Il cdc a modo mio di agostino roncallo quarta parte

  • 6,285 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
6,285
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
20

Actions

Shares
Downloads
30
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Copyrigth 2013 All rigths reserved.Testi e foto di Agostino Roncallo. Nessuna parte può essereutilizzata in qualunque forma, riprodotta o memorizzatasenza autorizzazione scritta dell’Autore
  • 2. Il CDC a modo mio Ultima parte
  • 3. Effimera in barbe di CDCCi fu un tempo in cui credevo che le mosche artificiali, peressere apprezzate dai pescatori, dovessero nascere damontaggi complicati e di difficile esecuzione.Poiché costruivo le mosche con montaggi estremamentesemplici, non le consideravo degne di rilievo, anche se conesse i pesci li prendevo.Ovviamente, ero inesperto, non avevo le idee chiare, percui impiegai anni per capire il valore della semplicità escoprire che le mie prime intuizioni sulla costruzione eranobuone.Adesso che ho maturato la convinzione che le moscherealizzate con concetti semplici ed essenziali siano le piùefficaci, mi sono accorto che le idee, che mi hannoconsentito di realizzare certi miei montaggi recenti,risalivano a molto tempo prima, in alcuni casi, a quasitrenta anni fa.Ho fatto questa premessa perché l’imitazione che vipropongo fa parte della categoria artificiali semplici edessenziali che creai per la pesca del temolo.
  • 4. Su un piccolo amo diritto, fisso un ciuffetto di barbe diCDC accanto all’occhiello, in modo che le barbe eccedenticreino le ali dell’imitazione.
  • 5. Dopo il fissaggio del ciuffetto, mi sposto con il filo dimontaggio fino alla curva dell’amo.
  • 6. Torno indietro e mi fermo accanto alle ali.
  • 7. Verticalizzo le barbe delle ali, incrociando il filo dimontaggio intorno alla loro base.
  • 8. Eseguo la testa dell’imitazione.
  • 9. Mosca finita.
  • 10. Questa imitazione, assieme alle altre tre che seguono, èstata concepita per essere costruita su ami molto piccoli infunzione della pesca del temolo, pesce quanto maiirrazionale (dal punto di vista umano, naturalmente) che, avolte sale solo su mosche piccolissime mentre, in altreoccasioni, accetta senza problemi mosche fin troppograndi.Per non sbagliare, provo a catturarlo con entrambi i tipi dimosche, ma forse avrei bisogno di mosche di una terzatipologia, di cui ignoro le caratteristiche, perché questopesce, dal bizzarro comportamento, riesce a farmi dubitaredelle mie capacità di pescatore quasi ogni volta che tentodi catturarlo.È questa imprevedibilità comportamentale che mi faamare la sua pesca.
  • 11. Humpy ami piccoliCon una piccola variante al procedimento con cui sicostruisce l’imitazione dell’effimera, si possono ottenereHumpy molto piccole.Su un piccolo amo diritto, fisso un ciuffetto di barbe diCDC accanto all’occhiello, in modo che le barbe eccedenticreino le ali dell’imitazione.
  • 12. Dopo il fissaggio del ciuffetto, mi sposto con il filo dimontaggio fino alla curva dell’amo.
  • 13. Torno indietro con il filo di montaggio e mi fermo accantoalle ali. Rovescio sul gambo dell’amo le barbe più lunghedella coda e le fisso accanto a quelle delle ali.
  • 14. Verticalizzo le barbe con alcuni giri incrociati di filo dimontaggio intorno alla base delle ali.
  • 15. Eseguo la testa della mosca e taglio le barbe più lunghedelle ali.
  • 16. Mosca finita.Volendo, queste piccole imitazioni possono essere dotate dicode di barbe di gallo.. Basta fissare un ciuffetto di barbe digallo sulla curva dell’amo, prima di costruirle..
  • 17. Coleotteri ami piccoliInserendo nel montaggio precedente un addome formato dabarbe della coda del pavone, si ottiene l’imitazione di unpiccolo coleottero.Su un amo diritto a gambo corpo, fisso, nel solito modo, unciuffetto di barbe di CDC.
  • 18. Con il filo di montaggio, mi sposto fino sulla curvadell’amo.
  • 19. In quel punto, fisso tre barbe della coda del pavone.
  • 20. Arrotolo su loro stesse le barbe di pavone, le avvolgointono al gambo dell’amo, le fisso accanto all’occhiello etaglio le loro eccedenze.
  • 21. Rovescio le barbe della coda sul corpo e le unisco a quelledelle ali.
