Mk Onlus Burkina Faso
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Mk Onlus Burkina Faso

on

  • 1,466 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,466
Views on SlideShare
809
Embed Views
657

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 657

http://www.lionsmontecatini.it 656
http://4044075435509822817_c600e17d3707f8a4936bb9166dd7c11ea17d86b9.blogspot.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Mk Onlus Burkina Faso Mk Onlus Burkina Faso Presentation Transcript

  • I LIONS ITALIANI IN BURKINA FASO MK ONLUS
  • LIONS CLUB INTERNATIONAL MD 108 ITALY I LIONS ITALIANI CONTRO LE MALATTIE KILLER DEI BAMBINI “ MK ONLUS”Service multidistrettuale in BURKINA FASO
  • I LIONS ITALIANI CONTRO LE PERCHE’ IN BURKINA FASO Burkina Italia Popolazione (migliaia) 13.228 59.093 Aspettativa di vita media 48 82 Mortalità 0- 5 anni (per 1.000 nati vivi) 200 3 Mortalità materna (per 10.000 nati vivi) 1.000 4 Parti in presenza di assistenza sanitaria (%) 40 99 Medici (numero) 745 256.000 Abitanti per medico 18.000 216 Spesa totale sanità in % di PIL 6,1 8.9 Spesa pro capite in salute ($) 24,2 2.875 Tasso di alfabetizzazione (%) 28,6 98,8 PIL pro capite ( $) 1.370 29.9602
  • MALATTIE KILLER DEI BAMBINI COME NASCE L’IDEA DI UN SERVICE Stralci dalla rivista “The LION” Febbraio 2002: Appello per istituire ogni anno una giornata dedicata ai bambini operando per salvarne 5.000. Gennaio 2003: Rapporto UNICEF: ogni anno 11 milioni di bimbi muoiono di malattie evitabili: in Africa c’è il più alto tasso di mortalità infantile. Settembre 2003: “Caro Presidente di Club…..” la rivi- sta, a mo’ di sondaggio, lancia la campagna “Una cena in meno” La cifra risparmiata sarà destinata ad un Service gra- dito al maggior numero di Club aderenti. Giugno 2004: “Il sondaggio è terminato !” Aderiscono 278 Club, tutti i Distretti, S. Marino, 2 Consigli dei Governatori. Dicembre 2004: La Campagna “Una cena in meno” diventa SERVICE: Su 7 service proposti la maggioranza dei Club sceglie: I LIONS ITALIANI CONTRO LE MALATTIE KILLER DEI BAMBINI 3
  • L’AZIONE DEL SERVICE SI BASA I Principali: 1 Protocollo di collaborazione sottoscritto con i 14 Lions Club del Burkina Faso, partner in tutte le azioni. 2 Convenzione quadro con il Ministero della Salute. 3 Convenzione quadro con il Ministero dell’Agricoltura e dell’Idraulica (pozzi) 4 Protocollo di collaborazione con la Fondazione Suka (campagne di vaccinazione) 5 Accordo di collaborazione con l’Ospedale S. Camillo - Nanorò 6 Convenzione di partenariato con l’Ospedale Universitario Pediatrico CDG di Ouagadougou 7 Convenzione con l’Istituto Agrario di Nanorò per la formazione di giovani imprenditori agricoli che lavorino per il miglioramento della dieta alimenta- re dei bambini del Cren. 8 Nel 2009 protocollo di collaborazione con il Comune di Milano per presentare la città alla comunità internazionale come modello di ricer- ca ed innovazione per attrarre giovani talenti da tutto il mondo. 9 Convenzione di collaborazione con il dipartimento di Biologia dell’Università di Padova per la forma- zione di giovani ricercatori italiani e burkinabè impegnati nella ricerca contro la malaria.4
