelli
Scelta dei pannelli
Caratteristiche dei pannelli
Montaggio a tetto
Fissaggio dei moduli
Inverter
Dati inverter
Conto Energia <ul><li>La prima applicazione del Conto Energia è nata in Italia nel 2005 </li></ul><ul><li>Prevedeva che ch...
Conto Energia <ul><li>Il Conto Energia ha una durata di 20 anni </li></ul><ul><li>Il Conto Energia (CE) non è cumulabile c...
Il nuovo Conto Energia <ul><li>Il nuovo decreto sul Conto Energia verrà approvato a giorni (fine febbraio – inizio marzo) ...
Conto Energia - novità <ul><li>Il nuovo decreto sul Conto Energia differenzia le tariffe a seconda del tipo d’impianto: </...
Conto Energia –  tariffe 2007 Imp. B1) Imp. B2) Imp. B3) 1-3 kWp 0,40 €/kWh 0,44 €/kWh 0,49 €/kWh 3-20 kWp 0,38 €/kWh 0,42...
Tariffe decrescenti
Conto Energia 2007 - novità <ul><li>Premio tariffario per gli impianti che insistono su edifici che conseguano un migliora...
Conto Energia 2007 - novità <ul><li>Aumenti tariffari del 5% connessi a interventi di rimozione di coperture in amianto, q...
Scambio sul posto <ul><li>Sotto i 200 kWp la modalità di  scambio sul posto  (net metering) permette di: </li></ul><ul><ul...
Fotovoltaico “non integrato” <ul><li>1) Impianti fotovoltaici “non integrati” </li></ul><ul><li>Quando i moduli sono insta...
Fotovoltaico “non integrato”
FV “parzialmente integrato” <ul><li>Impianti fotovoltaici “parzialmente integrati” </li></ul><ul><li>Quando i moduli, non ...
FV “parzialmente integrato”
Fotovoltaico “integrato”
Fotovoltaico “integrato <ul><li>Pannelli inclinati su facciate piane </li></ul>
Il Terzo Conto Energia Il  DM 6/8/2010 , predisposto da MSE di concerto con Minambiente, è stato pubblicato sulla Gazzetta...
Il Terzo Conto Energia <ul><li>moduli installati su coperture con pendenza fino a 5°; </li></ul><ul><li>moduli installati ...
Il Terzo Conto Energia Impianto fotovoltaico integrato architettonicamente con caratteristiche innovative  è l’impianto ch...
Il Terzo Conto Energia Obiettivi e limiti di potenza incentivabile <ul><li>Il limite di potenza incentivabile con il Terzo...
Il Terzo Conto Energia Procedure per l’accesso alle tariffe incentivanti Le richieste di incentivazione devono essere invi...
Il Terzo Conto Energia <ul><li>Le tariffe incentivanti sono cumulabili con: </li></ul><ul><li>Contributi in conto capitale...
Il Terzo Conto Energia <ul><li>Contributi in conto capitale in misura non superiore al 30% per impianti fotovoltaici reali...
Il Terzo Conto Energia Gli incentivi non sono applicabili qualora, in relazione all’impianto fotovoltaico, siano state ric...
Le tariffe per gli impianti fotovoltaici Riduzione progressiva in quadrimestri rispetto alle tariffe 2010 Il Terzo Conto E...
Il Terzo Conto Energia Le tariffe per gli impianti fotovoltaici Le tariffe si applicano agli impianti fotovoltaici entrati...
Il Terzo Conto Energia Premio per impianti abbinati ad un uso efficiente dell’energia Analogamente a quanto previsto nel d...
Il Terzo Conto Energia Premi per specifiche tipologie e applicazioni di impianti Le tariffe sono incrementate del 20% per ...
Il Terzo Conto Energia Premi per specifiche tipologie e applicazioni di impianti <ul><li>Le tariffe sono incrementate: </l...
Il Terzo Conto Energia Le tariffe per gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative Per gli impianti ...
Il Terzo Conto Energia <ul><li>I moduli e i componenti dovranno avere le seguenti caratteristiche: </li></ul><ul><li>modul...
Il Terzo Conto Energia <ul><li>I  componenti dovranno essere installati secondo le seguenti modalità: </li></ul><ul><li>i ...
Il Terzo Conto Energia Le tariffe per gli impianti fotovoltaici a concentrazione Per gli impianti fotovoltaici a concentra...
Il Terzo Conto Energia Ai fini dell’applicazione delle disposizioni della legge finanziaria 2008, gli  impianti fotovoltai...
Il Terzo Conto Energia Le tariffe incentivanti previste per l’anno 2010 dal D.M. 19/02/2007 sono riconosciute a tutti i so...
Di colpo l'emendamento killer... <ul><li>&quot;nel caso di  raggiungimento anticipato dell'obiettivo specifico per il sola...
Impianti fotovoltaici nel mondo  Il più grande di domani
Il più grande integrato   Impianti fotovoltaici nel mondo  Il più grande impianto fotovoltaico architettonicamente integra...
Non solo in Germania, anche a Rovigo
Ieri e oggi   Impianti fotovoltaici nel mondo  <ul><li>Pergola solare   </li></ul><ul><li>(Barcellona, Spagna 2007)  </li>...
Impianti fotovoltaici nel mondo  Illuminazione pubblica
Impianti fotovoltaici nel mondo  Myeka ( Sud Africa )  Scuola  rurale con elettricità solare   Kordofan  (Sudan) Impianto ...
Un gruppo di ricercatori dell’Istituto Tecnologico del New Jersey, ha sviluppato una cella fotovoltaica economica e facile...
Uno sguardo al futuro William Yuan e le celle fotovoltaiche 3D William Yuan è un ragazzo di 12 anni di Beaverton, USA. Non...
Uno sguardo al futuro Celle fotovoltaiche con efficienza del 63% Un gruppo di ricercatori spagnoli guidati da Perla Wahnon...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

1 Fotovoltaico

1,372

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,372
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • L’efficienza La cella fotovoltaica è caratterizzata da un’ulteriore parametro, l’efficienza, che rappresenta in percentuale il rapporto tra la potenza massima che si ottiene dalla cella ( P max ) e la potenza della luce che incide sulla sua superficie frontale (P sol espressa in Watt al metro quadro per l’area della superficie esposta, ( A ) :    = P max / P sol A   L’efficienza di conversione per celle commerciali in silicio monocristallino è in genere compresa tra il 12,5% e il 16 % per il silicio policristallino tra l’11% e il 13% per il silicio amorfo tra il 6% e il 9%, ma sono stati realizzati dei prototipi in laboratorio che raggiungono valori molto più alti dell’efficienza. Non si riesce però una volta esposte le celle alla luce del sole a mantenere stabili i valori dell’efficienza sui livelli massimi. L’efficienza viene limitata da molti fattori quasi tutti legati alla difficoltà che trovano gli elettroni a separarsi sugli elettrodi; i principali sono:         energia dei fotoni non è sempre sufficiente a far saltare gli elettroni dalla banda di valenza alla banda di conduzione.         ricombinazioni tra elettroni e lacune         resistenza tra materiale semiconduttore e i contatti metallici         resistenza tra i diversi cristalli strettamente dipendente dalla struttura interna del materiale La temperatura è un elemento che ostacola il passaggio degli elettroni nel semiconduttore perché aumenta l’ampiezza e la frequenza di oscillazione degli atomi Per alcuni materiali l’efficienza è funzione della temperatura: per il silicio ad esempio, mentre la corrente di corto circuito resta invariata, la tensione di circuito aperto diminuisce al crescere della temperatura. di circa 2,3 mV/°C (A.Martì, 1997). Ciò comporta una diminuzione complessiva delle prestazioni della cella.