  • 22. Eseguo la testa della mosca.
  • 23. Pareggio le barbe delle ali.
  • 24. Mosca finita.
  • 25. Red TagUtilizzando due ciuffetti di CDC, si ottiene la versione inCDC della Red Tag.Su un amo diritto a gambo corto, fisso due ciuffetti di barbedi CDC, uno accanto all’occhiello ed uno sulla curva.
  • 26. Fisso tre barbe di pavone sulla curva dell’amo, le arrotolosu loro stesse e le avvolgo intorno al gambo.
  • 27. Giunto accanto all’occhiello, le fisso e taglio le eccedenze.
  • 28. Verticalizzo le barbe di CDC per ottenere le ali ed eseguo latesta dell’imitazione.
  • 29. Con le forbici, taglio le parti di barbe che eccedono dal tage dalle ali dell’imitazione.
  • 30. Mosca finita.
  • 31. Parachute con hackles in CDCPrima di dedicarmi alla ricerca su come utilizzare al meglioil CDC, mi ero impegnato per migliorare il montaggioparachute, penso di poter dire con buoni risultati, tantoche non è difficile trovare i miei modelli di parachute nellescatole dei pescatori con la mosca italiani.Logico quindi che, quando rivolsi la mia attenzione al CDC,decisi di realizzare con quel materiale anche un montaggioparachute.
  • 32. Sulla curva di un amo diritto fisso la coda e realizzol’addome della mosca, quindi mi fermo nel punto in cuivanno montate le ali.
  • 33. Prendo una hackle di CDC, la posiziono con la parteconvessa a contatto con il gambo dell’amo e la fisso sullostesso ad un terzo della sua lunghezza, partendo dalla base.Nel fissare la hackle sull’amo faccio in modo che le suebarbe non vengano intrappolate dalla legatura: in pratica èsolo la rachide della hackle che viene bloccata sull’amo.
  • 34. Sollevo verticalmente la base della hackle, stirando le suebarbe verso l’alto, ed avvolgo il resto della hackle intornoad essa in posizione parachute.
  • 35. Fisso la punta della hackle accanto all’occhiello.
  • 36. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 37. Creo un sottile dubbing sul filo di montaggio.
  • 38. Formo il torace della mosca.
  • 39. Rovescio in avanti la base della hackle avendo cura distirare verso sinistra le sue barbe.
  • 40. Fisso la hackle accanto all’occhiello dell’amo e recido lasua eccedenza.Questa è l’operazione più importante del montaggio: labase della hackle, abbassata sull’amo e fissata su questo,blocca le spire avvolte in posizione parachute e conferisceal montaggio una indiscutibile solidità.
  • 41. Eseguo il nodo di chiusura.
  • 42. Pareggio le barbe delle ali.
  • 43. Mosca finita.
  • 44. Parachute con ali in CDCAggiungendo una hackle di gallo al precedenteprocedimento di costruzione , si ottiene una parachuteclassica con le ali di barbe di CDC.Su una amo diritto, fisso le code e costruisco il corpodell’imitazione.
  • 45. Fisso una hackle sull’amo come nel montaggio precedente.
  • 46. Sollevo la base della hackle ed avvolgo intorno a essa ilresto della piuma.
  • 47. Fisso la hackle accanto all’occhiello e taglio l’eccedenza.
  • 48. Fisso una hackle di gallo alla base delle ali.
  • 49. Avvolgo la hackle intorno alla base delle ali, la fisso accantoall’occhiello dell’amo e ne taglio l’eccedenza.
  • 50. Rovescio in avanti la base della hackle e la fisso accantoall’occhiello. Con questa operazione blocco sull’amo lespire della hackle di gallo.
  • 51. Taglio l’eccedenza della hackle.
  • 52. Eseguo la testa della mosca.
  • 53. Pareggio la lunghezza delle barbe delle ali.
  • 54. Mosca finita.
  • 55. Parachute con ali in CDC 2Basandomi ancora sul principio della hackle rovesciatasopra le spire della hackle montata parachute e fissatasull’amo per bloccarle saldamente in quella posizione,creai una variante al montaggio della parachute con ali inCDC che ritengo ancora più semplice e veloce da realizzaredel precedente.Fisso le code su un amo diritto e costruisco l’addomedell’imitazione.
  • 56. Stiro le barbe di una hackle di CDC lungo la rachide e lafisso sull’amo, con la punta rivolta verso l’occhiello.
  • 57. Nello stesso punto, fisso una hackle di gallo.
  • 58. Avvolgo la hackle di gallo sotto le due parti di quella diCDC.
