• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Progetto Cariplo Vogogna
 

Progetto Cariplo Vogogna

on

  • 898 views

Patto Dei Sindaci

Patto Dei Sindaci

Statistics

Views

Total Views
898
Views on SlideShare
897
Embed Views
1

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

1 Embed 1

http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Progetto Cariplo Vogogna Progetto Cariplo Vogogna Document Transcript

    • TECNOPARCO DEL LAGO MAGGIORERICHIESTA DI CONTRIBUTO ALLA FONDAZIONE CARIPLOdei comuni Vogogna (capofila)Arizzano, Beura-Cardezza, Cannero Riviera, Oggebbio,Ornavasso, Pallanzeno, Piedimulera, Pieve Vergonte,Villadossolanell’ambito del bando“promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” RELAZIONE DESCRITTIVA MAGGIO 2011 con la consulenza di: CAIRE - Urbanistica, Stefano Bruno - consulente ambientale, Centro del Sole - circolo di Lega Ambiente
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO SOMMARIO1. LE PREMESSE AL PROGETTO ................................................................................................................ 42. I PRESUPPOSTI DEL PROGETTO: IL CONTESTO TERRITORIALE E LE SUETENDENZE EVOLUTIVE ...................................................................................................................................... 6 2.1 Inquadramento territoriale ............................................................................ 6 Morfologia e idrografia .............................................................................................. 7 Climatologia ............................................................................................................ 7 Temperatura............................................................................................................ 8 Radiazione solare ..................................................................................................... 9 Copertura Vegetativa ................................................................................................ 9 2.2 Inquadramento socio-economico ................................................................. 10 I Sistemi Locali del Lavoro del Verbano-Cusio-Ossola .................................................. 10 L’accessibilità nel sistema del Verbano ...................................................................... 11 La storia demografica: Arizzano ............................................................................... 12 La storia demografica: Beura Cardezza ..................................................................... 13 La storia demografica: Cannero Riviera ..................................................................... 14 La storia demografica: Oggebbio .............................................................................. 15 La storia demografica: Ornavasso ............................................................................ 16 La storia demografica: Pallanzeno ............................................................................ 17 La storia demografica: Piedimulera ........................................................................... 18 La storia demografica: Pieve Vergonte ...................................................................... 19 La storia demografica: Villadossola ........................................................................... 20 La storia demografica: Vogogna ............................................................................... 21 Aggregato dei dieci comuni ...................................................................................... 22 Quadro economico dei comuni: caratteri strutturali del settore primario ........................ 23 Analisi dei consumi aggregati ................................................................................... 28 Analisi specifica dei consumi e delle emissioni dei comuni aderenti al progetto ............... 32 Consumi energetici comunali anno 2010 pro capite..................................................... 34 Dati generali per comune ........................................................................................ 34 Impianti di produzione di Energia da fonti rinnovabili per comune ................................ 35 Iniziative per il risparmio energetico e/o per la sostenibilità ambientale intraprese negli ultimi 5 anni .......................................................................................................... 35 Iniziative future per il risparmio energetico e/o per la sostenibilità ambientale ............... 36 Iniziative rivolte alla sostenibilità energetica ed ambientale ......................................... 36 1
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Interventi, politiche ed azione che potrebbero essere intraprese per rispettare il patto dei sindaci. ................................................................................................................. 36 Quota di raccolta differenziata e risparmio CO2 (Kg/anno). .......................................... 373. GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO ......................................................................................................... 384. LE STRATEGIE DI INTERVENTO ........................................................................................................ 39 4.1 Adesione formale al Patto dei Sindaci .......................................................... 39 4.2 Analisi del sistema energetico locale e definizione dell’inventario delle emissioni ................................................................................................................ 40 Il bilancio energetico e l’inventario delle emissioni ...................................................... 40 Le analisi settoriali ................................................................................................. 43 Analisi di specifici strumenti ..................................................................................... 46 I fattori di emissione ............................................................................................... 46 4.3 La Redazione del PAES ................................................................................. 47 Strategia generale e visione di lungo termine ............................................................ 48 Strumenti di attuazione........................................................................................... 50 Selezione delle azioni e priorità di intervento ............................................................. 52 4.4 Predisposizione di un sistema di monitoraggio ............................................ 55 4.5 Aggiornamento della Banca dati della Fondazione Cariplo ........................... 58 4.6 Programma di formazione ............................................................................ 58 4.7 Campagna di informazione e sensibilizzazione............................................. 595. L’ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO E DEL RICHIEDENTE ................................................. 61 Durata .................................................................................................................. 61 Soggetti partner ..................................................................................................... 61 Risorse umane ....................................................................................................... 61 Risorse economiche ................................................................................................ 63 Soggetti Beneficiari ................................................................................................ 63 Risultati Attesi ....................................................................................................... 64 Valutazione degli Esiti ............................................................................................. 64 Organizzazione del richiedente ................................................................................. 64 2
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOA CURA DI:  Tecnoparco Del Lago Maggiore SpA  CAIRE Urbanistica  Stefano Bruno  Legambiente – Il Centro Del SoleCOMUNI PROPONENTI:  Vogogna (capofila)  Arizzano  Beura Cardezza  Cannero Riviera  Oggebbio  Ornavasso  Pallanzeno  Piedimulera  Pieve Vergonte  Villadossola 3
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO IL PROGETTO DI PROMOZIONE DI BUONE PRATICHE PER LA SOSTENIBILITA’ ENERGETICA 1. LE PREMESSE AL PROGETTO 1I cambiamenti avvenuti nell’ultimo decennio in campo energetico sono tra i più significativi eimportanti degli ultimi 60 anni. Nessun aspetto è rimasto quello di prima: situazione politicainternazionale, andamento dei prezzi dei prodotti energetici, normativa comunitaria e nazionalea favore delle fonti rinnovabili e dell’uso razionale dell’energia, competenze alle Regioni intermini di politiche energetiche, liberalizzazione dei mercati elettrici e del gas, sviluppo delletecnologie e del fatturato del comparto: sono tutti elementi per un nuovo modello di sviluppo, lecui vere potenzialità si iniziano a comprendere appieno soltanto ora.I meccanismi di riduzione delle emissioni di gas climalteranti attraverso sistemi come i crediti diCO2 o i certificati bianchi, pur necessitando ancora di correzioni e aggiustamenti in corsod’opera, sanciscono un approccio totalmente innovativo, determinando la possibilità di generarericchezza e sviluppo economico attraverso efficienza energetica e fonti rinnovabili, creando perla prima volta le condizioni per un disaccoppiamento tra crescita economica e crescita deiconsumi.E nonostante le “regole del gioco” vengano decise a livello internazionale, i cambiamenti in corsoaprono la strada all’azione locale, che può e deve approfittare della rivoluzione energetica in attoper creare un nuovo modello di sviluppo, sostenibile e a bassa intensità di carbonio.Una adeguata gestione delle risorse energetiche può avvenire solo di concerto con il livellolocale, nell’ambito di politiche, programmi ed interventi integrati il cui punto centrale risieda nelgoverno del territorio, nella crescente importanza che viene ad assumere il collegamento tradove e come l’energia viene prodotta e utilizzata e nella ricerca di soluzioni che coinvolgonosempre di più la sfera locale, sia pubblica che privata.Il settore energetico oggi è innanzitutto fondamentale per l’innovazione e per le nuoveopportunità socio-economiche a favore delle comunità locali e dei rispettivi settori produttivioltre ad essere strategico per le politiche di contenimento dei gas climalteranti (CO2) e per losviluppo sostenibile.Il boom del settore fotovoltaico in Italia è un ottimo esempio: una legislazione lungimirante hapermesso di passare in poco più di tre anni da 10 a 1.200 MW di potenza installata,permettendo un risparmio di oltre 2 milioni di barili di petrolio equivalente all’anno, edimezzando il costo della tecnologia nello stesso periodo grazie all’aumento dei volumi divendita.Il tema dellenergia diventa ogni giorno più strategico per definire gli asseti di sviluppo di unterritorio.Da un lato, i processi di ristrutturazione e di liberalizzazione che hanno investito il comparto acavallo degli anni 90 hanno portato alla fine del monopolio Enel, alla nascita di nuove impresenel campo della produzione e della distribuzione e allinnesco di processi di riorganizzazione della1 Liberamente tratto da “Piano Strategico dell’Energia 2010 della media Ossola a cura di CAIRE Urbanistica”] 4
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOrete. Dentro tale ottica i "padroni delle acque" (Enel, Edison, A2A per fare qualche esempio) siriposizionano a valle del processo produttivo, facendo leva sul patrimonio di utenti-clientiacquisito nella fase nascente e trionfante del capitalismo urbano industriale del Novecento.Dallaltro, lavvento della green economy e della ricerca della sostenibilità e della riproducibilitàdelle risorse energetiche apre nuovi scenari nei quali lefficienza energetica, la produzione dienergia da fonti rinnovabili e le tecnologie ad esse connesse diventano le nuove frontieredelleconomia dei paesi più avanzati.In questa cornice di fondo, il Verbano Cusio Ossola è uno dei territori di elezione della nuovapolitica di sviluppo locale italiana, in cui sperimentare una strategia di riequilibrio territorialefondata non sulla leva della spesa pubblica centrale ma sulla crescita dal basso delle nuoverisorse ambientali secondo lottica dello sviluppo sostenibile.La "provincia azzurra", infatti, ha in sé tutti gli elementi cardine delle filiere più innovative epromettenti della green economy, iniziando dalla produzione di energia da fonti rinnovabili (conun ruolo quantitativamente rilevante dellidroelettrico, e lavvio di sperimentazioni nel campofotovoltaico e delle biomasse).Il tema dell’energia può essere dunque considerato trasversale a diversi ambiti: ambientale,sociale, economico, di sviluppo. Non ci si può focalizzare solo sull’energia in senso stretto, maoccorre una prospettiva che fornisca una visione dell’intero sistema territoriale che si staanalizzando.In questa ottica si inserisce la pianificazione energetica territoriale, come guida per leamministrazioni e gli enti locali nell’individuazione delle azioni e degli strumenti attraverso iquali possono essere orientate e selezionate le scelte in campo energetico sul territorio.I Comuni possono proporsi di realizzare un utilizzo razionale dell’energia negli usi finali e dipromuovere l’efficienza energetica, così da coniugare vantaggi ambientali ed economici con unimpatto diretto sul territorio. 5
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO 2. I PRESUPPOSTI DEL PROGETTO: IL CONTESTO TERRITORIALE E LE SUE TENDENZE EVOLUTIVE2.1 Inquadramento territorialeI comuni di Arizzano, Beura Cardezza, Cannero, Oggebbio, Ornavasso Pallanzeno, Piedimulera,Pieve Vergonte, Villadossola e Vogogna sono tutti situati nell’Ossola e nel Verbano, due delle tremacro aree che compongono la provincia del Verbano Cusio Ossola.L’articolato sistema vallivo intorno al fiume Toce costituisce l’Ossola ovvero la parte piùsettentrionale del territorio Provinciale e della regione Piemonte e che ha in Domodossola ilprincipale centro insediativo. La popolazione complessiva dei 10 comuni è di 22911 abitanti, cioè il 13,5% della popolazioneprovinciale; i principali dati insediativi dei 10 comuni sono i seguenti: COMUNE DIMENSIONE ABITANTI (KM2) Vogogna 15,26 1.748 Arizzano 1,60 2.042 Beura Cardezza 28,87 1.429 Cannero Riviera 14,52 1.035 Oggebbio 20,18 880 Ornavasso 25,87 3.410 Pallanzeno 4,40 1.163 Piedimulera 7,57 1.616 Pieve Vergonte 41,93 2.662 Villadossola 17,96 6.926I 10 comuni hanno un estensione complessiva di 178,16 km2, pari al 8% della superficieprovinciale, le sedi comunali sono ubicate tutte nel fondovalle e si sviluppano attorno alla SS33del Sempione e alla SS34 del Lago Maggiore, nei tratti compresi tra Domodossola, GravellonaToce e Cannero Riviera. Essendo presenti ambienti naturali diversi come valli alpine, fiumi elaghi il territorio possiede una valenza paesistica molto particolare e ricca di contrasti. Novemunicipalità sono classificate come montane e lo testimonia la chiara connotazionepedemontana e montana del territorio. 6
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOMorfologia e idrografiaIl territorio dei 10 comuni è caratterizzato da un’accentuata connotazione pedemontana emontana, integrata dalla presenza fluviale che vede nel Fiume Toce l’elemento principale per icomuni di Beura Cardezza, Ornavasso, Pallanzeno, Piedimulera, Pieve Vergonte, Villadossola,Vogogna. I comuni di Cannero e Oggebbio siaffacciano sulle sponde del Lago Maggiore La figura Limite collinare (fino a 600 m) Montagna2 mostra la suddivisione del territorio comunale per (tra 600 e 1.600 m) Media e alta montagna (oltre 1.600 m)fasce altimetriche. 16,2% 34,5%Ne deriva un contesto ambientale con limitatezza dispazi aperti e pianeggianti, che ha comportatol’assenza di un consistente retroterra storico di tipo 49,3%rurale, ma anche l’intensa antropizzazione delle areepedemontane e di fondovalle, l’alta densità degli Fasce Altimetriche - Provincia del VCOabitati e la canalizzazione forzata delle vie di 17,6% 0,9% 7,0% 9,2%comunicazione. 13,3%Il corso d’acqua più importante è sicuramente il Toce inferiore a 300 m tra 300 e 600 m 16,0%che definisce l’intero sistema idrografico dell’Ossola. 14,7% tra 600 e 900 m 21,4% tra 900 e 1200 m tra 1200 e 1600 mA livello provinciale i grandi impianti idroelettrici tra 1600 e 2000 m tra 2000 e 3000 msono ubicati tutti in Ossola: Pallanzeno, Crevola, oltre 3000 mVerampio e Ponte. L energia prodotta nel VCO da Figura 2: Suddivisione del territorio Provincialefonte rinnovabile d’origine idroelettrica ammonta per fasce altimetriche. (Fonte: Settore Sistema Informativo territoriale Regione Piemonte)mediamente a circa 2.440 GWClimatologiaIl clima dei comuni raggruppati è anzitutto determinato dalla posizione geografica e dallamorfologia del territorio. Essa infatti è compresa fra i 45°55’ e i 46°28’ di latitudine ed è quindiinserita in quella fascia che normalmente corrisponde ad un clima fondamentalmentedeterminato da una insolazione e quindi da una certa quantità di calore solare che la pone nelleregioni temperate.È anche quasi completamente racchiusa da potenti ed elevati gruppi montuosi e quindi le altezzevariano rapidamente da luogo a luogo. È percorsa in tutta la sua lunghezza dal fiume Toce chescende da Nord verso Sud fino a Vogogna, per poi piegarsi verso Sud-Est e, dopo un viaggio dicirca 80 km, si getta nel Lago Maggiore.L’Ossola, chiusa fra alti monti, è costretta ad assorbirne il clima. Ma anche altri fattori importantiintervengono a definirlo più precisamente. I potenti ghiacciai della catena Monte Rosa-Griess equelli del vicino Vallese, distanti solo qualche decina di chilometri, contribuiscono in vario modoa rendere il clima più rigido.I comuni del Verbano godono di un clima mitigato dall’effetto di isteresi generato dalla massad’acqua del Lago con conseguente maggior livello di umidità.Le masse di aria umida che si formano sulla pianura padana e nella zona lacuale sono facilmenteindotte a risalire le pendici delle Alpi dando luogo a intense precipitazioni e, in alcune situazioni,ad eventi alluvionali, che contribuiscono a farne una delle regioni più piovose d’Italia . 7
