Civil Life Lab - Venezia Camp 2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Civil Life Lab - Venezia Camp 2010

on

  • 983 views

VENEZIA CAMP 2010 ...

VENEZIA CAMP 2010

Ecosistemi aumentati: reti che attivano territori.
Nuove culture per le reti aperte

Venezia, Arsenale - 2 luglio 2010
Ore 16.00

Il social network Civil Life Lab (http://civillifelab.ning.com/) che raccoglie le documentazioni (http://irreveneto.jimdo.com/progetti/gold/#cittadinanza) delle reti e delle scuole venete del Progetto "Cittadinanza e Costituzione", realizzate secondo i format multimediali del Progetto GOLD (gold.indire.it/), è presentato al Venezia Camp 2010 (http://www.veneziacamp.it/), il Festival dell'Innovazione Digitale, nell'ambito di una giornata di approfondimento organizzata da Ecosistema 2.0.

Programma dell'evento "Ecosistemi aumentati: reti che attivano territori":
http://www.veneziacamp.it/cultura-digitale/ecosistemi-aumentati-reti-che-attivano-territori/

Programma dell'intero Venezia Camp 2010:
http://www.veneziacamp.it/programma/

Statistics

Views

Total Views
983
Views on SlideShare
983
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Civil Life Lab - Venezia Camp 2010 Presentation Transcript

  • 1. Civil Life Lab e GOLD Social network e documentazione didattica FRANCO TORCELLAN Venezia Camp 2010 Ecosistemi aumentati: reti che attivano territori Nuove culture per le reti aperte
  • 2. Vincitori del bando 2009-10 per la sperimentazione della nuova “disciplina” nel Veneto: - 6 reti di scuole di diversi ordini e grado - 1 scuola con molti plessi Obbligo per i vincitori a documentare l'esperienza di sperimentazione secondo i format “multimediali” del Progetto GOLD dell'ANSAS. ___________________ Il sito nazionale di supporto al Progetto La pagina sul sito del Nucleo Veneto dell'ANSAS Progetto Nazionale Cittadinanza e Costituzione 2
  • 3. I format “multimediali” del Progetto GOLD sfruttano le tecnologie, gli ambienti e le funzionalità del Web 2.0 per realizzare una documentazione “generativa” che consenta di trasferire in altri contesti scolastici le buone pratiche e più in generale di far nascere nuove idee nella comunità professionale ed in quella scolastica. Essi seguono il modello: VIVI – TRASFERISCI – RIFLETTI - Raccontare i momenti significativi (sfera emotiva) - Fornire competenze e strumenti operativi (sfera cognitiva) - Attivare un dibattito professionale a partire dalle esperienze (sfera metacognitiva) La documentazione da archivio a luogo di incontro e cooperazione tra professionisti della scuola, allievi, genitori e staikholder. ___________________________________________ - Il sito nazionale del Progetto GOLD - Le pagine del Progetto GOLD sul sito del Nucleo Veneto dell'ANSAS Progetto GOLD 3
  • 4. - Per la necessità di disporre di un ambiente che riunisse insieme differenti funzionalità (ferme restando le possibilità di integrazione) - Per la necessità di raggiungere in poco tempo e poca formazione almeno alcuni risultati - Per consentire lo sviluppo della dimensione di rete Civil Life Lab dell'iniziativa in forma aperta - Per raccogliere i punti di vista di tutti gli attori dei processi di Insegnamento-apprendimento (interni ed esterni alla scuola) - Per interagire in maniera informale e quindi quotidiana - Per la possibilità di sviluppare una documentazione in itinere (raccogliere la cronaca per ricostruire la storia) - Per la possibilità di fare contemporaneamente documentazione e didattica e di sviluppare una circolarità tra le due azioni centrata su riesame e miglioramento - Per proseguire nell'anno successivo con le nuove scuole finanziate dal progetto in un ambiente “accogliente” integrandosi con le scuole apripista Perchè un social network 4
  • 5. Abbiamo fatto assolvere all'obbligo di documentazione facendo iscrivere la scuola capofila e richiedendo alcuni post nei blog di racconto dell'esperienza, individuando snodi narrativi importanti. Abbiamo invitato però i docenti ad iscriversi anche individualmente e a far iscrivere chi fosse interessato. Abbiamo chiesto in particolare che, piano piano, si iscrivessero tutte le scuole della rete. Tenendo presente la possibilità di iscrivere anche singole classi. Nella nostra ipotesi una simile struttura dei membri e, soprattutto, il porre al centro dei flussi e delle discussioni esperienze didattiche concrete dovrebbe rivelarsi essenziale all' “attivazione dei territori” di riferimento delle reti scolastiche La forma del network 5
  • 6. Troppo presto per trarre bilanci: siamo all'inizio e il numero di scuole ancora ridotto Si riscontrano le solite difficoltà: - in alcuni casi, competenze digitali dei docenti limitate: soprattutto ridotta capacità di percepire la rete come un territorio da vivere - inseguimento di scadenze, incombenze e zavorre burocratiche - scuole di successo che gestiscono il loro territorio in forma chiusa Ma si rilevano anche entusiasmi e capacità di vedere le potenzialità dell'ambiente: - numero consistente di materiali implementati - estensione dei soggetti delle reti di scuole che diventano membri del social network Ad avvio del prossimo anno scolastico si sistematizzeranno dei format di implementazione di materiali documentali: - la specifica struttura di un post - tag e schede illustrative di video e foto - gestione di una discussione nel forum - ... I risultati 6