Guidonia - Regolamento gestione rifuti solidi urbani - Comune di Guidonia Montecelio (Roma)

  • 797 views
Uploaded on

Regolamento gestione rifuti solidi urbani …

Regolamento gestione rifuti solidi urbani
N. 17 del 16 febbraio 2011
Comune di Guidonia Montecelio (Roma) N. 17 del 16febb2011

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
797
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani[approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del 16 febbraio 2011] Indice 1
  • 2. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)Titolo I – Finalità e disposizioni generali.............................................................................................. 7Art. 1 – Oggetto del Regolamento e finalità......................................................................................7Art. 2 – Poteri e funzioni del Comune nella gestione dei rifiuti.........................................................7Art. 3 – Potestà regolamentare del Comune in materia di gestione dei rifiuti urbani...................8Art. 4 – Definizioni.................................................................................................................................. 8Art. 5 – Classificazioni........................................................................................................................... 9Art. 6 – Limiti al campo di applicazione ..........................................................................................10Art. 7 – Divieto di abbandono .......................................................................................................... 10Art. 8 – Divieto di miscelazione di rifiuti pericolosi..........................................................................11Titolo II – Modalità del conferimento, della raccolta differenziata e del trasporto dei rifiutiurbani .................................................................................................................................................. 12Capo I – Principi generali.................................................................................................................. 12Art. 9 – Raccolta differenziata........................................................................................................... 121. La raccolta differenziata è istituita nell’intero territorio comunale conformemente allefinalità enunciate nell’art. 1............................................................................................................... 122. Nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, efficienza e trasparenza, il Comunestabilisce:............................................................................................................................................. 12quali sono i flussi di rifiuti raccolti separatamente; ........................................................................12la tipologia e la quantità di contenitori necessari per la raccolta differenziata dei rifiuti;.........12le modalità del conferimento;.......................................................................................................... 12le frequenze di raccolta o di svuotamento dei contenitori;...........................................................12le frequenze di lavaggio e di igienizzazione dei cassonetti..........................................................12 ............................................................................................................................................................. 123. La raccolta differenziata può essere organizzata, per singole frazioni merceologicheomogenee di rifiuti ovvero per frazioni merceologiche congiunte (raccolta multi – materiale),tramite il sistema domiciliare, con contenitori a uso di utenze singole o condominiali, ovveroper mezzo di cassonetti stradali a uso della generalità degli utenti............................................124. Le frequenze di raccolta sono stabilite in funzione della realtà territoriale e della tipologia dirifiuto, tenuto conto anche delle caratteristiche specifiche dell’utenza......................................12Art. 10 – Raccolta domiciliare........................................................................................................... 12Art. 11 – Raccolta stradale................................................................................................................. 13Art. 12 – Caratteristiche generali dei contenitori per la raccolta .................................................13Art. 13 – Posizionamento dei contenitori su aree private per la raccolta domiciliare................14Art. 14 – Posizionamento dei contenitori sul suolo pubblico o su aree soggette a uso pubblico.............................................................................................................................................................. 15Art. 15 – Criteri generali per la determinazione della frequenza di svuotamento e di lavaggiodei contenitori .................................................................................................................................... 16Art. 16 – Assegnazione dei contenitori alle utenze per la raccolta domiciliare e gestione dellevariazioni............................................................................................................................................. 16Art. 17 – Esposizione dei contenitori per la raccolta domiciliare...................................................17Art. 18 – Smarrimento dei contenitori per la raccolta domiciliare................................................17Art. 19 – Trasporto e pesatura dei rifiuti urbani................................................................................18Art. 20 – Divieti riferiti agli imballaggi................................................................................................ 18Art. 21 – Campagne di comunicazione........................................................................................... 18Art. 22 – Numero verde...................................................................................................................... 19Art. 23 – Modalità delle raccolte ...................................................................................................... 19Capo II – Criteri operativi per l’organizzazione delle singole raccolte.........................................21Sezione I – Rifiuti urbani non pericolosi e rifiuti speciali assimilati a quelli urbani.......................21Art. 24 – Raccolta dei rifiuti di carta e di cartone............................................................................21Art. 25 – Raccolta congiunta dei rifiuti di imballaggi di plastica, alluminio e banda stagnata(imballaggi metallici)......................................................................................................................... 21 2
  • 3. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)Art. 26 – Raccolta dei rifiuti di vetro..................................................................................................22Art. 27 – Raccolta dei rifiuti costituiti da indumenti usati e tessuti.................................................23Art. 28 – Raccolta rifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucina...................................23Art. 29 – Raccolta dei rifiuti costituiti da scarti vegetali..................................................................24Art. 30 – Raccolta congiunta di frazioni merceologiche di rifiuti riciclabili diverse ....................24Art. 31 – Rifiuti da esumazioni ed estumulazioni..............................................................................24Sezione II – Rifiuti urbani ingombranti e di beni durevoli................................................................26Art. 32 – Raccolta dei rifiuti urbani ingombranti e di beni durevoli...............................................26Art. 33 – Cantieri edili......................................................................................................................... 26Sezione III – Rifiuti urbani pericolosi..................................................................................................26Art. 34 – Raccolta di pile esauste e di farmaci scaduti (per le utenze domestiche)...................26Sezione IV – Rifiuti urbani indifferenziati residuali............................................................................27Art. 35 – Raccolta dei rifiuti indifferenziati residuali.........................................................................27Sezione V – Lavaggio, spazzamento e pulizia del territorio...........................................................27Art. 36 – Lavaggio e spazzamento delle strade e delle aree pubbliche o private soggette auso pubblico....................................................................................................................................... 27Art. 37 – Pulizia delle aree occupate da esercizi pubblici.............................................................28Sezione VI – Gestione di categorie particolari di rifiuti...................................................................28Art. 38 – Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche – RAEE ..........................................28Art. 39 – Altre categorie particolari di rifiuti......................................................................................28Capo III – Manifestazioni pubbliche e mercati...............................................................................29Art. 40 – Manifestazioni pubbliche istituzionalizzate.......................................................................29Art. 41 – Manifestazioni pubbliche non istituzionalizzate................................................................29Art. 42 – Mercati ................................................................................................................................. 29Capo IV – Destinazione dei rifiuti urbani .........................................................................................30Art. 43 – Destinazione dei rifiuti urbani ............................................................................................. 30Titolo III – Assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani...............................................................30Art. 44 – Principi dell’assimilazione...................................................................................................30Articolo 45 – Criteri di assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani................................................31Art. 46 – Oneri dei produttori e dei detentori di rifiuti speciali non assimilati...............................31Titolo IV – Compostaggio domestico............................................................................................... 32Art. 47 – Definizione di compostaggio domestico..........................................................................32Art. 48 – Il compostaggio domestico nel territorio del Comune di Guidonia Montecelio..........32Art. 49 – Finalità del compostaggio domestico...............................................................................32Art. 50 – Rifiuti compostabili............................................................................................................... 32Art. 51 – Utilizzo dei rifiuti compostabili e distanze dai confini.......................................................33Art. 52 – Albo dei compostatori e riduzione tributaria....................................................................34Art. 53 – Controlli, cancellazione dall’Albo dei compostatori, sanzioni, decadenza dellariduzione tributaria.............................................................................................................................. 35Titolo V – Controlli, divieti e sanzioni.................................................................................................35........................................................................................................................................35Art. 54 – Controlli sull’operato delle ditte incaricate dei servizi.....................................................35Art. 55 – Controlli sulle violazioni degli utenti...................................................................................35Art. 56 – Divieti..................................................................................................................................... 35Art. 57 – Sanzioni................................................................................................................................. 36Titolo VI – Diritti dell’utenza all’informazione e azioni positive.......................................................39Capo I – Informazione........................................................................................................................ 39Art. 58 – Informazione all’utenza....................................................................................................... 39Art. 59 – Carta dei servizi.................................................................................................................... 39Capo II – Azioni Positive..................................................................................................................... 39Art. 60 – Prevenzione e cooperazione..............................................................................................39 3