  • 59. Fisso la hackle sull’amo e taglio l’eccedenza.
  • 60. Abbasso la punta della hackle, stiro le barbe lungo larachide, la fisso accanto all’occhiello dell’amo e tagliol’eccedenza.In questo caso è la punta della hackle invece della base abloccare le spire di gallo sull’amo, ma il risultato noncambia.
  • 61. Eseguo il nodo di chiusura.
  • 62. Tolgo la mosca dal morsetto e recido il calamo della hacklein modo da liberare le barbe della base.
  • 63. Accorcio le barbe delle ali.
  • 64. Mosca finita.
  • 65. Mosca vista da sotto.
  • 66. CDC parachute con ali di materiali vari.Con un’altra semplice variazione del montaggio base èpossibile aggiungere alla parachute di CDC ali di ogni tipo.È possibile dotarla di ali in punta di hackles di gallo ogallina, di ali composte da ciuffetti di pelo o di barbe divarie piume e di ali in materiale sintetico.Su un amo diritto, fisso le code, monto le ali inpolipropilene e costruisco l’addome della mosca.
  • 67. Prendo una hackle di CDC e la fisso alla base delle ali, nelmodo descritto nel montaggio base.
  • 68. Tenendo la base della hackle sollevata, avvolgo la hackleintorno alle ali ed al suo stesso calamo.
  • 69. Fisso la punta della hackle accanto all’occhiello e recido lasua eccedenza.
  • 70. Rovescio in avanti la base della hackle, avendo cura distirare verso sinistra le sue barbe.
  • 71. Fisso la hackle accanto all’occhiello dell’amo e recido lasua eccedenza.
  • 72. Eseguo il nodo di chiusura.
  • 73. Con un taglio, stabilisco l’altezza delle ali.
  • 74. Mosca finita.
  • 75. Loop Wing EmergerMolti fly tyers usano il CDC seguendo schemi standard,come fissare una hackle per la punta e rovesciarla sultorace per creare la sacca alare di una ninfa.Anch’io operai in questo modo fino a quando cominciai acercare soluzioni alternative a quelle tradizionali.Le barbe del CDC esprimono al meglio le loro potenzialitàquando sono libere di muoversi in aria e di fluttuare inacqua.Se vengono raccolte e unite alla rachide della hackle leloro migliori caratteristiche vengono penalizzate e lagalleggiabilità si riduce.Essendo convinto che la mobilità delle barbe di CDC sideterminante per l’efficacia delle imitazioni e che laluminosità che le permea le renda particolarmenteattrattive per i pesci, ideai un’ala, ottenibile piegando unahackle a forma di asola.
  • 76. Sulla curva di una amo grub, fisso un ciuffetto di barbe diCDC e un filo di nylon nero.
  • 77. Creo un dubbing sul filo di montaggio.
  • 78. Creo il corpo, su cui avvolgo il filo di nylon a spire larghe, etaglio l’eccedenza.
  • 79. Accanto al corpo, fisso una hackle di CDC, dopo aver stiratole barbe verso la punta, in modo che la base sporga di unbuon tratto oltre l’occhiello dell’amo.
  • 80. Rovescio in avanti la punta della hackle, in modo daformare una piccola asola, stiro le barbe lungo la rachide,la fisso sull’amo e taglio la sua eccedenza.
  • 81. Nello stesso punto, fisso tre barbe dell’occhio della piumadi pavone.
  • 82. Ritorco le barbe di pavone su loro stesse, le avvolgointorno al gambo dell’amo, per ottenere il torace e netaglio l’eccedenza.
  • 83. Eseguo la testa della mosca.
  • 84. Recido la hackle progressivamente, in modo da liberare lebarbe dalla rachide.
  • 85. Procedo così fino ad arrivare all’occhiello dell’amo.
  • 86. A questo punto, pareggio le barbe con le forbici.
  • 87. Mosca finita.
