I Giganti della Montagna

  • 2,128 views
Uploaded on

Presentazione dello spettacolo "I Giganti della Montagna" testo di L. Pirandello, regia di Federico Tiezzi.

Presentazione dello spettacolo "I Giganti della Montagna" testo di L. Pirandello, regia di Federico Tiezzi.

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
2,128
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. I GIGANTI DELLA MONTAGNA Mito incopiuto di Pirandello Regia Federico Tiezzi
  • 2. TRAMA Lo spettacolo espone una visione profetica della situazione nella quale il teatro si trova attualmente. I Giganti sono i protagonisti invisibili del testo: rappresentano il potere nella sua materialità, possiedono i mezzi di produzione e li utilizzano per realizzare opere immani, e al tempo stesso esercitano un controllo invisibile attraverso la manipolazione delle coscienze.
  • 3. PERSONAGGI
  • 4.
    • La compagnia della Contessa : Ilse Iaia Forte, Il Conte Silvio Castiglioni, Diamante Debora Zuin, Cromo Massimo Verdastro, Spizzi Ciro Masella, Battaglia Roberto Corradino, Cotrone Sandro Lombardi Gli scalognati: Quacquèo Alessandro Schiavo, Duccio Doccia Aleksandar Karlic, La Sgricia Marion D’Amburgo, Milordino Andrea Carabelli, Mara-Mara Clara Galante
  • 5.
    • Federico Tiezzi (Lucignano, 13 dicembre 1951)
    • Anni 70, esponente di spicco della neoavanguardia teatrale europea.
    • Anni 80-90, si avvicina ad autori classici come Shakespeare e Čechov realizzando allestimenti di spettacolare impatto visivo che gireranno il mondo.
    • Messinscene più significative: Adelchi di Alessandro Manzoni (1992); Finale di partita di Samuel Beckett (1992); Porcile di Pier Paolo Pasolini (1994); Felicità turbate di Mario Luzi (1995); Edipus (1994), Cleopatràs (1996), Due lai (1998) di Giovanni Testori; Antigone di Sofocle di Bertold Brecht (spettacolo che nel 2006 ha rappresentato l'Italia al BrechtFest di Berlino); I giganti della montagna di Luigi Pirandello (2007), Norma di Vincenzo Bellini (2008).
    • Riconoscimenti: Premio Ubu. I primi per Punto di rottura (1979) e Crollo nervoso (1980), Compagnia teatrale Magazzini Criminali. Gli uccelli di Aristofane (spettacolo dell'anno e miglior regia del 2006).
    • 1991 esordisce con successo nella regia d'Opera lirica con Norma di Vincenzo Bellini.
    • In seguito dirigerà, nei massimi teatri d'opera europei, La traviata e Il barbiere di Siviglia (1993), Carmen (1995), Les vêpres siciliennes (1996), Madama Butterfly (1997), Didone ed Enea (2000), La sonnambula (2000), Il trovatore (2001), La clemenza di Tito (2003).
    • Nel 2007 è stato nominato direttore artistico del Teatro Metastasio, Fondazione-Stabile della Toscana.
    Il REGISTA www.lombarditiezzi.it
  • 6. L'AUTORE www.pirandelloweb.com Pirandello nasce (Agrigento1867-1936 Roma) in un’agiata famiglia di idee garibaldine e patriottiche. Nel 1887 si trasferisce a Roma. Nel 1889 prosegue i suoi studi a Bonn. Rientra a Roma nel 1993 e qui si stabilisce. Nel 1903 un improvviso ed enorme dissesto economico e il conseguente gravissimo trauma psichico della moglie Antonietta Portulano caduta in uno stato di inguaribile follia(delirio di gelosia), gli sconvolgono la vita fino a portarlo alle soglie del suicidio. Reagisce impegnandosi completamente nel lavoro e celando i suoi traumi dolorosi e privati nei modi di una umiltà e di un pudore che sanno di grande eroicità. Pirandello volle affettuosamente sopportare anche la follia della moglie che è stata, in parte, ispiratrice delle sue opere: “ la paura d’ impazzire è presente già nei primi documenti autobiografici e denuncia un’ ossessione che accompagna Pirandello per tutta la vita, tanto più quanto in un inquietante riflesso speculare. Lo scrittore costeggia affascinato e sgomento l’ abisso della schizoidia, anche se, ovviamente, rimane quello che la psichiatria esistenziale definisce uno schizoide sano di mente per di più dotato salvificamente di genio creativo.
  • 7. FOTO
  • 8.  
  • 9.  
  • 10. ANDAMENTO DELLO SPETTACOLO
  • 11.
      • I Giganti della montagna
    VIDEO
  • 12.
    • In scena dall'11 al 22 marzo 2009
    • al teatro Mercadante di Napoli
    • www.teatrostabilenapoli.it
  • 13.
    • http://www.amedeodicapua.splinder.com
    • www.amadeusmagic.it
    • [email_address]
    Presentazione di Amedeo Di Capua