  • Transcript of "1 Fotovoltaico"

    1. 1. Energia fotovoltaica
    2. 2. 20-20-20: i numeri del futuro <ul><li>La UE ha varato il nuovo pacchetto energia , che prevede una riduzione, entro il 2020, almeno del 20% delle emissioni di gas serra, rispetto ai livelli del 1990, e una quota minima non inferiore al 20% di energie rinnovabili. </li></ul>
    3. 3. LA DIRETTIVA 2002/91/CE <ul><li>O B I E T T I V I </li></ul><ul><li>Abbattimento delle emissioni di CO 2 </li></ul><ul><li>Riduzione e razionalizzazione dei consumi nel settore residenziale e terziario </li></ul><ul><li>Rendimento energetico degli edifici (riscaldamento, raffreddamento, ventilazione, illuminazione ) </li></ul><ul><li>A M B I T I D I I N T E R V E N T O </li></ul><ul><li>Nuove costruzioni e ristrutturazioni importanti </li></ul><ul><li>Caratteristiche architettoniche </li></ul><ul><li>Involucro edilizio </li></ul><ul><li>Impianti termici ed elettrici </li></ul><ul><li>Fonti energetiche rinnovabili </li></ul><ul><li>S T R A T E G I E </li></ul><ul><li>Politiche ed azioni comunitarie </li></ul><ul><li>Norme e regolamenti nazionali </li></ul><ul><li>Campagne di informazione e sensibilizzazione </li></ul><ul><li>S T R U M E N T I </li></ul><ul><li>Metodologie di calcolo differenziate a livello nazionale e regionale </li></ul><ul><li>Certificazione energetica </li></ul><ul><li>Procedure di ispezione e manutenzione degli impianti termici </li></ul><ul><li>Formazione di esperti indipendenti </li></ul><ul><li>Incentivi </li></ul>
    4. 4. Cosa ci tirerà fuori dalla dipendenza da petrolio <ul><li>Non illudiamoci : non ci sono soluzioni miracolose. A “salvare il mondo” saranno: </li></ul><ul><li>Il risparmio energetico </li></ul><ul><li>La riduzione del tenore di vita </li></ul><ul><li>Le FONTI RINNOVABILI </li></ul>
    5. 5. Inondati di energia <ul><li>1 mq di suolo italiano riceve dal sole 1600 kWh/anno </li></ul><ul><li>È lo stesso contenuto energetico di un barile di petrolio </li></ul>
    6. 6. “ Numeri” importanti <ul><li>Mappa dei valori annuali mediati su 24h </li></ul>In Italia 200 W/m 2
    7. 7. “ Numeri” importanti <ul><li>Provincia di BELLUNO </li></ul>Centrale termoelettrica di Porto Tolle: 2640 MW Nella provincia di Belluno la potenza che arriva dal sole è 280 volte più grande di quella della centrale di Porto Tolle !
    8. 8. “ Numeri” importanti <ul><li>Sembra una potenza enorme ! </li></ul><ul><li>Si deve però fare i conti con il territorio </li></ul><ul><li>(i pannelli solari si mettono sugli edifici) </li></ul><ul><li>Rendimento della conversione fotovoltaica 10-14% circa </li></ul>
    9. 9. “ Numeri” importanti <ul><li>Provincia di BELLUNO </li></ul>
    10. 10. La conversione <ul><li>Conversione in energia termica </li></ul><ul><li>Collettori piani </li></ul><ul><li>Concentratori </li></ul><ul><li>Conversione in energia elettrica </li></ul><ul><li>Pannelli fotovoltaici </li></ul>
    11. 11. Conversione fotovoltaica <ul><li>Principio </li></ul><ul><li>La luce trasporta energia (fotoni) </li></ul><ul><li>Alcuni materiali se colpiti da fotoni liberano elettroni dando origine ad una corrente </li></ul>La singola cella (160 cm 2 ) in pieno sole (1000 W/mq) produce circa 2 Watt, se l’intensità della radiazione diventa 40% produce 0.8 Watt.
    12. 12. Albert Einstein Un pò di storia Gerald Pearson, Daryl Chapin, e Calvin Fuller Il principio fu meglio compreso nel 1905 da Einstein - che nel 1921 per questa scoperta fu premiato con il Premio Nobel per la fisica - e nel 1930 da Walter Schottky. I due scienziati posero le basi scientifiche per la realizzazione della prima cella solare. Nel 1954 Chapin, Pearson e Fuller, nei laboratori della Bell Telephone, svilupparono la prima cella basata su semiconduttori al silicio in grado di convertire il 6% dell'energia solare in energia elettrica.
