Delibera consiglio n.9 del 30 aprile 2012   approvazione rendiconto gestione 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Delibera consiglio n.9 del 30 aprile 2012 approvazione rendiconto gestione 2011

on

  • 420 views

 

Statistics

Views

Total Views
420
Views on SlideShare
420
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Delibera consiglio n.9 del 30 aprile 2012 approvazione rendiconto gestione 2011 Document Transcript

  • 1. __________________________ VERBALE DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALEN° 9 del 30/04/2012Oggetto: Approvazione Rendiconto della Gestione anno 2011 L’anno duemiladodici addì 30 del mese di Aprile alle ore 18.10, nella sala delle adunanze delComune suddetto, previa l’osservanza delle formalità prescritte dalla vigente normativa, vennerooggi convocati, in prima convocazione, i componenti del Consiglio Comunale, in seduta ordinaria. COMPONENTI Presenti AssentiDE ROSE Pasqualino Sebastiano XREPOLE Melania XPAGLIUSO Mario XMAMMOLTO Angelo Mario XMICELI Michele XNUCCI Angela XMARSICO Antonio XGALLUCCI Ercole XPAGLIUSO Giovanni Battista XAIELLO Luca X Totale 8 2Partecipa alla seduta il Segretario Comunale, Dott. Policicchio Dario, il quale provvede allaredazione del presente verbale.La seduta è pubblica.Essendo legale il numero degli intervenuti, la Sig.na Repole Melania, nella sua qualità diPresidente del Consiglio, assume la Presidenza e dichiara aperta la seduta per la trattazionedell’oggetto sopra indicato.Interviene il Vice Sindaco Pagliuso che legge la seguente relazione:Sig. Sindaco, Sig. Presidente del Consiglio, Assessori e Consiglieri tutti, come ben noto,l’intervento del Consiglio Comunale nell’attività programmatoria del comune termina conl’approvazione del rendiconto e cioè, entro il 30 Aprile dell’esercizio successivo.Il Consiglio comunale, infatti, è chiamato a giudicare l’operato della giunta ed a valutare il gradodi realizzazione degli obiettivi programmati ed inseriti nel bilancio di previsione. 1
  • 2. La programmazione di inizio esercizio viene dunque confrontata con i risultati raggiunti fornendouna precisa analisi sull’efficienza dell’azione intrapresa dall’intera struttura comunale.La relazione al rendiconto è, pertanto, l’anello conclusivo di un processo di programmazione cheha avuto origine con l’approvazione del bilancio e con la discussione, in tale circostanza, delledirettive programmatiche politicofinanziarie per il periodo successivo.I principi che mirano all’economica gestione delle risorse richiedono infatti un momento finale diverifica sull’efficienza dei comportamenti adottati durante l’esercizio trascorso.Questo tipo di valutazione costituisce, inoltre, un preciso punto di riferimento per correggere icriteri di gestione del bilancio in corso al fine di affinare la tecnica di configurazione degli obiettividegli esercizi futuri.Il giudizio critico sui risultati conseguiti, infatti, tenderà ad influenzare le scelte diprogrammazione che l’amministrazione dovrà adottare negli anni che saranno poi oggetto diprogrammazione pluriennale.Appare opportuno ricordare, innanzitutto a me stesso, che il bilancio di previsione è lo strumentofinanziario con cui l’amministrazione è autorizzata ad impiegare le risorse destinandole alfinanziamento di spese correnti e spese d’investimento, accompagnate dalla presenza di eventualimovimenti di fondi.I servizi Conto terzi (partire di giro), essendo operazioni effettuate per conto di soggetti esterni,sono estranei, alla gestione economica dell’ente e quindi non influiscono in alcun modo nellaprogrammazione e nel successivo utilizzo delle risorse comunali.La struttura classica del bilancio di previsione , composta solo da riferimenti contabili, impediscedi individuare quali e quanti sono gli obiettivi che l’amministrazione si prefigge di perseguirenell’esercizio.Questo è il motivo per cui al bilancio di previsione è allegata la relazione previsionale eprogrammatica.Con l’approvazione di questo importante documento, le dotazioni di bilancio sono ricondotte alloro reale significato di stanziamenti destinati a realizzare predefiniti programmi.Il programma costituisce quindi la sintesi tra la programmazione di carattere politico e quella diorigine prettamente