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOL’analisi climatica della Provincia si basa sui dati della Regione Piemonte, in collaborazione conl’Università degli Studi di Torino – Dipartimento di Scienze della Terra, e dall’Istituto Italiano diIdrobiologia - C.N.R. di Pallanza. Sul territorio regionale sono operanti 189 stazioni cheraccolgono tipologie di dati differenti (termopluviometriche, idrometriche, nivometriche etc.).TemperaturaIl regime termometrico dell’area del VCO non supera mai i 12,5 °C di media (condizione limitataalle fasce lacuali e alla piana alluvionale del Toce), mentre si passa a condizioni gradualmentepiù estreme man mano che ci si sposta verso i rilievi maggiori, dove le temperature medie nonraggiungono i 4°C.Dall’analisi dei dati si evince come il mese più freddo risulti gennaio, quando l’inversione termicarisulta particolarmente evidente mentre luglio risulta essere il mese più caldo.Secondo il DPR 412/1993, il territorio nazionale è suddiviso nelle seguenti sei zone climatiche infunzione dei gradi-giorno, indipendentemente dalla ubicazione geografica:  Zona A: comuni che presentano un numero di gradi-giorno non superiore a 600;  Zona B: comuni che presentano un numero di gradi-giorno maggiore di 600 e non superiore a 900;  Zona C: comuni che presentano un numero di gradi-giorno maggiore di 900 e non superiore a 1.400;  Zona D: comuni che presentano un numero di gradi-giorno maggiore di 1.400 e non superiore a 2.100;  Zona E: comuni che presentano un numero di gradi-giorno maggiore di 2.100 e non superiore a 3.000;  Zona F: comuni che presentano un numero di gradi-giorno maggiore di 3.000.In relazione alla zona climatica di appartenenza è fissata la durata del periodo di riscaldamento.I dieci Comuni ricadono nelle zona climatica E: Comune Quota [m. s.l.m.] Zona climatica Gradi giorno Vogogna 226 E 2598 Beura Cardezza 257 E 2523 Ornavasso 215 E 2584 Pallanzeno 228 E 2485 Piedimulera 247 E 2510 Pieve Vergonte 232 E 2490 Villadossola 257 E 2523 Arizzano 458 E 2957 Cannero Riviera 225 E 2597 Oggebbio 263 E 2512 Tabella 1: Zone climatiche dei 10 comuni 8
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLORadiazione solareLa quantità annuale di radiazione solare diretta che giunge alsuolo dipende da tre fattori principali, legati tra di loro: il clima agrande scala, latitudine e la quota. Lungo le fasce tropicali delpianeta, a pari latitudine, coesistono regioni con forti insolazionimedie annue (climi desertici) e regioni con cielo sereno limitatoda intense variazioni stagionali (climi tropicali).Per la Provincia del Verbano-Cusio-Ossola sono disponibilimisurazioni della radiazione solare per la stazione meteoclimaticadi Domodossola (252 m.s.l.m.) che indicano una radiazionesolare annua compresa tra 4.140 MJ/m2 e 4700 MJ/m2 (circa1.150 e 1.300 Kwh/m2), valori tipici per il nord Italia.Attualmente i Comuni oggetto di analisi presentano limitateinstallazioni di sistemi fotovoltaici sia termici che solari.Copertura VegetativaIl territorio della Provincia del VCO è per la maggior parte interessato da aree a vegetazioneboschiva, arbustiva ed erbacea.Una percentuale molto bassa del territorio (intorno al 2%) risulta occupato da tessuto urbano,che si sviluppa per lo più nel fondovalle.I popolamenti boschivi ricoprono una buona percentuale del territorio che corrisponde circa al13% dell’intera superficie forestale regionale pari a circa 90.506 ha.Tale elevata estensione della superficie forestale del VCO è determinata dalle caratteristiche sialitologiche che climatiche dell’area che, per le proprietà chimico-fisiche dei suoli e per gli altivalori di precipitazioni, risulta essere un habitat favorevole per lo sviluppo di boschi anche suterreni superficiali e zone ad elevate pendenze, dove, in altre situazioni meteo climatiche, nontroverebbero l’ambiente ideale. 9
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO 2.2 Inquadramento socio-economico I Sistemi Locali del Lavoro del Verbano-Cusio-Ossola Tutti i comuni della provincia del Verbano-Cusio-Ossola sono racchiusi in 4 SLL: Cannobio, con 6 comuni, Omegna con 17 comuni, Verbania con 18 comuni, e Domodossola con 37. Popolazione n° COMUNE CAPOFILA 2005 superficie addetti 2005 comuni Densità Cannobio 7.313 132,1 1.256 6 55,4 Domodossola 62.258 1.574,7 15.569 37 39,5 Omegna 42.141 277,7 14.249 17 151,8 Verbania 54.271 291,3 16.181 18 186,3 Caratteristiche demografiche dei 4 SLL del Verbano Domodossola è il Sistema Locale del Lavoro che racchiude al suo interno il maggior numero di abitanti, con oltre 60 mila, segue da vicino Verbania con oltre 50 mila persone, poi Omegna sopra le 40 mila. Cannobio non arriva neppure a 8 mila abitanti. Codice_S Nome_SLL 2001 2002 2003 2004 2005 LL 34 Cannobio 9.348 9.775 10.288 10.850 10.544 35 Domodossola 14.565 14.923 15.137 15.983 16.182 36 Omegna 21.064 20.811 21.232 20.170 20.146 37 Verbania 20.707 19.800 20.293 20.681 20.620 Valore aggiunto pro capite 2001-2005 nei 4 SLL della provincia Verbania-Cusio-Ossola Il SLL col Valore Aggiunto pro capite più elevato al 2005 è quello di Verbania con 20.620 € pro capite, seguito da vicino da quello di Omegna. Domodossola ha un V.A di 16.200 euro scarsi per abitante, anche se tale valore è in crescita. Cannobio è l’aggregato con la minore ricchezza, dato che supera i 10 mila euro per abitante. Valore aggiunto ai prezzi base, al Valore aggiunto ai prezzi base, al lordo SIFIM - ANNO 2001 lordo SIFIM - ANNO 2005 (Milioni di euro) (Milioni di euro)Codice_Sll Nome_Sll Agricoltura, Industria Servizi Totale Agricoltura, Industria Servizi Totale silvicoltura silvicoltura e pesca e pesca34 Cannobio 0,4 11,4 56,2 68,0 0,3 8,3 68,5 77,135 Domodossola 6,8 345,5 558,4 910,8 5,4 313,2 688,8 1.007,436 Omegna 11,5 365,8 491,3 868,6 7,7 313,8 527,5 849,0 10
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Valore aggiunto ai prezzi base, al Valore aggiunto ai prezzi base, al lordo SIFIM - ANNO 2001 lordo SIFIM - ANNO 2005 (Milioni di euro) (Milioni di euro)37 Verbania 1,7 322,3 761,1 1.085,0 1,3 228,5 889,4 1.119,1 Valore aggiunto ai prezzi base, per Sistema Locale del Lavoro e settore di attività economica - Anni 2001-2005 Valori a prezzi correnti (milioni di euro) L’industria ha un peso fondamentale nel SLL di Omegna e Domodossola, Verbania verte maggiormente sul terziario. L’accessibilità nel sistema del Verbano A livello economico le industrie dell’ambito nel nuovo millennio non hanno vissuto una fase molto dinamica, con difficoltà diffuse soprattutto nel metalmeccanico. La variazione di accessibilità del periodo 2001-2008 è una buona approssimazione di quanto abbiamo affermato. La provincia del Verbano-Cusio-Ossola è una delle poche aree nelle quali la crescita dei primi anni del nuovo secolo che ha coinvolto tutto il centro nord non è arrivata, con l’eccezione della zona più a sud della provincia. La variazione di accessibilità nei dieci comuni appartenenti all’area è pressoché nulla, quindi l’immobilità del sistema economico ha coinvolto anche l’ambito demografico-antropico. Anche l’accessibilità ai servizi mostra un’area al livello di SLL poco servita, mentre i dieci comuni dell’aggregato hanno condizioni di accessibilità leggermente migliori grazie alla posizione geografica abbastanza centrale nel Sistema Locale e nella Provincia. La minore dotazione delle rurali e montane è un tema comune a tutto il paese, e spesso queste aree in termini di servizi sono penalizzate più di quanto il loro scarso peso demografico farebbe pensare. 11
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: ArizzanoIl comune di Arizzano ha vissuto un vero e proprio boom demografico negli anni ’70: tra ilcensimento del 1971 e quello del 1981 la popolazione è praticamente raddoppiata, passando da878 abitanti a 1.600. Questo boom demografico è proseguito anche negli anni ’80, e i residentidi Arizzano nel censimento del 1991 erano 1.868.Osservando il movimento anagrafico più recente, il comune ha vissuto alternanza tra annate consaldo totale positivo ed annate con saldo totale negativo, dato che il saldo naturale mediamenteè poco sotto lo 0, ed i saldi migratori un po’ sopra. Nel 2009 i residenti sono 2042, frutto delboom migratorio del 2002, annata con oltre 100 ingressi. 12
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: Beura CardezzaLa popolazione di Beura Cardezza si è mantenuta fra le 1.600 e le 1.800 persone dal primocensimento d’Italia del 1861 fino al 1951, dopo di che è iniziata una china discendente che haportato il comune sotto i 1.400 abitanti negli ultimi due censimenti in nostro possesso.L’evoluzione in tempi più recenti della popolazione dal 1980 ai nostri giorni, mostra un comunecon saldi naturali spesso negativi (anche se con valori numerici contenuti) e saldi migratorialtalenanti, con momenti di ingressi più sostenuti nel paese (soprattutto fine anni ’90 e inizio2000) alternati a momenti nei quali si è verificata una fuoriuscita di popolazione dal comune,come gli anni ’80. In tempi più recenti comunque il trend sembra essere migliorato, dato cheanche negli anni con migrazioni più contenute non si verificano esodi demografici, se non unlieve incremento (2002 e 2004, il saldo totale è stato di poco sotto lo 0). 13
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: Cannero RivieraIl comune di Cannero Riviera ha vissuto il suo picco demografico nel 1971 con 1.406 abitanti,risultato di un processo di incremento demografico graduale e costante che era iniziato neglianni ’30. Dopo il picco è iniziata una fase di riduzione demografica abbastanza intensa, tantoche all’ultimo censimento del 2001 gli abitanti residenti a Cannero Riviera erano 1.050. In epocapiù recente questo trend sembra essersi fermato: la popolazione dal 2001 al 2009 è rimastacostante (al 31/12/2009 si contano 1.035 abitanti), per effetto dell’equilibrio tra saldi naturalinegativi e saldi migratori leggermente positivi. 14
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: OggebbioIl comune di Oggebbio riproduce le tendenze demografiche che si sono succedute a CanneroRiviera: picco demografico nel 1971 con 1.065 abitanti, e da lì una riduzione, che ha portato ilcomune agli 836 abitanti del censimento 2001.Il movimento anagrafico recente mostra un trend crescente tra il 2001 ed il 2006 trainatosoprattutto dal saldo migratorio; questo breve momento positivo a livello demografico sembraperò essersi già arrestato, come mostra il grafico dal 2007 in poi. 15
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: OrnavassoOrnavasso è il secondo comune per numero di abitanti del raggruppamento, dietro solamente aVilladossola. Il picco demografico del comune si è verificato nel 1991, con 3.302 abitanti, fruttodi un’espansione continua che il comune ha vissuto dal censimento del 1931 in poi.Anche in epoca più recente il comune è stato caratterizzato da un’elevata vivacità dal punto divista demografico, con saldi migratori spesso positivi e saldi naturali negativi in singola cifra,tanto che al 31/12/2009 la popolazione del comune ammontava a 3.382 abitanti, superiore alpicco censuario. 16
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: PallanzenoLa popolazione di Pallanzeno ha attraversato un processo di crescita continua fino al 1981,partendo da circa 500 abitanti nel 1861 per giungere oltre i 1.200 più di un secolo dopo. Questacrescita costante si è fermata negli ultimi due censimenti, nei quali il totale demografico èleggermente calato, anche se in modo non sufficiente per andare sotto i 1.200 abitanti.Osservando la successione del movimento anagrafico in tempi più recenti, nel 2000 si staverificando una normalizzazione dei flussi rispetto ai picchi delle annate precedenti, negli anni’80 e 90’ le oscillazioni del saldo migratorio erano molto più imprevedibili anche per dimensionidelle stesse, negli anni duemila la tendenza è su cifre più basse, e per entrambi i saldi sia inpositivo che in negativo. 17
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: PiedimuleraI comune di Piedimulera ha conosciuto un impennata della popolazione dopo il 1936, quando èpassato da 1.300 abitanti a quasi 1.700, quota sulla quale si è mantenuto fino ai nostri giorni.Il picco del comune si è verificato nel 1981, e da allora la popolazione è in calo, come dimostraanche il movimento anagrafico più recente nel quale entrambi i saldi sono per lo più con segnonegativo, fatta eccezione per 4-5 anni con saldi positivi, nel caso del movimento migratorioanche con cifre di un certo rilievo (1990, 1991, 1996). Anche con l’ingresso nel nuovo millennioil trend degli anni ’90 sembra essere rimasto. 18
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: Pieve VergonteUn discorso simile a quello fatto per Piedimulera può essere fatto per Pieve Vergonte: una fortecrescita tra il 1936 ed il 1951, il picco nel 1981, e in epoca recente la popolazione è indiminuzione. Al 31/12/2009 i residenti risultavano 2.662.Le differenze rispetto a Piedimulera risiedono nel calo demografico che il comune haattraversato tra il 1881 ed il 1901 osservando la serie dei censimenti, mentre nella serie delmovimento anagrafico i saldi naturali negativi hanno un peso molto elevato sul saldo totale dellapopolazione residente, e il saldo migratorio non ha consistenze tali da bilanciare questomomento di contrazione demografica, fatta eccezione per una breve fase verso la metà deglianni ’80 e per gli anni 2000. 19
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: VilladossolaVilladossola è il comune più grande dell’area, da solo pesa all’incirca come gli altri 5 comunidell’area sommati. L’unico momento di diminuzione della popolazione si è verificato tra il 1991ed il 2001, per il resto è sempre cresciuta, o è rimasta costante. La crescita di Villadossola parteda lontano, dai quasi 1.400 abitanti del 1861, ha due vere e proprie impennate tra il 1901 ed il1911 e tra il 1936 ed il 1951, e il picco di 7.469 nel 1991.Il movimento anagrafico più recente mostra il saldo naturale sempre negativo (uniche eccezioni1988 e 2001), il saldo migratorio in sostanza fermo fino al 2002, se si escludono il picco positivodel 1987 ed il suo corrispondente negativo del 1994. Con l’ingresso del nuovo secolo sembraaver ripreso vigore anche il movimento migratorio in ingresso nel paese, con una media di 50persone all’anno che riescono a malapena a bilanciare i saldi naturali negativi. 20
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa storia demografica: VogognaLa popolazione di Vogogna è rimasta costante tra 1.600 abitanti e 1.800 fino al 1936, neldopoguerra ha vissuto un momento di forte espansione demografica che è durato fino al piccodel 1971 (2.130 persone), cui è seguita subito una brusca contrazione che al 2001 era ancora incorso (1.702 abitanti).Il movimento demografico più recente mostra saldi naturali sempre negativi e saldi migratoriche, tranne per una periodo tra la fine degli anni ’80 e l’inizio dei ’90, non sono riusciti a fare dacontrappeso a questa riduzione demografica. Gli anni del nuovo millennio sotto questo punto divista sembrano essere più promettenti, con saldi migratori sempre superiori allo 0 e anche concifre tali da superare i saldi migratori. 21
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOAggregato dei dieci comuniL’aggregato dei 10 comuni risente soprattutto della demografia di Villadossola, con piccodemografico compreso tra il 1971 ed il 1981 (23.879 abitanti), un picco di crescita tra il 1936 edil 1951. Fino al 1901 il totale della popolazione si attestava sui 13.700 abitanti, poi c’è stato unprimo momento di crescita fino ai 17.249 abitanti del 1936, e il picco già menzionato. Ilmovimento anagrafico dal 1980 mostra saldi naturali costantemente negativi, che nella maggiorparte degli anni analizzati portano il saldo totale a dati negativi (questo spiega la lievecontrazione demografica dal 1981 ad oggi). Lo scenario subisce una variazione importante conl’ingresso nel nuovo millennio, dato che i saldi migratori iniziano ad essere superiori allo 0 connumeri abbastanza elevati, e la popolazione si mantiene costante negli anni grazie albilanciamento quasi perfetto tra i due saldi. 22