    13. 13. Un pò di storia La prima applicazione di celle solari è dovuta agli americani che nel marzo del 1958 alimentarono la trasmittente del satellite artificiale Vanguard1 che ancora oggi è in orbita attorno alla terra
    14. 14. Il fotovoltaico oggi
    15. 15. UNA CELLA FOTOVOLTAICA
    16. 16. STRUTTURA DELLA CELLA CONTATTO POSTERIORE ZONA DI SVUOTAMENTO REGIONE N (Fosforo) REGIONE P (Boro) ANTIRIFLESSO CONTATTO ANTERIORE (GRIGLIA) CARICO + _ RADIAZIONE SOLARE + _ + _
    17. 17. L’efficienza della cella Perdite ottiche Perdite elettriche
    18. 18. IL MODULO FOTOVOLTAICO <ul><li>Elemento base degli impianti fotovoltaici </li></ul><ul><li>Costituito da celle fotovoltaiche collegate elettricamente e incapsulate </li></ul><ul><ul><li>Protezione meccanica e agli agenti atmosferici </li></ul></ul><ul><ul><li>Isolamento elettrico </li></ul></ul><ul><ul><li>Supporto strutturale </li></ul></ul><ul><li>Caratteristiche richieste </li></ul><ul><ul><li>Stabilità ai raggi ultravioletti </li></ul></ul><ul><ul><li>Tolleranza alle temperature </li></ul></ul><ul><ul><li>Capacità di smaltire il calore </li></ul></ul>
    19. 19. Conversione fotovoltaica <ul><li>Moduli PV ( P hoto V oltaic) </li></ul>
    20. 20. Conversione fotovoltaica <ul><li>Esempio: Modulo da 180 Watt </li></ul>Peso 16.5 kg Dimensioni (mm) 1581 x 809 x 48 Superficie ingombro (m 2 ) 1.3 N. Celle 6x12 = 72 Tensione picco (V) 36 Corrente picco (A) 5 N. moduli per 3 kW 17
    21. 21. INDUSTRIA DI PRODUZIONE DELLE CELLE Le industrie fotovoltaiche (produzione moduli MW/anno) Le nazioni (produzione moduli MW/anno)
    22. 22. Conversione fotovoltaica <ul><li>Costi chiavi in mano (valori orientativi, IVA escl.) </li></ul>Circa 2.5 - 3.5 €/W Installazione 2000-3000 € Potenza (W) Costo € 1980 8-9000,00 2970 12-14.000,00 3960 16-17.000,00 4950 27.000,00
    23. 23. Conversione fotovoltaica <ul><li>Rendimento conversione </li></ul><ul><li>12 – 16 % </li></ul>
    24. 24. Conversione fotovoltaica <ul><li>Non confondere il rendimento della conversione dei sistemi a collettore con il fotovoltaico. </li></ul><ul><li>La conversione termico-termico dà origine ad energia non immediatamente utilizzabile per fare lavoro (aspirapolvere, trapano, ecc.). </li></ul><ul><li>La conversione fotovoltaica dà origine ad una forma di energia pregiata (elettrica) utilizzabile immediatamente per fare lavoro (aspirapolvere, trapano, ecc.). </li></ul>
    25. 25. Conversione fotovoltaica <ul><li>Rinnovabile senza emissioni gassose, particellari, acustiche </li></ul><ul><li>In simbiosi con il territorio che vive della fotosintesi clorofilliana (processo attraverso cui, mediante la clorofilla, viene trasformata l'energia solare (luce) in una forma di energia utilizzabile dagli organismi vegetali per la propria sussistenza) . </li></ul><ul><li>L’impianto fotovoltaico può essere utilizzato senza spreco del territorio (sopra i tetti) o su pannelli con altre funzioni (ad es. barriere acustiche – pensiline frangisole). </li></ul>
    26. 26. Conversione fotovoltaica <ul><li>produce energia lì dove c’è bisogno, evitando gli sprechi delle dispersioni attraverso i cavi e il relativo imbruttimento del territorio. </li></ul><ul><li>Non produce nessun tipo di inquinamento durante il suo ciclo di vita e neanche per lo smaltimento dei suoi componenti (silicio, vetro, ferro, rame, plastica, alluminio). </li></ul><ul><li>Crea un indotto tecnologico-culturale esportabile. </li></ul>Vantaggi in montagna 2
    27. 27. Conversione fotovoltaica <ul><li>Orizzonte “alto” per la presenza delle montagne, minore periodo di pieno irraggiamento. </li></ul><ul><li>La neve può oscurare i pannelli. </li></ul><ul><li>Copertura del cielo a periodi molto intensa. </li></ul>Svantaggi in montagna
    28. 28. Conversione fotovoltaica <ul><li>Creare una mappatura della radiazione solare mediante rete di sensori (radiometri) allo scopo di avere una quantificazione precisa della radiazione solare. </li></ul><ul><li>Creare dei progetti pilota per valutare l’effettiva energia ottenibile. </li></ul>Auspicabile in montagna
    29. 29. La vita dei pannelli <ul><li>Manutenzione: semplice pulizia annuale della superficie dei pannelli, autopulizia grazie a pioggia e vento </li></ul><ul><li>Durata: 25 - 30 anni </li></ul>
    30. 30. Tossicità <ul><li>Il silicio è l'elemento più abbondante sulla crosta terrestre dopo l'ossigeno. </li></ul><ul><li>Il materiale da costruzione contiene composti di silicio in sabbia e cemento, un silicato di calcio. La produzione di vetro e porcellana è basata sulla sabbia. </li></ul><ul><li>Si trova in forma elementare nelle lenti degli occhiali. </li></ul>Il silicio è già ovunque!
    31. 31. Tossicità Il silicio non è tossico come elemento ed in tutte le sue forme naturali, silicone e silicati.
    32. 32. FV - La situazione italiana <ul><li>Il “vecchio” Conto Energia (DM 28/07/05 e 06/02/06) </li></ul><ul><ul><li>Gestione complessa e articolata </li></ul></ul><ul><ul><li>tariffa incentivata era concessa non a tutta l’energia generata dall’impianto, bensì solo alla quota prodotta e autoconsumata </li></ul></ul><ul><li>Il nuovo Conto Energia (DM 19/02/07) </li></ul><ul><ul><li>operativo dopo la pubblicazione della delibera dell’AEGG n. 90/07, che ha definito le condizioni e le modalità per l’erogazione delle tariffe incentivanti. </li></ul></ul>
    33. 33. Il meccanismo del Conto Energia 2007
    34. 34. Il meccanismo del Conto Energia <ul><li>Scambio sul posto (per impianti da 1 a 20 kW): il kWh prodotto tramite FV viene “detratto” dai consumi dell’utenza </li></ul><ul><li>Vendita in rete (per impianti superiori a 3 kW): il kWh prodotto tramite FV viene venduto </li></ul>
    35. 35. Un “conto della serva” <ul><li>Ogni kW installato genera annualmente (valori del Nord Italia per impianto in regime di “scambio sul posto”): </li></ul><ul><li>Ca. 500 € di tariffa incentivante </li></ul><ul><li>Ca. 200 € di risparmio sulla bolletta </li></ul><ul><li>Un impianto di piccole dimensioni si ripaga in 9-10 anni. </li></ul><ul><li>Il contratto CE dura 20 anni . </li></ul>
    36. 36. Domande presentate con il Conto Energia
    37. 37. Vecchio CE - Distribuzione delle domande
    38. 38. Vecchio CE – Potenza installata <ul><li>A fronte di richieste per quasi 400 MW… </li></ul>
    39. 39. Nuovo CE – n° di richieste
    40. 40. Nuovo CE – potenza installata
    41. 41. CE 2007 – distribuzione delle richieste
    42. 42. Nuovo CE – impianti per fascia
    43. 43. CE – Potenza installata <ul><li>Se nel 2006 la potenza installata era stata pari a 9,4 MW , a settembre 2007 questa era già arrivata a 50,9 MW , cioè si è assistito ad una crescita di oltre il 500% in un anno. </li></ul>