  • 88. Loop wing Suspender NimphProseguendo le sperimentazioni sull’ala ad asola, fissai lahackle sull’amo al contrario, per avere l’ala posizionata inavanti, oltre l’occhiello dell’amo.Agii in questo modo perché da parecchio tempo avevol’intenzione di fornire a una ninfa una parvenza di vita.Nelle mie intenzioni, doveva essere un’ imitazione di ninfaemergente da usare nei laghi, in modo particolare nellezone di demarcazione fra le acque calme e quelleincrespate dal vento.Sappiamo che queste zone sono ottime per la pescaperché il vento ammassa in questi luoghi il cibo di cui sinutrono le trote che li percorrono ciclicamente sentendosiprotette dalla relativa visibilità della superficie dell’acquaincrespata dal vento.Inizialmente, costruii una essenziale imitazione di ninfasulla curva di un amo a gambo lungo, lasciando il gambonudo e fissando su esso la hackle di CDC piegata ad asola inmodo che sporgesse oltre l’occhiello.L’idea era che la hackle svolgesse la funzione di una velache, sollecitata dal vento, facesse compiere dei piccolimovimenti alla ninfa immersa in acqua.Provai le imitazioni in pesca e costatai che funzionavanomeglio nelle acque correnti che in quelle ferme.Catturai trote e temoli che predavano le ninfe appenasotto la superficie dell’acqua, ma mi accorsi che leimitazioni delle ninfe fissate sulle curve degli amirendevano meno efficace l’aggancio dei pesci.
  • 89. Per cui, pensai che mi convenisse costruire ninfe con queltipo di ali. ma in modo classico.Fu così che creai il montaggio Loop wing SuspenderNimph.
  • 90. Fisso una hackle di CDC su un amo grub, in modo chesporga oltre l’occhiello.
  • 91. Piego indietro la hackle, in modo da formare un’asola, e lafisso sul gambo dell’amo.
  • 92. Taglio l’eccedenza della hackle.
  • 93. Mi sposto sulla curva dell’amo dove fisso un tinsel e creoun dubbing sul filo di montaggio.
  • 94. Formo l’addome della ninfa, avvolgo intorno ad esso ilribbing a spire larghe e ne taglio l’eccedenza.
  • 95. Fra l’addome e le ali, fisso tre barbe di pavone e formo iltorace della ninfa.
  • 96. Recido le eccedenze delle barbe di pavone.
  • 97. Eseguo la testa e l’imitazione è finita.
  • 98. Mosca finita.L’ala dell’ imitazione, posta in posizione verticale, asciugamolto bene quando si bagna perché le barbe della hacklesono unite in un ciuffetto solo alla sua base, ma per il restodell’ala sono ben discoste una dall’altra sulla rachide.
  • 99. Mosca vista di fronte.
  • 100. Mosca vista da dietro.
  • 101. La prima versione del loop wing emerger.
  • 102. Loop wing parasolSe, con la hackle di CDC si crea un’asola grande, è possibileottenere un’imitazione che ha le caratteristiche di unaParasol.Fisso una hackle di CDC accanto all’occhiello di un amogrub.
  • 103. Rovescio indietro la Hackle e la fisso sull’amo in modo daformare un’ampia asola.
  • 104. Tenendo in tensione l’asola con l’apposito attrezzo, inizioad avvolgere il filo di montaggio intorno a essa.
  • 105. Quando raggiungo la distanza che desidero interporre frala ninfa e il ciuffetto di barbe che serve da segnalatore, mifermo.
  • 106. Torno indietro con il filo di montaggio.
  • 107. Abbasso leggermente l’amo e taglio l’eccedenza dellahackle.
  • 108. Fisso un tinsel sulla curva e creo un dubbing sul filo dimontaggio.
  • 109. Formo il corpo con il dubbing.
  • 110. Avvolgo il tinsel sul corpo, a spire larghe, e tagliol’eccedenza.
  • 111. Fisso tre barbe di pavone accanto al corpo.
  • 112. Ritorco le barbe su loro stesse, creo il torace e taglio leeccedenze.
  • 113. Eseguo la testa della mosca.
  • 114. Pareggio le barbe del ciuffetto segnalatore.
  • 115. Mosca finita.
  • 116. Loop wing Parasol.
  • 117. Parachute loop wingOsservando questa interpretazione del montaggio Parasol,pensai che il tratto di asola coperto dal filo di montaggiopotesse essere un’ottima base per avvolgervi intorno unahackle di gallo in posizione parachute.Prendo un amo grub e piego verso il basso una piccola partedel gambo, prossima all’occhiello.
  • 118. fisso un tinsel sulla curva dell’amo e una hackle di CDC allimite della piega effettuata in precedenza.
  • 119. Porto la punta della hackle sul punto di fissaggio dellastessa, stiro le barbe in avanti, verso l’occhiello, e la fissosull’amo. In questo modo, creo un’ampia asola con lahackle.
  • 120. Partendo dal punto di fissaggio dell’asola, comincio adavvolgerle intorno il filo di montaggio, procedendo versodestra, per creare il post che servirà, in seguito, per ilfissaggio della hackle di gallo.
  • 121. Quando raggiungo la lunghezza che desidero abbia il post,torno indietro sull’amo.
