• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Tf zero burocrazia_23_gennaio_2013
 

Tf zero burocrazia_23_gennaio_2013

on

  • 236 views

RL

RL

Statistics

Views

Total Views
236
Views on SlideShare
236
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Tf zero burocrazia_23_gennaio_2013 Tf zero burocrazia_23_gennaio_2013 Presentation Transcript

    • SEGRETERIA TECNICATASK FORCE “ZERO BUROCRAZIA” 23 gennaio 2013 Regione Lombardia Palazzo Pirelli
    • Ordine del Giorno1. Rendiconto di legislatura: a) Agenda Digitale Lombarda b) Agenda Lombardia Semplice − le azioni di semplificazione nel sistema regionale e la cabina di regia interna per la semplificazione − le azioni di semplificazione sul territorio − gli esiti del Tavolo nazionale Stato-Regioni-Enti locali2. Verso la X legislatura: spunti e proposte per una rinnovata azione di semplificazione amministrativa3. Varie ed eventuali 2
    • 1 - Rendiconto di legislatura 3
    • 4
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglio • Programma regionale per la banda larga Digital divide(infrastrutturale e • Progetto di infrastrutturazione a banda ultra larga di aree industriali e primo intervento a Monza e culturale) Concorezzo • Sperimentazione servizi digitali a Cremona Infrastrutture • Carta regionale dei trasporti (CRT): interoperabilità sistemi di bigliettazione elettronica abilitanti e servizi digitali • Digitalizzazione procedure autorizzatorie impianti per utilizzo Fonti Energetiche Rinnovabili Interoperabilità e • Progetto ICT per Expo – definizione standard per l’interoperabilità tra operatori pubblici e privati per standard la creazione di ecosistemi digitali • Sperimentazione di appalti pubblici pre-commerciali in ambito sanitarioRicerca e Innovazione nell’ICT • Bando voucher ricerca e innovazione e contributi per i processi di brevettazione Patrimonio • Portale Open Data di RL e criteri generali Informativo pubblico • Concorso Open app Lombardia Cittadinanza • Piano regionale OpenGov Digitale • App inLombardia 5
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglioArea di intervento Digital Divide (infrastrutturale e culturale) Bando per la diffusione di servizi a banda larga nelle aree in digital divide• connessione ad Internet in banda larga per un milione di nuovi cittadini lombardi entro i prossimi due anni con importanti ricadute, tra l’altro, sulle attività imprenditoriali del territorio. IN CORSO DI ATTUAZIONEBando pubblico per la diffusione di servizi a banda larga nelle aree in digital divide ed in fallimento di mercato in Regione Lombardia (aggiudicatario Telecom Italia).A fine ottobre 2012, 425 i comuni interessati dall’estensione del servizio (su 707 previsti), abilitate 179.380 linee telefoniche, per una popolazione di oltre 470.350 abitanti.Il territorio regionale ha beneficiato dell’infrastrutturazione di oltre 1.600 km di fibra ottica, con un’estensione della copertura del servizio a banda larga a circa il 97,2% (a giugno 2011 era 93.7%).Il progetto prevede, entro luglio 2013, una copertura regionale al 99,4%.Nuovi interventi in programmazione grazie a circa 4milioni di risparmi sull’intervento di 6 Telecom
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglioArea di intervento Digital Divide (infrastrutturale e culturale) Call regionale a Cremona per sperimentare servizi in banda ultra larga • realizzazione servizi di e-Goverment, valorizzazione del patrimonio informativo, valorizzazione servizi in ottica EXPO, smart city e community FATTO DGR n. 885 del 1/12/2010: attraverso un Avviso pubblico sono stati realizzati 10 progetti in partnership pubblico/privato rivolti ai cittadini e alla PA. I progetti hanno consentito di sperimentare fattivamente l’applicazione di servizi innovativi e di misurarne l’effettiva richiesta di banda in materia di Scuola Digitale, Sanità Elettronica e Telemedicina, Sicurezza Digitale, Giustizia Digitale, Telelavoro e Collaborazione Digitale, Teleassistenza e Teleinclusione, Digital Democracy e E-Inclusion. EVOLUZIONE Coinvolgimento della community che si è creata nella sperimentazione di interventi «open services» in prospettiva smart cities. 7
    • Agenda digitale: impegni presi a luglio Agenda digitale: impegni presi a luglioArea di intervento Digital Divide (infrastrutturale e culturale) Realizzazione di un progetto pilota, in cooperazione con gli operatori TLC, identificato nell’area industriale sita nei comuni di Concorezzo e Monza per sperimentare la sostituzione, completa e graduale, della rete in rame con una nuova rete in FO – DGR n. 3561/30.05.2012 IN CORSO DI ATTUAZIONESta per partire la sperimentazione sul distretto industriale di Concorezzo Approvazione della Convenzione con comune di Concorezzo, comune di Monza, CCIAA Monza e Brianza, Fondazione Distretto Green e High Tech Monza Brianza per la realizzazione di un’infrastruttura BUL capace di accrescere la competitività, gli investimenti e il mantenimento dei posti di lavoro attraverso lo sviluppo di servizi digitali – DGR n. 3628/13.06.2012 IN CORSO DI ATTUAZIONE 8Emesso bando per la realizzazione dell’infrastruttura, sono in arrivo le offerte.
