• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
[Maratona Lombardia] Servizi alla persona nei piccoli comuni
 

[Maratona Lombardia] Servizi alla persona nei piccoli comuni

on

  • 2,012 views

Intervento di Luca Bramati - Ancitel Lombardia

Intervento di Luca Bramati - Ancitel Lombardia
MARATONA DELLA CONOSCENZA - Lombardia in sintesi (Milano, Palazzo delle Stelline RisorseComuni - aprile 2007)

Statistics

Views

Total Views
2,012
Views on SlideShare
2,005
Embed Views
7

Actions

Likes
0
Downloads
23
Comments
0

1 Embed 7

http://www.slideshare.net 7

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    [Maratona Lombardia] Servizi alla persona nei piccoli comuni [Maratona Lombardia] Servizi alla persona nei piccoli comuni Presentation Transcript

    • I servizi alla persona nei piccoli comuni di Luca Bramati Ancitel Lombardia
    • I servizi alla persona erogati dagli enti locali
      • Diritto allo Studio
      • Servizi Sociali erogati e forme di gestione
      • Edilizia residenziale Pubblica
      • Prospettive di azione per il miglioramento dei sistemi amministrativi dei piccoli Comuni. La percezione dei Sindaci
    • Diritto allo studio Criteri di rilevazione dei dati
      • I dati raccolti tramite un questionario di rilevazione inviato a tutti i comuni della Lombardia
      • Al questionario di rilevazione hanno risposto 977 comuni su 1546, ovvero il 63% del totale. La popolazione coinvolta è pari a circa il 70% di quella totale.
    • Diritto allo Studio Tipologia dei servizi Servizi di qualificazione   Servizi di accessibilità      
    • Diritto allo Studio Tipologia dei servizi
      • Art. 2 della L.R. 31/80.
      • Servizi “di accessibilità”: […] a facilitare la frequenza delle scuole materne e dell’obbligo a consentire l’inserimento nelle strutture scolastiche e la socializzazione dei minori disadattati o in difficoltà di sviluppo o di apprendimento […]
      • Servizi “di qualificazione”: favorire le innovazioni educative e didattiche che consentano una ininterrotta esperienza educativa in stretto collegamento tra i vari ordini di scuola, strutture parascolastiche e società […]” .
      • Buon utilizzo (60% dei comuni indagati) di strumenti di collaborazione (convenzioni o accordi) con le istituzioni scolastiche
      • Scarso utilizzo (20% dei comuni indagati) tra Comuni e altre istituzioni, Province, Asl, PdZ.
            ”
    • Diritto allo Studio Tipologia dei servizi
      • Servizi Tradizionali: Servizi tipici del diritto allo studio che trovano il loro riferimento normativo nella L.R. 31/80.
      • Servizi Aggiuntivi: Servizi che i Comuni erogano per rispondere ad esigenze precipue del loro contesto territoriale .
      • Aree di potenziamento: Aree di intervento che necessitano di un potenziamento, qualora fosse già attivo un servizio corrispondente .
      • Aree emergenti : Aree di intervento che necessitano di un potenziamento, qualora fosse già attivo un servizio corrispondente, oppure dell’istituzione di un servizio assente
    • Diritto allo studio Servizi Tradizionali Servizi per il diritto allo studio nei Comuni lombardi. Presenza del servizio. (Scuola per l’infanzia)   Servizi per il diritto allo studio nei Comuni lombardi. Presenza del servizio (scuola primaria secondaria di 1° grado) I servizi tradizionali maggiormente presenti nei comuni lombardi sono quelli di supporto diretto al funzionamento del sistema scolastico
    • Diritto allo Studio Servizi tradizionali   Percentuale di presenza del servizio per fasce di popolazione. (Scuola per l’infanzia)   I servizi relativi sia alla scuola per l’infanzia, sia relativi alla scuola primaria e secondaria di primo grado seguono un andamento tendenzialmente proporzionale alla dimensione dei comuni. Servizi per il diritto allo studio nei Comuni lombardi. Ripartizione percentuale dei servizi per fascia di popolazione
    • Diritto allo Studio Servizi Aggiuntivi Duplice interpretazione Rappresentano parte dei bisogni del territorio Segnalano la capacità di adeguare i servizi alle necessità mutevoli del proprio contesto
    • Diritto allo Studio Servizi Aggiuntivi
      • Integrazione stranieri : servizi maggiormente frequenti nelle zone ad alto tasso di attrattività migratoria
      • Contributi alle famiglie (finanziati con fondi comunali) 32%
