Aimc giornalino num 1 gennaio 2014

496
-1

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
496
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Aimc giornalino num 1 gennaio 2014

  1. 1. LE SEZIONI S’INCONTRANO LUCCA-PIANA, VERSILIA SUD-NORD, CASTELNUOVO-MEDIAVALLE XX CONGRESSO NAZIONALE AIMC: Un invito a non guardare la vita dal balcone! “Salviamo la scuola. L’impegno di tutti per il futuro del paese” è stato il tema trattato durante il Congresso nazionale AIMC, che si è svolto a Roma dal 3 al 5 gennaio 2014. Le giornate sono state intense, con momenti di approfondimento delle tematiche professionali, associative e ecclesiali, con interventi di autorità e soprattutto con la partecipazione attiva dei delegati provenienti da tutta Italia. Del resto non poteva che essere diversamente perché il Congresso nazionale è per tutta l’associazione un momento importante della vita associativa, “il luogo per eccellenza” in cui sono prese decisioni riguardanti le varie problematiche scolastiche e professionali; sono eletti i nuovi responsabili nazionali; s’individuano nuove piste di lavoro da seguire nel prossimo quadriennio; si stabiliscono cambiamenti e adeguamenti allo statuto; si elaborano nuove prospettive di cammino e di azione dell’associazione per renderla sempre più rispondente ai bisogni e alle richieste che il Paese pone al mondo della scuola e ai suoi operatori nel faticoso, ma ineludibile compito di educare le nuove generazioni. Attenta e partecipe è stata la presenza della delegazione lucchese all’incontro romano: M.Concetta Adami, Marilina Menconi, Elisa Micheli, Roberta Sbrana, Teresa Silvestro, don Luigi Bertolucci, che ha concelebrato, con altri assistenti sezionali, l’Eucarestia di apertura del Congresso presieduta dall’assistente nazionale don Salvatore Currò ed il sottoscritto. e considerare, nella quotidianità, le diverse modalità, sensibilità e percezioni, le diverse prospettive e scelte, i diversi valori che convivono e si pongono lungo una linea che fa interagire idealità e concretezza. L’impegno di ciascuno va riconosciuto, sostenuto, condiviso e valorizzato perché esprime il senso dell’agire umano, che si realizza nella realtà e, contem- Alcune citazioni della premessa del Documento programmatico che è stato approvato, (e che dovremo approfondire nelle sezioni), dopo l’ascolto della relazione del Presidente nazionale; delle relazioni sul tema congressuale; degli orientamenti del dibattito delle assemblee sezionali, dei consigli provinciali, dei congressi regionali, dell’Assemblea congressuale nazionale e del messaggio del Segretario di Stato Vaticano, S.Ecc. Mons. Pietro Parolin, sono indicative dell’impegno Consigliere Nazionale che ci attende. …“In continuità con la propria storia associativa, aprendosi a prospettive nuove, condividendo le scelte della Chiesa italiana espresse negli Orientamenti Pastorali 20102020 “Educare alla vita buona del Vangelo”, consapevole delle difficoltà del tempo attuale e sorretta dalla speranza che nasce dall’amore di Dio per l’uomo, l’AIMC, considerando la scuola come investimento e risorsa per lo sviluppo del Paese, indica una necessità – SALVIAMO LA SCUOLA –, individua una strategia – l’impegno di tutti –, in vista di una finalità più ampia – il futuro del Paese. Salviamo la scuola La riflessione comune assume uno sguardo aperto che porta a considerare l’oggi come il tempo che l’amore di Dio ci dona, esito di ciò che è stato il passato e premessa per il futuro. In questo modo, è possibile osservare AIMC Emilio Tartaglino poraneamente, si inserisce nella dinamica del cambiamento, che richiede il coinvolgimento personale e il prendersi cura reciproco per influire sui sistemi e sulle loro dinamiche interne. Per questo, l’AIMC crede che sia necessario