Your SlideShare is downloading. ×

Il cdc a modo mio di agostino roncallo prima parte

15,392

Published on

Published in: Sports
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
15,392
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
20
Actions
Shares
0
Downloads
86
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Dopo la pubblicazione di Magie in CDC, iniziai adaccantonare montaggi per un secondo libro e, dopo qualcheanno, arrivai a disporne settanta. Scrissi il testo del nuovolibro, feci le foto delle imitazioni e dei relativi montaggi emisi tutto il materiale in una cartella , dove rimaseparecchio tempo, forse troppo.Ebbi così modo di riflettere e le considerazioni più rilevantiche feci furono due. La prima fu che, se sono venti anni chescrivo di mosca, non è certo per motivi economici; ciò chemi motiva è la passione, altrimenti avrei smesso di scrivereda anni.La seconda considerazione e che, in Italia, un libro sullapesca a mosca che vende mille copie è da ritenersi unsuccesso.Visto che la questione economica non mi interessa e chedesidero far conoscere al maggior numero di pescatori lemie idee, ho deciso che un libro cartaceo non fa per me eche basta un PDF e la rete per ottenere ciò che desidero.Divisi l’ipotetico libro in quattro parti e, per cominciare,rendo disponibile il PDF della prima.Non si tratta di un libro, ma dello schema di base percrearlo, ci sono i testi e le foto delle fasi dei montaggi.Certo, non c’è paragone con un libro digitale, ma la notapositiva è che si possono ingrandire le foto delle moscheper osservarle fino nei più piccoli particolari. Copyrigth 2013 All rigths reserved.Testi e foto di Agostino Roncallo. Nessuna parte può essereutilizzata in qualsiasi forma, riprodotta, tradotta omemorizzata senza autorizzazione scritta dell’Autore.
  • 2. Il CDC a modo mioIniziai a utilizzare il Cul de Canard dalla prima metà deglianni ottanta, periodo in cui la maggioranza dei pescatoricon la mosca Italiani scoprì la sua esistenza, ma devoammettere che, pur apprezzando le sue ineguagliabilicaratteristiche, per qualche anno non avvertii la necessità disperimentare nuovi modi per utilizzarlo.Probabilmente ciò accadde perché, in quel tempo, bastavacoprire il gambo di un amo con il filo di montaggio efissare accanto all’occhiello un ciuffo di barbe di CDC perottenere una mosca di straordinaria efficacia, quindi nonc’era lo stimolo per cercare nuovi montaggi.Continuai a utilizzare quell’archetipo di mosca in CDC,senza pensare all’opportunità di creare altri artificiali, fino aquando cominciò a risultare meno efficace.Forse i pesci erano divenuti più smaliziati, mi riferisco inparticolare ai temoli del torrente Aveto, frequentato da me ealtre centinaia di moschisti, perché, quando si diffusel’utilizzo delle mosche in CDC, i temoli non viderosull’acqua quasi niente altro che mosche formate da ciuffipiù o meno vistosi di quel materiale.Cominciai allora a curare di più la silhouette e la strutturadelle mosche, realizzando le prime imitazioni di miaconcezione. In seguito, per merito di una fortunataintuizione, ideai la Mirage, la mosca nata dallaconsiderazione che nulla è più leggero e galleggiante di unapiuma.
  • 3. Pensai che se fossi riuscito a dare a una piuma la forma diun’effimera, forse avrei ottenuto una imitazione dallecaratteristiche straordinarie.Utilizzando una piuma di CDC, ottenni ciò che desideravo,ma soprattutto capii che il CDC poteva essere utilizzato inmodo non convenzionale e che, con una sola hackle, sipotevano ottenere imitazioni complete.Chiamai l’imitazione Mirage perché è così esile e diafanache, più che l’insetto, sembra ne imiti l’essenza e per ilpotere di cattura che mi ricordò la micidiale efficaciadell’omonimo aereo da caccia francese.Inizialmente, la costruivo sia su ami grub, sia diritti, ma daqualche anno uso solo i grub che ritengo ideali perrealizzare imitazioni con il corpo extended.
  • 4. La Mirage, la madre di tutte le mie mosche in CDC.
  • 5. Scelgo una piuma con le barbe integre e, tenendola per lapunta, stiro le barbe lungo la rachide con le stessoprocedimento con cui si ottengono le Wonder Wing. Inquesto modo ottengo un extended body.
  • 6. Dispongo l’extended body su un amo grub e lo fisso sulgambo in prossimità dell’occhiello.
