Impianti termici alimentati
da biomasse
Andrea Bernardi
andrea@studiobernardi.eu
Spinea (VE) - Luglio 2014
Norme di Sicurezza
● Impianti a caldaie fino a 35kW
o UNI EN 12828:2013 Impianti di riscaldamento negli edifici.
Progettaz...
Vaso Aperto
Vaso Aperto
Gli impianti a vaso aperto devono essere provvisti di:
● Tubo di Sicurezza
● Tubo di Carico
● Termostato di co...
Vaso Aperto
● Quando il generatore viene fornito senza i dispositivi di
sicurezza, quelli mancanti devono essere installat...
Caldaie Legna
Valvole di scarico termico
Servono ad evitare che l’acqua
dell’impianto superi la
temperatura di sicurezza. ...
Caldaie Legna Valvola di scarico termico
Caldaie Legna
Valvole di scarico termico
con reintegro
In questo caso il sensore
esterno agisce sullo stelo che
apre sia l...
Caldaie Legna VST a reintegro
UNI 10412-2 (2009)Vaso Chiuso (P<35kW)
Valvola di Sicurezza
Termostato di controllo
Allarme
Termometro
Manometro
Valvola d...
Vaso Chiuso (P<35kW) UNI 10412-2 (2009)
Nel caso
mancasse la
valvola di scarico
di sicurezza
termica
Valvola di Sicurezza
...
Caldaie a caricamento automatico
● Valvola di sicurezza
● Termostato di comando del circolatore
● Termometro / Manometro
●...
Valvole Anticondensa
Regola la
temperatura di
ritorno del
generatore evitando
formazione di
condensa e
incrostazioni.
Aume...
Pericolo Creosoto
Il creosoto e’ prodotto dai
fumi dei generatori a legna
in condizioni di condensa
all’interno della cald...
Fuliggine incendiata
Condotti per evacuare i fumi
− I tratti orizzontali non sono possibili
− I cambiamenti di direzione, compreso
quello di co...
Condotti per evacuare i fumi
− La lunghezza del tratto orizzontale deve
essere non maggiore di 2 mt
− I cambiamenti di dir...
Condotti per evacuare i fumi
UNI 10683:2012 Capitolo 6.5.3.3
Stufe con Ventilatore
4mt − La lunghezza del tratto orizzonta...
Ventilazione e Aerazione
UNI 10683:2012 Capitolo 6.4.1
Accumuli d’acqua / Puffer
Generalmente, per il loro dimensionamento di
massima, sono proposti i seguenti valori:
● Caldaie...
Multistrato
Vaso Aperto
VIETATO
Vaso Chiuso
Non
Compatibile
Libretto di Impianto
Libretto di Impianto
Libretto di Impianto
Periodicità delle pulizie
UNI 10683:2012 Capitolo 8.2
Patentino Fonti rinnovabili
La Giunta Regionale ha approvato la Direttiva per la presentazione di progetti formativi
per i...
Grazie per
l’attenzione!!
Andrea Bernardi
andrea@studiobernardi.eu
Impianti termici alimentati da biomasse (sotto i 35kW)
Impianti termici alimentati da biomasse (sotto i 35kW)
Impianti termici alimentati da biomasse (sotto i 35kW)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Impianti termici alimentati da biomasse (sotto i 35kW)

2,895

Published on

Una veloce analisi delle normative in vigore in italia per l'installazione delle caldaie e delle stufe alimentate a pellet e altri combustibili solidi

Published in: Engineering
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
2,895
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
22
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Impianti termici alimentati da biomasse (sotto i 35kW)