SALVARE la SCUOLA, oggi, aiutandola e aiutandoci, come soggetti coinvolti, a vivere con consapevolezza il tempo presente e a svolgere in esso il compito istituzionale e individuale. È significativo assumere come valore ogni soggetto e il suo operare concreto, ricercando nuove modalità capaci di attualizzare gli orizzonti di senso e rilanciare i significati culturali della pedagogia della scuola. Emilio Tartaglino Numero 1 Data gennaio 2014 Notizie di rilievo  Congresso Nazionale XX Sommario AIMC: identità e partecipazione 2 L’impegno di tutti per il futuro del paese 2 L’esperienza romana nazionale 3 Sezione Lucca—Piana “allegramente unite” 4 Sezione Versilia SudNord: elezione del nuovo presidente 4 L’esperienza romana del xx congresso nazionale 5 Castelnuovo Mediavalle: aspettando l’accorpamento 5 Xx congresso: tra rela- 5 zioni, votazioni, pranzi, cena e musica Estrazione biglietti AIMC del 18-01-2014 6
  2. 2. AIMC: IDENTITA’ E PARTECIPAZIONE Ho scoperto l’Associazione diversi confronto, dall’assunzione di respon- anni fa, appena diplomato; subito vi sabilità, dall’”esserci” nelle varie re- ho trovato amici non solo del nostro altà scolastiche e sociali. contesto cittadino, ma anche delle varie realtà regionali e nazionale. Era palpabile l’entrare a far parte di un corpo in cui tutti divenivano ricchezza, condivisione, aiuto, spinta verso un’idea di educazione alta e profonda, innestata nell’umanesimo cristiano. Oggi, come ieri, siamo noi i portatori di questo tessuto pedagogico, aperto all’alterità e alla crescita armonica, sinergica dell’individuo. Il rinnovo degli organismi associativi mi ha portato a questo incarico a livello provinciale: accanto a me percepisco la presenza di tante persone; è vivo l’esempio forte di Giorgetta, di Emilio che sento vicini e illuminanti nelle idee, nell’aiuto, nella condivisione. L’Associazione non è una persona: è costruire a più mani, è progetto comune, è presenza di qualità che nasce e si rinforza dal Spesso la complessità e gli impegni dell’oggi direzione, ma ciascuno può trovare lo specifico di adesione personale e creativa del passato, per comprendere il presente e progettare il futuro. La fase di cambiamento che stiamo diversi modi a seconda della propria scono di in questa un’appropriazione profonda, critica e vivendo può essere letta e vissuta in ci impediorientarci della speranza, nell’ottica di identità; mi piace pensare a tutti noi L’Associazione non è una persona: è costruire a più mani, è progetto comune. fattiva. Occorre non di- come cellule vitali che coniugano il contesto scolastico e sociale con il bagaglio etico-umano e deontologico di cui siamo portatori. Per quanto emerso è determinante riscoprire la portata dell’essere laici impegnati nel contesto educativo; logico corollario è l’essere protagonisti, l’unico modo per divenire testimoni credibili, capaci di ILLUMINARE UNA DETERMINATA VISIONE DEL MONDO E DELLA VITA. menticare il nostro bagaglio culturale ed etico: avere una storia significa viverla insieme. L’educazione deve recuperare il coraggio della verità e Fernando Vannucci L’IMPEGNO DI TUTTI PER IL FUTURO DEL PAESE Per salvare la scuola, l’AIMC afferma la necessità di una collaborazione condivisa perché la scuola stessa è bene comune. Al suo interno, nell’identità dei ruoli e nella loro reciprocità, è possibile maturare e vivere atteggiamenti e azioni di responsabilità, cittadinanza e democrazia, propri del vivere di una comunità educante e di un Paese. Si tratta di un impegno di tutti e di ciascuno, colto nella prospettiva del futuro del Paese, che si configura come obiettivo da conoscere e da realizzare nel dispiegarsi della quotidianità. L’Associazione conferma la necessità del confronto, oltrepassando le logi- Pagina 2 che della contrapposizione