Your SlideShare is downloading. ×
0
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Ghivizzano 6 marzo 2012  ok
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ghivizzano 6 marzo 2012 ok

117

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
117
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  1. Corso di aggiornamento:FORMAZIONEDELL’INSEGNANTE I.R.C.indicazioni, competenze, valutazione. Ghivizzano 6 marzo 2012
  2. Indicazioni : strumento orientativo sul pianoprogettuale e didattico. I vocaboli “valutare” e “verificare” trovano sempre più spazio nelle riviste scolastiche e nei corsi di aggiornamento. Tuttavia in questo momento di continue riforme e cambiamenti nelle scuole, sta cambiando anche il modo di intendere la valutazione. In passato la visione condivisa di questa funzione, molto importante nei processi scolastici, era di valutare il progresso di un allievo in base al proprio sviluppo e alle proprie potenzialità senza l’obbligo di traguardi predefiniti.
  3. Oggi la situazione è cambiata poiché si tende a mettere alla base dei percorsi valutativi gli standard di apprendimento. Le ”nuove indicazioni per il curricolo” fissano dei traguardi da superare nel percorso formativo dai 3 ai 14 anni secondo standard europei. Ma in tutto questo il bambino dove sta?Nella globalizzazione la persona è diventata un oggetto. E’ tempo di riflettere e di comprendere che la centralità dello studente e il valore formativo ha mille sfaccettature che un insegnante attento e preparato deve considerare.
  4. Il “buon senso” per operare proficuamente fa emergereun insegnante aperto e flessibile che si riferisce nonsoltanto al fare scuola quanto a saper riflettere su fini ,risultati e modi del fare scuola. Si tratta di una scuolache, anche valutando, impara sempre meglio adaccogliere e conoscere le storie di ogni bambino e a farein modo che ogni storia diventi un progetto di crescita dacondividere insieme.
  5. La valutazione diventa così “autovalutazione” poichépermette agli insegnanti di rivedere le strategie messein atto e di orientarsi nell’azione educativa-didatticada intraprendere , mentre i “saperi” posseduti dalbambino non vengono più giudicati, ma consideratipunti di partenza su cui costruire “nuovi saperi”.“Programmare” è un termine molto attuale nellasocietà odierna, significa tendenzialmente organizzarein modo strutturato, mirato e personalizzato le attività,agendo in linea con i traguardi di sviluppo sullecompetenze previste e commisurate alla fascia d’etàdei bambini.
  6. Nella programmazione si deve necessariamente tener conto dialcuni imprescindibili fattori:1- Le indicazioni ministeriali nazionali.2- Le tematiche in verticale.3- I progetti in continuità.4- I progetti in sezione o intersezione.
  7. 1- Le indicazioni ministeriali nazionali.Costituiscono le linee guida per sviluppare le tematiche ed i progetti interconnessi con l’attualità in continua evoluzione; esse invitano ad affrontare argomenti e discipline ritenute importanti.Il Servizio Nazionale della CEI ha voluto sperimentare ancheper l’IRC una bozza di specifici OA e TSC e sostituiscono gliOSA (previsti dalla riforma Moratti). E’ stata così avviata laSperimentazione Nazionale sui nuovi Obiettivi diApprendimento e Traguardi per lo Sviluppo delle Competenzedi IRC per la Scuola dell’Infanzia e il Primo Ciclodell’istruzione (Primaria, Secondaria di primo grado), con ilriconoscimento formale da parte del Ministero della Pubblicaistruzione avvenuto con C.M. n° 45 del 22 aprile 2008.
  8. Già dal testo introduttivo si evidenzia la finalità educativaspecifica, non evidente negli OSA pensati all’interno delleindicazioni Moratti. Il contributo pedagogico che si vuolericonoscere alle attività di IRC sin dalla scuola dell’infanziaprevede: un IRC: - un IRC come risposta ai bisogni -per una maturazione personale globale -nei 5 campi di esperienza -OA e TSC sono fusi insieme -il “per” indica la svolta educativa -stessi nuclei tematici degli OSA Irc (Dio, Cristo, la Chiesa) -declinati nel loro contributo alla crescita personale del bambino.
  9. 2-Le tematiche in verticale.Sono quelle che vengono sviluppate da ogni istitutocomprensivo e attorno alle quali , sebbene con modalitàdifferenti, lavorano i vari ordini scolastici. L’attività digruppo per dipartimenti in verticale costituisce unasorta di “perno didattico” attorno al quale incardinarevari progetti e attività anche extracurricolari sostenuteda esperti esterni.
