Corte dei Girasoli - Cohousing Vimercate

  • 1,137 views
Uploaded on

Cohousing di Vimercate - La Corte dei Girasoli

Cohousing di Vimercate - La Corte dei Girasoli

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,137
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
10
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. "LA CORTE DEI GIRASOLI" COHOUSING A VIMERCATE COHOUSING: non solo abitare, ma condividereuno stile di vita ecologico e solidale
  • 2. Cohousing Significato del termine e origine del fenomenoCo-abitare: uno stile di vita nuovo che combina l’autonomia dell’abitazione privata con i vantaggi di servizi, risorse e spazi condivisi. 2
  • 3. Cohousing Significato del termine e origine del fenomenoChe cos è un cohousing?Il termine COHOUSING significa co-abitare: indica uno stile di vita nuovo che combinal’autonomia dell’abitazione privata con i vantaggi di servizi, risorse e spazi condivisi.Il cohousing e i condomini solidali possono rappresentare una delle risposte concrete percostruire e ritrovare dimensioni perdute di socialità, di aiuto reciproco e di buon vicinato.Il cohousing nel mondo 3La prima esperienza di cohousing fu realizzata nel 1972 nei pressi di Copenaghen inDanimarca. Da allora vi è stata una progressiva diffusione in nord Europa (Regno Unito, Olanda,Svezia, Germania) e negli Stati Uniti.Oggi esistono oltre 600 comunità di cohousing in Danimarca e numerose simili esperienze innord Europa. Ci sono già più di 100 cohousing negli Stati Uniti e un altro centinaio è in via direalizzazione. Anche il Canada e l’Australia hanno visto lo sviluppo di numerose comunità. InDanimarca,inoltre, si sta avviando perfino la costruzione di interi quartieri di città seguendo ilmodello del cohousing. 3
  • 4. Cohousing Significato del termine e origine del fenomenoCohousing: perché?Le MOTIVAZIONI che portano a realizzare una comunitàresidenziale nascono dal desiderio di recuperare ladimensione di socialità e aiuto reciproco, il senso dellacomunità, che contrastano l’emarginazione e riducono lostress e la complessità della vita nella società moderna. Lacondivisione di beni e servizi permette un considerevole 4risparmio energetico ed economico, facilitando lagestione delle attività quotidiane.Il cohousing oggi si prospetta quale strategia di SVILUPPOSOSTENIBILE in grado di dare benefici sia sul pianosociale che ecologico; se da un lato, infatti, la condivisionedi spazi, attrezzature e risorse agevola la socializzazione ela cooperazione tra gli individui, dallaltro questa pratica,unitamente ad altri "approcci" quali la costituzione di gruppidacquisto interni, della banca del tempo, ecc. favoriscono ilrisparmio energetico e diminuiscono limpatto ambientale. 4
  • 5. Cohousing Significato del termine e origine del fenomenoLe caratteristiche fondamentaliL’idea alla base delle comunitàresidenziali è la PROGETTAZIONEPARTECIPATA: questa riguarda sia ilprogetto edilizio vero e proprio -concepito in modo da facilitare i contattie le relazioni sociali - sia il progetto di 5comunità: cosa e come condividere,come gestire i servizi e gli spazicomuni, quali attività sviluppareall’interno della comunità e aperteall’esterno.Diventa quindi imprescindibile la curadelle relazioni tra le persone e lacondivisione di pratiche quotidianecome cucinare, gestire i bambini, usarel’auto in comune, fare un orto, ecc. 5
  • 6. La Corte dei GirasoliFinalmente un cohousing a Vimercate 6
  • 7. La corte dei girasoliLa Corte dei Girasoli è il nomedi un gruppo nato nel 2006 suiniziativa di 14 famiglie inseriteattivamente nella vita sociale eculturale di Vimercate.L’esigenza comune era quella 7di migliorare la qualità dellapropria vita dal punto di vistarelazionale e ambientale etrovare risposta concreta ailoro bisogni di condivisionesolidale nella quotidianità. Ilnome del gruppo è significativoe mette in luce due elementichiave sulla nostra ideadell’abitare insieme. 7
  • 8. La corte dei girasoliL’idea di Corte evoca rapporti divicinato improntati al sostegno eall’aiuto reciproco, oltre che allacondivisione di spazi e risorsepersonali.Sono questi i valori che il gruppodesidera riproporre nella 8quotidianità del cohousing.La parola Girasoli, invece, fariferimento all’utilizzo di fontienergetiche rinnovabili: la casache andremo a costruire avràinfatti il minore impatto ambientalepossibile. Il terreno su cui nascerà la corte dei girasoli 8