  • 4. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)Titolo VII – Disposizioni finali............................................................................................................... 40Art. 61 – Rinvio normativo.................................................................................................................. 40Art. 62 – Abrogazione......................................................................................................................... 40Art. 63 – Entrata in vigore................................................................................................................... 40Allegati................................................................................................................................................ 41Allegato A – Criteri qualitativi dell’assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani.............................................................................................................................................................. 41Allegato B – Criteri quantitativi dell’assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiutiurbani................................................................................................................................................... 43Tabella 4a ex Allegato I al D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158...............................................43Attività per Comuni con popolazione superiore a 5000 abitanti.....................................44Kd coefficiente produzione Kg/m2/anno.........................................................................441.......................................................................................................................................44Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto................................................446,81..................................................................................................................................442.......................................................................................................................................44Cinematografi e teatri......................................................................................................445,73..................................................................................................................................443.......................................................................................................................................44Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta....................................................446,4....................................................................................................................................444.......................................................................................................................................44Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi.......................................................4410,51................................................................................................................................445.......................................................................................................................................44Stabilimenti balneari........................................................................................................447,2....................................................................................................................................446.......................................................................................................................................44Esposizioni, autosaloni....................................................................................................445,58..................................................................................................................................447.......................................................................................................................................44Alberghi con ristorante....................................................................................................4417,29................................................................................................................................448.......................................................................................................................................44Alberghi senza ristorante.................................................................................................4413,29................................................................................................................................449.......................................................................................................................................44Case di cura e riposo........................................................................................................4414,99................................................................................................................................4410.....................................................................................................................................44Ospedali...........................................................................................................................4415,39................................................................................................................................4411.....................................................................................................................................44Uffici, agenzie, studi professionali..................................................................................4415,68................................................................................................................................44 4
  • 5. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)12.....................................................................................................................................44Banche ed istituti di credito.............................................................................................448,63..................................................................................................................................4413.....................................................................................................................................44Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli...4414,08................................................................................................................................4414.....................................................................................................................................44Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze.......................................................................4415,46................................................................................................................................4415.....................................................................................................................................44Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato4410,61................................................................................................................................4416.....................................................................................................................................44Banchi di mercato beni durevoli......................................................................................4417,22................................................................................................................................4417.....................................................................................................................................44Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista..................................4414,16................................................................................................................................4418.....................................................................................................................................44Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista....................4411,35................................................................................................................................4419.....................................................................................................................................44Carrozzeria, autofficina, elettrauto..................................................................................4413,81................................................................................................................................4420.....................................................................................................................................44Attività industriali con capannoni di produzione............................................................447,03..................................................................................................................................4421.....................................................................................................................................44Attività artigianali di produzione beni specifici..............................................................448,05..................................................................................................................................4422.....................................................................................................................................44Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub.......................................................................4475,21................................................................................................................................4423.....................................................................................................................................44Mense, birrerie, amburgherie...........................................................................................4444,5..................................................................................................................................4424.....................................................................................................................................44Bar, caffè, pasticceria.......................................................................................................4454,94................................................................................................................................4425.....................................................................................................................................44Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari...............4424,5..................................................................................................................................4426.....................................................................................................................................44 5
  • 6. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)Plurilicenze alimentari e/o miste.....................................................................................4424,45................................................................................................................................4427.....................................................................................................................................44Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio.........................................................4488,38................................................................................................................................4428.....................................................................................................................................44Ipermercati di generi misti...............................................................................................4422,61................................................................................................................................4429.....................................................................................................................................44Banchi di mercato genere alimentari...............................................................................4462,25................................................................................................................................4430.....................................................................................................................................44Discoteche, night club.....................................................................................................4415,22................................................................................................................................44Allegato C – Elenco dei RAEE............................................................................................................ 44 6
  • 7. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Titolo I – Finalità e disposizioni generali Art. 1 – Oggetto del Regolamento e finalità1. Il presente Regolamento concorre a disciplinare la gestione dei rifiuti urbani aisensi del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152, Parte IV, e s. m. e i.2. Sino all’inizio delle attività del soggetto aggiudicatario della gara a evidenzapubblica indetta dall’Autorità d’Ambito, ai sensi dell’art. 202 del D.lgs. 152/2006 e s.m. e i., la gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimentorientra nel regime di privativa comunale nelle forme di cui all’art. 113, comma 5, delD.lgs. 18 agosto 2000, n. 267.3. La gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è disciplinatadalla Parte IV del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i. al fine di assicurareun’elevata protezione dell’ambiente e controlli efficaci, tenendo conto dellaspecificità dei rifiuti pericolosi nonché al fine di preservare le risorse naturali.4. I rifiuti devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute delluomo esenza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio allambientee, in particolare: a) senza determinare rischi per lacqua, laria, il suolo, nonché per la fauna e la flora; b) senza causare inconvenienti da rumori o odori; c) senza danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente.5. La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione, diprevenzione, di proporzionalità, di responsabilizzazione e di cooperazione di tutti isoggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nellutilizzo e nel consumo dibeni da cui originano i rifiuti, nel rispetto dei principi dellordinamento nazionale ecomunitario, con particolare riferimento al principio comunitario “chi inquina paga”.A tal fine, la gestione dei rifiuti è effettuata secondo criteri di efficacia, efficienza,economicità e trasparenza.6. Per conseguire le finalità e gli obiettivi stabiliti dalla Parte IV del D.lgs. 152/2006 e s.m. e i., il Comune esercita i poteri e le funzioni di propria competenza in materia digestione dei rifiuti, adottando ogni opportuna azione e avvalendosi, ove opportuno,mediante accordi, contratti di programma o protocolli d’intesa anche sperimentali,di soggetti pubblici o privati. Art. 2 – Poteri e funzioni del Comune nella gestione dei rifiuti1. Il Comune esercita i poteri e le funzioni in materia di gestione dei rifiuti attribuitiglidalla normativa nazionale e regionale, conformemente al proprio Statuto e alpresente Regolamento. 7
