Discriminazione Della Donna In Africa Castello Piccardo

  • 8,252 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
8,252
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
33
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Di Marta Piccardo e Caterina Castello
  • 2. è il trattamento non paritario attuato nei confronti di un individuo o un gruppo di individui in virtù della loro appartenenza ad una particolare categoria
  • 3. Qualsiasi distinzione, La discriminazione a cui Forse più grave è il esclusione, o restrizione la donna è sottoposta trattamento sociale che ha come effetto quello nel mondo ha raggiunto a cui è sottoposta la di compromettere il il culmine. Ciò la rende donna. La storia riconoscimento o inferiore a livello dell’umanità è stata l’esercizio delle donne, economico, culturale e un susseguirsi di minacciando così i diritti persino sociale. In una torti e usurpazioni dell’uomo e le sue libertà società così evoluta da parte degli fondamentali in campo come la nostra, tale uomini a danno del politico, economico, situazione è mondo femminile. sociale, culturale, civile. inaccettabile.
  • 4. Stupro Mutilazione Matrimonio dei genitali precoce DISCRIMINAZIONI PIÙ Avanti FREQUENTI Libertà Povertà e negata violenza
  • 5. Lo “stupro correttivo”, in cui un alunno maschio stupra una alunna per “renderla eterosessuale”, è un fenomeno crescente nelle scuole sudafricane. Lo stupro viene usato anche come arma di guerra, per esempio nel Darfur, devastato dalla guerra, l'alta incidenza di stupri e violenze sessuali ai danni di donne e adolescenti infierisce ancora di più nella drammatica situazione del paese.
  • 6. In troppi paesi dove la popolazione vive in estrema povertà, tra i quali l’Africa, la metà di tutte le bambine e ragazze Il direttore generale vengono maritate prima dell’UNICEF afferma che forzare dei 18 anni. dei bambini, specialmente femmine, al matrimonio in giovane età può essere fisicamente e moralmente dannoso e inoltre viola i diritti alla libertà e alla crescita.
  • 7. La donna in Africa è costretta a rinunciare alla sua piena libertà. Queste elencate sono le scelte principali di cui la donna non ha voce in capitolo: •Scelta dell’istruzione •Scelta del marito •Scelte nella vita coniugale
  • 8. La mutilazione genitale femminile ha una diffusione molto maggiore di quanto si sia pensato finora. Nel solo continente africano, tre milioni di bambine e di donne all'anno subiscono una mutilazione genitale femminile. Questa cifra è notevolmente superiore alla precedente stima di due milioni.
  • 9. In Africa, la donna, poiché considerata inferiore, subisce spesso questi tipi di discriminazione ancora oggi. Dei grandi ostacoli sociali impediscono alle donne africane di poter avere le stesse possibilità degli uomini: tra il 10 e il 50% delle donne adulte hanno subito degli atti di violenza commessi dal loro marito o dal compagno.
  • 10. In Africa solo il 10% delle donne ha poteri decisionali nell’economia. Il lavoro delle donne è “Femminilizzazione della concentrato prevalentemente povertà”. È un circolo nell’agricoltura, infatti vizioso che getta un costituiscono il 60% della forza peso enorme su milioni lavoro agricola e producono DISCRIMINAZIONE di donne. Ciò è dovuto fino all’80% delle derrate SUL LAVORO in gran parte all’ingiusto alimentari. trattamento riservato alle donne sul mercato del lavoro. Le donne guadagnano in generale il 78% in meno del salario degli uomini dello stesso Quando le donne accedono settore. Certi paesi sono riusciti al lavoro, devono sottostare a ridurre questa condizione. a delle severe condizioni.
  • 11. Violenze sessuali subite sul posto di lavoro La maggior parte delle volte gli aggressori • paura di perdere il posto di lavoro sono degli impiegati o i loro capi. Subite • paura di vedersi oggetto di critiche queste violenze le donne ne parlano poco malintenzionate. tra colleghi e sporgono raramente denuncia. Numerosi sono quelli che attribuiscono la violenza sessuale al comportamento della vittima (è troppo provocante, si trucca in modo eccessivo, ha dei comportamenti equivoci ecc). Però qualche testimonianza comincia a vedere la luce: alcune donne africane iniziano a parlarne e perfino a sporgere denuncia.
  • 12. Questo sistema include alcuni punti che La donna nelle costituzioni vengono contestati dalle associazioni islamiche: per esempio in tutti i femministe: il mantenimento della paesi islamici, vi è un’ideologia poligamia, l’introduzione del divorzio patriarcale dove la donna è spesso giudiziario, il diritto limitato per la donna esclusa o emarginata dalla sfera di ottenere il divorzio, la conservazione pubblica, e nella sfera privata del divorzio unilaterale dello sposo, e possiede uno statuto di inferiorità. infine il mantenimento del tutore matrimoniale. Per esempio la donna non ha la possibilità di richiedere il divorzio senza il consenso del marito, mentre quest’ultimo lo può richiedere liberamente senza consultare la moglie.
  • 13. AMBITO EDUCATIVO AMBITO SANITARIO Fine
  • 14. Nonostante la modesta scolarizzazione femminile, il tasso di analfabetismo delle donne africane continua ad essere particolarmente elevato: si aggira intorno al 67% contro i 41% degli uomini. I due terzi degli analfabeti nel mondo sono donne. Il problema si concentra soprattutto nei paesi in via di sviluppo. Infatti le ragazze hanno un maggior carico di lavoro e minori possibilità di frequentare la scuola.
  • 15. Caratteristiche della sanità africana: •Insufficienza di metodi contraccettivi •Frequenti i metodi tradizionali per il parto •Condizioni igieniche precarie
  • 16. Ci fanno compagnia certe lettere d'amore parole che restano con noi, e non andiamo via ma nascondiamo del dolore che scivola, lo sentiremo poi, abbiamo troppa fantasia, e se diciamo una bugia è una mancata verità che prima o poi succederà cambia il vento ma noi no e se ci trasformiamo un po' è per la voglia di piacere a chi c'è già o potrà arrivare a stare con noi, siamo così è difficile spiegare certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui, con le nostre notti bianche, ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro quot;siquot;. In fretta vanno via della giornate senza fine, silenzi che familiarità, e lasciano una scia le frasi da bambine che tornano, ma chi le ascolterà... E dalle macchine per noi i complimenti dei playboy ma non li sentiamo più se c'è chi non ce li fa più cambia il vento ma noi no e se ci confondiamo un po' è per la voglia di capire chi non riesce più a parlare ancora con noi. Siamo così, dolcemente complicate, sempre più emozionate, delicate , ma potrai trovarci ancora qui nelle sere tempestose portaci delle rose nuove cose e ti diremo ancora un altro quot;siquot;, è difficile spiegare certe giornate amare, lascia stare, tanto ci potrai trovare qui, con le nostre notti bianche, ma non saremo stanche neanche quando ti diremo ancora un altro quot;siquot; Fiorella Mannoia
  • 17. http://doc.studenti.it/appunti/ricerche/discriminazione-donna.html http://www.romaeconomia.it/sezionihtml/dipartimento15/millennium/Docs/Ago ra3.pdf http://it.wikipedia.org/wiki/Condizione_della_donna_nell'Islam http://www.studentville.it http://www.divercity.na.it/2008/sud-africa-stupri/ http://www.medicisenzafrontiere.it/msfinforma/comunicati_stampa.asp?id=811 http://www.unicef.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/1060