    44. 44. FV installato in Italia <ul><li>L’andamento mensile di installazione in Italia registra installazioni di 42 e 51 Megawatt per i mesi rispettivamente di novembre e dicembre 2009, per salire a 127, 117 e 167 Mwp per il primo trimestre del 2010. </li></ul><ul><li>Confrontando invece le annualità per quanto riguarda il nuovo installato si evidenzia decisamente un trend in forte crescita: dai 9 mw installati nel corso del 2006 si è passati ai 720 Mwp installati nel 2009. </li></ul>
    45. 45. Stime GSE per l'installazione <ul><li>Potenza di fotovoltaico installato in Italia: </li></ul><ul><li>2010 - 1850 MW (il conteggio verrà chiuso a febbraio) </li></ul><ul><li>2009 - 711 MW </li></ul><ul><li>2008 - 340 MW </li></ul><ul><li>2007 - 60 MW </li></ul><ul><li>Nelle condizioni climatiche italiane, la stima per la potenza installata nel 2010 equivale a circa 3 TWh l’anno, pari all’1% del fabbisogno energetico nazionale. In seguito all’approvazione della legge 129/2009, il GSE riporta di aver ricevuto domande per altri 55.000 impianti, pari a un’ulteriore potenza di 4.000 MW. </li></ul>
    46. 46. FV installato nel mondo - 2010 <ul><li>I costi ribassati, i forti interessi di investitori internazionali e il sostegno politico sono stati tutti elementi che certamente hanno contribuito a una crescita esponenziale della tecnologia solare. </li></ul><ul><li>A trainare il gruppo Germania e Italia, con rispettivamente 6.500 e 3.000 MW nuovi impianti installati. Belgio (250 MW), Francia (500 MW) e Spagna (400) seguono i due paesi leader mentre oltre i confini europei sono Giappone Giappone (1.000 MW), Stati Uniti (800 MW) e Cina (400MW) i paesi capofila per installazioni di impianti. </li></ul>
    47. 47. FV - Il mercato mondiale
    48. 48. FV – Capacità produttiva
    49. 49. FV – prospettive 2011 <ul><li>Assestamento del mercato </li></ul><ul><li>Prevalenza del Si cristallino sul medio termine </li></ul><ul><li>Aumento della quota di Si amorfo (in soluzioni “integrate architettoniche”) </li></ul><ul><li>Sostanziale stabilità dei prezzi dei moduli </li></ul><ul><li>Positiva “curva dell’esperienza” degli installatori italiani </li></ul><ul><li>L'INCERTEZZA POTREBBE UCCIDERE IL SETTORE </li></ul>
    50. 50. Angolazione dei pannelli <ul><li>L’angolazione (tilt angle) è un fattore essenziale nell’utilizzo dei pannelli termici e fotovoltaici </li></ul>
    51. 51. Angolazione - pannello solare <ul><li>L’angolazione del pannello solare dipende dall’utilizzo prevalente: </li></ul><ul><ul><li>Produzione estiva: 20-40° </li></ul></ul><ul><ul><li>Produzione invernale: 50-65° </li></ul></ul><ul><ul><li>Produzione annuale: 40-60° </li></ul></ul>
    52. 52. Strutture – effetto del vento
    53. 53. Strutture – effetto del vento
    54. 54. FV - Strutture di sostegno Fisse A inseguimento A 1 asse di rotazione A 2 assi di rotazione Le strutture fisse sono le più adatte all’utilizzo “domestico” su piccola e piccolissima scala
    55. 55. Fotovoltaico – Tilt angle =
    56. 56. Produttività del Fotovoltaico <ul><li>Produttività annua di 1 kWp di pannelli fotovoltaici per le varie zone d’Italia </li></ul>1200 kWh/anno 1300 kWh/anno 1400 kWh/anno 1500 kWh/anno
    57. 57. Tipi di montaggi Posa su tetto piano Posa su falda Posa integrata
    58. 58. Utilizzo Stand-alone
    59. 59. Utilizzo grid-connected
    60. 60. Pannello FV Modalità di installazione
    61. 61. Caratteristica elettrica del pannello FV
    62. 62. Inverter – caratteristiche essenziali <ul><li>L’inverter è un componente essenziale di un sistema FV: </li></ul>
    63. 63. Inverter <ul><li>Per impianti grid-connected l’inverter ha la funzione di: </li></ul><ul><ul><li>Convertire CC in AC </li></ul></ul><ul><ul><li>Mantenere il sincronismo con la rete (50 Hz) </li></ul></ul><ul><ul><li>Garantire la protezione di interfaccia con la rete (sgancio dei pannelli in caso di default della rete) </li></ul></ul><ul><ul><li>Garantire la compatibilità elettromagnetica </li></ul></ul><ul><ul><li>Funzione di MPPT (massimizzazione della potenza erogata) </li></ul></ul>
    64. 64. Caratteristiche dell’inverter <ul><li>Potenza nominale: potenza erogabile indefinitamente </li></ul><ul><li>Potenza massima: potenza erogabile per un breve periodo (110% dell P nom.) </li></ul><ul><li>Efficienza: rapporto tra potenza AC in uscita e potenza CC in ingresso (raggiunge il 95%) </li></ul>
    65. 65. Batterie di accumulo <ul><li>Le batterie sono necessarie al funzionamento stand-alone (p.e baite di montagna) </li></ul><ul><li>Solitamente sono al piombo (tipo quelle per autotrazione) o al Ni-Cd </li></ul><ul><li>Sono soggette a periodico ricambio (in funzione del numero di cicli carica- scarica e della profondità di scarica “depth of discharge”) </li></ul><ul><li>Vanno dimensionate caso per caso sulle reali esigenze dell’utenze </li></ul>
    66. 66. Batterie di accumulo
    67. 67. Schema unifilare di connessione
    68. 68. Raccomandazioni minime <ul><li>Dimensionare accuratamente i supporti </li></ul><ul><li>Inverter e batterie vanno riparate dagli agenti atmosferici e dalle basse temperature </li></ul><ul><li>In caso di utilizzo stand-alone l’uso del fotovoltaico deve essere accompagnato a un minimo di interventi di risparmio energetico (p.e. lampadine a basso consumo al posto di quelle ad incandescenza) </li></ul>
    69. 69. Ma quanto dureranno? <ul><li>“ ...La particolarità dell’impianto FV di Lugano è la sua data di creazione. Risale infatti al 1982 e per questo detiene il record di primo impianto connesso alla rete installato in tutta Europa. La seconda particolarità, che poi è la più importante, è che per scelta l’ISAAC non ha mai apportato modifiche all’impianto nel corso di questi anni proprio per poter verificare l’effettivo deterioramento dei moduli fotovoltaici sia dal punto di vista della performance, sia da quello della resistenza meccanica alle intemperie.” </li></ul>
    70. 70. <ul><li>“ ...La cosa stupefacente è che in quasi 30 anni si ha avuto un decadimento delle prestazioni davvero contenuto: solo l'11% del valore della potenza dei moduli installati che compongono questo impianto da 10 kW di picco.” </li></ul><ul><li>La stazione italiana ENEA Di Casaccia (Roma) che installò il suo impianto nel 1981 ha misurato su 30 anni dati similari. </li></ul>
    71. 71. Dimensionamento <ul><li>Si suppone di dover dimensionare un impianto FV per una abitazione che consuma ca. 2800 kWh/anno. </li></ul>
    72. 72. Posiz. pannelli e inverter <ul><li>Come visto deve essere disponibile una falda di tetto non ombreggiata orientata ca. verso sud </li></ul>
    73. 73. Disposizione pannelli
    74. 74. Scelta dei pannelli
    75. 75. Caratteristiche dei pannelli
    76. 76. Montaggio a tetto
    77. 77. Fissaggio dei moduli
    78. 78. Inverter
    79. 79. Dati inverter
    80. 80. Conto Energia <ul><li>La prima applicazione del Conto Energia è nata in Italia nel 2005 </li></ul><ul><li>Prevedeva che chi volesse accedere al finanziamento dovesse fare un’apposita domanda al GTRN, fino ad esaurimento dei fondi stanziati </li></ul><ul><li>“ Manovre” poco chiare hanno provocato lo scarso successo del provvedimento </li></ul>
