Your SlideShare is downloading. ×
LE@RNING ENVIRONMENT                   PER L’APPRENDIMENTO                            PERMANENTEDidamatica 2012           ...
SOCIETÀ «LIQUIDA»      civiltà della                            civiltà del         durata                               t...
    We teach things, not                                      thinking                                                   ...
NECESSITÀ FORMATIVE           capire versus sapere  controllo critico e consapevole   della “cassetta degli attrezzi”  app...
DIDATTICA PER LE COMPETENZE                              laboratoriale e partecipativa                               colla...
SPAZI                       : QUI ED ORA                                      non c’è più necessità di       anywhere     ...
A SCUOLA, DI SOLITO …                              spazi circoscritti, spesso limitati                                    ...
LA SCUOLA DELL’ERA DIGITALE:                 ALTERNATIVE                              contrappeso al copia/incolla ed     ...
I TERMINI DELL’INTEGRAZIONE     chi prende decisioni deve considerare le nuove         forme di pubblicazione e ricerca in...
CRITICITÀ   fruizione delle risorse di apprendimento il più     possibile autonoma da parte degli studenti       affidare ...
AMBIENTI DI APPRENDIMENTO  “Un ambiente di apprendimento deve essere tale        da innescare esso stesso un processo     ...
AMBIENTI DI APPRENDIMENTO                                consentire di       devono mettere                              r...
COMUNITÀ AUTENTICHE                               La sfida è vivere la comunità                              virtuale non ...
COMUNITÀ DI PRATICA                          la semantica comune: la pratica come                          produzione soci...
I NUOVI DOCENTI                                                                       Sviluppo delle                      ...
LA SCUOLA COME SISTEMALa scuola costituisce unsistema aperto,adattivo e sociale,con le caratteristiche diun sistema comple...
MECCANISMI DI CONTROLLO                                  connessione delle parti tra loro                              int...
MECCANISMI DI FEEDBACK                              sono sempre e dovunque disponibili gli                                ...
VALUTAZIONE AUTENTICA           «L’apprendimento non si dimostra con           l’accumulo di conoscenze, ma con la        ...
SCUOLA DIGITALEpermette di attingere a maggiori e più complete formedi informazione e ampie gamme di risorseambiente “vero...
MISSION"Insegnare seriamente ètoccare ciò che vi è di piùvitale in un essere umano.E creare un accessoallintegrità più viv...
DOMANDE?                            Grazie              flavia.giannoli@fastwebnet.it                 http://admaioranetwo...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Didamatica 2012 - Ambienti virtuali per l'apprendimento permanente

1,285

Published on

La società moderna è in continua e frenetica evoluzione ed a ragione può essere definita società dell’incertezza. E’ importante focalizzare le attuali necessità formative per confrontarle con le realtà educative in atto e le linee di evoluzione presenti. Gli ambienti virtuali si affiancano a quelli reali tanto da diventare parte integrante della vita di gran parte delle persone e non si può prescindere da questo se si vuole progettare un sistema educativo complesso. E’ necessario predisporre un ambiente di apprendimento adeguato per la formazione e valutazione autentica delle persone nell’integrità delle loro relazioni e realizzare modalità di apprendimento che soddisfino ed accompagnino le necessità formative durante tutta la vita.

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,285
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Didamatica 2012 - Ambienti virtuali per l'apprendimento permanente"

