• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Introduzione al web writing
 

Introduzione al web writing

on

  • 1,563 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,563
Views on SlideShare
1,454
Embed Views
109

Actions

Likes
6
Downloads
0
Comments
0

3 Embeds 109

http://www.istitutocomprensivo1moglianoveneto.it 83
http://elearning.siaspa.com 20
http://www.e-schooloftranslation.org 6

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Ringraziamento AITI Ricordare precedente intervento Catania
  • We measured five usability metrics for each version of our website: Task time was the number of seconds it took users to find answers for specific questions about the content. Errors was a percentage score based on the number of incorrect answers users gave for questions that had a known answer (one question asked users to determine their favorite tourist attraction: there was no one correct answer, so this question was not scored for errors). Memory comprised two measures from an exam given to the users after they had finished using the site. Recognition memory was a percentage score based on the number of correct answers minus the number of incorrect answers to 5 multiple-choice questions. Recall memory was a percentage score based on the number of items correctly recalled after the test minus the number incorrectly recalled (users were asked to list as many of the tourist attractions discussed in the site as they could remember). Time to recall site structure was the number of seconds it took users to draw a sitemap. This is a measure of how well the users had understood the information architecture: if they understood it well, they would draw it quickly; if they understood it poorly, they had to think longer. Subjective satisfaction was determined from participants' answers to a questionnaire. Each question used a 10-point rating scale. Four satisfaction criteria were averaged to derive the subjective satisfaction score: perceived quality (e.g., "How satisfied are you with the site's quality of language?"), perceived ease of use (e.g., "How easy is it to find specific information in this website?"), likability (e.g., "the term 'fun to use' describes the site very well"), and user affect (e.g., "How tired do you feel right now?"). Note that the subjective metric assessed how well users thought the site worked, not how well the users actually performed. It was quite possible for a user to be very slow at answering the questions and still say that he or she thought that it was very easy to find information on the site. Overall usability of a site was calculated as the geometric average of these five measures. Each measure was normalized relative to the performance measured for the control condition (for example, if users could remember 5 things in the control condition but 6 things in one of the other conditions, then that condition received a 120% score for memory).
  • We measured five usability metrics for each version of our website: Task time was the number of seconds it took users to find answers for specific questions about the content. Errors was a percentage score based on the number of incorrect answers users gave for questions that had a known answer (one question asked users to determine their favorite tourist attraction: there was no one correct answer, so this question was not scored for errors). Memory comprised two measures from an exam given to the users after they had finished using the site. Recognition memory was a percentage score based on the number of correct answers minus the number of incorrect answers to 5 multiple-choice questions. Recall memory was a percentage score based on the number of items correctly recalled after the test minus the number incorrectly recalled (users were asked to list as many of the tourist attractions discussed in the site as they could remember). Time to recall site structure was the number of seconds it took users to draw a sitemap. This is a measure of how well the users had understood the information architecture: if they understood it well, they would draw it quickly; if they understood it poorly, they had to think longer. Subjective satisfaction was determined from participants' answers to a questionnaire. Each question used a 10-point rating scale. Four satisfaction criteria were averaged to derive the subjective satisfaction score: perceived quality (e.g., "How satisfied are you with the site's quality of language?"), perceived ease of use (e.g., "How easy is it to find specific information in this website?"), likability (e.g., "the term 'fun to use' describes the site very well"), and user affect (e.g., "How tired do you feel right now?"). Note that the subjective metric assessed how well users thought the site worked, not how well the users actually performed. It was quite possible for a user to be very slow at answering the questions and still say that he or she thought that it was very easy to find information on the site. Overall usability of a site was calculated as the geometric average of these five measures. Each measure was normalized relative to the performance measured for the control condition (for example, if users could remember 5 things in the control condition but 6 things in one of the other conditions, then that condition received a 120% score for memory).
  • Ringraziamento AITI Ricordare precedente intervento Catania