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOQuadro economico dei comuni: caratteri strutturali del settore primarioSecondo il V° censimento generale dell’agricoltura del 2000, nell’aggregato dei dieci comunisono situate 239 aziende agricole, che sommate hanno una quantità di Superficie AgricolaUtilizzata pari a 2.278 ettari, che corrispondono a 9,5 ettari di SAU per azienda.La riorganizzazione del settore agricolo che si è verificata a livello nazionale ha coinvolto anche ilpanorama piemontese, e la provincia di Verbania aziende SAU SAU x azienda 10 COMUNI -43,5% -30,2% +23,4% Prov. Verbania-Cusio-Ossola -46,9% -15,8% +58,8% Regione Piemonte -60,4% -4,5% +53,2% Variazione 1990-2000 nel numero di aziende, della SAU e della SAU media per azienda.Mettendo a confronto i dati del censimento del 1990 con quelli del 2000, si noterà come lariduzione di un terzo della SAU nei dieci comuni sia superiore rispetto al dato provinciale eregionale.La diminuzione delle aziende sul suolo comunale ha le stesse dimensioni del fenomeno su scalaprovinciale, con una diminuzione del 43,5%. In tutti gli aggregati il risultato è una crescita delledimensioni delle aziende; questo accadimento si spiega con una riduzione del numero di aziendeben superiore alla riduzione della SAU totale, segno della riorganizzazione del settore.Pieve Vergonte è il comune maggiormente dedito all’agricoltura con 57 aziende e 619,11 ha diSAU comunale al 2000, pari al 24% delle aziende dei 10 comuni e al 27% della SAU. Agricoltura Industri e pesca a Costruzioni Commercio Terziario TOTALE ARIZZANO 5 4 33 24 22 88 BEURA-CARDEZZA 4 26 19 19 25 93 CANNERO RIVIERA 5 2 21 10 46 84 OGGEBBIO 4 1 17 9 29 60 23
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Agricoltura Industri e pesca a Costruzioni Commercio Terziario TOTALE ORNAVASSO 16 92 68 83 70 329 PALLANZENO 5 14 14 11 19 63 PIEDIMULERA 3 60 28 57 40 188 PIEVE VERGONTE 15 47 48 30 28 168 VILLADOSSOLA 7 74 109 146 143 479 VOGOGNA 5 38 28 38 44 153 TOTALE 10 COMUNI 69 358 385 427 466 1.705 Unità locali dei 10 comuni al 30/6/2010 Fonte: SMAIL, banca dati della CCIAA del Verbano Cusio OssolaOvviamente Villadossola è il comune col numero più elevato di unità locali, grazie alle suedimensioni, anche se a livello di unità locali del comparto industriale il comune-leaderdell’aggregato è Ornavasso, che è meno sviluppato nel settore terziario rispetto a Villadossola.Il commercio è diffuso a Villadossola, Ornavasso e Piedimulera, le costruzioni sembrano esserela specializzazione di Pieve Vergonte, Oggebbio e Pallanzeno sono i comuni con meno u.l. maentrambi sembrano essere votati verso una specializzazione nel terziario. Agricoltur a e pesca Industria Costruzioni Commercio Terziario TOTALE ARIZZANO 9 4 43 26 41 123 BEURA- CARDEZZA 4 49 26 44 124 247 CANNERO RIVIERA 14 2 21 20 204 261 OGGEBBIO 4 1 26 22 480 533 ORNAVASSO 18 416 164 176 127 901 PALLANZENO 5 233 25 17 29 309 PIEDIMULERA 3 561 118 132 80 894 PIEVE VERGONTE 15 308 100 41 54 518 VILLADOSSOLA 7 624 338 328 474 1.771 VOGOGNA 6 146 79 53 120 404 TOTALE 10 COMUNI 85 2.344 940 859 1.733 5.961 Addetti nelle unità locali al 30 giugno 2010 Fonte: SMAIL, banca dati della CCIAA del Verbano Cusio OssolaL’analisi economica dei 10 comuni utilizzando gli addetti come grandezza di riferimento ci dàqualche informazione aggiuntiva: Villadossola con 1.771 addetti è ben sotto la metà degliaddetti dell’area, segno che negli altri comuni ci sono unità locali con molti addetti.Sembra il caso del comune di Piedimulera, con ben 561 addetti nell’industria su 60 u.l. chedenotano la presenza di alcune industrie di medio-grande profilo, e vale anche per i 233 addetticoncentrati nelle industrie di Pallanzeno. 24
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOL’industria in senso stretto, con 2.344 addetti, è la forza trainante dell’area.Nel terziario spicca il numero di addetti presente ad Oggebbio, ben 480, grazie ad un numerorilevante di addetti nella sanità, come mostreranno anche i dati censuari. Piedimulera e PieveVergante hanno un numero di addetti nel comparto costruzioni rilevante, mentre gli addettinell’agricoltura nel complesso sono un numero piuttosto ridotto. addetti 1981 1991 2001 10 comuni 8.831 6.754 6.586 SLL Domodossola 20.940 19.485 18.816 Provincia VCO 57.869 52.057 54.669 Piemonte 1.639.987 1.579.519 1.646.477 Evoluzione degli addetti nei censimenti dellindustria 1981-1991-2001 Evoluzione degli addetti nei censimenti dellindustria 1981- 1991-2001 (1981=100) 105 100 95 90 85 80 75 70 65 60 1981 1991 2001 10 comuni SLL Domodossola Provincia VCO PiemonteLa serie degli addetti totali nei censimenti dal 1981 mostra un’area in difficoltà soprattutto neldecennio 1981-1991, nel quale gli addetti sono diminuiti del 23,5%, e tali difficoltà sonocircoscritte ai 10 comuni oggetto dell’analisi, se facciamo il confronto con i dati del SLL diDomodossola e con il dato provinciale.Nel decennio successivo c’è un lieve calo, che si verifica però anche ai livello di Sistema Localedel Lavoro di Domodossola, che per dimensioni rimane il Sistema Locale del Lavoro più rilevantedell’area. 25
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Serie storica delle unità locali totali nei censimenti 1981- 1991-2001. 1981=100 140 130 120 110 100 90 80 70 1981 1991 2001 10 comuni SLL Domodossola Provincia VCO Piemonte addetti 1981 1991 2001 10 comuni 1.692 1.619 1.782 SLL Domodossola 4.900 4.892 5.455 Provincia VCO 13.155 13.221 15.262 Piemonte 301.575 314.175 385.613 Evoluzione delle unità locali nei censimenti del 1981-1991-2001La serie delle unità locali mostra molta più omogeneità e somiglianza tra tutti e 4 gli aggregatirappresentati. Nel decennio 1981-1991 c’è una live diminuzione nei 10 comuni e nel SLL diDomodossola, poi nel decennio successivo segue una crescita che a livello regionale assumeconnotati differenti, dato che è maggiore.Il risultato finale è che nei 10 comuni oggetto d’esame le dimensioni medie d’impresa si sono piùche dimezzate, a fronte di un calo generalizzato di circa un addetto per impresa sui 20 anni. Unità locali dei 10 comuni al censimento 2001 att. Immobiliari att. Finanziarie altri servizi costruzioni agricoltura commercio istruzione ristoranti industria alberghi, trasporti TOTALE sanità PP AAunità localiARIZZANO 1 3 26 26 6 3 2 10 1 1 3 8 90BEURACARDEZZA 3 20 17 12 7 11 0 8 1 2 2 7 90CANNERORIVIERA 0 7 23 15 20 3 2 11 1 3 6 14 105 26
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO att. Immobiliari att. Finanziarie altri servizi costruzioni agricoltura commercio istruzione ristoranti industria alberghi, trasporti TOTALE sanità PP AAunità localiOGGEBBIO 1 1 21 12 8 1 1 11 1 4 4 4 69ORNAVASSO 3 85 48 80 13 10 7 43 1 1 5 25 321PALLANZENO 0 16 16 16 3 7 3 9 1 2 2 13 88PIEDIMULERA 1 43 27 45 9 7 1 26 1 3 12 12 187PIEVE VERGONTE 2 34 44 28 10 12 3 10 1 5 6 25 180VILLADOSSOLA 5 62 83 151 29 24 10 48 2 5 23 65 507VOGOGNA 2 32 30 31 10 5 1 15 1 3 5 16 151Totale 10COMUNI 18 303 335 416 115 83 30 191 11 29 68 189 1.788 Addetti dei 10 comuni al censimento 2001 att. Immobiliari att. Finanziarie altri servizi costruzioni agricoltura commercio istruzione ristoranti industria alberghi, trasporti TOTALE sanità PP AAunità localiARIZZANO 5 3 37 36 12 8 2 13 8 14 4 2 144BEURACARDEZZA 7 69 22 23 12 46 0 10 8 22 2 1 222CANNERORIVIERA 0 12 25 23 90 10 5 17 9 24 23 5 243OGGEBBIO 1 1 54 20 25 2 2 12 9 22 382 1 531ORNAVASSO 4 478 126 210 29 21 16 72 14 25 25 14 1.034PALLANZENO 0 261 33 30 7 32 4 15 6 13 1 11 413PIEDIMULERA 1 523 176 102 18 21 4 59 9 16 16 9 954PIEVE VERGONTE 6 497 170 36 18 27 7 11 14 33 6 7 832VILLADOSSOLA 15 625 330 334 60 58 33 76 42 88 54 48 1.763VOGOGNA 2 156 99 47 28 28 2 22 11 37 14 10 456Totale 10 2.62 1.07COMUNI 41 5 2 861 299 253 75 307 130 294 527 108 6.592 27
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOI dati censuari delle unità locali mostrano un aumento importante dell’industria dal 2001 al 2008(al 2008 le u.l. sono 358) e nelle costruzioni, mentre il commercio si mantiene sugli stessi livelli.Tale aumento ha coinvolto tutti e 10 i comuni senza distinzioni.Il dato degli addetti mostra una crescita nel settore industriale, (2.131 addetti nel 2001 contro2.344 sette anni dopo), e nel terziario in generale, purtroppo non avendo il dettaglio delterziario al 2008 non possiamo dire in quali settori quest’incremento sia avvenuto.Dai dati 2001 i settori principali del manifatturiero in questi comuni sono: fabbricazione elavorazione dei prodotti in metallo, con 686 addetti (la metà dei quali è addensata aPiedimulera), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo con 508 addetti (Pallanzeno,Pieve Vergonte e Villadossola in parti simili), fabbricazione di prodotti chimici, fibre sintetiche eartificiali con 403 addetti suddivisi tra Pieve Vergonte e Villadossola, poi con un centinaio diaddetti ciascuno troviamo lavorazione di minerali non metalliferi, fabbricazione di altri mezzi ditrasporto, fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici.Analisi dei consumi aggregatiFonte: Piano energetico - CAIRE. Si rendiconta la realtà di sei comuni quale quotarappresentativa dell’aggregato di interesse, (Vogogna, Beura-Cardezza, Pallanzeno, Piedimulera,Pieve Vergante e Villadossola).Il bilancio energetico descrive l’andamento dei consumi di energia e delle relative emissioni dianidride carbonica (CO2) del territorio dei sei comuni nell’arco di tempo compreso tra il 1996 e il2008, e costituisce la base conoscitiva necessaria per la successiva individuazione degli scenaridi consumo e di emissioni.L’andamento dei consumi è rappresentato a partire da due punti di vista: quello dei vettorienergetici utilizzati (prodotti petroliferi, gas metano, energia elettrica) e quello dei settori socio-economici di riferimento (industria, civile, trasporti, agricoltura).L’analisi energetica dei sei comuni si basa sui dati di consumo di energia elettrica, pubblicati daTerna, di gas naturale, in parte forniti da SNAM rete Gas e in parte pubblicati dal Ministero delloSviluppo economico, e delle vendite dei prodotti petroliferi, anche questi pubblicati dal MSE.L’energia elettrica importata viene qui considerata come un vettore primario, anche se èevidente che essa è stata prodotta a partire da un mix di fonti tradizionali e rinnovabili. Si tieneconto di questo aspetto nel successivo calcolo delle emissioni di CO2. Gli andamenti economici edemografici, e le condizioni meteorologiche sono le tre variabili che maggiormente influenzanola domanda di energia da parte dei diversi settori socio-economici. Il mix di vettori utilizzatiinvece risente in maniera relativamente ridotta dell’andamento delle variabili citate. Le unità dimisura dei diversi vettori energetici sono state convertite in Tep (tonnellate equivalenti dipetrolio) per avere un quadro omogeneo dei consumi, e per rendere quantitativamente chiarol’apporto di ogni fonte energetica. 28
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOI fattori di conversione sono illustrati in tabella seguente: Prodotto Equivalenza in tep Combustibili liquidi Gasolio 1 t = 1,08 tep Olio combustibile 1 t = 0,98 tep Gas di petrolio liquefatti (GPL) 1 t = 1,10 tep Benzine 1 t = 1,20 tep Combustibili solidi Carbon fossile 1 t = 0,74 tep Carbone di legna 1 t = 0,75 tep Antracite e prodotti antracinosi 1 t = 0,70 tep Legna da ardere 1 t = 0,45 tep Lignite 1 t = 0,25 tep Combustibili gassosi Gas naturale 1000 Nm3 = 0,82 tep Elettricità Energia elettrica 1 GWh = 84 tep Equivalente energetico di alcuni prodotti combustibili. (fonte:Circolare n°219/F del 2/3/92 del Ministero dell’industri, Commercio e Artigianato).Si riportano di seguito i dati dei consumi di energia calcolati in occasione del Piano Energeticopredisposto da CAIRE – Urbanistica nel 2010 relativi ai sei Comuni indicati.Nel 2008 il consumo totale di energia è stato di 23.000 Tep, di cui circa il 30% attribuibileall’utilizzo di energia elettrica. Il gas naturale rappresenta il 37%, le benzine il 15% e il gasolio il17%, mentre GPL e olio combustibile rappresentato quote poco significative, rispettivamente il0,06% e 0,04%.Nelle due tavole seguenti si illustrano invece i consumi complessivi dei sei comuni, divisirispettivamente per vettore e per settore, per il periodo 1996-2008. Ognuna delle due tavole èdivisa in tre settori: nel primo vengono riportati i consumi assoluti in Tep e in percentuale, nellaseconda viene fatta la stessa cosa per le emissioni e nella terza si mostrano invece l’andamentodella popolazione e le tonnellate di CO2 pro capite. 29
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Tav. 1: Analisi dei consumi disaggregati per vettore energeticoAd una prima analisi si può notare come, nonostante la popolazione sia diminuita di circa 300unità, i consumi siano in leggera crescita. I vettori energetici hanno però un comportamentodiverso nel tempo, l’energia elettrica è in diminuzione, così come le benzine, mentre il gasnaturale, il gasolio e il GPL sono in aumento. L’olio combustibile ha un andamento anomalopresentando ampie oscillazioni nel tempo. Nel grafico seguente, che rappresenta lascomposizione percentuale dei consumi, è possibile apprezzare meglio l’andamento dei vettori.L’aumento del gasolio, a scapito delle benzine, potrebbe essere imputabile all’abolizione delsuper bollo diesel, avvenuto nel 1998, ma già dal 1992 alcune vetture (Euro 1) ne eranoesentate. Invece l’aumento del peso del gas naturale è imputabile alla diminuzione dei consumidi energia elettrica.La tavola che rappresenta l’evoluzione dei consumi disaggregata per settore, mostra consumisignificativi nel civile, industria, trasporti e terziario, mentre l’agricoltura avendo valori di dueordini di grandezza inferiori, ha un peso quasi nullo. Mentre civile, terziario e trasporti solo inleggera crescita, l’unico settore in controtendenza è l’industria, che denota una sensibilediminuzione dei consumi. 30
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Tav. 2: Analisi dei consumi disaggregati per settore socio-economicoAd una analisi più approfondita emerge che i consumi nel settore industriale si sono ridotti diquasi 30% in 12 anni, nel 1996 era il più energivoro, mentre dal 2004 è passato al secondoposto, a favore del civile (+ 15%). Si registrano aumenti significativi anche nel terziario (+ 6%)e nei trasporti (+ 4%).La figura seguente mostra invece l’andamento dei consumi pro-capite, espresso in Tep/abitante,per ognuno dei sei comuni e la media degli stessi. Per calcolare questo valore sono staticonsiderati i consumi complessivi di tutti i settori, in modo tale da creare un indicatorerappresentativo per tutto il comune.Si vede chiaramente come ci sia un comune su tutti, Piedimulera, con un rapporto Tep/abitantesensibilmente più elevato della media. Nel capitolo dedicato ai consumi suddivisi per comune siillustrerà meglio il dettaglio per questo comune, evidenziando l’elevato consumo nel settoreindustriale, rispetto agli altri 5 comuni limitrofi.Per gli altri 5 comuni si possono invece individuare principalmente due situazioni: PieveVergonte e Villadossola hanno valori attorno alla media; Beura, Pallanzeno e Vogogna hannoinvece valori sempre al di sotto. 31
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO 3,00 3,00 Beura Cardezza Pallanzeno Piedimulera 2,50 Pieve Vergonte Villadossola Vogogna 2,50 media 6 comuni 2,00 2,00 Tep/abitante 1,50 1,50 1,00 1,00 0,50 0,50 0,00 0,00 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 Figura 25: consumi pro capite in Tep/abitante per ognuno dei 6 comuni.Analisi specifica dei consumi e delle emissioni dei comuni aderenti al progettoIn fase di preparazione del presente progetto, è stato somministrato ai comuni che hannoaderito un semplice questionario di rilevazione dei consumi/attività effettuate al fine dicomprendere, la sensibilità dei comuni alle tematiche di sostenibilità ambientale ed energetica.Di seguito si riportano le domande contenute nel questionario: 32
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Questionario preliminare per la predisposizione del Bando FONDAZIONE CARIPLO “Promuovere la sostenibilità energetica nei Comuni piccoli e medi” COMUNE di …………………………………………………………………………………… 1. Qual è stata la spesa di energia elettrica sostenuta nel 2010 relativa agli edifici comunali e all’illuminazione pubblica? 2. Qual è stata la spesa di gas per riscaldamento sostenuta nel 2010? 3. Qual è stata la spesa di gasolio per riscaldamento sostenuta nel 2010? 4. Qual è stata la spesa di carburante per autotrazione (benzina, gasolio) sostenuta nel 2010? 5. Qual è la percentuale di raccolta differenziata raggiunta dal comune al 31/12/2010? 6. Quanti sono gli edifici pubblici di proprietà comunale al 31/12/2010? 7. Su quanti pubblici sono stati effettuati audit energetici? 8. Quanti automezzi ha in dotazione il comune (al 31/12/2010)? 9. Quali ulteriori impianti (es. campi di calcio, piscine, ecc.) sono gestite dal Comune? 10. Esistono impianti di produzione di Energia da Fonti rinnovabili di proprietà del comune? Se si, indicare quali. 11. Nel corso degli ultimi cinque anni sono state intraprese iniziative, per il risparmio energetico e/o per la sostenibilità ambientale? Se si, indicare quali. 12. Il Comune ha intenzione di intraprendere, per i prossimi anni iniziative finalizzate al risparmio energetico e/o alla sostenibilità ambientale? Se si, indicare quali. 13. Il Comune è dotato di un regolamento edilizio che promuova il risparmio energetico e la diffusione di fonti energetiche rinnovabili? 14. Il Comune ha previsto per le nuove costruzioni l’obbligo di fonti rinnovabili per soddisfare parte del fabbisogno energetico? 15. Sono in vigore incentivi di tipo fiscale proposti dall’amministrazione comunale per le fonti rinnovabili o per la bioarchitettura? 16. Il Comune è dotato di un catasto per il monitoraggio sulla diffusione delle fonti rinnovabili? 17. Ci sono dipendenti comunali che hanno sostenuto corsi e/o seminari inerenti queste tematiche? Se si, quanti? 18. Quali sono gli interventi, politiche, azioni che potrebbero essere intraprese per rispettare il Patto dei Sindaci (entro il 2020: riduzione del 20% di CO2 ; incremento del 20% di energia da fonti rinnovabili; aumento del 20% dell’efficienza energetica)? 19. Quale potrebbe essere l’intervento, politica, azione più stimolante per la vostra amministrazione? 33