e della giustapposizione. Il futuro del Paese è un bene che va tutelato da tutti e questo potrà avvenire se si L’impegno, in maturerà la questo momento, condivisione di è quello di una prospettiaderire all’Aimc va comune. e di metterci al L’AIMC propolavoro con ne la centralità fiducia, della persona consapevoli come nel suo procesdice Papa so di umanizzaFrancesco di: zione, intorno “Non guardare la al quale è possibile incontra- vita dal balcone! re interessi collettivi per orientare l’essere e l’agire di ciascuno e di tutti nella scuola, nella società e nella Chiesa”… L’impegno, in questo momento, è quello di aderire all’Aimc e di metterci al lavoro con fiducia, consapevoli come dice Papa Francesco di: “Non guardare la vita dal balcone! E di mischiarci lì, dove ci sono le sfide che ci chiedono aiuto per portare avanti la vita, lo sviluppo, la lotta per la dignità delle persone”… Emilio Tartaglino LE SEZIONI S’INCONTRANO
  3. 3. L’esperienza romana nazionale Nei giorni 3-4-5 gennaio si é svolto a simpatico e divertente girare per stro arrivo in San Pietro... sotto la Roma il ventesimo congresso nazio- Roma in taxi e a piedi... Ciò' ci ha pioggia ...che nel momento che il no- nale dei maestri cattolici. Sono par- permesso di conoscerci meglio e di stro papa si e' affacciato alla fine- tita da Lucca con molto entusiasmo e vedere in stra e' uscito il sole...L' con grandi aspettative che sono sta- tranquilli- esperienza romana e' sta- te ripagate in pieno! Ho conosciuto tà le piaz- ta unica e sicuramente da persone aperte e interessanti con le ze più bel- quali é stato bello confrontarsi. In le del particolare, ho avuto l'onore di cono- mondo; scere il nuovo assistente nazionale, dalla bel- Don Salvatore Curro, che si é rivela- lissima to un uomo speciale per gentilezza e fontana di disponibilità, e si anche reso disponi- Trevi, nel bile nel venire a visitare la nostra quale non città' ! e noi con grande gioia lo at- poteva tendiamo ... ma Roma ..... la città' certamen- eterna e' rimasta nel mio cuore. La te manca- cittá in quei giorni era stupenda più re il lancio del solito, lo spirito natalizio si re- della monetina, dalla stupenda piazza spirava ancora e quindi durante la Navona vestita a festa per la ricor- nostra breve permanenza abbiamo renza Dell' Epifania di nostro Signo- deciso di visitare, in un momento di re; ogni angolo aveva un banchetto libertà dal duro lavoro, i suoi monu- circondato da befane per grandi e menti senza tempo. E' stato molto per piccini. Il culmine e' stato il no- La cittá in quei giorni era stupenda più del solito, lo spirito natalizio si respirava ancora ... ricordare, soprattutto ha rappresentato per me l'inizio di un cammino educativo nel' Aimc e come ha detto papa Francesco il nostro lavoro educativo e' importante e fondamentale nella società di oggi. Roberta Piazza Navona vestita a festa per la ricorrenza dell' Epifania di nostro Signore. Numero 1 Pagina 3
  4. 4. Sezione Lucca-Piana: “Allegramente unite” Sono onorata di essere stata eletta é nata durante una congresso nazionale a come rappresentante della sezione cena, inizialmente tra Roma ci ha molto aiu- Lucca Piana e, anche se sará difficile scherzi e risate, poi tato..Sicuramente é eguagliare il mio predecessore, cer- peró é divenuta realtá. stata un'esperienza cheró di impegnarmi al massimo delle Inoltre siamo tre don- formativa e stimolan- mie possibilitá. Come prima iniziativa ne a organizzarlo e per te, a partire dal viag- io e le presidenti delle sezioni Garfa- questo motivo siamo gio d'andata e fino al gnana e Viareggio Sud, Maria Con- sicure che sará un suc- ritorno il sorriso non ci cetta Adami e Silvestro Teresa, ab- cessone!! A parte le biamo pensato di unire le tre sezioni battute, l'allegria e attraverso