    81. 81. Conto Energia <ul><li>Il Conto Energia ha una durata di 20 anni </li></ul><ul><li>Il Conto Energia (CE) non è cumulabile con finanziamenti in conto capitali superiori al 20% </li></ul><ul><li>Il Conto Energia è ALTERNATIVO ai cosiddetti “certificati verdi” </li></ul>
    82. 82. Il nuovo Conto Energia <ul><li>Il nuovo decreto sul Conto Energia verrà approvato a giorni (fine febbraio – inizio marzo) </li></ul><ul><li>La modalità di accesso è molto più trasparente: prima costruisco l’impianto , poi ottengo l’allacciamento alla rete e l’accesso al finanziamento </li></ul>
    83. 83. Conto Energia - novità <ul><li>Il nuovo decreto sul Conto Energia differenzia le tariffe a seconda del tipo d’impianto: </li></ul><ul><ul><li>B1) impianto FV non integrato (posizionato diversamente da quanto indicato negli all. 2 e 3) </li></ul></ul><ul><ul><li>B2) impianto FV parzialmente integrato (posizionato come indicato in all.2) </li></ul></ul><ul><ul><li>B3) impianto FV con integrazione architettonica (posizionato come indicato in all.3) </li></ul></ul>
    84. 84. Conto Energia – tariffe 2007 Imp. B1) Imp. B2) Imp. B3) 1-3 kWp 0,40 €/kWh 0,44 €/kWh 0,49 €/kWh 3-20 kWp 0,38 €/kWh 0,42 €/kWh 0,46 €/kWh >20 kWp 0,36 €/kWh 0,38 €/kWh 0,44 €/kWh
    85. 85. Tariffe decrescenti
    86. 86. Conto Energia 2007 - novità <ul><li>Premio tariffario per gli impianti che insistono su edifici che conseguano un miglioramento di almeno il 10% dell’indice di prestazione energetica (attestato da apposita certificazione energetica) </li></ul><ul><li>Il premio è un aumento tariffario pari a metà del miglioramento conseguito </li></ul>
    87. 87. Conto Energia 2007 - novità <ul><li>Aumenti tariffari del 5% connessi a interventi di rimozione di coperture in amianto, quando i soggetti responsabili sono i Comuni, per applicazioni su scuole pubbliche. </li></ul>
    88. 88. Scambio sul posto <ul><li>Sotto i 200 kWp la modalità di scambio sul posto (net metering) permette di: </li></ul><ul><ul><li>Ottenere la tariffa incentivante </li></ul></ul><ul><ul><li>Non pagare l’energia consumata sul posto </li></ul></ul><ul><ul><li>Il dimensionamento più conveniente si ha quando la produzione annua dell’impianto FV è ca. pari al consumo annuo dell’utenza </li></ul></ul>
    89. 89. Fotovoltaico “non integrato” <ul><li>1) Impianti fotovoltaici “non integrati” </li></ul><ul><li>Quando i moduli sono installati: </li></ul><ul><li>• a terra </li></ul><ul><li>• in modo non complanare alle superfici su cui sono fissati, sia che si tratti di elementi di arredo urbano e viario, che di tetti (solo nel caso di tetti a falda) o facciate di edifici. </li></ul>
    90. 90. Fotovoltaico “non integrato”
    91. 91. FV “parzialmente integrato” <ul><li>Impianti fotovoltaici “parzialmente integrati” </li></ul><ul><li>Quando i moduli, non sostituendo i materiali che costituiscono le superfici di appoggio, sono installati: </li></ul><ul><li>• su tetti piani e terrazze di edifici e fabbricati (1) </li></ul><ul><li>• in modo complanare </li></ul><ul><li>– alle superfici degli edifici su cui sono fissati ( tetti a falda , coperture, </li></ul><ul><li>facciate, balaustre, parapetti) </li></ul><ul><li>– agli elementi di arredo urbano e viario </li></ul>
    92. 92. FV “parzialmente integrato”
    93. 93. Fotovoltaico “integrato”
    94. 94. Fotovoltaico “integrato <ul><li>Pannelli inclinati su facciate piane </li></ul>
    95. 95. Il Terzo Conto Energia Il DM 6/8/2010 , predisposto da MSE di concerto con Minambiente, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24/8/2010. Il Decreto reca nuovi criteri per l’incentivazione della produzione di energia elettrica dalla fonte solare mediante conversione fotovoltaica, fornendo continuità al meccanismo già avviato con i decreti ministeriali del 19/2/2007, 28/7/2005 e 6/2/2006, con cui era stata data prima attuazione all’art. 7 del Dlgs. 387/2003. Il Decreto si applica agli impianti fotovoltaici che entrano in esercizio in data successiva al 31/12/2010 , con eccezione degli impianti fotovoltaici a concentrazione (in precedenza non incentivabili) per i quali le tariffe incentivanti previste possono essere applicate dalla data di entrata in vigore del provvedimento (25/8/2010). A decorrere da questa data, inoltre, il Decreto ha previsto nuove modalità per l’accesso al premio riconosciuto a impianti fotovoltaici abbinati a un uso efficiente dell’energia. Finalità e ambito di applicazione del provvedimento
    96. 96. Il Terzo Conto Energia <ul><li>moduli installati su coperture con pendenza fino a 5°; </li></ul><ul><li>moduli installati complanarmente ai tetti a falda, con o senza sostituzione del materiale di rivestimento della copertura; </li></ul><ul><li>moduli installati su tetti aventi caratteristiche diverse dalle precedenti in modo complanare al piano tangente, con una tolleranza di 10°; </li></ul><ul><li>moduli installati in qualità di frangisole, collegati a superfici trasparenti. </li></ul>Riguardo le tipologie di impianti fotovoltaici, si opera una parziale modifica rispetto a quanto previsto dal D.M. 19/02/2007, definendo due sole tipologie di intervento: impianti realizzati su edifici seguendo particolari criteri di posizionamento contenuti e descritti nell’allegato 2 al Decreto: Definizioni altri impianti fotovoltaici (tutti le altre possibili soluzioni compresi gli impianti a terra).
    97. 97. Il Terzo Conto Energia Impianto fotovoltaico integrato architettonicamente con caratteristiche innovative è l’impianto che utilizza moduli e componenti speciali, sviluppati specificatamente per sostituire elementi architettonici. Definizioni Impianto fotovoltaico a concentrazione è l’impianto che utilizza moduli in cui la luce solare è concentrata, tramite sistemi ottici, su celle fotovoltaiche. Impianto fotovoltaico con innovazione tecnologica è l’impianto che utilizza moduli e componenti caratterizzati da significative innovazioni tecnologiche ( con un successivo provvedimento, Mse di concerto con Minambiente, definirà le caratteristiche, i requisiti tecnici e le tariffe degli impianti con innovazione tecnologica).
    98. 98. Il Terzo Conto Energia Obiettivi e limiti di potenza incentivabile <ul><li>Il limite di potenza incentivabile con il Terzo Conto Energia è pari a: </li></ul><ul><li>3000 MW per gli impianti fotovoltaici; </li></ul><ul><li>300 MW per gli impianti fotovoltaici integrati architettonicamente con caratteristiche innovative; </li></ul><ul><li>200 MW per gli impianti fotovoltaici a concentrazione. </li></ul>L’obiettivo nazionale di potenza nominale fotovoltaica cumulata da installare è stabilito in 8000 MW entro il 2020. In caso di esaurimento della disponibilità di potenza incentivabile è previsto – come con il Conto Energia attualmente in vigore - un periodo di moratoria di 14 mesi (24 mesi per i soggetti pubblici) dalla data di raggiungimento di tale limite, comunicata dal GSE sul proprio sito internet.