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOAl questionario hanno risposto 8 comuni su 10 interpellati, con una percentuale del 80% I datisono stati analizzati e tradotti, e per i punti 1, 2, 3 ,4 in consumi ed emissioni di CO2 . Per lerestanti risposte si è provveduto ad aggregare i risultati in tabelle.Inoltre, prendendo spunto dai dati dell’osservatorioprovinciale dei rifiuti relativi all’anno 2009, si èprovveduto a riportare il grafico dell’andamentodella raccolta differenziata sui rifiuti dal 2000 al2009 e di trasformare i dati in kg. di CO2risparmiata secondo la seguente tabella diconversione (fonte Rifiuti Oggi, semestrale diEcosportello Legambiente Anno 20, n° 1):Consumi energetici comunali anno 2010 pro capite gas Energia elettrica Carburante COMUNI abitanti mc/anno/ kw/anno/ab l/anno/ab ab ARIZZANO 2.042 21,937 15,898 1,554 BEURA-CARDEZZA 1.429 113,790 21,788 4,429 CANNERO RIVIERA 1.035 252,758 37,513 4,878 OGGEBBIO 880 115,139 31,747 3,242 ORNAVASSO 3.410 112,743 22,517 4,043 PALLANZENO 1.163 86,861 55,472 3,798 PIEDIMULERA 1.616 nd nd nd PIEVE VERGONTE 2.662 116,781 22,519 5,935 VILLADOSSOLA 6.926 nd nd nd VOGOGNA 1.748 91,259 nd 3,740 Elaborazione risposte questioario n° 1 – 2 – 3 – 41Le emissioni di CO2 stimate e riferite a questi dati parziali sono di circa 1.500 tonnellate anno.Dati generali per comune Impianti N° N° audit effettuati N° COMUNI sportivi gestiti edifici su edifici automezzi dal comune 5 1 5 Campo sportivo comunale; ARIZZANO Palestra scuole BEURA-CARDEZZA 5 0 3 nessuno CANNERO RIVIERA 7 7 7 nessuno OGGEBBIO 4 3 6 nessuno ORNAVASSO 8 1 10 N° 2 campi di 34
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Impianti N° N° audit effettuati N° COMUNI sportivi gestiti edifici su edifici automezzi dal comune calcio; N° 1 palestra PALLANZENO 4 0 5 N° 1 palestra PIEDIMULERA nd nd nd nd 20 2 4 N° 1 Campo da PIEVE VERGONTE calcio VILLADOSSOLA nd nd nd nd 6 0 4 N° 1 Campo da VOGOGNA calcio Elaborazione risposte questionario n° 6 – 7 – 8 – 9 .Impianti di produzione di Energia da fonti rinnovabili per comune COMUNE Descrizione impianto Arizzano Solare termico micronido (7,924 kWh/anno) Solare termico sede municipale (10,670 kWh/anno) Beura Cardezza impianto solare termico per produzione ACS scuola materna ed elementare Cannero Riviera centrale idroelettrica (in fase di ultimazione) Oggebbio Pannelli fotovoltaici scuola primaria 7,56 kW Ornavasso Nessuno Pallanzeno centrale idroelettrica "ARSA"; partecipazione del 7,70% in servizi ecologici srl Piedimulera Nd. Pieve Vergonte nessuno Villadossola Nd. Vogogna nessuno Elaborazione risposta questionario n° 10Iniziative per il risparmio energetico e/o per la sostenibilità ambientale intrapresenegli ultimi 5 anni COMUNE Descrizione iniziative Arizzano Audit energetico presso la sede comunale Realizzazione impianto solare termico presso la sede municipale (bando misura 1 “il sole negli enti pubblici) e micronido Realizzazione impianto solare termico scuola elementare. Beura Cardezza impianto solare termico per produzione ACS scuola materna ed elementare. Cannero Riviera Comune certificato ISO 14001 dal 2008 Bandiera blu per le spiagge dal 2005 Coibentazione tetto villa laura per aumento efficienza energetica. Realizzazione case popolari con impianto fotovoltaico. Installazione punti luce a vapori di sodio e led anziché a vapori di mercurio Realizzazione centro remiero con utilizzo materiali ad alta efficienza energetica. Oggebbio Impianto fotovoltaico presso struttura polivalente Ornavasso Audit energetico anno 2008 sede comunale “Il sole negli enti pubblici” bando misura 1 , promossa dal ministero dell’ambiente. Pallanzeno anno 2007: limitazione consumo energetico sede municipale (controsoffitto, serramenti, condizionatori).; 35
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO COMUNE Descrizione iniziative Anno 2009 - 2010 ristrutturazione rete illuminazione pubblica con sostituzione lampade esistenti con lampade a led Piedimulera Nd. Pieve Vergonte Cappotto presso struttura per anziani Villadossola Nd. Vogogna Nessuna Elaborazione risposta questionario n° 11 Nd : dato non disponibile.Iniziative future per il risparmio energetico e/o per la sostenibilità ambientale COMUNE Descrizione iniziative Arizzano Risparmio e contenimento energetico edifici comunali Beura Cardezza pannelli solari sede municipale ed edificio scuola materna ed elementare Cannero Riviera Installazione nel tetto scuola media di pannelli fotovoltaici Messa a regime centrale idroelettrica Oggebbio Valutazione soluzioni diverse per l’utilizzo dell’acqua Ornavasso Realizzazione di impianti termico/fotovoltaico Posa punti di illuminazione pubblica a led. Contenimento energetico degli immobili comunali Pallanzeno Centralina idroelettrica "canale centrale"; pali eolici; completamento illuminazione pubblica a led; eventuale fotovoltaico Piedimulera Nd. Pieve Vergonte Non specificate Villadossola Nd. Vogogna Riqualificazione energetica presso l’immobile delle ex scuole elementari. Realizzazione di impianto di produzione di energia a biomassa, con potenza < di 1 mg/W, con recupero del calore da sfruttare mediante piccola rete di teleriscaldamento per gli edifici pubblici Elaborazione risposta questionario n° 12 Nd : dato non disponibile.Iniziative rivolte alla sostenibilità energetica ed ambientaleAl momento nessun Comune: • ha predisposto un regolamento edilizio che promuova il risparmio energetico e la diffusione di fonti energetiche rinnovabili. • Ha previsto per le nuove costruzioni l’obbligo di fonti rinnovabili per soddisfare parte del fabbisogno energetico • Ha proposto incentivi di tipo fiscale per le fonti rinnovabili o per la bioarchitettura • E’ dotato di un catasto per il monitoraggio sulla diffusione delle fonti rinnovabili • Il solo comune di Vigogna ha provveduto a formare un proprio dipendente relativamente agli aspetti di risparmio energetico e di sostenibilità ambientale. Elaborazione risposta questionario n° 13 – 14 – 15 – 16 – 17.Interventi, politiche ed azione che potrebbero essere intraprese per rispettare il pattodei sindaci. COMUNE Descrizione interventi, politiche ed azioni Arizzano Non specificato Beura Cardezza Non specificato Cannero Riviera Interventi di coibentazione edifici pubblici Ottenere una % di raccolta differenziata uguale o superiore al 70% a partire dal 2011 36
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO COMUNE Descrizione interventi, politiche ed azioni Oggebbio Realizzazione di una centrale idroelettrica Ornavasso Non specificato Pallanzeno eolico Piedimulera Nd. Pieve Vergonte Realizzazione di una centrale idroelettrica Villadossola Nd. Vogogna Studio su tutti i fabbricati di proprietà comunale per efficientamento e produzione energia da fonti rinnovabili sul posto Elaborazione risposta questionario n° 18 - 19 Nd : dato non disponibile.Quota di raccolta differenziata e risparmio CO2 (Kg/anno). Totale CO2 CO2 risp COMUNE abitanti % RD risparmiata Pro capite Arizzano 2.042 70,20% 269.187 132 Beura Cardezza 1.429 61,20% 215.878 151 Cannero Riviera 1.035 71,40% 266.724 258 Oggebbio 880 42,00% 213.329 242 Ornavasso 3.410 66,80% 510.103 151 Pallanzeno 1.163 64,70% 166.938 140 Piedimulera 1.616 64,50% 253.950 157 Pieve Vergonte 2.662 73,90% 316.190 119 Villadossola 6.926 60,10% 1.301.527 188 Vogogna 1.748 70,90% 298.679 171 Elaborazione risposte questionario n° 5 Nd : dato non disponibile. 37
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO 3. GLI OBIETTIVI DEL PROGETTOIl progetto si propone di avviare un’azione di supporto agli Enti Locali nella definizione dipolitiche energetiche ed ambientali coerenti con gli indirizzi della Commissione Europea (20-20-20 al 2020) ed in linea con gli strumenti di pianificazione energetica ed ambientale definiti alivello regionale e provinciale.L’adesione alle politiche energetiche stabilite dalla UE rappresenta il meta obiettivo che guida ladefinizione delle politiche a livello locale. Una sfida che i piccoli comuni si apprestano adaffrontare e che rappresenta lo stimolo per un cambiamento, anche rilevante, delle politiche edelle azioni che vengono svolte dagli Enti Locali. Per favorire il “processo” è necessario un’azionecondivisa da tutte le Amministrazioni locali che trovano nel supporto dell’azione finanziata dalBando Cariplo il collante per un’azione integrata ed incisiva sul territorio.Gli obiettivi che i 10 Comuni del raggruppamento si prefiggono, in fase di redazione del PAES,sono sintetizzabili in: - Adesione formale dei Comuni al Patto dei Sindaci attraverso un atto interno dei singoli Comuni, eventualmente accompagnato da una serie di azioni di informazione e di sensibilizzazione nei confronti dei cittadini e degli stakeholder. - Analisi energetico-ambientale del territorio e delle attività esistenti su di esso, mediante la produzione del bilancio energetico e la predisposizione dell’inventario delle emissioni di gas serra(GHG). Sinteticamente le attività che saranno svolte possono essere riassunte in: a) quantificazione dei flussi di energia per i diversi vettori energetici, settori di impiego e usi finali; b) analisi della produzione locale di energia; c) ricostruzione della evoluzione delle emissioni di gas serra. - Valutazione del potenziale di riduzione dei consumi energetici finali nei diversi settori di attività contestualmente all’incremento della produzione locale di energia da fonti rinnovabili, attraverso l’individuazione di possibili scenari evolutivi del sistema energetico locale. - Definizione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) con il quale si definiscono le strategie di intervento per la riduzione delle emissioni GHG sulla base di uno scenario di riferimento (inventario delle emissioni). In particolare saranno: a) individuati gli obiettivi di medio termine di incremento della efficienza energetica e le linee strategiche di intervento atte a conseguirli; b) definite le azioni da intraprendere indicandone anche il grado di priorità; c) indicati gli strumenti più idonei per la realizzazione degli interventi individuati. - Predisposizione e implementazione di un sistema di monitoraggio degli obiettivi e delle azioni previste dal PAES. - Aggiornamento della Banca dati della Fondazione Cariplo con le informazioni prodotte per almeno due anni dal termine del progetto. 38
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO - Rafforzamento delle competenze in materia energetica all’interno del personale tecnico dei comuni. - Individuazione di processi di sensibilizzazione e informazione nei confronti della cittadinanza sui progetti energetici in corso. 4. LE STRATEGIE DI INTERVENTOLe analisi e le attività descritte in questo paragrafo seguono le linee guida preparate dal JointResearch Centre per conto della Commissione Europea, in coerenza con le richieste definiteall’interno del bando della Fondazione Cariplo. Le analisi saranno svolte attraverso un approcciomultiplo (top-down e bottom-up) in funzione del dettaglio dei dati disponibili.4.1 Adesione formale al Patto dei SindaciAderire al Patto dei Sindaci per i Comuni significa compiere diverse attività. In primo luogoognuno dei 10 Comuni si impegna a deliberare, entro 6 mesi dall’inizio del progetto, in ConsiglioComunale l’approvazione dello schema di convenzione predisposto dal Covenant of MayorsOffice (COMO), con questo atto i cittadini della Comunità locale danno mandato al propriosindaco di sottoscrivere la Convenzione definita Patto dei Sindaci, con la Direzione Energia dellaCommissione Europea (DG EN).Con questa firma il Sindaco si impegna, a nome di tutta la collettività, a superare gli obiettivi dirisparmio energetico posti dal Protocollo di Kyoto. L’ufficializzazione dell’adesione al patto deiSindaci prevede essenzialmente l’invio alla segreteria del COMO di un formulario di adesionecompilato e sottoscritto dal Sindaco. In seguito al ricevimento del formulario il COMO invierà alComune un sintetico manuale per la firma e dati per l’accesso al sito www.eumayors.eu.Gli incaricati del comune dovranno inserire tutti i dati richiesti nel format che diventerà ilmeccanismo ufficiale di comunicazione tra il Comune e il COMO attraverso l’area riservata(Signatories’ Corner) del sito web. In questa fase uno degli aspetti principali da comunicare alCOMO è il nominativo del Covenant coordinator, cioè di colui che sarà responsabile all’internodell’amministrazione locale dello sviluppo di quanto stabilito nel Patto e principale referente perle comunicazioni con il COMO.In aggiunta al Covenant coordinator il Comune dovrà individuare un addetto stampa che sidovrà interfacciare con il Covenant of Mayors Media Desk per la diffusione a livello locale delleiniziative europee oggetto del Covenant per sviluppare materiale promozionale (eventi,cerimonie, comunicazioni..) e contribuire alla formazione di linee guida per le migliori praticheda diffondere nelle comunità locali (Energy days..).L’adesione formale al Patto dei Sindaci prevede infine la partecipazione a una cerimonia Ufficialepresso la sede del Parlamento Europeo di Bruxelles per la sottoscrizione del patto tra Sindaco eDG EN. 39
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO4.2 Analisi del sistema energetico locale e definizione dell’inventario delle emissioniIl bilancio energetico e l’inventario delle emissioniLa caratterizzazione energetica ed ambientale dei Comuni rappresenta l’elemento fondamentalesu cui verranno attuate le politiche energetiche ed ambientali.Come illustrato nella prima parte, i Comuni aderenti al progetto hanno già affrontato laquestione della sostenibilità delle loro scelte per quanto riguarda l’impatto sull’ambiente.Essi quindi sono ben consapevoli dell’importanza di questo passaggio, che li porrà a direttoconfronto con le loro responsabilità nei confronti delle future generazioni.L’obiettivo dell’inventario è quello di arrivare ad una sistematizzazione delle informazionienergetiche ed ambientali a livello comunale, in modo da poter alimentare in manieracontinuativa la base dati ed il sistema di monitoraggio.Le difficoltà nella raccolta dei dati e delle informazioni relative alla situazione energetica edambientale rappresentano il vulnus del sistema degli Enti Pubblici che, molto spesso, nondispongono delle serie storiche dei consumi energetici e delle caratteristiche tecniche edimpiantistiche degli immobili e delle infrastrutture.L’assenza di queste informazioni di base comporta spesso che le decisioni più importantivengano assunte con criteri di approssimativo buon senso, più che con criteri scientifici.L’analisi del sistema energetico locale, nei termini della struttura della domanda e della offerta dienergia sul territorio dei 10 Comuni, rappresenta un importante strumento operativo per lapianificazione energetica che fornirà gli strumenti analitici e interpretativi della situazioneenergetica, darà indicazioni sulla sua evoluzione storica e permetterà di conoscerne laconfigurazione sia livello territoriale che settoriale.Essa permetterà di: - valutare l’efficienza energetica del sistema; - evidenziare le tendenze in atto e supportare le previsioni di breve e medio periodo; - individuare i punti deboli; - individuare le aree, prioritarie, di possibile miglioramento; - individuare i settori di intervento strategici.Il primo passo è la ricostruzione del bilancio energetico e della sua evoluzione temporale,procedendo secondo un approccio di tipo top-down, cioè utilizzando prevalentemente datiaggregati. Ciò permetterà di: - quantificare i flussi di energia, sia sul lato della domanda che dell’offerta, ricostruendone la loro evoluzione temporale, e articolandoli fra i diversi vettori energetici e i diversi settori di consumo. - Ricostruire l’evoluzione delle emissioni di gas serra (GHG).La ricostruzione storica dei bilanci energetici coprirà, compatibilmente con la disponibilità delleinformazioni, gli anni dal 1996 all’ultimo anno di disponibilità delle informazioni. 40