  • SU ACCORDI E CONVENZIONI PROGRAMMAZIONE MK onlus per 2012 Costruzione di almeno 5 pozzi in collaborazione con la Direzione “Risorse Idriche” del Ministero dell’Agricoltura e con il L.C. Ouagadougou “Harmonie” (Impresa costruttrice INTELECT BURKINA - Referente Mamadou Ouèdraogo) Preventivo di spesa: Euro 35.000. Costruzione di due serre solari “SOLWA” per la potabilizzazione dell’acqua in collaborazione con i L.C. Mestre Host, Ouagadougou “Doyen” (Impresa costruttrice INTELECT BURKINA – Referente Mamadou Ouedraogo) Preventivo di spesa: Euro 7.500,00 Fornitura di latte e viveri ai CREN del C.M. “Maximilien” di Sabou, del CSPS “Shalom” di Guiloungou, del CMA “San Camillo” di Nanoro ed AGLI ORFANOTROFI “Ana Dji” di Koudougou e “Hotel Maternel” di Ouagadougou. Preventivo di spesa: Euro 10.000 Campagna di “SOSTEGNI a DISTANZA” in colla- borazione con il Lions Club Ouaga“ Harmonie” negli Orfanotrofi “Les Saints Innocents” di Ziniarè, “La Citè des Enfants” di Boulsa e “Ana Dji” di Koudougou. Progetto del dormitorio e della cucina dell’Orfanotrofio di Boulsa “La Citè des Enfants” in collaborazione con il L.C. Milano alla Scala, L.C.I.F. ed il L.C. Ouaga “Harmonie”. Preventivo di spesa: Euro 15.000. 5
  • PROGRAMMA MEDICO SANITARIO 2012 Centro Cardiologia di Dakar (Senegal) con un pre- ventivo di spesa di Euro 5.000a) Progetto screening asma infantile in collabora- 2) Allestimento del Centro di Cardiochirurgia con zione con il Ministero della Salute del Burkina attrezzature medico Ospedaliere di ultima genera- Faso, l’Università di Ouagadougou, l’Ospedale zione (eco cardiografo ed altre specifiche) con un Pediatrico “Charles De Gaulle” ed il Lions Club preventivo di spesa di Euro 50.000 Ouaga “Phènix 50”. L’asma è la malattia cronica più frequente nei bambini e ne colpisce il 10-15 %. c) Attività chirurgica-oculistica e ortopedia riabilita- L’indagine riguarderà 500 bambini dai 7 ai 14 anni tiva in collaborazione con il Centro Don Orione di delle scuole primarie di Ouagadougou. Ouagadougou, il Centro di Lotta contro la cecità ed I bimbi “malati” saranno presi in cura dall’Ospedale i Lions locali. Charles De Gaulle il cui Dipartimento di Oculisti: Dottor Stefano PENSIERO Allergologia (creato da MK onlus) diverrà il Dottor Salvatore MASIA Centro di riferimento per tutti gli ospedali del paese. Ortopedico: Dottoressa Antonella ESKENASI Preventivo di spesa: Euro 4.000b) Creazione di un Centro di Cardiologia Pediatrica in collaborazione con “ADICARE d) Attività chirurgica generale (Day Surgery) pres- BURKINA”, con il cardiochirurgo italiano so il CMA “San Camillo di Nanorò. Prof. Alessandro FRIGIOLA ed L.C. Ouaga Chirurgo: Dottor Roberto BARINA “Harmonie”. Preventivo di spesa: Euro 1.000 La cardiopatia è la terza causa di mortalità infan- e) Corso di “Educazione Igienico Sanitaria” per la tile in Burkina Faso: ogni anno si riscontrano n. prevenzione di malattie trasmissibili da tenersi in una 2500 casi di cardiopatie congenite e 25.000 casi di scuola primaria con visita medica a tutti gli alunni in cardiopatie da reumatismi ed infezioni varie. collaborazione con l’ONG italiana “Mani Tese”.Il progetto prevede a carico di MK onlus: Igienista: Dottoressa Leda SCHIRINZI1) Uno stage di un cardiologo pediatrico presso il Preventivo di spesa: Euro 1.500 6
  • f) “Campagna di prevenzione contro il carcinoma sociale nel quale il nostro ruolo sarà quello di opera- al collo dell’utero” presso il CMA di Boussè, in re in prima persona senza elargizione diretta di dena- collaborazione con il L.C.Ouaga “Vision”. ro ma con la collaborazione delle istituzioni locali. Ginecologo: Dottor Roberto LUPO - la missione medica potrebbe essere così programmata: Preventivo di spesa: Euro 4.000 1) Visite mediche per adulti e bambini per prendere conoscenza delle effettive patologie in essere e dare unag) Attività odontotecnica di costruzione e messa in prima valutazione della situazione alimentare del Cren. opera di protesi dentarie. Corso di formazione pres- 2) Sistemazione, se possibile, della farmacia del so il C.M.A. Schiphra di Ouagadougou, in collabo- Dispensario. razione con il L.C. “Ouaga “Harmonie”. 