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglioArea di intervento Servizi digitali  sperimentare utilizzo della Carta Regionale dei Servizi (CRS), come documento di viaggio per gli abbonamenti «Io viaggio» e «Itinero» FATTO Progetto BELL (Bigliettazione Elettronica Lombarda) utilizzo della CRS come documento di viaggio per gli abbonamenti «Io viaggio» e «Itinero»: avviata sperimentazione con Trenord, ATM, Bresciamobilità, Nordcom. Target coinvolto 150mila utenti.  digitalizzazione procedure autorizzatorie impianti per utilizzo Fonti Energetiche Rinnovabili FATTO D.d.u.o. 10545 del 21/11/2012: approvata la procedura informatizzata per la compilazione e presentazione telematica delle istanze, obbligatoria dal 10/12/2012 con utilizzo della Carta Regionale dei Servizi (CRS); presentata l’iniziativa agli EE.LL. e ai professionisti presso le sedi STER. D.d.s. 10484 del 20/11/2012 è stata approvata la modulistica unificata. Realizzazione degli 9 interventi su piattaforma MUTA, interoperabile con di versi soggetti pubblici
    • Agenda digitale e imprese: interventi presentati a luglioAgenda digitale e imprese: interventi presentati a luglioArea di intervento Interoperabilità e standard progetto strategico ICT per Expo creazione di un ambiente comune per la realizzazione di applicazioni e servizi tra loro integrati per mettere l’Expo in rete IN CORSO DI ATTUAZIONE •Collaborazione con Cefriel nella realizzazione dell’Ecosistema legato all’infomobilità per EXPO2015 •Progetto Open Services sul territorio di Cremona per la realizzazione di una piattaforma applicativa (Ecosistema) a supporto dello sviluppo di smart communities . In partnership con Lispa, il Cefriel e i principali player pubblici e privati definiti gli scenari applicativi dell’ecosistema con riferimento al Turismo culturale e all’Infomobilità. Messo a punto piano di dettaglio delle attività e modello di Governance per lo start-up delle applicazioni e dei servizi (open-services). 10
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglio Area di intervento Ricerca e Innovazione nell’ICT bando voucher ricerca e innovazione e contributi per i processi di brevettazione FATTOApprovato con decreto regionale n. 7125 del 3 agosto 2012 Bando“ Voucher ricerca einnovazione e contributi per i processi di brevettazione 2012" promosso con il Sistemacamerale per avvicinare le imprese ai temi dello sviluppo tecnologico e dell’innovazione,realizzando un sistema in cui i diversi soggetti – imprese, università, centri di ricerca, istituzioni– partecipino attivamente alla realizzazione di processi innovativi. (dotazione finanziaria6.070.000 euro) Con decreto regionale n. 4393 del 14 novembre 2012 approvatorifinanziamento della dotazione finanziaria del bando con ulteriori 1.287.300 euro per unadotazione finanziaria complessiva da erogare pari a 7.357.300 euro. Totale imprese ammesseal finanziamento con contributo a sportello: 591 11
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglioArea di intervento Patrimonio informativo pubblico Il portale Open Data di Regione Lombardia: dati.lombardia.it FATTO Rende disponibile il patrimonio informativo regionale anche a fini commerciali.Il portale è operativo da marzo 2012, a luglio presentava circa 80 dataset, attualmente sonopubblicati 244 dataset provenienti da diverse DG ed enti del SIREG. Secondo dati formez(dati.gov.it) è attualmente il secondo portale open data per numero di downloadApprovati: “Criteri generali per l’open data” (dgr 2904 dell’11.01.2012 ); piano di governance OpenData per RL e SIREG (Decreto DG SeD); Linee guida Open Data per gli enti del territorio lombardo(DGR 4324 del 26 ottobre 2012) EVOLUZIONE• Previsti almeno altri 100 dataset nuovi per il 2013Per il 2013 previsto una premialità per la retribuzione di risultato su Open Data da parte delle singole•DG/DC•In diffusione le Linee Guida per l’attuazione di progetti Open Data sul Territorio e la 12collaborazione tra le PA lombarde.
