[Maratona Lombardia] Finanza locale: patti di stabilità e federalismo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

[Maratona Lombardia] Finanza locale: patti di stabilità e federalismo

  • 1,634 views
Uploaded on

Intervento di Caterina Ferrario - Università Bocconi - ...

Intervento di Caterina Ferrario - Università Bocconi -
MARATONA DELLA CONOSCENZA - Lombardia in sintesi (Milano, Palazzo delle Stelline RisorseComuni - aprile 2007)

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,634
On Slideshare
1,634
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
24
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LA FINANZA LOCALE: I BILANCI DEI COMUNI LOMBARDI Caterina Ferrario Università di Ferrara e Econpubblica-Università Bocconi
  • 2. I Bilanci dei Comuni lombardi
    • Dati Ministero dell’Interno - Dipartimento per gli Affari interni e territoriali ( http://finanzalocale.interno.it )
    • Dati Ancitel – Le Misure dei Comuni ( http://www.ancitel.it/miscom/misure.cfm )
  • 3. I Comuni lombardi
    • una realtà amministrativa costituita da oltre 1500 entità
    • dai numerosi “micro-comuni” di montagna alla metropoli milanese
    • con una presenza significativa di comuni di piccole e piccolissime dimensioni
    Fonte : Conti Consuntivi dei Comuni italiani, Ministero dell’Interno e Istat. 9.430.992 1.536 Totale Lombardia 1.308.735 1 > 300.000 429.217 3 100.000 - 300.000 712.025 10 50.000 - 100.000 1.548.630 51 20.000 - 50.000 1.500.405 109 10.000 - 20.000 1.726.267 244 5.000 - 10.000 1.039.509 259 3.000 - 5.000 509.952 204 2.000 - 3.000 464.232 315 1.000 - 2.000 148.200 193 500 - 1.000 43.820 147 < 500 Popolazione Numerosità Classe demografica
  • 4.  
  • 5.  
  • 6. Le risorse
    • Risorse pro-capite:
      • I comuni piccolissimi mostrano elevati valori
      • Al crescere della dimensione demografica, le entrate totali in rapporto alla popolazione residente, così come i singoli titoli di entrata, mostrano una forma ad “U” (salvo eccezioni prevalentemente nella classe 2.000-3.000 ab.)
      • Il valore di minimo di entrate totali si realizza nei comuni di 5.000-10.000 ab.
      • MA : correlazione diretta tra risorse complessive e classe dimensionale degli enti. I comuni più piccoli hanno dotazioni minori. I comuni più grandi (> 10.000 ab.) registrano con regolarità valori superiori alla media dei Comuni lombardi.
  • 7.  
  • 8. Caratteristiche delle entrate (tit. I-II-III)
    • Entrate correnti:
      • 50%-70% del totale
      • contributo alle entrate totali cresce al crescere della classe dimensionale
    • Entrate tributarie:
      • voce più significativa delle entrate correnti (per tutte le classi dimensionali) ed il loro contributo è crescente al crescere della classe dimensionale
      • maggiore difficoltà ad attivare base imponibile nei comuni piccoli
    • Entrate extra-tributarie:
      • Andamento simile
      • riflettono la diversa capacità degli enti di offrire beni e servizi e di raccogliere le relative entrate
    • Entrate da trasferimenti:
      • percentuale contenuta delle entrate totali
      • andamento opposto: maggiori per gli enti di minore dimensione, a compensazione delle maggiori difficoltà a raccogliere entrate tributarie ed extratributarie, e minori per gli enti maggiori.
  • 9.  
  • 10. Gli impieghi
    • Spese complessive pro-capite (slide 5):
      • riproducono la forma ad “U” delle entrate, anche in questo caso con l’eccezione dei comuni di 2.000-3.000 ab., con spese più elevate
      • I comuni più piccoli (< 500 ab.) spendono 1.350 euro pro-capite, valore che si riduce al crescere della classe dimensionale, fino ai 595 euro pro-capite dei comuni tra i 5.000 e i 10.000 ab. Superata tale soglia, le spese correnti riprendono a crescere
      • Spese inizialmente decrescono: economie di scala nella produzione di beni e servizi
      • Economie di scala si esauriscono o addirittura si trasformano in diseconomie di scala nei comuni di dimensioni maggiori
      • Questi ultimi risentono probabilmente anche dell’incremento quali-quantitativo dei servizi cui devono fare fronte
    • Spese correnti:
      • Andamento ad “U”: spazio per miglioramento di efficienza
  • 11.
    • Spese correnti ad “U”: spese generali, per viabilità e trasporti, per ambiente, per sviluppo economico
  • 12.
    • Spese correnti crescenti oltre una soglia massima: per giustizia, polizia locale, istruzione, cultura, servizi sociali
  • 13.
    • Spese correnti con andamento altalenante: settore produttivo, settore sportivo e ricreativo
  • 14.  
  • 15. Extra-costi da sottodimensionamento e forme di associazione tra enti locali
    • Andamento ad “U” e andamento crescente sembrano indicare una dimensione minima ottimale intorno ai 5.000 abitanti
    • Frammentazione amministrativa rappresenta una debolezza
      • avvicina il caso lombardo a quello francese
    • Necessità di interventi volti a rafforzare la “adeguatezza” delle amministrazioni locali
  • 16. Capacità di investimento
    • Spese in conto capitale: segnalano la diversa capacità di investimento (e quindi di incremento delle dotazioni di capitale locale) degli enti di diverse dimensioni
    • Ad eccezione della prima e dell’ultima classe dimensionale, le spese in conto capitale si attestano tra i 300-470 euro pro-capite, con valori lievemente superiori nei comuni più piccoli
      • Circa un terzo del totale delle spese pro-capite (29%-33%)
    • Ammontare pro-capite non correlato a dimensione demografica del comune
      • I comuni più piccoli hanno spese in conto capitale totali significativamente minori dei Comuni maggiori
    • Sofferenza dei Comuni più piccoli nell’effettuare significative spese di investimento
  • 17. Conclusioni e prospettive
    • Elevata concentrazione di unità amministrative di piccole dimensioni determina:
      • Extra-costi
      • Limitata capacità di investimento
    • Forme associative possono contribuire a superare questi limiti
    • Sussidiarietà orizzontale e collaborazione interistituzionale è un ulteriore fattore critico