DISCARICA DI RONCAJETTE                  Ponte San Nicolò  RIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA PER RIFIUTI:   un esempio d...
IL BACINO PADOVA 2Comuni appartenenti al Bacino:ABANO TERME, ALBIGNASEGO, CADONEGHE, CAMPODORO,CASALSERUGO, CERVARESE S. C...
DISCARICA DI RONCAJETTE            Ponte San NicolòRIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA:•DALLA gestione dei rifiuti urbani•...
RIQUALIFICAZIONE DISCARICA CON PARCO FOTOVOLTAICOLa discarica per rifiuti urbani di Ponte San Nicolò, dove sono stateconfe...
RIQUALIFICAZIONE DISCARICA CON PARCO FOTOVOLTAICO                                  discarica esaurita nel           IMPIAN...
GESTIONE DELLA DISCARICA RIFIUTIUtilizzazione attuale del territorio                                       Situazione urba...
CARATTERISTICHE DELLA DISCARICACaratterizzazione geologica, idrogeologica, geotecnicaL’area complessiva di discarica è del...
CARATTERISTICHE DELLA DISCARICACaratterizzazione geologica, idrogeologica, geotecnicaAnalisi e studi specifici• analisi de...
Cedimenti terreno (confronto rilievi 2004 e 2006)
CARATTERISTICHE DELLA DISCARICAGestione post-operativa•manutenzione impianti e attrezzature;•manutenzione sponde e copertu...
Distribuzione dei pozzi biogas e percolato80 pozzi biogas (giallo) e 17 pozzi percolato (rosso);                 giallo   ...
CARATTERISTICHE DELLA DISCARICAGestione percolato                                     La gestione del percolato consiste i...
CARATTERISTICHE DELLA DISCARICAGestione biogas                                   Il biogas viene aspirato dai pozzi e     ...
CARATTERISTICHE DELLA DISCARICAGestione acque meteoriche                      Sistema raccolta acque meteoriche consiste i...
IL PROGETTO DI PARCO FOTOVOLTAICO               PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLA DISCARICA               PER RIFIUTI URBANI D...
NORMATIVAGli incentivi alla produzione energetica da fonti rinnovabiliIl progetto fotovoltaico usufruisce degli incentivi ...
NORMATIVALa procedura autorizzativaL’impianto FV è tra gli “Impianti industriali non termici per laproduzione di energia, ...
CRONOPROGRAMMA REALIZZAZIONE IMPIANTO FV  • Inizio cantiere: maggio 2010  • Esecuzione opere preliminari: ultimata il 31.0...
IMPIANTO FOTOVOLTAICOCaratteristiche tecniche generali I moduli fotovoltaici sono disposti secondo file parallele sul terr...
IMPIANTO FOTOVOLTAICOCaratteristiche tecniche generaliIl sistema attuale consiste di:     – 4160 pannelli fotovoltaici pol...
IMPIANTO FOTOVOLTAICOCaratteristiche tecniche generaliPer la realizzazione dell’impianto sono state eseguite le seguenti o...
Planimetria con nuovo progetto fotovoltaico (complessivi 2MWp)
Impianto FV da 1 Megawatt di picco sulla discarica per rifiuti             -cantiere a inizio ottobre 2010-
Planimetria discarica e schema delle linee di flusso dell’acqua     -esondazione fiume Bacchiglione 2 novembre 2010-
Impianto FV da 1 Megawatt di picco sulla discarica per rifiuti          -esondazione fiume Bacchiglione 2 novembre 2010-  ...
Impianto FV da 1 Megawatt di picco sulla discarica per rifiuti               -cantiere 9 novembre 2010-
Impianto FV da 1 Megawatt di picco sulla discarica per rifiuti          -fine posa impianto 10 dicembre 2010-
Alcuni dettagli di installazione del sistema FVLe strutture sono poggiate sul terreno singolarmente e collegate in modo ch...
Alcuni dettagli di installazione del sistema FVE’ stato posato tessuto non tessuto sotto ed intorno alle strutture perevit...
IMPIANTO FOTOVOLTAICOModalità di posizionamento dei pannelli sul terrenoIl suolo di appoggio sconsiglia gli usuali ancorag...
IMPIANTO FOTOVOLTAICOModalità di posizionamento dei pannelli sul terrenoIl contenitore in polietilene riciclato (HDPE)sost...