  • 122. Prendo una hackle di gallo, elimino, con le forbici, le barbealla sua base e la fisso sul post in modo che la barbe digallo siano appaiate a quelle di CDC.
  • 123. Dopo aver fissato la hackle sul post, fisso un tinsel sullacurva dell’amo e formo un dubbing che mi serve perottenere il corpo della ninfa.
  • 124. Dopo aver costruito il corpo, gli avvolgo intorno il tinsel aspire larghe, lo fisso sull’amo e ne taglio l’eccedenza.
  • 125. In quel punto, fisso tre barbe della coda del pavone.
  • 126. Arrotolo su loro stesse le barbe di pavone, formo il toracedella ninfa e taglio la loro eccedenza.
  • 127. Cambio posizione all’amo bloccandolo nel morsetto, inmodo che il post sia in orizzontale, inserisco l’attrezzoasola nel loop della hackle di CDC e, tenendolo in tensione,avvolgo la hackle di gallo intorno al post, spostandomi conle spire verso il corpo della ninfa.
  • 128. Giunto alla base del post, rimetto l’amo nella posizioneiniziale.
  • 129. Fisso la hackle sull’amo e taglio l’eccedenza.
  • 130. Eseguo la testa della ninfa.
  • 131. Pareggio le barbe delle ali.
  • 132. Mosca finita.
  • 133. Nel montaggio parachute classico, la hackle si avvolgeintorno alle ali partendo dal basso, avvolgendo ogni spirasotto la precedente, mentre, in questa variante, si avvolgeal contrario, dall’alto verso il basso, a spire serrate, unaaccanto all’altra.Ciò impedisce che le spire della hackle possano allentarsidurante l’uso della mosca e srotolarsi verso l’alto.Passando dai dettagli inerenti la struttura della mosca aquelli riguardanti la pesca, questo montaggio parachute faassumere alle imitazioni la tipica postura delle ninfeemergenti quando giungono sulla superficie dell’acqua.Ciò dipende dal fatto che il collarino di hackles è postoquasi in asse col gambo dell’amo.È per questo motivo che ho ritenuto opportuno piegare unapiccola parte di amo vicino all’occhiello; l’ho fatto perpoter eseguire il fissaggio della punta della hackle sull’amoe la testa della mosca più agevolmente.
  • 134. Hackle angolataNel 1994 scrissi un articolo dove proponevo di piegareverso l’alto il tratto vicino all’occhiello di un amo a gambodiritto, per conferire alla mosca maggiore equilibrio estabilità in acqua.Avvolgendo una hackle di gallo intorno al tratto di gambodell’amo piegato verso l’alto, le barbe della hackle sidisponevano sull’acqua con la stessa angolazione dellapiegatura.Poiché piegavo l’amo con un angolo di circa 45°, le barbedella hackle di gallo si posavano sull’acqua non solo rivoltein avanti, ma anche disposte sui lati dell’imitazioneimpedendo possibili rotazioni laterali della stessa.L’idea di piegare l’amo in quel modo mi era stata suggeritada un articolo del costruttore Giapponese Tatsuhiro Saido,pubblicato nell’uscita di Febbraio 1992 della rivista FlyFisherman, il quale piegava verso l’alto il tratto di amoprossimo all’occhiello per imitare le dun che galleggianocon la testa sollevata sull’acqua.Purtroppo però, mi accorsi che piegare un amo versol’alto, per disporre il collarino di sostegno della moscainclinato in avanti sull’acqua , danneggiava il suo angolo dipenetrazione. Piegando in quel modo l’amo, il suoocchiello si trovava fuori asse rispetto al gambo quindi, inpratica, era come pescare con un amo con la curva aperta.Per trovare una soluzione al problema, provai a legareun’appendice metallica , direzionata verso l’alto con unangolo di 45°, accanto all’occhiello di un amo diritto e ad
  • 135. avvolgere intorno a essa la hackle di gallo. Provandol’artificiale in pesca, costatai che galleggiava benenonostante l’aggiunta di materiale metallico e pattinavasull’acqua altrettanto bene. Dopo aver appurato che la miaintuizione aveva del buono, abbandonai il montaggioperché non riuscivo ad accettare l’idea di aggiungere pesoall’amo.Dopo aver ideato la parachute loop wing, pensai che larachide di una hackle di CDC fosse sufficiente a fornire unasolida base su cui avvolgere la hackle di gallo inclinata inavanti a circa 45°.Procedetti come descritto nel dressing e ottenni ciò chedesideravo senza aggiungere peso alla mosca.
