Enrico Consolandi, Le Leggi del PCT

1,324 views

Published on

Slide del seminario di Enrico Consolandi alla Statale di Milano, aa 2008-2009

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,324
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
164
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Enrico Consolandi, Le Leggi del PCT

  1. 1. Alfabeto regalato da Cadmo, lettere che sono piccoli doni muniti di mente (Parmenide) Traduzione come processo creativo. Scrivere gli atti processuali con un nuovo alfabeto comporta nuove possibilità di espressione e di collegamento alla scienza giuridica (ipertesto): la traduzione in file è un’occasione di migliorare gli atti processuali.
  2. 2. In un vortice di polvere gli altri vedevan siccità, a me ricordava la gonna di Jenny in un ballo di tanti anni fa. Sentivo la mia terra vibrare di suoni era il mio cuor, e allora perché coltivarla ancora, come pensarla migliore. Libertà l’ho vista dormire nei campi coltivati a cielo e denaro, a cielo ed amore, protetta da un filo spinato. Libertà l’ho vista svegliarsi ogni volta che ho suonato per un fruscio di ragazze a un ballo per un compagno ubriaco. E poi la gente lo sa, e la gente lo sa che sai suonare, suonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare. Finì con i campi alle ortiche finì con un flauto spezzato e un ridere rauco e ricordi tanti e nemmeno un rimpianto. Da Non all’amore né al cielo né al vino, di Fabrizio De Andrè The earth keeps some vibration going There in your heart, and that is you. And if the people find you can fiddle, Why, fiddle you must, for all your life. What do you see, a harvest of clover? Or a meadow to walk through to the river? The wind's in the corn; you rub your hands For beeves hereafter ready for market; Or else you hear the rustle of skirts. Like the girls when dancing at Little Grove. To Cooney Potter a pillar of dust Or whirling leaves meant ruinous drouth; They looked to me like Red-Head Sammy Stepping it off, to Toor-a-Loor. How could I till my forty acres not to speak of getting more, With a medley of horns, bassoons and piccolos Stirred in my brain by crows and robins And the creak of a wind-mill - only these? And I never started to plow in my life That some one did not stop in the road And take me away to a dance or picnic. I ended up with forty acres; I ended up with a broken fiddle - And a broken laugh, and a thousand memories, And not a single regret. Dalla Antologia di Spoon River, di Edgar Lee Masters (poeta e avvocato)
  3. 3. Legge delega 23.10.92 n. 421 sulla organizzazione PA Prevede il processo informatizzazione delle pubbliche amministrazioni
  4. 4. d.lgs. 2.2.1993 n. 39 - istituisce AIPA – autorità per Informatica nella PA <ul><li>Art. 3: di norma alcuni atti amministrativi sono redatti con strumenti informativi automatizzati, imputati mediante “indicazione della fonte e del responsabile”. La firma autografa è “sostituita” da indicazione a stampa nel documento prodotto del nominativo. </li></ul><ul><li>E’ un mezzo per scrivere </li></ul>
  5. 5. L.Delega 15.3.97 n. 59 PER RIFORMA pa E SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA (BASSANINI) <ul><li>ART. 15 atti, dati e documenti formati da PA e da privati stipulati con strumenti informatici e telematici, i contratti, loro archiviazione e trasmissione sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge </li></ul><ul><li>Firma digitale </li></ul><ul><li>Rilevanza non più a documento cartaceo, ma a documento informatico </li></ul>
  6. 6. Dpr 10.11.1997 n. 51 (poi abrogato art 77 c. 2 dpr 28.12.2000 n445) <ul><li>Regole in tema di firma digitale e documenti informatici </li></ul><ul><li>“ il documento informatico munito dei requisiti previsti dl presente regolamento soddisfa il requisito legale della forma scritta e se sottoscritto con firma digitale ai sensi art 10 ha efficacia di scrittura privata al sensi dell’art. 2702 cc” </li></ul><ul><li>Il doc. informatico trasmesso in modi che ne assicurino l’avvenuta consegna “equivale a notificazione per mezzo posta nei modi consentiti dalla legge” </li></ul>
  7. 7. l.Delega 50/1999 – t.u. dpr 28.12.2000 n.445 <ul><li>Abroga, ma recepisce il precedente dpr 513/1997 </li></ul>
  8. 8. Direttiva 1999/93/cee <ul><li>Introduce vari tipi di firme elettroniche per autenticazione dati, diverse da quella italiana e con ridotte funzoinalità, accanto alla firma digitale che conosceva l’Italia e che è la più diffusa </li></ul><ul><li>Recepita d.lg. 23.1.2002 n. 10 e regolamento 7.4.2003 n. 137 </li></ul>
  9. 9. Codice amministrazione digitale: delega art. 10 l.229/2003 emesso poi 7.3.2005 n. 82 <ul><li>Sostit uisce testo unico del 2000 </li></ul><ul><li>Revisione firme informatiche (ora sono tre, la più diffusa è la digitale) art. 1 </li></ul><ul><li>Revisione documento informatico </li></ul><ul><li>Art. 2 le PA devono organizzarsi per rendere disponibili informazioni in modalità digitale </li></ul><ul><li>Art. 3 cittadini ed imprese devono poter interagir con PA attraverso tecnologie telematiche </li></ul>