  • 7. Faccio convergere le barbe della base della piuma conquelle che eccedono dal corpo extended.
  • 8. Con alcuni giri di filo di montaggio incrociato a otto,verticalizzo le barbe in modo da ottenere le ali, e recido laparte di piuma che sporge oltre l’occhiello dell’amo.
  • 9. Eseguo la testa della mosca.
  • 10. Per dare alle ali la giusta altezza, taglio la loro eccedenza.
  • 11. Taglio la punta della hackle, lasciando due barbe perimitare le code.
  • 12. Mosca finita.
  • 13. La Mirage è un’imitazione di effimera da utilizzare inacque lente o medio lente, in presenza di bollate, anchesporadiche, ed è molto buona per pescare i temoli.È piuttosto delicata e dopo qualche cattura si rovina, maquesto inconveniente è accettabile considerando che sicostruisce in brevi
  • 14. Mirage spentSubito dopo aver ideato la Mirage, capii di aver ottenuto unrisultato che andava oltre la semplice realizzazione di unamosca artificiale: avevo scoperto che il CDC poteva essereusato in modo diverso da quello convenzionale e che quellaintuizione poteva essere il punto di partenza per creare altreimitazioni e sviluppare nuove metodologie di montaggio.Per un semplice processo logico, dopo la Mirage, creaianche la versione spent dell’imitazione.Su un amo grub, fisso una hackle di CDC come secostruissi la Mirage.
  • 15. Con lo stesso procedimento, fisso sopra la prima hackle,una seconda delle stesse dimensioni.
  • 16. A parte il fatto che le hackles sono due, procedo come secostruissi la Mirage, fisso le basi delle hackles accantoall’occhiello dell’amo, dopo aver stirato indietro le barbe,
  • 17. Recido le eccedenze delle hackles.
  • 18. Rovescio in avanti il corpo extended della hackles fissatadopo la prima, in modo da dividere a metà le barbe edisporle sul piano orizzontale, e lo fisso accantoall’occhiello dell’amo.
  • 19. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 20. Eseguo la testa della mosca.
  • 21. Elimino la punta della hackle, lasciando due barbe sui latiper imitare le code.
  • 22. Tolgo la mosca dal morsetto, sollevo le barbe e ne recidouna parte per dare la giusta dimensione alle ali.
  • 23. Mirage spent.
  • 24. Mirage 2Costruire la Mirage è molto semplice, bisogna solo averel’accortezza di utilizzare una hackle con tutte le barbeintegre altrimenti non si riesce a ottenere l’imitazione con ilcorpo e le code perfette.Poiché il CDC è un materiale prezioso, a suo tempo michiesi come potevo utilizzare le hackles non idonee percostruire la Mirage.Pensai che quelle hackles potessero servire per realizzareuna imitazione in grado di dare al pesce l’impressione diessere sia una ninfa emergente, sia una dun o anche unaspent.Sfruttando l’idea base del montaggio Mirage, che consistenel fare convergere le barbe della base e della punta dellahackle di CDC in un unico punto del gambo dell’amo percreare le ali, fissai la hackle al contrario, in modo che lasua parte inferiore, posizionata extended sulla curvadell’amo, potesse imitare il corpo della mosca.Per ottenere una ninfa, lasciavo le barbe del corpo extendedpiù gonfie, meno tese.Se desideravo che l’imitazione somigliasse a una moscasecca, tendevo per bene le barbe in modo da rendere esile ilcorpo e verticalizzavo le ali, mentre, per ottenerel’essenziale imitazione di una spent, dividevo in due parti lebarbe delle ali e le disponevo, con alcuni giri di filo dimontaggio incrociati ad otto intorno alla loro base, inposizione orizzontale ed ortogonale rispetto al gambodell’amo.
  • 25. Il non dovere preoccuparmi della totale integrità delle barbedella hackle e la semplicità del montaggio, mi consentironodi costruire le imitazioni anche su ami piccolissimi.Un particolare del montaggio che sembra poco rilevante einvece è molto importante, riguarda l’accorgimento distirare le barbe della punta della hackle verso quelle dellabase, per unirle in un ciuffetto che imiti le ali.Dopo questa operazione, la rachide della punta della hackleviene eliminata e si ottengono ali morbide che non creanoproblemi durante il lancio della mosca.Servendomi di questo accorgimento, creai una seriemontaggi che vedrete in seguito.La Mirage 2 è una delle mie mosche preferite per pescare itemoli, una delle poche che riesce a staccarli dal fondo delfiume e ciò mi induce a pensare che l’imitazione abbiaqualcosa che desta il loro interesse.Forse sono attirati dall’essenzialità dell’imitazione, cosìaffine all’esilità di tanti piccoli insetti, ma quando si ha ache fare con un pesce come il temolo, qualsiasi congetturapuò essere plausibile.