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa ricostruzione della evoluzione passata delle emissioni permette di valutare la variazione dellestesse a partire dal 1996, mentre il 2005 costituirà l’anno di riferimento per la costruzione dellabase-line(BEI).La scelta del 2005 come anno di riferimento del BEI è dettata dal fatto che si tratta dell’anno diintroduzione del mercato ETS e che sancisce le emissioni di competenza degli stati membri,rappresenta inoltre la data oltre la quale vanno inclusi nel PAES gli interventi di efficientamentoenergetico attuati sul proprio territorio.Per quel che riguarda le emissioni la valutazione terrà conto anche di ciò che succede fuori dalterritorio dei Comuni, ma da questi determinato, applicando un principio di responsabilità.L’inventario delle emissioni terrà conto anche di altri ambiti emissivi presenti, in particolarequelli collegati alla gestione rifiuti, valorizzando le azioni già fatte o programmate da alcunicomuni del raggruppamento.Sinteticamente le emissioni censite saranno quelle prodotte da: - consumi finali di energia; - produzione locale di energia; - generazione locale di riscaldamento e raffrescamento; - altre fonti di emissioni (ad es. impianti di trattamento rifiuti).Saranno prese in considerazione le emissioni dei 10 Comuni quali consumatori di energia: - edifici; - illuminazione pubblica; - parco veicoli e trasporto pubblico; - generazione di energia (centrali tradizionali, coogenerative a copertura del fabbisogno energetico dei Comuni); - altro (es. emungimento, trattamento e distribuzione dell’acqua).Lo schema dell’inventario dei consumi energetici e delle emissioni farà riferimento ai modellidell’Unione Europea come riportato nei layouts seguenti (potranno essere implementati configure e grafici di cui all’analisi aggregata dei comuni). 41
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Consumi energetici come usi finali (MWh) Emissioni di CO2 per settore e vettore in tonnellate/anno.La ricostruzione del bilancio energetico e della evoluzione delle emissioni sarà svolta utilizzandodati provenienti da diverse fonti. I dati raccolti, opportunamente rielaborati, saranno organizzatiin una banca dati e andranno a costituire il primo nucleo del “Sistema informativo energetico-ambientale” per i Comuni interessati dal progetto. I Comuni interessati dal progetto siimpegnano a collaborare per fornire i dati di loro competenza.Risulteranno molto utili i dati della Banca Dati IREA (Inventario Regionale delle Emissioni inatmosfera), messi a disposizione dalla Regione Piemonte. Saranno inoltre preziosi i dati raccoltinell’elaborazione del Piano Energetico Provinciale del VCO e quelli raccolti negli eventuali studi 42
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOenergetici locali (Piano Energetico dei comuni di Beura-Cardezza, Pallanzeno, Piedimulera, PieveVergante, Villadossola e Vigogna).Sul lato della offerta di energia si valuterà l’approvvigionamento dei diversi vettori sul mercatocioè: - energia elettrica, riferita al tutta l’energia consumata dagli utenti finali, qualunque sia la fonte (importata o prodotta localmente); - combustibili fossili, gas naturale, olio combustibile, gasolio, benzina e carbone utilizzati dall’utente finale per riscaldamento degli ambienti, produzione di ACS o per usi domestici; vengono tenuti in considerazione anche i combustibili utilizzati per autotrazione; - calore, energia termica fornita come prodotto agli utenti finali (es. teleriscaldamento o cogenerazione); - biomasse, acquistate o raccolte dall’utente finale come combustibile per riscaldamento, produzione di ACS o usi domestici; - riscaldamento da fonti rinnovabili (diverso dalla biomassa), prodotto dagli utenti finali all’interno del territorio comunale e autoconsumato.Sul lato della domanda di energia si valuteranno i consumi di energia per i settori di impiegofinale: usi civili (residenziale e terziario), industria, agricoltura e trasporti. Un particolareapprofondimento riguarderà i beni gestiti direttamente dalle Amministrazioni comunali, inparticolare l’edilizia e l’illuminazione pubblica.Le analisi settorialiL’individuazione degli elementi che consentono di proiettare l’analisi nel futuro non può essereadeguatamente compiuta solo dalla ricostruzione storica del bilancio energetico. A tal finesembra utile anche l’analisi delle componenti socio-economiche (utilizzatori delle fontienergetiche), sempre nella loro evoluzione temporale, e l’analisi delle componenti tecnologicheche sono il tramite dell’utilizzo dell’energia. Le analisi settoriali consentiranno di far emergere ilcontributo che ogni settore potrà fornire per raggiungere l’obiettivo di riduzione dell’impattoenergetico sull’ambiente. I settori oggetto di approfondimento saranno il residenziale, l’ediliziapubblica, l’illuminazione pubblica oltre ai settori del terziario, dei trasporti e quello produttivo.Nello svolgimento delle analisi potranno essere utili attività di consultazione degli stakeholders esopraluoghiPer il settore residenziale si prevede una analisi che, utilizzando i dati disponibili per sezionedi censimento ISTAT, permette di ricostruire le caratteristiche del parco edilizio partendodall’epoca di costruzione degli edifici. Utilizzando parametri medi di dispersione termica applicatialle superfici disperdenti dell’involucro edilizio sarà possibile tematizzare il territorio comunaleper sub-ambiti (sezioni di censimento) individuando le aree con presenza di edifici chepresentano maggiore dispersione termica. Questo modello permette di stimare alcuni parametriche caratterizzano l’edificato: articolazione delle superfici disperdenti per tipologia di superficie,per epoca di costruzione e per caratteristiche termofisiche (vedi es. immagini successive).Risulterà più facile valutare il contributo che possibili interventi di implementazione di sistemi dicoibentazione possono dare in termini di risparmio energetico. 43
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO PERCENTUALE EDIFICI INDICE MEDIO DELLE SUPERFICI COSTRUITI PRIMA DEL 1945 DISPERDENTI (WATT X MQ X grado) Con un modello analogo è possibile ottenere una stima del fabbisogno energetico degli edifici per sezione di censimento (vedi es. immagine successiva). FABBISOGNO ENERGETICO DEL PATRIMONIO EDILIZIO. VALORE MEDIO PER SEZIONE DI CENSIMENTO 44
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOPer quel che riguarda gli edifici gestiti direttamente dalle Amministrazioni comunaliverranno riprese le eventuali analisi già effettuate (auditing energetico) e integrate con i datidelle bollettazioni in modo da poter valutare il peso del patrimonio edilizio pubblico sul bilancioemissivo complessivo. Analogamente saranno attivate procedure di indagine perl’illuminazione pubblica e la flotta veicolare e trasporto pubblico di proprietà del Comune.In questa fase, Per ciò che riguarda il patrimonio immobiliare pubblico sarà predisposta una listacompleta di tutti gli edifici pubblici (municipio, scuole, palestre, biblioteche, ecc.), specificandoneinnanzitutto l’anagrafica (il nome, l’indirizzo, la destinazione d’uso …). Di ogni edificio sarà poiindicato, se possibile, l’anno (epoca) di costruzione, la superficie utile e/o volume di massimadella struttura. Per ciascun edificio sarà riportata la quantificazione dei consumi energetici,suddivisa per i vari vettori energetici consumati dagli edifici (energia elettrica, metano, GPL,gasolio, ecc.). Nel caso non sia possibile risalire ai consumi, questi saranno dedotti dalle bollettedi fornitura dell’energia. Sempre per gli edifici pubblici saranno raccolti i dati ed i documentirelativi ad audit energetici eseguiti sugli edifici stessi e iniziative recenti di ristrutturazione o dimiglioramento dell’efficienza energetica.Analogamente per quel che riguarda le altre utenze pubbliche (illuminazione pubblica, lampadevotive cimiteriali, pompaggio acquedotto, ecc.) saranno raccolti i dati di consumo unitamentealle caratteristiche dell’impianto installato e ad eventuali interventi recenti di miglioramentodell’efficienza energetica.Saranno raccolti e organizzati in tabelle i dati relativi alla flotta veicolare dei comuni. Per ogniveicolo, per gli anni dal 2005 ad oggi, oltre a modello, cilindrata, carburante, anno diimmatricolazione e Direttiva Euro, saranno raccolti i Km percorsi ed il consumo di carburante.In accordo con le Amministrazioni comunali si potrà valutare la possibile evoluzione delleemissioni riconducibili a nuovi insediamenti previsti dai piani urbanistici comunali in particolareper le attività commerciali ed il terziario.Per il settore dei trasporti, oltre alla stima del parco veicoli e della sua possibile dinamica, conla collaborazione delle Amministrazioni comunali saranno individuati i poli generatori di traffico evalutate le criticità presenti che determinano flussi veicolari impropri.Per i settori produttivi agricoli e industriali saranno raccolte informazioni presso leassociazioni e dagli stakekolders anche con l’ausilio di questionari per valutare utilizzo di fontienergetiche dal punto quali-quantitativo e valutare l’interesse rispetto alle tematiche dellaefficienza energetica. In particolare queste valutazioni saranno utili nel settore agro-forestaledove le Amministrazioni Comunali e le associazioni di categoria possono congiuntamenteindividuare progetti ed azioni utili agli obiettivi del progetto.Nel settore residenziale particolare rilievo hanno i consumi elettrici dell’edificato. Utilizzandoun modello di calcolo che simula la presenza, più o meno standardizzata, di elettrodomestici,macchine varie e sistemi di illuminamento a maggiore o minore efficienza, si potrà valutare unapossibile evoluzione dei consumi elettrici. Si potranno definire quindi linee di azione finalizzatealla spinta verso lo svecchiamento del parco elettrodomestici e delle tecnologie a bassaefficienza energetica anche valutando il contributo che queste possono dare per ilraggiungimento degli obiettivi del progetto. 45
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOAnalisi di specifici strumentiTra gli strumenti che le Amministrazioni comunali dispongono particolare rilievo riveste ilRegolamento Edilizio. Non tutte le Amministrazioni hanno adeguato questo strumento conelementi che normano/incentivano la razionalizzazione energetica del territorio. L’analisi diquesti strumenti permetterà di valutare l’adeguatezza dello strumento normativo rispetto agliobiettivi di riduzione delle emissioni e produrre le utili integrazioni, anche attraverso strumenticome l’Allegato Energetico, per migliorare il contributo dello strumento stesso per raggiungeregli obiettivi del progetto. Una valutazione ulteriore potrà essere fatta sui risvolti energetici legatialla applicazioni di leggi nazionali come ad esempio il “nascente” Piano casa.Una ulteriore valutazione potrà riguardare l’analisi sullo stato di applicazione degli strumentisovra-ordinati, soprattutto per Piano Energetico Provinciale in fase di revisione.I fattori di emissionePer quanto riguarda i gas climalteranti da prendere in considerazione, usualmente si tratta diCO2, CH4 e N2O che rappresentano la maggior fonte di inquinanti. La contabilizzazione ègeneralmente tenuta in base alla sola CO2, convertendo gli altri tipi di gas con opportuni fattoridi equivalenza in base al loro potere climalterante. - 1 unità di CH4 = 21 CO2 eq - 1 unità di N2O = 310 CO2 eqOltre ai fattori di equivalenza tra gas climalteranti, ci sono i fattori di emissione, utilizzati perconvertire gli usi energetici in emissioni di CO2. La Commissione Europea raccomanda diutilizzare i fattori di emissione delle “Linee guida IPCC 2006”. Fattori di emissione (IPCC 2006) di alcuni dei principali combustibiliPer quanto riguarda il fattore di emissione dell’energia elettrica si utilizza il fattore 0.4 tonnellatedi CO2/MWh (valore medio al 2005). La quantità di energia elettrica rinnovabile prodotta neiterritori dei Comuni (impianti non ETS e con potenza termica inferiore ai 20 MW) o acquistata 46
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOdai Comuni permetterà di ridurre il fattore di emissione dell’energia elettrica prima indicatodefinendo un fattore di emissione “locale”. In pratica il fattore di emissione 0.4 tonnellate diCO2/MWh verrà moltiplicato per il rapporto tra i consumi elettrici dei Comuni al nettodell’energia elettrica rinnovabile prodotta e acquistata localmente ed i consumi elettrici totali deiComuni. I dati di produzione locale di energia elettrica così come i dati di produzione locale dienergia termica saranno raccolti nella tabella che segue; Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e di energia termica in presenza di reti di teleriscaldamento.Occorre inoltre considerare che i gas prodotti dalla combustione di biomassa e dibiocarburanti non saranno conteggiati in quanto fanno parte del ciclo naturale del carbonio;occorre però assicurarsi che la biomassa utilizzata sia conforme ai criteri di sostenibilità stabilitidalla Direttiva 2009/28/CE;4.3 La Redazione del PAESIl PAES (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile) è il documento con il quale si definiscono lestrategie di intervento per la riduzione delle emissioni GHG sulla base di uno scenario diriferimento. Le strategie si concretizzano in azioni di settore ed interventi specifici che devonoessere definite con il coinvolgimento di diversi attori (comunità locali, stakeholders, ecc.)Per ogni intervento saranno definite delle schede specifiche in cui viene valutata la laquantificazione degli effetti ambientali in termini di riduzione di CO2, la fattibilità tecnico-economica e che si verifichi la possibilità di usufruire di finanziamenti specifici.Il PAES, essendo uno strumento trasversale rispetto ai piani di settore (PRG, Pianodell’illuminazione, Piano della mobilità e trasporti, ecc.) funge da strumento di coordinamento edintegrazione intersettoriale al fine di orientare le politiche specifiche di ogni settore delle attivitàpianificatorie. E’ quindi necessario che il PAES eserciti una forte influenza sui piani di settore pergarantire l’attuazione delle misure previste dal piano.Come richiesto dal Patto dei Sindaci, sarà necessario che i comuni adeguino le loro struttureamministrative e definiscano i ruoli del personale comunale per le fasi di redazione eimplementazione del PAES. Si tratta di un atto indispensabile per affrontare un progettoarticolato nel tempo e per evitare incertezze nella fase di svolgimento del progetto. 47
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOStrategia generale e visione di lungo termineIl Patto dei Sindaci individua l’obiettivo di ridurre le emissioni di GHG di almeno il 20% entro il2020. Questo può essere considerato come l’obiettivo globale del PAES e può essere scompostoin obiettivi strategici che si attuano con misure e progetti, tutti definiti all’interno del PAES. Perindividuare le strategie di intervento occorre valutare le modalità in cui il sistema energeticoevolverà nel tempo. Con anche un orizzonte temporale intermedio (2015) si valuteranno duescenari: - scenario tendenziale, che presuppone che non vengano messe in atto particolari azioni con la specifica finalità di cambiare le dinamiche energetiche; - scenari virtuosi, che presuppongono interventi specifici per la riduzione di emissioni GHG compatibili con la loro fattibilità tecnica.Per la costruzione dello scenario tendenziale (BaU) saranno considerate le condizioni che neiprossimi anni possono tendenzialmente determinare cambiamenti sia sul lato della domanda chesul lato dell’offerta di energia. La valutazione si avvarrà delle analisi settoriali descritte inprecedenza. Oltre alla variazione del livello tecnologico si terrà conto dei diversi fattori socio-economico e territoriali che incidono sulla domanda di energia. In particolare occorrerà definirela possibile evoluzione della struttura urbana dell’area di studio per i prossimi anni. Si prevede divalutare l’evoluzione della popolazione anche nella sua struttura demografica, l’offerta abitativain termini di nuova volumetria, le attività terziarie e produttive in termini di volumetria,destinazione d’uso, processi produttivi, ecc.. Saranno tenute in considerazione le dinamiche cheriguardano i miglioramenti degli involucri edilizi nel caso di ristrutturazioni, le dinamiche indottedalle variazioni delle caratteristiche prestazionali degli elettrodomestici e dei mezzi di trasportosoggetti a ricambi naturali o alla evoluzione dei modelli posti sul mercato. Le dinamicheevolutive individuate saranno successivamente tradotte quantitativamente in termini di nuoviconsumi e relative emissioni.Partendo dallo scenario tendenziale sarà possibile sviluppare una ricognizione delle risorsedisponibili a livello locale, sia sul lato dell’offerta di fonti energetiche direttamente impiegabili,sia sul lato dei margini di recupero e risparmio nei diversi settori di attività, al fine di individuarescenari virtuosi di efficientizzazione del sistema raggiungibile mediante l’applicazione dispecifiche iniziative nei vari settori. Tutti gli scenari dovranno essere compatibili con la fattibilitàtecnica degli interventi.Sul lato dell’offerta di energia si darà priorità alla diffusione e allo sviluppo delle fonti rinnovabilie alla possibilità dello sfruttamento della produzione contemporanea di energia termica edelettrica. Il territorio dei Comuni interessati dal progetto presenta diversi fattori condizionanti losviluppo delle fonti energetiche rinnovabili. Sarà pertanto sviluppata prioritariamente una analisiterritoriale finalizzata a valutare nell’area in esame il potenziale teorico disponibile e la suaripartizione territoriale. Successivamente si valuteranno i possibili vincoli (paesaggistici,ambientali, normativi, tecnologici, ecc.) che possono limitarne lo sfruttamento, in modo davalutare la sfruttabilità effettiva di tali risorse. Verranno infine individuati gli ambiti chemaggiormente si prestano allo sfruttamento delle diverse fonti in esame e di conseguenza, inbase anche alla tipologia della potenziale utenza, le più opportune modalità di sfruttamento.Tutte queste condizioni impongono che il Piano sia orientato quindi alla definizione di criteri edindirizzi in grado di valutare attentamente il bilancio costi/benefici dello sfruttamento delle fontirinnovabili sul territorio. In particolare si individueranno gli interventi di sfruttamento delle 48
