Your SlideShare is downloading. ×
Immagine, identità, reputazione.
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Immagine, identità, reputazione.

6,890
views

Published on

Le mie slides sui nuovi significati della comunicazione d'impresa

Le mie slides sui nuovi significati della comunicazione d'impresa

Published in: Business

1 Comment
5 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
6,890
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
198
Comments
1
Likes
5
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Immagine, identità, reputazione. Nuovi significati per la comunicazione d’impresa Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 2. Definizione di immagine 1 forma esteriore di un corpo percepita con i sensi, specialmente con la vista. 2 rappresentazione mentale di cose o persone prodotta dalla fantasia o suscitata dal ricordo. 3 impressione, idea che un personaggio o un’azienda fornisce di sé al pubblico in base all’aspetto o al modo con cui si presenta. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 3. Definizione di immagine 4 espressione concreta di qualcosa di astratto: simbolo. 5 raffigurazione grafica, fotografica o plastica di qualcosa o qualcuno. 6 psic., percezione o rappresentazione mentale di qualcosa in sua assenza. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 4. Definizione di identità 1 uguaglianza assoluta, corrispondenza perfetta. 2 l’insieme dei caratteri peculiari che contraddistinguono un individuo, un gruppo di individui e simili. 3 il complesso delle generalità, l’insieme delle caratteristiche fisiche e dei dati anagrafici che consentono il riconoscimento di una persona. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 5. Definizione di identità 4 carattere di ciò che è sempre uguale a se stesso, pur manifestandosi sotto aspetti diversi. 5 uguaglianza soddisfatta per qualsiasi valore attribuito alle variabili che vi compaiono. 6 nella teoria degli insiemi, corrispondenza che associa a ogni elemento dell’insieme l’elemento stesso. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 6. Definizione di reputazione 1. stima, considerazione in cui si è tenuti da altri. 2. buona fama, rispettabilità. 3. favore, approvazione che si concede a qualcuno. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 7. Evoluzione dell’immagine aziendale: il modello minimale L’immagine come apparenza E’ il più tradizionale. Il problema dell’immagine si riassume nella qualità della comunicazione pubblicitaria al cliente. Concetto di qualità percepita come indice di immagine strettamente legato all’attività di advertising. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 8. Evoluzione dell’immagine aziendale: il modello minimale In questo modello sono cruciali: la qualità della creatività e del linguaggio della comunicazione pubblicitaria, la presentazione in termini di design, grafica, immagine coordinata ecc. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 9. Evoluzione dell’immagine aziendale: il modello funzionale L’immagine come sottosistema delle strategie di marketing Immagine di marca = insieme organizzato e coerente di specifiche valenze associato ad una particolare offerta aziendale da determinati segmenti di clientela e da questi ritenuto specificamente distintivo per la scelta tra soluzioni alternative. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 10. Evoluzione dell’immagine aziendale: l’identità complessiva “L’azienda come individuo” (Bernstein) Strategia di immagine che coinvolge il complesso delle funzioni dell’organizzazione e che implica l’impegno della direzione strategica. In tal modo l’immagine smette di essere una semplice funzione per diventare attività integrata che incontra due aspetti fondamentali qualificanti della strategia aziendale. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 11. Evoluzione dell’immagine aziendale: l’identità complessiva “L’azienda come individuo” (Bernstein) Qualità: esigenza presente in tutte le fasi di elaborazione del prodotto/servizio, dalla progettazione al marketing e alla comunicazione. Identità: immagine come riflesso esterno dell’identità globale percepibile in tutti gli artefatti materiali e culturali dell’azienda. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 12. Evoluzione dell’immagine aziendale Bernstein ha anticipato di vent’anni quella che oggi è diventata un’evidenza. Se l’azienda è un individuo, allora deve pensare e agire come tale, e con come un’entità astratta e impersonale. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 13. Il superamento di immagine e identità: la reputazione La reputazione è la valutazione globale dell’organizzazione presente negli interlocutori. E’ “a valle” del contatto, diretto o indiretto, che ognuno ha con l’organizzazione. E’ condizionata e condiziona tutti i messaggi che provengono dall’organizzazione o su di essa. Immagine e identità si possono costruire “a tavolino”. La reputazione si costruisce con l’ascolto, le azioni e la coerenza. Immagine e identità sono informazione. La reputazione è reciproco riconoscimento, fiducia, consenso. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 14. La rivoluzione di Cluetrain Questi concetti sono stati formalizzati e diffusi a livello mondiale nel 2001 dal documento Cluetrain Manifesto, che ha sollevato la questione della distanza tra aziende e mercato segnalando la necessità, per le aziende, di occuparsi della propria reputazione piuttosto che della loro immagine. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 15. Le tesi di Cluetrain I mercati sono conversazioni. I mercati sono fatti di esseri umani, non di segmenti demografici. Le conversazioni tra esseri umani hanno un suono umano. Si svolgono con voce umana. Le persone si riconoscono come tali dal suono di questa voce. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 16. Le tesi di Cluetrain Le persone che formano questi nuovi mercati in Rete hanno capito che possono ottenere più informazioni e sostegno parlando tra loro, piuttosto che con chi vende. Tanti saluti alla retorica aziendale per promuovere e “aggiungere valore” ai prodotti. Non ci sono segreti. Il mercato online conosce i prodotti meglio delle aziende stesse. E diffonde a tutti la propria opinione, buona o cattiva che sia. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 17. Le tesi di Cluetrain Le aziende devono rendersi conto che i loro mercati ridono spesso. Di loro. Avere senso dell’umorismo non significa mettere qualche barzelletta sul sito Web aziendale. Significa avere valori, umiltà, schiettezza e onestà. Le aziende che cercano di “posizionarsi strategicamente” devono prendere posizione. Possibilmente su qualcosa che interessi davvero al loro mercato. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 18. Le tesi di Cluetrain Per parlare con voce umana, le aziende devono condividere gli interessi della loro comunità. Ma prima devono appartenere ad una comunità. Le comunità umane sono basate sulla comunicazione, discorsi umani su problemi umani. La comunità basata sulla comunicazione è il mercato. Le aziende che non appartengono a una comunità basata sulla comunicazione sono destinate a morire. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 19. Le tesi di Cluetrain Questo nuovo mercato ci piace molto di più. Anzi, lo stiamo creando noi. Siete invitati, ma è il nostro mondo. Toglietevi le scarpe all’entrata. Se volete trattare con noi, scendete dal cammello. Siamo immuni alla pubblicità. Lasciatela perdere. Se volete che parliamo con voi, diteci qualcosa. E che sia qualcosa di interessante, tanto per cambiare. Anna Maria Carbone - Maggio 2008
  • 20. Anna Maria Carbone amcarbone@scriverebene.it www.scriverebene.blogspot.com www.scriverebene.it