3) Formazione del personale locale che potrebbe esse- Odontotecnico: Dottoressa Marisa COZZA re svolta in parte in loco da noi medici ed in parte con Preventivo di spesa: Euro 2.500 uno stage in Italia.h) Assistenza e collaborazione con il Dispensario di 4) Visite ginecologiche e campagna di prevenzioneToece (a 80 km. SE di Ouaga, sulla strada di Po). del carcinoma al collo dell’utero.Tale dispensario, situato in una regione, anche se vicina 5) Visite oculistiche e distribuzione gratuita deglialla capitale assai disagiata, comprende una maternità, un occhiali.Cren, una farmacia ed un Centro di medicina generale. 6) Eventuale ristrutturazione di una piccola infermeria,In tale struttura si potrebbe ipotizzare un programma costruzione di un pozzo e con una eventuale richiestaintegrato di MK. di contributo della nostra Fondazione InternazionalePer un serio programma di intervento è necessario: (LCIF), in partenariato con i Lions locali.- contattare i Lions locali ed avere una certezza di una Medici coinvolti: loro fattiva collaborazione in prima persona o trami- Dottor Stefano CAMURRI - medico pediatra te personale locale. Dottoressa Cinzia COSIMI - medico dell’adulto- recarsi a Toece per accertarsi di persona quali siano Dottoressa Marinella PETTENER - medico dell’adulto le reali necessità e, soprattutto le priorità Dottor Roberto LUPO - ginecologo.- programmare un intervento di natura sanitario- Preventivo di spesa: Euro 40.000 7
  • COSTITUZIONE DI MK ONLUS La prima missione del Service in Burkina ha luogo nel gennaio 2006: vengono poste le basi del futuro operare. Nel Congresso Nazionale di Caorle (giugno 2007) il service è votato: “Service Permanente” Per assicurare efficacia e continuità, la struttura del Service diventa ONLUS nell’ottobre 2007. Nel Consiglio Direttivo sono presenti Lions di tutti i Distretti italiani. Il 1° Presidente eletto è Arnaldo FENZO del Lions Mestre Host – 108 Ta38
  • OBIETTIVI DEL MILLENNIO PER LO SVILUPPO1 Eliminare la povertà e la fame nel mondo.2 Assicurare l’istruzione elementare universale.3 Promuovere l’uguaglianza di genere e capacitazio- ne delle donne.4 Diminuire la mortalità infantile.5 Migliorare la salute materna.6 Combattere l’HIV-AIDS, la tubercolosi,la malaria ed altre malattie7 Assicurare la sostenibilità ambientale.8 Sviluppare un partenariato globale di sviluppo.OBIETTIVI PRINCIPALI DEL SERVICE1 Ridurre la mortalità infantile2 Promuovere campagne di vaccinazione (meningite- morbillo)3 Fornire cibo ad orfanotrofi e Cren4 Fornire acqua potabile (pozzi)5 Favorire la sostenibilità ambientale6 Combattere la povertà7 Fornire attrezzature e farmaci.8 Sviluppare il partenariato con i Lions in Burkina e favorire la formazione. 9