  • 9. La corte dei girasoliLe famiglie hanno intrapreso insieme un percorso di progettazionepartecipata che ha coinvolto anche il supporto di un esperto indinamiche di gruppo per rafforzare le relazioni interne e lemotivazioni di partenza.Nel corso degli anni il gruppo di partenza si è parzialmenteriassestato e sono state integrate altre famiglie che avevanodimostrato interesse per il progetto e i valori che ne erano alla 9base.Nel maggio 2010 l’Amministrazione Comunale, sensibile e ricettivaal tema del cohousing, promuove un Bando per lassegnazione diun terreno al quale le famiglie partecipano costituendol’ Associazione di promozione sociale, “La Corte dei Girasoli”.Nasce il primo progetto di cohousing promosso da unaPubblica Amministrazione in Italia.Nel luglio 2010 l’Associazione vince il bando e le viene assegnato ilterreno in Via Fiume sul quale verrà realizzata la “Corte dei Girasoli”. 9
  • 10. Il cuore del nostro progetto di cohousing Lavventura di una co-residenza:finalmente un luogo concreto dove vivere e condividere 10 10
  • 11. Il cuore del nostro progetto di cohousingIl cuore del progetto• Il progetto è nato intorno a un concetto di abitare socializzante, ecologico e solidale.• L’architettura e le tecnologie sono al servizio delle persone: il 11 progetto prevede un condominio che aggrega e favorisce il dialogo e la condivisione.• Il progetto mette al centro cittadini che vogliono vivere in modo attivo e partecipe il territorio e si fanno promotori - anche attraverso gli spazi architettonici a disposizione - di iniziative e servizi alla cittadinanza. 11
  • 12. Il cuore del nostro progetto di cohousing• La tecnica costruttiva gli impianti sono scelti secondo i criteri della sostenibilità ambientale.• Abbiamo scelto un percorso di progettazione partecipata per 12 essere soggetti consapevoli anche del nostro abitare.• La Corte dei Girasoli è il primo modello vivente di co-residenza partecipata in Brianza e un punto di riferimento aperto al dialogo per coloro che volessero intraprendere unesperienza simile. 12
  • 13. Vivere e condividereVicini di casa, vicini di vita. 13 13
  • 14. Vivere e condividereVicinato elettivo e mutualitàLa condivisione di alcune pratichequotidiane, di alcuni momenti del tempolibero e di abitudini di vita comuni travicini di casa che - scegliendo diessere mutualmente solidali - siscelgono anche come vicini di vita è 14un modo per riorganizzare in modoricco e appagante le proprie routines eper innalzare la qualità della propria vitain modo economicamente sostenibile,liberare tempo per sé e per la propriafamiglia.Questo valore fondante del cohousingtrova la sua concretizzazione neglispazi comuni del condominio. 14
  • 15. Vivere e condividereSala comuneSimbolo e cuore della vita della “Corte”, posizionata al centro e di facile accesso da parte ditutti rappresenta il luogo dell’incontro informale di chi ci abita.Pensata anche come porta d’accesso per accogliere persone esterne alla Corte dei Girasoli chein alcuni momenti vogliono condividere momenti di vita in cohousing o utilizzare gli spazi periniziative sociali.Caratteristiche: ampia e luminosa, con una grande cucina nella quale condividere colazioni 15pranzi e cene nelle tante occasioni di condivisione. Un’area sarà dedicata al relax, alla letturae alla visione di film.Questo spazio sarà anche il luogo di raccolta di materiale informativo sul tema delcohousing, disponibile alla collettività, per chi volesse intraprendere unavventura simile allanostra.Locale studio-telelavoroAll’ultimo piano della residenza la serra bioclimatica sarà adibita allo studio e, chi ne avràbisogno, potrà usarla per il lavorare da casa. Meno spazio occupato in ogni singoloappartamento maggior ricchezza di cultura, divertimento e svago a disposizione di tutti. 15
  • 16. Vivere e condividereLocale lavanderiaPosizionata dietro la serra bioclimatica e riscaldatadal calore accumulato dai raggi del sole, la lavanderiain cohousing consente di avere a disposizione unlocale adeguato per lavare, stendere il bucato estirare, altrimenti impossibile da proporre in ogniabitazione. Una lavanderia in comune consente 16inoltre di acquistare elettrodomestici ad alta efficienzapermettendo di risparmiare sia energia chemanutenzione. Infine: anche la lavanderia nelcohousing diventa un luogo di incontro eaggregazione.Locale gioco/sportUna sala dedicata alle attività di gioco-sportcontenente attrezzature per chi desidera fare sport incompagnia. Un’area sarà dedicata al gioco, ancheper i più piccoli. 16