  10. 10. Processo telematico dpr 13.2.2001 n. 123 <ul><li>Nel solco del 513/1997, in realtà la espressione “processo civile telematico” è del successivo d.m. 14.10.2004 “regole tecnico operative per il p.c.t.” </li></ul><ul><li>Formare, comunicare, notificare atti con provvedimento telematico </li></ul><ul><li>Non sempre necessaria firma digitale art. 4 c. 3, sostituita da “indicazione nominativo del soggetto procedente” (v. legge AIPA) </li></ul><ul><li>Fascicolo informatico art.12 – 13 </li></ul><ul><li>Indirizzo elettronico del difensore art. 7 </li></ul><ul><li>Art. 12 c. 3 , rivincita della “videoscrittura” ? </li></ul>
  11. 11. Regole tecnico-operative d.m. 14.10.2004 g.u. 19.10.2004 n.272 (suppl. ord.) <ul><li>Modificate e rifatte da d.m. 17.7.2008 per quanto riguarda i formati di comunicazione (art. 52) da xml a pdf formato testo </li></ul>
  12. 12. I DTD di cui all’art. 62.2 delle norme tecniche due versioni, molto differenti, notevole evoluzione <ul><li>Quelli in vigore sono sul decreto 29.9.2008 in GU 25.10.2008 n. 251 suppl.ord. 235 </li></ul><ul><li>Sostituiscono i precedenti, del 15.12.2005 in GU 28 dicembre 2005, n. 301, suppl. ord. n. 210, che restano in vigore fino al 31.12.2008 </li></ul><ul><li>Stabiliscono i requisiti dei modelli di comunicazione </li></ul><ul><li>Il punto 2.2 apre verso l’ipertesto (riferimenti fra documenti) </li></ul>
  13. 13. Art. 51 d.l. 112-2008 (convertito, senza modifiche in parte qua, con legge <ul><li>Prevede notifica e comunicazione attraverso la “piattaforma PCT” degli atti del giudice alle parti costituite, con possibilità di omettere la notifica ai difensori non abilitati a tale “piattaforma”, cioè non iscritti al punto d’accesso </li></ul><ul><li>Possibilità di notifica anche tra le parti costituite negli stessi modi </li></ul>
  14. 14. d.l. 185/2008 convertito con legge 2/2009, art. 16, comma 6 <ul><li>Le imprese costituite in forma societaria sono tenute a indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata nella domanda di iscrizione al registro delle imprese o analogo indirizzo di posta elettronica basato su tecnologie che certifichino data e ora dell'invio e della ricezione delle comunicazioni e l'integrità del contenuto delle stesse, garantendo l'interoperabilità' con analoghi sistemi internazionali. Entro tre anni dalla data di entrata in vigore del presente decreto tutte le imprese, già costituite in forma societaria alla medesima data di entrata in vigore, comunicano al registro delle imprese l'indirizzo di posta elettronica certificata. L'iscrizione dell'indirizzo di posta elettronica certificata nel registro delle imprese e le sue successive eventuali variazioni sono esenti dall'imposta di bollo e dai diritti di segreteria. </li></ul>
  15. 15. d.l. 185/2008 convertito con legge 2/2009, art. 16, comma 7 (manca sanzione) <ul><li>- I professionisti iscritti in albi ed elenchi istituiti con legge dello Stato comunicano ai rispettivi ordini o collegi il proprio indirizzo di posta elettronica certificata  o analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma 6 entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto. </li></ul><ul><li>Gli ordini e i collegi pubblicano in un elenco riservato , consultabile in via telematica esclusivamente dalle pubbliche amministrazioni, i dati identificativi degli iscritti con il relativo indirizzo di posta elettronica certificata. </li></ul>
  16. 16. Stessa fonte: le comunicazioni alla PA <ul><li>8. Le amministrazioni pubbliche di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni, qualora non abbiano provveduto ai sensi dell'articolo 47, comma 3, lettera a), del Codice dell'Amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, istituiscono una casella di posta certificata o analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma 6 per ciascun registro di protocollo e ne danno comunicazione al Centro nazionale per l'informatica nella pubblica amministrazione, che provvede alla pubblicazione di tali caselle in un elenco consultabile per via telematica. Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica e si deve provvedere nell'ambito delle risorse disponibili . </li></ul><ul><li>9. Salvo quanto stabilito dall'articolo 47, commi 1 e 2, del codice dell'amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, le comunicazioni tra i soggetti di cui ai commi 6, 7 e 8 del presente articolo, che abbiano provveduto agli adempimenti ivi previsti, possono essere inviate attraverso la posta elettronica certificata o analogo indirizzo di posta elettronica di cui al comma 6, senza che il destinatario debba dichiarare la propria disponibilita' ad accettarne l'utilizzo. </li></ul>
  17. 18. Due anni di ingiunzioni telematiche
  18. 19. Anno 2008

×