  • 136. Piego la parte prossima all’occhiello di un amo diritto dimisura standard, e lo blocco nel morsetto.
  • 137. Fisso una hackle di CDC a filo della piega dell’amo.
  • 138. Nello stesso punto fisso una hackle di gallo dopo averprivato delle barbe un tratto di rachide.
  • 139. Tenendo in tensione le due hackles, avvolgo intorno a esseil filo di montaggio per creare la base intorno a cuiavvolgere la hackle di gallo.
  • 140. Torno indietro con il filo di montaggio.
  • 141. Tenendo in tensione la hackle di CDC, avvolgo quella digallo intorno alla base che ho creato e la fisso sull’amo.
  • 142. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 143. Dispongo l’attrezzo asola a filo del collarino di hackles digallo, aggancio la hackle di CDC, la piego sulla partesuperiore del collarino di gallo, stiro le barbe della puntaverso l’occhiello e la fisso sull’amo.
  • 144. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 145. Con qualche giro di filo di montaggio, spingo in avanti lebarbe di CDC e di gallo. Come se costruissi una mosca diDevaux.
  • 146. Mi sposto sulla curva dell’amo dove fisso le code.
  • 147. Fisso un quill spelato dell’occhio del pavone accanto allecode.
  • 148. Avvolgo il quill intorno all’amo e lo fisso accantoall’occhiello. Recido l’eccedenza.
  • 149. Eseguo il nodo di chiusura del montaggio.
  • 150. Accorcio le barbe delle ali.
  • 151. Mosca finita.
  • 152. Ho creato l’asola con la hackle di CDC dopo aver avvoltointorno alla sua rachide la hackle di gallo. Agendo in questomodo, le barbe di CDC vengono a trovarsi lungo la partesuperiore del collarino di sostegno della mosca.L’ accorgimento di piegare l’amo, deriva dall’esperienzache feci con le prime sperimentazioni sulla hackleinclinata, quando fissai un’appendice metallica sugli ami.Mi accorsi che, utilizzando ami di misura standard,l’addome delle imitazioni veniva troppo lungo e sarebbestato opportuno utilizzare ami a gambo corto. Non avendoa disposizione ami a gambo corto, in quel momento, piegaiverso il basso un tratto di gambo vicino all’occhiellodell’amo.Così facendo, ottenni imitazioni proporzionate e mi accorsiche la piegatura facilitava il fissaggio della hackle di gallo el’esecuzione del nodo di chiusura del montaggio.Per questo motivo, invece di usare ami a gambo corto,preferisco piegare quelli di misura standard.
  • 153. Bruco ritorto CDC & PavoneVi propongo una mosca della cui efficacia può testimoniareun illustre personaggio della pesca a mosca: il caro amicoRenato Cellere.Pescavo con Renato in una lama del No kill dell’Astico incui si vedevano nuotare gruppi di temoli di buona taglia.Nonostante fossero presenti sull’acqua numeroseeffimere, i pesci non bollavano.Con i temoli le ho quasi provate tutte, per cui, sapendoquanto sia apparentemente strano il loro comportamento,legai sul finale un piccolo bruco di pavone e CDC che nonc’entrava nulla con la schiusa in atto. Al primo lancioeffettuai una cattura a cui seguirono diverse altre.Poi, improvvisamente,i pesci non degnarono piùl’imitazione di alcuna attenzione.I temoli sono fatti così, riescono sempre a stupirmi e afarmi costruire innumerevoli imitazioni con cui spero dicatturarli.Desidero però chiarire che le mie mosche di fantasia nonsono costruite a caso, la loro realizzazione nasce da unaricerca sulla struttura delle mosche artificiali, tenendoconto delle caratteristiche dei materiali utilizzati e dei lorocolori.
  • 154. Fisso sei barbe di pavone su un amo grub. Fisso le barbeper la base, dove il quill è più robusto.
  • 155. Dividendo le barbe in tre parti di due barbe ciascuna e leintreccio fra loro per ottenere un cordoncino.
  • 156. Accanto a loro, fisso una hackle di CDC.
  • 157. Avvolgo la hackle intorno al cordoncino di pavone, a spirelarghe.
  • 158. Servendomi dell’attrezzo asola come punto di appoggio,ritorco hackle e cordoncino su loro stessi.
  • 159. Fisso il tutto sull’amo.
  • 160. Elimino la punta della hackle.
  • 161. Accanto alle eccedenze delle barbe di pavone, fissoun’altra hackle di CDC.
  • 162. Avvolgo le barbe di pavone intorno all’amo, le fissoaccanto all’occhiello e ne taglio l’eccedenza.