  • 8. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)2. Il Comune provvede alla nomina di un Responsabile del servizio di gestione deirifiuti urbani nelle forme previste dalle vigenti Leggi in materia. Art. 3 – Potestà regolamentare del Comune in materia di gestione dei rifiuti urbani1. Ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 152/2006, il Comune concorre adisciplinare la gestione dei rifiuti urbani con apposito Regolamento che, nel rispettodei principi di trasparenza, efficienza, efficacia ed economicità e in coerenza con ilPiano d’Ambito adottato ai sensi dell’art. 201, comma 3, del D.lgs. citato, stabiliscein particolare: a) le misure per assicurare la tutela igienico-sanitaria in tutte le fasi della gestione dei rifiuti urbani; b) le modalità del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani; c) le modalità del conferimento, della raccolta differenziata e del trasporto dei rifiuti urbani e assimilati al fine di garantire una distinta gestione delle diverse frazioni di rifiuti e promuovere il recupero degli stessi; d) le norme atte a garantire una distinta e adeguata gestione dei rifiuti urbani pericolosi e dei rifiuti da esumazione ed estumulazione di cui allarticolo 184, comma 2, lettera f), del D.lgs. 152/2006; e) le misure necessarie a ottimizzare le forme di conferimento, raccolta e trasporto dei rifiuti primari di imballaggio in sinergia con altre frazioni merceologiche, fissando standard minimi da rispettare; f) le modalità di esecuzione della pesata dei rifiuti urbani prima di inviarli al recupero e allo smaltimento; g) lassimilazione, per qualità e quantità, dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani, secondo i criteri di cui allarticolo 195, comma 2, lettera e), del D.lgs. 152/2006 e s. m. e i., ferme restando le definizioni di cui allarticolo 184, comma 2, lettere c) e d), del D.lgs. 152/2006. Art. 4 – Definizioni1. Fatte salve le definizioni di cui agli articoli 183 e 218 del D.lgs. 152/2006 e s. m. e i. ele ulteriori definizioni contenute nelle disposizioni speciali, ai fini del presenteRegolamento, si intende per: a) utenze: soggetti che utilizzano i servizi pubblici di gestione dei rifiuti organizzati dal Comune; b) utenze domestiche: famiglie che utilizzano i servizi pubblici di gestione dei rifiuti; c) utenze non domestiche: utenze diverse dalle famiglie, tra le quali rientrano, a titolo esemplificativo, le attività economiche artigianali, commerciali, industriali, di servizi e agricole oltre che le associazioni, le fondazioni, gli enti pubblici che utilizzano i servizi pubblici di gestione dei rifiuti; 8
  • 9. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) d) utenza singola: famiglia o utenza non domestica, cui è associata un’unità immobiliare alla quale può essere assegnata una dotazione di contenitori destinata all’uso esclusivo da parte della medesima famiglia o utenza non domestica; e) utenze domestiche condominiali: famiglie situate in un’unità immobiliare o in un insieme di unità immobiliari cui può essere assegnata una dotazione congiunta di contenitori a uso della generalità delle utenze domestiche che vi hanno sede; f) utenze non domestiche condominiali: utenze non domestiche situate in un’unità immobiliare o in un insieme di unità immobiliari cui può essere assegnata una dotazione congiunta di contenitori a uso della generalità delle utenze non domestiche che vi hanno sede; g) raccolta domiciliare: raccolta eseguita nei pressi del domicilio dell’utenza anche con l’assegnazione di contenitori a suo uso esclusivo; h) raccolta stradale: raccolta eseguita tramite cassonetti collocati su suolo pubblico, o su aree soggette a uso pubblico, usufruibili dalla generalità degli utenti; i) raccolta stradale di prossimità: raccolta eseguita con il posizionamento su suolo pubblico di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani destinando tali contenitori a un gruppo limitato di utenze. A tale scopo, i contenitori possono essere dotati di sistemi di chiusura meccanica o elettronica, assegnando agli utenti, cui tali contenitori sono destinati, gli strumenti per la loro apertura ai fini del conferimento dei rifiuti urbani. Art. 5 – Classificazioni1. I rifiuti sono classificati, secondo lorigine, in rifiuti urbani e rifiuti speciali e, secondole caratteristiche di pericolosità, in rifiuti pericolosi e rifiuti non pericolosi.2. Sono rifiuti urbani: a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile abitazione; b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla lettera a), assimilati ai rifiuti urbani, secondo i principi e i criteri di cui agli articoli 44 e 45 del presente Regolamento; c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade; d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade e aree pubbliche o sulle strade e aree private comunque soggette a uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle rive dei corsi dacqua; 9
  • 10. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali; f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti provenienti da attività cimiteriale diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e).3. Sono rifiuti speciali: a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali; b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti che derivano dalle attività di scavo, fermo restando quanto disposto dallarticolo 186 del D.lgs. 152/2006 e s. m. e i.; c) i rifiuti da lavorazioni industriali; d) i rifiuti da lavorazioni artigianali; e) i rifiuti da attività commerciali; f) i rifiuti da attività di servizio; g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi; h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie; i) i macchinari e le apparecchiature deteriorati e obsoleti; j) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti; k) il combustibile derivato da rifiuti.4. Sono pericolosi i rifiuti non domestici indicati espressamente come tali, conapposito asterisco, nellelenco di cui allAllegato D alla Parte IV del D.lgs. 152/2006,sulla base degli Allegati G, H e I alla medesima Parte IV. Art. 6 – Limiti al campo di applicazione1. I limiti al campo di applicazione del Presente Regolamento sono quelli previstidall’art. 185 del D.lgs. 152/2006 e s. m. e i.2. Il regime di prelievo finanziario per la gestione dei rifiuti urbani è disciplinata daapposito Regolamento approvato dal Consiglio Comunale.3. La gestione del Centro Comunale di Raccolta dei rifiuti urbani, come definitodall’art. 183, comma 1, lettera cc), del D.lgs. 152/2006 e s. m. e i., è disciplinata daapposito Regolamento approvato dal Consiglio Comunale. Art. 7 – Divieto di abbandono1. Labbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo sono vietati.2. E’ altresì vietata limmissione di rifiuti di qualsiasi genere, allo stato solido o liquido,nelle acque superficiali e sotterranee. 10
  • 11. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)3. Fatta salva lapplicazione delle sanzioni di cui agli articoli 255 e 256 del D.lgs.152/2006, chiunque viola i divieti di cui ai commi 1 e 2 è tenuto a procedere allarimozione, allavvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello statodei luoghi in solido con il proprietario e con i titolari di diritti reali o personali digodimento sullarea, ai quali tale violazione sia imputabile a titolo di dolo o colpa, inbase agli accertamenti effettuati, in contraddittorio con i soggetti interessati, daisoggetti preposti al controllo. E’ competenza del Sindaco del Comune interessatodisporre con ordinanza le operazioni a tal fine necessarie e il termine entro cuiprovvedere, decorso il quale procede allesecuzione in danno dei soggetti obbligatie al recupero delle somme anticipate.4. Qualora la responsabilità del fatto illecito sia imputabile a amministratori orappresentanti di persona giuridica, ai sensi e per gli effetti del comma 3, sono tenutiin solido la persona giuridica e i soggetti che siano subentrati nei diritti della personastessa, secondo le previsioni del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231, in materiadi responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delleassociazioni.5. E’ altresì vietato gettare, versare e depositare in modo incontrollato sulle areepubbliche e private di tutto il territorio comunale, compresi i pubblici mercati,coperti e scoperti, qualsiasi rifiuto solido, semisolido e liquido e in genere materiali discarto di qualsiasi tipo, natura e dimensione, anche se racchiusi in sacchetti ocontenuti in recipienti; il medesimo divieto vige per le superfici acquee, i rii, i canali, icorsi d’acqua, i fossati, gli argini, le sponde, i cigli delle strade.6. Tutte le utenze, domestiche e non domestiche, sono tenute a conferire i rifiutiseparandoli nelle frazioni merceologiche per le quali è attivo uno specifico serviziodi raccolta, secondo i criteri e le indicazioni contenuti nel presente Regolamento ele disposizioni di dettaglio adottate dai competenti Organi del Comune. Art. 8 – Divieto di miscelazione di rifiuti pericolosi1. E vietato miscelare categorie diverse di rifiuti pericolosi di cui all’Allegato G allaParte IV del D.lgs. 152/2006, ovvero rifiuti pericolosi con rifiuti non pericolosi.2. In deroga al divieto di cui al comma 1, la miscelazione di rifiuti pericolosi tra loro ocon altri rifiuti, sostanze o materiali può essere autorizzata ai sensi degli articoli 208,209, 210 e 211 del D.lgs. 152/2006 e s. m. e i., qualora siano rispettate le condizioni dicui allarticolo 178, comma 2, del Decreto citato, e al fine di rendere più sicuro ilrecupero e lo smaltimento dei rifiuti.3. Ai sensi dell’art. 187, comma 3, del D.lgs. 152/2006, fatta salva lapplicazione dellesanzioni specifiche ed in particolare di quelle di cui allarticolo 256, comma 5, delmedesimo Decreto, chiunque viola il divieto di cui al comma 1 è tenuto aprocedere a proprie spese alla separazione dei rifiuti miscelati qualora sia 11
  • 12. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)tecnicamente ed economicamente possibile e per soddisfare le condizioni di cuiallarticolo 178, comma 2, del D.lgs. 152/2006. Titolo II – Modalità del conferimento, della raccolta differenziata e del trasporto dei rifiuti urbani Capo I – Principi generali Art. 9 – Raccolta differenziata1. La raccolta differenziata è istituita nell’intero territorio comunale conformemente alle finalità enunciate nell’art. 1.2. Nel rispetto dei principi di economicità, efficacia, efficienza e trasparenza, il Comune stabilisce:quali sono i flussi di rifiuti raccolti separatamente;la tipologia e la quantità di contenitori necessari per la raccolta differenziata dei rifiuti;le modalità del conferimento;le frequenze di raccolta o di svuotamento dei contenitori;le frequenze di lavaggio e di igienizzazione dei cassonetti.3. La raccolta differenziata può essere organizzata, per singole frazioni merceologiche omogenee di rifiuti ovvero per frazioni merceologiche congiunte (raccolta multi – materiale), tramite il sistema domiciliare, con contenitori a uso di utenze singole o condominiali, ovvero per mezzo di cassonetti stradali a uso della generalità degli utenti.4. Le frequenze di raccolta sono stabilite in funzione della realtà territoriale e della tipologia di rifiuto, tenuto conto anche delle caratteristiche specifiche dell’utenza. Art. 10 – Raccolta domiciliare1. La raccolta domiciliare può essere organizzata mediante: a) l’assegnazione a ciascuna utenza, domestica e non domestica, singola o condominiale, di contenitori di volume variabile destinati al conferimento separato dei rifiuti; b) il prelievo diretto, senza l’ausilio di contenitori, di determinate frazioni merceologiche di rifiuto, poste dall’utente in modo ordinato fuori del proprio domicilio, ove ciò sia economicamente vantaggioso, tecnicamente possibile e non pregiudizievole dal punto di vista igienico-sanitario. 12
  • 13. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)2. Con riguardo alla raccolta domiciliare, il Comune determina: a) quali frazioni di rifiuto sono raccolte a domicilio; b) il tipo e la quantità di contenitori utilizzabili tra cassonetti carrellati, sacchi, ecocestini e mastelli, tenuto conto anche delle caratteristiche chimiche e fisiche dei rifiuti e di quelle specifiche dell’utenza; c) la capacità e il numero di contenitori assegnabili all’utenza per singole frazioni di rifiuto; d) le frequenze di raccolta o di svuotamento o di prelievo dei contenitori; e) le frequenze di lavaggio e di igienizzazione dei cassonetti. Art. 11 – Raccolta stradale1. La raccolta stradale è organizzata mediante il posizionamento su suolo pubblico,o su aree soggette a uso pubblico, di cassonetti carrellati di volume variabiledestinati al conferimento separato dei rifiuti da parte della generalità degli utenti.2. Con riguardo alla raccolta stradale, il Comune determina: a) quali frazioni di rifiuto sono raccolte con cassonetti stradali; b) la capacità e il numero di cassonetti da collocare sul territorio per le singole frazioni di rifiuto; c) le frequenze di svuotamento; d) le frequenze di lavaggio e di igienizzazione dei cassonetti.3. Nell’organizzazione del servizio di raccolta stradale, il Comune assicuraun’adeguata capillarità nella distribuzione dei cassonetti sul territorio.4. La raccolta stradale di prossimità si attua con il posizionamento su suolo pubblicoo soggetto a uso pubblico di contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti urbanidestinando tali contenitori a un gruppo limitato di utenze. A tale scopo, i contenitoripossono essere dotati di sistemi di chiusura meccanica o elettronica, assegnandoagli utenti, cui tali contenitori sono destinati, gli strumenti per la loro apertura ai finidel conferimento dei rifiuti urbani. Art. 12 – Caratteristiche generali dei contenitori per la raccolta1. I contenitori per la raccolta domiciliare e per la raccolta stradale, depositatiall’aperto ed esposti agli agenti atmosferici, devono avere caratteristiche tali da: a) favorire e agevolare il conferimento delle varie frazioni di rifiuti; b) evitare la fuoriuscita e la dispersione dei rifiuti in essi depositati, sia a causa di oggetti taglienti e/o acuminati, sia a causa di eventi di natura eolica o a seguito dell’azione di animali randagi; c) evitare l’infiltrazione al loro interno di acque meteoriche; d) contenere eventuali liquami che possono generarsi dal percolamento dei rifiuti di natura organica; e) favorire le operazioni di movimentazione, anche manuale, e di svuotamento meccanizzate; 13
