• Like
Novità Terzo responsabile - 2014 maggio
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Novità Terzo responsabile - 2014 maggio

  • 2,508 views
Published

Slide con le ultime novità in meteria del Terzo Tesponsabile per gli impianti di riscaldamento

Slide con le ultime novità in meteria del Terzo Tesponsabile per gli impianti di riscaldamento

Published in Law
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
2,508
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6

Actions

Shares
Downloads
25
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Terzo Responsabile dal d.Lgs 192/2005 al d.P.R. 74/2013 - 2014 Maggio -
  • 2. L’origine: d.Lgs 192/2005 Terzo responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto termico e' la persona fisica o giuridica che, essendo in possesso dei requisiti previsti dalle normative vigenti e comunque di idonea capacità tecnica, economica, organizzativa, e' delegata dal proprietario ad assumere la responsabilità dell'esercizio, della manutenzione e dell'adozione delle misure necessarie al contenimento dei consumi energetici ed alla salvaguardia ambientale Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 3. Le modifiche: D. 22/11/2012 Terzo responsabile dell'impianto termico: la persona giuridica che, essendo in possesso dei requisiti previsti dalle normative vigenti e comunque di capacita' tecnica, economica e organizzativa adeguata al numero, alla potenza e alla complessità degli impianti gestiti, e' delegata dal responsabile ad assumere la responsabilita' dell'esercizio, della conduzione, del controllo, della manutenzione e dell'adozione delle misure necessarie al contenimento dei consumi energetici; Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 4. quindi dal 26 gennaio 2013 ● può essere Terzo responsabile solo una persona giuridica, e non più le persone fisiche (requisito modificato succesivamente dalla legge 9/2014); ● viene dettagliato che la capacita' tecnica, economica e organizzativa dovrà essere adeguata al numero, alla potenza e alla complessità degli impianti gestiti; ● si occupa solo del contenimento dei consumi energetici, ma non più dell'adozione delle misure necessarie per lasalvaguardia ambientale (questo aspetto è però contraddetto dal comma 3 dell'art. 6 d.P.R. 16 aprile 2013 n. 74 - in vigore dal 12/07/2013 - secondo cui "3. Il responsabile o, ove delegato, il terzo responsabile rispondono del mancato rispetto delle norme relative all'impianto termico, in particolare in materia di sicurezza e di tutela dell'ambiente"); Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 5. Decreto Italia la Commissioni Finanze e Attività Produttive della Camera con un emendamento al Decreto Destinazione Italia (si tratta del D.L. n. 145 del 23-12-2013), che è stato approvato ed è presente nella legge di conversione n. 9 del 21-02-2014. Il comma 7-bis dell'art. 1, infatti recita: ((7-bis. Al numero 52 dell'allegato A del decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192, e successive modificazioni, le parole: "la persona giuridica" sono sostituite dalle seguenti: "l'impresa". La legge è vigente dal 28-2-2014, e da questa data è definitivamente terminata la querelle, e dunque sono riammesse le imprese individuali al ruolo di terzo responsabile in materia di manutenzione e controllo di sicurezza degli impianti termici. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 6. Definizione attuale 52. terzo responsabile dell'impianto termico: la persona giuridica l’impresa che, essendo in possesso dei requisiti previsti dalle normative vigenti e comunque di capacita' tecnica, economica e organizzativa adeguata al numero, alla potenza e alla complessita' degli impianti gestiti, e' delegata dal responsabile ad assumere la responsabilita' dell'esercizio, della conduzione, del controllo, della manutenzione e dell'adozione delle misure necessarie al contenimento dei consumi energetici; 13/05/2014 Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 7. D.p.r. 74/2013 Il responsabile o, ove delegato, il terzo responsabile rispondono del mancato rispetto delle norme relative all'impianto termico, in particolare in materia di sicurezza e di tutela dell'ambiente. L'atto di assunzione di responsabilità da parte del terzo, anche come destinatario delle sanzioni amministrative, applicabili ai sensi dell'articolo 11, deve essere redatto in forma scritta contestualmente all'atto di delega. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 8. D.p.r. 74/2013 Il terzo responsabile, ai fini di cui al comma 3, comunica tempestivamente in forma scritta al delegante l'esigenza di effettuare gli interventi, non previsti al momento dell'atto di delega o richiesti dalle evoluzioni della normativa, indispensabili al corretto funzionamento dell'impianto termico affidatogli e alla sua rispondenza alle vigenti prescrizioni normative. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 9. D.p.r. 74/2013 Negli edifici in cui vige un regime di condominio il delegante deve espressamente autorizzare con apposita delibera condominiale il terzo responsabile a effettuare i predetti interventi entro 10 giorni dalla comunicazione di cui sopra, facendosi carico dei relativi costi. In assenza della delibera condominiale nei detti termini, la delega del terzo responsabile decade automaticamente. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 10. D.p.r. 74/2013 Il terzo responsabile informa la Regione o Provincia autonoma competente per territorio, o l'organismo da loro eventualmente delegato: a) della delega ricevuta, entro dieci giorni lavorativi; b) della eventuale revoca dell'incarico o rinuncia allo stesso, entro due giorni lavorativi; c) della decadenza di cui al comma 4, entro i due successivi giorni lavorativi, nonchè le eventuali variazioni sia della consistenza che della titolarità dell'impianto. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 11. D.p.r. 74/2013 Il terzo responsabile non può delegare ad altri le responsabilita' assunte e puo' ricorrere solo occasionalmente al subappalto o all'affidamento di alcune attivita' di sua competenza, fermo restando il rispetto del decreto del Ministro dello sviluppo economico 22 gennaio 2008, n. 37, per le sole attività di manutenzione, e la propria diretta responsabilità ai sensi e per gli effetti dell'articolo 1667 e seguenti del codice civile. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 12. D.p.r. 74/2013 La delega al terzo responsabile non e' consentita nel caso di singole unità immobiliari residenziali in cui il generatore o i generatori non siano installati in locale tecnico esclusivamente dedicato. Solo in centrale termica!!! Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 13. D.p.r. 74/2013 In tutti i casi in cui nello stesso locale tecnico siano presenti generatori di calore oppure macchine frigorifere al servizio di più impianti termici, può essere delegato un unico terzo responsabile che risponde delle predette attività degli impianti. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 14. D.p.r. 74/2013 In caso di impianti non conformi alle disposizioni di legge, la delega non può essere rilasciata, salvo che nell'atto di delega sia espressamente conferito l'incarico di procedere alla loro messa a norma. Il delegante deve porre in essere ogni atto, fatto o comportamento necessari affinchè il terzo responsabile possa adempiere agli obblighi previsti dalla normativa vigente e garantire la copertura finanziaria per l'esecuzione dei necessari interventi nei tempi concordati.Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 15. D.p.r. 74/2013 Negli edifici in cui sia instaurato un regime di condominio, la predetta garanzia è fornita attraverso apposita delibera dell'assemblea dei condomini. In tale ipotesi la responsabilità degli impianti resta in carico al delegante, fino alla comunicazione dell'avvenuto completamento degli interventi necessari da inviarsi per iscritto da parte del delegato al delegante entro e non oltre cinque giorni lavorativi dal termine dei lavori. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 16. D.p.r. 74/2013 Il ruolo di terzo responsabile di un impianto è incompatibile con il ruolo di venditore di energia per il medesimo impianto, e con le società a qualsiasi titolo legate al ruolo di venditore a meno che la fornitura sia effettuata nell'ambito di un contratto di servizio energia, in cui la remunerazione del servizio fornito non sia riconducibile alla quantità di combustibile o di energia fornita, ma misurabile in base a precisi parametri oggettivi preventivamente concordati. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 17. Requisiti necessari 1 L'art.1,comma1,lettere o),prevede che il terzo responsabile debba essere "in possesso dei requisiti previsti dalle normative vigenti e comunque di idonea capacità tecnica, economica ed organizzativa"; tale prescrizione ha lo scopo di evidenziare che il soggetto delegato dal proprietario in qualità di terzo responsabile non puo' essere un mero prestanome, bensi' deve possedere capacità adeguate ed i requisiti previsti dalle norme vigenti per provvedere direttamente alla conduzione e manutenzione degli impianti. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 18. Requisiti necessari 2 3) Il regolamento lascia piena discrezionalita' ai soggetti proprietari nella valutazione dei requisiti però è la stessa legge n. 46/1990 che individua i requisiti minimi che già debbono essere posseduti dal soggetto che effettua interventi di manutenzione, anche nell'ipotesi che il proprietario ne conservi la relativa responsabilità. Legge n. 46/1990 -> Decreto 37/2008 Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 19. Requisiti necessari 3 4) L'abilitazione alla manutenzione degli impianti ai sensi della legge n. 46/1990 risulta pertanto un requisito minimo per l'assunzione della responsabilità di esercizio e manutenzione di qualsiasi impianto termico, e non solo per gli impianti unifamiliari. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 20. Requisiti necessari 4 Il patentino di abilitazione che, ai sensi dell'art. 16 della legge 13 luglio 1966, n. 615, deve essere obbligatoriamente posseduto dal personale addetto alla conduzione degli impianti termici di potenzialità superiore a 200.000 kcal/h e la conseguente iscrizione nel registro di cui all'articolo 17 della medesima legge, essendo riferiti al personale addetto e non all'impresa alle cui dipendenze esso opera, non costituiscono invece requisito sufficiente affinchè l'impresa stessa sia destinataria della delega di responsabilitàdi esercizio e manutenzione dell'impianto, ove essa non sia abilitata ai sensi della legge n. 46/1990 Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 21. Requisiti necessari 5 5) Solo per gli impianti termici centralizzati con potenza nominale superiore a 350 kW l'art. 11, comma 3, del predetto regolamento prescrive che il possesso dei requisiti richiesti al "terzo responsabile" sia dimostrato "mediante l'iscrizione ad albi nazionali tenuti dalla pubblica amministrazione e pertinenti per categoria quali, ad esempio, mediante accreditamento del soggetto ai sensi delle norme UNI EN 29.000". Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 22. Requisiti necessari 6 Nel contesto del regolamento, benchè si parli impropriamente di "accreditamento del soggetto ai sensi delle norme UNI EN 29.000", tale espressione deve intendersi riferita all'attestazione della conformità del sistema di qualità, rilasciata da soggetto accreditato per tale funzione di certificazione. Sistema di qualità = ISO 9001 Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 23. Requisiti necessari 7 Nel caso di impianti termici con potenza nominale al focolare superiore a 350 kW, ferma restando la normativa vigente in materia di appalti pubblici, il terzo responsabile deve essere in possesso di certificazione UNI EN ISO 9001 relativa all'attività di gestione e manutenzione degli impianti termici, o attestazione rilasciata ai sensi del d.P.R. del 5 ottobre 2010, n. 207, nelle categorie OG 11, impianti tecnologici, oppure OS 28. Terzo Responsabile - 2014 Maggio
  • 24. Grazie per l’attenzione!! Visitate il nostro sito: www.quicklion.eu