  1. 1. LE@RNING ENVIRONMENT PER L’APPRENDIMENTO PERMANENTEDidamatica 2012 Flavia GiannoliTaranto, 14-16 maggio MIUR
  2. 2. SOCIETÀ «LIQUIDA» civiltà della civiltà del durata transitorio missili missili balistici «intelligenti» esclusione dal lifelong learning «gioco»Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 2
  3. 3.  We teach things, not thinking (Wordpress)  Più competenze, meno mansioni (Sole 24 Ore) competenze del democrazia e cittadino libertàDidamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 3
  4. 4. NECESSITÀ FORMATIVE capire versus sapere controllo critico e consapevole della “cassetta degli attrezzi” apprendimento significativo e duraturo le competenze non si possono insegnare: esse possono solo essere acquisite, in maniera autonoma e personale Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 4
  5. 5. DIDATTICA PER LE COMPETENZE laboratoriale e partecipativa collaborativa ed inclusiva responsabilizzante e coinvolgente L’ esperienza formativa del periodo scolastico si proietta nel futuro come bagaglio culturale e metodologico Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 5
  6. 6. SPAZI : QUI ED ORA non c’è più necessità di anywhere un luogo fisso uso flessibile del anytime tempo crescita dei evoluzione relazionale collegamenti fra le della cultura persone parte integrante del diffusione dei media tessuto della vita quotidianaDidamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 6
  7. 7. A SCUOLA, DI SOLITO … spazi circoscritti, spesso limitati alla sola aula apprendimento «a tempo», tra una campanella e l’altra lezione frontale e risorse trasferimento della prevalentemente conoscenza cartacee Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 7
  8. 8. LA SCUOLA DELL’ERA DIGITALE: ALTERNATIVE contrappeso al copia/incolla ed al tutto-e-subito accomodante nell’utilizzo degli strumenti dei nativi digitali capace di integrare le tecnologie nei processi formativi Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 8
  9. 9. I TERMINI DELL’INTEGRAZIONE chi prende decisioni deve considerare le nuove forme di pubblicazione e ricerca in rete la digital media literacy deve divenire norma nel sistema educativo la ricerca ufficiale deve occuparsi delle sperimentazioni con le tecnologie innovative L’ innovazione è troppo spesso lasciata all’iniziativa delle singole scuole e/o alla intraprendenza di pochi insegnanti Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 9
  10. 10. CRITICITÀ fruizione delle risorse di apprendimento il più possibile autonoma da parte degli studenti affidare loro il controllo del proprio tempo netiquette e fenomeni psicologici associati e/o influenzati dalle nuove tecnologie Predisporre a scuola esperienze protette e circoscritte (non limitate) fornisce la chiave e l’abitudine all’uso consapevole, sereno ed “ecologico” delle nuove tecnologie Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 10
  11. 11. AMBIENTI DI APPRENDIMENTO “Un ambiente di apprendimento deve essere tale da innescare esso stesso un processo conoscitivo rilevante per il soggetto che apprende, la cui esperienza si deve basare su di un processo di ristrutturazione continua e flessibile della conoscenza preesistente in funzione dei bisogni posti, di volta in volta, dalle nuove situazioni formative.” S. Tagliagambe Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 11
  12. 12. AMBIENTI DI APPRENDIMENTO consentire di devono mettere razionalizzare e a disposizione organizzare i strumenti percorsi di cognitivi ed ricerca di dati e operativi di informazioni favorire il relazionarsi supportare la sociale e lo collaborazione sviluppo dei tra i soggetti comportamenti pro-sociali Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 12
  13. 13. COMUNITÀ AUTENTICHE La sfida è vivere la comunità virtuale non da mere “creature sociali”, ma da “creature comunitarie” che vivono quei comportamenti pro-sociali, che favoriscono la condivisione dell’esperienza e l’istruzione reciproca Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 13
  14. 14. COMUNITÀ DI PRATICA la semantica comune: la pratica come produzione sociale del significato la comunità: la pratica come fonte di coerenza di una comunità l’apprendimento: la pratica come processo di apprendimento continuo i confini: la pratica come generatrice di confini ed identità Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 14
  15. 15. I NUOVI DOCENTI Sviluppo delle Individuazione e capacità riflessive sostegno delle del gruppo sulle dinamiche proprie pratiche Potenziamento e virtuose e stimolazione della prevenzione e cooperazione scoraggiamento Promozione interpretativa per di quelle errate della l’apprendimento partecipazione situato Progetto Sostegno ai didattico processi autonomi Visto che l’informazione è dappertutto, è la qualità dell’insegnante a fare la differenza nella scuola Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 15
  16. 16. LA SCUOLA COME SISTEMALa scuola costituisce unsistema aperto,adattivo e sociale,con le caratteristiche diun sistema complesso La conoscenza e la valutazione interne sono requisiti irrinunciabili per la regolazione di un sistema complesso Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 16
  17. 17. MECCANISMI DI CONTROLLO connessione delle parti tra loro interdipendenti del sistema educativo in una rete di scuole raccolta dei dati e scambio delle informazioni sul funzionamento delle varie parti del sistema monitoraggio in tempo reale dei vari aspetti del sistema per indirizzare utilmente le decisioni Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 17
  18. 18. MECCANISMI DI FEEDBACK sono sempre e dovunque disponibili gli elementi sensibili della storia ed evoluzione personale del singolo, come anche dei diversi istituti scolastici. gli ambienti CMS ed e-learning permettono tenere facilmente traccia nel tempo delle attività monitoraggio della successione delle prestazioni e la memorizzazione dei risultati delle periodiche prove Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 18
  19. 19. VALUTAZIONE AUTENTICA «L’apprendimento non si dimostra con l’accumulo di conoscenze, ma con la capacità di generalizzare, trasferire, utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite mediante compiti di realtà agiti nella scuola, prima e successivamente realizzabili in contesti reali.» Comoglio Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 19
  20. 20. SCUOLA DIGITALEpermette di attingere a maggiori e più complete formedi informazione e ampie gamme di risorseambiente “vero” (anche se virtuale), dove applicaregiudizio ed innovazione creativa.rende disponibili strumenti flessibili e potenti perdestrutturare e poi ricostruire la/le discipline,permette di ripetere, praticare, avere feedback perperfezionare la prestazione ed i prodotti. Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 20
  21. 21. MISSION"Insegnare seriamente ètoccare ciò che vi è di piùvitale in un essere umano.E creare un accessoallintegrità più viva e intimadi un bambino o di unadulto" (Steiner 2004) Didamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 21
  22. 22. DOMANDE? Grazie flavia.giannoli@fastwebnet.it http://admaioranetwork.itDidamatica 2012 – Taranto Flavia Giannoli MIUR 22

×