• Save
Sheila Nelson-Principi Fondamentali Del Metodo Didattico
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Sheila Nelson-Principi Fondamentali Del Metodo Didattico

on

  • 1,094 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,094
Views on SlideShare
1,094
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Sheila Nelson-Principi Fondamentali Del Metodo Didattico Sheila Nelson-Principi Fondamentali Del Metodo Didattico Document Transcript

  • Principi fondamentali del metodo di Sheila Nelson By Angela Amato Livello Principiante • Lezioni di gruppo, (per sviluppare motivazione e spirito di osservazione fin dal principio ) in cui si impara a leggere la musica e si fanno attività con lo strumento sviluppando fin dall’inizio una pulsazione ritmica comune e un attento ascolto. Infatti quasi tutti i brani, a partire da quelli su corde vuote fino a quelli più avanzati, includono un accompagnamento al pianoforte che generalmente viene eseguito dall’insegnante stesso: Sheila suonava il piano per accompagnare i suoi allievi durante le sue lezioni e insegnava lei stessa il solfeggio attraverso giochi ritmici di gruppo che si svolgevano prima della lezione di strumento. • La forma del gioco era usata per ottenere il massimo risultato ricettivo da parte dell’allievo e del gruppo. Per questo motivo spesso i libri di Sheila Nelson sono pieni di svariati disegni da colorare e molto spesso questi hanno una corrispondenza con il movimento da eseguire nel brano musicale. Il metodo è costantemente focalizzato nello sviluppo dei corretti movimenti usando esempi reali, ex. animali l’arcobaleno ecc., in modo da lasciare impressa nella mente del bambino un’ idea piacevole per cui seguirà da parte di quest’ultimo una partecipazione attiva con interesse maggiore che darà il miglior risultato finale. Le lezioni di base comprendono fin dall’inizio lo sviluppo del movimento continuo, movimento rotatorio, tra cui l’apprendimento del suono balzato a partire dalle corde vuote.
  • • Canto, per lo sviluppo dell’orecchio e del senso ritmico : Sheila svolge le sue lezioni iniziando con il canto. Dopo aver seduto il gruppo di bambini per terra in cerchio tutti attorno ad un grosso pentagramma steso sul pavimento Sheila posizionava dei cerchi, alcuni bianchi altri neri, sul pentagramma e iniziava a comporre un piccolo brano da cantare. Le note nere sarebbero minime, le altre semiminime. Successivamente, incoraggiava i bambini a cantare queste note. Dopo poco questi iniziavano a scoprire di quale canzone si trattasse, in quanto Sheila sceglieva sempre canzoncine conosciute. Da qui scaturisce che tutti i suoi libri di base per strumento, includono le canzoncine per bambini più familiari a questi ultimi. Al canto si associa il battito delle mani, sempre in gruppo o individualmente, in cui le note brevi sono ribattute e quelle lunghe includono un solo battito per tutta la loro durata. Questo sistema fa riferimento diretto al sistema Kodàly per l’insegnamento del canto attraverso canti popolari ed attraverso il sistema pedagogico inventato da Kodàly stesso, tra cui appunto il battito delle mani per lo sviluppo del senso ritmico e per l’immediato apprendimento del solfeggio. Durante la lettura con canto Sheila puntava il dito sotto le note per tutta la loro durata. La lettura ritmica avveniva prima del riconoscimento dell’altezza delle note stesse. Per cui Sheila Nelson nel libro TETRATUNES, introduce un sistema con brani da suonare, inizialmente senza le note, cioè usa solo i nomi SOL, RE, MI ecc. e successivamente introduce il pentagramma con brani facilissimi da leggere. Il mio particolare metodo di insegnamento di questo libro e’ stato quello di rendere ancora più facile il passaggio dalle note scritte ( SOL; MI ; RE ecc. ) a quelle su pentagramma, attraverso lo scrivere il relativo sotto ogni nota. A dispetto di tutte le critiche e sospetti di molti insegnanti, questo sistema ha dato invece risultati straordinari, in quanto mi ha permesso di accelerare il meccanismo di lettura. Il risultato e’ stato che i bambini hanno imparato subito le note attraverso lo studio del violino e non attraverso un sistema molto scolastico come il solfeggio.