  • PRINCIPALI REALIZZAZIONI DI MK 7 INFRASTRUTTURE SANITARIE:1 VACCINAZIONI: due campagne di vaccinazione - Rifacimento del CREN di Boussé (cucina,servizi contro la meningite (una delle principali malattie sanitari e camere degenza) killer) per un totale di 433.556 persone, da 1 a 29 - Creazione reparto di Pneumologia infantile del- anni, vaccinate. l’Ospedale Universitario pediatrico a Ouagadougou: (contributo LCIF: 50.000 dollari) inaugurato nel2 ACQUA POTABILE: n. 42 pozzi costruiti. novembre 2011.3 CAMPAGNE PER LA VISTA: due campagne - In corso di realizzazione dormitorio e mensa a con la distribuzione gratuita di occhiali (recuperati Boulsa. e risistemati dalla raccolta occhiali usati Lions): a 8 FORMAZIONE: Ouagadougou (5.000 persone) e Bobo Dioulasso giovani medici: 5 stages di 3 mesi in Italia (4.500) con servizio di oculisti volontari. giovani agricoltori: 5 stages in due anni4 ALIMENTAZIONE BAMBINI: dal 2007 MK corsi di aggiornamento per medici ginecologi e per- garantisce il fabbisogno ANNUO di viveri a 2 orfa- sonale infermieristico. notrofi e 4 CREN (Centri Recupero Educazione 9 EDUCAZIONE IGIENICO SANITARIA Nutrizionale). NELLE SCUOLE5 SOSTEGNO A DISTANZA: n.120 sostegni a 10 DONAZIONI a varie strutture ospedaliere: una TAC, distanza negli ultimi due anni attraverso Lions e tre Riuniti dentari, due ecografi, due colposcopi, due sostenitori in due orfanotrofi: microscopi,due apparecchi RX specialistici, un gabi- Orfanotrofio “Les Saints Innocents” di Ziniaré netto dentistico pediatrico, zanzariere, bilancia elettro- Orfanotrofio “La Cité des Enfants” di Boulsa nica per farmacia, strumentazione chirurgica, dentisti- Contributo per sostegno a distanza: Euro 50 annuo per frequenza scolastica ca e di consumo, kit per diagnosi HIV. Euro 100 per scuola e mensa Euro 200 per alimentazione annua neonato.6 VISITE MEDICHE: migliaia di visite mediche, In occasione delle missioni dei volontari vengono por- pediatriche e ginecologiche,dentistiche ed oculistiche tati oltre a medicinali, materiale scolastico ed igienico da una ventina di medici volontari Lions italiani. anche vestiario per adulti e bambini. 10
  • 2006 - 2011: BILANCIO DI 5 ANNI DI SERVICEDopo 5 anni di service per il Burkina Faso raggiungiamoun dato di un investimento reale di UN MILIONE DI EUROOltre alla raccolta fondi con manifestazioni, services ecc.sono da sottolineare circa 250.000 Euro: donazioni di pri-vati, di contributi LCIF, della Regione Veneto, dellaUnione Comunità Ebraiche ed al 5 x 1000 dal 2008.Un grande valore, però inestimabile, è quello dell’appor-to professionale di moltissimi volontari Lions (medici,tecnici, legali, commercialisti, dentisti) che si sono pro-digati e si prodigano per MK oltre a persone di grandedisponibilità con la loro gratuita collaborazione durante lemissioni.Questo aggiunge un ulteriore valore morale al service.I più importanti obiettivi raggiunti da MK onlus sonostati: la prevenzione della cecità con la Fondazione ONESIGHT americana la campagna per la lotta alla meningi-te, il nostro fiore all’occhiello.Tutto questo lo realizziamo con i Lions del Burkina checi ha portato al riconoscimento nel 2011 di ONG allanostra Onlus. La nostra scelta per il futuro sarà di amplia-re concrete e produttive iniziative di collaborazione perimpegnare, specialmente i giovani, a RESTARE PERCAMBIARE la loro realtà. 11
  • MK ONLUS PER I BAMBINI DEL BURKINA FASOAfrica 2012: i bambini muoiono ancora di fame ed ad una migliore igiene di vita dei piccoli.Una delle cause più frequenti di mortalità infantile in Questi centri seguono un protocollo preciso di recuperomolti paesi africani è purtroppo,ancora la fame. (cura e nutrizione) dei bimbi che,attenendosi ai bisogni“I Lions Italiani contro le malattie Killer dei bambi- naturali stimati dall’OMS, fissa i quantitativi ed il genereni-MK onlus” attraverso un progetto integrato in delle sostanze da somministrare loro a seconda dell’età.Burkina Faso, opera per “eliminare la povertà estrema I bimbi gravi vengono sempre ricoverati con la loroe