DEFINIZIONE DI CONSUMATORE OBIETTIVO: Comprendere, da un punto di vista giurisprudenziale la definizione di consumatore ai...
NOZIONE DI CONSUMATORE PRIMA DEL CODICE DI CONSUMO <ul><li>La nozione di consumatore non appartiene alla nostra tradizione...
NOZIONE DI CONSUMATORE PRIMA DEL CODICE DI CONSUMO <ul><li>ART 3 , Co 1 , Lett. a : </li></ul><ul><li>Il Consumatore è: </...
<ul><li>Tale definizione si  </li></ul><ul><li>compone di due  </li></ul><ul><li>elementi: </li></ul>ELEMENTO SOGGETTIVO: ...
LE 3 TEORIE <ul><li>TEORIA DELLA ‘COMPETENZA’   distingue tra:  </li></ul><ul><li>▪   ATTI DELLA PROFESSIONE  </li></ul><u...
SOCIETA’ CATTOLICA ASSICURAZIONE vs SIGNORA B. D. <ul><li>IL CASO </li></ul><ul><li>La  Società Cattolica di Assicurazione...
<ul><li>LA SENTENZA </li></ul><ul><li>La Suprema Corte di Cassazione ha accolto il ricorso e ha qualificato la cliente com...
Sentenza Index Europea s.p.a . <ul><li>Il fatto : Un consulente legale nell’ambito della propria attività professionale st...
<ul><li>Orientamento della Corte di Giustizia : A differenza dell’ordinamento francese, troviamo una una concezione restri...
L’USO PARZIALMENTE PROFESSIONALE ESCLUDE LA TUTELA PREVISTA PER IL CONSUMATORE Sentenza 20 Gen. 2005 <ul><li>IL CASO:  Agr...
<ul><li>La Corte d’appello invoca l’aiuto del Giudice Comunitario riguardo quali fossero i criteri per stabilire quando il...
<ul><li>Da qui il problema del giudice austriaco di individuare la finalità del contratto stipulato dal sig.Gruber  </li><...
Sentenza Patanè vs DHL International s.r.l. <ul><li>IL CASO: </li></ul><ul><li>Una persona fisica, un pittore e scultore  ...
<ul><li>LA SENTENZA: </li></ul><ul><li>L’ammontare complessivo del danno era stato quantificato in lire trenta milioni. La...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Definizione di consumatore

4,790 views
4,606 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
4,790
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
17
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Definizione di consumatore

  1. 1. DEFINIZIONE DI CONSUMATORE OBIETTIVO: Comprendere, da un punto di vista giurisprudenziale la definizione di consumatore ai fini di identificare l’ambito di applicazione delle norme nazionalicomunitarie, attraverso l’analisi di alcune sentenze.
  2. 2. NOZIONE DI CONSUMATORE PRIMA DEL CODICE DI CONSUMO <ul><li>La nozione di consumatore non appartiene alla nostra tradizione giuridica essendo di derivazione comunitaria. </li></ul><ul><li>Il termine ‘consumatore’ non ha mai trovato un univoca definizione legislativa, poiché la stessa accezione era rinvenibile in numerose normative speciali e nel Codice Cilvile.. </li></ul><ul><li>..FINO AL 2005 anno in cui è stato introdotto il CODICE DEL CONSUMO ( d.lgs N 206) </li></ul>
  3. 3. NOZIONE DI CONSUMATORE PRIMA DEL CODICE DI CONSUMO <ul><li>ART 3 , Co 1 , Lett. a : </li></ul><ul><li>Il Consumatore è: </li></ul><ul><li>‘ LA PERSONA FISICA CHE AGISCE PER </li></ul><ul><li>SCOPI ESTRANEI ALL’ATTIVITA’ </li></ul><ul><li>IMPRENDITORIALE O PROFESSIONALE </li></ul><ul><li>EVENTUALMENTE SVOLTA ’ </li></ul>
  4. 4. <ul><li>Tale definizione si </li></ul><ul><li>compone di due </li></ul><ul><li>elementi: </li></ul>ELEMENTO SOGGETTIVO: PERSONA FISICA Nessuna persona giuridica né ente possono essere considerati consumatori,eccetto i condomini. ELEMENTO OGGETTIVO: AGIRE PER SCOPI ESTRANEI ALL’ATTIVITA’ IMPRENDITORIALE- PROFESSIONALE TEORIA DELLA COMPETENZA TEORIA DELLO SCOPO DELL’AZIONE TEORIA ESTREMISTICA
  5. 5. LE 3 TEORIE <ul><li>TEORIA DELLA ‘COMPETENZA’ distingue tra: </li></ul><ul><li>▪ ATTI DELLA PROFESSIONE </li></ul><ul><li>▪ ATTI RELATIVI ALLA PROFESSIONE </li></ul><ul><li>E’ considerato consumatore la persona fisica che , pur agendo nel quadro della propria attività professionale stipuli contratti che non rientrano direttamente nell’oggetto dell’attività. </li></ul><ul><li>TEORIA DELLO SCOPO DELL’AZIONE </li></ul><ul><li>Per qualificare un soggetto come consumatore o professionista risulta necessario individuare lo scopo dell’attività svolta dal soggetto. </li></ul><ul><li>▪ BISOGNO PRIVATO </li></ul><ul><li>▪ BISOGNO PROFESSIONALE </li></ul><ul><li>TEORIA ESTREMISTICA </li></ul><ul><li>? </li></ul>