      • Sostegno psicopedagogico rivolti sia ai genitori che agli alunni. 29%
    • Diritto allo Studio Aree di potenziamento
      • Meno della metà dei Comuni (45%) ritiene opportuno potenziare dei servizi esistenti. Vi è una leggera relazione con la dimensione dei Comuni, ovvero tendenzialmente sono i Comuni di maggiori dimensioni a segnalare opportuno un potenziamento dei servizi tradizionali.
      Contributi diretti per il diritto allo studio erogati  
    • Diritto allo Studio Aree di bisogno emergente
      • L’Area stranieri è stata segnalata da tutti i Comuni come un bisogno impellente, un bisogno che non riesce ad essere soddisfatto solo con i servizi aggiuntivi
      Servizi per il diritto allo studio nei Comuni lombardi. Aree di bisogno emergenti   Nell’ordine le province di Milano, Mantova, Lecco, Brescia e Bergamo sentono più delle altre province lombarde il bisogno di interventi specifici.
    • Diritto allo Studio Spesa della Regione
      • 53.680.281 stanziati dalla regione
      • 36.417.506 di euro sono destinati ai buoni scuola
      • 17.262.775 sono divisi tra:
      • fondi per gli Assegni studio ( €. 1.032.000)
      • finanziamenti previsti dalla legge regionale 31/80 che norma il diritto allo studio (€. 5.883.709).
      •  
      Fonte: nostra elaborazione su dati Regione Lombardia Spesa per il diritto allo studio
    • Diritto allo Studio Spesa dei Comuni Spesa dei Comuni lombardi per il diritto allo studio 1998-2001. Totali di spese correnti in Lombardia cod. 4055 (x 1000 lire)   Fonte: nostra elaborazione su dati Regione Lombardia. Copertura 1534 Comuni   1998 1999 2000 2001 Totale spese correnti 1.908.092.188   1.907.353.839   1.737.509.930   1 .806.150.687
    • Diritto allo Studio Determinanti di spesa dei Comuni Spesa dei Comuni lombardi per il diritto allo studio 1998-2001. Variazione della spesa corrente al variare della popolazione A determinare le spese in conto corrente, alla voce “Funzione istruzione pubblica e cultura”, dei comuni lombardi sia la numerosità della popolazione residente.
      •    Il fattore C_1: spese per prestazioni di servizi e acquisto di beni di consumo e materie prime;
      •    Il fattore C_2: spese per i trasferimenti e per il personale.
      Composizione C_i = (ammontare voce di spesa i) / (spesa totale) Dove “i” rappresenta le quattro voci di cui sopra I Comuni più piccoli hanno concentrazioni maggiori su spese relative a prestazioni di servizi e acquisto di beni e minori su personale e trasferimenti. Diritto allo studio – analisi fattoriale della composizione di spesa
    • Diritto allo studio Ruolo dei Comuni
      • Attività svolte dai Comuni
        • L’erogazione della quasi totalità dei servizi.
        • L’erogazione di contributi provenienti dal proprio bilancio.
        • La distribuzione di altri contributi per conto delle amministrazioni statali e regionali.
    • OutDegree InDegree NrmOutDeg NrmInDeg ------------ ------------ ------------ ------------ COMUNE 4.000 2.000 33.333 16.667 REGIONE 3.000 1.000 25.000 8.333 STATO 1.000 0.000 8.333 0.000 IST. SCO 1.000 1.000 8.333 8.33 FAMIGLIE 0.000 5.000 0.000 41.667 Diritto allo studio Analisi di rete sul modello dei flussi finanziari
    • Diritto allo studio Ruolo dei Comuni Contributi per il diritto allo studio – ripartizione percentuale     Fonte: nostra elaborazione su fonti citate nel testo   L. R. 5 gennaio 2000, n°1 (buono scuola): € 40.000.000 L. 62/2000 (borse di studio) € 8.953.577 L.R. 31/1980 (diritto allo studio) € 5.883.709 Assegni di studio € 1.032.000 L. 448/1998 (libri di testo) € 4.169.776 Spese sostenute dai comuni per l’erogazione dei servizi € 930.000.000 Si ipotizza che la spesa, in proporzione, gravi maggiormente sul bilancio dei PC
    • Servizi Sociali erogati e forme di gestione
    • Servizi Sociali erogati e forme di gestione
      • I dati raccolti tramite un questionario di rilevazione inviato a tutti i Comuni della Lombardia
      • Al questionario di rilevazione hanno risposto 1285 comuni su 1547, ovvero il 83% del totale. La popolazione coinvolta è pari a circa il 93% di quella totale.
    • Servizi Sociali erogati e forme di gestione Secondo una rilevazione operata nel 2004 i Comuni lombardi erogano 22189 servizi sociali. Il 26% del totale dei servizi è erogato da PC, che in media erogano 12 tipologie di servizi. (CV al limite della rappresentatività)