la fame nel mondo” realizzando in tal modo il primo mamma, a differenza degli altri meno gravi, i quali, sedegli obiettivi internazionali del millennio. abitano nelle vicinanze del Centro, tornano nei loro vil-La siccità e di conseguenza l’assenza di qualsiasi atti- laggi alla sera. Il clima di grave indigenza fa sì che anchevità agricola,sono le cause principali di estrema pover- in tali strutture, sia pubbliche che private, si incontrinotà nei villaggi della savana: Le donne dagli occhi tri- molte difficoltà a nutrire un alto numero di bambini, spe-sti e dalle mammelle asciutte sono costrette ad abban- cie i lattanti, poiché il latte in polvere è costosissimo.donare i propri bambini nella speranza che qualcuno MK onlus ha deciso di intervenire, ove possibile,li raccolga e se ne prenda cura, sfamandoli ed allevan- garantendo da vari anni, un tangibile sostegno econo-doli in un ambiente migliore. Altri bambini invece, mico per l’acquisto di latte e viveri a favore di Cren edvivono delle violenze terrribili e vengono abbandonati Orfanotrofi.poiché il bimbo, il cui padre o madre sono morti, In particolare dal 2008 assistiamo:diventa una vergogna sociale. Orfanotrofio “Les Saints Innocents” di ZiniaréEsistono in Burkina Faso molti orfanotrofi e molti L’Hotel “Maternel” di Ouagadougou struttura stataleCREN ovvero strutture particolari che educano bambini Dal 2011: “La Cité des Enfants” Boulsadenutriti o malnutriti a mangiare ed a riassorbire il cibo. I CREN: C.M. “Saint Camille” dei Camilliani di NanoròI Cren sono veri e propri reparti ospedalieri, in cui si aiu- C.M. di Boussé - stataletano questi bambini ad abituarli lentamente a ricevere il C.M.: CSPS “Shalom” di Guiloungoucibo, si educano le madri ad una corretta alimentazione C.M. “Saint Maximilien” di Sabou. 12
  • MISSION“Creare e promuovere tra tutti i popoliuno spirito di comprensioneper bisogni umanitari attraverso volontariservizi coinvolgenti le comunitàe la cooperazione internazionale.”
  • ORFANOTROFIO “LES SAINTS INNOCENTS” -ZINIARE’L’orfanotrofio è nato nel 2002: è gestito da personale reli-gioso e, a differenza degli altri,è strutturato in 8 casette.In ognuna delle quali sono alloggiate due famiglie.Ogni “famiglia” si compone di una madre “balia” e di 5-6bimbi a carico.Gli obiettivi della struttura sono:- dare all’orfano la fortuna di vivere con dignità- garantire agli orfani o ai bambini abbandonati una edu- cazione morale, intellettuale e spirituale.Oltre alle varie casette vi sono un refettorio,una inferme-ria, una cucina, una lavanderia,una scuola materna ed unaprimaria. L’Istituto accoglie bimbi da 0 a 4 anni ed essipossono restarvi fino a 12 anni. I pochi che non riesconoa tornare nelle loro famiglie biologiche vengono ospitatifino a 18 anni. Les Saints Innocents sopravvive graziealle donazioni ricevute e con le c.d. adozioni a distanza,accoglie attualmente dai 120 ai 200 bambini. E’ essenzia-le il contributo di MK ogni anno per il latte ai piccini edil cibo per tutti. I Lions italiani negli ultimi due anni, con il“sostegno a distanza” seguono oltre 90 bimbi con un con-tributo di: 50 euro l’anno per sostegno scolastico – 100euro per scuola e nutrizione.Le scuole dell’orfanotrofio sono frequentate anche dabimbi esterni di villaggi poverissimi, le cui famiglie nonpossono pagare la retta della scuola pubblica. Il totale deglialunni delle scuole è attualmente di 180 bambini. 14
  • Orfanotrofio “Les Saints Innocents” Ziniaré.Ragazzini adottati per la scuola
  • La scuola di orfani a Ziniaré.