IMPIANTO FOTOVOLTAICOModalità di posizionamento dei pannelli sul terrenoLa discarica è chiusa da oltre 10 anni quindi lama...
IMPIANTO FOTOVOLTAICORapporto tra impianto FV e discarica La realizzazione dell’impianto fotovoltaico è stata integrata co...
DISCARICA DI RONCAJETTE                      Ponte San NicolòRIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA:DALLA gestione dei rifiut...
CONCLUSIONIL’impatto della realizzazione ed esercizio dell’impianto fotovoltaico risultapoco significativo rispetto alla g...
grazie per                                   l’attenzione!ing. Anna Moretto         bacino.padova2@libero.itEnte di Bacino...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Photovoltaic installation on landfill

1,972
-1

Published on

1MW and more photovoltaic installation

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,972
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Photovoltaic installation on landfill

  1. 1. DISCARICA DI RONCAJETTE Ponte San Nicolò RIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA PER RIFIUTI: un esempio di gestione dei rifiuti urbani, delle energie rinnovabili e della mobilità sostenibileAndrea Atzori / Anna MorettoPietro Baroni / Chiara GregoEnte di Bacino Padova 2M2RESTrasformare aree marginali in risorsa economica sostenibile per le comunità locali2 ottobre 2012
  2. 2. IL BACINO PADOVA 2Comuni appartenenti al Bacino:ABANO TERME, ALBIGNASEGO, CADONEGHE, CAMPODORO,CASALSERUGO, CERVARESE S. CROCE, LIMENA, MESTRINO,MONTEGROTTO TERME, NOVENTA PADOVANA, PADOVA, PONTESAN NICOLÒ, RUBANO, SACCOLONGO, SAONARA, SELVAZZANO,TEOLO, TORREGLIA, VEGGIANO, VILLAFRANCA PADOVANA.Abitanti al 31 dicembre 2011:426.226 abitantiVivono e operano nel Bacino circa il 40%degli abitanti della provincia di Padova edoltre il 50% delle attività produttive.
  3. 3. DISCARICA DI RONCAJETTE Ponte San NicolòRIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA:•DALLA gestione dei rifiuti urbani•CON le energie rinnovabili•PER una mobilità sostenibile
  4. 4. RIQUALIFICAZIONE DISCARICA CON PARCO FOTOVOLTAICOLa discarica per rifiuti urbani di Ponte San Nicolò, dove sono stateconferite complessivamente oltre 800.000 tonnellate di rifiuti, è statain esercizio dal 1989 al 1999, da allora è in gestione post-operativa.Il parco attualmente consiste in un IMPIANTO FOTOVOLTAICO di1MWp di potenza, già installato su circa 2 ettari sul versante suddella discarica.È stato previsto nell’ambito della valorizzazione energetica dell’areadi discarica, accanto al recupero energetico del biogas prodotto dairifiuti.I lavori di realizzazione del 1° lotto dell’impianto °fotovoltaico sono iniziati a maggio e ultimati a dicembre2010.Un ampliamento per arrivare complessivamente a 2 MW è infase di autorizzazione in Regione Veneto.
  5. 5. RIQUALIFICAZIONE DISCARICA CON PARCO FOTOVOLTAICO discarica esaurita nel IMPIANTO novembre del 1999, con FOTOVOLTAICO Collaudo Funzionale della Sistemazione Finale NUOVO IMPIANTO nel 2002. ESISTENTE
  6. 6. GESTIONE DELLA DISCARICA RIFIUTIUtilizzazione attuale del territorio Situazione urbanistica - P.R.G. Le destinazioni d’uso: • Area discarica suscettibile di riqualificazione ambientale e funzionale (lotti B, C, C1) • Area per servizi collegati alla discarica (area Casa, lotto N) • Area di rispetto fluviale (fascia di 50 m ricadente sui lotti N e C1) • Area di vincolo paesaggistico (fascia di 150 m dal fiume, porzione dei lotti N e C1).