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglioArea di intervento Patrimonio informativo pubblico Concorso ‘OpenApp Lombardia’: finalizzato a premiare la creatività e l’ingegno dei giovani per rendere disponibili nuovi servizi e sempre più accessibile e trasparente la Pubblica amministrazione FATTO Avviso pubblicato sul BURL di lunedì 18 giugno 2012, realizzato sito a supporto http://www.openapp.lombardia.it/ Presentate a concorso 120 applicazioni di cui 111 ammesse alla verifica della giuria 20 applicazioni hanno avuto valutazione superiore alla soglia di 70/100 indicata a bando Le prime 10 applicazioni premiate con premi in danaro per un totale di 60.000 € di montepremi Tutte e 20 sono state messe in contatto con 15 sponsor privati che hanno offerto opportunità di stage e coaching. 13
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglioArea di intervento Cittadinanza digitale App inLombardia FATTO Farmacie, Ospedali, RSA, Tassa Auto, Biblioteche, Musei Scuole, Dote Scuola, Impianti Sportivi, Sedi RL e SIREG, Stazioni Ferroviarie, @LombardiaOnLine Su piattaforma Android e IOs 14
    • Agenda digitale: interventi presentati a luglio Agenda digitale: interventi presentati a luglioArea di intervento Cittadinanza digitale Piano regionale OpenGovernment IN CORSO DI ATTUAZIONE Approvato con Decreto n. 2087 del 13/3/2012 Avviso per la nomina di esperti a supporto di RL per la definizione del piano OpenGov Definita impostazione complessiva del Piano: Parte 1 “Introduzione all’Open Government” (contesto di riferimento e obiettivi del piano), Parte 2 “Verso un piano regionale di Open Government” (schede intervento che sviluppano le proposte individuate) 15
    • Agenda digitale: Ulteriori interventi Agenda digitale: Ulteriori interventiArea di intervento Ricerca e Innovazione nell’ICT Sostegno ai processi di innovazione tecnologica delle PMI attraverso iniziative e piattaforme di crowdfunding/open FATTO• Approvata con decreto regionale n. 8463 del 28 settembre 2012 l’iniziativa “Lombardia Net Generation supporta giovani imprenditori (18 – 35 anni) nell’avvio dell’impresa. Disponibili fino a 100 voucher (max 12.000 euro) (POR FSE 2007-2013 Asse IV Capitale Umano)• Bando “Impresa digitale” a favore delle mPMI lombarde promosso con il Sistema camerale lombardo e il Comune di Milano, per lo sviluppo di iniziative di digitalizzazione in Lombardia (dotazione finanziaria 4,2 Meuro). Pubblicata sul BURL del 2/1/2013 la graduatoria dei progetti presentati con 234 imprese lombarde ammesse al finanziamento• Bando per l’accesso alle risorse per lo sviluppo dell’innovazione delle imprese del terziario Commercio, Turismo e Servizi (dotazione finanziaria 6 Meuro). Assegnazione di contributi a favore di progetti finalizzati al miglioramento del sistema infrastrutturale, gestionale o organizzativo delle imprese. Pubblicata sul BURL del 15 nov. 2012 la graduatoria dei 16 progetti presentati con 105 imprese lombarde ammesse al finanziamento
    • Agenda digitale :: Ulteriori interventi Agenda digitale Ulteriori interventiArea di intervento Digitale divide Programma regionale di alfabetizzazione digitale FATTOBando “CRS e IdPC nelle scuole” per lutilizzo della CRS in portali scuola-famiglia o “registroelettronico ”. Finanziate proposte di 65 scuole e 5 software house. I destinatari difinanziamento sono anche accompagnati nello sviluppo di applicazioni e nell’integrazione diprogrammi dai referenti tecnici di LIspa. I risultati conclusivi sono pianificati entro il periodomarzo-giugno 2013. Il totale del finanziamento erogato è di 140.000 Euro (2000 euro per ognidomanda accettata)Conclusa iniziativa “Internet Saloon” a Milano e Sondrio: corsi di alfabetizzazione digitaleorganizzati dall’Associazione Interessi Metropolitani, per over 50. Coinvolti circa 30 formatori eoltre 2000 discenti cui è stato dato il lettore CRSAttivati progetti di alfabetizzazione digitale con Associazioni consumatori, finanziati 4 progetti 17di ricerca e divulgazione a cittadini riguardanti la CRS
    • Agenda digitale :: Ulteriori interventi Agenda digitale Ulteriori interventiArea di intervento Digitale divide Programma regionale di alfabetizzazione digitale FATTOConclusa nuova edizione progetto Eldy per avvicinare anziani e disabili all’utilizzo delletecnologie digitali. A partire da ottobre 2012 (coinvolti tutti i comuni capoluogo). Su città diBergamo e Prov. Di Brescia svolta attività di formazione in aula, su restanti comuni capoluogosvolti 14 eventi. Risultati: 1300 destinatari coinvolti direttamente, 3000 persone informate, 38associazioni di volontariato coinvolte direttamente ed impegnate nella diffusione diinformazioni.Progetto - Generazione web Lombardia – sostegno finanziario alle istituzioni scolastiche statali,paritarie e formative di secondo grado per l’acquisto di dispositivi utili al lavoro individuale e digruppo da destinare all’attività didattica degli studenti. (331 istituti coinvolti per uninvestimento regionale di oltre 8 milioni di euro) EVOLUZIONEIstituito il Gruppo di Lavoro per le Competenze Digitali con lo scopo di presentare un documento 18di piano per interventi coordinati nel 2013