  • 26. Scelgo una hackle di CDC e stiro le barbe verso la punta.
  • 27. Fisso la hackle su un amo grub, in modo da ottenere unextended body.
  • 28. Tenendo la hackle per la punta, stiro le barbe lungo larachide facendole convergere con quelle che eccedono dalfissaggio del corpo extended.
  • 29. Taglio la parte di hackle eccedente.
  • 30. Con alcuni giri di filo di montaggio, incrociati a otto,verticalizzo le barbe delle ali.
  • 31. Eseguo la testa della mosca
  • 32. Taglio le barbe che eccedono la lunghezza delle ali.
  • 33. Mosca finita.
  • 34. Spent
  • 35. Spent
  • 36. Costruii le prime Mirage 2 su ami diritti, poi, volendoottenere mosche molto piccole, utilizzai ami grub fino al n°24. Realizzavo le imitazioni con un corto extended body, inpratica le ali erano la parte più consistente dell’imitazione.Con queste mosche catturai dei bellissimi temoli.
  • 37. Mirage 2 emergenteCome ho già scritto in precedenza, per ottenere l’imitazionedi una piccola ninfa emergente, non stiro la hackle, in mododa ottenere un corpo voluminoso.Se invece, desidero ottenere una ninfa emergente piùgrande, utilizzo una di quelle hackle che, alla base, hanno lebarbe di consistenza cotonosa.Di solito, elimino quelle barbe perché sono idrofile, ma inquesto caso la loro predisposizione ad assorbire acquarisulta utile per fare assumere all’artificiale la correttaposizione della ninfa emergente; infatti il corpo,leggermente appesantito dall’acqua, si colloca in essarivolto verso il basso.
  • 38. Su un amo grub, fisso una hackle di CDC come secostruissi la Mirage 2, ma rivolta verso il basso.
  • 39. Sollevo la parte di hackle che eccede dal corpo extended eapplico sul filo di montaggio il materiale per ottenere undubbing.
  • 40. Eseguo il torace dell’imitazione.
  • 41. Abbasso la hackle sul torace e la fisso sul gambo dell’amo.
  • 42. Tenendola per la punta, stiro le sue barbe verso l’amo e lefisso accanto all’occhiello.
  • 43. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 44. Eseguo la testa della ninfa e accorcio le barbe delle ali.
  • 45. La mosca è finita.
  • 46. Questa imitazione e la R Nimph sono le imitazioni di ninfeemergenti che preferisco, con esse ho catturato trote etemoli in fiumi Italiani e Europei.
  • 47. Mirage 2 CrippleDopo aver creato la Mirage 2 emerger, pensai che avreipotuto aggiungere al gruppo delle mosche emergenti anchel’imitazione che gli Anglosassoni chiamano Cripple(zoppo). La Cripple imita le ninfe emergenti che, avendodifficoltà a liberarsi dell’esuvia, rimangono intrappolatenella pellicola superficiale dell’acqua e vengono trasportateanche per lunghi tratti dalla corrente. I pesci approfittanodel loro stato di difficoltà e le predano sapendo di agire acolpo sicuro. Per questo motivo, ritengo opportuno averenel box delle mosche un artificiale che imiti questaparticolare condizione delle emergenti di effimera.
  • 48. Stiro lungo la rachide le barbe di una hackle di CDC e lafisso su un amo grub.
  • 49. Faccio convergere le barbe della base della hackle con lebarbe che eccedono dal corpo extended, e le fisso sull’amo.
  • 50. Elimino l’eccedenza della hackle.
  • 51. Fisso una o due hackles di CDC (dipende da quanto sianofolte le loro barbe) accanto al corpo extended.
  • 52. Elimino le eccedenze delle hackles.
  • 53. Posiziono la testina del morsetto in verticale, bagno lebarbe che eccedono dal corpo extended (così nondisturbano l’operazione che sto compiendo) ed avvolgo ilfilo di montaggio intorno alle due hackles, che tengo intensione con le dita.
  • 54. Quando raggiungo la lunghezza che intendo dare al corpoche esce dall’esuvia, torno indietro, incrociando le spire difilo di montaggio con quelle avvolte in precedenza.