  • 14. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) f) agevolare le operazioni di lavaggio e di igienizzazione, sia degli stessi contenitori sia del luogo in cui sono posizionati.2. In considerazione dei criteri di cui al comma precedente: a) i materiali con cui sono realizzati i contenitori devono essere idonei a sopportare sollecitazioni fisico-meccaniche e chimiche, derivanti dalle operazioni di riempimento, movimentazione, lavaggio e svuotamento degli stessi; b) i contenitori devono essere a tenuta e muniti di idoneo coperchio; c) i contenitori devono essere dotati di tutti gli accorgimenti che ne permettano la movimentazione, anche manuale, e lo svuotamento meccanizzato; le superfici interne dei medesimi devono essere lisce e con angoli arrotondati.3. Sui cassonetti sono indicati il tipo di rifiuto che vi si può introdurre oltre cheapposita segnaletica stradale catarifrangente.4. I cassonetti destinati alla raccolta domiciliare dei rifiuti organici putrescibilicostituiti da scarti di cucina, del vetro, della plastica e dei rifiuti indifferenziatiresiduali recano un codice identificativo alfanumerico.5. I cassonetti destinati alla raccolta domiciliare dei rifiuti indifferenziati residuali e deirifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucina sono dotati di transponderpassivo per il rilevamento informatizzato degli svuotamenti. Art. 13 – Posizionamento dei contenitori su aree private per la raccolta domiciliare1. Ai fini della raccolta domiciliare, i contenitori devono essere posizionati in areepertinenziali private, esterne ai fabbricati, fatti salvi i casi di oggettiva edocumentata impossibilità, su una superficie piana, pavimentata e appositamentedelimitata tramite segnaletica orizzontale, al fine di favorire le operazioni diconferimento dei rifiuti, la movimentazione dei medesimi contenitori e la puliziadell’area interessata.2. Il posizionamento dei contenitori, adeguatamente muniti di apposita segnaleticastradale catarifrangente, non deve costituire intralcio o ostacolo al passaggio, nellesuddette aree pertinenziali private dei fabbricati, al normale accesso al suolopubblico o ad altre aree private.3. I contenitori non possono essere posizionati a ridosso dei muri perimetrali degliedifici sui quali sono presenti, a livello di piano terra o di piano rialzato, ingressi,porte, finestre, punti di ventilazione e balconi di civili abitazioni o di attivitàproduttive, fatti salvi i casi di oggettiva e documentata impossibilità per i quali saràindividuato idoneo spazio alternativo previo parere dell’Amministrazione comunale. 14
  • 15. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)4. L’utente, individuato come il produttore dei rifiuti, ai sensi dell’articolo 183, comma1, lettera b), del D.lgs 152/2006, è proprietario e responsabile degli stessi sino almomento della loro esposizione su strada pubblica finalizzata alla raccolta e, inquanto tale, è tenuto al deposito temporaneo nel luogo in cui i rifiuti sono statiprodotti (ossia nelle proprie abitazioni o in aree private esterne non soggette a usopubblico di pertinenza delle medesime, se trattasi di utenze domestiche, ovveronegli altri locali o in aree private esterne non soggette a uso pubblico di pertinenzadei medesimi, se trattasi di utenze non domestiche). La possibilità di depositotemporaneo su suolo pubblico, è riservata alle sole ipotesi in cui lo spazio privatodell’utenza produttrice risulti inesistente o inidoneo, nei casi previsti dal comma 5.5. Nei casi in cui, sulla base di apposita valutazione dell’Amministrazione comunale,risulti impossibile il rispetto dei succitati criteri di internalizzazione dei contenitori, imedesimi possono essere posizionati sul suolo pubblico, riservando il loro utilizzoesclusivamente alle utenze a cui sono espressamente dedicati.6. Gli utenti sono tenuti a non spostare arbitrariamente i contenitori in aree diverseda quelle individuate ai sensi del presente articolo e ad astenersi da qualsiasidanneggiamento o uso improprio degli stessi.Art. 14 – Posizionamento dei contenitori sul suolo pubblico o su aree soggette a uso pubblico1. Ai fini della raccolta stradale, ovvero ai fini della raccolta domiciliare quando èaccertata, ai sensi dell’art. 13, comma 5, l’impossibilità di posizionamento su areeprivate, i contenitori sono collocati sul suolo pubblico o su aree soggette a usopubblico.2. I contenitori devono essere posizionati su superfici piane, pavimentate eappositamente delimitate tramite segnaletica orizzontale, al fine di favorire leoperazioni di conferimento dei rifiuti, la movimentazione dei medesimi contenitori ela pulizia dell’area interessata.3. Il posizionamento dei contenitori, adeguatamente muniti di apposita segnaleticastradale catarifrangente, non deve costituire pericolo o intralcio alla circolazioneveicolare e pedonale.4. I contenitori non possono essere posizionati a ridosso dei muri perimetrali degliedifici sui quali sono presenti, a livello di piano terra o di piano rialzato, ingressi,porte, finestre, punti di ventilazione e balconi di civili abitazioni o di attivitàproduttive, fatti salvi i casi di oggettiva e documentata impossibilità per i quali saràindividuato idoneo spazio alternativo previo parere dell’Amministrazione comunale.5. Gli utenti sono tenuti a non spostare arbitrariamente i contenitori in aree diverseda quelle individuate dall’Amministrazione comunale e ad astenersi da qualsiasidanneggiamento o uso improprio degli stessi. 15
  • 16. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Art. 15 – Criteri generali per la determinazione della frequenza di svuotamento e di lavaggio dei contenitori1. In considerazione delle criticità igienico-sanitarie che possono eventualmenteinsorgere, non rispettando una corretta e periodica tempistica di svuotamento e dilavaggio dei contenitori dedicati al conferimento dei rifiuti organici putrescibilicostituti da scarti di cucina e dei rifiuti urbani indifferenziati residuali, devono essererispettati i seguenti criteri minimi: a) una frequenza di svuotamento di almeno tre volte la settimana per i contenitori dedicati al conferimento dei rifiuti organici putrescibili costituti da scarti di cucina; b) una frequenza di svuotamento di almeno una volta la settimana per i contenitori dedicati al conferimento dei rifiuti urbani indifferenziati residuali.2. Le frequenze di svuotamento o di prelievo dei contenitori, destinati alle frazioni dirifiuto diverse da quelle di cui al comma 1, sono stabilite tendendo conto dellacapacità dei contenitori medesimi e dell’entità del conferimento da partedell’utenza, oltre che delle caratteristiche chimico – fisiche dei rifiuti.3. Il lavaggio e l’igienizzazione dei contenitori sono eseguiti dalle imprese affidatariedei servizi di raccolta e di trasporto dei rifiuti secondo le modalità operativedisciplinate dai capitolati d’appalto o di concessione e dai contratti di servizio,tenendo conto delle caratteristiche chimico – fisiche specifiche delle diversetipologie di rifiuto, ai fini della salvaguardia dell’igiene e della sanità pubbliche. Art. 16 – Assegnazione dei contenitori alle utenze per la raccolta domiciliare e gestione delle variazioni1. Ai fini della raccolta domiciliare, qualora la stessa sia eseguita con appositicontenitori, l’utenza è giuridicamente obbligata ad accettare in comodato e acustodire i contenitori assegnati, in quanto tale attrezzatura è funzionale al regolaresvolgimento di un servizio pubblico essenziale.2. Gli utenti sono tenuti a non spostare arbitrariamente i contenitori in aree diverseda quelle individuate ai sensi degli articoli 13 e 14. E’ fatto altresì divieto agli utenti diusare, spostare, occultare o sottrarre i contenitori assegnati ad altri ovvero discambiare i propri contenitori con quelli di altri.3. Gli utenti sono tenuti a usare i suddetti contenitori secondo le disposizioni delpresente Regolamento, ad astenersi da modifiche strutturali e da danneggiamentidegli stessi, provvedendo alla loro custodia secondo la dovuta diligenza. Sono acarico dell’utente eventuali danni derivanti dall’uso o dal posizionamento impropridei cassonetti 16
  • 17. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)4. La tipologia e la capacità dei contenitori sono stabilite sulla base dellaproduzione attesa di rifiuti da parte delle utenze, determinata con rilevamentispecifici oppure applicando le stime e le statistiche fornite dalla ricerca piùavanzata nel settore. Per le utenze non domestiche, la tipologia e la capacità deicontenitori sono determinati conformemente ai predetti principi, tenuto conto deicriteri dell’assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani stabiliti dalpresente Regolamento.5. Laddove si verifichino esigenze particolari, possono essere concesse variazionidelle dotazioni iniziali di contenitori al fine di consentire all’utenza la correttafruizione dei servizi di raccolta. Per le utenze non domestiche, le suddette variazioninon devono determinare il superamento dei limiti dell’assimilazione dei rifiuti specialinon pericolosi ai rifiuti urbani stabiliti dal presente Regolamento. La richiesta divariazione da parte degli utenti deve essere presentata al Responsabile del Servizio. Art. 17 – Esposizione dei contenitori per la raccolta domiciliare1. Ai fini dello svuotamento o del ritiro da parte della ditta incaricata, i contenitoridestinati alla raccolta domiciliare devono essere esposti su suolo pubblico osoggetto a uso pubblico nelle adiacenze del proprio numero civico a cura degliutenti, o di persone dagli stessi preposte, nei giorni e negli orari stabiliti e comunicatidal Responsabile del Servizio.2. L’esposizione dei contenitori su suolo privato è ammessa solo nei casi in cuil’esposizione sul suolo pubblico non sia oggettivamente possibile, previoaccertamento dell’Amministrazione comunale. In tale caso, il proprietario ol’amministratore dell’immobile devono autorizzare l’accesso alle aree private allaimpresa incaricata dello svuotamento o del ritiro dei contenitori, sempre che ciònon incida negativamente dal punto di vista tecnico sull’efficienza, sull’efficacia esull’economicità del servizio. L’Amministrazione comunale rimane estranea agliaccordi conclusi tra il proprietario o l’amministratore dell’immobile e l’impresaincaricata dello svuotamento o del ritiro dei contenitori.3. Dopo l’avvenuto svuotamento da parte della ditta incaricata, gli utenti sonotenuti a riposizionare i contenitori nelle aree private pertinenziali di cui all’art. 13entro il termine della giornata in cui è avvenuto il servizio di svuotamento. Art. 18 – Smarrimento dei contenitori per la raccolta domiciliare1. Gli utenti sono tenuti a comunicare al Responsabile del Servizio lo smarrimento deicontenitori o il loro danneggiamento.2. Ove lo smarrimento o il danneggiamento non siano imputabili al detentore, lasostituzione è effettuata a carico del Comune. 17
  • 18. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Art. 19 – Trasporto e pesatura dei rifiuti urbani1. Il trasporto dei rifiuti è eseguito con mezzi idonei a garantire la tuteladell’ambiente e della salute e il rispetto dei principi di sicurezza della circolazione edei principi di sicurezza e di salvaguardia della salute dei soggetti che li conducono.2. La pesatura è effettuata presso l’impianto di destinazione con riferimento a ogniautomezzo per frazioni omogenee di rifiuto. I bindelli di pesatura devono esseretempestivamente consegnati al Responsabile del Servizio. Art. 20 – Divieti riferiti agli imballaggi1. Ai sensi dell’art. 226 del D.lgs. 152/2006, è vietato lo smaltimento in discarica degliimballaggi e dei contenitori recuperati, a eccezione degli scarti derivanti dalleoperazioni di selezione, riciclo e recupero dei rifiuti di imballaggio.2. Ai sensi dell’art. 226, comma 2, del D.lgs. 152/2006, fermo restando quantoprevisto dal comma 3, è vietato immettere nel normale circuito di raccolta dei rifiutiurbani imballaggi terziari di qualsiasi natura.3. Ai sensi dell’art. 226, comma 2, del D.lgs. 152/2006 eventuali imballaggi secondarinon restituiti allutilizzatore dal commerciante al dettaglio possono essere conferiti alservizio pubblico solo in raccolta differenziata, ove la stessa sia stata attivata, neilimiti previsti dall’art. 221, comma 4, del D.lgs. citato. Ai sensi dell’art. 221, comma 4,del D.lgs. 152/2006 e s. m. e i., gli utilizzatori di imballaggi sono tenuti a consegnaregli imballaggi usati secondari e terziari e i rifiuti di imballaggio secondari e terziari inun luogo di raccolta organizzato dai produttori di imballaggi e con gli stessiconcordato. Gli utilizzatori possono tuttavia conferire al servizio pubblico i suddettiimballaggi e rifiuti di imballaggio nei limiti di cui al citato art. 221, comma 4. Art. 21 – Campagne di comunicazione1. Il Comune reputa la comunicazione con i cittadini uno strumento fondamentaleper il conseguimento dei seguenti obiettivi: a) informazione sulle motivazioni ambientali, economiche e normative di una corretta gestione dei rifiuti; b) introduzione della consapevolezza delle conseguenze della produzione di rifiuti; c) educazione alla prevenzione e alla riduzione della produzione di rifiuti e della loro pericolosità; d) informazione sulle modalità e sui vantaggi del trattamento domestico, tramite compostaggio, dei rifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucina e da scarti vegetali; e) informazione all’uso dei servizi di raccolta differenziata. 18
  • 19. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)2. Ai fini del comma 1, il Comune organizza periodiche campagne disensibilizzazione e cura la pubblicazione di mezzi di informazione destinati a tutte leutenze, domestiche e non domestiche, presenti nel territorio. Art. 22 – Numero verde1. Al fine di agevolare le utenze nella fruizione dei servizi di raccolta differenziata, ilComune favorisce un servizio informativo telefonico denominato Numero verde alquale gli utenti si possono rivolgere per: a) ottenere informazioni sui servizi di raccolta e trasporto dei rifiuti in merito a modalità di conferimento dei rifiuti, orari, tipi di materiali oggetto di raccolta, frequenze di svuotamento dei cassonetti e di prelievo dei rifiuti, frequenze di lavaggio e disinfezione e disinfestazione dei contenitori; b) richiedere l’assegnazione o la sostituzione di contenitori; c) prenotare i servizi a chiamata; d) segnalare eventuali disservizi e presentare reclami.2. Il soggetto che gestisce il Numero verde è tenuto a informare il Comune dellaquantità e della tipologia di chiamate ricevute nonché delle richieste, dellesegnalazioni di disservizi e di reclami presentate dagli utenti, secondo quantodisciplinato dai capitolati d’appalto e dai contratti di servizio. Art. 23 – Modalità delle raccolte1. La raccolta dei rifiuti a organici putrescibili costituiti da scarti di cucina è eseguita: a) per le utenze domestiche: a.1. con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville , Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte; a.2. con modalità stradale di prossimità nel quartiere di Montecelio; b) per le utenze non domestiche con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte, Montecelio.I contenitori per la raccolta dei rifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucinasono dotati di transponder passivo per il rilevamento del numero degli svuotamenti.2. La raccolta dei rifiuti di carta e cartone: a) per le utenze domestiche: a.1. con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte; a.2. con modalità stradale di prossimità nel quartiere di Montecelio; 19