Introduzione al web writing Introduzione al web writing Presentation Transcript

  • Introduzione al web writing European School of Translation “ Il mio primo sito web” Seconda lezione - 16 giugno 2009 Perché la scrittura online è diversa Lo stile del web
  • Cristina Federica Fabrizio Andrea Cida Marco Sara Katia
  • Scrivere e leggere sul Web Perché la scrittura online è diversa PRIMA PARTE
  • Sono diversi i testi Interfacce, interattività, testi tradizionali e ipertesti
  • L’interfaccia uomo-macchina
    • L’interfaccia utente nel software e nel Web (interattività)
    • Software : menu, pulsanti, messaggi di sistema e di errore, icone, guida in linea, finestre di dialogo, ecc.
    • Web : menu e barre di navigazione, mappe interattive, frame, link ipertestuali, icone, moduli, ecc.
  • Azioni Web Testi su cui si agisce e con cui si interagisce
    • Prenotare un servizio *
    • Acquistare merci *
    • Caricare documenti
    • Scaricare software
    • Accedere ad altri documenti
    • Stampare documenti
    • Ricercare informazioni
    • Aggiornare informazioni (db)
    • Comunicare in TR (Chat) *
    • Comunicare non in TR (forum) *
    • Consultare informazioni
    • Inviare messaggi e-mail *
    • Inviare messaggi SMS *
    • Ascoltare suoni/musica
    • Guardare video
    • ……… .
  • Sono diversi i lettori Lettori-utenti, lettura online, usabilità
  • Come si legge sul Web
    • Il lettore del Web non legge
    • Rapida scansione della pagina
    • Attenzione per i titoli, i sottotitoli, le parole sottolineate (collegamenti ipertestuali)
    • Il “lettore” del Web cerca informazioni
  • Ricerche sulla lettura online
    • La ricerca della Stanford-Poynter sugli “eye fixations”
    • Le ricerche sulla “usabilità” di Jakob Nielsen
  • La ricerca della Stanford-Poynter
    • Statistiche basate sul numero di volte che gli occhi si fissano su una parte dello schermo ( eye fixations ).
    • Risultato: Il testo viene fissato assai più delle fotografie e degli altri elementi grafici.
    • Possibili motivi:
          • lentezza nel download delle immagini
          • minore qualità delle immagini a video
          • attenzione del lettore web per informazioni e contenuti
  • Ricerche sulla “usabilità” (Nielsen)
    • Il 79% dei lettori non legge ma effettua una scansione della pagina.
    • L'usabilità migliora (124%) con:
          • parole chiave evidenziate (tra cui collegamenti ipertestuali)
          • sottotitoli con un significato chiaro
          • liste con punti elenco
          • una sola idea per paragrafo
          • piramide invertita (prima le conclusioni)
          • meno parole rispetto alla scrittura tradizionale (50% o meno)
  • È diverso il medium Pagine Web che si fanno trovare e pagine Web che ispirano fiducia
  • Pagine che si fanno trovare
    • Motori di ricerca
    • Scrivere per i motori di ricerca
    • L’importanza dei microcontenuti
  • Microcontenuti: MetaTag <HTML> <HEAD> <TITLE> Cisco Connection Online by Cisco Systems, Inc.</TITLE> < META content =&quot;Cisco, networking equipment, network hardware, network management, routers, LAN, WAN, ATM, software, servers, switches, internet, intranet, extranet, ISDN, network security, local area network, wide area network, hubs, token rings, business networks, ethernet, firewalls, Cisco Systems&quot; name=Keywords > < META content =&quot;Cisco is the worldwide leader in networking for the Internet. Products include access concentrators, access servers, Cisco Secure, Cisco IOS software, CiscoWorks2000, DSL equipment, hubs and concentrators, interfaces and adaptors, network management, optical, routers, switches, telephony, unified messaging, video, web and wireless.&quot; name=Description > </HEAD>
  • Microcontenuti: Alt
