Reti d'impresa - Powered by Pempton & Cannella Immobiliare
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Reti d'impresa - Powered by Pempton & Cannella Immobiliare

  • 531 views
Uploaded on

Reti d'Impresa - Collaborate for Growth (Collaborare per la crescita) ...

Reti d'Impresa - Collaborate for Growth (Collaborare per la crescita)

Evento organizzato da Pempton e Cannella Immobiliare presso Millennium Cafè (Scicli) per sensibilizzare alcuni imprenditori del settore turistico sull'importanza della rete d'impresa.

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
No Downloads

Views

Total Views
531
On Slideshare
530
From Embeds
1
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
29
Comments
1
Likes
4

Embeds 1

http://www.linkedin.com 1

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. pempton | PROJECTS RETI D’IMPRESA COLLABORATE FOR GROWTH collaborare per la crescita Andrea Cannella
  • 2. pempton | PROJECTS ANALISI SOCIO-ECONOMICA • La piccola dimensione delle imprese italiane costituisce un limite rilevante per il conseguimento di una maggiore efficienza: spesso riduce la c a p a c i t à d i m u t a r e l e s t r a t e g i e , d i internazionalizzarsi e in generale di fronteggiare le pressioni competitive.
  • 3. pempton | PROJECTS COSA SONO LE RETI D’IMPRESA? • Le reti sono forme di coordinamento stabili fra imprese, intermedie fra il mercato e la gerarchia, finalizzate ad un obiettivo comune. La caratteristica della stabilità distanzia le reti dal puro mercato, dove i rapporti fra le imprese si incentrano sullo scambio, mentre l’aspetto del coordinamento, in cui i partecipanti mantengono gran parte della loro autonomia, le differenzia dall’organizzazione gerarchica di un’impresa.
  • 4. pempton | PROJECTS RIFERIMENTI NORMATIVI • La legge n. 5 del 2009 (più volte modificata) ha definito il contratto di rete come l’accordo con cui due o più imprese adottano un programma comune mediante il quale, allo scopo di aumentare la competitività o la capacità innovativa, si obbligano a: • collaborare in forme ed ambiti predeterminati attinenti all’esercizio delle imprese; • scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica; • esercitare in comune una o più attività economiche rientranti nei rispettivi oggetti sociali.
  • 5. pempton | PROJECTS REGOLE DEL “GIOCO” • La predisposizione di un programma comune condiviso serve alle imprese che fanno parte della rete per diventare più competitive e presuppone la disponibilità degli imprenditori a condividere informazioni e conoscenze.
  • 6. pempton | PROJECTS UNA RETE È… Un modello economico di cooperazione per dare una risposta alle sfide dell’economia globalizzata: • Abbandono del modello gerarchico e localizzato; • Globalizzazione dei mercati; • Necessità di maggiori investimenti in ricerca e sviluppo; • Internazionalizzazione; • Downsizing e outsourcing.
  • 7. pempton | PROJECTS VANTAGGI DELLA RETE Avere l’impresa in rete permette di dare alcune risposte a queste sfide: • Aggregazione intorno a programmi e progetti; • Mantenimento dell’autonomia decisionale del singolo imprenditore; • Aumento della massa critica; • Sviluppo di relazioni fiduciarie.
  • 8. pempton | PROJECTS ALTRIVANTAGGI L’impresa al centro del network, altre caratteristiche: • Ha un riferimento normativo nazionale; • Non sostituisce, ma si affianca ad altri strumenti di aggregazione; • Riguarda tutte le imprese (di tutte le dimensioni, di tutti i settori, di tutti i territori); • Sostegno dello Stato a questa forma contrattuale con semplificazione, incentivi nazionali e regionali, supporto finanziario e agevolazione fiscale.
  • 9. pempton | PROJECTS CHI PUÒ ENTRARE IN UNA RETE? • I contraenti possono essere imprenditori indipendentemente dalla loro rispettiva natura (sono quindi incluse anche le imprese individuali, le società e gli imprenditori pubblici, anche non commerciali). • Possono far parte del contratto di rete anche enti pubblici che hanno per oggetto esclusivo o principale un’attività di impresa non necessariamente commerciale; così come aziende senza scopo di lucro.
  • 10. pempton | PROJECTS ALTRI ASPETTI • Il contratto di rete ha natura meramente privatistica, non necessità della soggettività giuridica e prevede delle possibilità di uscita che vengono fissate nel programma di rete. Inoltre, non sono previsti limiti dimensionali o restrizioni merceologiche.