  7. 7. CARATTERISTICHE DELLA DISCARICACaratterizzazione geologica, idrogeologica, geotecnicaL’area complessiva di discarica è delimitata da quattro corsi d’acqua.L’origine dei terreni è tipica della pianura alluvionale.La copertura della discarica, dove appoggia l’impianto FV, sopra circa7 metri di rifiuti, è costituita da: Particolare della copertura della discarica
  8. 8. CARATTERISTICHE DELLA DISCARICACaratterizzazione geologica, idrogeologica, geotecnicaAnalisi e studi specifici• analisi delle curve di livello dei rilievi planialtimetrici della discarica;• valutazione dei cedimenti del terreno e sono state realizzate delle mappe;• indagine geognostica sulla discarica con 20 prove penetrometriche dinamiche pesanti ha indicato come realizzabili fondazioni leggere con carico complessivo 1.000 Kg/cm2;• 5 prove di carico su piastra sopra la copertura della discarica, per verificare i reali cedimenti. Piastre circolari di diametro 75 cm e peso totale applicato pari a 150 kg.
  9. 9. Cedimenti terreno (confronto rilievi 2004 e 2006)
  10. 10. CARATTERISTICHE DELLA DISCARICAGestione post-operativa•manutenzione impianti e attrezzature;•manutenzione sponde e copertura;•captazione e recupero energetico del biogas;•captazione e trattamento del percolato;•monitoraggio ambientale.Le aree a verde vengono regolarmente sfalciate e si effettuanocontrolli su dispositivi antincendio e centralina meteo.
  11. 11. Distribuzione dei pozzi biogas e percolato80 pozzi biogas (giallo) e 17 pozzi percolato (rosso); giallo rossotorcia e 3 motori per recupero energetico biogas ; 2+4 serbatoi stoccaggio percolato
  12. 12. CARATTERISTICHE DELLA DISCARICAGestione percolato La gestione del percolato consiste in: • aspirazione dai pozzi e accumulo automatico in serbatoi di stoccaggio; • invio ad impianto di depurazione mediante autobotte; • monitoraggio e analisi.Pozzo di raccolta del percolato PRODUZIONE DI PERCOLATO mc discarica di PONTE SAN NICOLO, lotti B e C 12.000 10.000 8.000 6.000 4.000 2.000 - 1997 1999 2001 2003 2005 2007 2009 2011 annoSerbatoi di accumulo del percolato
  13. 13. CARATTERISTICHE DELLA DISCARICAGestione biogas Il biogas viene aspirato dai pozzi e avviato ai motori di generazione di energia elettrica. Nel 2003, è stato installato un impianto di recupero energetico, con relativa cabina ENEL. È presente una torcia di sicurezza. Produzione 2011, 1.600.000 KWh Produzione di energia da biogas kWh discarica di Ponte San Nicolò, lotti B e C 4.000.000 3.000.000 2.000.000 1.000.000Motori per recupero energetico e 0pozzo di captazione biogas 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011
  14. 14. CARATTERISTICHE DELLA DISCARICAGestione acque meteoriche Sistema raccolta acque meteoriche consiste in: • inghiottitoio perimetrale sulla superficie sommitale dei lotti, che riceve le acque di ruscellamento della copertura; • scolina perimetrale in cemento alla base delle scarpate della discarica; • embrici in cls di raccordo tra l’inghiottitoio e la scolina perimetrale; • tubazioni interrate di scarico nell’idrografia locale.
  15. 15. IL PROGETTO DI PARCO FOTOVOLTAICO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLA DISCARICA PER RIFIUTI URBANI DI PONTE SAN NICOLO’IMPIANTO FOTOVOLTAICO
  16. 16. NORMATIVAGli incentivi alla produzione energetica da fonti rinnovabiliIl progetto fotovoltaico usufruisce degli incentivi previsti dal D.M. 19febbraio 2007 “II CONTO ENERGIA”.L’impianto è realizzato a terra, non integrato architettonicamente, eall’energia prodotta è riconosciuto un incentivo per 20 anni.L’impianto è stato realizzato ed ègestito da APS Holding spa delComune di Padova, in ATI conSinergie spa, gruppo AcegasAps, cheautoconsumerà l’energia prodotta peralimentare la linea del tram cittadino.
  17. 17. NORMATIVALa procedura autorizzativaL’impianto FV è tra gli “Impianti industriali non termici per laproduzione di energia, vapore ed acqua calda” e l’area di interventonon ricade in aree protette.L’intervento, per le sue dimensioni, è stato soggetto a verifica diimpatto ambientale (Screening VIA).La costruzione e lesercizio dell’impianto è stata soggetta adautorizzazione unica, rilasciata dal Comune (L. 387/2003 DGR Veneto2204/2008 e 2373/2009).L’impianto FV ha presentato Screening VIA a dicembre 2007ricevuto parere favorevole di VIA dalla Regione Veneto aluglio 2009 e autorizzazione comunale ad ottobre 2010.La procedura di Screening VIA per il nuovo impianto è stataavviata dalla Regione il 3 agosto 2012, procedimento unicoregionale.