    • Agenda digitale :: Ulteriori interventi Agenda digitale Ulteriori interventi Area di intervento Infrastrutture Abilitanti e Servizi Digitali Piano regionale per lo sviluppo dell’E-procurement in Lombardia FATTOIstituita ARCA (Agenzia regionale Centrale Acquisti)Gestite in forma elettronica sulla piattaforma Sintel 5000 gara telematiche da parte delle PALper un valore di 3,7 miliardi di Eur e oltre 10.000 imprese registrate al sistema. Di queste, 1500sono entrare nell’Elenco Fornitori Telematico regionale.Anche il Negozio Elettronico è stato utilizzato da più di 130 PAL, che hanno emesso ordinativiper l’acquisto di beni e servizi in convenzione per un totale di oltre 270 milioni di Euro. 24 % dirisparmio medio ponderato sui prezzi storici di acquisto delle PAL per oltre 200 MEuro (di cuiquasi 140 in ambito sanitario) 19
    • Agenda digitale :: Ulteriori interventi Agenda digitale Ulteriori interventi Area di intervento Interoperabilità e standard Programma per la realizzazione di una community network delle PA lombarde FATTODiffusione di Caselle di Posta Elettronica Certificata (su dominio regionale) ai Comuni (800 caselledistribuite) ed ai SUAP (183 sportelli)Diffusione di 4000 Firme Digitali su CRS riservate ai dirigenti degli Enti Locali lombardiAccordi di Collaborazione Interistituzionale (ACI) per la digitalizzazione e l’integrazione dei sistemiinformativi della PA lombarda: firmati 13 ACI su 14 (manca prov. Milano), attivate 13 Cabine di regia evalidati 12 progetti esecutiviDefinito Business Plan per lo sviluppo della Community Network lombarda, con restyling del portale diLombardia Integrata (@LI) ed avvio della migrazione degli utenti su nuova piattaforma 20
    • Agenda digitale ::Possibili sviluppi Agenda digitale Possibili sviluppi Progressivo switch off al digitale di processi e procedimenti (es.: ambito edilizio, ambientale) Data governance e interoperabilità banche dati Piano regionale per lo sviluppo di smart cities e communities Piano regionale per l’Open Government Iniziative per l’alfabetizzazione digitale nel mondo del lavoro delle PMI 21
    • 22
    • ALS: gli strumentiStrumenti e azioni per la semplificazione rivolti:-alla macchina regionale: incentivi specifici per il personale – c.d. parametriB1, formazione del personale, stage del personale regionale presso aziendeprivate, lista di valutazione preventiva atti (check list), Cabina di regiaregionale semplificazione-al territorio: Bando Lombardia più semplice, Protocollo d’Intesa per lasemplificazione delle procedure e degli strumenti per l’avvio, latrasformazione, il trasferimento, la gestione e la cessazione dell’attivitàd’impresa-allo Stato: Tavolo istituzionale semplificazione 23
    • ALS: i prodotti B1 in sintesi98 procedimenti semplificati nel periodo98 procedimenti semplificati nel periodo 2011 e 2012 (parametri B1) 2011 e 2012 (parametri B1) PER AREA PER AREA PER TARGET PER TARGET Istituzionale 24 Cittadini e 34 famiglie Sociale 22 Imprese 29 Economica 27 PA 35 Territoriale 25 Associazioni 5 Enti pubblici 2 24
    • ALS: i principali risultati dei B1 2012- semplificazione e informatizzazione delle procedure di autorizzazione degli impianti per la produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili (FER);- informatizzazione della gestione dei procedimenti di esportazione dei rifiuti transfrontalieri;- semplificazione della procedura di verifica di assoggettabilità a Valutazione Ambientale; Strategica del Piano dei Servizi e del Piano delle Regole;- revisione del tariffario AIA;- semplificazione delle procedure di bonifica e di ripristino dei siti inquinati;- sperimentazione inerente l’utilizzo dello Carta Regionale dei Servizi come supporto unico per i titoli di viaggio al posto delle tessere emesse dai gestori del servizio di TPL;- interventi generali e specifici su singole misure di incentivazione rivolte alle imprese secondo la logica di semplificazione, della trasversalità delle misure, della complementarietà con gli altri strumenti finanziari esistenti, di una comunicazione efficace e in linea con il principio dello Small Business Act;- semplificazione e razionalizzazione delle procedure di rendicontazione riferite al POR FESR Competitività;- informatizzazione del processo di gestione del DURC e delle certificazioni antimafia. 25