  6. 6. SOCIETA’ CATTOLICA ASSICURAZIONE vs SIGNORA B. D. <ul><li>IL CASO </li></ul><ul><li>La Società Cattolica di Assicurazione conviene davanti al Giudice di Pace di Verona una sua cliente, la signora B.D ., per sentirla condannare al pagamento della rata scaduta del premio del contratto di assicurazione, che la stessa aveva stipulato per la copertura dei rischi derivanti dall’esercizio della sua attività agricola. </li></ul><ul><li>Il Giudice di Pace di Verona ha ritenuto che l’imprenditrice era qualificabile nei confronti della compagnia di assicurazione come un consumatore finale , ed ha rilevato la propria incompetenza territoriale a favore del giudice dove ha sede l’azienda agricola. La compagnia di assicurazioni ha ricorso ricorso per Cassazione contro tale decisione. </li></ul>
  7. 7. <ul><li>LA SENTENZA </li></ul><ul><li>La Suprema Corte di Cassazione ha accolto il ricorso e ha qualificato la cliente come professionista aderendo a quell’orientamento dottrinale, che basandosi sulla teoria dello scopo, considera consumatore ‘ ’la persona fisica che, pur svolgendo attività imprenditoriale, conclude un contratto per la soddisfazione di esigenze della vita quotidiana estranee all’esercizio di dette attività .’’ </li></ul><ul><li>In questo caso invece la Signora B. D. stipulando la polizza di assicurazione per la propria azienda, pone in essere un contratto per uno scopo connesso all’esercizio dell’attività imprenditoriale e quindi non è un consumatore. </li></ul>
  8. 8. Sentenza Index Europea s.p.a . <ul><li>Il fatto : Un consulente legale nell’ambito della propria attività professionale stipula un contratto con la Index Europea s.p.a. avente ad oggetto la consultazione di banche dati giuridiche in formato elettronico. In seguito si avvede che il servizio offerto non è idoneo a soddisfare tale esigenza e decide di esercitare il diritto di recesso in materia di contratti negoziati fuori dai locali commerciali (applicazione della norma a tutela del consumatore). </li></ul><ul><li>Nozione di consumatore : Il consulente legale riprende la distizione tra atti della professione e atti relativi alla professione (riferimenti alle clausole vessatorie). </li></ul><ul><li>Code de la consommation : tra i soggetti tutelati, accanto ai consommateurs, vengono espressamente richiamati anche i non professionnels. </li></ul>
  9. 9. <ul><li>Orientamento della Corte di Giustizia : A differenza dell’ordinamento francese, troviamo una una concezione restrittiva della nozione di consumatore. L’uso professionale deve essere talmente marginale da avere un ruolo trascurabile nel contesto globale dell’operazione. </li></ul><ul><li>Corte Costituzionale : Pur dovendosi condividere l’affermazione della compatibilità costituzionale della normativa delle clausole vessatorie, non appaiono persuasivi gli argomenti adotti dai giudici costituzionali. </li></ul><ul><li>Conclusione : In presenza di contratti conclusi nell’attività professionale non può essere applicata la disciplina delle clausole vessatorie mancando la qualificazione soggettiva di consumatore. </li></ul>