un giornalino virtuale e soprattutto la voglia di cartaceo che si propone di rendere lavorare ci stimolerá a migliorarci e a che ci ha unite nella risata e soprat- noto a tutti i soci il nostro comune migliorare le nostre sezioni e soprat- tutto nel lavoro. cammino. L'unione fa la forza! L'idea tutto l' esperienza fatta insieme al Didascalia della fotografia o immagine ha mai abbandonato. Da subito, insomma, é nata una forte empatia Roberta TUTTI IN PIAZZA SAN PIETRO PER ASCOLTARE L’ANGELUS DEL PAPA E RICEVERE LA SUA BENEDIZIONE PER L’ASSOCIAZIONE INTERA. Versilia sud-nord: l’elezione del nuovo presidente di sezione Sono passati 12 anni dalla nomina del presidente di sezione Versilia Sud, Maria Bruna Orsi. Anni di impegno, proposte e formazione. La sottoscritta Teresa Silvestro ringrazia per la nomina come nuovo presidente di sezione Pagina 4 Insieme si può cambiare la Scuola e il nostro Paese per gli anni 2014-2018. La speranza è di essere capace di andare avanti su tale linea: di continuare gli incontri di sezione con uno scambio tra diverse scuole e realtà scolastiche di Viareggio, Massarosa, Camaiore; di proporre temi per la formazione inerenti alle no- vità e al cambiamento che caratterizza il nostro tempo; di rispondere alle esigenze di denuncia e “voce”, a livello nazionale, per un futuro della Scuola e del Paese attraverso l’impegno di tutti. Ci uniremo, inoltre, alla sezione di Versilia Nord per diventare comunità in cammino insieme. “Facciamo memoria per andare avanti...insieme”. LE SEZIONI S’INCONTRANO
  5. 5. L’esperienza romana del XX Congresso Nazionale Il 24/11/’13 a Pistoia si è svolto il Congresso Regionale AIMC della Toscana dove è stata eletta come presidente la Dott.ssa Cristina Giuntini. In tale occasione, attraverso la relazione della dott.ssa Fiorella Magnani, è stato possibile approfondire argomenti come: Quale Scuola? Quale rapporto Scuola-Paese? Quale associazione?. Argomenti affrontati anche a livello Nazionale al XX Congresso dal 3 al 5 gennaio 2014, a Roma. La scuola, secondo l’AIMC, deve contribuire all’evoluzione culturale, sociale ed economica del Paese e rappresentare un fattore di sviluppo e di innovazione; promuovere l’azione educativa attraverso il quadro delle competenze europee, disciplinari e L’associazione AIMC è dunque di interdisciplinari (imparare ad impafronte ad una svolta che si rende rare, competenze sociali e civiche di necessaria, anche se desta preoccufiducia, attenzione, pazione, come comunità passione, spirito di di pratiche nella riceriniziativa e imprendica, luogo di crescita torialità …) per capire professionale, senso di la realtà e interagire appartenenza, valorizLa scuola ha la custodia con essa. zazione di esperienze delle procedure, degli interpersonali. La scuola deve rivol- attori, del creato, della cura. La scuola è responsabile del futuro del Paese e come professionisti dobbiamo prenderci cura gli uni degli altri. gersi alla persona al dell’educativo, fine di far sentire l’altro accettato e compreso, per essere scuola inclusiva che valorizza differenze e capacità di ognuno. La scuola ha la custodia delle procedure, degli attori, del creato, dell’educativo, della cura. Buon lavoro a tutti! Teresa Silvestro Castelnuovo-Mediavalle: “Aspettando l’accorpamento” Da diverso tempo le sezioni di Ca- perciò nella fusione c’è la speranza duare una sede stelnuovo Garf.na e Mediavalle hanno che attività condivise favoriscano il adeguata dove maturato l’intenzione di unirsi, la confronto e siano di stimolo per pro- ritrovarsi per decisione è stata presa di comune gettare e guardare al futuro in ma- ripartire insieme! accordo dopo la constatazione ogget- niera attiva, in modo da ricreare tiva che di fatto le due sezioni si quell’ entusiasmo che si è perso e