  • 55. Rimetto la testina del morsetto in posizione normale,asciugo le barbe, le porto in avanti, senza tenderle, e le fissoaccanto all’occhiello dell’amo.
  • 56. Elimino le eccedenze delle barbe.
  • 57. Piego in avanti il corpo dell’emergente e, stirando le barbedelle punte della hackles lungo le rachidi, lo fisso accantoall’occhiello dell’amo. Recido le eccedenze delle hackles.
  • 58. Eseguo la testa della mosca.
  • 59. Elimino la punta della hackles con cui ho creato il corpoextended, lasciando due barbe per imitare le code.
  • 60. Taglio le barbe più lunghe delle ali.
  • 61. Mosca finita
  • 62. Quello che vi ho proposto è il montaggio base con cuicostruisco le mosche per pescare.Chi ama artificiali esteticamente più appaganti, puòavvolgere intorno al corpo che esce dall’esuvia un quillspelato di pavone o un biot di condor. Il procedimento dausare per avvolgere i quill intorno al corpo è lo stessoutilizzato per creare il corpo del Chironomo extended bodyche vedrete in seguito..Effettivamente, questa versione della Cripple è anchemaggiormente imitativa e funziona in pesca come o forsemeglio dell’imitazione base, ma io, che non amo perderetempo al morsetto, mi accontento di pescare con la versionepiù spartana della Cripple.Credo abbiate notato che quasi ogni montaggio chepropongo, deriva da quello che lo precede e/o da altri giànoti. Per creare la Cripple, ho usato sinergicamente duetipologie di montaggio. Ho costruito l’esuvia con ilprocedimento della R Nimph (presente nel libro Magie inCDC) e per ottenere il corpo che esce dall’esuvia e le ali, housato in modo in modo creativo il principio di montaggiodella Mirage 2.
  • 63. Mirage treCredo risulti evidente che il procedimento di costruzionedella Mirage 2 si è rivelato una fonte di ispirazione percreare altri montaggi.L’imitazione di effimera che ho chiamato Mirage 3 fa partedi una serie di artificiali che sviluppai ispirandomi alprincipio del montaggio base che consente di otteneremorbide ali di barbe di CDC, prive della rachide dellahackle.Scelgo una hackle di CDC, stiro le barbe verso la punta e lafisso su un amo grub.
  • 64. Fisso la hackle sull’amo come se stessi costruendo laMirage 2.
  • 65. Nello stesso punto, fisso alcune lunghe barbe di gallo,posizionate sopra il tratto di hackle sporgente oltre la curva,che imiteranno la coda della mosca.
  • 66. Tenendo leggermente tesi il corpo extended e le barbe digallo, avvolgo intorno a questi il filo di montaggio, a spirelarghe.
  • 67. Quando raggiungo quella che deve essere la lunghezza delcorpo extended della mosca, torno indietro, incrociando lespire di filo di montaggio con quelle avvolte in precedenza.
  • 68. Taglio la parte di hackle che eccede dal corpo extended.
  • 69. Con il filo di montaggio, passo oltre le barbe che eccedonodal corpo extended e, tenendo la punta della hackle intensione, stiro le barbe verso l’amo dove le fisso accantoall’occhiello.
  • 70. Taglio l’eccedenza della hackle.
  • 71. Unisco le barbe che eccedono dal corpo extended conquelle della punta, incrociando il filo di montaggio intornoalla loro base ed eseguo la testa della mosca.
  • 72. Taglio le barbe delle ali che eccedono in lunghezza.
  • 73. Mosca finita
  • 74. Questa imitazione è simile alla Giuseppina, imitazione chevedremo in seguito, la differenza fra le due mosche consistenel fatto che la Giuseppina si può costruire su amipiccolissimi e che, dal suo montaggio base, è possibileevolvere altre imitazioni.
  • 75. MidgeOrmai da parecchi anni, a causa del degrado progressivodelle acque interne, la famiglia dei chironomi ha assuntosempre maggiore importanza ai fini della pesca.Questi insetti, che un tempo erano presenti quasiesclusivamente nelle acque ferme, attualmente si possonotrovare ovunque.Quando mi accorsi che trote e temoli spesso preferivanoquesti piccoli ditteri alle effimere, mi dedicai allacostruzione della loro imitazione realizzando diversimodelli, sia di emergenti che di insetti adulti.Dopo aver ideato la Mirage 3, vidi la possibilità di servirmidel procedimento con cui costruivo il corpo extended perottenere altre due imitazioni di chironomo da aggiungere aquelle da me create in precedenza.La prima che vi propongo è quella della ninfa.L’imitazione si ottiene utilizzando una sola hackle di CDC esi può costruire su ami molto piccoli.