  10. 10. L’USO PARZIALMENTE PROFESSIONALE ESCLUDE LA TUTELA PREVISTA PER IL CONSUMATORE Sentenza 20 Gen. 2005 <ul><li>IL CASO: Agricoltore austriaco,Sig. Gruber, acquista delle tegole per ricoprire il tetto della fattoria da un rivenditore tedesco. </li></ul><ul><li>La fattoria, i cui tetti sono da ricoprire, è usata in parte per uso abitativo ed in parte per uso professionale(allevamento animali)(..) </li></ul><ul><li>Una volta acquistato e ricoperto il tetto, le tegole sono risultate difettose. L’agricoltore si è ,quindi, rivolto al giudice austriaco chiedendo il risarcimento del danno(…). Il giudice di primo grado ha accolto le pretese del ricorrente. </li></ul><ul><li>La società commerciale tedesca ha ,successivamente, fatto ricorso alla Corte d’Appello Austriaca in quanto secondo questa il giudice di prima istanza non sarebbe competente(secondo l’art 14 Convenzione di Bruxelles 1968) (…) </li></ul>
  11. 11. <ul><li>La Corte d’appello invoca l’aiuto del Giudice Comunitario riguardo quali fossero i criteri per stabilire quando il contratto concluso da una parte possa considerarsi fatto in qualità di consumatore o di professionista. </li></ul><ul><li>L’ART 14 della CONVENZIONE DI BRUXELLES (1968 in materia di competenza giurisdizionale e delle decisioni civili e commerciali) punta la sua attenzione sulla distinzione tra contratto generale e contratto concluso dal consumatore. </li></ul><ul><li>CONTRATTO GENERALE: il convenuto domiciliato nel territorio di uno stato contraente sarà citato nello Stato in cui deve essere posta in essere l’obbligazione oggetto del contratto. </li></ul><ul><li>CONTRATTO STIPULATO DAL CONSUMATORE: l’azione del consumatore contro l’altra parte può essere proposta sia davanti davanti ai giudici nello stato in cui l’altra parte ha il domicilio che davanti al giudice dello stato in cui il consumatore ha il proprio domicilio. </li></ul>
  12. 12. <ul><li>Da qui il problema del giudice austriaco di individuare la finalità del contratto stipulato dal sig.Gruber </li></ul><ul><li>SENTENZA: </li></ul><ul><li>Un soggetto che ha stipulato un contratto relativo ad un bene destinatoa un uso in parte professionale , in parte estraneo alla sua attività, non ha il diritto di avvalersi del beneficio delle regole di competenza specifiche previste dalla convenzione di Bruxelles in tema di contratti stipulati dai consumatori a meno che l’uso professionale sia tanto marginale da avere un ruolo trascurabile nel complesso dell’operazione </li></ul><ul><li>Spetta al giudice adito a decidere se il contratto in questione sia stato concluso per scopi professionali o l’uso professionale rivesta solo un ruolo marginale(…) </li></ul>
  13. 13. Sentenza Patanè vs DHL International s.r.l. <ul><li>IL CASO: </li></ul><ul><li>Una persona fisica, un pittore e scultore Gaetano Patanè stipula un contratto di trasporto di una statua e di alcuni documenti da mandare ad un concorso con la DHL International s.r.l. Il contratto quindi viene concluso tra un consumatore e un professionista. La statua e i documenti sono di valore e riguardano certamente l’attività dello scultore perché sono fatte trasportare ai fini della partecipazione al concorso. La DHL smarrisce le cose dello scultore, il quale agisce nei suoi confronti chiedendo il risarcimento del danno. </li></ul>
  14. 14. <ul><li>LA SENTENZA: </li></ul><ul><li>L’ammontare complessivo del danno era stato quantificato in lire trenta milioni. La DHL preliminarmente ha limitato la propria responsabilità al pagamento di sole lire cinquanta mila, perché le parti avevano stipulato una clausola di limitazione di responsabilità . </li></ul><ul><li>Di conseguenza lo scultore fa ricorso al Tribunale di Roma, il quale afferma che quest’ultimo si può considerare un consumatore ai fini dell’applicazione della disciplina generale dei contratti dei consumatori, e così la clausola di limitazione è inefficace . </li></ul><ul><li>Nella sentenza è riscontrabile una nozione estesa di consumatore riferita anche al consumatore-professionista , in quanto il contratto stipulato dallo scultore non rientra tra gli atti tipici della sua professione ma risulta piuttosto concluso per uno scopo extra-professionale . Il consumatore-professionista agisce rispetto alla DHL senza pari “competenza”. </li></ul>..risulta quindi CONSUMATORE e NON PROFESSIONISTA

×