  • 20. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) b) per le utenze non domestiche con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte, Montecelio.3. La raccolta congiunta dei rifiuti di imballaggi di plastica, di imballaggi dialluminio e di banda stagnata: a) per le utenze domestiche: a.1. con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte; a.2. con modalità stradale di prossimità nel quartiere di Montecelio; b) per le utenze non domestiche con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte, Montecelio.4. La raccolta dei rifiuti di vetro: a) per le utenze domestiche: con modalità stradale nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte, Montecelio; b) per le utenze non domestiche con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte, Montecelio.5. La raccolta dei rifiuti costituiti da scarti vegetali (sfalci e potature) è eseguita perle utenze domestiche di tutto il territorio comunale con modalità domiciliare achiamata al Numero verde.6. La raccolta dei rifiuti urbani ingombranti e di beni durevoli è eseguita per leutenze domestiche di tutto il territorio comunale con modalità domiciliare achiamata al Numero verde.7. La raccolta di pile esauste e di farmaci scaduti è eseguita con modalità stradaleper le utenze domestiche di tutto il territorio comunale.8. La raccolta dei rifiuti indifferenziati residuali è eseguita: a) per le utenze domestiche: a.1. con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte; a.2. con modalità stradale di prossimità nel quartiere di Montecelio; b) per le utenze non domestiche con modalità domiciliare nei quartieri di Albuccione, Colle Fiorito, Colleverde, Guidonia, Setteville, Marco Simone e Setteville Nord, Villalba, Villanova, La Botte, Montecelio.I contenitori per la raccolta dei rifiuti indifferenziati residuali sono dotati ditransponder passivo per il rilevamento del numero degli svuotamenti. 20
  • 21. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Capo II – Criteri operativi per l’organizzazione delle singole raccolte Sezione I – Rifiuti urbani non pericolosi e rifiuti speciali assimilati a quelli urbani Art. 24 – Raccolta dei rifiuti di carta e di cartone1. Il sistema di raccolta dei rifiuti di carta e di cartone è determinato tra quelli diseguito indicati: a) raccolta domiciliare di materiale sfuso e piegato in pacchi o inserito in appositi contenitori consegnati a cura della ditta affidataria del servizio; b) posizionamento di cassonetti stradali o di prossimità.2. Il conferimento separato dei rifiuti di carta e di cartone riguarda i seguentimateriali, a titolo esemplificativo: a) libri, giornali, riviste, quaderni privi di parti estranee (di metallo, plastica o tessuto) e di fogli plastificati; b) fogli per fotocopiatrici, stampanti e fax; c) imballaggi di carta e di cartone privi di parti estranee.3. Non devono essere conferiti con i rifiuti di carta e di cartone, i seguenti materiali, atitolo esemplificativo: a) la carta patinata e plastificata; b) la carta oleata; c) la carta copiativa; d) la carta chimica; e) la carta stagnola; f) la carta e il cartone sporchi o imbevuti di sostanze pericolose.4. Non è ammesso il conferimento di rifiuti diversi da quelli di carta e cartone.5. Gli utenti sono tenuti a ridurre il volume degli imballaggi di carta e di cartoneprima del conferimento. Art. 25 – Raccolta congiunta dei rifiuti di imballaggi di plastica, alluminio e banda stagnata (imballaggi metallici)1. Il sistema di raccolta dei rifiuti di imballaggi di plastica è determinato tra quelli diseguito indicati: a) assegnazione di contenitori domiciliari; 21
  • 22. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) b) posizionamento di cassonetti stradali o di prossimità.2. Il conferimento separato dei rifiuti di imballaggi di plastica, alluminio e bandastagnata (imballaggi metallici), a titolo esemplificativo, riguarda i seguenti materiali: a) bottiglie dell’acqua minerale; b) bottiglie di bibite; c) bottiglie per olio da cucina; d) flaconi di prodotti per il lavaggio di biancheria e stoviglie; e) flaconi di prodotti per la pulizia della casa; f) flaconi di sapone liquido; g) contenitori di prodotti per l’igiene della persona; h) vaschette per alimenti; i) sacchetti della spesa; j) sacchetti per congelatore; k) retine per frutta e verdura; l) confezioni sagomate per le uova; m) confezioni sagomate per cancelleria e giocattoli; n) reggette per pacchi; o) imballaggi per beni durevoli, tipo polistirolo, pluriball; p) pellicole in plastica per imballaggi; q) imballaggi in genere di alluminio; r) imballaggi in genere di banda stagnata.3. Non è ammesso il conferimento di rifiuti diversi dagli imballaggi di plastica,alluminio e banda stagnata (imballaggi metallici) e di imballaggi con residui deiprodotti al cui contenimento sono destinati.4. Gli utenti sono tenuti a ridurre il volume degli imballaggi di plastica prima delconferimento. Art. 26 – Raccolta dei rifiuti di vetro1. Il sistema di raccolta dei rifiuti di vetro è determinato tra quelli di seguito indicati: a) assegnazione di contenitori domiciliari; b) posizionamento di cassonetti stradali o di prossimità.2. Il conferimento separato dei rifiuti di vetro riguarda i seguenti materiali, a titoloesemplificativo: a) bottiglie; b) barattoli per alimenti; c) contenitori di prodotti per l’igiene della persona; d) oggetti di vetro in genere e loro frammenti.3. Non è ammesso il conferimento dei seguenti materiali, a titolo esemplificativo: a) lampadine elettriche e lampadine al neon; b) oggetti di ceramica, porcellana, terracotta, arcopal, pyrex; 22
  • 23. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) c) termometri, occhiali, specchi, vetro retinato, vetro opale, cristallo.4. Non è ammesso il conferimento di oggetti non di vetro e di imballaggi con residuidei prodotti al cui contenimento sono destinati. Art. 27 – Raccolta dei rifiuti costituiti da indumenti usati e tessuti1. La raccolta dei rifiuti costituiti da indumenti usati e tessuti avviene tramite appositicontenitori stradali.2. Per la raccolta dei rifiuti costituiti da indumenti usati e tessuti, il Comune puòavvalersi della collaborazione di operatori economici privati e del volontariato. Atale scopo, sono stipulate Convenzioni con i soggetti interessati per regolamentarele modalità della raccolta, la tipologia, la quantità, il posizionamento e la frequenzadi svuotamento dei contenitori. La Convenzione prevede anche l’impegno, acarico del raccoglitore, di comunicare tempestivamente al Comune le quantità dimateriale captate.3. Il conferimento separato riguarda i seguenti materiali, a titolo esemplificativo: a) indumenti usati; b) accessori dell’abbigliamento tipo cinture, borsette; c) scarpe; d) coperte. Art. 28 – Raccolta rifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucina1. Sulla base di criteri di economicità, efficacia, efficienza e trasparenza, può essereistituita la raccolta dei rifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucina,determinando il sistema di raccolta tra quelli di seguito indicati: a) assegnazione di contenitori domiciliari; b) posizionamento di cassonetti stradali o di prossimità.2. Il conferimento separato dei rifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucinariguarda i seguenti materiali, a titolo esemplificativo: a) resti di frutta e di verdura; b) avanzi di cibo cotti o crudi; c) carta biodegradabile da cucina sporca o imbevuta di sostanze alimentari; d) gusci di uova; e) semi e granaglie; f) truciolato e segatura da legno non trattato, piccoli pezzi di legno non trattato; g) capelli recisi; h) cenere spenta (da caminetto o stufa); i) fondi di caffé e filtri del te; j) fiori recisi e piccole piante da appartamento; 23
  • 24. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) k) lettiere biodegradabili di piccoli animali domestici.3. Non è ammesso il conferimento dei rifiuti diversi dagli scarti di cucina.4. In ambiti territoriali caratterizzati da unità abitative aventi prevalentemente spazipertinenziali privati idonei alla pratica del compostaggio domestico, il Comune puòstabilire di non attivare uno specifico servizio di raccolta differenziata dei rifiuticompostabili. Art. 29 – Raccolta dei rifiuti costituiti da scarti vegetali1. Sulla base di criteri di economicità, efficacia, efficienza e trasparenza, può essereistituita la raccolta dei rifiuti costituti da scarti di vegetali, determinando il sistema diraccolta tra quelli di seguito indicati: a) assegnazione di contenitori domiciliari; b) posizionamento di cassonetti stradali.2. Il conferimento separato degli scarti vegetali riguarda i seguenti materiali, a titoloesemplificativo: a) sfalcio dei prati; b) foglie e fiori; c) ramaglie da potature; d) resti di alberi e piante; e) resti vegetali derivanti dalla pulizia di orti e giardini.3. Non è ammesso il conferimento dei rifiuti diversi dagli scarti vegetali. Art. 30 – Raccolta congiunta di frazioni merceologiche di rifiuti riciclabili diverse1. Può essere organizzata la raccolta congiunta di frazioni merceologiche di rifiutiriciclabili diverse, costituite da imballaggi, ove ciò risponda a criteri di economicità,efficienza, efficacia e trasparenza, e consenta di conseguire i risultati di raccoltadifferenziata stabiliti dalle disposizioni nazionali, regionali, provinciali. La raccoltacongiunta può essere organizzata attraverso: a) assegnazione di contenitori domiciliari; b) posizionamento di cassonetti stradali.2. I materiali raccolti devono essere trattati in impianti che consentono l’effettivorecupero degli stessi. Art. 31 – Rifiuti da esumazioni ed estumulazioni1. Le parti anatomiche riconoscibili nonché i resti mortali derivanti dalle operazioni diesumazione ed estumulazione sono disciplinate dal D.P.R. 254/2003, Regolamentorecante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell’art. 24 della Legge179/2002. 24
  • 25. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)2. Per rifiuti da esumazione ed estumulazione, si intendono i seguenti rifiuti costituitida parti, componenti, accessori e residui contenuti nelle casse utilizzate perinumazione o tumulazione: a) assi e resti delle casse utilizzate per la sepoltura; b) simboli religiosi, piedini, ornamenti e mezzi di movimentazione della cassa (ad esempio: maniglie); c) avanzi di indumenti, imbottiture e similari; d) resti non mortali di elementi biodegradabili inseriti nel cofano; e) resti metallici di casse (ad esempio: zinco, piombo).3. I rifiuti da esumazioni ed estumulazioni devono essere raccolti separatamentedagli altri rifiuti urbani.4. I rifiuti da esumazioni ed estumulazioni devono essere raccolti e trasportati inappositi imballaggi a perdere flessibili, di colore distinguibile da quelli utilizzati per laraccolta delle altre frazioni dei rifiuti urbani prodotti allinterno dellarea cimiteriale erecanti la scritta "Rifiuti urbani da esumazioni e da estumulazioni".5. I rifiuti da esumazione ed estumulazione possono essere depositati in appositaarea confinata individuata dal Comune allinterno del cimitero, qualora talioperazioni si rendano necessarie per garantire una maggiore razionalità del sistemadi raccolta e trasporto e a condizione che i rifiuti siano adeguatamente racchiusinegli appositi imballaggi a perdere flessibili di cui al precedente comma.6. I rifiuti da esumazione ed estumulazione devono essere avviati al recupero osmaltiti in impianti autorizzati, ai sensi del D.lgs. 152/2006, per lo smaltimento dei rifiutiurbani.7. La gestione dei rifiuti da esumazioni e da estumulazioni deve favorire il recuperodei resti metallici di casse.8. Nel caso di avvio a discartica senza preventivo trattamento di taglio o triturazionedegli assi e dei resti delle casse utilizzate per la sepoltura e degli avanzi di indumenti,imbottiture e similari, tali rifiuti devono essere inseriti in apposito imballaggio aperdere, anche flessibile.9. Per rifiuti derivanti da altre attività cimiteriali si intendono: a) materiali lapidei, inerti provenienti da lavori di edilizia cimiteriale, terre di scavo, smurature e similari; b) altri oggetti metallici o non metallici asportati prima della cremazione, tumulazione od inumazione. 25
  • 26. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)10. I materiali lapidei, inerti, provenienti da lavori di edilizia cimiteriale, terre di scavo,smurature e similari possono essere riutilizzati allinterno della stessa strutturacimiteriale, avviati al recupero o smaltiti in impianti per rifiuti inerti.11. Nella gestione dei rifiuti provenienti da altre attività cimiteriali, devono esserefavorite le operazioni di recupero di altri oggetti metallici e non metallici asportatiprima della cremazione, tumulazione ed inumazione. Sezione II – Rifiuti urbani ingombranti e di beni durevoli Art. 32 – Raccolta dei rifiuti urbani ingombranti e di beni durevoli1. La raccolta dei rifiuti urbani ingombranti e di beni durevoli avviene con modalitàdomiciliare a chiamata al Numero verde.2. L’utente deve posizionare il materiale ordinatamente e in modo da occupare ilminimo spazio possibile e da non arrecare pregiudizio, intralcio o pericolo per lasicurezza e la circolazione di persone e veicoli, secondo le indicazioni del Numeroverde.3. Le operazioni di recupero e di smaltimento dei beni durevoli contenenti sostanzedannose per l’ambiente e per la salute sono eseguite nel rispetto della vigentenormativa. L’utente deve astenersi da manomissioni di tali beni che possanocomportare la dispersione di sostanze dannose per l’ambiente e per la salute. Art. 33 – Cantieri edili1. I titolari di imprese che operano nell’ambito di cantieri edili siti sul territoriocomunale sono tenuti a comunicare al Responsabile del Servizio il luogo ove èubicato il cantiere, la durata dei lavori, la tipologia e la quantità di rifiuti solidiassimilati a quelli urbani che mediamente saranno prodotti.2. Sulla base delle indicazioni di cui al comma 1, il Responsabile del Servizioorganizza e fornisce un servizio di raccolta differenziata dei rifiuti solidi assimilati aquelli urbani, stabilendo il tipo, la capacità e il numero dei contenitori necessari.3. I titolari di imprese che operano nell’ambito dei cantieri edili sono tenuti, altresì, averificare il corretto utilizzo dei contenitori forniti e la corretta differenziazione deirifiuti solidi assimilati a quelli urbani conferiti. Sezione III – Rifiuti urbani pericolosi Art. 34 – Raccolta di pile esauste e di farmaci scaduti (per le utenze domestiche) 26