    • segue…. i principali risultati dei B1 2012- semplificazione, razionalizzazione e informatizzazione di procedure del settore agricolo: procedura viti-vinicola, procedura per l’iscrizione la variazione e cancellazione dell’elenco degli operatori di agricoltura biologica, procedure relative all’applicazione della normativa sulla riproduzione animale;- informatizzazione del processo di riconoscimento della qualifica di manifestazione fieristica di livello internazionale, nazionale, regionale e locale;- introduzione modalità innovative di pagamento della tassa auto (smartphone);- semplificazione procedura per l’espressione del parere STER per opere pubbliche sussidiate;- semplificazione procedure istruttorie per la concessione di aiuti comunitari;- implementazione piattaforma informatica Sintel;- stage formativi del personale regionale presso imprese private;- semplificazione delle procedure di accreditamento delle unità d’offerta sociosanitarie;- semplificazione e informatizzazione delle procedure di iscrizione e cancellazione nei Registri del III Settore;- semplificazione del procedimento di accesso alle agevolazioni per l’acquisto della prima casa e ai finanziamenti per il sostegno del canone di locazione;- semplificazione e informatizzazione delle procedure di erogazione della Dote Scuola 26
    • …qualche esempio (1)Semplificazione e informatizzazione delle procedure di autorizzazione degli impianti perla produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili (FER) Normativa – Linee Guida regionali per l’autorizzazione degli impianti per la produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili - Adozione della nuova procedura autorizzatoria semplificata PAS (Procedura Abilitativa Semplificata) in capo ai Comuni (riduzione tempi da 90 a 30 giorni) - Riduzione dei tempi di rilascio dell’Autorizzazione Unica da 180 a 90 giorni - Introduzione di quadri sinottici che, in funzione della tipologia di impianto (circa 60) indicano il titolo abilitativo da rilasciare  Informatizzazione: dal 10 dicembre 2012 istanze solo telematiche per Comunicazione Edilizia Libera (CEL) e Procedura Abilitativa Semplificata (PAS) - Dematerializzazione documentazione cartacea - Istruttoria on line delle autorizzazioni da parte di Comuni e Province - Informazione in tempo reale dei singoli passaggi autorizzativi ai vari soggetti interessati e monitoraggio dei tempi 27
    • …segue - qualche esempio (1)Semplificazione e informatizzazione delle procedure di autorizzazione degliimpianti per la produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili (FER)Prossimi sviluppi Informatizzazione del procedimento di Autorizzazione Unica (AU): - gestione telematica della Conferenza dei Servizi; - Integrazione dell’AU con le procedure correlate (es. Verifica di esclusione dalla Valutazione Impatto Ambientale, Valutazione di Impatto Ambientale, Valutazione di Incidenza, Autorizzazione Integrata Ambientale, ecc); Eventuale proposte di revisione normativa finalizzate all’armonizzazione delle norme relative alle diverse procedure ambientali 28
    • …qualche esempio (2)Revisione tariffario Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) Semplificata la modalità di calcolo e di versamento della tariffa da corrispondere da parte delle imprese nel caso di richiesta, rinnovo, modifica o controllo dell’Autorizzazione Integrata Ambientale di competenza delle Province Calcolo del saldo della tariffa effettuata direttamente dalle Province (invece dei gestori degli impianti) Raccolta in un unico tariffario del calcolo degli oneri relativi a tutte le tipologie di impianto AIA (comparto industriale, zootecnico e impianti rifiuti) Adozione di formule semplificate e messa a disposizione di fogli di calcolo preimpostati tariffa proporzionale alla dimensione e al numero degli addetti dellimpianto AIA 29
    • ALS: poche essenziali semplificazioni normative 2012L.R. 01 febbraio 2012, n. 1, con la quale si è operato il riordino normativo in materia diprocedimento amministrativo, diritto di accesso ai documenti amministrativi, semplificazioneamministrativa, potere sostitutivo e potestà sanzionatoria.L.R. 18 aprile 2012 n. 7 “Misure per la crescita, lo sviluppo e l’occupazione” (Titolo V), con laquale sono state introdotte numerose misure di semplificazione e digitalizzazione, e previsti glistage formativi del personale presso aziende privateAltri interventi normativi di settore, come ad esempio:−Regolamento Regionale 15 giungo 2012, n. 2, contenente misure di semplificazione delleprocedure di bonifica e di ripristino dei siti inquinati 30
    • ALS: stage del personale regionale nelle impreseIn attuazione dell’art. 50 della l.r. 7/2012, nel periodo ottobre-novembre 2012 sono stati realizzati 3 stage sperimentali pressoaltrettante associazioni di rappresentanza delle imprese(Confagricoltura Lombardia, Confcommercio Lombardia e CNALombardia), focalizzati su progetti formativi mirati, sviluppati con ilsupporto di un tutor interno a ciascuna associazione, perapprofondire sul campo la semplificazione delle procedure.In esito agli stage è stata prodotta relazione di analisi degli esiti,con evidenza dei punti di forza rispetto ai quali ampliare econsolidare l’azione regionale e dei punti di debolezza su cuiidentificare nuove azioni concrete da mettere in atto a favore deidestinatari, in raccordo con tutte le strutture regionali competenti. 31
    • ALS: messa a regime su delibere e decreti della lista di valutazione preventiva atti (Check list)Totale complessivo atti assoggettati a check list da ottobre 2011: 238 di cui 71decreti e 167 delibere 32