  • 17. Vivere e condividereOpen Space per autoNon sono previsti box singoli ma un unico spazio sotterraneo dedicato al parcheggio delle auto.Ciò abbatte i costi di costruzione e permette una ottimizzazione dello spazio.Deposito e locale attrezziUtilizzando parte dell’area risparmiata evitando la costruzione dei box, verrà realizzato un locale 17deposito a cui tutti potranno accedere lasciando i propri oggetti e un locale per ottimizzare lospazio occupato dagli attrezzi di ogni singola famiglia e condividere oggetti di uso saltuario.Zona bicicletteCi sarà un deposito biciclette comune – è intenzione del gruppo privilegiare l’utilizzo dellabicicletta per gli spostamenti all’interno del territorio comunale.CantinaLottimizzazione degli spazi sotterranei permetterà inoltre la realizzazione di cantine spaziose,adeguate anche per la conservazione di prodotti alimentari (dispensa). Molte famiglie del gruppoinfatti gestiscono l’acquisto dei prodotti alimentari tramite GAS (gruppi di acquisto solidale). 17
  • 18. Vivere e condividereIl giardinoSpazio verde, parte integrante della casae della vita del gruppo, in cui piccoli egrandi potranno giocare e stare insieme.Il lavoro di manutenzione dell’area verdeverrà svolto in condivisione.il locale rifiuti e compostaggio 18unarea attrezzata per una raccoltadifferenziata molto accurata e per lapratica del compostaggio, per minimizzarelimpatto dei nostri consumi sullacollettività.Il gruppo promuoverà inoltre le buoneprassi finalizzate alla minimizzazionedell’impatto sulla collettività dei nostriconsumi. 18
  • 19. Vivere e condividereLe unità abitativeLe unità abitative si dispongono secondo uno schema di affaccio condiviso, con le zonegiorno che si aprono tutte verso lo spazio verde centrale.La disposizione degliappartamenti e degli 19spazi comuni nonchéi loro collegamentisono stati pensati eprogettati per favorirela socializzazione efacilitare i momenti diincontro. 19
  • 20. Vietato non entrare: La Corte dei Girasoli e la città di VimercateUn progetto non chiuso in sé stesso ma proiettato allesterno, sensibile alle esigenze di chi e di ciò che ci circonda e attento alle realtà sociali presenti nel quartiere 20 20
  • 21. Vietato non entrare La Corte dei Girasoli e la città di VimercateIl cohousing è una realtà che è statapromossa e resa possibile a Vimercatedall’Amministrazione Comunaleattraverso un bando pubblico. 21Nel bando veniva richiesto alle famiglieche intendevano fare un cohousing sulterreno di via Fiume di scrivere unprogetto che impegnava i futuricohousers a fare qualcosa di concretoe significativo per il proprio quartiere,per la propria città. 21
  • 22. Vietato non entrare La Corte dei Girasoli e la città di VimercateLa risposta della Corte dei Girasoli si è articolataintorno a tre grandi temi:1. La cura dell’ambiente e la sensibilizzazione verso stili di vita sostenibili.2. La promozione della cultura e il sostegno alla fitta rete di associazioni già presenti a Vimercate. 223. La solidarietà.Abbiamo deciso di declinare questi tre aspettiattraverso un impegno diretto, che metterà in giocotempo, risorse, competenze e idee di ciascuno.Una volta vinto il bando, parallelamente al lungopercorso di progettazione partecipata per costruirel’edificio, ci siamo documentati e impegnati per faredi quest’edificio un luogo di aggregazione e stimoloculturale per tutta la cittadinanza. 22
  • 23. Vietato non entrare La Corte dei Girasoli e la città di VimercateVerde e ambiente• Adiacente alla Corte dei Girasoli c’è un prezioso lotto di verde pubblico. Ci siamo impegnati di fronte al comune ad attrezzare e manutenere questo terreno supportando l’Amministrazione nella gestione economica di questo spazio, ma soprattutto creando un nuovo, piacevole luogo 23 di aggregazione per i cittadini.• Abbiamo deciso di stanziare un fondo di 45.000 euro per le scuole di Vimercate perché vengano attivati progetti di educazione ambientale rivolti agli studenti.• Vogliamo che il nostro edificio sia un modello virtuoso della gestione dei rifiuti: attraverso il compostaggio e la raccolta differenziata proveremo a essere a “impatto zero”. 23
