Donne al Lavoro

  • 1,325 views
Uploaded on

 

More in: Career , Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,325
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
18
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1.  
  • 2.
    • LISBONA 2010
    • DONNE AL LAVORO:
    • quante sono, quale il profilo lavorativo, quali contratti part-time
    • lavoro temporaneo e alcune esperienze
      • OCCUPAZIONE E FECONDITA’:
      • relazione essenziale nella vita della donna
      • MISURE DI CONCILIAZIONE
      • condizione fondamentale per costruire un possibile e qualificato inserimento lavorativo per le donne
  • 3.
  • 4. Le donne piemontesi sono più vicine all’Europa : hanno un tasso di occupazione di circa dieci punti percentuali più alto della media italiana - 46,3% - mancano solo 4 punti all’obiettivo di Lisbona
  • 5. Le donne rappresentano il 51,5% della popolazione piemontese. La percentuale è influenzata da una presenza più numerosa di donne anziane. Nella fascia dell’età lavorativa compresa tra i 15 e i 64 anni le donne scendono al 49,7% della popolazione
  • 6.
    • 49,7% della popolazione
    • 43,4% della forza lavoro
    • 42,9% degli occupati
    • 53,8% persone in cerca di occupazione
    • Le donne in età lavorativa diminuiscono al 49,7% e sono solo il 43,4% della forza lavoro.
    • Tra le persone in cerca di occupazione le donne sono il 53,8%
  • 7. popolazione maschile occupata 73,5%, popolazione femminile occupata 55,9% Il divario di genere è molto più elevato nelle fasi d’ingresso ed uscita dal mondo del lavoro Obiettivo 2010 Donne 60% Uomini divario Piemonte 55,9 % 73,5 % 17,6 % Italia 46,3 % 70,5 % 24,2% Ue (15) 58,6 %
  • 8.
    • Settore terziario.
    • Comparto istruzione ( 75%) e in genere i servizi ( 68%).
    • Più scolarizzate ( 60% con diploma o formazione superiore) ma spesso ricoprono posizioni meno qualificate.
    • Lavoratrici dipendenti con compiti impiegatizi.
    • Il 24,3% lavora a part-time.
      • Sono meno presenti ai livelli più elevati: rappresentano solo un quinto delle posizioni dirigenziali nonostante un maggior livello di istruzione. Divario retributivo a parità di ruolo.
    • Le lavoratrici indipendenti sono prevalentemente presenti nelle professioni deboli sul mercato (collaborazioni 59,5% e socie cooperative/coadiuvanti 62%).
  • 9.
    • Ho ventotto anni, vivo con i miei genitori, mi sono laureata benissimo in lettere a ventidue, tutti a dirmi brava ,brava, vedrai vedrai, ma ho visto ben poco.
    • Qualche supplenza qua e là in scuole medie di paesi lontani, levatacce all’alba, allievi che mi prendevano poco sul serio, tanto me ne sarei andata via presto.
    • Un piccolo ciclo di lezioni private a un allievo asinissimo che mi ha fatto sgolare e penare con ben pochi risultati.
    • Curriculum su curriculum inviati a tanti indirizzi,quasi nessuna risposta e quelle rare tutte dello stesso tenore: “Grazie, non ne abbiamo bisogno, la terremo comunque presente ecc,ecc.
  • 10.
    • In Piemonte la percentuale è del 24,3% contro il 3,8% degli uomini
    • Raggiunge il 40% in Gran Bretagna, Belgio, Germania, e il 75% in Olanda
    • Sono donne con età compresa tra 25 e 49 anni: le più giovani lo scelgono per motivo di studio, successivamente per conciliare i tempi della famiglia.
    • Vantaggi:
    • maggiori possibilità di gestire il tempo lavoro-famiglia.
    • Limiti:
    • minore riconoscimento delle competenze,
    • minore integrazione nel contesto lavorativo,
    • minore avanzamento di carriera e retribuzione.
  • 11.