    • 33
    • CdR semplificazione regionale: azioni svolteDecertificazione (art. 15 della l. 183/2011). Si è provveduto a: − diffondere la nuova norma in ambito di Regione e SIREG, anche attraverso la redazione di specifica circolare; − effettuare la ricognizione delle fattispecie certificatorie emesse da Regione Lombardia e di quelle di competenza di altre Pubbliche Amministrazioni necessarie agli uffici per la gestione dei procedimenti amministrativi di competenza; − avviare le azioni necessarie all’adozione di linee guida regionali finalizzate ad effettuare i controlli sui dati in modo omogeneo anche per attuare l’art. 35 della l.r. 1/2012. 34
    • CdR semplificazione regionale: azioni svoltePoteri sostitutivi: definito un percorso per la rilevazione del ritardo nellaconclusione dei procedimenti amministrativi, in attuazione dell’art. 2 delleLegge 241/90, anche ai fini della comunicazione annuale alla Giunta deiritardi procedimentali. Individuati i titolari del potere sostitutivo anche aifini della trasparenza verso terzi.Attività di controllo sulle imprese: avviata un’attività di ricognizione pressotutte le Direzioni per la rilevazione delle tipologie dei controlli dicompetenza, per l’attuazione dell’art. 14 del DL 5/2012 che prevede lapubblicazione, da parte delle Pubbliche Amministrazioni, dei controlli sulleimprese. 35
    • CdR semplificazione regionale: azioni svolteRiduzione e compensazione degli oneri amministrativi: adottata dallaGiunta regionale la deliberazione 28 dicembre 2012, n. 4584, con la qualesono state individuate, in via sperimentale, le tipologie di provvedimentiamministrativi a carattere generale per l’applicazione delle previsionirelative alla trasparenza e alla compensazione degli oneri (atti dideterminazione dei criteri generali per l’emanazione di bandi, avvisi,manifestazioni di interesse e atti di approvazione di criteri e requisitigenerali per l’iscrizione in albi, registri ed elenchi), in attuazione degliarticoli 33 e 34 della l.r. 1/2012. 36
    • 37
    • Il bando L+S: la strutturaNell’attuazione delle politiche di semplificazione particolare attenzione è stata data allaconsultazione diffusa quale strumento di arricchimento del quadro decisionale.Con questo tipo di approccio dal basso, sussidiario e coinvolgente, basato innanzituttosull’osservazione e confronto è stato pensato il Bando “Lombardia più Semplice”, dovecomunicare, disseminare, replicare sono i punti di forza. Il bando prevede due Misure: Misura 1: “Valorizzazione di  Misura 2: “Promozione di buone prassi di semplificazione partenariati tra enti finalizzati realizzate nel territorio alla realizzazione di progetti lombardo” innovativi di semplificazione”Dotazione finanziaria complessiva: 2.920.000,00 euro 38
    • L+S: finalità e obiettivi promuovere e coordinare processi di semplificazione sull’intero territorio regionale coerenti con le linee strategiche delineate dall’Agenda di Governo 2011 – 2015 “Lombardia Semplice”, approvata con Delibera di Giunta regionale n° 1036 del 22 dicembre 2010; mettere in rete i Comuni, le Provincie, le Comunità montane, le Camere di commercio, le Università, le Istituzioni statali e tutti gli enti coinvolti al fine di garantire un governo complessivo delle politiche di semplificazione; valorizzare le buone prassi esistenti in materia di semplificazione; promuovere progetti innovativi di semplificazione. 39
    • L+S: risultati Misura 1 (vetrina buone prassi) 77 le buone prassi presentate dalle pubbliche amministrazioni; 32 i progetti risultati ammissibili che hanno ricevuto un riconoscimento pari a 10.000,00 euro e che godono di un’ampia visibilità sulla "Vetrina delle Buone Prassi di Semplificazione di Regione Lombardia” , uno spazio a loro dedicatopensato per promuovere l’eccellenza lombarda in materia di semplificazione(http://prisma.cestec.eu/vetrina_buoneprassi), Sulla Vetrina delle Buone Prassi è possibile consultare le schede tecniche didettaglio dei progetti, compilare il form per mettersi in contatto con i referenti deiprogetti, votare le buone prassi e promuovere le proprie buone prassi; 15 gli enti vincitori che hanno ottenuto il riconoscimento di “Ente Semplice2012”. 40
    • L+S Misura 1: alcuni esempi Gestione integralmente digitalizzata del Camera di Commercio Industria Artigianato flusso documentale (dalla creazione all’invio e Agricoltura di Milano del documento) Creazione di un’unica porta d’accesso (front- office) ai servizi per i cittadini Comune di Seriate (BG) Realizzazione di uno sportello telematico Comunità Montana di Valle Sabbia (BS) polifunzionale Erogazione di servizi on line tramite CRS Agorà Unione di Comuni (PV) Realizzazione di un APP che consenta la fruizione di servizi già disponibili via Web Comune di Vimercate (MB) Digitalizzazione dei processi di accesso ai servizi alla persona Comune di Segrate (MI) Geoportale come chiave d’accesso ad una Comunità Montana della Valle Trompia (BS) 41 molteplicità di informazioni