  10. 3- I progetti in continuità.Sono quelli curriculari o extracurricolari che si riagganciano per continuità a quanto fatto in precedenza in sezione , in intersezione, nell’istituto, nei veri ordini scolastici. Tra questi, frequenti sono i progetti riguardanti la lettura, sviluppati con la scuola primaria, le attività riguardanti le festività, l’educazione stradale, l’ambiente ecc.La continuità nasce dall’esigenza di garantire il dirittodell’alunno ad un percorso formativo che mira a promuovereuno sviluppo multidimensionale del soggetto, il quale, pur neicambiamenti evolutivi e nelle diverse istituzioni scolastiche ,costruisce la propria identità; valorizza le conoscenze giàacquisite e riconosce la specificità, e la pari dignità educativa diciascuna scuola, nella dinamica della diversità, dei ruoli e dellefunzioni.
  11. 4- I progetti in sezione o intersezione.Sono quelli che ogni scuola personalizzando la propria programmazione inserisce nel proprio Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F) e sono decisi dalle insegnanti.
  12. La programmazioneE’ un prodotto personale di ogni istituto comprensivo e vienestilata tenendo presente la programmazione educativa e i campidi esperienza vigenti che attualmente sono 5:
  13. -Il sé e l’altro: Il bambino sviluppa il senso dell’identità personale, conosce meglio se stesso, gli altri e le tradizioni della comunità in cui vive.Relativamente alla religione cattolica: Scopre neiracconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù,da cui apprende che Dio è Padre di tutti e che la Chiesa èla comunità di uomini e donne unita nel suo nome, persviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioniserene con gli altri, anche appartenenti a differentitradizioni culturali e religiose.
  14. - Il corpo in movimento: Il bambino conosce meglio il proprio corpo, consegue pratiche corrette di cura di sé e di alimentazione. Relativamente alla religione cattolica: Riconosce neisegni del corpo l’esperienza religiosa propria e altruiper cominciare a manifestare anche in questo modo lapropria interiorità, l’immaginazione e le emozioni.
  15. -Linguaggi , creatività, espressione: Il bambino comunica, si esprime e apprezza i vari linguaggi : gestuale, iconico, musicale, verbale. Relativamente alla religione cattolica: Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, gestualità, spazi, arte), per poter esprimere con creatività il proprio vissuto religioso.
  16. -I discorsi e le parole: Il bambino sviluppa la padronanza d’uso della lingua , arricchisce e precisa il proprio lessico. Relativamente alla religione cattolica: Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso.
  17. -La conoscenza del mondo: Il bambino esplora, raggruppa e ordina secondo criteri diversi, osserva e coglie i fenomeni naturali e tecnologici.Relativamente alla religione cattolica: Osservacon meraviglia ed esplora con curiosità ilmondo, riconosciuto dai cristiani e da tantiuomini religiosi come dono di Dio Creatore, persviluppare sentimenti di responsabilità neiconfronti della realtà, abitandolacon fiducia e speranza.
  18. Riepilogando ai può dire che: la programmazione didattica relativa al binomio insegnamento-apprendimento nella propria sezione, è caratterizzata dall’organizzazione in sequenza delle unità di lavoro-progetti intesi sia come contenuti ma anche come articolazione di:- obiettivi-traguardi per lo sviluppo delle competenze;- contenuti;- Metodi;- Mezzi;- verifiche.
  19. Obiettivi educativi: Sono l’insieme dei traguardi formativi che il bambino raggiunge attraverso un’attività. TSC:Rappresentano ciò che il bambino deve essere in grado di fare alla fine di un intervento didattico. Contenuti: Sono le nozioni, le capacità e le esperienze che formano l’oggetto dell’insegnamento-apprendimento. Metodi: Sono i metodi appunto di insegnamento e di apprendimento, ma anche i mezzi, i materiali e i supporti utilizzati. Le verifiche: Rappresentano la valutazione delle competenze raggiunte dal bambino.
  20. LA VALUTAZIONEAll’interno della sezione, l’insegnante valuta i livelli di apprendimento conseguiti dai bambini, in riferimento ai diversi campi di esperienza; valuta, inoltre, l’efficacia del proprio operato, le modalità di relazione usate, i materiali, i tempi, gli spazi e le scelte organizzative, per predisporre eventuali aggiustamenti alla sua azione educativa. Profili per valutare in modo sintetico: -Traguardi pienamente conseguiti. -Traguardi conseguiti. -Traguardi parzialmente conseguiti.
  21. Traguardi pienamente conseguiti. (cinque anni)
  22. Traguardi conseguiti. ( cinque anni)
  23. Traguardi parzialmente conseguiti. ( cinque anni)
  24. U.A.Novembre Amici speciali sulla nostra strada. O.A. -Scoprire attraverso la vita dei santi, gesti amorevoli che rivelano la bontà di Dio. -Approfondire e conoscere chi sono gli amici di Gesù. -Narrazione degli episodi relativi a S.Francesco e S. Martino.ATTIVITA’ -Produzione grafico e/o pittoriche. -Utilizzo di testi illustrati per stimolare la rielaborazione verbale.VERIFICA -Drammatizzazione degli episodi raccontati. T.S.C -Il sé e l’altro. -Il corpo in movimento. -I discorsi e le parole.
  25. Ins. Castellini RosaIns. Adami Maria Concetta.

×