    • <IMG alt=&quot;Cisco Systems, Inc., Empowering the Internet Generation (SM)&quot;
    • border=0 height=87 src=&quot;Cisco Connection Online by Cisco Systems, Inc_file/logo-tagline.gif&quot;
    • width=107>
  • Microcontenuti: titoli e sottotitoli
  • Microcontenuti: link ipertestuali
  • Pagine che ispirano fiducia
    • Design piacevole e di facile uso
    • Moduli di ordinazione con server sicuro
    • Testi ben scritti e accuratamente rivisti
    • Abbondanza di contenuti utili
    • Servizi gratuiti
    • Informazioni dettagliate sull’azienda corredate da fotografie
    • Garanzia per prodotti e servizi
    • Testimonianze di clienti con nomi e indirizzi
    • Nome e indirizzo dell’organizzazione su ogni pagina
    • Clausola di protezione della privacy
    • Link ad altri siti Web
    • Aggiornamenti frequenti
  • Pagine che funzionano
    • L' HOME RUN di Jakob Nielsen 7 regole d'oro per un sito di successo
    • H H IGH-QUALITY Contenuti di alta qualità
    • O O FTEN Aggiornamenti frequenti
    • M M INIMAL Tempi di scaricamento minimi
    • E E ASE OF USE Facilità d'uso per l'utente
    • R R ELEVANT Contenuti appropriati per le esigenze degli utenti
    • U U NIQUE Sfruttare le caratteristiche uniche del nuovo medium
    • N N ET-CENTRIC La rete è al centro della cultura aziendale
  • Lo stile del web Scrivere le informazioni, l’interfaccia e l’ambiente SECONDA PARTE
  • Scrivere le informazioni
    • Parole chiave e microcontenuti,
    • formattazione e layout
  • Parole chiave: informazioni per i MdR
    • La scrittura delle parole chiave è una delle competenze fondamentali del web writer (e del web translator).
  • Quali parole/frasi chiave?
    • Fortemente pertinenti per la pagina in questione
    • Corrispondenti alle parole utilizzate dalle persone nei motori quando cercano una pagina come questa
    • Simili alle parole chiave e alle frasi chiave presenti sulle pagine dei vostri concorrenti
    • Soprattutto frasi, non parole singole
  • BellaUmbria.Net
  • Codice HTML
  • Titolo
  • Metatag
  • 2) Formattazione e layout
    • La formattazione del testo è tra i compiti del web writer ed è parte integrante della usabilità del testo , ossia della facilità con cui il lettore-utente potrà utilizzare il testo per i suoi scopi.
    • Il layout o design della pagina non è solo compito del web writer ma è importante conoscere le peculiarità del medium.
  • Attributi di formattazione
      • Grassetto : l'occhio del lettore viene catturato dalle parole in grassetto. Parole chiave evidenziate (non più di 2-3 parole/gruppi di parole per paragrafo).
      • Sottolineato : evitare di utilizzare testi sottolineati in tutti i file in formato HTML perché per la maggior parte dei lettori corrispondono a link ipertestuali.
  • Attributi di formattazione (2)
      • Corsivo : il corsivo, molto utilizzato nei libri, si legge male sui monitor dei computer. Si può usare con molta parsimonia.
      • Link ipertestuale : anche i link aiutano il lettore a orientarsi nella lettura del testo. Sono anche strumenti che aiutano il lettore a fare qualcosa.
  • Informazioni: qualche consiglio pratico
    • Scegliete (o identificate) le frasi e parole chiave prima di scrivere le informazioni (o tradurle).
    • Formattate il testo per facilitare la lettura.
    • Presentate il testo sfruttando le funzioni offerte da tabelle, elenchi puntati e numerati, colori.
    • Curate l' editing del testo : usate il correttore ortografico automatico, rileggete e fate rileggere il testo da altri.
    • Scrivete testi brevi , sintetici e di facile lettura.
  • Scrivere l’interfaccia
    • Standard e creatività, ipertesti e interfaccia testuale
  • 1) Standard e creatività: scrivere l'interfaccia testuale