  • 76. Su un amo grub, fisso una hackle di CDC come seintendessi costruire la Mirage 2.
  • 77. Tenendo in leggera tensione la hackle, avvolgo il filo dimontaggio intorno ad essa. Quando raggiungo la lunghezzache intendo dare al corpo, mi fermo.
  • 78. Torno indietro incrociando le spire di filo di montaggio conquelle avvolte in precedenza.
  • 79. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 80. Recido la punta della hackle.
  • 81. Fisso una barba della coda del pavone accanto al corpoextended.
  • 82. Avvolgo la barba intorno all’amo, la fisso vicinoall’occhiello e ne taglio l’eccedenza.
  • 83. Eseguo il nodo di chiusura.
  • 84. Tolgo la mosca dal morsetto e accorcio le barbe delciuffetto della ninfa.
  • 85. Mosca finita.
  • 86. Per costruire queste imitazioni non scendo sotto il numero20 di amo (quello del dressing è un n° 22). Come vedete sicostruiscono facilmente e sono efficaci.
  • 87. Chironomo con corpo in quill di pavoneL’imitazione dell’insetto adulto, pur essendo basata sullostesso procedimento di costruzione, ha un montaggio piùelaborato.Stiro le barbe di una hackle di CDC verso la punta.
  • 88. Fisso la hackle su un amo grub, come se stessi costruendola Mirage 2.
  • 89. Nello stesso punto, fisso un quill spelato dell’occhio delpavone e ne recido l’eccedenza.
  • 90. Tenendo in leggera tensione il corpo extended e il quill,inizio ad avvolgere intorno ad essi il filo di montaggio aspire larghe.
  • 91. Quando raggiungo la lunghezza che intendo dare al corpoextended, mi fermo e torno indietro incrociando le spire difilo di montaggio con quelle avvolte in precedenza. Giuntosull’amo, mi fermo..
  • 92. Tenendo in tensione la hackle di CDC, avvolgo il quill dipavone intorno al corpo extended.
  • 93. Giunto sull’amo, fisso il quill e ne recido l’eccedenza.
  • 94. Recido anche l’eccedenza del corpo extended.
  • 95. Alzo il resto della hackle in posizione verticale.
  • 96. Scelgo due punte di hackles di gallo.
  • 97. Fisso le punte di hackles sui due lati della hackle di CDC.
  • 98. Nello stesso punto fisso una piccola hackle di gallo grizzly.
  • 99. Ancora nelle stesso punto, fisso una barba della coda delpavone, la avvolgo intorno al gambo dell’amo, per ottenereil torace, e ne recido l’eccedenza.
  • 100. Avvolgo due o tre spire di hackle di gallo intorno al toraceper imitare le zampe.
  • 101. Rovescio la hackle di CDC sopra il torace e la fisso vicinoall’occhiello dell’amo.
  • 102. Tenendo la punta della hackle in tensione, stiro le barbeindietro e le fisso accanto all’occhiello.
  • 103. Taglio l’eccedenza della hackle.
  • 104. Eseguo la testa della mosca.
  • 105. Nel creare la testa dell’imitazione, abbasso le barbe di CDCin posizione orizzontale.
  • 106. Accorcio le barbe per imitare le antenne del chironomo el’imitazione è finita.
  • 107. Inizialmente, realizzavo il corpo extended con lo stessocriterio con cui costruivo quello della Mirage 3 el’imitazione risultava sia imitativa, sia efficace in pesca.Successivamente, per concedere qualcosa in più al fattoreimitativo, avvolsi intorno al corpo extended il quill dipavone spelato, ottenendo un buon risultato estetico perché,se, avvolgendo il quill di pavone intorno al corpo extended,non si accavallano le spire, lasciando un poco di spazio fral’una e l’altra, dal corpo dell’imitazione fuoriesconominuscole barbule di CDC che lo rendono assai simile aquello del Chironomo.
  • 108. Mirage 4Una decina di anni fa, ideai un corpo extended realizzabileutilizzando parecchi materiali; peli di alce, barbe di fagiano,di oca e altri grandi volatili, polipropilene, foam ed altro.Il corpo si ottiene formando un’asola con uno dei materialicitato che viene chiusa con il filo di montaggio.Chiamai body loop quel tipo di corpo extended.La Mirage 4 si ottiene formando un body loop con unahackle di CDC.Quando costruii le prime imitazioni, per facilitarmi ilmontaggio, creai un attrezzo consistente in un’asola disottile filo di acciaio, che dotai di manico.