    99. 99. Il Terzo Conto Energia Procedure per l’accesso alle tariffe incentivanti Le richieste di incentivazione devono essere inviate entro 90 giorni (attualmente 60) dalla data di entrata in esercizio degli impianti . Il mancato rispetto dei termini comporta la non ammissibilità all’incentivo per il periodo intercorrente tra la data di entrata in esercizio e la data di invio della domanda al GSE. Il GSE, verificato che la documentazione rispetta le disposizioni del Decreto, assicura l’erogazione dell’incentivo entro 120 giorni dalla data di ricevimento della domanda , al netto dei tempi imputabili al soggetto responsabile. Allo scopo di ridurre i tempi per il riconoscimento degli incentivi, l’invio della documentazione avverrà esclusivamente per via telematica . Il GSE ha già sviluppato una piattaforma informatica per l’invio delle richieste di incentivazione (dematerializzazione). Dopo una fase sperimentale di prova, prevista dalla delibera AEEG 173/09, che si protrarrà fino a ottobre 2010, sarà consentito a tutti comunicare con il GSE attraverso il portale informatico e la PEC. Un unico documento, la dichiarazione di accettazione della convenzione, dovrà ancora essere inviato in forma cartacea
    100. 100. Il Terzo Conto Energia <ul><li>Le tariffe incentivanti sono cumulabili con: </li></ul><ul><li>Contributi in conto capitale in misura non superiore al 30% per impianti di potenza fino a 3 kW realizzati su edifici; </li></ul><ul><li>Contributi in conto capitale in misura non superiore al 60%: </li></ul><ul><li>Contributi in conto capitale in misura non superiore al 30% in caso di impianti su edifici pubblici diversi da quelli indicati alle lettere a) e b) ovvero su edifici di proprietà di organizzazioni non lucrative di utilità sociale che provvedono alla prestazione di servizi sociali affidati da enti locali e il cui soggetto responsabile sia l’ente pubblico o l’organizzazione non lucrativa di utilità sociale. </li></ul>Condizioni di cumulabilità degli incentivi <ul><li>per impianti realizzati su scuole pubbliche o paritarie il cui soggetto responsabile è la scuola o il proprietario dell’edificio; </li></ul><ul><li>per impianti realizzati su strutture sanitarie pubbliche; </li></ul><ul><li>per impianti realizzati su sedi amministrative di proprietà di enti locali o di regioni e province autonome. </li></ul>
    101. 101. Il Terzo Conto Energia <ul><li>Contributi in conto capitale in misura non superiore al 30% per impianti fotovoltaici realizzati su aree oggetto di bonifica, ubicate all’interno di siti contaminati (art. 240, dlgs. 03/04/2006, n. 152 e s.m.i.), purché il soggetto responsabile dell’impianto assuma la diretta responsabilità delle preventive operazioni di bonifica (non cumulabile con il premio di cui all’art. 10, comma1, lettera a) </li></ul><ul><li>Contributi in conto capitale in misura non superiore al 30% per impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative </li></ul><ul><li>Contributi in conto capitale in misura non superiore al 30% per impianti fotovoltaici a concentrazione </li></ul><ul><li>Finanziamenti a tasso agevolato erogati in attuazione dell’articolo 1, comma 1111, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (legge finanziaria 2007). </li></ul><ul><li>Benefici conseguenti all’accesso a fondi di garanzia e di rotazione istituiti da enti locali o regioni e province autonome. </li></ul>Condizioni di cumulabilità degli incentivi
    102. 102. Il Terzo Conto Energia Gli incentivi non sono applicabili qualora, in relazione all’impianto fotovoltaico, siano state riconosciute o concesse detrazioni fiscali. Agli impianti fotovoltaici per la cui realizzazioni siano stati concessi incentivi pubblici di natura nazionale, locale, regionale o comunitaria in conto capitale o conto interessi si applicano le condizioni di cumulabilità previste dal decreto ministeriale del 19/02/2007 , purché i bandi siano stati pubblicati prima della entrata in vigore del Decreto e gli impianti entrino in esercizio entro il 31/12/2011 : Condizioni di cumulabilità degli incentivi <ul><li>Fino al 20% di incentivi in conto capitale o in conto interessi di natura locale, regionale, nazionale e comunitaria. </li></ul><ul><li>Di qualunque entità, purché non di natura nazionale, se il soggetto responsabile dell’impianto è una scuola pubblica o paritaria o una struttura sanitaria pubblica. </li></ul>
    103. 103. Le tariffe per gli impianti fotovoltaici Riduzione progressiva in quadrimestri rispetto alle tariffe 2010 Il Terzo Conto Energia   A) B) C) Impianti entrati in esercizio in data successiva al 31 dicembre 2010 ed entro il 30 aprile 2011 Impianti entrati in esercizio in data successiva al 30 aprile 2011 ed entro il 31 agosto 2011 Impianti entrati in esercizio in data successiva al 31 agosto 2011 ed entro il 31 dicembre 2011 Intervallo di potenza Impianti su edifici Altri impianti fotovoltaici Impianti su edifici Altri impianti fotovoltaici Impianti su edifici Altri impianti fotovoltaici   [kW] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] 1≤P≤3 0,402 0,362 0,391 0,347 0,380 0,333 3<P≤20 0,377 0,339 0,360 0,322 0,342 0,304 20<P≤200 0,358 0,321 0,341 0,309 0,323 0,285 200<P≤1000 0,355 0,314 0,335 0,303 0,314 0,266 1000<P ≤5000 0,351 0,313 0,327 0,289 0,302 0,264 P>5000 0,333 0,297 0,311 0,275 0,287 0,251
    104. 104. Il Terzo Conto Energia Le tariffe per gli impianti fotovoltaici Le tariffe si applicano agli impianti fotovoltaici entrati in esercizio dopo il 31/12/2010 ed entro il 31/12/2011. La riduzione percentuale media delle tariffe nel terzo quadrimestre del 2011 rispetto a quelle del 2010 è compresa fra il 10% e il 17% per impianti di potenza inferiore a 200 kW. Per impianti di potenza superiore a 200 kW è compresa fra il 20% e il 27%. La riduzione media risulta inferiore alla riduzione media del costo dei moduli fotovoltaici negli ultimi anni . Sommando all’incentivo il valore dell’energia, per il quale non si prevedono riduzioni, la riduzione complessiva sarà compresa fra l’8% e il 10% per gli impianti piccoli e fra il 14% e il 20% per impianti più grandi. Per gli impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio nel 2012 e nel 2013, le tariffe saranno decurtate del 6% annuo; negli anni successivi nuovo DM.