    • Servizi Sociali erogati e forme di gestione   Gamma dei servizi in valore assoluto - sul totale di quelli erogati in Lombardia - per fasce di popolazione   Media della gamma dei servizi erogati per comune - per fasce di popolazione Maggiore è la dimensione dei Comuni, maggiore è la gamma di servizi erogata.
    • Servizi Sociali erogati e forme di gestione Andamento per numerosità di popolazione delle Province del numero di servizi erogati nei piccoli comuni – per Provincia – e nelle Province Il numero complessivo dei servizi erogati dai piccoli Comuni segue i picchi dell’andamento generale.
    • Servizi Sociali erogati e forme di gestione Andamento per numerosità di popolazione delle Province del numero medio di servizi erogati nei piccoli comuni – per Provincia – e nelle Province L’andamento medio dei servizi erogati dai PC segue l’andamento medio generale.
    • Servizi Sociali erogati e forme di gestione Percentuale di servizi erogati per area d’intervento   Distribuzione dei servizi nelle diverse aree d’intervento per fasce di popolazione La maggior parte dei servizi si concentra nell’area dei servizi dedicati a minori ed anziani I piccoli comuni, si differenziano dai grandi comuni per: una maggior attenzione agli anziani (30% ca. vs 20%) servizi sociali di base (10,4% ca. vs 5%), minore attenzione all’emarginazione sociale (7% ca. vs 15%) ed all’immigrazione (2,7% ca. vs 7,5%).
    • Grafo delle gestioni associate dei servizi sociali della provincia di Bergamo COLORE: Distretto DIMENSIONE: Freeman’s centratlity degree
    • Edilizia residenziale Pubblica
    • Edilizia residenziale Pubblica
      • Dati raccolti tramite un questionario di rilevazione inviato a tutti 1547 Comuni della Lombardia
      • In totale hanno risposto 1363 Comuni, numero che rappresenta l’88% del totale. Popolazione coinvolta pari a circa il 94% del totale.
    • Edilizia Residenziale Pubblica   Percentuale di Comuni che hanno alloggi ERP N Comuni proprietari Totale appartamenti censiti 890 66273 Fascia Presenza di appartamenti ERP x<3000 50,1% 3001<x<5000 74,2% 5001<x<10000 89,3% 10001<x<50000 93,0% x>50000 100,0%
    • Edilizia Residenziale Pubblica Solo il 5% degli alloggi ERP è situato nei PC
    • Edilizia Residenziale Pubblica Numero di appartamenti per fasce di popolazione (esclusa Milano) Fonte : Ancitel Lombardia Media degli appartamenti per fasce di popolazione (esclusa Milano)   Fonte : Ancitel Lombardia Al crescere della popolazione aumenta la presenza di alloggi ERP
    • Edilizia Residenziale Pubblica
    • Prospettive di azione per il miglioramento dei sistemi amministrativi dei piccoli Comuni La percezione dei Sindaci
    • La percezione dei Sindaci
      • Questionario di rilevazione somministrato a tutti i 690 Sindaci dei Comuni con popolazione inferiore a 2000 abitanti.
      • Al questionario di rilevazione hanno risposto 408 Sindaci, pari al 59% del totale dei Piccoli Comuni presenti in Lombardia
    • La percezione dei Sindaci
      • Aree di potenziamento . Quali servizi, tra quelli erogati dal Comune, quali necessiterebbero di un potenziamento in termini di risorse umane, finanziarie mezzi, processi organizzativi.
      • Bisogni emergenti. Quali sono, se esistono, le tematiche emerse di recente e che potrebbero dare luogo alla nascita di nuovi servizi o che, per lo meno, necessiterebbero di un intervento da parte dell’Amministrazione.
      • Principali strumenti amministrativi. Quali sono, secondo i Sindaci, le pratiche, le procedure e gli strumenti ritenuti maggiormente efficaci per adempiere ai compiti propri dell’Ammininstrazione comunale.
    • La percezione dei Sindaci Aree di potenziamento Frequenze generali delle aree di potenziamento Fonte : elaborazione Ancitel Lombardia
    • La percezione dei Sindaci Aree di bisogno emergente Le aree di bisogno segnalate più frequentemente come servizi da potenziare, con livello di priorità pari a 1, secondo una ricodifica a posteriori. Fonte : elaborazione Ancitel Lombardia
    • Strumenti amministrativi proposti per migliorare la situazione del proprio piccolo comune ordinati per frequenza di segnalazione. Fonte : elaborazione Ancitel Lombardia La percezione dei Sindaci Strumenti amministrativi