  • CREN C.M. “MAXIMILIEN” di SABOUIl Centro Medico è sorto nel 2009 nella savana diSabou, in una località dove c’era disperazione per mol-teplici malattie endemiche e per tanti problemi socialiassai dolorosi.Il piano di intervento della struttura prevede 5 uscite almese del personale medico nei villaggi per individua-re i bimbi sottopeso ed offrire alla popolazione unariflessione educativa su questi temi.La presa in carico dei bimbi al Centro, soprattutto i piùgravi (che vengono ricoverati) diventa sempre più pre-cisa ed efficace attraverso nuove diete e tecniche indi-cate dagli esperti della OMS.Le suore che gestiscono il Cren, in particolare Suor I medici Lions volontari: Cinzia Cosimi e Stefano CamurriMarie, affermano che si tratta di un lavoro molto impe-gnativo ma nello stesso tempo entusiasmante, perchémolti bambini ritrovano, oltre che la salute, il sorriso.Solitamente vengono ricoverate 15 coppiebimbo/mamma al giorno mentre gli esterni possonoarrivare anche da 30 a 70, secondo la stagione, con uncosto medio totale annuo di CFA 7.500.00 pari a Euro11.450.I Lions Italiani negli ultimi anni, oltre a sostegno indenaro, hanno fornito attrezzature e medicinali, parti-colarmente per la diagnosi precoce dell’AIDS.
  • Il Lions Stefano Camurricura i bimbi di Suor Marie a Sabou
  • La malnutrizione
  • Donne in attesa di visita a Sabou
  • ORFANOTROFIO “LA CITE’ DES ENFANTS” aBOULSAQuesto istituto, come tanti altri in Burkina Faso,è un centrodi recupero per bambini orfani, abbandonati o malnutriti.L’orfanotrofio è stato creato nel 1994 a seguito di uno stu-dio condotto in questa zona estremamente povera delPaese,dal Ministero della Salute e quello dell’AzioneSociale sullo stato nutrizionale dei bimbi dai 3 ai 6 mesi dietà e sul gran numero di orfani a causa dell’elevato tasso didecessi materni. Si consideri che, ancor oggi, in un territo-rio vasto e con 320.000 abitanti, distante 180 km. dalla capi-tale ci sono solo 3 medici per tutta la popolazione.Attualmente l’istituto svolge due tipi di attività:- il CREN – Centro Recupero Nutrizione Bimbi malnutri- ti o privi di latte materno- il “NIDO”- per assistenza ai piccoli abbandonati.L’Orfanotrofio assiste attualmente:- n.192 bambini orfani dall’età di un mese fino ai 5 anni di età- n.127 bambini poverissimi dai 6 ai 17 anni, quindi in età scolare.Dal 2011 MK segue particolarmente questa struttura oveha già previsto la ristrutturazione del dormitorio e dellamensa, una particolare fornitura di latte un polvere per tuttol’anno e soprattutto il sostegno a distanza arrivato, in soli 4mesi, all’adozione di 17 neonati - 26 bimbi scuola -11 bimbi per scuola e cibo.Il sostegno consiste in: 50 euro (annui) per scuola-100 euro(annui) scuola e cibo-200 euro (annui) neonato.
  • Orfanotrofio “Cité des Enfants” di BoulsaAlliance Missionaire Internationale
  • Mamme in attesa di cure a Boulsa
  • ORFANOTROFIO “HOTEL MATERNEL”OuagadougouL’Istituto creato e seguito dal Ministero dell’AzioneSociale, si occupa di tutte le problematiche relativealla Maternità ed all’Infanzia.Esso ospita attualmente:- n. 45 bambini abbandonati da 0 a 7 anni- n. 16 ragazze incinte dai 14 ai 18 anni (succede spes- so nella savana che le donne vengano stuprate dagli adulti, familiari e non e che, proprio a causa della loro “colpevole” gravidanza, vengono cacciate dai villaggi.- n. 10 ragazze-madri di 18 anni con i loro bambini- n. 18 ragazze senza famiglia dai 12 ai 18 anni in con- dizioni di assoluto bisogno- Si noti che, molto spesso la mattina, vengono rac- colti “sulle strade” piccoli appena nati !!!!!L’orfanotrofio è gestito da personale laico di dipenden-za statale.MK sostiene materialmente la struttura da 4 anni ed inostri medici volontari qui operano durante le loromissioni.Nel 2011 ha anche ospitato un importante service conle visite oculistiche e la distribuzione di notri occhialiusati ad un gran numero di alunni di scuole ed anziani. 26