    • L+S: Risultati Misura 2 (progetti in corso)80 i progetti di semplificazione amministrativa e organizzativa presentati dallepubbliche amministrazioni; 32 i progetti risultati ammissibili; 14 i progetti innovativi ai quali è riconosciuto un contributo pari al 70% dellespese ammesse. 42
    • L+S Misura 2: esempi e parole chiave I nodi della rete di semplificazione Esempi Utilizzo CRS ed estensione delle sue funzionalità CRS come carta acquisti prepagata all’interno di un CRS come carta acquisti prepagata all’interno di un Utilizzo della CRS ed estensione delle sue funzionalità Utilizzo della CRS ed estensione delle sue funzionalità circuito di punti di servizio accreditati circuito di punti di servizio accreditati (Comune di Seregno) (Comune di Seregno) Interscambio dati tra Ufficiali di Stato civile Interscambio dati tra Ufficiali di Stato civile Interoperabilità delle banche dati Interoperabilità delle banche dati comunali eeUffici giudiziari (Comune di Milano) comunali Uffici giudiziari (Comune di Milano) Realizzazione di sportelli telematici polifunzionali Realizzazione di sportelli telematici polifunzionali Ottenimento in modalità self-service dei servizi Ottenimento in modalità self-service dei servizi sovracomunali (Comune di Gorgorzola) sovracomunali (Comune di Gorgorzola) Attivazione di una casella di ascolto internet con i i Attivazione di una casella di ascolto internet con Coinvolgimento del territorio Coinvolgimento del territorio stakeholders sul modello di “Semplific@ con noi” di stakeholders sul modello di “Semplific@ con noi” di Regione Lombardia (Comune di Casteggio) Regione Lombardia (Comune di Casteggio) Pubblicazione di un articolo riguardante ililprogetto Pubblicazione di un articolo riguardante progetto Replicabilità Replicabilità su una rivista tecnica di diffusione nazionale 43 su una rivista tecnica di diffusione nazionale (Comunità Montana Sebino Bresciano) (Comunità Montana Sebino Bresciano) 43
    • L+S Misura 1: prossimi passi Misura 1 Nel 2013 verranno attivati dei workshop formativi rivolti agli enti locali momenti di confronto e informazione con il territorio in cui verrannopresentati i risultati in termini quali/quantitativi, concreti e realistici ottenutidall’applicazione della buona prassi al fine di condividere e replicarel’esperienza maturata. 44
    • L+S Misura 2: prossimi passi Misura 2 E’ prevista una fase di accompagnamento ai capofila dei progetti selezionati. fase finalizzata ad orientare in termini di efficacia, incisività, misurabilità deirisultati la semplificazione introdotta e il suo impatto in termini di replicabilità sulterritorio. Contestualmente alla fase di accompagnamento sarà attivato il monitoraggiosullo stato di avanzamento dei progetti 45
    • 46
    • Sportello Unico Attività ProduttiveMESSA A REGIME DEGLI SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVENel corso del periodo 2010 – 2012 è stato dedicato un grande impegno a promuovere esostenere la costituzione dei SUAP presso tutti i comuni lombardi e al loroaccreditamento presso il portale nazionale, grazie a una cabina di regia in collaborazionecon ANCI e UNIONCAMERE:tutti i comuni della Lombardia si sono oggi dotati di un SUAP, in gestione diretta o indelega alla camera di commercioTale impegno ha riguardato anche il raggiungimento della necessaria massa critica, perevitare la frammentazione amministrativa connessa alla presenza di moltissimi piccolicomuni:oggi più di un terzo dei comuni lombardi ha adottato delle forme associate digestione, con un trend che continua a crescere. 47
    • Sportello Unico Attività ProduttiveI prossimi passaggi riguardano da un lato la efficienza dei SUAP e la loro messa in rete,dall’altro l’uniformazione delle procedure.Per migliorarne l’efficienza REGIONE LOMBARDIA ha dotato della piattaforma informaticaMUTA tutti i SUAP che lo hanno richiesto. MUTA è utilizzata per il momento da un terzodei comuni lombardi.nel corso del 2013 MUTA si qualificherà come l’HUB regionale per i procedimentiautorizzativi complessi (già attivo per le FER) e per la condivisione delle informazioni sulleattività dei SUAP e sulle dinamiche di impresa; sarà, inoltre, completata la modulisticaregionale per la SCIAè operativo l’accordo con UNIONCAMERE per la realizzazione dellinteroperabilità congli applicativi del sistema cameraleè stata sviluppata la formazione degli operatori con l’obiettivo di aumentare lapadronanza degli strumenti informatico-giuridici e di migliorare il raccordo tra sportelli,associazioni e intermediari (600 partecipanti ai corsi tenuti nell’ultimo anno nelle dodiciprovince lombarde) 48