  • 11. pempton | PROJECTS OK,VOGLIO ENTRARE • Il contratto ha una struttura aperta, caratterizzata dalla possibilità di nuovi ingressi nella rete e dovrà quindi necessariamente prevedere i criteri di adesione di nuovi soggetti, fermo restando il rispetto dei requisiti soggettivi sopra indicati. • Tali criteri potranno prevedere anche specifiche caratteristiche soggettive ed oggettive per i nuovi aderenti, ovvero subordinare l’adesione a deliberazioni con maggioranze qualificate dei membri o addirittura con l’unanimità degli stessi.
  • 12. pempton | PROJECTS ELEMENTI ESSENZIALI (ED EVENTUALI) DEL CONTRATTO DI RETE • Obiettivi strategici e criteri e modalità che servono per misurare il raggiungimento degli obiettivi; • Programma comune; • Contratto di durata; • Regole per l’assunzione delle decisioni e di eventuale recesso; ! • Fondo patrimoniale ( si applica la disciplina in tema di consorzio); • Organo Comune ( è consigliabile per una rete superiore a 6-7 imprese).
  • 13. pempton | PROJECTS DATI EMPIRICI • Nel secondo semestre 2013 sono stati stipulati 389 nuovi contratti di rete che hanno visto coinvolte 1.555 imprese. Si tratta di numeri record ottenuti sulla spinta ricevuta da Lombardia,Abruzzo, Emilia Romagna e Lazio, che insieme contribuiscono con 1.048 imprese.A fine dicembre 2013 sono così saliti a 1.353 i contratti di rete registrati in Camera di Commercio e a 6.435 le imprese aderenti.
  • 14. pempton | PROJECTS DISTRIBUZIONE SETTORIALE • Imprese dei servizi (il 44,3% del totale); • Industria in senso stretto (32,5%) e, all’interno di questi, i servizi professionali alle imprese, il commercio, l’ICT, il turismo, la filiera metalmeccanica e il sistema moda. • Filiera delle costruzioni e dell’immobiliare (14,4%). • Industria agro-alimentare (8,9 %), con 566 imprese coinvolte.
  • 15. pempton | PROJECTS SOGGETTI PARTECIPANTI • All’interno di ogni rete è molto alta la diversificazione produttiva delle imprese: è, infatti, pari all’82,5% la quota di reti con imprese specializzate in diversi comparti produttivi. • Gran parte delle reti pertanto sono composte da soggetti tra loro complementari, che possono mettere a fattor comune competenze diverse, attingendo da un differenziato bacino di specializzazioni settoriali.
  • 16. pempton | PROJECTS COSA FA UNA RETE? • Ricerca, sviluppo e innovazione; • Marketing; • Export e Internazionalizzazione; • Qualità e formazione; • Gestione risorse umane e amministrativa; • Acquisti e forniture.
  • 17. pempton | PROJECTS FORME DI COLLABORAZIONE (IN PRATICA) • attività di coordinamento per ottenere migliori condizioni nei rapporti esterni (coordinamento del processo di controllo della qualità dei beni lungo la filiera, definizione di una politica dei prezzi nel rispetto dei limiti della normativa antitrust) o per raggiungere un risultato finale unitario (quale la produzione di un bene finale); • attività strumentali per raggiungere migliori risultati di gestione (gruppo di acquisto/ vendita di beni/servizi di interesse comune, gestione di logistica, magazzino, piattaforme telematiche, promozione di beni e marchi, realizzazione di laboratorio comune, centro di ricerca comune); • attività complementari per fare quello che individualmente considerate le imprese non sarebbero in grado di fare (partecipazione ad appalti o gare).
  • 18. pempton | PROJECTS ACCESSO AL CREDITO • La Rete gode di maggiore fiducia da parte degli istituti di credito, poiché per sua natura migliora la visibilità sui business delle singole imprese, aumenta la collaborazione e il supporto tra le imprese partecipanti (sebbene non in ottica di garanzia) e migliora la possibilità per la banca di valutare con più cura l’impresa relativamente ai piani prospettici di business di medio lungo periodo, evitando l’erogazione di contributi a pioggia poco efficaci e ormai non più erogati.
  • 19. pempton | PROJECTS FINANZA AGEVOLATA • L’attenzione delle istituzioni italiane ed europee (Banca Europea per gli Investimenti, bandi nazionali, regionali, Enti Locali, Camere di commercio) verso le forme di integrazione tra imprese ha generato una forte crescita dei fondi stanziati per promuovere lo sviluppo di tali forme di collaborazione.