  • 163. Avvolgo la hackle di CDC intorno al torace di pavone, lafisso accanto all’occhiello e ne taglio l’eccedenza.
  • 164. Eseguo la testa della mosca.
  • 165. Mosca finita.Questa imitazione è costruita su un amo del n° 12. Quandola costruisco su ami piccoli, utilizzo una sola hackle di CDCe realizzo il torace con le sole barbe di pavone.
  • 166. Volendo, si può anche sostituire il cordoncino di barbe dipavone con una sottile striscia di foam.Questa versione del bruco ritorto è efficace in pesca eancora più veloce da costruire, ma io, che amo i materialinaturali, preferisco costruire il bruco abbinando il CDC alpavone.
  • 167. CDC PalmerVisto che siamo in tema di bruchi, vi propongo unaimitazione di Palmer semplice da costruire e di sicuraefficacia.Sulla curva di un amo diritto, fisso una hackle di CDC ametà della lunghezza, con la base dal lato dell’occhiello.
  • 168. Dopo il fissaggio, sollevo le due metà della hackle e fissoaccanto ad esse una hackle di gallo.
  • 169. Nello stesso punto, fisso tre barbe di pavone.
  • 170. Ritorco le barbe su loro stesse, le avvolgo intorno al gambo,le fisso accanto all’occhiello dell’amo e ne taglio leeccedenze.
  • 171. Avvolgo la hackle di gallo sopra al corpo di barbe dipavone e, giunto poco prima dell’occhiello, la fisso e netaglio l’eccedenza.
  • 172. Prendo mezza hackle di CDC per la base, la rovescio soprail corpo, dividendo a metà le barbe di gallo, la fisso accantoall’occhiello e ne taglio l’eccedenza.
  • 173. Prendo l’altra metà della hackle per la punta, la rovesciosopra al corpo e, dopo aver stirato le barbe lungo la rachide,la fisso poco prima dell’occhiello dell’amo..
  • 174. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 175. eseguo la testa dell’imitazione.
  • 176. Se è necessario, accorcio la lunghezza delle ali.
  • 177. Mosca finita.
  • 178. Mosca vista di fronte.
  • 179. May FlyQuando decisi di smettere di comprare le mosche artificialie di imparare a costruirle, iniziai provando a fare ognigenere di mosca classica, comprese quelle con le ali insezione di penna.Quel tipo di ali non è facile da montare, ma pensai che, perdiventare un buon fly tyer, dovessi impegnarmi almassimo.Se non abbandonai l’impresa, lo devo alla miadeterminazione perché i primi risultati che ottenni furonodisastrosi. Non mi scoraggiai e continuai a cimentarmi conla costruzione fino a riuscire nel mio intento.Il punto della questione è che, quando utilizzai le moschecon le ali in sezioni di penna per pescare, rimasi deluso dairisultati.Mi accorsi che bastava catturare un piccolo pesce perrovinare le ali, ma allora aveva senso impegnarsi tanto percostruire quel tipo di mosche?Decisi che, poiché le avevo costruite, valesse la pena diutilizzarle, ma che non ne avrei fatte altre.Le mosche funzionarono anche con le ali danneggiate eallora pensai che convenisse costruire le imitazioni con aliche non avessero una forma precisa.Le ali in sezioni di penna danneggiate si erano trasformatein ciuffetti di barbe, quindi costruii le mosche con aliformate da ciuffetti di barbe di vari tipi di hackles o da peliidonei per lo scopo, come quelli di opossum o di foca.
  • 180. Quelle ali si dimostrarono robuste, leggere e luminose e,da allora, sono quelle che preferisco montare sulle mieimitazioni.La May fly che vi propongo ha le ali costituite da unahackle del petto della fagiana e una hackle di CDC.Usando in modo sinergico le due hackles, si ottengono alinon hanno una forma perfettamente definita e questacaratteristica fornisce loro una parvenza di movimento equindi di vita.
  • 181. Fisso un tube body su un amo grub e ne taglio l’eccedenza.Ovviamente si può dotare l’imitazione anche di corpiextended di altro tipo.
  • 182. Accanto al corpo extended, dispongo una piuma di grandidimensioni (in questo caso di Pernice Rossa) , con la parteconcava a contatto dell’amo. La fisso a metà della sualunghezza, con la punta rivolta verso la curva dell’amo e labase verso l’occhiello.
  • 183. Sollevo la hackle di pernice, le fisso accanto una grandehackle di CDC e taglio l’eccedenza che sporge oltrel’occhiello dell’amo.
