[Maratona Lombardia] Piccoli comuni: quanti, dove e con quale sviluppo

  • 1,353 views
Uploaded on

Intervento di Alberto Ceriani - IReR - …

Intervento di Alberto Ceriani - IReR -
MARATONA DELLA CONOSCENZA - Lombardia in sintesi (Milano, Palazzo delle Stelline RisorseComuni - aprile 2007)

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,353
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
29
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. PICCOLI COMUNI IN LOMBARDIA: DOVE, QUANTI E CON QUALI PROSPETTIVE Alberto Ceriani IReR – Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia
  • 2. Visione sui piccoli Comuni
    • Situazione al 31 dicembre 2005
    • Come sono cambiati in venti anni
    • Dove sono localizzati
    • Come cambieranno nei prossimi venti anni
    • Verso quali processi di sviluppo si orientano
  • 3. La situazione al 31 dicembre 2005
    • 856 Comuni (su 1547) < 3000 abitanti
    • Oltre la metà dei Comuni lombardi (55.4%)
    • 1.144.218 abitanti
    • 12% della popolazione regionale
  • 4. Asimmetria Comuni/popolazione
  • 5. Dinamica 1981 - 2005
    • Andamento negativo in contesto regionale positivo (+6%):
      • Meno piccoli Comuni (da 966 a 856 – da 62,5 a 55,4% dei Comuni lombardi)
      • Meno popolazione residente nei piccoli Comuni (dal 14,2% al 12,1%)
    • Particolare contrazione nei Comuni inferiori a 2.000 abitanti
    • La soglia critica si è spostata da 1.000 a 2.000 abitanti
  • 6. Misure precise: variazioni dal 1981 al 2001
  • 7. Dove sono localizzati
    • Forte concentrazione in provincia di Pv, Cr, So e Lo (qui oltre il 70% dei Comuni appartiene alla classe <3000 abitanti)
    • Forte concentrazione in montagna (qui l’80% dei Comuni appartiene alla classe <3000 abitanti)
    • Localizzazioni più numerose al crescere della distanza dai poli urbani  approfondimento
  • 8. Misure precise: piccoli Comuni per provincia, zona altimetrica, distanza dai poli urbani  approfondimento
  • 9. Approfondimento: i Poli urbani
    • La Lombardia è sistema policentrico. I poli urbani pluricomunali si organizzano come sistemi di città con economie di scala, sinergie e complementarietà nell’offerta di servizi ai cittadini
    • La distanza dai poli urbani determina differenziali di servizio e di sviluppo. Lo sviluppo è favorito da bassi costi di transazione?
    • Una verifica: variazioni nella popolazione diurna
  • 10. 18 poli urbani
  • 11. I 18 poli urbani
  • 12. I piccoli comuni intorno ai poli
  • 13. Relazioni di complementarietà tra poli e piccoli Comuni
    • Nei Comuni non confinanti con i “poli” la popolazione si sposta per lavoro e studio in misura maggiore (-21,9% )
    • Negli ultimi venti anni la mobilità è aumentata sia per lavoro che per studio (-8,7% comuni non confinanti vs. +1,6 comuni confinanti)
    • Le professioni non svolte nel piccolo Comune sono inerenti al commercio, alle costruzioni, all’industria
    • Sta cambiando l’autosufficienza economica o la funzione?
  • 14. Misure precise: variazione popolazione diurna nei piccoli Comuni
  • 15. Il futuro demografico tra venti anni
    • Fase di lieve ripresa nel prossimo quinquennio (+4,2%), poi stazionarietà
    • Situazioni più dinamiche in pianura, anche tra i Comuni più distanti dai poli urbani. Situazioni di regresso a fine periodo nei Comuni montani
    • Per età della popolazione: forte contrazione della fascia fino a 5 anni e forte accrescimento della fascia >65 anni. Entrambi i fenomeni sono accentuati nei Comuni più piccoli
  • 16. Saldo naturale e saldo migratorio
    • Criticità della dinamica naturale (nascite e decessi) in quasi tutti i Comuni <1000 abitanti
    • Saldo naturale negativo in montagna e peggioramento dalla prima corona alla corona più esterna per i Comuni <1500
    • Dinamica migratoria invece generalmente positiva
  • 17. Casi da approfondire
    • Quali piccoli comuni lombardi dovranno convivere con le criticità demografiche? (invecchiamento della popolazione residente e decremento)
  • 18.  
  • 19. Malessere demografico (82.000 abitanti)
  • 20. Propensione allo sviluppo dei piccoli Comuni: i PISL
    • Programmi integrati di Sviluppo Locale (PISL)
    • Strumento di programmazione negoziata, previsto dal DocUP Obiettivo2 2000-2006 quale modalità di attuazione del programma, istituzionalizzati dalla l.r. n. 2/2003 quale strumento regionale di programmazione negoziata
    • Nell’esperienza lombarda i PISL si presentano come tentativi orientati a rafforzare la capacità di programmazione delle aree della regione che presentano differenziali di sviluppo