finanziaria.Il bilancio consuntivo, di contro, è la risultanza dell’azione amministrativa dell’esercizio la quale,per motivi su esposti, merita particolare attenzione.Sig. Sindaco, Sig. Presidente del Consiglio, Assessori e Consiglieri tutti, come è ben noto l’attualeamministrazione si è insediata in data 04.06.2011 e di conseguenza, l’operato nonché laprogrammazione dell’attuale Giunta non potevano che essere influenzati dalle risultanzefinanziarie relative al bilancio previsionale dell’anno 2011.Ciò che si intende sostenere è che, all’insediamento dell’attuale amministrazione, risultava giàapprovato il bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2011 predisposto dalla precedenteamministrazione.Alla luce di ciò ed in conseguenza di una situazione finanziaria sicuramente deficitaria, l’attualeamministrazione ha diretto i propri sforzi al parziale risanamento dell’intera situazione finanziariadell’ente, obiettivo che, come è noto, ci si è posti in sede di predisposizione del bilancio diprevisione 2012, oltre al contenimento delle spese attraverso una politica incentrata “all’economiadelle stesse”.Ciò è chiaramente visibile dai dati contabili relativi all’esercizio 2011 dove, ad esempio, le spesecorrenti originariamente previste pari ad Euro 986.079,65 risultano essere state accertate a fineesercizio 2011 per l’importo complessivo di Euro 791.911,98 con una economia pari ad Euro194.197,67.A tal proposito, appare opportuno sottolineare che la previsione delle spese correnti dell’esercizio2011 superiore di quasi il 20% rispetto a quelle dell’esercizio 2010 non poteva che condurrel’amministrazione comunale nella direzione di attuare “economie” tanto è che il valore accertatodelle stesse a fine esercizio 2011 ( Euro 791.911,98), può essere inteso quale percentuale pari al16% rispetto alle spese accertate dell’esercizio precedente.Complessivamente, il totale delle spese originariamente previste in complessivi Euro 2.733.348,47sono state contenute in Euro 1.872.611,20 con un’economia accertata pari ad Euro 860.737,27. 2
  • 3. Una siffatta politica incentrata alla contrazione delle spese è stata possibile anche attraverso unadiversa valorizzazione delle entrate che, complessivamente, risultano essere state accertate percomplessivi Euro 1.874.440,56, in aumento rispetto al precedente esercizio per Euro 497.508,96,pari cioè alla percentuale del 36% rispetto all’esercizio finanziario 2010.Così, ad esempio, le entrate correnti accertate derivanti da: - entrate tributarie per Euro 459.839,76 - entrate da trasferimenti per Euro 79.387,46 - entrate extratributarie per Euro 309.932,58 risultano iscritte per un totale complessivo pari ad Euro 849.159,80.Da quanto esposto è chiaramente comprensibile che la differenza tra il totale delle entratecomplessive dell’ente pari ad Euro 1.872.611,20 ed il totale delle uscite complessive dell’Ente pariad 1.872.611,20 conduce ad un fondo cassa a fine esercizio pari ad Euro 2.070.33 che sommatoalle riscossioni ed al netto dei pagamenti conduce ad un fondo cassa, desunto dal conto deltesoriere, pari ad Euro 245.268,35.Se al saldo del tesoriere viene dapprima sommato l’importo complessivo dei residui attivi esuccessivamente sottratto quello dei residui passivi, si giunge ad un avanzo di amministrazione paria Euro 7.954,96, valore da considerarsi del tutto modesto e perfettamente in linea rispetto allaprogrammazione delle spese 2011.E’ il caso di ricordare, infatti, che l’avanzo è un risparmio pubblico, lo stesso avanzo diamministrazione, nel momento in cui assume valori significativi, può essere considerato qualesegnale di inefficienza dell’ente, vale a dire rilevare una difficoltà di programmazione della spesa.Ad esempio, un forte avanzo di amministrazione connesso ad aumenti di aliquote o tariffe di tributie servizi comunali può essere considerato quale grave sintomo di cattiva programmazionefinanziaria, cioè un eccesso di pressione tributaria e tariffaria rispetto ai bisogni reali perfinanziare e servizi comunali.In considerazione del fatto che il valore assunto dall’avanzo di amministrazione è influenzato dalvalore assunto dai rischi attivi e passivi, la presente amministrazione comunale ha provveduto allastima degli stessi attraverso