  • 27. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)1. Le pile esauste e i farmaci scaduti provenienti da utenze domestiche devonoessere conferiti separatamente negli appositi contenitori collocati sul territoriocomunale.2. I contenitori per le pile esauste e i contenitori per i farmaci scaduti sono collocatinelle aree indicate dal Responsabile del Servizio, prevalentemente in prossimità deisoggetti rivenditori di tali prodotti. Sezione IV – Rifiuti urbani indifferenziati residuali Art. 35 – Raccolta dei rifiuti indifferenziati residuali1. Il sistema di raccolta dei rifiuti indifferenziati residuali è determinato tra quelli diseguito indicati: a) assegnazione di contenitori domiciliari; b) posizionamento di cassonetti stradali o di prossimità.2. Per rifiuti indifferenziati residuali, si intendono i vari materiali non recuperabili (senon dal punto di vista energetico) e i materiali per i quali non esiste una specificaraccolta che ne consenta il conferimento separato.3. Fra i rifiuti indifferenziati residuali, in ogni caso, è vietato immettere, a titoloesemplificativo: a) carta e cartone; b) imballaggi di plastica; c) imballaggi di alluminio e banda stagnata; d) imballaggi e altri oggetti di vetro; e) pile esauste e farmaci scaduti; f) indumenti usati e tessili; g) beni ingombranti e beni durevoli; h) rifiuti speciali non assimilati a quelli urbani; i) rifiuti inerti da lavorazioni edili; j) qualsiasi rifiuto per il quale il Comune abbia istituito un’apposita raccolta differenziata.4. Indipendente dal sistema di raccolta attivato, gli utenti devono sempreracchiudere i rifiuti indifferenziati residuali in sacchi di plastica, avendo cura diavvolgere con materiale isolante gli oggetti acuminati e taglienti. Sezione V – Lavaggio, spazzamento e pulizia del territorio Art. 36 – Lavaggio e spazzamento delle strade e delle aree pubbliche o private soggette a uso pubblico 27
  • 28. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)1. Fatto salvo il divieto di abbandono di rifiuti, è organizzato il servizio di lavaggio e dispazzamento delle strade e delle aree pubbliche nonché delle strade e delle areeprivate comunque soggette a uso pubblico.2. I rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade, e quelli, di qualunque natura oprovenienza, giacenti sulle strade e aree pubbliche o sulle strade e aree privatecomunque soggette a uso pubblico e sulle rive dei corsi d’acqua, raccolti dalservizio pubblico, sono gestiti con modalità adeguate alla diversa natura dei rifiutistessi, in conformità alla normativa vigente in materia.3. Allo scopo di consentire la raccolta di rifiuti di piccola pezzatura prodotti daipassanti o dai frequentatori di spazi pubblici, sono installati, in detti spazi, appositicestini e attrezzature similari. E’ vietato conferire in tali contenitori rifiuti urbaniprovenienti dalle abitazioni o rifiuti speciali, assimilati e non. Art. 37 – Pulizia delle aree occupate da esercizi pubblici1. I titolari di concessioni, anche temporanee, di suolo pubblico, per l’esercizio dibar, ristoranti, trattorie, alberghi, chioschi, parcheggi auto e simili, sono tenuti allapulizia delle aree occupate, indipendentemente dai tempi in cui è eseguito ilservizio pubblico di spazzamento e lavaggio della via o della piazza in cui tali areesono collocate.2. I gestori di pubblici esercizi sono tenuti a predisporre appositi contenitori a usodegli utenti per il conferimento differenziato dei rifiuti che possono derivaredall’attività di somministrazione esercitata. I gestori predetti sono altresì tenuti allapulizia dell’area esterna eventualmente interessata. Sezione VI – Gestione di categorie particolari di rifiuti Art. 38 – Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche – RAEE1. La disciplina della gestione dei RAEE – Rifiuti da apparecchiature elettriche edelettroniche è data dal D.lgs. 25 luglio 2005, n. 151 e s. m. e i. e dall’art. 227, comma1, lett. a), del D.lgs. 152/2006. Art. 39 – Altre categorie particolari di rifiuti1. Per la gestione dei rifiuti sanitari, si applicano le disposizioni del D.P.R. 15 luglio2003, n. 254.2. Per i rifiuti costituti da veicoli fuori uso, si applicano le disposizioni di cui allaDirettiva 2000/53/CE e al D.lgs. 24 giugno 2003, n. 209, ferma restando la ripartizionedegli oneri, a carico degli operatori economici, per il ritiro e trattamento dei veicolifuori uso in conformità a quanto previsto dallarticolo 5, comma 4, della citata 28
  • 29. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)Direttiva 2000/53/CE. Per i rifiuti costituiti da veicoli fuori uso, non disciplinati dal D.lgs.209/2003, si applica l’art. 231 del D.lgs. 152/2006.3. Per il recupero dei rifiuti dei beni e prodotti contenenti amianto, si applicano ledisposizioni del DM 29 luglio 2004, n. 248. Capo III – Manifestazioni pubbliche e mercati Art. 40 – Manifestazioni pubbliche istituzionalizzate1. Il competente Ufficio comunale predispone e aggiorna l’elenco dellemanifestazioni pubbliche istituzionalizzate, che si svolgono su suolo pubblico ocomunque soggetto a uso pubblico recante, per ciascuna di esse, in quali giorni eorari dette manifestazioni si svolgono, il tipo di attività da cui può derivare laproduzione di rifiuti, l’eventuale sosta prolungata di roulotte e camper, il tipo diaffluenza attesa.2. Sulla base delle indicazioni di cui al comma 1, per tali manifestazioni, il Comuneorganizza e fornisce un servizio di raccolta differenziata dei rifiuti, stabilendo il tipo, lacapacità e il numero di contenitori necessari ed esegue il servizio di pulizia dellearee interessate. Gli oneri per tali servizi rientrano nei costi generali del servizio digestione dei rifiuti.3. Gli organizzatori delle manifestazioni pubbliche istituzionalizzate sono tenuti ainvitare i frequentatori a non abbandonare al suolo i rifiuti prodotti, a differenziarli ea collocarli negli appositi contenitori messi a disposizione del Comune. Art. 41 – Manifestazioni pubbliche non istituzionalizzate1. Gli organizzatori di manifestazioni, compresi gli spettacoli viaggianti e i luna park,che si svolgono su suolo pubblico o comunque soggetto a uso pubblico, nonrientranti tra quelle istituzionalizzate di cui all’art. 40, sono tenuti a comunicare alResponsabile del Servizio in quali giorni e orari dette manifestazioni si svolgono, il tipodi attività da cui può derivare la produzione di rifiuti, che sono previste nel corsodelle stesse, l’eventuale sosta prolungata di roulotte e camper, e il tipo di affluenzaattesa.2. Sulla base delle indicazioni di cui al comma 1, il Comune organizza e fornisce unservizio di raccolta differenziata dei rifiuti, stabilendo il tipo, la capacità e il numerodi contenitori necessari ed esegue il servizio di pulizia delle aree interessate.3. Gli organizzatori di manifestazioni pubbliche sono altresì tenuti a invitare ifrequentatori a non abbandonare al suolo i rifiuti prodotti, a differenziarli e acollocarli negli appositi contenitori messi a disposizione del Comune. Art. 42 – Mercati 29
  • 30. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)1. Laddove si svolgano i mercati all’ingrosso e al dettaglio, su aree pubbliche ocomunque soggette a uso pubblico, coperte o scoperte, il Comune organizza unservizio di raccolta differenziata dei rifiuti destinato specificamente a detti mercati,prevedendo dotazioni di contenitori adeguati al tipo di produzione di rifiuti attesanel corso dei medesimi.2. Gli esercenti il commercio in forma ambulante nei mercati di cui al comma 1 sonotenuti a lasciare pulita l’area occupata e a conferire separatamente i rifiuti prodotticollocandoli negli appositi contenitori messi a disposizione dal Comune. Capo IV – Destinazione dei rifiuti urbani Art. 43 – Destinazione dei rifiuti urbani1. I rifiuti recuperabili, raccolti separatamente per frazioni merceologicheomogenee o congiunte, sono inviati a impianti pubblici e privati che li trattano ai finidel recupero.2. I rifiuti di imballaggio di cui al Titolo II della parte IV del D.lgs. 152/2006, sono inviatialle strutture dei Consorzi di filiera del CONAI: CIAL, COMIECO, COREPLA, COREVE,RILEGNO. I rapporti con i singoli Consorzi di filiera sono disciplinati dall’Accordo ANCI– CONAI, di rilevanza nazionale, e da apposite Convenzioni stipulate tra i soggettiinteressati.3. I rifiuti indifferenziati residuali sono destinati al recupero o allo smaltimento, nelrispetto della vigente normativa in materia di recupero e di smaltimento dei rifiuti. Titolo III – Assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani Art. 44 – Principi dell’assimilazione1. Possono essere assimilati ai rifiuti urbani i rifiuti speciali non pericolosi provenientida locali e luoghi adibiti a usi diversi da quello di civile abitazione, secondo i criteri dicui all’art. 195, comma 2, lettera e), ferme restando le definizioni di cui all’art. 184,comma 2, lettere c) e d) del D.lgs. 152/2006.2. Ai sensi dell’art. 1, comma 184, lettera b), della Legge 27 dicembre 2006, n. 296,nelle more della completa attuazione delle disposizioni recate dal D.lgs. 152/2006, inmateria di assimilazione dei rifiuti speciali ai rifiuti urbani, continuano ad applicarsi ledisposizioni degli articoli 18, comma 2, lettera d), e 57, comma 1, D.lgs. 05 febbraio1997, n. 22.3. La gestione dei rifiuti speciali assimilati avviati allo smaltimento sono gestiti inprivativa dal Comune, secondo le disposizioni dell’art. 198 del D.lgs. 152/2006. 30
  • 31. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Articolo 45 – Criteri di assimilazione dei rifiuti speciali agli urbani1. Per l’aspetto qualitativo sono assimilati ai rifiuti urbani, fino alla entrata in vigoredei criteri determinati dallo Stato, ai sensi dell’art. 195, comma 2, lett. e), i rifiutispeciali non pericolosi che abbiano una composizione merceologica analoga aquella dei rifiuti urbani o, comunque, siano costituiti da manufatti e materiali simili aquelli elencati, a titolo esemplificativo, al n. 1, punto 1.1.1 della Deliberazione delComitato Interministeriale del 27 luglio 1984, riprodotto nell’Allegato A al presenteRegolamento, ad eccezione dei rifiuti classificati come pericolosi dalla normativavigente.2. Per l’aspetto quantitativo, sono assimilati ai rifiuti urbani i rifiuti speciali nonpericolosi di cui al comma 1 per le quantità massime indicate, per ciascunacategoria di utenza non domestica, nell’Allegato 2. Le predette quantità sonoespresse in kg/m2/anno e i valori unitari si applicano alle superficie dichiarate dalleutenze non domestiche per la commisurazione e la riscossione della TARSU di cui alD.lgs. 15 novembre 1993, n. 507. Le predette quantità sono mutuate dal D.P.R. 27aprile 1999, n. 158, Allegato I, tabella 4a, valore medio per l’area geograficaCENTRO.3. Per l’attribuzione della categoria di cui all’Allegato B, si fa riferimento all’attivitàeffettivamente esercitata dall’utenza non domestica e, laddove necessario, siattribuisce la categoria più affine sotto il profilo della produttività potenziale di rifiuti,sempre considerata l’attività effettivamente esercita. Art. 46 – Oneri dei produttori e dei detentori di rifiuti speciali non assimilati1. I produttori o detentori di rifiuti speciali non assimilati sono tenuti a distinguere iflussi di tali rifiuti da quelli urbani e da quelli speciali assimilati e assolvono i propriobblighi con le seguenti priorità: a) autosmaltimento dei rifiuti; b) conferimento dei rifiuti a terzi autorizzati ai sensi delle disposizioni vigenti; c) conferimento dei rifiuti ai soggetti che gestiscono il servizio pubblico di raccolta dei rifiuti urbani, con i quali sia stata stipulata apposita convenzione; d) utilizzazione del trasporto ferroviario di rifiuti pericolosi per distanze superiori a trecentocinquanta chilometri e quantità eccedenti le venticinque tonnellate; e) esportazione dei rifiuti con le modalità previste dallarticolo 194 del D.lgs. 152/2006. 31
  • 32. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Titolo IV – Compostaggio domestico Art. 47 – Definizione di compostaggio domestico1. Il compostaggio domestico è un sistema di trattamento dei rifiuti organiciputrescibili costituiti da scarti di cucina e da scarti vegetali.2. Dalla trasformazione aerobica naturale dei suddetti rifiuti, si ottiene il compost,terriccio ricco di sostanze nutritive da riutilizzare come ammendante nel terreno delproprio orto o giardino.3. Dal compostaggio domestico sono esclusi gli scarti a matrice organica putrescibiliderivanti da attività di trasformazione e lavorazione agro – industriale, industriale eartigianale. Art. 48 – Il compostaggio domestico nel territorio del Comune di Guidonia Montecelio1. Il Comune sostiene e favorisce la pratica del corretto trattamento domestico deirifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucina e da scarti vegetali.2. Il Comune assicura un’idonea comunicazione ai cittadini sulle modalità e suivantaggi del compostaggio domestico. Art. 49 – Finalità del compostaggio domestico1. La pratica del compostaggio domestico è finalizzata a: a) ridurre i quantitativi di rifiuti da conferire agli impianti di trattamento o smaltimento, sottraendo i rifiuti organici putrescibili costituiti da scarti di cucina e da scarti vegetali dal circuito di gestione, generando benefici ambientali ed economici; b) riprodurre in forma controllata e vigilata i processi naturali di decomposizione aerobica delle sostanze organiche che portano alla formazione del compost. Art. 50 – Rifiuti compostabili1. Possono essere compostati i seguenti materiali: a) rifiuti di cucina (a titolo esemplificativo: resti di frutta e di ortaggi, avanzi di cibo in genere cotti e crudi, fondi di caffé, filtri del te privi di fermagli metallici, gusci di uova); 32