    • Forte relazione con i contesti di piccoli Comuni
  • 21. Localizzazione dei PISL
  • 22.  
  • 23. Caratterizzazione
  • 24. Priorità nelle scelte di sviluppo 1 Sviluppo produttivo – Logistica – Trasporti 5 Sviluppo produttivo – Tutela ambientale – Riqualificazione territoriale 9 Valorizzazione turistica – Risorse culturali e enogastronomiche 16 Sviluppo manifatturiero e servizi – valorizzazione turistica N.PISL AMBITO
  • 25. Condizioni di sviluppo
  • 26. Indicazioni per le politiche locali
    • Superare la retorica del piccolo comune
    • Irrobustire le piccole istituzioni locali (Unioni, gestione associata)
    • Affermare una idea di sviluppo locale come concorso delle comunità locali e di tutta la filiera istituzionale
    • Distinguere identità funzionali
  • 27. I titoli del “manifesto” per lo sviluppo locale
    • Una geografia più precisa delle aree marginali
    • Conoscere a fondo gli ostacoli dello sviluppo locale
    • Riuscire a immaginare prospettive di sviluppo
    • Superare le banalizzazioni
    • Le classi dirigenti locali mobilitino tutte le risorse presenti
    • Buona gestione dei progetti di sviluppo locale e migliori capacità tecniche e operative
    • Regole più semplici
    • Far incontrare locale e sovralocale
    • Lavorare sulle opportunità finanziarie
    • Sostenere le Unioni di Comuni
    • Rilanciare le Comunità montane
    • Il ruolo della Regione
    • Le prossime riforme nazionali
    • Continuare a dare occasioni allo sviluppo locale
  • 28. SICUREZZA, MOLTE DIMENSIONI E MOLTI RUOLI Alberto Ceriani IReR – Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia
  • 29. Un quadro meno allarmante
    • Situazione della sicurezza in Lombardia: meno allarmante
    • Timore di restare vittima di un atto criminoso:
      • rischio chiaro ai cittadini lombardi,
      • ma possibile“effetto di rinforzo”
    Il dibattito sulla sicurezza, nell’ultima decade, si è in parte sviluppato secondo logiche interne al quadro politico e al rapporto con i mass-media, indipendentemente - almeno in parte - dall’evoluzione della situazione oggettiva della criminalità nella nostra Regione (le stesse considerazioni potrebbero essere fatte rispetto ad altre aree del Paese). Il punto Fonte : IReR, “ La sicurezza in Lombardia: la percezione dei cittadini attraverso le ricerche dell’IReR e dell’Osservatorio Regionale ”, Dicembre 2004
  • 30. Le nuove domande di sicurezza
    • “ Negli ultimi decenni abbiamo assistito al passaggio da una società delle regole generali continue e stabili ad una “società dei rischi individualizzati” , instabile e discontinua.” (Morin, 2004)
    • “ L' attesa dell' inaspettato, l' attesa dei rischi possibili domina sempre più la scena della nostra vita: rischi individuali e rischi collettivi . E' il fenomeno nuovo che diventa un fattore di stress per le istituzioni nel diritto, nell'economia, nel sistema politico e anche nella vita quotidiana delle famiglie.” (Beck, 2001)
  • 31. Come conciliare le dimensioni: partire dal rischio territoriale
    • Rischi dovuti ad un evento scatenante caratterizzato da: tempi brevi in cui si scatena in un sistema; impatto su uno spazio circoscritto ma con effetti sovra-sistemici ; alta concentrazione di nocività ; vulnerabilità dei luoghi in cui impatta; impatto su territori con presenze antropiche
    • Eventi trattati per le fasi di impatto , emergenza , ricostruzione della normalità
  • 32. Costruire un sistema integrato
    • Con queste premesse la particolarità dell’approccio della Regione Lombardia in materia di sicurezza è quella di considerare il concetto di sicurezza trasversalmente nelle diverse politiche esercitate su scala regionale,
    • allo scopo di creare un sistema integrato
    • che coniughi compiutamente safety e security .
    • Gli strumenti: il PRIM
    • Programma Regionale Integrato di Mitigazione dei rischi maggiori 2007/2010
  • 33. Analizzare rischi nella scala locale
    • Rischi considerati: Rischio idrogeologico (alluvioni, valanghe, frane), Rischio sismico, Rischio industriale, Rischio incendi boschivi, Rischio meteorologico, Incidentalità stradale, Incidentalità lavorativa, Sicurezza urbana
    • “ Patto per la sicurezza”;
    • Piani d’area per il rischio integrato;
    • porre le condizioni per una vera resilienza sociale , intesa come capacità complessiva del sistema socio-economico di convivere con i vari tipi di rischio e di farvi fronte in caso di loro emersione