    105. 105. Il Terzo Conto Energia Premio per impianti abbinati ad un uso efficiente dell’energia Analogamente a quanto previsto nel decreto del 19/02/2007, il premio per l’efficienza energetica è riconosciuto a: <ul><li>edifici oggetto di opere di miglioramento delle prestazioni energetiche: la maggiorazione percentuale è pari alla metà della percentuale di riduzione del fabbisogno di energia conseguito con un limite massimo del 30%; </li></ul><ul><li>edifici di nuova costruzione: la maggiorazione percentuale è pari al 30%. </li></ul>Sono ammessi al premio i soli impianti ubicati sugli edifici e operanti in regime di scambio sul posto. Rispetto al DM 19/02/2007, cambiano gli indici rispetto ai quali calcolare il miglioramento della prestazione energetica: <ul><li>per edifici oggetto di opere di miglioramento delle prestazioni energetiche: indici di prestazione estiva e invernale dell’involucro edilizio; </li></ul><ul><li>per edifici di nuova costruzione: confronto con gli indici di raffrescamento estivo e climatizzazione invernale del DPR 59/09. </li></ul>Saranno ammessi solo gli interventi sull’involucro edilizio, mentre saranno esclusi tutti gli interventi sugli impianti tecnologici (pompe di calore, solare termico, ecc.).
    106. 106. Il Terzo Conto Energia Premi per specifiche tipologie e applicazioni di impianti Le tariffe sono incrementate del 20% per i sistemi con profilo di scambio con la rete elettrica prevedibile . Sistema con profilo di scambio prevedibile è il sistema: a) costituito da uno o più impianti fotovoltaici gestiti dal soggetto responsabile unitariamente con un aggregato di punti di immissione, punti di prelievo e di eventuali sistemi di accumulo dell’energia, trattati su base oraria e sottesi ad un’unica cabina primaria b) realizzato con uno o più impianti fotovoltaici di potenza nominale complessiva superiore a 200 kW e inferiore a 10 MW. Tale potenza nominale deve essere almeno pari alla somma delle potenze nominali degli eventuali impianti di produzione diversi dagli impianti fotovoltaici, nonché alla somma delle potenze disponibili dei punti di prelievo; c) che ha un profilo di scambio con la rete elettrica che rispetta un programma orario tra le 08:00 e le 20:00, comunicato il giorno prima dal soggetto responsabile al GSE con un margine di errore del 10% in ciascun giorno; d) con profilo di scambio comunicato rispettato per almeno 300 giorni all’anno. A valle della prevista Delibera AEEG, il GSE predisporrà un’apposita procedura contenente tutte le indicazioni circa la documentazione da inviare per la qualifica del sistema con profilo di scambio prevedibile e per la comunicazione dei programmi di scambio.
    107. 107. Il Terzo Conto Energia Premi per specifiche tipologie e applicazioni di impianti <ul><li>Le tariffe sono incrementate: </li></ul><ul><li>del 5% per gli impianti fotovoltaici non ricadenti nella tipologia “su edifici”, ubicati in zone classificate come industriali, commerciali, cave o discariche esaurite, aree di pertinenza di discariche esaurite o di siti contaminati (art. 240, dlgs. 03/04/2006, n. 152); </li></ul><ul><li>del 5% per gli impianti classificati nella tipologia “su edifici”, operanti in regime di scambio sul posto, realizzati da comuni con popolazione inferiore a 5000 abitanti; </li></ul><ul><li>del 10 % per gli impianti classificati “su edifici” installati in sostituzione di coperture in eternit; </li></ul><ul><li>gli impianti i cui moduli costituiscono elementi costruttivi di pensiline, pergole, tettoie, serre e barriere acustiche hanno diritto a una tariffa pari alla media aritmetica fra la tariffa spettante ad impianti realizzati “su edifici” e quella spettante a “altri impianti”. </li></ul>I premi per specifiche tipologie e applicazioni di impianti, ivi incluso il premio per impianti abbinati a un uso efficiente dell’energia, non sono tra loro cumulabili.
    108. 108. Il Terzo Conto Energia Le tariffe per gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative Per gli impianti integrati con caratteristiche innovative è stato previsto un limite di potenza nominale incentivabile per singolo impianto pari a 5 MW. Per gli impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio nel 2012 e nel 2013, le tariffe saranno decurtate del 2% annuo; negli anni successivi nuovo DM. Intervallo di potenza Tariffa corrispondente [kW] [€/kWh] 1≤P≤20 0,44 20<P≤200 0,40 200<P≤5000 0,37
    109. 109. Il Terzo Conto Energia <ul><li>I moduli e i componenti dovranno avere le seguenti caratteristiche: </li></ul><ul><li>moduli e componenti speciali, sviluppati specificatamente per integrarsi e sostituire elementi architettonici di edifici quali coperture degli edifici, superfici opache verticali, superfici trasparenti o semitrasparenti sulle coperture, superfici apribili e assimilabili quali porte, finestre e vetrine anche se non apribili comprensive degli infissi. </li></ul><ul><li>moduli e componenti che introducano significative innovazioni di carattere tecnologico; </li></ul><ul><li>moduli progettati e realizzati industrialmente per svolgere, oltre alla produzione di energia elettrica, funzioni architettoniche fondamentali quali: </li></ul>a. protezione o regolazione termica dell’edificio . Il componente deve garantire il mantenimento dei livelli di fabbisogno energetico dell’edificio ed essere caratterizzato da trasmittanza termica comparabile con quella del componente architettonico sostituito; b. moduli progettati per garantire tenuta all’acqua e conseguente impermeabilizzazione della struttura edilizia sottesa; c. moduli progettati per garantire tenuta meccanica comparabile con l’elemento edilizio sostituito. Caratteristiche costruttive degli impianti integrati con caratteristiche innovative
    110. 110. Il Terzo Conto Energia <ul><li>I componenti dovranno essere installati secondo le seguenti modalità: </li></ul><ul><li>i moduli devono sostituire componenti architettonici degli edifici. </li></ul><ul><li>I moduli devono comunque svolgere una funzione di rivestimento di parti dell’edificio, altrimenti svolta da componenti edilizi non finalizzati alla produzione di energia elettrica. </li></ul><ul><li>3. Da un punto di vista estetico, il sistema fotovoltaico deve comunque inserirsi armoniosamente nel disegno architettonico dell’edificio. </li></ul>Il GSE predisporrà una guida sugli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative, contenente schede di dettaglio che indicheranno, in riferimento alle singole applicazioni, le modalità con cui sono rispettate le prescrizioni del decreto. Modalità d’installazione degli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative Gli impianti di cui sopra hanno diritto al premio per impianti abbinati ad un uso efficiente dell’energia.