  • 24. Vietato non entrare La Corte dei Girasoli e la città di VimercateCultura e networking• Il cuore della Corte dei Girasoli è la sala comune, in cui i cohousers si ritrovano e condividono tempo e risorse.• Regolarmente il locale sarà messo a disposizione anche a gruppi culturali o associazioni di volontariato che non hanno un luogo in cui incontrarsi. 24• Stiamo costituendo una piccola biblioteca che raccoglierà libri e documentazione su tutte quelle forme dell’abitare e del vivere che pongono al centro il rispetto dell’ambiente e dell’individuo. La biblioteca sarà aperta alla consultazione e al prestito per tutti coloro che sono interessati a questi temi.• Ogni anno organizzeremo un evento "Casa Aperta" per far conoscere e promuovere la cultura del cohousing. 24
  • 25. Vietato non entrare La Corte dei Girasoli e la città di VimercateIl monolocale: uno spazio per accogliereIl nostro progetto architettonico prevede la costruzione di unmonolocale, totalmente autonomo e attrezzato, da destinareall’accoglienza.L’alloggio verrà assegnato per un tempo massimo di 6 mesi,eventualmente prorogabile di altri 6.Le richieste di accoglienza proposte dal Comune o dalle 25associazioni del territorio verranno ogni volta valutate dallaCorte dei Girasoli che vaglierà la compatibilità tra i bisognidella famiglia accolta e il contesto di co-housing.Le forme di accoglienza previste dalla corte dei Girasoli sono:• Persone in situazione di temporanea fragilità e crisi famigliare.• Parenti di degenti dell’ospedale di Vimercate• Partecipanti a scambi culturali• Eventuali altri esigenze delle associazioni del territorio. 25
  • 26. DoposcuolaIl gruppo intende offrire un servizio di doposcuolagratuito ai ragazzi delle scuole medie, con unasituazione scolastica e socio-famigliare difficile.Il doposcuola verrà gestito da volontari interni eesterni al gruppo per due pomeriggi alla settimana,con un rapporto adulto-ragazzo di uno a uno.Il gruppo comunicherà al docente referente della 26scuola media del quartiere il numero di ragazzi chepotranno usufruire del servizio per l’anno scolastico.I docenti sceglieranno i ragazzi e contatteranno igenitori per ottenerne l’autorizzazione.Il servizio comincerà nel mese di ottobre e terminerànel mese di maggio, salvo alcuni incontri dipreparazione agli esami per gli alunni di terza nelmese di giugno.I volontari manterranno i rapporti con gli insegnanti econ i genitori (almeno un colloquio allanno) 26
  • 27. Il progetto architettonicoUn edificio progettato per facilitare uno stile di vita socializzante, ecologico e solidale 27 27
  • 28. Il progetto architettonicoStile e innovazioneIl progetto de La Corte dei Girasoli poggiain primo luogo sulla “dinamica” deglispazi:• facilità di circolazione interna• ampiezza e flessibilità degli ambienti 28• circolazione della luce e dellaria.E un edificio aperto verso lesterno- come desiderano essere i suoi abitanti -ma al contempo protettivo del suocontenuto.E un edificio contemporaneo, disegnatosecondo linee semplici e volumi chemettono in evidenza la funzione. 28
  • 29. Il progetto architettonico 29progetto architettonico "La corte dei girasoli" • davide prandin architetto 29
  • 30. Il progetto architettonico 30progetto architettonico "La corte dei girasoli" • davide prandin architetto 30
  • 31. Il progetto architettonico progetto architettonico "La corte dei girasoli" realizzato da Matteo progetto architettonico "La corte dei girasoli" realizzato da Agata 31progetto architettonico progetto architettonico "La corte dei girasoli" "La corte dei girasoli"realizzato da Michele realizzato da Luca e Sophie 31
  • 32. Il progetto architettonicoSostenibilità ambientale ed efficienzaenergeticaLa Corte dei Girasoli è ad alta efficienzaenergetica, a basso impatto ambientale eridotte emissioni di CO2.Il progetto prevede integrazione tra: 32• strategie passive (l’orientamento ottimale, forma dellinvolucro e la sua capacità di isolare)• strategie attive (impiantistica per la produzione di energia da fonti rinnovabili diverse - fotovoltaico, geotermico e solare termico)Il progetto prevede inoltre un basso tasso dimanutenzione dellorganismo edilizio, che saràrealizzato con tecniche costruttive semplificate ea posa rapida. 32
  • 33. Contatti 33 33
  • 34. ContattiLa Corte dei GirasoliVia Solferino, 11 – 20871 Vimercate (MB)Tel. 339.30.72.977 - Email: info@lacortedeigirasoli.it - www.lacortedeigirasoli.it • eventi, notizie, incontri, … www.facebook.com/lacortedeigirasoli • day-by-day … il progetto, la vita , passo dopo passo www.twitter.com/cortegirasoli • il nostro blog – www.cohousingvimercate.it