  • 28
  • la “pouponniére”dell’“Hotel Maternel” di Ouagadougou 29
  • CREN C.M.A di BOUSSE’Durante le visite di alcuni Lions italiani in missione inBurkina al Centro medico statale di Boussé, era statoaccertato che il CREN versava in condizioni fatiscen-ti, per cui MK si impegnò di procedere al restaurodella sala di degenza delle madri con bimbi malnutri-ti, di creare un refettorio, un reparto cottura alimenti,servizi igienici e docce nonché un “hangar” ove lemamme avrebbero potuto sostare con i figlioletti,all’aperto, ma al riparo dal sole e dalla pioggia. Grazieanche al contributo della LCIF, i lavori di ristruttura-zione iniziati nel 2008 sono terminati nel 2009.I Lions Italiani hanno anche offerto ai 5 infermieri delCREN un corso di formazione sul protocollo naziona-le burkinabè per la cura della malnutrizione.Negli anni 2007 e 2008 inoltre MK ha donato alCREN viveri e latte in polvere per complessivi Euro5.700. Inoltre i nostri medici Lions volontari, pediatrie ginecologi, nelle loro annuali missioni svolgono laloro opera nella struttura stessa, superando anche note-voli disagi strutturali. 30
  • CREN C.M. SAINT CAMILLE di NANORO’Accanto alla efficiente struttura dei Camilliani diNanorò il CREN “Saint Camille” arriva fino a 5.350giorni di ricovero l’anno, cioè 15/16 coppie bimbo-mamma residenti giornalieri, oltre a 3 coppie esterneal gg.: il tutto con un costo totale annuo di CFA4.607.000 pari a Euro 7.035.A Nanorò vengono distribuite quotidianamente centi-naia di dosi per la malnutrizione. Inoltre è notevole ilcontributo in denaro di MK oltre a doni di attrezzaturesanitarie. 31
  • I VILLAGGIIl vento ti porta la polvere in bocca, polvere rossa di terrache non accoglie l’acqua da molti mesi, forse di più.Quando la folata si acqueta si vedono le prime capanne,anch’esse avvolte dalle sfumature dei colori della natura,villaggi da cui escono bambini che si confondono con l’am-biente ove vivono. Arriviamo su una strada sterrata con alato cespugli secchi, una savana arida interrotta a volte damaestosi baobab. Gli uomini che incontriamo a lato dellastrada non alzano la testa mentre stancamente curano ilpascolo: capre,buoi magrissimi e qua e là galline,maialinied asinelli.Le donne invece sempre al lavoro. “Il n’y a pas l’Afriquesans les femmes” recita un saggio detto!!!Sono ombre che scompaiono fra le capanne portando suldorso un fagotto leggerissimo di un bimbo cui il latte La strada per raggiungere i villaggi per inaugurare il nuovo pozzodella mamma spesso non basta. La fatica quotidiana delledonne è il procurarsi “ACQUA”, acqua fangosa se vieneda un pozzo artesiano scavato da anni, profondo pochimetri o “ magari” arrivare ad un pozzo che “qualcuno” haloro regalato come un grande dono: LA VITA. Un pozzocon l’acqua pura che si trova a 70 metri di profondità, nonsi esaurirà per anni.E’ DA QUI CHE DOBBIAMO PARTIRE : L’ACQUAL’acqua trasformerà il villaggio in speranza per il futurocon il miglioramento della salute, la coltivazione dei pro-dotti della terra,ma soprattutto la possibilità della scolariz-zazione dei bimbi fino ad allora sacrificati al pesante tra-sporto dell’acqua. 32
  • 36
  • MK HA REALIZZATO FINO AD ORA 42 POZZI PER MIGLIAIA DI PERSONE Il pozzo nuovo: inaugurazione del 42° dei Lions Italiani Un esempio di intervento Lions: il pozzo prima 37
  • 38