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOrisorse rinnovabili che tengano conto delle necessità di tutela del patrimonio locale ed i criteri,per quanto riguarda la costruzione di nuovi impianti, che tengano conto in forma integratal’impatto territoriale ed ambientale.Alla fine verranno ricostruite le ipotesi di evoluzione delle emissioni di gas GHG.Per tutti gli scenari si utilizzeranno fogli di calcolo dedicati che consentono grande flessibilità digestione e di adattamento alle diverse ipotesi. Tali fogli faranno parte del sistema dimonitoraggio.Una volta definiti i possibili scenari, sarà sviluppata una analisi finalizzata a definire i possibiliobiettivi di efficientizzazione del sistema energetico locale e delle linee strategiche di interventoatte a conseguirli e che andranno a costituire la base delle scelte strategiche di pianificazione eprogrammazione energetica alla scala locale. Saranno definiti degli obiettivi oltre che perl’orizzonte temporale del 2020 anche per una data intermedia 2015. Gli obiettivi, tradotti intermini di emissioni dei gas GHG, saranno confrontati sia con i dati storici che con lo scenariotendenziale.La tematica energetica sarà affrontata da diversi punti di vista con un approccio integrato. Sicercherà di basare la progettazione delle attività sul lato dell’offerta di energia in funzione delladomanda di energia, presente e futura, dopo aver dato a quest’ultima una forma di razionalitàche ne riduca la dimensione.Le diverse Amministrazioni non possono prescindere dal coinvolgimento dei diversi soggetti chea vario titolo e a diversi livelli risultano coinvolti o coinvolgibili nella gestione dell’energia sulterritorio. Ciò si rende utile sia per informare che per ricevere indicazioni utili circa il modo piùopportuno ed efficace di procedere a livello locale. Sarà quindi realizzata una attività diconsultazione che consenta la costruzione partecipata delle linee d’azione. Tale attivitàsarà rivolta essenzialmente ai decisori politici e a diverse categorie di stakeholders, senzatrascurare momenti di confronto anche con i cosiddetti beneficiari diffusi, i quali potrannoavvalersi, sin dall’inizio del Piano, di un sito WEB sia per essere informati sui contenuti del Pianoche per proporsi attivamente alla definizione delle azioni.I principali soggetti che potranno essere coinvolti sono: - autorità competenti (enti pubblici che svolgono attività che concorrono alla realizzazione di intervanti previsti dal presente progetto); - dipendenti comunali, in quanto soggetti che possono attivamente contribuire al successo delle azioni; - organizzazioni professionali (organismi che raggruppano soggetti che sono coinvolti in attività inerenti il progetto); - parti economiche (attori della realtà economica e sociale presenti sul territorio); - organizzazioni no profit; - opinione pubblica.La frequenza degli incontri avverrà in concomitanza con momenti chiave dell’avanzamento delprogetto. Saranno predisposti questionari ad hoc per animare e coinvolgere maggiormente i varisoggetti. Le Amministrazioni che sono coinvolte in prima persona nella definizione delle lineed’azione, hanno l’obbligo, impegno formale del Patto dei Sindaci, di ricercare una idoneastruttura organizzativa tale da poter gestire opportunamente le diverse fasi del PAES. Al terminedi queste attività risulterà definito lo scenario di Piano. 49
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOStrumenti di attuazionePer realizzare le azioni individuate e per garantirne la loro diffusione sul territorio occorreràindividuare opportuni strumenti che consentano il coinvolgimento dei soggetti pubblici e privatiinteressati alle azioni stesse. I Comuni sono impegnati nel progetto con un ruolo centrale chepossono giocare secondo tre direttrici principali che il Piano vuole mettere in evidenza: a) proprietario e/o gestore di un proprio patrimonio (edifici, illuminazione, veicoli)Gli interventi sul proprio patrimonio risultano particolarmente efficaci sia per il contributo chepossono dare nella riduzione delle emissioni che sul versante della sensibilizzazione epromozione di azioni analoghe sul territorio. Tale direttrice opportunamente programmata eimplementata consente di raggiungere diversi obiettivi, tra i quali: - migliorare la qualità energetica del proprio patrimonio significa ottenere risparmi anche sul versante economico che possono essere opportunamente reinvestiti in altre azioni ed iniziative a favore del territorio; - incrementare l’attrattività del territorio, valorizzadone l’immagine; - favorire la diffusione degli interventi anche in altri settori socio-economici e tra gli utenti privati:Si riprenderanno i dati e le analisi descritte precedentemente, valutando le effettive possibilità diefficientamento degli edifici pubblici considerando costi, benefici e possibilità di apportofinanziario. Saranno valutati gli aspetti collegati al contracting, sia in relazione alla possibilità diinstallazione di nuovi impianti a fonte rinnovabile, sia in relazione alla gestione impiantistica ededilizia. Lo stesso tipo di considerazioni sono valide anche per il Piano dell’illuminazione pubblicae per l’ammodernamento e gestione del parco veicoli. b) pianificatore, programmatore, regolatore del territorio e delle attività che insistono su di essoCome già detto in precedenza il PAES è uno strumento trasversale rispetto ai piani di settorepresenti nella gestione territoriale ordinaria. In particolare il PAES può interagire proficuamentecon il Piano Regolatore Generale e con il Regolamento Edilizio che dovranno tenere conto delleazioni e delle strategie individuate dal PAES. Nel caso del Regolamento Edilizio, strumento chevincola ed orienta le attività rivolte al comparto edilizio, per i Comuni che non lo hanno giàpredisposto, sarà avviato il processo di realizzazione di un Allegato Energetico al regolamentoedilizio incentrato sul tema della efficienza energetica e sostenibilità ambientale degli edifici.Questo allegato, definito di concerto con l’amministrazione comunale, andrà ad attuare tramiteregole cogenti un processo di miglioramento dell’efficienza e della sostenibilità dell’edificatotramite ad esempio soluzioni di: - isolamento dell’involucro; - riqualificazione degli impianti; - utilizzo di materiali sostenibili; - sfruttamento delle peculiarità del sito per ridurre i fabbisogni termici e di raffrescamento; 50
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO - utilizzo rilevante di fonti rinnovabili; - verifiche e controllo relativi alla certificazione energetica; - realizzazione di impianti di cogenerazione.L’Allegato Energetico al Regolamento Edilizio dovrà essere redatto ed approvato dalleAmministrazioni Comunali subito alla data di avvio del progetto, quale importante strumento diorientamento dei cittadini verso l’adozione di pratiche di risparmio energetico. Analogheconsiderazioni si possono fare con il Piano Mobilità e Trasporti o con eventuali Piani di Parco.Risulta quindi indispensabile una lettura di tali documenti alla luce degli obiettivi del PAES,finalizzata ad una razionalizzazione, sistematizzazione, adeguamento o integrazione dellediverse componenti aventi ricadute su sistema energetico locale. c) promotore, coordinatore e partner di iniziative su larga scalaConsiderato che molte azioni possono essere problematiche nella gestione da parte della solapubblica amministrazione attraverso gli strumenti di cui dispone, si ritiene utile esplorarepercorsi di azione partecipata coinvolgendo soggetti esterni alla amministrazione che possonogarantire maggiore possibilità di successo. Il comune può proporsi come referente per lapromozione di tavoli di lavoro, accordi quadro o di programma con i soggetti pubblici o privatiche, direttamente o indirettamente e a vari livelli, partecipano alla gestione dell’energia sulterritorio. Saranno indagate, inoltre, le possibili fonti di finanziamento riconducibili ai fondicomunitari, nazionali o regionali. Al fine di valorizzare le risorse e le professionalità tecnichelocali si valuteranno le modalità di attivazione di opportuni accordi operativi tra soggetti pubblicie privati. Tramite questi accordi si possono attivare meccanismi finanziari e di incentivazioneinnovativi ed efficaci nonché forme di proprietà e/o gestione degli impianti che prevedano ilcoinvolgimento diretto degli utenti finali. Ad esempio: - creazione di gruppi di acquisto di impianti solari termici e fotovoltaici “chiavi in mano” per la riduzione dei costi; - creazione di gruppi di acquisto per Audit energetici sull’edificato privato. Il Comune potrebbe costruire convenzioni con soggetti auditor energetici al fine di definire un costo agevolato di audit dell’edificio; - accordi con istituti di credito per l’apertura di canali di prestiti agevolati agli utenti finali per la realizzazione degli interventi; - creazione di meccanismi di azionariato diffuso per il finanziamento di impianti fotovoltaici di potenza che possono accogliere le quote solari di edifici o strutture storiche e a vincolo che non adatti alla integrazione di sistemi fotovoltaici; - collaborazioni con investitori privati, società energetico ed ESCO che possono trovare in questi progetti un elevato interesse ai fini della maturazione di titoli di efficienza energetica. 51
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOSelezione delle azioni e priorità di interventoUna volta definite le linee strategiche d’azione, gli obiettivi e gli strumenti di attuazione, sarannoidentificate le azioni prioritarie che i Comuni intendono perseguire nel breve periodo per dareconcretezza al processo di pianificazione. Saranno predisposte delle schede che descriverannoogni iniziativa, già avviata o di nuovo avvio, e che costituiranno l’operatività dell’intero processopianificatorio. Per gli interventi ritenuti prioritari dalle amministrazioni sarà redatta anche unarelazione di fattibilità tecnica economica. Le attività correlate alla redazione del progetto difattibilità tecnica – economica saranno: - sopralluogo sul posto per rilevare le caratteristiche principali degli impianti e delle condizioni ambientali; redazione del rapporto Audit dove saranno raccolti i dati, le specifiche tecniche e le specifiche delle condizioni fisiche ambientali necessari per trovare la soluzione tecnologica più efficiente; - analisi di tutti gli interventi possibili comprensiva della loro efficacia; relazione tecnica di fattibilità dell’intervento ritenuto più efficace; - stima economica del costo dell’intervento accompagnata dall’analisi dei benefici attesi; - analisi e scelta degli strumenti economici utilizzabili per finanziare l’intervento.Dall’esperienza derivante dall’analisi degli orientamenti comunitari e nazionali in applicazioneall’Azione Clima Europea 20-20-20, che spingeranno verso una razionalizzazione dell’usodell’energia per il riscaldamento degli edifici, i principali macrosettori di intervento su cui ilComune dovrà porre la propria attenzione sono: - razionalizzazione efficienza energetica degli edifici scolastici di proprietà o in gestione del Comune con interventi sugli involucri e sugli impianti; - razionalizzazione efficienza energetica degli altri edifici di proprietà o in gestione del Comune con interventi sugli involucri e sugli impianti; - realizzazione di piccole reti di teleriscaldamento in zone facilmente servibili, ad alto potenziale energetico; - sfruttamento delle fonti rinnovabili disponibili sul territorio quali idroelettrico, fotovoltaico, cogenerazione da biomasse, geotermia a bassa entalpia, solare termico; - promozione dell’efficienza energetica negli edifici di proprietà privata attraverso l’adeguamento del Regolamento Edilizio e strumenti regolatori dei Piani Attuativi.Potranno inoltre essere valutati scambi virtuosi tra l’area urbana e l’area agro forestale in temadi utilizzo di biomasse Le schede di azione riporteranno le caratteristiche fondamentali delleiniziative e saranno strutturate come la scheda tipo seguente (fonte: Guida pratica alla stesuradel PAES, Provincia di Bergamo). 52
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOTutte le azioni saranno raccolte in una tabella finale, di seguito riportata, raggruppate persettore di intervento in modo da fornire un quadro completo degli interventi sia sul versantedella riduzione dei consumi e riduzione delle emissioni che sul versante della stima dei costi dasostenere. 53
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO 54
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO4.4 Predisposizione di un sistema di monitoraggioSpesso i programmi e i piani politici, nei piccoli Comuni e non solo, si arenano e si trasformanoin azioni occasionali magari brillanti ma scoordinate, proprio per l’assenza di sistemi dimonitoraggio informatizzati delle decisioni assunte. Pezzi di carta che si perdono nel mare delledelibere e che non dialogano con altri pezzi di carta, rischiano di impoverire qualunque attivitàpolitica. Oggi esistono software e fogli di calcolo, che, se sapientemente utilizzati, consentono ditenere sotto controllo tutte le annotazioni, i costi, i bilanci economici singoli e complessi. Tra isoftware presenti sul mercato che possono essere utilizzati a supporto della attività dimonitoraggio, GRIP tool sembra essere lo strumento che ha la maggiore aderenza alle specifichee maggiore flessibilità di utilizzo. Lo strumento permette anche l’esportazione dei dati verso fogliin formato Excel utili, in fase successiva, alla produzione di indicatori di sintesi e allapredisposizione si output grafici da allegare ai report di implementazione. I tecnici sarannochiamati a presentare questi sistemi ai tecnici comunali e agli Amministratori, mostrando ivantaggi economici e politici che derivano dall’adozione di sistemi di controllo automatizzati. GliAmministratori dovranno curare che i fogli di calcolo vengano continuamente implementati daidiversi uffici comunali, ognuno per le sue competenze, accedendovi tramite la rete wirelessesistente o da promuovere.I sistemi di monitoraggio dovranno fare riferimento, passo passo, al PAES predisposto, ecostituiranno l’ossatura di riferimento per ottenere il report da inviare all’Unione Europea ognidue anni. In assenza di monitoraggio costante e continuo, i report, infatti, rischiano ditrasformarsi in riassunti incompleti di attività cadute nel dimenticatoio, con la conseguenza di farabbandonare ai Comuni l’intenzione di mantenere gli impegni anche formali assunti. Tutto losforzo che si è compiuto finisce con il naufragare per colpa di una mancanza di sistematicitàdelle pratiche.La predisposizione di un adeguato sistema per la programmazione degli interventi, l’attribuzionedi responsabilità possibilmente diversificata all’interno dell’organizzazione comunale ed ilmonitoraggio rappresentano i fattori cruciali per assicurare il mantenimento dell’attenzione altasugli obiettivi da raggiungere.Naturalmente il PAES, sia pure approvato formalmente, non può e non deve essere consideratodai Comuni uno strumento chiuso. Si pensa, perciò, di mutuare un sistema circolare DemingPLAN-DO-CHECK-ACT efficace per il raggiungimento degli obiettivi prefissati e per il continuomiglioramento degli stessi. Questo è il metodo riconosciuto a livello internazionale dalle normedi qualità come processo per il miglioramento continuo, sarà possibile rivalutare periodicamentele valutazioni originali al fine di affinare l’azione (PAES), correggendo gli errori ed intervenendocon ulteriori azioni che per perfezionano e migliorano nel tempo il PAES stesso. 55
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa sequenza logica dei quattro punti del ciclo Deming P-D-C-A ripetuti per un miglioramentocontinuo è la seguente: - P - Plan. Pianificazione. - D - Do. Esecuzione del programma, dapprima in contesti circoscritti. - C - Check. Test e controllo, studio e raccolta dei risultati e dei feedback. - A - Act. Azione per rendere definitivo e/o migliorare il processo.Si segnala che, al termine del progetto cofinanziato dalla Fondazione Cariplo, i Comuni aderentipotranno continuare ad usare come riferimenti territoriali per il monitoraggio sia il Tecnoparco,sia il Centro del sole di Legambiente, organismi di servizio attivi in modo permanente.Si anticipa che il “Centro del Sole” costruirà un apposito sito web , dove verranno archiviati tuttii documenti del progetto stesso (cioè il testo del bando, i documenti prodotti in sede dipresentazione e i documenti prodotti man mano in sede di sviluppo), i comunicati stampa, gliavvisi, il calendario degli incontri tecnici e con i portatori d’interesse, ecc.. Lo spazio web potràessere diviso tra spazio a disposizione di tutti i visitatori e spazio per i soli partner e tecnici. IComuni potranno creare un banner-link nei loro siti-web.Un’altra forma di monitoraggio verrà messa in atto per tutta la durata del progetto, e riguarda ilmonitoraggio delle azioni del progetto stesso. Per questo sistema di monitoraggio “interno” siprocederà utilizzando software compatibili agli strumenti utilizzati dall’amministrazione pubblica.Il metodo utilizza schede descrittive delle azioni predisposte in fogli di lavoro excel, per i Comuniutile per monitorare internamente le azioni programmate e per restituire i report necessari perscopi interni all’organizzazione.Si riporta di seguito un esempio: 56