  18. 18. CRONOPROGRAMMA REALIZZAZIONE IMPIANTO FV • Inizio cantiere: maggio 2010 • Esecuzione opere preliminari: ultimata il 31.08.2010 • Acquisizione dei materiali: settembre 2010 • Inizio posa impianto: 13.09.2010 • Fine posa impianto: 10.12.2010 • Parallelo con la rete ENEL eseguito il 27.04.2011 • Inizio esercizio: 26.05.2011 con l’avviamento degli inverter e del cabinato e inizio della produzione di energia elettrica incentivata.
  19. 19. IMPIANTO FOTOVOLTAICOCaratteristiche tecniche generali I moduli fotovoltaici sono disposti secondo file parallele sul terreno, rivolte a SUD, la distanza tra le file è circa 1,5 m, per evitare l’ombreggiamento.I moduli hanno un’inclinazione sul piano dell’orizzonte di circa 25°.La produzione elettrica nel primo anno di esercizio è stata di1.282.150 kWh.La superficie occupata dall’impianto è di circa 19.500 mq,di cui 7.300 mq di superfici captante dei moduli FV,oltre a circa 90 mq di fabbricato tecnico.Area cantiere di circa 300 mq.Durata cantiere circa 6 mesi.
  20. 20. IMPIANTO FOTOVOLTAICOCaratteristiche tecniche generaliIl sistema attuale consiste di: – 4160 pannelli fotovoltaici policristallini di potenza 240 Wp; – contenitori predisposti per il montaggio dei moduli o pannelli; – 20 quadri di campo ciascuno per il collegamento di 16 stringhe ciascuna costituita da 13 moduli; – 2 sistemi di conversione - inverter.L’ampliamento in progetto consiste di: – 4136 pannelli fotovoltaici policristallini di potenza 240 Wp; – 4 stringhe costituite da 22 moduli per inverter; – 47 sistemi di conversione - inverter.
  21. 21. IMPIANTO FOTOVOLTAICOCaratteristiche tecniche generaliPer la realizzazione dell’impianto sono state eseguite le seguenti opere:• apporto di terreno vegetale per livellamento area, spessore medio 30 cm;• viabilità interna in terra battuta;• realizzazione arginello in terreno per inserimento plinti di sostegno della recinzione, rete metallica di 1,5 m, e canalette di scolo per evitare potenziali ristagni d’acqua a ridosso degli arginelli della recinzione interna;• posa e zavorramento del geotessuto e dei contenitori;• fissaggio dei moduli FV;• realizzazione locale tecnico contenente le apparecchiature tecnologiche per il funzionamento dell’impianto oltre ad una cabina adibita all’allaccio alla rete, locale consegna ed elettrodotto, direttamente accessibile ad ENEL.
  22. 22. Planimetria con nuovo progetto fotovoltaico (complessivi 2MWp)
  23. 23. Impianto FV da 1 Megawatt di picco sulla discarica per rifiuti -cantiere a inizio ottobre 2010-
  24. 24. Planimetria discarica e schema delle linee di flusso dell’acqua -esondazione fiume Bacchiglione 2 novembre 2010-
  25. 25. Impianto FV da 1 Megawatt di picco sulla discarica per rifiuti -esondazione fiume Bacchiglione 2 novembre 2010- IMPIANTO FOTOVOLTAICO ROTTURA ARGINE FIUME BACCHIGLIONERICOSTRUZIONE ARGINE
  26. 26. Impianto FV da 1 Megawatt di picco sulla discarica per rifiuti -cantiere 9 novembre 2010-
  27. 27. Impianto FV da 1 Megawatt di picco sulla discarica per rifiuti -fine posa impianto 10 dicembre 2010-
  28. 28. Alcuni dettagli di installazione del sistema FVLe strutture sono poggiate sul terreno singolarmente e collegate in modo cheeventuali cedimenti differenziali non impediscano il funzionamentodell’impianto. Guaine metalliche per proteggere i cavi dagli animali selvatici.