un taglio di quelle poste attive e passive delle quali non necessitava piùla relativa iscrizione in bilancio.Ed ancora, l’amministrazione sta procedendo ad una rivisitazione straordinaria degli stessiproprio al fine di evitare: - la sovrastima di residui attivi che comporterebbe una crescita fittizia dell’avanzo di amministrazione; - la sovrastima dei residui passivi che condurrebbe alla formazione di fittizi disavanzi di amministrazioneAppare scontato come l’amministrazione comunale stia già provvedendo e sia costantemente allaricerca di corretti equilibri di bilancio tanto è che, già a partire da questo esercizio finanziario,l’ente è riuscito a far fronte ai propri impegni attraverso mezzi propri, senza , cioè, ricorrere, sinoad oggi, ad alcuna anticipazione di tesoreria che, per come abbastanza evidente ed in funzione diun suo utilizzo costante, oltre ad evidenziare disfunzioni nelle riscossioni e nei pagamenti e , quindinella valorizzazione dei residui attivi e passivi, comporta il pagamento di interessi passivi neiconfronti dell’istituto di credito e, pertanto, tali da inficiare in modo determinante e significativo ilrelativo rendiconto finanziario al quale gli stessi vengono imputati.Interviene il Consigliere Gallucci che legge la seguente dichiarazione di voto:Il conto consuntivo dell’esercizio finanziario 2011, per come fatto risaltare nel precedenteConsiglio comunale, ha evidenziato una gestione monocratica legittimata da disposizionidell’ufficio tecnico e dell’ufficio amministrativo, che il nostro gruppo non ha condiviso e sullaquale sono state mosse varie interrogazioni principalmente sulla gestione economica, per lamaggior parte delle volte rimaste senza risposta.Con il conto consuntivo si tirano le somme di un anno di gestione e oltre a verificare che i contisiano tecnicamente a posto, si fanno anche i cosiddetti bilanci politici- amministrativi. Il rendicontocertifica l’efficienza dell’azione amministrativa della Giunta sulla base dei risultati conseguiti. 3
  • 4. Nulla da eccepire dal punto di vista contabile-ragioneristico, ma se vogliamo esaminare il ContoConsuntivo troveremo altre motivazioni, insieme a quelle precedentemente dette, chegiustificheranno il nostro voto contrario. Dalle verifiche preliminari si evidenzia che l’ente ha riconosciuto debiti fuori bilancio pari a zero. Quindi i soliti debiti per le vertenze Misasi, De Bonis e Vecchio, le cui sentenze risultano protocollate nel 2011, non si sa che fine abbiano fatto. Non troviamo quanto evidenziato nella ipotesi transattiva della centralina elettrica con un’uscita di € 97.000,00 ed un conguaglio di € 57.000,00, e neanche si parla della produzione di energia. a quanto la messa in funzione? Lo scostamento tra le entrate e le spese previste inizialmente e quelle accertate ed impegnate evidenzia un tasso di diminuzione del 31%. Il Revisore dei Conti nella sua relazione, afferma che a fronte di una stabilità delle contrazioni delle entrate cè stata una “ minore diminuzione nella riduzione delle spese correnti, e pertanto suggerisce il monitoraggio continuo per cercare di ridurre lo scostamento fra accertato e impegnato, rispetto alle previsioni iniziali per non mettere in pericolo gli equilibri di bilancio”. Si evidenziano al 31/12 degli anni 2009, 2010 e 2011 delle anticipazioni di cassa rimaste inestinte. Perchè non si è provveduto al pagamento di azioni esecutive non regolarizzate? Sulle entrate tributarie si passa dal Rendiconto 2010 per l’ICI di € 34.000,00 alla previsione e rendiconto 2011 pari a € 25.000,00. O c’è stato un errore nel 2010 oppure nel 2011, visto che la modalità di pagamento e le tariffe dell’ICI in questi due anni non è cambiata, e le abitazioni sono sempre le stesse. Lo stesso vale per la raccolta rifiuti. In particolare troviamo nella voce ricavi € 81.320,00 mentre nella voce dei costi € 119.464,80 con percentuale di copertura del 68%. Nel bilancio di previsione avevamo invece € 95.000,00 come costi con una percentuale di copertura del 87.03%. Come mai tale aumento dei costi? Anche nella relazione del revisore si evidenzia da una parte, una tenuta dei ricavi mentre dall’altro un complessivo aumento dei costi rispetto alle previsioni di circa il 25%, con un conseguente