  • EMOZIONI al ritorno dall’ottava Missionedal “Diario di bordo” di Emy e Beppe Pajardi (Presidente)Quello che non possiamo trasferirvi sono le emozioni, lapelle d’oca che si prova di fronte a certe situazioni, la soddi-sfazione di dare un sorriso ad un bimbo, il calore umano neltenerli in braccio affamati come sono di un “rapporto dipelle” di coccole, di…L’arricchimento nostro personale, impagabile, impensa-bile se non si va giù, che fa dimenticare i disagi di girova-gare nella savana con i jeepponi, ovviamente su stradenon asfaltate o piste sterrate e avvallamenti di ogni gene-re creati nella stagione delle piogge, nella polvere rossa,con il timore che se si fora una gomma non c’è certo l’of-ficina… (avete mai visto gonfiare un pneumatico di autocon una pompa di bicicletta? Ebbene abbiamo provatoanche questo !).Si percorrono, nei giorni di missione, anche 3.000 km. inqueste condizioni rifocillandoci con banane…. biscotti maanche con qualche assaggio di un buon parmigiano (porta-to dall’Italia…)E verso sera, al rientro alla missione, quei tramonti daurlo non riusciamo a goderli pienamente: il pensiero èrivolto a quella gente che abbiamo appena lasciato e chefra poco sarà completamente al buio magari senza acquao luce, ad accudire bambini ed anziani.Sarebbe fantasia ma è una triste realtà.Loro ce la fanno con dignità e serenità, spinti da abitudi-ni ancestrali a quella vita, con la più totale consapevolez-za che quella è la loro vita, quella vita che noi, nel nostro NOI NON SIAMO EROI:piccolo, cerchiamo di rendere meno infelice. SIAMO SEMPLICEMENTE LIONS 39
  • 40
  • I LIONS DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI MK Presidente: Giuseppe PAJARDI (Ib4) Presidente Onorario: Arnaldo FENZO (Ta3) Vice Presidente Vicario: Maria Clelia ANTOLINI FENZO (Ta3)Vice Presidente Amministrativo: Fioravante PISANI (Ib4) Vice Presidente Scientifico: Stefano CAMURRI PILONI (Ta2) Consiglieri: Maurizio CASALI (Ia1) Giancarlo SARTORIS (Ia2) Ermanno TURLETTI (Ia3) Danilo GUERINI ROCCO (Ib1) Sirio MARCIANO’ (Ib2) Marinella PREMOLI (Ib3) Guido CELLA (Ta1) Giuseppe INNOCENTI (Tb) Otello TASSELLI (A) Roberto LUPO (Ab) Mariapia SAGGESE (L) Pietro BECATTINI AMORETTI (La) Luigi VILLANO (Ya) Carlo SARTORIO (Yb) Revisori dei conti Presidente: Francesco TRIFILETTI (L) Beniamino VETTORI (Ta1) Luciano GORLANI (Ib3) Responsabile Logistica: Domenico DIVERSI (A) Responsabile programmi cooperazione internazionale: Giovanni SPALIVIERO (Ta3) Responsabile Comunicazione: Giuseppe INNOCENTI 41
  • Come aiutarci:L’Associazione MK onlus opera con il volontariato di soci Lions ed investe i contributi detraibili ricevuti daiLions Club, dai soci e da semplici cittadini.I settori di intervento sono:1) Infanzia 2) Acqua 3) Sanità 4) Formazione professionaleCiascuna donazione può essere finalizzata al settore di gradimento, da indicare nella causale del versamento.Bonifico Bancario:UNICREDIT Banca - Via 1° maggio, 6 - 20090 SEGRATE (MI)Intestatario:I LIONS ITALIANI CONTRO LE MALATTIE KILLER DEI BAMBINI - ONLUSIBAN: IT 90 O 02008 20600 000100894734E’ un “Conto di solidarietà” che permette l’invio di bonifici senza aggravio di spese per i clienti Unicredit e Banchedel gruppo.Conto Corrente PostaleIntestatario:I LIONS ITALIANI CONTRO LE MALATTIE KILLER DEI BAMBINI-ONLUSIBAN IT 32P 07601 01600 00000 7702202 43
  • 44
  • 45
  • 46
  • 47
  • Testi: Maria Clelia Antolini FenzoGiuseppe Innocenti, Responsabile Comunicazione MK Giuseppe Pajardi Anna Savoini Giovanni Spaliviero Foto e Immagini: Antonella Eskenazi Anna Savoini Giuseppe Pajardi Stampa e Grafica: il tuo partner della carta stampata Art Director: Franco Polver Impaginazione: Tony Iemmello Qualità Stampa: Maurizio Menegatti Finito di stampare nel mese di Maggio 2012