    111. 111. Il Terzo Conto Energia Le tariffe per gli impianti fotovoltaici a concentrazione Per gli impianti fotovoltaici a concentrazione è stato previsto un limite di potenza nominale incentivabile per singolo impianto pari a 5 MW. Possono beneficiare delle tariffe incentivanti le persone giuridiche e i soggetti pubblici. Sono escluse le persone fisiche e i condomini. Per gli impianti fotovoltaici che entreranno in esercizio nel 2012 e nel 2013, le tariffe saranno decurtate del 2% annuo; negli anni successivi nuovo DM. Intervallo di potenza Tariffa corrispondente [kW] [€/kWh] 1≤P≤200 0,37 200<P≤1000 0,32 200<P≤5000 0,28
    112. 112. Il Terzo Conto Energia Ai fini dell’applicazione delle disposizioni della legge finanziaria 2008, gli impianti fotovoltaici i cui soggetti responsabili sono enti locali, ovvero regioni, rientrano nella tipologia degli impianti “su edificio” indipendentemente dalle effettive caratteristiche costruttive dell’impianto. Tale disposizione si applica agli impianti operanti in regime di scambio sul posto e a tutti gli impianti i cui soggetti responsabili sono enti locali che entrano in esercizio entro il 2011, per i quali le procedure di gara si sono concluse con l’assegnazione entro la data di entrata in vigore del decreto. Attuazione delle disposizioni della legge finanziaria 2008 Disposizioni sul regime di autorizzazione La costruzione e l’esercizio degli impianti e delle opere connesse, i cui moduli sono posizionati sugli edifici (non ricadenti nell’ambito di applicazione della comunicazione preventiva di cui all’art. 11, comma 3 del dlgs. 115/08 e non posizionati in zone di particolare pregio storico, artistico o ambientale) sono soggetti alla Denuncia di Inizio Attività, a condizione che la superficie complessiva dei moduli fotovoltaici dell’impianto non sia superiore a quella del tetto dell’edificio sul quale i moduli sono collocati e che il proponente abbia titolo sulle aree o sui beni interessati dalle opere e dalle infrastrutture connesse.
    113. 113. Il Terzo Conto Energia Le tariffe incentivanti previste per l’anno 2010 dal D.M. 19/02/2007 sono riconosciute a tutti i soggetti che abbiano concluso, entro il 31 dicembre 2010, l'installazione dell'impianto fotovoltaico, abbiano comunicato all'amministrazione competente al rilascio dell'autorizzazione, al gestore di rete e al GSE, entro la medesima data, la fine lavori ed entrino in esercizio entro il 30 giugno 2011. Legge 13 agosto 2010, n. 129 Modifiche alla legge 22 marzo 2010 cd. “Salva Alcoa” La comunicazione di fine lavori deve essere accompagnata da asseverazione, redatta da tecnico abilitato, di effettiva conclusione dei lavori e di esecuzione degli stessi nel rispetto delle pertinenti normative. Il gestore di rete, il GSE e le amministrazioni competenti al rilascio dell’autorizzazione, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze, possono effettuare controlli a campione per la verifica e il riscontro di quanto dichiarato. Il GSE pubblicherà un’apposita procedura operativa contenente le modalità per la presentazione della documentazione di fine lavori.
    114. 114. Di colpo l'emendamento killer... <ul><li>&quot;nel caso di raggiungimento anticipato dell'obiettivo specifico per il solare fotovoltaico, fissato a 8.000 MW per il 2020 nell'ambito del Piano di azione di cui all'articolo 3 è sospesa l'assegnazione di incentivi per ulteriori produzioni da solare fotovoltaico fino alla determinazione, con decreto del Ministro dello sviluppo economico, da adottare di concerto con il Ministro dell'ambiente e della tutela del mare, sentita la Conferenza unificata, di nuovi obiettivi programmatici e delle modalità di perseguimento, anche in relazione a quanto previsto dall'articolo 33, comma 5-bis.&quot; </li></ul>
    115. 115. Impianti fotovoltaici nel mondo Il più grande di domani
    116. 116. Il più grande integrato Impianti fotovoltaici nel mondo Il più grande impianto fotovoltaico architettonicamente integrato in funzione è quello dei padiglioni fieristici di Monaco di Baviera, per un totale di 1 MWp. L'integrazione architettonica consiste nell'impiego dei moduli fotovoltaici come infissi, ovvero in sostituzione della copertura stessa degli edifici.
    117. 117. Non solo in Germania, anche a Rovigo
    118. 118. Ieri e oggi Impianti fotovoltaici nel mondo <ul><li>Pergola solare </li></ul><ul><li>(Barcellona, Spagna 2007) </li></ul><ul><li>1 MWp - 112x50 metri 5600 mq </li></ul>DELPHOS (Manfredonia – Fg - Italia, 1986) 300 KWp mt 144*30 – 4320 mq
    119. 119. Impianti fotovoltaici nel mondo Illuminazione pubblica
    120. 120. Impianti fotovoltaici nel mondo Myeka ( Sud Africa ) Scuola rurale con elettricità solare Kordofan (Sudan) Impianto fotovoltaico pompaggio acqua da bere
    121. 121. Un gruppo di ricercatori dell’Istituto Tecnologico del New Jersey, ha sviluppato una cella fotovoltaica economica e facile da usare che non impiega silicio. E grazie ai nanotubi di carbonio di cui è costituita, potrebbe essere disegnata o stampata su pannelli di plastica flessibili. Sviluppare celle solari organiche dai polimeri è un’alternativa economica e semplice, afferma Somenath Mitra lo scienziato che guida il progetto. Per fabbricare le celle solari convenzionali, ovvero le unità di base dei pannelli fotovoltaici, è indispensabile avere silicio Uno sguardo al futuro Celle fotovoltaiche senza … silicio Immagine di un nanotubo altamente purificato, ottenuto con un processo che è molto costoso in termini di energia richiesta per la purificazione. Le celle solari sviluppate dai ricercatori del New Jersey usano nanotubi a parete singola e di forma cilindrica combinati con altri a struttura ultrafine, 50′000 volte più piccola di un capello, detti fullereni .
    122. 122. Uno sguardo al futuro William Yuan e le celle fotovoltaiche 3D William Yuan è un ragazzo di 12 anni di Beaverton, USA. Nonostante la sua età, Yuan ha già studiato la fusione nucleare e diversi tipi di nanotecnologie ed è sulla buona strada per far fare un salto alle tecnologie solari con le sue celle fotovoltaiche 3D. La sua cella sarebbe in grado di assorbire sia il visibile sia i raggi UV. Se William Yuan avesse ragione, la sua celle fotovoltaica 3D grazie alle nanotecnologie assorbirebbe 5 volte più energia solare di qualsiasi altro pannello fotovoltaico ora in commercio e 9 volte più di tutte le altre tecnologie a celle solari ora in sviluppo. Per permettergli di proseguire negli studi a William Yuan è stata assegnata una borsa di studio di 25.000 $
    123. 123. Uno sguardo al futuro Celle fotovoltaiche con efficienza del 63% Un gruppo di ricercatori spagnoli guidati da Perla Wahnon e Josè Conesa di Madrid sta lavorando su un nuovo materiale in grado di sfruttare sia i fotoni del visibile sia quelli dell'infrarosso, quindi arrivare ad un massimo teorico di efficienza pari al 63%. Le celle solari convenzionali si basano su un semiconduttore come il silicio. Ma la loro incapacità di assorbire circa il 30% dell‘energia solare pone un limite teorico non indifferente. Ora i ricercatori spagnoli utilizzeranno questa idea per progettare la loro nuova cella solare, aggiungendo il nuovo materiale al titanio e vanadio dei semiconduttori convenzionali modificando le proprietà elettroniche per creare questo livello intermedio di assorbimento di energia.

    ×