  1. 1. Impianti termici alimentati da biomasse Andrea Bernardi andrea@studiobernardi.eu Spinea (VE) - Luglio 2014
  2. 2. Norme di Sicurezza ● Impianti a caldaie fino a 35kW o UNI EN 12828:2013 Impianti di riscaldamento negli edifici. Progettazione dei sistemi di riscaldamento ad acqua. ● Impianti a dispositivi domestici fino a 35kW o UNI 10412-2:2009 Impianti di riscaldamento ad acqua calda - Prescrizioni di sicurezza - Parte 2: Requisiti specifici per impianti con apparecchi per il riscaldamento di tipo domestico alimentati a combustibile solido con caldaia incorporata, con potenza del focolare complessiva non maggiore di 35 kW
  3. 3. Vaso Aperto
  4. 4. Vaso Aperto Gli impianti a vaso aperto devono essere provvisti di: ● Tubo di Sicurezza ● Tubo di Carico ● Termostato di comando del circolatore e Circolatore ● Allarme Acustico ● Termometro / Manometro ● Termostato di blocco (solo per carico automatico)
  5. 5. Vaso Aperto ● Quando il generatore viene fornito senza i dispositivi di sicurezza, quelli mancanti devono essere installati nella tubazione di mandata con una distanza dalla caldaia non maggiore di 1 mt ● I sensori di sicurezza della temperatura devono essere installati a bordo macchina o ad una distanza non maggiore di 30 cm ATTENZIONE!
  6. 6. Caldaie Legna Valvole di scarico termico Servono ad evitare che l’acqua dell’impianto superi la temperatura di sicurezza. Sono utilizzate negli in impianti a caricamento manuale del combustibile solido, dove non e’ possibile interrompere di netto la combustione Dispositivi di scarico termico
  7. 7. Caldaie Legna Valvola di scarico termico
  8. 8. Caldaie Legna Valvole di scarico termico con reintegro In questo caso il sensore esterno agisce sullo stelo che apre sia la via di scarico che la via di reintegro dell’impianto. Solo per impianti sotto i 35kW Dispositivi di scarico termico
  9. 9. Caldaie Legna VST a reintegro
  10. 10. UNI 10412-2 (2009)Vaso Chiuso (P<35kW) Valvola di Sicurezza Termostato di controllo Allarme Termometro Manometro Valvola di scarico di sicurezza termica
  11. 11. Vaso Chiuso (P<35kW) UNI 10412-2 (2009) Nel caso mancasse la valvola di scarico di sicurezza termica Valvola di Sicurezza Termostato di controllo Allarme / Termostato Limite Termometro / Manometro Valvola di scarico con reintegro
  12. 12. Caldaie a caricamento automatico ● Valvola di sicurezza ● Termostato di comando del circolatore ● Termometro / Manometro ● Un dispositivo automatico per la regolazione della temperatura ● Interruttore termico automatico di blocco per garantire l’interruzione dell’alimentazione del combustibile e il non superamento del valore limite di temperatura (110*C) ● Vaso di espansione
  13. 13. Valvole Anticondensa Regola la temperatura di ritorno del generatore evitando formazione di condensa e incrostazioni. Aumentando la vita del generatore
  14. 14. Pericolo Creosoto Il creosoto e’ prodotto dai fumi dei generatori a legna in condizioni di condensa all’interno della caldaia. In particolari condizioni può bruciare e arrivare fino a 1600/1700*C fondendo camini e provocare la rottura delle canne fumarie
  15. 15. Fuliggine incendiata
  16. 16. Condotti per evacuare i fumi − I tratti orizzontali non sono possibili − I cambiamenti di direzione, compreso quello di collegamento alla canna fumaria, non devono essere più di 2 − Per collegare alla canna fumaria le curve con cambio di direzione non possono avere un angolo maggiore di 45° Caminetti Aperti Senza Ventilatore UNI 10683:2012 Capitolo 6.5.3.2
  17. 17. Condotti per evacuare i fumi − La lunghezza del tratto orizzontale deve essere non maggiore di 2 mt − I cambiamenti di direzione, compreso quello di collegamento alla canna fumaria, non devono essere più di 3 − Le curve per il cambio di direzione non possono avere un angolo maggiore di 90° Stufe “Chiuse” Senza Ventilatore UNI 10683:2012 Capitolo 6.5.3.2
  18. 18. Condotti per evacuare i fumi UNI 10683:2012 Capitolo 6.5.3.3 Stufe con Ventilatore 4mt − La lunghezza del tratto orizzontale deve essere non maggiore di 4 mt − I cambiamenti di direzione, compreso quello di collegamento alla canna fumaria, non devono essere più di 3 − Le curve per il cambio di direzione non possono avere un angolo maggiore di 90°
  19. 19. Ventilazione e Aerazione UNI 10683:2012 Capitolo 6.4.1
  20. 20. Accumuli d’acqua / Puffer Generalmente, per il loro dimensionamento di massima, sono proposti i seguenti valori: ● Caldaie a legna: 50/70lt per ogni kW di Pn ● Caldaie a pellet: 15/30lt per ogni kW di Pn In presenza di caldaie molto piccole a pellet lo stesso impianto può fare a accumulo
  21. 21. Multistrato Vaso Aperto VIETATO Vaso Chiuso Non Compatibile
  22. 22. Libretto di Impianto
  23. 23. Libretto di Impianto
  24. 24. Libretto di Impianto
  25. 25. Periodicità delle pulizie UNI 10683:2012 Capitolo 8.2
  26. 26. Patentino Fonti rinnovabili La Giunta Regionale ha approvato la Direttiva per la presentazione di progetti formativi per il rilascio dell’attestato di qualificazione professionale per l’attività di installazione e manutenzione straordinaria di impianti energetici da fonti rinnovabili (FER) ● per i soggetti di cui alla lettera c) del D.M. 22 gennaio 2008 n. 37, è previsto uno specifico percorso di 80 ore (20 ore di modulo propedeutico e 60 ore di modulo specifico) allo scopo di acquisire un idoneo titolo di qualificazione professionale; ● per i soggetti di cui alle lettere a), b), c) , è previsto uno specifico percorso di aggiornamento, con cadenza triennale (a partire dal 01/08/2013), pari a 16 ore
  27. 27. Grazie per l’attenzione!! Andrea Bernardi andrea@studiobernardi.eu
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×