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO COMUNE OBIETTIVI, TRAGUARDI E PROGRAMMI DI MIGLIORAMENTO ENERGETICO POLITICA ENERGETICA 1) MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE DELLE RISORSE ENERGETICHE Indicatori OBIETTIVO Conclusion Verifica stato ambientali di Azioni Respons. Risorse TRAGUARDO e prevista avanzamento riferimento Incontri di sensibilizzazi one con personale docente delle scuole OT interne 30/05/2012 comunali su una migliore gestione delle risorse energetiche Distribuzione di materiale Diminuzione dei Consumi di informativo consumi di energia energia elettrica su una elettrica allinterno per le strutture migliore delle strutture OT interne 30/05/2012 scolastiche gestione scolastiche delle risorse energetiche nelle scuole comunali Favorire e supportare le scuole nello sviluppo di OT interne 30/05/2012 progetti/inizi ative sul risparmio energetico Sostituzione vecchie lampadine con nuove a OT 1.500 e. 31/12/2012 basso consumo Diminuzione dei energetico Consumi di consumi di energia Valutare la energia elettrica elettrica allinterno possibilità di per le strutture delle strutture installare dei comunali comunali pannelli solari per la OT interne 30/07/2011 produzione di ACS presso la casa di riposo 57
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Fare richiesta di contributo regionale per OT interne 30/09/2011 linstallazion e dei pannelli solari Data Approvato dal Sindaco 10/05/20114.5 Aggiornamento della Banca dati della Fondazione CariploLa banca dati predisposta da Fondazione Cariplo sarà aggiornata con i dati relativi all’inventariodelle emissioni di CO2 e i dati ottenuti nella elaborazione del PAES e sarà mantenuta aggiornataper almeno due anni dal termine del progetto con i dati provenienti dal monitoraggio delle azionie del raggiungimento degli obiettivi.4.6 Programma di formazioneLa costruzione di una completa base-line e di un PAES scientificamente corretti non sonosufficienti per garantire che la Pubblica Amministrazione sia poi in grado di assolvere gli impegniassunti con il Patto dei Sindaci. Spesso, ad una consapevolezza generale sui temi dell’ambientee delle sue ricadute, non corrisponde una competenza tecnico-scientifica adeguata a tradurretale consapevolezza in azioni costose e impegnative in termini politici e di bilancio.Questo aspetto è sicuramente molto importante, per assicurare un cambiamento di mentalitàall’interno dell’Amministrazione Comunale, che deve essere interamente rivolta alraggiungimento degli obiettivi previsti dal Patto dei Sindaci.Si prevede di organizzare due azioni distinte di formazione rivolte l’una agli AmministratoriComunali (Sindaci e Assessori) e l’altra al personale tecnico ed amministrativo della strutturacomunale.Il primo modulo è rivolto alla formazione di alto livello dei decisori relativamente alle politicheenergetiche ed ambientali, alla comunicazione e alla sensibilizzazione.Per il personale tecnico ed amministrativo si tratta di una formazione che avviene “on going”durante l’esecuzione del progetto e di momenti specialistici dedicati su argomenti e temi specifici(liberalizzazione del mercato, contrattualistica, tecnologie innovative, ecc,).I contenuti della formazione saranno articolati su diverse tematiche: - riferimenti normativi e principi gestionali, in particolare la normativa europea sulla sostenibilità ambientale e l’efficienza energetica, le normative nazionali e regionali, gli elementi di gestione dei progetti complessi; - il Patto dei Sindaci e il PAES, dove saranno trattati gli aspetti organizzativi e tecnici e in particolare gli adempimenti e le opportunità, la struttura ed i contenuti del PAES, il mantenimento e l’implementazione del PAES; - la definizione delle misure e dei progetti di riduzione e contenimento delle emissioni, si valuteranno in particolare le tecnologie efficienti e le buone pratiche attualmente 58
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO disponibili, i criteri di valutazione e applicabilità dei progetti, i sitemi di finanziamento e di incentivazione, la definizione di capitolati e gare per l’assegnazione dei servizi di energia, la sostenibilità ambientale delle forniture comunali( il Green Public Procurement); - il monitoraggio ed il reporting, dove si curerà in particolare la raccolta dei dati significativi e l’elaborazione degli indicatori, l’individuazione delle criticità della attuazione dei singoli progetti, la definizione di piani migliorativi e correttivi, la redazione del Rapporto di implementazione biennale, l’utilizzo della Banca dati web-GIS di Fondazione Cariplo.Nel progetto è previsto che la formazione sia fornita dai tecnici, che svolgono le attività didefinizione dell’inventario delle emissioni e della base-line, e che si occupano della redazione delPAES. Il risultato atteso è avere, alla fini del progetto, un alto grado di autonomia del personaletecnico e amministrativo. Si tratterà poi di prevedere una forma di “educazione permanente” inprogress, a progetto esaurito, che potrà vedere come referenti il Tecnoparco e il Centro del sole.In fase di predisposizione del presente progetto si è provveduto ad iniziare il processo formativoai Sindaci e Assessori Comunali sui concetti e obiettivi fondamentali:  Obiettivi del progetto  Adesione formale dei Comuni piccoli e medi al Patto dei Sindaci  Predisposizione di un inventario delle emissioni di CO2 (baseline)  Redazione e adozione del Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES)  Predisposizione di un sistema di monitoraggio degli obiettivi e delle azioni previste dal PAES  Inserimento delle informazioni prodotte in un’apposita banca dati predisposta dalla Fondazione Cariplo  Sensibilizzazione della cittadinanza e dei portatori d’interesse sul processo in corso  Percorso di Formazione che accompagnerà il ProgettoSi rimanda all’allegato: Scheda Formazione4.7 Campagna di informazione e sensibilizzazione“Tutti i membri della società rivestono un ruolo fondamentale nella risoluzione delle questionienergetiche e climatiche in collaborazione con le loro autorità locali. Insieme, dovranno stabilireuna visione comune per il futuro, definire le linee guida per mettere in pratica tale visione einvestire nelle risorse umane e finanziarie necessarie.Il coinvolgimento degli stakeholder è il punto di inizio per ottenere il cambiamento delcomportamento che deve andare di pari passo con le azioni tecniche previste dal PAES. Questoaspetto è di fondamentale importanza per un’attuazione coordinata e concordata del PAES.Prima di elaborare progetti dettagliati, si dovrebbero conoscere le opinioni dei cittadini e deglistakeholder. Perciò, essi dovrebbero essere coinvolti e avere l’opportunità di partecipare alle fasipiù importanti dell’elaborazione del PAES: stabilire la visione, decidere obiettivi e target, definirele priorità, ecc. …La partecipazione degli stakeholder è importante per diverse ragioni: - la politica di partecipazione è più trasparente e democratica; - una decisione presa congiuntamente da diversi stakeholder si basa su una conoscenza più esaustiva; 59
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO - un ampio consenso migliora la qualità, l’accettazione, l’efficacia e la legittimità del piano (o almeno consente di evitare che gli stakeholder si oppongano a uno o più progetti); - il senso di partecipazione alla pianificazione facilita il sostegno, la fattibilità e l’accettazione a lungo termine di strategie e misure; - a volte, gli stakeholder esterni sostengono il PAES più dei dirigenti o del personale interno dell’autorità locale.Per queste ragioni, "Il coinvolgimento nel piano di azione della società civile delle areegeografiche interessate" costituisce un impegno formale per i firmatari del Patto dei Sindaci.”Così recitano le LINEE GUIDA alla redazione dei PAES per il Patto dei sindaci (Cap. 4, pag. 28-32, citato in http://www.campagnaseeitalia.it/doc/PAES_Linee_Guida_ITA_JRC.pdf ).Quattro sono le fasi previste dal processo di PAES: Inizio – Pianificazione – Attuazione –Monitoraggio e Realizzazione. In ognuna di queste fasi le Linee Guida indicano il ruolopreminente che possono giocare gli stakeholder, sia come propulsori, sia come fornitori di dati econoscenze, sia anche come realizzatori in proprio di alcune parti del PAES.Il Centro del sole di Legambiente - incaricato dai sindaci per l’informazione, sensibilizzazione ecomunicazione del progetto - mediante una risorsa dotata di competenze tecniche e dipreparazione specifica per la comunicazione, si occuperà di riconoscere nella comunità diriferirmento gli stakeholder significativi e utili, con particolare insistenza presso quelli raccolti inenti o associazioni o comunque raggruppati, che per loro natura hanno maggiori possibilità diinfluenzare il contesto civico di riferimento. L’azione sarà risolta sia nei contesti dei singolicomuni, sia in ambiti di livello superiore (provinciale). Verranno organizzati almeno venti incontridiretti, con continui rimandi alle sezioni di intercomunicazione che saranno attivate all’internodel sito web di riferimento (v. oltre). Volantini e opuscoli saranno messi a disposizione anche deisingoli Comuni partecipanti, che li distribuiranno ai cittadini mediante i loro sportelli dicomunicazione. I cittadini inoltre avranno a disposizione il servizio gratuito di SportelloEnergetico gestito dal Centro del sole di Legambiente per conto della Provincia VCO.Il Centro del sole, inoltre, si farà carico di gestire un sito web dedicato al progetto, che contengale informazioni-base di riferimento, i principi della sostenibilità ambientale, il programma delleattività in corso, un format di comunicazione diretta con gli utenti. Il sito web sarà linkato allehome page di tutti i Comuni aderenti al progetto.Il Centro del sole di Legambiente organizza per il giorno 7 giugno, con e per conto dellaProvincia VCO una giornata di studio per i sindaci del VCO e per gli uffici tecnici, dedicatoall’allegato energetico al regolamento edilizio, chiamando come relatore l’arch. Simona Paduosdel Politecnico di Torino, che ha collaborato alla redazione dell’allegato energetico della Provinciadi Torino (v. http://www.provincia.torino.it/ambiente/energia/progetti/regol_edilizio). Sarannoinvitati tutti i Comuni, con particolare insistenza per i Comuni che aderiscono al progetto Pattodei Sindaci. 60
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO 5. L’ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO E DEL RICHIEDENTEDurataIl progetto, che avrà un tempo di durata limitato dagli estremi temporali imposti dal bandostesso, è stato concepito in un’unica azione, con diverse articolazioni al suo interno, di cui già siè parlato ampiamente nella PARTE II. Il progetto avrà inizio il 01 ottobre 2011 e terminerà il 30novembre 2012.Soggetti partnerI Comuni coinvolti sono quelli indicati nell’intestazione del progetto e ampiamente illustrati nellaparte I e IV. Si tratta di dieci piccoli Comuni del Verbano Cusio Ossola, provincia del Piemonte aconfine con la Lombardia e con la Svizzera.Risorse umaneLe risorse umane previste dal progetto sono le seguenti:  Tecnici e impiegati dei singoli Comuni, in numero e incarico variabile secondo la struttura specifica dell’Ente, che saranno indicati dal sindaco come dedicate allo sviluppo del progetto.  Tecnoparco del Lago Maggiore spa (v. anche presentazione allegata e sito web www.tecnoparco.it ), ente istituzionale partecipata da Finpiemonte spa e Saia spa con sede a Verbania-Fondotoce. La mission di Tecnoparco è quella di promuovere lo sviluppo nel territorio del VCO dell’innovazione e della ricerca industriali, in particolare nel campo delle rinnovabili, e quello di essere uno strumento di progresso per gli Enti Pubblici. In questo progetto i Comuni coinvolti hanno scelto di avere come unico interlocutore il Tecnoparco, che sarà incaricato di realizzare per loro conto il progetto, scegliendo i partner più adeguati, che sono già stati indicati nei seguenti:  CAIRE - Urbanistica, Cooperativa Architetti e Ingegneri di Reggio Emilia, società fondata nel 1947, è presente da oltre trentanni in tutto il territorio nazionale nei campi della pianificazione territoriale, dellurbanistica, della programmazione dello sviluppo, della valutazione socio - economica ed ambientale e della progettazione urbana. Dal 1997 la sezione Urbanistica ha acquisito una configurazione autonoma con la denominazione di COOPERATIVA ARCHITETTI E INGEGNERI - Urbanistica. Una tradizionale attenzione ai temi del territorio e dellambiente è consolidata in uno staff professionale che vede presenti gli apporti disciplinari dellurbanistica e delle scienze regionali, delle scienze economiche e sociali e delle discipline geologiche e naturalistiche, della ingegneria ambientale e dei trasporti. Alla struttura operativa interna si affiancano collaborazioni esterne che consentono di configurare di volta in volta i gruppi di lavoro più idonei alle specifiche finalità di ciascun progetto. Fra le esperienze più significative che CAIRE - Urbanistica ha condotto nel corso degli anni più recenti operando alla scala regionale e nazionale debbono essere segnalate innanzitutto quelle relative alla redazione del Piano Territoriale Regionale della Regione Emilia-Romagna e del Progetto Appennino, alla formazione dellAtlante Nazionale del Territorio Rurale, predisposto per conto del 61
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, alla consulenza per il Piano Territoriale Regionale della Regione Liguria; tutto ciò oltre alla partecipazione ai progetti APE (Appennino Parco dEuropa) del Ministero dellAmbiente e Sportello della Montagna del Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Deve poi essere ricordato limpegno relativo a Piani di Settore per le Regioni Emilia-Romagna, Umbria, Basilicata, e alle ricerche sulle risorse ambientali a scala nazionale (C.N.R.- I.P.R.A.) e regionale.  Sig. Stefano Bruno, Consulente Ambientale con le seguenti esperienze acquisite in ambito energetico e ambientale: - 2003: qualifica per l’implementazione delle Norme ISO 14000, del Regolamento EMAS e della documentazione per la gestione ambientale; - 2003: collaborato al progetto di certificazione ambientale ISO 14001 Consorzio IRIDE; - 2003: collaborato al progetto Utilizzo integrato e sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili nella provincia di Imperia; - 2008-2010: consulenza per l’implementazione e il mantenimento del sistema di gestione ambientale del Comune di Cannero Riviera in conformità alla Norma ISO 14001 ed EMAS III; - 2008: consulente per la diffusione degli standard ambientali ISO 14001 ai comuni lacustri. - 2010: consulenza per l’implementazione e il mantenimento del sistema di gestione ambientale della città di Cannobio in conformità alla Norma ISO 14001ed EMAS III; - 2010: Valutatore EU-ETS - 2011: Valutatore sistemi di gestione ambientali in conformità alla norma ISO 14001 - 2011: Valutatore sistemi di gestione energia in conformità alla norma CEI EN 16001  Il Centro del sole di Legambiente (v. anche presentazione allegata e sito web www.ilcentrodelsole.org ) è un’associazione onlus di volontariato, con sede a Verbania- Fondotoce (area Tecnoparco), dedicata alla divulgazione delle energie rinnovabili. Nel progetto, oltre ad aver fatto da promotore presso gli Enti e da catalizzatore, e ad aver partecipato alla stesura del progetto, sarà presente nelle fasi di comunicazione e di monitoraggio del progetto. In particolare, con riferimento alle attività più recenti 2009- 2010, ricordiamo: - Partecipazione attiva con compito di coordinamento degli advisors al progetto interreg italo-elvetico "eea® Certificazione Energetica Europea per i Comuni" (capofila Legambiente Piemonte e Valle dAosta, partner italiano Spes Consulting). - Gestione dello SPORTELLO ENERGETICO PER IL CITTADINO, per conto della Provincia VCO. - Start-up del progetto CAR-POOLING NEL VCO (con i partner Provincia VCO e Comune di Verbania), cofinanziato dalla Fondazione Cariplo. - Affiancamento al Tecnoparco del Lago Maggiore per la progettazione e la stesura di due bandi Fondazione Cariplo 2010 relativi al PATTO DEI SINDACI. - Realizzazione della FIERA DEL SOLE 2010, con il contributo della Fondazione Cariplo e del Tecnoparco. 62