aggravio delle tariffe da applicare. Sulle spese correnti si evidenzia, per le spese del personale, un aumento rispetto al 2009 e al 2010. In particolare si passa da € 321.378,59 del 2009, ad € 305.699,38 del 2010 ed infine a € 359.287,13 del 2011. A tal riguardo la spesa del personale non rientra nei limiti di cui all’art.1 comma 557 o 562 della legge 296/06 (per comuni non soggetti al patto di stabilità). Infatti ci si attesta al 51% passando dal 43% del 2010. stesso discorso per l’acquisto di beni di consumo che passa da € 53.641,00 del 2010 ad € 68.225,00 del 2011 Altro punto da evidenziare è il riaccertamento dei residui attivi e passivi al 31/12/2011, anche se erano stati già ripresi nel rendiconto 2010. Come verificato anche dal revisore, risultano ancora residui attivi di parte corrente anteriore al 2006 per € 82.429,00, residui attivi del cap. IV anteriori al 2006 per € 486.035,08; residui passivi di parte corrente anteriore al 2006 per € 61.985,25 e residui passivi del titolo II anteriore all’anno 2006 per € 617.813,58. Per quanto riguarda l’esigibilità di tali residui si ritiene che abbiano un alto grado di anzianità, per cui sarebbe ora che si valutasse realmente la reale riscossione degli stessi essendo anche una consistente parte rispetto al totale. Lo stesso controllo si dovrebbe fare anche con quelli passivi. Abbiamo una scarsa capacità di finanziamento degli investimenti con risorse proprie, visto che le risorse dell’ente, prima ancora della consistenza finanziara, sono influenzate da variabili esterne (ad es. ex ICI e la sua riscossione).Queste considerazioni ci portano pertanto, coerentemente con quanto già evidenziato nel consiglioprecedente, a votare contro il conto consuntivo del 2011.Il Gruppo di Minoranza, ad ogni modo, dopo un anno di amministrazione, tiene a precisare che,per come detto sin dal primo insediamento, opererà solo per gli interessi dei cittadini di Altilia. E’disponibile al confronto ed alla collaborazione con tutti, Sindaco, Assessori e Consiglieri. 4
  • 5. Ne è dimostrazione l’aver votato positivamente il programma triennale delle opere pubbliche,l’aver valutato positivamente la revoca dell’affidamento per il servizio porta a porta, averevidenziato positivamente la realizzazione dei lavori della fognatura in contrada Sinni e dellaFontana Vecchia di Maione, con residui di mutui degli anni precedenti. Non ha condivisol’aumento dell’IMU per i cittadini e visto che il peso fiscale è alto invitiamo ancora una voltasempre in ottica di riduzione delle tariffe IMU, all’accertamento ormai effettivo sui soggettievasori; siamo stati contro il dispendio di denaro a soggetti esterni, sempre nell’ottica dicontenimento della spesa pubblica.Le nostre valutazioni non sono né personali, né politiche e né di posizione ma esclusivamenteoggettive, condivisibili o meno a seguito di un democratico confronto.Interviene il Sindaco che spiega che il Conto Consuntivo è relativo alla gestione dell’intero anno2011 e che, di conseguenza, la gestione dei primi 6 mesi sono da ricondurre alla responsabilitàpolitica della precedente amministrazione; quindi, continua il Sindaco, molti dei rilievi mossi dalConsigliere Gallucci sono da ritenersi come avanzati nei confronti della vecchia amministrazione,poiché questa maggioranza risponde politicamente solo da Giugno 2011 in poi. Il Sindaco ricordache l’attuale maggioranza si è fatta carico di impegni di spesa non regolarizzati, facendo fronte aduna serie di spese effettuate dalla precedente amministrazione. Per quanto riguarda invecel’eventuale riconoscimento di debiti fuori bilancio, il Sindaco precisa che sarà la Giunta a vagliarela reale situazione e poi sarà il Consiglio Comunale a dover decidere se riconoscerli o meno; IlSindaco continua dicendo che si è deciso di abbassare la tariffa della Tarsu che è passata per laprima abitazione dal 1,98% al 1,60% e che si è trovato un accordo con la Presila Spa per la raccoltadei rifiuti porta a porta, che consentirà all’Ente un risparmio di circa 30.000 euro all’anno. IlSindaco spiega che per attuare correttamente il servizio sarà necessario procedere a sensibilizzare lacittadinanza, partendo dalle scuole, e che è doverosa la collaborazione di tutte le forze politichepoiché