  • 33. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) b) scarti del giardino e dell’orto (a titolo esemplificativo: sfalcio dei prati, legno di potatura e ramaglie, fiori appassiti, foglie secche, residui di ortaggi); c) segatura e trucioli da legno non trattato, frammenti di legno non trattato, sughero non trattato; d) cenere di combustione di scarti vegetali.2. È raccomandato l’utilizzo moderato di foglie di piante resistenti alla degradazione(quali, ad esempio, aghi di conifere, magnolia, castagno) poiché rallentano ilprocesso di compostaggio e di avanzi di cibo di origine animale. È altresì damoderare l’impiego di lettiere biodegradabili di animali domestici per possibiliproblemi igienico-sanitari.3. È vietato il compostaggio delle seguenti sostanze, a titolo esemplificativo: metalliin genere, plastica e gomma in genere, rifiuti derivanti da attività di demolizioneedile, vetro, sostanze contenenti acidi (vernici, batterie di autoveicoli), sostanzecontenenti prodotti di sintesi e metalli pesanti o dagli stessi contaminate (quali adesempio, pile, olii vegetali e minerali), tessuti, legno verniciato, legno comunquesottoposto a trattamento con sostanze non naturali, farmaci scaduti, carta patinata,carta stampata, carta colorata. Art. 51 – Utilizzo dei rifiuti compostabili e distanze dai confini1. Per praticare il compostaggio domestico, le utenze dotate di spazio verde esterno(orto o giardino), possono utilizzare: compostiera, cumulo, buca, cassa dicompostaggio o altra tecnica idonea. L’area dove avviene il compostaggio deveessere situata nel territorio del Comune; nell’istanza di inserimento nell’Albo deicompostatori di cui all’art. 52, l’utente deve indicare in quale luogo pratica ilcompostaggio.2. Il compostaggio, qualunque sia la tecnica adottata, deve essere ubicatopreferibilmente in zona ombrosa, per evitare una precoce ed eccessivadisidratazione dei rifiuti compostabili e il rallentamento del processo didecomposizione, e priva di ristagni di acqua, per evitare alterazioni della materia indecomposizione che possono portare alla sua putrefazione.3. Il processo di compostaggio deve essere costantemente controllato, affinché nondia luogo a emissioni nocive o fastidiose o a condizioni prive di igiene e di decoro. Atale scopo, si raccomanda di: a) collocare il materiale su un fondo drenante che consenta la penetrazione nel terreno del liquido, evitandone il ristagno a contatto con il materiale stesso; b) miscelare in modo equilibrato i rifiuti compostabili, non trascurando di utilizzare anche materiale di supporto (rami in pezzi, piccoli resti di legno non trattato); 33
  • 34. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) c) rivoltare periodicamente (almeno una volta la settimana) il materiale, per favorire la sua ossigenazione e il processo di decomposizione da parte di microrganismi aerobi; d) controllare l’umidità del materiale, provvedendo, se necessario, ad aumentarla (con aggiunta di acqua o di maggiori quantità di rifiuti compostabili umidi) ovvero a ridurla (con aggiunta di rifiuti compostabili secchi, quali foglie, paglia, segatura da legno non trattato, ecc.); e) coprire con materiale isolante e traspirante nel periodo invernale per evitare l’eccessivo raffredamento del processo.4. La pratica del compostaggio domestico deve rispettare una distanza minima didue metri dagli altri fondi, calcolati dal punto più vicino del perimetro esternodell’ammasso di materiale.5. Al fine di praticare il compostaggio domestico, presso l’orto o il giardino incomproprietà condominiale, è necessario l’assenso di tutti i condomini, anche dicoloro i quali non hanno richiesto l’inserimento nell’Albo dei compostatori di cuiall’art. 52 o che, comunque, non praticano il compostaggio domestico. Art. 52 – Albo dei compostatori e riduzione tributaria1. Gli utenti che intendono destinare sia gli scarti di cucina sia gli scarti verdi alcompostaggio domestico, non conferendoli al servizio pubblico di gestione, sonotenuti a comunicarlo all’Ufficio Tributi per essere inseriti nell’Albo dei compostatori.L’Albo dei compostatori è l’elenco degli utenti che trattano in modo autonomo irifiuti compostabili, secondo le disposizioni del presente Regolamento.2. La suddetta comunicazione è resa tramite un apposito modulo distribuitodall’Ufficio Tributi dal quale risultano: a) la richiesta dell’utente di essere iscritti nell’Albo dei compostatori; b) l’impegno dell’utente di destinare gli scarti di cucina e gli scarti vegetali al compostaggio domestico non conferendoli al servizio pubblico di gestione; c) il luogo dove il compostaggio domestico viene praticato; d) la dichiarazione dell’utente di accettare i controlli predisposti dall’Amministrazione comunale.3. Gli utenti iscritti nell’Albo dei compostatori sono tenuti: a) a praticare il compostaggio domestico secondo le disposizioni del presente Regolamento; b) a non conferire al servizio pubblico di gestione i rifiuti compostabili. 4. Gli utenti iscritti nell’Albo dei compostatori possono beneficiare di una riduzionedell’importo dovuto a titolo TARSU, secondo quanto disposto dal Regolamentocomunale sull’applicazione della TARSU. 34
  • 35. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Art. 53 – Controlli, cancellazione dall’Albo dei compostatori, sanzioni, decadenza della riduzione tributaria1. Al fine di verificare il buon andamento della pratica del compostaggiodomestico, il Comune predispone controlli nel luogo dove gli iscritti all’Albo deicompostatori hanno dichiarato di praticare il compostaggio.2. Detti controlli verificano altresì l’assenza di materiale compostabile tra i rifiutiindifferenziati. La presenza di materiale compostabile tra i rifiuti indifferenziati èsanzionata ai sensi dell’art. 57.3. Dei suddetti controlli è redatto apposito verbale in duplice copia, di cui una èconsegnata all’utente.4. Qualora i controlli accertino che l’utente non provvede al compostaggiodomestico, decade la riduzione tributaria e l’utente è cancellato dall’Albo deicompostatori. L’utente è inoltre sanzionato ai sensi dell’art. 57. Titolo V – Controlli, divieti e sanzioni Art. 54 – Controlli sull’operato delle ditte incaricate dei servizi1. Il Comune garantisce il controllo sull’operato delle ditte affidatarie dei servizi diraccolta e trasporto dei rifiuti rispetto agli impegni dalle stesse assunti con lasottoscrizione del contratto di servizio, attraverso: a) verifiche dirette sul territorio; b) analisi della reportistica sulla esecuzione giornaliera dei servizi; c) verifica delle segnalazioni di disservizi; d) rendicontazione di eventuali disservizi imputabili alle ditte e applicazione delle corrispondenti penalità previste dal contratto di servizio. Art. 55 – Controlli sulle violazioni degli utenti1. La Polizia Municipale e gli Uffici comunali a ciò preposti sono tenuti a vigilare sulrispetto del presente Regolamento.2. La Polizia Municipale irroga le sanzioni previste dal presente Regolamento. Lesanzioni sono introitate dal Comune, ad eccezione di quelle di competenzaprovinciale ex art. 262 del D.lgs. 152/2006. Art. 56 – Divieti1. Oltre a quanto previsto, in merito a divieti, da altre disposizioni del presenteRegolamento o dalla normativa europea, nazionale e regionale in materia digestione dei rifiuti, è vietato: a) depositare all’interno e all’esterno dei cestini o attrezzature similari di cui 35
  • 36. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) all’art. 36, comma 3, dislocati sul territorio, qualsiasi rifiuto proveniente da locali e luoghi adibiti all’uso di civile abitazione e di attività non domestiche in genere; b) esporre sacchi e cassonetti contenenti rifiuti sulla via pubblica in giorni e in orari diversi da quelli stabiliti e comunicati agli utenti dal Responsabile del Servizio o attraverso specifiche campagne informative di iniziativa comunale; c) l’utilizzo, per il conferimento dei rifiuti raccolti a domicilio, di contenitori diversi da quelli assegnati dal Comune agli utenti; d) l’imbrattamento, l’affissione di manifesti o di altro materiale sui contenitori per la raccolta dei rifiuti; e) qualsiasi comportamento che sia di intralcio o che determini ritardo all’opera degli addetti ai servizi di gestione dei rifiuti; f) il conferimento di rifiuti diversi da quelli cui i contenitori o i sistemi di raccolta sono destinati, o con modalità diverse di conferimento rispetto a quelle stabilite dal presente Regolamento o dal Responsabile del Servizio; g) il conferimento al servizio di raccolta di materiali che non siano stati precedentemente ridotti di volume o che per dimensioni, consistenza e altre caratteristiche possano arrecare danno ai contenitori o ai mezzi di raccolta, nonché costituire pericolo per i cittadini e per gli addetti ai servizi; h) il conferimento al servizio di raccolta di liquidi corrosivi nonché di materiali ardenti o tali da danneggiare i contenitori oppure tali da costituire situazioni di pericolo; i) il conferimento di rifiuti acuminati o taglienti che non siano stati precedentemente avvolti in materiale isolante; j) la combustione di qualunque tipo di rifiuto; k) l’abbandono dei rifiuti fuori dei contenitori; l) il conferimento di rifiuti provenienti da altri Comuni; m) il danneggiamento delle strutture del servizio pubblico di gestione dei rifiuti; n) per le utenze non domestiche, il conferimento al servizio pubblico di gestione di rifiuti di natura diversa da quella indicata nei criteri dell’assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani di cui all’Allegato n. 1. Art. 57 – Sanzioni1. Tenuto conto degli articoli 114 e 117 della Costituzione e dell’articolo 7-bis delD.lgs. 267/2000, per le violazioni alle disposizioni del presente Regolamento, ove noncostituiscano reato e non siano altrimenti sanzionati da Leggi o Decreti, sonoapplicate ai trasgressori le seguenti sanzioni amministrative pecuniarie con lemodalità di cui alla Legge 689/1981, fatta salva la segnalazione allAutoritàGiudiziaria, qualora ne ricorrano i presupposti: a) per la violazione dei divieti di cui all’art. 56: sanzione sanzione violazione minima massima 36
  • 37. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)depositare all’interno dei cestini oattrezzature similari di cui all’art. 36,comma 3, dislocati sul territorio,qualsiasi rifiuto proveniente da locali e € 50,00 € 500,00luoghi adibiti all’uso di civileabitazione e di attività nondomestiche in genere;esporre sacchi e cassonetticontenenti rifiuti sulla via pubblica ingiorni e in orari diversi da quelli stabiliti € 50,00 € 500,00e comunicati agli utenti dalResponsabile del Servizio;utilizzo, per il conferimento dei rifiutiraccolti a domicilio, di contenitori € 50,00 € 500,00diversi da quelli assegnati dal Comuneagli utenti;imbrattamento, affissione di manifestio di altro materiale sui contenitori per € 50,00 € 500,00la raccolta dei rifiuti;qualsiasi comportamento che sia diintralcio o che determini ritardo € 50,00 € 500,00all’opera degli addetti ai servizi digestione dei rifiuti;conferimento di rifiuti diversi da quellicui i contenitori o i sistemi di raccoltasono destinati, o con modalità diverse € 50,00 € 500,00di conferimento rispetto a quellestabilite dal presente Regolamento odal Responsabile del Servizio;conferimento al servizio di raccolta dimateriali che non siano statiprecedentemente ridotti di volume oche per dimensioni, consistenza e altrecaratteristiche possano arrecare € 50,00 € 500,00danno ai contenitori o ai mezzi diraccolta, nonché costituire pericoloper i cittadini e per gli addetti aiservizi;conferimento al servizio di raccolta diliquidi corrosivi nonché di materialiardenti o tali da danneggiare i € 50,00 € 500,00contenitori oppure tali da costituiresituazioni di pericolo;conferimento di rifiuti acuminati o € 50,00 € 500,00taglienti che non siano stati 37
  • 38. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) precedentemente avvolti in materiale isolante; combustione di qualunque tipo di € 50,00 € 500,00 rifiuto; conferimento di rifiuti provenienti da € 50,00 € 500,00 altri Comuni; danneggiamento delle strutture del € 50,00 € 500,00 servizio pubblico di gestione dei rifiuti; per le utenze non domestiche, conferimento al servizio pubblico di gestione di rifiuti di natura diversa da quella indicata nei criteri € 50,00 € 500,00 dell’assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani di cui all’Allegato n. 1; b) per l’inottemperanza agli obblighi di cui all’art. 13, comma 6, e all’art. 14, comma 5: una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50,00 a euro 500,00; c) per l’inottemperanza all’obbligo di cui all’art. 52, comma 3, lettera a): una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50,00 a euro 500,00; d) per la violazione del divieto di cui all’art. 52, comma 3, lettera b): una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50,00 a euro 500,00; e) per la violazione del divieto di cui all’art. 53, comma 2: una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50,00 a euro 500,00; f) per la violazione del divieto di cui all’art. 53, comma 4: una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 50,00 a euro 500,00;2. Ai sensi dell’art. 6, comma 3bis, della Legge Regionale 09 luglio 1998, n. 27 esuccessive modificazioni e integrazioni, il Comune può, con provvedimento delSindaco, conferire ai propri dipendenti o ai dipendenti dei soggetti ai quali èaffidato il servizio di raccolta dei rifiuti, funzioni di accertamento e di contestazioneimmediata delle violazioni delle disposizioni dei Regolamenti comunali relative allemodalità del conferimento dei rifiuti ai servizi di raccolta. 38
  • 39. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Titolo VI – Diritti dell’utenza all’informazione e azioni positive Capo I – Informazione Art. 58 – Informazione all’utenza 1. Il Comune, direttamente e/o tramite l’impresa incarica dei servizi di igiene urbana o altri soggetti incaricati, provvede alla divulgazione delle informazioni relative alla definizione delle modalità di erogazione dei servizi in attuazione del presente Regolamento e sui comportamenti da tenersi da parte dei cittadini, nonché di ogni altra informazione atta a garantire la piena conoscenza di tutti i provvedimenti che regolano la materia. Art. 59 – Carta dei servizi 1. La ditta incaricata dei servizi elabora, sulla base dei principi stabiliti dalla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 27 gennaio 1994, di quanto stabilito dall’art. 2, comma 461, della Legge 24 dicembre 2007, n. 244 e di concerto con il Comune e gli altri soggetti portatori di interessi in materia, la “Carta dei servizi della gestione dei rifiuti urbani”. 2. La “Carta dei servizi della gestione dei rifiuti urbani” definisce gli standard qualitativi e i livelli dei servizi, le modalità di erogazione degli stessi, la dettagliata definizione delle frazioni differenziate, gli strumenti di informazione messi a disposizione dell’utenza, le procedure di reclamo e le forme di ristoro e di indennizzo per disservizi non causati da forza maggiore, nella misura e con le modalità stabilite nel Contratto di Servizio tra il Comune e il soggetto gestore. 3. Analogamente sono definite le carte dei servizi per la gestione di servizi integrativi di igiene e decoro urbano, del servizio di riscossione della TARSU e quelle di eventuali servizi erogati direttamente dal Comune. Capo II – Azioni Positive Art. 60 – Prevenzione e cooperazione1. Il Comune, anche attraverso accordi con le associazioni dei cittadini, leassociazioni ambientaliste e di volontariato e i rappresentanti di categoria,provvedono a realizzare progetti e campagne informative ed educative volte allacooperazione degli utenti nel miglioramento dei servizi e del decoro della città,nonché nelle azioni per favorire la riduzione nella produzione dei rifiuti, perl’incremento del recupero e riciclo dei materiali e promuovere e incentivare sistemidi gestione ambientale certificati, prevedendo anche forme di agevolazione epremialità. 39