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLORisorse economicheIl costo complessivo del progetto è stimato in euro 83.333,33; la quota finanziabile dallaFondazione risulta essere del 69,13% (pari a euro 57.633,33), quella in carico ai comunirichiedenti sono i rimanenti 30,87 punti percentuali per un ammontare di euro 25.700,00.Il Bando promosso dalla Fondazione individua tre criteri di ammissibilità dei progetti che lacandidatura in oggetto rispetta. La tabella successiva confronta i requisiti di ammissibilità con ivalori del progetto. CRITERI DI CARIPLO PROGETTO CHECK AMMISSIBILITA Richiedono un Contributo alla Fondazione euro compreso tra i 15.000 < CONTRIBUTO < 60.000 57.633,33 OK 15.000 e i 60.000 euro Richiedono un contributo alla Fondazione non superiore al 70% CONTRIBUTO < 70% COSTO PROGETTO 69,16% OK dei costi complessivi Non presentano una quota di costi del personale (A5, A6) superiore al (A5+A6) < 70% COSTO PROGETTO 29,64% OK 30% dei costi complessiviPer un maggio dettaglio dei costi delle risorse economiche utilizzate si rimanda al PianoEconomico Dettagliato allegato alla presente candidatura.Soggetti BeneficiariI soggetti beneficiari saranno molteplici. Il progetto mira ad un contenimento delle emissioni diCO2 in atmosfera, e quindi ne beneficerà l’ambiente in senso lato. Ma, per far questo, i Comunisi doteranno di un SEAP, che permetterà loro di essere più efficienti ed efficaci nell’attivitàamministrativa, e quindi porterà anche a benefici economici. Anche gli abitanti dei Comuni, cheverranno coinvolti nel progetto, saranno beneficiari di una maggior consapevolezza e sensocivico, ma anche si gioveranno di un’Amministrazione più efficace ed efficiente. 63
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLORisultati AttesiI Comuni che partecipano a questo bando dovranno aderire al Patto dei Sindaci e quindi sarannoriconosciuti dall’elenco europeo, che li qualificherà in modo immediato. Gli Amministratoriavranno modo di migliorare le loro conoscenze e competenze in campo ambientale edenergetico, e questo farà di loro Amministratori di livello europeo, capaci di programmare eprogettare non casualmente, ma con attenzione alla pianificazione studiata e approvatapreventivamente, sulla base di metodi e documenti scientifici. I tecnici comunali farannoun’esperienza molto coinvolgente, che darà loro una più elevata professionalità. I cittadiniresidenti si sentiranno coinvolti e motivati, e saranno i primi a chiedere che il progetto si realizzie che proceda nel tempo, con una ventata di sano campanilismo nei confronti dei Comunicontigui.Valutazione degli EsitiTutti i passi saranno seguiti con attenzione da Tecnoparco e dal team di tecnici impegnati.La calendarizzazione degli step principali sarà il seguente:  entro il 30/09/11 adesione al Patto dei Sindaci  entro il 28/02/12 completamento della base-line delle emissioni  entro il 30/11/12 completamento del SEAP e sua adozioneLa valutazione degli esiti verrà fatta sia sulla base del rispetto del calendario, sia sullasoddisfazione dei Comuni, con i quali il Centro del sole costituirà un’interfaccia attiva. Anche lapartecipazione dei cittadini e dei portatori d’interesse alle varie occasioni di comunicazionerealizzate lungo il percorso saranno elementi di valutazione importanti. Sarà istituita una schedadi soddisfazione per quantificare il risultato ottenuto.Tecnoparco, il Centro del sole e i tecnici saranno contemporaneamente valutatori e valutati.Organizzazione del richiedenteI Comuni di Vogogna, Beura – Cardezza, Pallanzeno, Piedimulera, Pieve Vergonte eVilladossola hanno già esperito la possibilità di collaborare per migliorare le proprie prestazionienergetiche, come dimostrato nella predisposizione del Piano Energetico (presentato il 3 Maggio2010) in collaborazione con Tecnoparco del Lago Maggiore S.p.A. e CAIRE Urbanistica.I sei Comuni della Bassa Ossola sono gli unici soci di Servizi Ecologici dell’Ossola Srl, societàproprietaria di un impianto idroelettrico, denominato ARSA, costituito da una centrale ad acquafluente che impiega le acque dell’omonimo torrente, sito in frazione Rumianca, nel comune diPieve Vergonte. La Servizi Ecologici dell’Ossola Srl opera nel settore dell’efficienza energetica edelle fonti rinnovabili promuovendo interventi sul territorio dei comuni proprietari.Comune di PallanzenoDa sempre attento allo sviluppo delle tecnologie finalizzate alla produzione di energie alternativee di conseguenza al risparmio energetico, ha in passato ed attualmente rivolto la sua attenzionead interventi, direttamente o in collaborazione con privati, mirati a questo tipo di attività.Allo stato attuale le iniziative in questa direzione sono state: 64
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLO 1) realizzazione di rilevazioni a più altezze ed in periodi diversi con anemometro per misurare la forza e lintensità del vento per valutare limpianto di un palo eolico per la produzione di energia elettrica. In considerazione del cambio di ragione sociale della società con la quale il Comune aveva intrapreso i primi rapporti (oggi Green Power) e della definizione delle servitù di elettrodotto e metanodotto con eventuali distanze di sicurezza si è in grado di pensare che linstallazione avverrà a breve. 2) costruzione, in compartecipazione con privati, di una centralina idroelettrica utilizzando il canale di uscita che dalla Centrale idroelettrica di Pallanzeno porta verso il canale ENEL. Anchessa in fase di ultimazione. 3) nellottica del risparmio energetico e della riduzione delle emissioni abbiamo sostituito le vecchie lampade a mercurio sulla provinciale con lampade a LED, più luminose, più economiche e meno emissive. Martedì 1 giugno 2010 il Tecnico del Comune farà un sopralluogo con ENEL Sole per estendere questo tipo di illuminazione ad una parte considerevole del paese.Comune di OrnavassoHa partecipato al Bando della Fondazione Cariplo 2009 “Audit energetico degli edifici di proprietàdei Comuni piccoli e medi” come Capofila.Di seguito si allega l’attestato di certificazione energetica. 65
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOI Comuni di Pieve Vergonte (4° posto), Vogogna (7°) e Ornavasso (15°) sono tra i primi 50Comuni del mini idroelettrico [Fonte: Comuni Rinnovabili 2009, Scotta Energia, Idrocentro, ENELGreen Power, Edison, Idreg].Il comune di Cannero Riviera ha ottenuto per il quinto anno consecutivo la Bandiera Blu per leSpiagge dall’organizzazione internazionale FEE.Si continuano ad avere risultati eccezionali relativi alla raccolta differenziata, passati da unapercentuale media del 2007 del 46,01% ad un valore medio del 71,1% nel 2009, con unvalore intermedio del 66,95% nel 2008.Nel corso del 2009 si sono registrati inoltre ottimi risultati riferiti alla qualità delle acque dibalneazione, invertendo una tendenza triennale in aumento , pur rientrando nei limiti previstidalla legge. Rispetto al 2008 il valore medio dei coliformi totali è passato da 449 a 116; il valoredei coliformi fecali si è ridotto da 41,5 a 14,4 e gli streptococchi fecali è sceso da 23,7 a 10. E’altresì vero che questi miglioramenti non sono correlabili ad interventi mirati da partedell’amministrazione comunale.In giugno 2009 si sono avute le elezioni comunali, che hanno visto la riconferma del sindacouscente e conseguentemente la continuità delle politiche ambientali intraprese dalla precedenteamministrazione. La politica ambientale, pur con qualche variazione di tipo formale, è statasostanzialmente mantenuta, ed e focalizzata sul concetto di “sostenibilità” esull’applicazione dei principi contenuti nella carta di AAlborg.In dicembre e in gennaio Cannero Riviera ha dovuto sostenere due importanti emergenze,ancora in fase di risoluzione definitiva, riguardanti la presenza di arsenico nella sorgente dellavalle del ferro, peraltro per cause naturali, e dalla caduta di una frana che tutt’ora sta isolandole frazioni di Donego e Oggiogno. Per queste due emergenza sono stati predisposti specificiprogrammi ambientali.La certificazione in conformità alla norma ISO 14001:2004 ha consentito di rendere strutturato ilcontrollo operativo, mediante l’utilizzo del Registro di Controllo delle prestazioni ambientali,assegnato ad ogni responsabile di servizio. In tal modo tutte le segnalazioni, sia interne cheprovenienti dai cittadini sono state sistematicamente registrate, permettendo, a fine anno, un’analisi dati dei disservizi più frequenti avvenuti nel 2009. Inoltre, attraverso il Sistema digestione ambientale, è stato possibile fare ordine sulle autorizzazioni dei singoli edifici,permettendone la raccolta in un unico file. In tal modo si è semplificato il monitoraggio dellescadenze, facilitando il compito dei responsabili di servizio.Dal 2009 si è istituito il monitoraggio mensile dei dati sulla raccolta differenziata dei rifiuti.Cannero è al 23° posto tra i 50 Comuni piemontesi del solare termico.[Fonte Estratto del riesame annuale del sistema di gestione ambientale – aprile 2010 a 21 mesidall’ottenimento della certificazione del Sistema di Gestione Ambientale in conformità alla normaUNI EN ISO 14001:2004.]Il Comune di Oggebbio ha partecipato insieme ai Comuni della Comunità Montana AltoVerbano (Beè, Premeno, Ghiffa, Trarego Viggiona e Cannero Riviera), con capofila il Comune diGhiffa, al bando della Fondazione CARIPLO con scadenza 14.07.2006. Il progetto è statofinanziato e realizzato. Nel 2010, inoltre, il Comune ha dato l’incarico allo studio ECOLINEengineering di Verbania di realizzare uno studio per individuare gli interventi di riqualificazioneenergetica per tre edifici di proprietà comunale: scuola materna/elementare, sala polivalente eSede municipale. Il 16.02.02010 è stata protocollata la relazione illustrativa degli interventicompleta di computo metrico, piano economico e progetto impianto fotovoltaico. Il totale delprogetto comporta un impegno economico di circa € 350.000,00. L’Amministrazione comunaleha deciso di realizzare un primo lotto relativo alla sistemazione della struttura polivalente 66
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOconferendo l’incarico di realizzare il progetto esecutivo alla studio ECOLINE. L’Amministrazioneintende realizzare il primo lotto entro la fine del 2010.Nel Comune di Arizzano lo sfruttamento dellenergia solare per usi termici (produzione diacqua calda sanitaria e/o per il riscaldamento degli ambienti) ha visto una serie di interventisulle abitazioni locali. In particolare è il caso di una abitazione privata dove sono stati installatioltre 10 metri quadrati di pannelli solari termici per un risparmio del 75% sulla produzione diacqua calda. In seguito è stato realizzato anche un impianto fotovoltaico composto da 24 modulida 175 Wp installati sul tetto piano di unabitazione privata. La produzione annua stimata è dicirca 4.600 kWh e l’emissione di CO2 evitata è pari a 2.442,6 kg/a.Tecnoparco del Lago Maggiore S.p.A. è un Parco Tecnologico Piemontese, controllato daFinpiemonte, che ha tra gli obiettivi principali l’attivazione di progetti che puntino all’innovazionenell’ambito delle Energie Rinnovabili ed a supporto del territorio Provinciale e Regionale perquanto concerne la green economy.Tecnoparco SpA è il Soggetto Gestore del Polo dell’Innovazione del Lago Maggiore che ha iseguenti obiettivi prioritari: - Superare la frammentazione del sistema economico territoriale, attraverso la costituzione di partnership operative nel settore R&D, innovazione e formazione; - Dotare il territorio di uno strumento di progettazione condiviso e di alto livello; - Fornire alle imprese servizi ad alto valore aggiunto quale supporto alle startup ed alle imprese knowledgebased; - Valorizzare le competenze e le progettualità presenti; - Aumentare l’attrattività del territorio in termini di investimenti pubblici e privatiTecnoparco si è attivato per individuare e proporre un team di tecnici di adeguata e complessacompetenza per realizzare gli scopi previsti dal progetto: tecnici preposti al recupero dei dati ealla loro elaborazione fino al SEAP (CAIRE Urbanistica), tecnici che apportino la conoscenza delprogetto europeo “Patto dei sindaci” e la capacità di gestione di progetti europei, tecnici capacidi interfacciarsi direttamente con le Amministrazioni pubbliche, per garantire ai Comuni lacontinua consapevolezza dello svolgimento del progetto (Tecnoparco con una risorsa dedicata).La collaborazione tra i Comuni, Tecnoparco e CAIRE Urbanistica ha prodotto un Piano Strategicodell’Energia, che è servito a fotografare i consumi energetici di 6 dei 10 Comuni e a proporre,conseguentemente, possibili investimenti sulle energie rinnovabili che mirino a raggiungere iparametri fissati dal Protocollo di Kyoto.Al 31.12.2008 i comuni presentano un consumo complessivo annuo pari a 23.085 Tep(tonnellate equivalenti petrolio, unità di misura utilizzata per poter confrontare i diversi vettorienergetici), e un import di energia primaria pari 22.486 Tep. Il grado di dipendenza dall’esternoè pari al 97,4%, solo il 2,6% viene prodotto sul territorio.L’import di energia primaria corrisponde a circa 164.800 Barili di Petrolio Equivalente. Un valoredi riferimento per il costo della bolletta energetica del territorio, considerando il barile a 75US$/Barile e un cambio Eur/$ pari a 1,42, è dunque superiore ai 9 milioni di euro all’anno.Considerando una popolazione complessiva di 15.528 abitanti, si ha un costo pro-capite di circa600 euro/abitante.Il fabbisogno viene soddisfatto attraverso 7.643 Tep di prodotti petroliferi (29,6%), 8.602 Tep digas metano (37,3%); 6.841 Tep di energia elettrica (33,1%), di cui 606,6 Tep da produzione 67
    • CANDIDATURA “Promuovere la Sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOidroelettrica locale (599) e fotovoltaica (7,6). Complessivamente si osserva una crescita deiconsumi estremamente contenuta, pari al 4,8%, passando da 22.031 nel 1999 a 23.085 Tep nel2008.Dal punto di vista delle emissioni, grazie al miglioramento dell’efficienza emissiva del sistemaelettrico nazionale, si ha un leggero calo negli ultimi 10 anni, pari al -1,7% (79.300Ton CO2 nel1999, 78.000 Ton CO2 nel 2008).Nel 2008 il consumo totale di energia è stato soddisfatto da circa il 30% di energia elettrica, dal37% di gas naturale, dal 15% di benzine, e dal 17% di gasolio, mentre GPL e olio combustibilerappresentano due quote poco significative, rispettivamente lo 0,06% e lo 0,04%.I vettori energetici hanno però un andamento diverso nel tempo, con una diminuzionedell’energia elettrica e della benzina, mentre gas naturale, GPL e gasolio sono in aumento.La diminuzione dell’energia elettrica potrebbe essere imputata a fenomeni locali (in particolarmodo il rallentamento del comparto industria), le variazioni complementari di benzina e gasoliosono da ricercare più in politiche di livello nazionale (esenzione dal superbollo per le vetturediesel nel 1998) La media pro capite complessiva dei sei comuni è stata di 1,43 Tep/ab nel2008, piuttosto basso rispetto al valore registrato nel 2007 a livello nazionale che è stato di 3,26Tep/ab.Per quanto riguarda le emissioni, sempre nel 2008, il valore pro capite è stato di circa 5TCO2/ab, il dato a livello nazionale nel 2007 è stato invece di 8 TCO2/ab.Attraverso l’analisi delle potenzialità del territorio è stato elaborato uno scenario riguardo losviluppo di fonti energetiche rinnovabili. Delle diverse tecnologie a disposizione si è decisofocalizzare l’attenzione in particolare sul fotovoltaico e le biomasse.Le motivazioni che hanno portato a questa scelta sono sostanzialmente di carattere economico edi potenzialità di sviluppo: entrambe le tecnologie godono di elevata incentivazione rendendoaltamente conveniente l’investimento; entrambe possono essere sviluppate in maniera estesa alcontrario dell’idroelettrico, che ha quasi raggiunto il suo massimo sviluppo sul territorio, el’eolico, in quanto il territorio analizzato non mostra grandi potenzialità per questa tecnologia.Lo scenario delineato evidenzia una potenzialità ipotetica tale da produrre circa 4.000 Tepall’anno di energia verde, evitando l’emissione di circa 10.000 TCO2.Il Piano energetico dei Comuni di Vogogna, Beura – Cardezza, Pallanzeno, Piedimulera, PieveVergonte e Villadossola presentato ha utilizzato dei dati di consumo derivanti da stime edelaborazioni. Quindi uno dei motivi dell’adesione al Bando della Fondazione Cariplo è proprioquello di supportare le evidenze emerse dallo studio con analisi dei dati di consumo reali. Taleanalisi di dettaglio del resto è un obbligo del PAES.Altro motivo di adesione al Bando è la necessità di PIANIFICARE azioni concrete per la riduzionedelle emissioni, mentre nel Piano energetico sono state valutate solo le ipotesi e potenzialità. 68
    • CANDIDATURA“Promuovere la Sostenibilità energeticanei comuni piccoli e medi” - FONDAZIONE CARIPLOLa scelta di partecipare al Bando della Fondazione Cariplo “Promuovere la sostenibilitàenergetica nei Comuni piccoli e medi” nasce proprio dalla consapevolezza della necessità dicrescere e migliorare gli aspetti di utilizzo razionale delle energie emersa nel corso dello studioeffettuato. L’opportunità è vista come naturale prosecuzione, approfondimento e messa in operadelle problematiche emerse. Il gruppo di comuni, aggregati naturalmente per posizionegeografica e per le forti interrelazioni derivanti dalla partecipazione in Servizi Ecologicidell’Ossola Srl, rappresentano un insieme coeso ma composto da piccole realtà con limitatacapacità e competenza specifica.Tali caratteristiche fanno si che i comuni abbiano scelto di avvalersi di competenze esterne perprogredire le percorso delineato.Il gruppo di lavoro risulta così composto:a. 10 Comuni: Comune di Vogogna Capofila;b. Tecnoparco del Lago Maggiore S.p.A.: Ruolo di coordinatore istituzionale dei Comuni (con risorsa dedicata full-time);c. CAIRE Urbanistica: Ruolo Tecnico;d. Dott. Stefano Bruno: Ruolo Tecnicoe. Centro del Sole Legambiente: Attività di Marketing e Comunicazione. 69
    • RICHIESTA DI CONTRIBUTO ALLA FONDAZIONE CARIPLO