  • 184. Avvolgo la hackle intorno al gambo, fino all’occhiellodell’amo, dove la fisso e ne taglio l’eccedenza.
  • 185. Abbasso la metà della base della piuma e , dopo averstirato le barbe verso il corpo della mosca, la fisso accantoall’occhiello.
  • 186. taglio l’eccedenza della hackle.
  • 187. Tenendo la punta della piuma con una pinza, le facciocompiere una rotazione sul piano di 180° e la sovrappongosull’altra sua metà.
  • 188. Continuando a tenere in tensione la punta della hacklecon la pinzetta, stiro le barbe verso il corpo e la fissoaccano all’occhiello.
  • 189. Taglio l’eccedenza della hackle.
  • 190. Eseguo la testa dell’imitazione.
  • 191. Mosca finita.
  • 192. Mosca vista di fronte.
  • 193. Credo opportuno spiegare i motivi per cui, per sovrapporrele due metà della piuma con cui creo le ali, non mi limito arovesciate la metà della punta sulla metà della base.Se agissi così, le barbe della parte della punta, essendo lapiuma naturalmente concava, risulterebbero rivolte versoil basso, perciò compio questa operazione solo quandodesidero ottenere una spent.Inoltre, poiché queste grandi piume, che prelevo dal pettodella pernice e della fagiana, raramente hanno le barbe diuguale lunghezza sui due lati della rachide, facendocompiere a metà della piuma una rotazione di 180° sulpiano, le barbe più corte della piuma si dispongono suquelle più lunghe e viceversa.
  • 194. May Fly & tube bodyQuando iniziai a usare i tube bodies, li fissavo sull’amo,tagliavo la loro eccedenza e proseguivo il montaggio dellemosche.Dopo qualche tempo, mi chiesi se l’eccedenza cheeliminavo potesse servire a qualcosa.Fissai come il solito un tube body sull’amo, ma, invece ditagliare l’eccedenza, la usai come supporto intorno alquale avvolsi una piuma di pernice. Poi rovesciail’eccedenza del tube body, con la hackle avvolta intorno,in avanti e li fissai accanto all’occhiello dell’amo.Notai che, se si avvolge una hackle intorno a un tube body,si ottiene un buon risultato perché le sue spire affondanoleggermente nel corpo che è cavo ed elastico, per cuiesercita una pressione sulle stesse dall’interno e lemantiene in tensione.In questo modo, le barbe della hackle possono contare suuna buona base d’appoggio e mantenere il loroorientamento durante l’utilizzo dell’imitazione.Non uso i tube bodies per costruire mosche piccole, riservoil loro utilizzo per le imitazioni di buona taglia, come gliecdyonuri o le Mosche di Maggio, quindi mi vennespontaneo pensare che avrei potuto usare l’eccedenza diun tube body per ottenere il complesso ali/ torace di unaMay fly.
  • 195. Fisso un tube body su un amo grub.
  • 196. Accanto al tube body, fisso per la punta una piuma delpetto della fagiana e ne taglio l’eccedenza.
  • 197. Accanto all’eccedenza del tube body, fisso una hackle diCDC.
  • 198. Avvolgo la hackle di CDC intorno al gambo dell’amo, lafisso accanto all’occhiello e ne taglio l’eccedenza.
  • 199. Avvolgo la piuma di fagiana intorno al tube body.
  • 200. Abbasso sull’amo il calamo della piuma e il tube body e lifisso accanto all’occhiello dell’amo.
  • 201. Recido le eccedenze.
  • 202. Eseguo la testa della mosca.
  • 203. Mosca finita.
  • 204. Per ottenere le ali della May Fly, oltre alle piume difagiana, uso anche quelle di pernice e di coturnice.Con la hackle di CDC, imito le zampe e fornisco alla moscaun’elastica e galleggiabile base di appoggio sull’acqua.Con la piuma di fagiana, imito ali non perfettamentedefinite nella forma, che possono dare l’idea delmovimento.Le ali, pur essendo soffici ed elastiche, lo sono in misuraminore delle zampe, ed essendo disposte su un arco di180°, fungono da bilancieri impedendo che la mosca possacadere su un lato.Unendo le hackles che imitano le zampe e le ali, ottengouna sorta di cono dalla forma aerodinamica, forma che siaccentua durante il lancio della mosca.Copyrigth 2013 All rigths reserved.Testi e foto di Agostino Roncallo. Nessuna parte può essereutilizzata in qualsiasi forma, riprodotta, tradotta omemorizzata senza autorizzazione scritta dell’Autore.