    • Quando ho chiesto di poter usufruire del part time i miei due figli erano piccoli e avevamo , mio marito ed io, da poco contratto un mutuo per l’acquisto del nostro appartamento.
    • Non è stata quindi una decisione presa a cuor leggero.
    • La prima sensazione provata fu di estrema felicità . Finalmente avevo la possibilità di prendermi cura personalmente dei miei figli all’uscita della scuola.
    • Nello stesso tempo sul lavoro provavo un senso di colpa nel “lasciare” i colleghi alcune ore al pomeriggio .
    • Quest’ultima sensazione è svanita subito quando mi sono accorta che la mole di lavoro che portavo avanti coni il tempo pieno era la stessa che con il part-time. Mi auto riducevo ogni possibile pausa e cercavo di “produrre” al pari dei colleghi.
  • 12.
      • Un terzo dei nuovi avviamenti al lavoro sono contratti a tempo determinato mentre per gli uomini l’incremento dei posti di lavoro sono assunzioni permanenti
      • E’ la forma di inserimento al lavoro prevalente per i giovani soprattutto per le giovani donne: rappresenta quasi la metà dei contratti offerti alle giovani tra i 15-24 anni
      • oltre i 30 anni il 70% dei lavoratori interinali sono donne, maggiormente coinvolte nei settori del commercio e dei servizi alle imprese (call –center e imprese di pulizia) molto inferiore il coinvolgimento in ambiti più professionali (informatica , consulenze)
      • Le donne sono meno presenti nel mercato del lavoro ma sono più numerose nelle nuove forme di lavoro più flessibili ma anche più precarie .
  • 13. Papààà! mi dai una mano? Giovani dal FUTURO incerto Mi chiamo Claudia, ho 30 anni , nubile, convivente, laureata. Lavoro con un contratto di collaborazione annuale presso un ente pubblico. Possiamo dire quindi che sono un lavoratore atipico, una Cocopro, una precaria. Essere precari e donna, condiziona enormemente la vita. Come si può pensare di costruire una famiglia, fare dei figli se domani, il mese successivo o se proprio va bene l’anno successivo non si può prevedere che cosa capiterà del proprio lavoro? Per qualcuno c’è sempre la possibilità di un “aiutino” da parte di mamma e papà, ma nessuno, penso, sia felice a trent’anni o più, di dover dipendere dai propri genitori. Inoltre l’instabilità che la precarietà produce nella vita non riguarda solo aspetti materiali come la casa, la famiglia, la macchina ma si insinua nella mente e negli animi delle persone rendendole insicure, incapaci di affrontare con tranquillità vari aspetti della vita, impossibilitate a sentirsi parte di un contesto lavorativo che oggi c’è e domani chissà. Insomma, più fragili psicologicamente.
  • 14.
    • Cristina, 30 anni:
    • ………… .
    • Vivo nell’angoscia per non avere una sicurezza economica e sono preoccupata per il mio futuro, sapendo che se il mio contratto a termine non verrà rinnovato dovrò mettermi nuovamente alla ricerca di un lavoro e probabilmente sarà ancora a tempo determinato. Spesso cerco di immaginare il mio futuro… ma riesco a vedere davanti a me solo un grande punto interrogativo.
    ? ? Giovani dal FUTURO incerto
  • 15.
      • Sono il 60,8% le donne presenti nella Pubblica Amministrazione in Piemonte, maggiormente nelle Amministrazioni Locali.
      • Vantaggi:
        • Facilità di accesso delle donne tramite concorso per la migliore scolarizzazione
        • maggiori garanzie di mantenimento del posto di lavoro, stabilità lavorativa,
        • maggior facilità di conciliazione delle diverse responsabilità familiari. Il part-time è utilizzato dall’11% delle donne e solo dal 3% degli uomini
  • 16.