    • Sportello Unico Attività ProduttivePer favorire l’uniformazione delle procedure è arrivata a conclusione la fase dicensimento e analisi delle attività economiche per la costruzione della BANCA DATIPROCEDIMENTI riguardanti le attività di impresa:individuate e schedate le attività di interesse prioritario, le prime schede sono incorso di validazione presso le Direzioni Generali competenti.tutto il pacchetto è gestito con modalità di cooperazione applicativa, a cui sonoabilitate le associazioni imprenditoriali componenti la task force.In via di definizione il Programma di lavoro 2013 per lo sviluppo dei SUAP in Lombardia,basato su un quadro strategico e priorità condivise con ANCI e UNIONCAMERE. 49
    • 50
    • Tavolo nazionale: EdiliziaSemplificazioni normative e procedurali per il rilascio dei titoli abilitativiedilizi  modifiche al Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001)  adozione di una modulistica unificata e standardizzata (condiviso il modello SCIA, da avviare modello del permesso di costruire)  misurazione oneri amministrativi (MOA) nell’area edilizia a livello regionale e statale  elaborazione prime proposte di semplificazioneLe semplificazioni adottate consentiranno: - maggiore armonizzazione tra SUE e SUAP - standardizzazione documentazione richiesta - utilizzo tecnologie telematiche - utilizzo documenti già in possesso della PA - coordinamento con le procedure connesse (ambientali, paesaggistiche, idrogeologiche) 51
    • Tavolo nazionale: ambienteContributi al testo del Regolamento in materia di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA) - (Art. 23 d.l. 5/2012), approvato in Consiglio dei Ministri il 14/9/12 e valutato favorevolmente dal Consiglio di Stato il 29/11/12Principali novità introdotte: - unica richiesta di autorizzazione ambientale per le PMI al posto di 7; - durata dell’autorizzazione: 15 anni; - unico interlocutore per le imprese (il SUAP); - procedura informatizzata; - autorizzazione rilasciata entro 90/120 giorni dalla domanda; - dichiarazione sostitutiva per i rinnovi 52
    • Tavolo nazionale: controlli sulle imprese- ricognizione buone prassi internazionali, presentata al Tavolo istituzionale;- elaborazione bozza di Linee Guida sulle attività di controllo alle imprese ispirate ai principi di semplificazione di cui all’art. 14 del DL 5/2012, in collaborazione con le Regioni;- presentazione del testo alle associazioni di categoria;- in approvazione alla prossima Conferenza Unificata del 24 gennaio 53
    • Proposte di Regione Lombardia non accolte dal GovernoDL / DDL Semplificazione  Procedura semplificata per i siti contaminati di ridotte dimensioni (con superficie non superiore a 1000 mq) soggetti a bonifiche  Procedura semplificata di controllo merceologico all’importazione a seguito di sperimentazione presso l’aeroporto di Malpensa  Ampliamento termini di validità del DURC per i benefici normativi e contributivi dagli attuali 30 giorni a 180 giorni  Semplificazione e razionalizzazione disposizioni e procedure in ambito agricolo: assegnazione carburante agricolo agevolato, attività del servizio pubblico veterinario, disciplina delle prove varietali, disposizioni relative alla disciplina della riproduzione animale, istituzione del registro unico dei controlli in agricoltura e nel settore agroalimentare (RUCA) 54
    • 4 - Verso la X legislatura: spunti e proposteper una rinnovata azione di semplificazioneamministrativa 55
    • Quale scenario per la prossima Legislatura ? Si apre una nuova legislatura (prospettiva 5 anni) Avremo anche un nuovo Parlamento e un nuovo Governo La semplificazione è priorità nei programmi di tutti i maggiori gruppi politici I programmi e le esigenze paiono convergenti, concreti e poco ideologiciQuindi, avendo lavorato sodo per anni, sulla base dell’esperienza fatta, possiamo chiederci: Come valorizzare questa esperienza ? Come farla fruttare ? Occorre ripartire da zero o evolvere nella continuità ? Lacune ? Modifiche ? Possibili miglioramenti del percorso ? Domande insoddisfatte ? Nuove istanze ? 56
    • Opportunità e interrogativi per prepararsi alla X Legislatura Le riforme istituzionali che si intravedono (Enti locali, Spending review, Agenda digitale) possono rappresentare un’opportunità di semplificazione. Come coglierla ? La Regione può rivedere con ancora maggiore libertà e profondità assetti, processi e risorse ? Se sì, come ? Con quali priorità ? Per semplificare i processi occorre coinvolgere fortemente e contestualmente tutti i livelli istituzionali, quindi quali iniziative, esigenze e modalità di lavoro ci servono verso gli Enti locali ? E verso lo Stato, sia con le Amministrazioni centrali sia sul territorio ? Come portare queste istanze più vivacemente nel dialogo tra Regioni ? 57
    • Prepararsi alla X legislatura … segue Come sviluppare ulteriormente la visione manageriale che ha guidato finora Regione Lombardia, con l’uso degli strumenti di organizzazione (formazione, incentivi ai dirigenti e al personale, stage), digitalizzazione (piattaforme condivise, telematica, etc.) oltreché di tipo giuridico ? La nuova programmazione comunitaria può rappresentare una risorsa, ma va costruita per tempo in quest’ottica, lo stiamo facendo ? Quali le parole chiave da sviluppare nella prossima legislatura? 58