tutti devono guardare all’interesse di Altilia. Il Sindaco riscontra con piacere che è cambiatoin questi ultimi mesi il modo di confrontarsi tra le forze politiche, che le forze di minoranza hannovotato in maniera favorevole su alcuni importanti provvedimenti e che ciò è molto importante per lacrescita della comunità amministrata. Informa il Consiglio che con la manifestazione organizzatasabato 28 Aprile “Altilia tra religione e storia” il Comune di Altilia ha avuto una risonanza inambito nazionale ed europeo. Il Sindaco conclude il suo intervento ricordando che per gli incarichiprogettuali affidati sono state stipulate apposite convenzioni per evitare che per il futuro possanoessere avanzate dai professionisti pretese di ordine economico che vadano oltre a quanto concordatoe che sarebbe auspicabile istituire una Commissione di verifica per conoscere il grado di attuazionedei programmi presentati, con il contributo fattivo anche delle forze di opposizione. IL CONSIGLIO COMUNALEUditi gli interventi sopra riportati;VISTA la relazione illustrativa dei risultati della gestione anno 2011;VISTE le disposizioni previste dell’art. 227 del D. Lgs. N° 267/2000, relative allaformazione del rendiconto comprendente il conto del bilancio ed il conto delpatrimonio;VISTO il conto del Tesoriere dell’Ente, relativo all’esercizio 2011, reso ai sensi e pergli effetti di cui all’articolo 226 del D. Lgs. N° 267/2000;VISTO il conto del bilancio, redatto in base alle risultanze conclusive dell’esercizio2011, e della procedura di riaccertamento dei residui attivi e passivi (giusta 5
  • 6. Determina del Settore Finanziario N° 6 del 22.03.2012), effettuata in conformitàall’art. 228, comma 3, del D. Lgs. N° 267/2000;VISTE le risultanze dell’aggiornamento degli inventari effettuati in conformitàall’art. 230, comma 7, del D. Lgs. N° 267/2000;VISTE le disposizioni del 1° e 2° comma dell’art. 187 del D. Lgs. N° 267/2000,relative alla destinazione dell’avanzo di amministrazione;VISTA la delibera G. C. N° 41 del 06.04.2012, con la quale è stata approvata larelazione illustrativa dei risultati della gestione di cui agli artt. 151, comma 6, e 231del D. Lgs. N° 267/2000;VISTA la relazione, allegata al conto, dell’Organo preposto alla revisioneeconomico-finanziaria, redatta in conformità all’art. 239 del D. Lgs. N° 267/2000;VISTA la regolarità di tutti gli atti in precedenza richiamati;VISTO lo Statuto Comunale ed il Regolamento comunale di contabilità;VISTO il D.P.R. 31 gennaio 1996, N° 194;VISTO l’art. 151, comma 6°, del Decreto Legislativo N° 267/2000, modificatodall’art. 2 quater, comma 6, lett. a), della Legge 4/12/2008, N° 189;VISTO il parere favorevole espresso dal responsabile del servizio finanziario inmerito alla regolarità tecnica e contabile;Con 6 Voti Favorevoli (De Rose, Pagliuso M., Miceli, Mammolito, Repole, Marsico)e 2 contrari (Gallucci e Pagliuso G.) DELIBERA1) Di approvare, come approva, il rendiconto della gestione anno 2011, unitamente atutti gli allegati ad esso connessi, in tutti i suoi contenuti che sono riassunti nelseguente quadro della gestione finanziaria ed il risultato finale complessivo dellastessa: 6
  • 7. GESTIONE Residui Competenza TotaleFondo di cassa al 1/1/2011……………………...…………………………...………………2.070,33Riscossioni …………..………. 596.409,01 1.179.246,66 1.775.655,67Pagamenti……………………... 471.278,37 1.061.179,28 1.532.457,65Fondo di cassa al 31 dicembre……...………………………………..................................245.268,35Residui attivi…………………. 1.550.251,27 695.193,90 2.245.445,17Residui passivi ……………… 1.671.326,97 811.431,92 2.482758,89Differenza……………………………………………………………………….……… 237.313,72Avanzo al 31/12/2011…………………………………………………………………….....7.954,632) Di dare atto che, con l’approvazione del rendiconto dell’esercizio 2011, sono staticontestualmente approvati i risultati ed i provvedimenti connessi all’operazione diriaccertamento dei residui attivi e passivi, iscritti nel conto del bilancio.3) Di disporre la trasmissione della presente deliberazione alla Tesoreria Comunale,Banca Carime S.p.A. di Cosenza, Filiale di Rogliano.4) Di dichiarare, con successiva ed unanime votazione, la presente deliberazioneimmediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134, comma 4, del D.Lgs. 267/2000. 7