  • • Secondo Gradino : E’ chiaro che successivamente gli allievi, una volta più avanti negli studi, devono frequentare anche le lezioni di teoria. Non appena lo studente completa la prima metà di TETRATUNES può iniziare lo studio dei libri STEPPING STONES and WAGGON WHEELS che includono brani con tecnica più avanzata. Generalmente con questo metodo tra il processo di apprendimento di corde vuote fino al momento in cui si imposta la mano sinistra in prima posizione, non passano più di tre mesi, e anche gli allievi meno studiosi e con meno talento riescono in questo tempo ad imparare a suonare brani in prima posizione. Da questo momento in poi si può integrare lo studio della tecnica introducendo le prime scale di un’ottava ( Sol, Re, La ) di due ottave ( Sol ) con i relativi arpeggi, in tonalità maggiore e minore. Il mio consiglio è in un primo momento non usare un libro, ma scrivere le scale su un pentagramma. Dopo che queste scale di base sono state ben assimilate è possibile usare un libro di scale appropriato. Il mio sistema e’ quello di scrivere, nelle scale minori, tutti i bemolli o diesis vicino ad ogni nota e spiegarli al momento di suonare, cioè in un modo visivo anziché teorico. Solo successivamente quando l’allievo si recherà alle lezioni specifiche di teoria tutto questo verrà imparato con le varie regole di teoria. Sono sicura che questo fosse anche uno dei principi di base usati da Sheila Nelson, sebbene adattati al suo sistema di insegnamento. Cioè in un primo momento, particolarmente trattandosi di bambini al di sotto di sei anni, ma anche i più grandini, tutto si svolge in pratica e l’insegnante adatta un metodo specifico per ogni tipo di gruppo o allievo.
  • Livello più avanzato • Cambi di posizione : Già a partire dal primo anno di studio, non appena scale e arpeggi in prima posizione sono stati assimilati, si inizia lo studio dei cambiamenti di posizione prima terza. In un primo momento trasportando i brani di musica appresi nella prima posizione, e successivamente con brani completamente nuovi. Lo studio dei pezzi viene integrato con scale ed arpeggi in terza posizione, prima fissa, poi con cambiamenti ( es. scala di Re magg. E min e arpeggi ). Sheila spesso chiedeva di suonare un brano a memoria in prima posizione e poi a memoria in terza posizione. • Introduzione del Vibrato : La Nelson insegnava quasi in contemporanea, sia lo studio dei cambi di posizione che il vibrato. All’inizio richiedeva un vibrato ampio fatto di braccio con poca partecipazione del polso e delle dita e subito dopo un vibrato che includeva sempre più il vibrato di polso. La mia particolare esperienza è stata quella di insegnare cambi di posizione e vibrato molto presto anche se spesso ho dovuto integrare lo studio del vibrato con moltissimi esercizi preparatori, ed in oltre solo pochi allievi erano in grado di avere un vibrato appropriato dopo un mese di studio, invece la maggior parte di essi aveva bisogno di studiarlo per almeno sei mesi prima di ottenere un risultato appropriato. • Scale in Seconda Posizione e i colpi d’arco applicati ad esse : l’introduzione delle scale in seconda posizione diventa di fondamentale importanza. Diteggiature usate in posizione fissa, scale magg., min e arpeggi, sciolte e legate, in più introdurre tutti i colpi d’arco di base. Questi ultimi eseguiti a memoria per dare all’allievo la possibilità di concentrarsi completamente sulla corretta coordinazione dei movimenti, e per ascoltare l’intonazione. Anche le scale possono essere migliorate con l’accompagnamento di accordi al pianoforte ( sia per mantenere una pulsazione ritmica costante e sia per il controllo dell’intonazione.
  • Scale in gruppo, possono risultare molto proficue spingendo anche l’allievo più lento all’apprendimento ad acquistare sicurezza essendo trascinato dagli altri ed essendo costretto a dare il meglio di sé ). Armonie di base e scale di gruppo accompagnate al pianoforte possono essere molto più efficaci di ore di studio fatte da soli in una stanza a casa. • Studio dei Colpi d’Arco, Dinamiche e Coloriti attraverso l’Interpretazione dei Brani : Un tipo di tecnica applicata di base, di cui Sheila Nelson fa molto uso è l’introduzione delle dinamiche, colpi d’arco molto differenziati e vari coloriti non appena messe le quattro dita sulla corda. L’incentivo ad usare il vibrato ad uno stadio molto precoce servirebbe non solo per sviluppare capacità tecniche avanzate e per avere subito una elasticità nel braccio nelle dita e nella mano, ma anche e specialmente per poter insegnare un tipo di interpretazione più raffinata fin dall’inizio dello studio dello strumento. Lo studio di infiniti coloriti e colpi d’arco svariati spingerà l’allievo a ricercare molti tipi di suono da poter combinare. E’ di fondamentale importanza che l’insegnate faccia in continuazione ascoltare questi svariati tipi di suono, spingendo l’allievo fin da principio ad imitare e ancor più importante a ricercare il suo suono. Il miglior sistema per spingere gli allievi a questa ricerca è quello di insegnargli le varie possibilità di apprendimento di suoni diversi attraverso lo studio del repertorio appropriato al livello di difficoltà dell’allievo. Cioè per ottenere un buon risultato il brano musicale non dovrà mai presentare difficoltà maggiori del livello tecnico generale dell’allievo.