sono ritrovate spesso a lavorare che sta alle fondamenta di qualsiasi comunque insieme, sia per l’esiguo associazione. Nei prossimi mesi il numero delle iscrizioni che per la primo obiettivo sarà quello di indivi- Maria Concetta Marilena Le sezioni di Castelnuovo Garf.na e Mediavalle hanno maturato l’intenzione di unirsi. partecipazione abbastanza limitata, XX Congresso. Tra relazioni, votazioni, pranzi, cene e musica Tutto può far pensare a una breve vacanza romana post natalizia, ma tra relazioni, votazioni, pranzi e momenti di fraterna amicizia si sono svolti i lavori del XX Congresso Nazionale. Eravamo quasi trecento tra docenti e dirigenti provenienti dalle sezioni di tutte le regioni, alcuni alla prima esperienza congressuale, altri veterani, ma tutti impegnati per eleggere il nuovo Consiglio Nazionale. Abbiamo iniziato con la celebrazione eucaristica presieduta da diversi Numero 1 assistenti, tra cui Don Salvatore coraggio nel vostro lavoro educativo, Curro, assistente nazionaè molto importante! Così le e il nostro Don Luigi tra battute, risate e diBertolucci; per concludedattica a più non posso re tutti insieme in Piazza siamo tornati a casa entuS. Pietro con la partecipasiasmati e soddisfatti, zione all’Angelus domenisperiamo solo che tutto cale del Papa, il quale si è questo rimanga e porti rivolto a noi con queste frutto nelle nostre sezioparole: “Con affetto ni. Momento liturgico saluto i pellegrini preMaria Concetta senti oggi, in particolare Marilena l’Associazione Italiana Maestri Cattolici: vi inPagina 5
  6. 6. Presidente di sezione Versilia Sud - Nord Teresa Silvestro E-mail: teresa.silvestro65@gmail.com Presidente di sezione Castelnuovo –Mediavalle Maria Concetta Adami E-mail mariaconcetta.adami@tin.it Presidente di sezione Lucca– Piana Roberta Giuliano E-mail aimclucca@tin.it Sede AIMC di Lucca Tel. E fax : 0583 467340 E-mail: aimclucca@tin.it cca.it www.aimclu t www.aimc.i Papa Francesco, Evangelii Gaudium “A volte ci sembra di non aver ottenuto con i nostri sforzi alcun risultato … noi co spendiamo con dedizione ma senza pretendere di vedere risultati appariscenti. Sappiamo soltanto che il dono di noi stessi è necessario. Impariamo a riposare nella tenerezza delle braccia del Padre in mezzo alla nostra dedizione creativa e generosa. Andiamo avanti, mettiamocela tutta, ma lasciamo che sia Lui a rendere fecondi i nostri sforzi come pare a Lui.” “Il futuro si costruisce insieme” Estrazione e vincitori, tesseramento, sconti. Estrazione biglietti AIMC del 18 gennaio 2014 I premio Elisa M. N° 219 II premio Patrizia M. N° 420 III premio Lusi S. N° 78 La Campagna adesioni si svolge dal 1° gennaio al 31 maggio. Per i rinnovi dal 1° gennaio al 30 settembre 2014. Il versamento della quota associativa copre l’anno solare. Gli importi delle quote per l’adesione 2014 sono stati così determinati dal Consiglio nazionale: IV premio Silvia B. N° 607 - soci ordinari 35 euro; V premio Elena G. N° 1020 - soci con incarico annuale 27 euro; VI premio Paola L. N° 305 VII premio Luciana N° 691 Il versamento della quota dà diritto al mensile “Il Maestro”, organo ufficiale dell’AIMC, utilizzo della foresteria che si trova in Clivo di Monte del gallo, 48-00165 Roma, tel.06634651-2-3-4; fax 0639375903. Sconti sulle pubblicazioni Elledici, dell’Editrice la Scuola. Polizza con la Compagnia Cattolica assicurazioni. Convenzione AMODIO Secondo premio Convenzionecon le principali università telematiche: UNIMARCONI, UNIPEGASO, UNISU “Niccolò Cusano”. - soci familiari insegnanti/dirigenti residenti nella stessa abitazione (senza rivista) 23 euro; Convenzione con Vacupan Italia srl. - soci religiosi 35 euro; Convenzione con Azienda vitivinicola De Maria. - soci sostenitori 65 euro. Convenzione ADM. Convenzione bancaria Re

×