    • L' interfaccia testuale è la parte dell'interfaccia utente costituita da testi di varia natura e lunghezza.
    • Importanza dell'interfaccia testuale per prendere delle decisioni, per orientarsi, per effettuare delle operazioni.
    • I principali elementi dell'interfaccia testuale sono:
        • Le voci dei menu
        • I testi dei pulsanti
        • I testi dei link ipertestuali
  • Legge sull'esperienza dell'utente web
      • “ Gli utenti passano la maggior parte del loro tempo su altri siti . Per questo, qualsiasi convenzione, utilizzata nella maggior parte degli altri siti, sarà marchiata a fuoco nel cervello degli utenti e l'allontanamento da tale convenzione comporta necessariamente seri problemi di usabilità.”
    • Jakob Nielsen (agosto 1999)
  • Esempio: Carrelli o slitte della spesa?
      • Risultato : &quot;il 50% degli utenti non compresero il concetto di slittino ( shopping sled ). Il restante 50% riferì di aver compreso il significato perché lo slittino si trovava nello stesso posto in cui si sarebbe dovuto trovare il carrello. Sapevano di dover aggiungere (prodotti) a qualcosa e l'unica cosa che sembrava aver un qualche senso era lo slittino.&quot;
  • 2) Menu e pulsanti: microtesti per orientarsi e agire
      • MENU
      • Utilizzare terminologia standard . Alcuni esempi di voci di menu standard sono: Contatti (Contact us), Home, Chi siamo (About us), Visita guidata (Virtual Tour), FAQ, Guida (Help).
      • Evitare termini stranieri a meno che non siano diventati standard. Sitemap (Mappa del sito) è un termine piuttosto frequente ma non necessariamente noto a tutti. Le voci &quot;Mappa&quot; o &quot;Mappa del sito&quot; possono in questo caso essere più adeguati.
      • Scrivere testi telegrafici , evitando, ove possibile, l'uso di articoli, congiunzioni, ecc. Se è necessario aggiungere informazioni è possibile utilizzare i tag TITLE o ALT.
      • Associare il testo alla grafica : se sono presenti icone o immagini è bene che il web writer le possa vedere prima di scegliere un determinato testo per le singole voci di menu.
      • PULSANTI
      • I pulsanti per la gestione dei moduli sono solitamente caratterizzati dai testi &quot;Invia&quot; e &quot;Reimposta&quot;, ma è possibile modificare questi testi se il contesto lo richiede. Il testo &quot;Invia&quot; potrà ad esempio essere sostituito da &quot;Invia la richiesta&quot; o da &quot;Richiedi il preventivo&quot; mentre il testo &quot;Reimposta&quot; potrà diventare &quot;Cancella le informazioni&quot; o &quot;Annulla&quot;.
      • I pulsanti di ricerca sono spesso caratterizzati dalla scritta &quot;Cerca&quot; ma è possibile scrivere testi più espliciti come &quot;Cerca nel sito&quot; o &quot;Cerca le informazioni&quot;.
      • I pulsanti di avvio di un'operazione sono spesso lasciati in inglese (&quot;Go&quot;) ma non è ben chiaro per quale motivo non si possa optare per la traduzione &quot;Vai&quot;.
    Menu e pulsanti: microtesti per orientarsi e agire
  • 3) Link: scrivere ipertesti usabili
      • TIPI DI LINK
      • Link strutturali , che permettono all'utente di muoversi all'interno delle informazioni contenute in un sito, facilitando la navigazione.
      • Link associativi , solitamente parole sottolineate che portano a pagine di approfondimento del testo utilizzato per il link o a pagine dal contenuto simile o correlato.
      • DESCRIZIONE DEI LINK
      • 1) Descrizioni brevi (evitando di sottolineare (o evidenziare) le parole relative all'azione da compiere (es. clicca qui , fate clic su questo link perché il lettore sarà costretto a leggere il testo circostante per prendere una decisione)
      • 2) Informazioni supplementari (si può fare uso dell’attributo TITLE che attiva la visualizzazione di una finestrella che contiene il testo integrativo)