    • la presenza delle donne è di molto superiore nelle categorie B e C
    • La proporzione si inverte a livello dirigenziale
    3.837 uomini 8.205 donne
  • 17. SINDROME DEL RITARDO …. Ritardo nell’ingresso nel mondo del lavoro e ritardo all’autonomia significa arrivare in tarda età a formare la propria famiglia, cosa che ha conseguenze negative sulla scelta del se e quando procreare e sul numero dei figli che si riescono ad avere. Età media al parto Tot Figli Torino 31 1,3 Piemonte 30,8 1,27 Italia Sud 30,4 1,36 Italia 30,8 1,34
  • 18.
      • Occupazione e fecondità possono crescere insieme se alle occasioni lavorative si affiancano
      • strumenti di conciliazione?
  • 19.
    • Tasso di fecondità sale dove il tasso di occupazione è più alto
  • 20. Due casi opposti
    • Tasso di fecondità sale dove il welfare è più efficiente
    Investimenti in politiche sociali nascite Svezia 3% pil 2 figli per donna Italia 1,1% pil 1,34 figli per donna
  • 21. E allora?
    • Il consolidamento di una relazione positiva tra occupazione e fecondità è importante per lo sviluppo territoriale
    • e suggerisce:
  • 22.
      • Il part-time
    • Ma le mamme che lavorano part-time rischiano di più di perdere il lavoro dopo la nascita del primo figlio rispetto alle mamme con lavoro full-time
    • 70% contro il 16%
      • L’astensione per la maternità e i congedi parentali
    • Strumento, destinato ai rapporti di lavoro dipendente, ma ha la prospettiva di interessare una platea di destinatari sempre più ristretta visto che interessa i lavoratori più giovani e soprattutto nell’età più feconda per le donne
      • Le reti informali per la cura dei bambini
    Misure che dovrebbero permettere alle donne di dire un doppio ‘sì’ alla maternità e al lavoro”
  • 23. Consiglio di Barcellona (parte integrante della Strategia di Lisbona) sottolinea l’importanza dei servizi alla conciliazione
    • Scuole dell’infanzia
    • popolazione in età 3-5 anni
    • Entro il 2010: disponibilità 90%
    • In Italia: obiettivo già raggiunto!
    • Nidi d’infanzia
    • popolazione in età < 3 anni
    • Entro il 2010: disponibilità 33%
    • In Italia: 9,9%
    • Piemonte:13,1%
    • Emilia Romagna: 23,9%
    • Calabria: 1,8%
    Lista di attesa di 1.568 bambini per l’ingresso ai nidi nel Comune di Torino (2008)
  • 24. Conciliare lavoro e famiglia Mi chiamo Veruschka, ho 38 anni , Ho un Incarico di Collaborazione Coordinata e continuativa annuale presso un ente pubblico piemontese. Sono sposata, ho due figli, anche mio marito lavora con contratti a termine . ……………
  • 25. 2010 = 60% 55,9% part-time è una soluzione ? come superare i limiti? lavoro temporaneo fragilità sul mercato? stabilizzazione o < Progressione di carriera è scelta o condizionamento? Le donne nella scelta del lavoro danno maggiore importanza alla sua qualità e contenuto o alla possibilità di carriera e maggior reddito?
  • 26. Piemonte in 5 mesi persi 100.000 posti di lavoro Colpiti soprattutto precari e autonomi 50.000 avviamenti al lavoro in meno Quali conseguenze? lavoro, famiglia, sicurezze Quali politiche per arginarle? Come condiziona le donne?
  • 27. Fonti:
    • IRES, Donne. Primo rapporto sulla condizione femminile in Piemonte, anno 2007.
    • IRES, Donne e lavoro atipico, III rapporto, osservatorio permanente sul lavoro atipico in Italia, anno 2008.
    • Provincia di Torino, Quaderno di lavoro. Donne e conciliazione fra lavoro e famiglia in provincia di Torino, anno 2008.
    • www.provincia.torino.it/pari_opportunita/crspo/index.htm
    • www.provincia.torino.it/pari_opportunita/crspo/donne_lavoro_conciliazione.htm
    • &quot; Bilancio di genere 2007 “  Comune di Torino.