  29. 29. Alcuni dettagli di installazione del sistema FVE’ stato posato tessuto non tessuto sotto ed intorno alle strutture perevitare la crescita di erba.
  30. 30. IMPIANTO FOTOVOLTAICOModalità di posizionamento dei pannelli sul terrenoIl suolo di appoggio sconsiglia gli usuali ancoraggi per le strutture disostegno dei moduli (basamenti, plinti o palificazioni metalliche).Deve essere facilitato l’eventuale spostamentodi frazioni dell’impianto FV per migliorare lacaptazione del biogas.Sono stati installati speciali contenitori postidirettamente sul capping dopo: • riporto e livellamento del terreno • posa di una geomembrana in tessuto non tessuto larga 1 m per evitare la crescita di erba vicino ai moduli. Pozzetti e rete di captazione biogas
  31. 31. IMPIANTO FOTOVOLTAICOModalità di posizionamento dei pannelli sul terrenoIl contenitore in polietilene riciclato (HDPE)sostiene un singolo modulo di dimensioni1,6 m x 1 m assicurato tramite carpenteriametallica.Il supporto, con fori di drenaggio, viene riempitocon zavorra di terra avente peso definito.Il peso minimo del modulo di sostegno + zavorra + pannello FV è pari a100 Kg (corrispondente ad una zavorra di 80 Kg).Il cedimento massimo, risultato dalle prove di carico, è < 1 mm,compatibile con le caratteristiche della superficie, che sopporta il transitodi automezzi per la manutenzione della copertura erbosa e della retebiogas.
  32. 32. IMPIANTO FOTOVOLTAICOModalità di posizionamento dei pannelli sul terrenoLa discarica è chiusa da oltre 10 anni quindi lamaggior parte dei cedimenti interni del corporifiuti sono già avvenuti.Il sistema dei pannelli FV non è rigido ma ingrado di sopportare gli ulteriori cedimenti che ilcorpo rifiuti potrebbe subire.I contenitori di supporto ai pannelli nondevono essere fissati uno all’altro, il loro pesoè sufficiente per mantenerli in posizione.L’impianto FV è installato totalmente a vista enon ci sono opere interrate.
  33. 33. IMPIANTO FOTOVOLTAICORapporto tra impianto FV e discarica La realizzazione dell’impianto fotovoltaico è stata integrata con la gestione post-operativa della discarica di rifiuti: –ha comportato un riordino della rete di captazione del biogas –non interferisce con i pozzi di raccolta del percolato –consente la regolare manutenzione delle reti presenti –non influisce sul naturale cedimento biologico della discarica e non crea modificazioni nella morfologia.
  34. 34. DISCARICA DI RONCAJETTE Ponte San NicolòRIQUALIFICAZIONE DELLA EX DISCARICA:DALLA gestione dei rifiuti urbaniproduzione 1.600.000 kWh pari al fabbisogno di 1600 personeCON le energie rinnovabiliproduzione attuale 1.282.150 kWh pari al fabbisogno di 1280 personePER una mobilità sostenibilesolare discarica attuale pari al 20% (diventerà il 40%) dell’energiaconsumata dal tram di Padova, con i suoi 14 veicoli da 180 passeggeri l’uno*Fabbisogno energetico circa 1.000 KWh procapite
  35. 35. CONCLUSIONIL’impatto della realizzazione ed esercizio dell’impianto fotovoltaico risultapoco significativo rispetto alla gestione ordinaria e straordinaria di unadiscarica.La realizzazione di un impianto FV, è interessante per:• i vantaggi tecnici ed economici sulla gestione del post-esercizio della discarica,• la sinergia con il recupero energetico da biogas.I tempi del processo autorizzativo non garantiscono gli incentivi energetici,ed è problematica la valutazione economica degli interventi.Gli impianti FV potrebbero costituire: un’utile sistemazione finale per le coperture delle discariche esaurite, un ulteriore ricavo, analogo agli incentivi sul recupero energetico delbiogas, a sconto della tariffa di smaltimento o come fondo-rischiambientali aggiuntivo per la gestione post-operativa. un contributo per una mobilità urbana sostenibile con l’utilizzodell’energia per alimentare mezzi di trasporto pubblico elettrici.
  36. 36. grazie per l’attenzione!ing. Anna Moretto bacino.padova2@libero.itEnte di Bacino Padova 2 www.novambiente.it

×