  • L’attributo title
  • Interfaccia: qualche consiglio pratico
    • Applicate, quando necessario, la legge sull'esperienza dell'utente web di Nielsen: utilizzate terminologia standard se ciò migliora l'usabilità del sito
    • Evitate l'uso di termini stranieri nei menu e nei pulsanti (se non sono diventati standard)
    • Modificate il testo standard dei pulsanti se questo può aiutare l'utente a capirne l'uso
    • Scegliete descrizioni brevi per i link ipertestuali e non sottolineate le parole relative all'azione (es. Clicca qui)
    • Utilizzate il tag TITLE per fornire, quando necessario, informazioni supplementari sui link ipertestuali
  • Scrivere l’ambiente
    • Formalità e informalità, nicchie di utenza, l'identità del sito
  • 1) Il gergo: scrivere per una nicchia
      • Glossari specialistici : cercate elenchi di termini del settore con le relative definizioni. Molti siti li mettono a disposizione, ma potrete anche richiederli al vostro cliente.
      • Comunità di utenti : se esiste una comunità di utenti potrete leggere i messaggi nel loro forum ed eventualmente mettervi in contatto con qualcuno di loro.
      • Comunità di traduttori/scrittori : esistono comunità di professionisti della scrittura dove potrete trovare chi ha già affrontato il settore e potrà darvi consigli.
      • Siti specializzati : tramite i motori di ricerca potrete cercare i siti specializzati o quelli dei concorrenti; non tutti i siti sono scritti correttamente per cui selezionate quelli che vi sembrano migliori. Comparate la terminologia utilizzata nei diversi siti.
  • 2) Tu, voi e lei: testi formali e informali
    • “ Grazie all'esperienza, alla specializzazione e all'efficienza di Abbey National Bank, oggi puoi avviare le pratiche per l'ottenimento del tuo mutuo senza allontanarti dal computer, con quattro semplici operazioni. Un mutuo è un passo importante, non ci aspettiamo che tu scelga impulsivamente. Se ti serve aiuto, un consiglio o un chiarimento non esitare a contattarci.”
  • 3) Oltre il &quot;marketese&quot;: dare identità al sito
    • Esempio: sito di un tour operator
        • “ Fiji” parola magica che evoca all’istante immagini di paradisi tropicali! La pura bellezza di queste isole di zucchero supera di gran lunga ogni possibile aspettativa. Tutto il fascino dei Mari del Sud è racchiuso in queste gemme di roccia vulcanica, circondate da barriere coralline, placide e bianche spiagge e da splendide lagune blu. Le tradizioni, le usanze e le cerimonie del popolo Fijiano, la loro fierezza, lasceranno in voi sensazioni nuove che vi faranno amare ed ammirare queste genti. La loro calda accoglienza vi fascerà in una atmosfera di allegria e spensieratezza i loro modi gentili vi conquisteranno e il ricordo della grande bellezza di questi luoghi vi accompagnerà per lungo tempo fino a farvi desiderare di tornare.”
  • Consigli pratici
    • Scrivete per i vostri lettori-utenti. Scoprite la loro nicchia e il loro gergo e adattatevi.
    • Non esagerate nell'uso dei termini stranieri. Ne va della leggibilità del vostro testo.
    • Decidete se volete usare il tu, il voi o il lei quando parlate ai vostri lettori-utenti. Non usate il tu in modo indiscriminato.
    • Evitate il linguaggio del marketing, vago o esagerato. Comunicate le informazioni ma non dimenticate le emozioni. Date identità e personalità a ciò che scrivete.
  • Approndimenti
    • Guida al web writing di Andrea Spila http://webdesign.html.it/guide/leggi/49/guida-web-writing/
    • Mestiere di scrivere di Luisa Carrada http://www.mestierediscrivere.com
    • Useit.com di Jakob Nielsen http://www.useit.com
    • Quality web content di Rachel McAlpine http://www.webpagecontent.com/
  • Cristina Federica Fabrizio Andrea Cida Marco Sara Katia