Your SlideShare is downloading. ×
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Il decadentismo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il decadentismo

18,036

Published on

1 Comment
5 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
18,036
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
411
Comments
1
Likes
5
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. IL DECADENTISMO
    I CARATTERI DEL DECADENTISMO E LA SUA INFLUENZA SULLA LETTERATURA DEL PRIMO NOVECENTO
    I TEMI E LE STRUTTURE NARRATIVE DEL ROMANZODELLA CRISI
    A cura di angelacasciani
  • 2. La reazione al positivismo
    angoscia
    Nei decenni a cavallo tra Otto e Novecento la società fu percorsa da correnti ideologiche filosofiche e scientifiche che proponevano una lettura in chiave critica del Positivismo
    Le radici del Decadentismo sono da ricercarsi nella poesia simbolista che teorizzava l’uso di un linguaggio analogico (relazione di somiglianza fra due o più cose o situazioni per alcune caratteristiche comuni) necessaria per evocare la realtà altra nascosta dietro l’apparenza del reale.
    In origine il termine “ Decadentismo” fu adoperato in senso dispregiativo per indicare la nuova generazione di “ poeti maledetti” che incitavano al rifiuto della morale borghese.
    La maschera e la morte
  • 3. CONCETTI CHIAVE DEL DECADENTISMO
  • 4. LE TENDENZE DEL DECADENTISMO
  • 5. ESTETISMO
    Movimento artistico nato in Inghilterra, negli ultimi decenni dell’Ottocento, che esalta il valore della bellezza artistica e considera l’arte non assoggettabile alle regole della morale comune.
    La bellezza è considerato il valore in assoluto superiore.
  • 6. L’ESTETISMO E L’ARTISTA
    Saper rappresentare la bellezza identifica l’artista come individuo eccezionale.
    L’artista deve vivere la propria vita come un’opera d’arte, cioè da persona aristocratica e raffinata che fa della sua vita una continua ricerca del bello.
    Egli sostituisce alla morale il culto del bello e l’esaltazione del piacere.
    Il letterato esteta :
    Gabriele D’Annunzio…
    e Oscar Wilde
  • 7. LA CRISI DELLA RAGIONE : IL NICHILISMO
    Il filosofo Nietzsche (1844-1900) sostiene la crisi della ragione distruggendo le vecchie credenze e svelandone le mistificazioni e le illusioni.
    NICHILISMO: atteggiamento che nega in modo radicale l’esistenza di qualsiasi valore e di una verità oggettiva; il termine deriva dal latino nihil che significa nulla
  • 8. IL SUPERUOMO
    In “ Così parlò Zarathustra” formula la teoria del Superuomo, individuo votato ad esperienze eccezionali , che oltrepassa i limiti sfruttando le proprie infinite possibilità.
    Il Superuomo è colui il quale si impegna ad esprimere totalmente se stesso superando tutti gli ostacoli anche quelli di natura morale che , secondo N., hanno la funzione di reprimere i desideri e le aspirazioni individuali a vantaggio dell’opinione comune.
  • 9. Freud e la scoperta dell’inconscio
    Medico di origine austriaca , Freud (1856-1939) ,studiando le malattie mentali, mette in luce una zona oscura della coscienza degli individui , l’inconscio appunto che li condiziona .
    Freud fonda la psicanalisi, scienza che si propone di curare i disturbi mentali partendo proprio dall’analisi dell’inconscio e in particolare dallo studio dei sogni.
    Freud si rifugia negli Stati Uniti con la moglie e la figlia per sfuggire alle persecuzioni razziali
  • 10. LA NARRATIVA il romanzo della crisi
  • 11. L’età della crisi e il problema della realtà
    Età della crisi indica un periodo che va dalla fine dell’Ottocento fino agli anni Trenta del Novecento.
    La visione della vita è pessimistica : l’uomo può sottrarsi a un’esistenza di noia e di dolore solo distaccandosi dal mondo.
  • 12. Caratteristiche del romanzo della crisi
    Rivalutazione della dimensione irrazionale e conseguente abbandono del romanzo naturalista.
    I personaggi sono persone comuni che vivono il contrasto tra il loro disagio interiore e la società.
    L’attenzione dell’autore è incentrata sull’interiorità dei personaggi e sul loro disagio esistenziale.
    I protagonisti sono antieroi quali il malato, il nevrotico, l’inetto che vivono rispettivamente la malattia, la corruzione fisica e morale, la morte come condizioni di privilegio.
    Pirandello
  • 13. Caratteristiche del romanzo della crisi
  • 14. IL ROMANZO DELLA CRISI IN ITALIA
    Nell’Italia del primo Novecento il panorama narrativo è frammentario.
    Abbiamo:
    I romanzi di gusto estetizzante ispirati alle opere del primo D’Annunzio.
    Ma soprattutto gli innovatori furono : Pirandello e Svevo
  • 15. Caratteri del romanzo della crisi in Pirandello
    La vasta produzione di novelle, romanzi e opere teatrali ha per oggetto la sfiducia nella possibilità dell’individuo di conoscere se stesso e la realtà che lo circonda.
    La pazzia è tra i temi privilegiati della narrativa di Pirandello.
    Dalla coscienza di essere nessuno, nascono l’alienazione, l’incomunicabilità e la solitudine.
  • 16. Caratteri del romanzo della crisi in Pirandello
    Pirandello con i genitori
    Con gli strumenti della ragione e della psicologia l’autore si propone di indagare la crisi del mondo e dell’uomo contemporaneo.
    I romanzi di Pirandello presentano uno stravolgimento dei meccanismi narrativi : al narratore onnisciente si sostituisce un narratore autoanalitico che ha nei confronti del personaggio un atteggiamento critico e ironico volto a togliergli la maschera dietro cui si cela il vero Io.
    Pirandello col padre
  • 17. Caratteri del romanzo della crisi in Pirandello
    Pirandello giunge a disgregare l’immagine unitaria della realtà sostituendola con una molteplicità di apparenze in mezzo alle quali l’uomo vive solo e dissociato sconosciuto anche a se stesso.
    E’ il relativismo conoscitivo : ognuno possiede o crede di possedere la verità.
  • 18. Il tema della pazzia
    L’immagine unitaria viene disgregata sostituita dalle apparenze in mezzo a cui l’uomo vive solo e sconosciuto anche a se stesso
    La patente: la maschera
  • 19. Note di chiarimento
    Le informazioni e le mappe concettuali sono tratte dal manuale di letteratura
    Marta Sambugar-
    Gabriella Salà
    Letteratura modulare 2
    Il Novecento
    La Nuova Italia
    Link di riferimento per ulteriori informazioni su Pirandello:
    www.classiciitaliani.it/index070.htm
    www.pirandelloweb.com
    www.liberliber.it/biblioteca/p/pirandello/index.htm

×