  • 40. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)2. Il Comune promuove la pratica del Green Pubblic Procurement (GPP o acquisitiverdi) sia nell’ambito delle proprie forniture sia attraverso accordi volontari,protocolli d’intesa, accordi e contratti di programma con altre Amministrazioni cheoperano nel territorio comunale, associazioni imprenditoriali e produttori.3. Il Comune promuove e incentiva l’utilizzo di materiali e prodotti ad altacompatibilità ambientale che riducono l’utilizzo delle risorse naturali e minimizzanola produzione di rifiuti nel momento dello smaltimento del bene. Titolo VII – Disposizioni finali Art. 61 – Rinvio normativo1. Per quanto non espressamente disposto nel presente Regolamento, si rinvia alledisposizioni dell’Unione Europea, statali e regionali vigenti e future in materia digestione dei rifiuti.2. Per quanto non espressamente disposto nel presente Regolamento, si rinvia,altresì, alle disposizioni, rilevanti in materia di gestione dei rifiuti urbani, degli altrivigenti Regolamenti comunali, in quanto compatibili con quelle del presenteRegolamento.3. Le disposizioni di dettaglio, inerenti alle frequenze e agli orari dei servizi di gestionedei rifiuti, nel rispetto dei principi e dei criteri del presente Regolamento, sonocontenute nei capitolati speciali d’appalto o di concessione e nei contratti diservizio, che disciplinano i rapporti con la ditta affidataria, e in appositiprovvedimenti esecutivi e attuativi del Responsabile comunale del servizio. Art. 62 – Abrogazione1. Dalla data di entrata in vigore del presente Regolamento, sono abrogate tutte ledisposizioni con lo stesso confliggenti. Art. 63 – Entrata in vigore1. Il presente Regolamento entra in vigore ad acquisita esecutività dellaDeliberazione del Consiglio Comunale recante l’approvazione dello stesso. 40
  • 41. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Allegati Allegato A – Criteri qualitativi dell’assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbaniSono assimilati ai rifiuti urbani, nel rispetto delle condizioni previste dallaDeliberazione del Comitato Interministeriale del 27 luglio 1984, i rifiuti speciali nonpericolosi che abbiano una composizione merceologica analoga a quella dei rifiutiurbani o, comunque, siano costituiti da manufatti e materiali simili a quelli elencatinel seguito, a titolo esemplificativo: 1) imballaggi in genere (di carta, cartone, plastica, legno, metallo e simili); contenitori vuoti (fusti, vuoti di vetro, plastica e metallo, latte e lattine e simili); 2) sacchi e sacchetti di carta o plastica; fogli di carta, plastica, cellophane; cassette, pallets; 3) accoppiati quali carta plastificata, carta metallizzata, carta adesiva, carta catramata, fogli di plastica metallizzati e simili; 4) frammenti e manufatti di vimini e di sughero; 5) paglia e prodotti di paglia; 6) scarti di legno provenienti da falegnameria e carpenteria, trucioli e segatura; 7) fibra di legno e pasta di legno anche umida, purché palabile; 8) ritagli e scarti di tessuto di fibra naturale e sintetica, stracci e juta; 9) feltri e tessuti non tessuti; 10) pelle e simil-pelle; 11) gomma e caucciù (polvere e ritagli) e manufatti composti prevalentemente da tali materiali, come camere daria e copertoni; 12) resine termoplastiche e termo-indurenti in genere allo stato solido e manufatti composti da tali materiali; 13) rifiuti ingombranti analoghi a quelli di cui al punto 2) del terzo comma dellart. 2 del decreto del Presidente della Repubblica n. 915/1982; 14) imbottiture, isolanti termici ed acustici costituiti da sostanze naturali e sintetiche, quali lane di vetro e di roccia, espansi plastici e minerali, e simili; 15) moquettes, linoleum, tappezzerie, pavimenti e rivestimenti in genere; 16) materiali vari in pannelli (di legno, gesso, plastica e simili); 17) frammenti e manufatti di stucco e di gesso essiccati; 41
  • 42. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)18) manufatti di ferro tipo paglietta metallica, filo di ferro, spugna di ferro e simili;19) nastri abrasivi;20) cavi e materiale elettrico in genere;21) pellicole e lastre fotografiche e radiografiche sviluppate;22) scarti in genere della produzione di alimentari, purché non allo stato liquido, quali ad esempio scarti di caffè, scarti dellindustria molitoria e della pastificazione, partite di alimenti deteriorati, anche inscatolati o comunque imballati, scarti derivanti dalla lavorazione di frutta e ortaggi, caseina, sanse esauste e simili;23) scarti vegetali in genere (erbe, fiori, piante, verdure, ecc.), anche derivanti da lavorazioni basate su processi meccanici (bucce, baccelli, pula, scarti di sgranatura e di trebbiatura, e simili);24) residui animali e vegetali provenienti dallestrazione di principi attivi. 42
  • 43. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)Allegato B – Criteri quantitativi dell’assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani Tabella 4a ex Allegato I al D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 43
  • 44. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.) Attività per Comuni con popolazione superiore a 5000 abitanti Kd coefficiente produzione Kg/m2/anno Valore medio per l’area geografica CENTRO1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto 6,812 Cinematografi e teatri 5,733 Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta 6,44 Campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi 10,515 Stabilimenti balneari 7,26 Esposizioni, autosaloni 5,587 Alberghi con ristorante 17,298 Alberghi senza ristorante 13,299 Case di cura e riposo 14,9910 Ospedali 15,3911 Uffici, agenzie, studi professionali 15,6812 Banche ed istituti di credito 8,6313 Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli 14,0814 Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 15,4615 Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 10,6116 Banchi di mercato beni durevoli 17,2217 Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista 14,1618 Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista 11,3519 Carrozzeria, autofficina, elettrauto 13,8120 Attività industriali con capannoni di produzione 7,0321 Attività artigianali di produzione beni specifici 8,0522 Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub 75,2123 Mense, birrerie, amburgherie 44,524 Bar, caffè, pasticceria 54,9425 Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari 24,526 Plurilicenze alimentari e/o miste 24,4527 Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio 88,3828 Ipermercati di generi misti 22,6129 Banchi di mercato genere alimentari 62,2530 Discoteche, night club 15,22 Allegato C – Elenco dei RAEE Allegato 1 A al D.lgs. 151/2005 – CATEGORIE DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE RIENTRANTI NEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL D.lgs. 152/2006 44
  • 45. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)1. Grandi elettrodomestici.2. Piccoli elettrodomestici.3. Apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni.4. Apparecchiature di consumo.5. Apparecchiature di illuminazione.6. Strumenti elettrici ed elettronici (ad eccezione degli utensili industriali fissi di grandidimensioni).7. Giocattoli e apparecchiature per lo sport e per il tempo libero.8. Dispositivi medici (ad eccezione di tutti i prodotti impiantati e infettati).9. Strumenti di monitoraggio e di controllo.10. Distributori automatici.Allegato 1 B al D.lgs. 151/2005 – ESEMPI DI PRODOTTI CHE DEVONO ESSERE PRESI INCONSIDERAZIONE AI FINI DEL D.lgs. 151/2006 E CHE RIENTRANO NELLE CATEGORIEDELLALLEGATO 1 A. LELENCO È ESEMPLIFICATIVO E NON ESAUSTIVO.l. Grandi elettrodomestici, (con esclusione di quelli fissi di grandi dimensioni).1.1 Grandi apparecchi di refrigerazione.1.2 Frigoriferi.1.3 Congelatori.1.4 Altri grandi elettrodomestici utilizzati per la refrigerazione conservazione e ildeposito di alimenti.1.5 Lavatrici.1.6 Asciugatrici.1.7 Lavastoviglie.1.8 Apparecchi per la cottura.1.9 Stufe elettriche.1.10 Piastre riscaldanti elettriche.1.11 Forni a microonde.1.12 Altri grandi elettrodomestici utilizzati per la cottura e lulteriore trasformazione dialimenti.1.13 Apparecchi elettrici di riscaldamento.1.14 Radiatori elettrici.1.15 Altri grandi elettrodomestici per riscaldare ambienti ed eventualmente letti edivani.1.16 Ventilatori elettrici.1.17 Apparecchi per il condizionamento come definiti dal decreto del Ministro delleattività produttive 2 gennaio 2003.1.18 Altre apparecchiature per la ventilazione e lestrazione daria.2. Piccoli elettrodomestici. Valutazione in peso ai fini della determinazione dellequote di mercato ai sensi dell articolo 8, comma 1, del D.lgs. 151/2005.2.1. Aspirapolvere.2.2 Scope meccaniche.2.3 Altre apparecchiature per la pulizia.2.4 Macchine per cucire, macchine per maglieria, macchine tessitrici e per altrelavorazioni dei tessili. 45
  • 46. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)2.5 Ferri da stiro e altre apparecchiature per stirare, pressare e trattare ulteriormentegli indumenti.2.6 Tostapane.2.7 Friggitrici.2.8 Frullatori, macinacaffé elettrici, altri apparecchi per la preparazione dei cibi edelle bevande utilizzati in cucina e apparecchiature per aprire o sigillare contenitorio pacchetti.2.9 Coltelli elettrici.2.10 Apparecchi tagliacapelli. asciugacapelli, spazzolini da denti elettrici, rasoielettrici, apparecchi per massaggi e altre cure del corpo.2.11 Sveglie, orologi da polso o da tasca e apparecchiature per misurare, indicareregistrare il tempo.2.12 Bilance.3. Apparecchiature informatiche per le comunicazioni. Valutazione in peso ai finidella determinazione delle quote di mercato ai sensi dellarticolo 8, comma 1, delD.lgs. 151/2005.3.1 Trattamento dati centralizzato:3.1.1 mainframe;3.1.2 minicomputer;3.1.3 stampanti.3.2 Informatica individuale:3.2.1 Personal computer (unità centrale, mouse, schermo e tastiera inclusi);3.2.2 Computer portatili (unità centrale, mouse, schermo e tastiera inclusi);3.2.3 Notebook;3.2.4 Agende elettroniche;3.2.5 Stampanti;3.2.6 Copiatrici;3.2.7 Macchine da scrivere elettriche ed elettroniche;3.2.8 Calcolatrici tascabili e da tavolo e altri prodotti e apparecchiature perraccogliere, memorizzare, elaborare, presentare o comunicare informazioni conmezzi elettronici;3.2.9 Terminali e sistemi utenti;3.2.10 Fax;3.2.11 Telex;3.2.12 Telefoni;3.2.13 Telefoni pubblici a pagamento;3.2.14 Telefoni senza filo;3.2.15 Telefoni cellulari;3.2.16 Segreterie telefoniche e altri prodotti o apparecchiature per trasmetteresuoni, immagini o altre informazioni mediante la telecomunicazione.4. Apparecchiature di consumo. Valutazione in peso ai fini della determinazionedelle quote di mercato ai sensi dellarticolo 8, comma 1, del D.lgs. 151/2005.4.1 Apparecchi radio.4.2 Apparecchi televisivi.4.3 Videocamere.4.4 Videoregistratori. 46
  • 47. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)4.5 Registratori hi-fi.4.6 Amplificatori audio.4.7 Strumenti musicali.4.8 Altri prodotti o apparecchiature per registrare o riprodurre suoni o immagini,inclusi segnali o altre tecnologie per la distribuzione di suoni e immagini diverse dallatelecomunicazione.5. Apparecchiature di illuminazione.5.1 Apparecchi di illuminazione. Valutazione in peso ai fmi della determinazionedelle quote di mercato ai sensi dellarticolo 10, comma 1.5.2 Tubi fluorescenti.5.3 Sorgenti luminose fluorescenti compatte.5.4 Sorgenti luminose a scartica ad alta intensità, comprese sorgenti luminose avapori di sodio ad alta pressione e sorgenti luminose ad alogenuri metallici.5.5 Sorgenti luminose a vapori di sodio a bassa pressione.6. Utensili elettrici ed elettronici (ad eccezione degli utensili industriali di grandidimensioni).6.1 Trapani.6.2 Seghe.6.3 Macchine per cucire.6.4 Apparecchiature per tornire, fresare, carteggiare, smerigliare, segare, tagliare,tranciare, trapanare, perforare, punzonare, piegare, curvare o per procedimentianaloghi su legno, metallo o altri materiali.6.5 Strumenti per rivettare, inchiodare o avvitare o rimuovere rivetti, chiodi e viti oimpiego analogo.6.6 Strumenti per saldare, brasare o impiego analogo.6.7 Apparecchiature per spruzzare, spandere, disperdere o per altro trattamento disostanze liquide o gassose con altro mezzo.6.8 Attrezzi tagliaerba o per altre attività di giardinaggio.7. Giocattoli e apparecchiature per il tempo libero e lo sport.7.1 Treni elettrici e auto giocattolo.7.2 Consolle di videogiochi portatili.7.3 Videogiochi.7.4 Computer per ciclismo, immersioni subacquee, corsa, canottaggio, ecc.7.5 Apparecchiature sportive componenti elettrici o elettronici.7.6 Macchine a gettoni.8. Dispositivi medici (ad eccezione di tutti i prodotti impiantati ed infettati).8.1 Apparecchi di radioterapia.8.2 Apparecchi di cardiologia.8.3 Apparecchi di dialisi.8.4 Ventilatori polmonari.8.5 Apparecchi di medicina nucleare.8.6 Apparecchiature di laboratorio per diagnosi in vitro.8.7 Analizzatori.8.8 Congelatori.8.9 Altri apparecchi per diagnosticare, prevenire. monitorare, curare e alleviaremalattie, ferite o disabilità. 47
  • 48. Comune di Guidonia Montecelio Provincia di Roma Deliberazione del Consiglio Comunale n. … del … Regolamento sulla gestione dei rifiuti solidi urbani (ai sensi dell’art. 198, comma 2, del D.lgs. 03 aprile 2006, n. 152 e s. m. e i.)9. Strumenti di monitoraggio e di controllo.9.1 Rivelatori di fumo.9.2 Regolatori di calore.9.3 Termostati.9.4 Apparecchi di misurazione, pesatura o regolazione ad uso domestico o dilaboratorio.9.5 Altri strumenti di monitoraggio e controllo usati in impianti industriali, ad esempionei banchi di manovra.10. Distributori automatici.10.1 Distributori automatici, incluse le macchine per la preparazione e lerogazioneautomatica o semi automatica di cibi e di bevande:a) di bevande calde;b) di bevande calde, fredde, bottiglie e lattine;c) di prodotti solidi.10.2 Distributori automatici di denaro contante.10.3 Tutti i distributori automatici di qualsiasi tipo di prodotto, ad eccezione di quelliesclusivamente meccanici. 48