• Like
Pres corso mcar_scuola
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Pres corso mcar_scuola

  • 688 views
Published

presentazione per un corso di formazione sui metodi della comunicazione e dell'apprendimento in rete

presentazione per un corso di formazione sui metodi della comunicazione e dell'apprendimento in rete

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
688
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    1
    Metodi della comunicazione e apprendimento in rete
    Corso di formazione secondo il modello di blended e-learning
    Tutor della formazione: Annarita Ruberto
  • 2. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    2
    Motivazione e finalità del corso
    Appare sempre più evidente in questo inizio di nuovo millennio come Internet rappresenti la nuova chance per la formazione.
    La scuola in particolare, ma anche il mondo del lavoro, - in generale tutto l’ambito della formazione degli adulti- non possono più fare a meno dell’impiego delle reti, vuoi come strumento integrativo della formazione in presenza, vuoi come strumento ad essa alternativo.
  • 3. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    3
    Motivazione e finalità del corso
    Internet si concretizza in diverse opportunità, quali quella di accedere ad esperienze remote, a materiali documentari prodotti in altri contesti, di rendersi visibile all’esterno, di comparare le proprie esperienze con quelle altrui e di stabilire dialoghi e forme collaborative con altre istituzioni, siano esse scuole, centri risorse, aziende, centri di ricerca o altro.
  • 4. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    4
    Motivazione e finalità del corso
    In concreto ciascuno di questi ambiti richiede esplorazioni ed approfondimenti specifici:
    Come si caratterizzano i processi comunicativi in rete? Come possiamo monitorarli e valutarli?
    Come progettare e organizzare ambienti di apprendimento online?
    Come è possibile utilizzare le reti per la valorizzazione di risorse umane?
    Quali ambienti software sono utilizzabili per attività formative in rete?
  • 5. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    5
    Motivazione e finalità del corso
    Per quanto riguarda più specificamente le scuole, il Piano Nazionale sulle Tecnologie Didattiche ha fornito alla maggior parte di esse il supporto tecnico e finanziario di base per l’attivazione di questa straordinaria risorsa.
    La possibilità del collegamento Internet e della posta elettronica, di cui la scuola si è ormai fornita, non è però di per sé sufficiente perché il potenziale innovativo rappresentato da Internet sia immediatamente esplicitato e tradotto in nuove pratiche didattiche interne alla scuola stessa.
  • 6. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    6
    Motivazione e finalità del corso
    Come reperire materiali e documentazioni utili in ambito didattico?
    Come realizzare il sito scolastico?
    Come entrare a far parte di progetti collaborativi e sperimentali tra più scuole, nel contesto nazionale o europeo?
    Come utilizzare risorse internet per l’handicap?
    Come utilizzare reti locali ed integrare risorse nel territorio?
  • 7. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    7
    Motivazione e finalità del corso
    Queste domande non comportano risposte banali. Nel contesto nazionale esistono centinaia di esperienze specifiche, in qualche caso anche di buon livello, che però non sono opportunamente valutate, condivise, riadattate criticamente.
    L’area di lavoro di nostro interesse si propone di sviluppare competenze progettuali, organizzative e relazionali necessarie per il pieno utilizzo della “risorsa Internet” sia nel senso dell’accesso e utilizzo di risorse didattiche remote sia di nuove opportunità di comunicazione, cooperazione e gestione per la scuola dell’autonomia.
  • 8. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    8
    Area di lavoro: costruire un testo in collaborazione
    Obiettivi
    Acquisire abilità di carattere generale circa l’organizzazione e la gestione di attività collaborative in rete. Imparare a cooperare in un gruppo telematico in vista di obiettivi comuni; saper coordinare la costruzione di un testo in collaborazione. Stimolare una riflessione critica sui meccanismi della scrittura collaborativa.
  • 9. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    9
    Fasi operative
    PRIMA FASE: documentazione
    Ai corsisti saranno suggeriti articoli o documentazione su esperienze di scrittura collaborativa, strumenti utilizzabili allo scopo, testi o riflessioni sulle strategie collaborative e sull’interazione a distanza. I risultati di questa prima ricerca saranno presentati da ciascun corsista nella classe virtuale attraverso l’elaborazione di un documento.
  • 10. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    10
    SECONDA FASE: condivisione e socializzazione
    Ogni corsista produce una presentazione personale in cui propone un “soggetto” per una simulazione di scrittura collaborativa, indicando le strategie che intende adottare per la produzione del testo, gli obiettivi, gli eventuali ruoli, le regole e le procedure di interazione. Ciascun corsista commenta, inoltre, le autopresentazioni degli altri corsisti e propone riflessioni e suggestioni, utilizzando la mailing list di area.
    Sulla base degli interessi emersi dalle autopresentazioni, il tutor affida il coordinamento delle attività e la redazione dei documenti finali ad un corsista del gruppo.
  • 11. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    11
    TERZA FASE: produzione cooperativa di un testo
    In questa fase si procederà alla scrittura del testo. In parallelo, ciascun componente del gruppo sarà stimolato a produrre un’analisi sulla natura dell’interazione che è stata sperimentata, sui significati e sullo stile della scrittura che ne è scaturita, sul modo in cui la rete può cambiare il rapporto autore/lettore, i processi creativi, la natura stessa dello “scrivere”.
  • 12. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    12
    FASE ZERO
    Le tre fasi, illustrate in precedenza, saranno precedute da una fase di familiarizzazione tecnologica, durante la quale i corsisti sperimenterannogli strumenti comunicativi approntati:
    • mailing list d’area;
    • 13. classe virtuale;
    • 14. chat.
  • 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    13
    FASE ZERO
    Questa fase si svolgerà dal 13 dicembre al 13 gennaio.
    I corsisti testeranno la mailing list e la classe virtuale inviando messaggi al gruppo anche non pertinenti al contenuto del corso.
  • 15. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    14
    Cosa devono fare i corsisti
    Impegnarsi a controllare la posta elettronica almeno un giorno sì e un giorno no.
    Utilizzare la mailing list per inviare messaggi veloci, ad esempio per avvertire di un nuovo intervento nella classe virtuale, per prendere decisioni condivise, per scambiare informazioni o per stabilire una scaletta di impegni.
  • 16. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    15
    Gli strumenti comunicativi: la ML e la CV
    http://it.groups.yahoo.com/group/testo_creativo1 è l’indirizzo web del gruppo;
    testo_creativo1@yahoogroups.com è l’indirizzo della mailing list
    www.nicenet.org è la piattaforma tecnologica che ospita la classe virtuale
    classkeyper accedere alla classe virtuale.
  • 17. 29/05/2010
    a cura di Annarita Ruberto
    16
    Identificativi e password dei corsisti per la CV
    ID: xxxxxxx; PW: xxxxxxx per ciascun corsista