Piazze e fontane
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Piazze e fontane

on

  • 518 views

 

Statistics

Views

Total Views
518
Views on SlideShare
518
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Piazze e fontane Presentation Transcript

  • 1. PIAZZE E FONTANE
  • 2. Piazze e Fontane  Non si potrebbe immaginare Roma senza lo straordinario contrappunto delle sue piazze e delle sue fontane.Racchiuse nella trama dei quartieri rinascimentali e barocchi o progettate come scenari spettacolari dei più importanti assi viari, le piazze di Roma costellano la città di una molteplicità di accenti storici, architettonici e turistici.E non cè piazza, a Roma, senza una fontana. Lacqua scorre abbondante nel sottosuolo, e sgorga nelle centinaia di piccole e grandi fontane, ciascuna con il suo valore artistico e la sua storia.
  • 3. Guida turistica : Durata: 3 ore Partenza da: Piazza del Quirinale Venerdì ore 9.30 A richiesta servizio di pick-up Fornitore: Ori Tour Prezzo : 100 euro Lingue disponibili: italiano - inglese A richiesta disponibile in altre lingue con un minimo di 5 partecipanti
  • 4. Tappe:  Quirinale,  Fontana di Trevi,  Piazza di Spagna,  Pantheon,  Piazza Navona,  Piazza Farnese
  • 5. Piazza del Quirinale . Fontana dei Dioscuri La fontana di piazza del Quirinale è detta dei Dioscuri perché due gigantesche statue dei Dioscuri con i cavalli si trovano qui sin dal 1588 quando Domenico Fontana per volere di papa Sisto V Peretti (1585-1590) progettò la sua unica fontana pubblica ponendo davanti alle statue una vasca ottagonale al centro della quale su un balaustro sorreggeva un catino. Fu papa Pio VI Braschi (1755-1799) a far trasportare in piazza del Quirinale lobelisco rinvenuto al Campo Marzio: il trasporto fu opera complessa, portata a termine nel 1786. Lattuale fontana di piazza del Quirinale risale però al 1818 quando Pio VII Chiaramonti (1800-1823) fece sostituire la precedente fontana, di cui si è persa traccia, con la splendida conca di granito sorretta da un balaustro e innalzantesi su un grande bacino circolare.
  • 6. Fontana di Trevi Domina la piazza di Trevi – il cui nome deriva dal trivio che confluisce su piazza dei Crociferi - la celebre fontana di Trevi, che compone uno degli scenari più famosi al mondo, e che rappresenta una delle mete turistiche più visitate della città. La fontana è lelemento terminale dellacquedotto Vergine, uno dei più antichi acquedotti romani, tuttora in uso fin dal tempo di Augusto. La fontana che oggi ammiriamo fu iniziata per volere del papa Clemente XII, nel 1732, dopo che nellarea, a partire dal 1640, si erano intrapresi lavori di restauro fermatisi, però, a un basamento a esedra, realizzato da Gian Lorenzo Bernini. Nello stesso tempo la famiglia Poli, proprietaria degli edifici retrostanti, aveva edificato i due prospetti simmetrici che avrebbero poi fatto da sfondo alla splendida scenografia della fontana.
  • 7. Piazza di Spagna Splendido fondale alla  Polo turistico fin dal XVI via dei secolo, quando attirava artisti e letterati ed era già ricca di Condotti, piazza di alberghi, locande ed eleganti Spagna è una delle edifici residenziali, la piazza immagini più famose assunse laspetto attuale soprattutto tra il Sei e il al mondo, oltre che Settecento, con la caratteristica uno dei complessi forma ad ali di farfalla , costruita dai due triangoli col urbanistici più vertice in comune. monumentali e Inizialmente intitolata alla scenografici di Roma. Trinità, dalla chiesa che la domina, venne poi detta piazza di Spagna in riferimento alla residenza dellambasciatore spagnolo qui situata.
  • 8. Pantheon Nel 1575, Giacomo Della Porta su incarico del Papa Gregorio XIII Boncompagni, progettò con un elegante disegno una fontana da collocare nel centro della piazza. Leonardo Sormani realizzò lopera composta da una conca mistilinea alzata da tre gradini di travertino ed arricchita da quattro gruppi di delfini e di maschere con al centro una tazza con acqua zampillante. Nel 1711 su ordine del papa Clemente XI Albani, larchitetto Filippo Barigoni sostituì il catino con una scogliera, sulla quale fu posto lobelisco di Ramesse II alto sei metri e ornato alla base da quattro delfini eseguiti dallo scultore Vincenzo Felici. Nel restauro del 1804 le quattro maschere del cinquecento vennero sostituite da copie eseguite da Luigi Amici
  • 9. Piazza Navona  Straordinaria scenografia urbana, Piazza Navona è uno dei luoghi più celebri della città. La sua caratteristica forma ovale ricalca direttamente lantico perimetro del sottostante stadio di Domiziano.  Il nome della piazza deriverebbe dai giochi agonali (gare ginniche) che vi si tenevano ma, probabilmente, potrebbe riferirsi allusanza, sopravvissuta fino allOttocento, di allagare il fondo concavo per le sfilate degli equipaggi dei prelati e dei principi ad agosto, in ricordo delle antiche naumachie (battaglie navali). In queste occasioni, i banchi del mercato rionale che vi era tradizionalmente ospitato venivano rialzati da terra, in modo da consentire lallagamento. La piazza ospitava inoltre feste e processioni: il Duca Valentino nel 1500 vi celebrò il proprio trionfo in veste di Cesare, gli Spagnoli introdussero il tradizionale sparo di mortoretti per la processione di Pasqua, si cominciò a giocare alla cuccagna.
  • 10. Piazza Farnese Al centro della piccola piazza, Palazzo Farnese è il maestoso testimone dei più grandi artisti del Rinascimento: Antonio da Sangallo, Michelangelo, il Vignola e Giacomo Della Porta. È considerato una delle meraviglie di Roma e la sua mole è talmente imponente, da avergli procurato il soprannome di “dado”. Palazzo Farnese nel corso del tempo ha subìto numerosi passaggi di proprietà: nel XVIII secolo il palazzo divenne proprietà dei Borbone e prese il nome di "Palazzo Regio Farnese". Nel 1860 fu, per un periodo, la residenza di Francesco II di Napoli che aveva perso il Regno. Nel 1911 fu acquisito dalla Francia e poi riacquistato dallo Stato italiano che per 99 anni lo ha affittato a quello Francese per una cifra simbolica. Dal 1874 è la sede dellAmbasciata di Francia.
  • 11. A voi basta prendere la decisione ... Del resto ci pensiamo noi !