  • 109. Fisso una hackle di CDC su un amo grub, come se stessicostruendo una Mirage.
  • 110. All’estremità del corpo extended, dispongo un’asola disottile filo metallico o nylon, che mi consente di creareun’asola con la hackle.
  • 111. Dopo aver fissato l’asola di CDC sull’amo, inserisco le codeall’interno della stessa. Le code possono essere naturali,per esempio, peli di alce, di tasso, d’orso o barbe dellacoda del fagiano o codine di nylon.Inserisco le code nell’asola incrociandole; quella che fissosu un lato dell’asola esce all’estremità dall’altro eviceversa. Così facendo, le code rimangono divaricate.
  • 112. Tenendo in leggera tensione l’asola di CDC, con l’aiutodell’asola di filo metallico, avvolgo intorno ad essa il filo dimontaggio a spire larghe.
  • 113. Giunto all’estremità del corpo extended, mi fermo.
  • 114. Torno indietro incrociando le spire di filo di montaggio conquelle avvolte in precedenza.
  • 115. Da ora in poi procedo come se costruissi la Mirage:tenendo la hackle per la base, faccio convergere le barbeper ottenere le ali.
  • 116. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 117. Eseguo la testa della mosca.
  • 118. Mosca finita
  • 119. Stone fly Body loopMentre costruivo la Mirage 4, mi accorsi che, con l’asolacreata con la piuma di CDC, potevo già ottenere unaessenziale imitazione di plecottero.Stiro le barbe di una hackle di CDC verso la base e la fissosu un amo grub, come se costruissi una Mirage.
  • 120. Servendomi dell’attrezzo asola, piego la punta della hackle,la rovescio sul corpo extended e la fisso sull’amo.
  • 121. Taglio l’eccedenza della punta.
  • 122. Tenendo in tensione la base della hackle, stiro le barbeverso l’amo, le fisso sullo stesso e le verticalizzo con alcunigiri di filo di montaggio, incrociati alla loro base.
  • 123. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 124. Eseguo la testa della mosca.
  • 125. Pareggio le barbe del ciuffetto.
  • 126. Mosca finita.
  • 127. Con questa imitazione ho risolto giornate di pesca iniziatemale. Ne ricordo in particolare una nella Tail Water delTevere, quando,insieme con gli amici di sempre, nonriuscivamo a trovare un tipo di mosca efficace. Notandodiverse mosche del genere Leuctra in volo, legai sul finaleuna di queste mie semplici Stone fly e cominciai acatturare temoli e trote. Avvisai gli amici che cominciaronoa catturare pure loro.Probabilmente, qualunque imitazione di piccola Stone Flyavrebbe dato buoni risultati in quel frangente, ma a mepiace pensare che la semplicità estrema dell’imitazioneabbia fatto la sua parte.
  • 128. Tricottero Body loopQuando creo un accorgimento di costruzione, mi piacesperimentare ogni sua possibile applicazione.Fu così che, per creare l’asola con la hackle di CDC, invertiiil procedimento fissando per prima sull’amo la puntainvece che la base della hackle.Dopo il fissaggio, quando piegai il resto della hackle perottenere l’asola, non stirai le barbe lungo la rachide perfissarle sull’amo, le lasciai libere.Agii in questo modo perché avevo pensato di usare questotipo di asola per costruire l’ imitazione di tricottero con ilcorpo extended.
  • 129. Fisso una hackle di CDC, per la punta, su un amo grub.
  • 130. Aiutandomi con l’attrezzo asola, piego la piuma e la fissosull’amo, lasciando le barbe libere.
  • 131. Fisso un’ala sintetica sopra l’asola.
  • 132. Taglio l’eccedenza dell’ala.
  • 133. Fisso una hackle di gallo accanto all’ala.
  • 134. Avvolgo la hackle intorno all’amo e, giunto accantoall’occhiello, la fisso e ne taglio l’eccedenza.
  • 135. Eseguo la testa della mosca.
  • 136. Taglio le barbe appena oltre il contorno dell’ala sintetica.
  • 137. Mosca finita.Ho fissato la hackle di gallo nel modo classico, ma,ovviamente, si può anche montare parachute.È possibile realizzare il collarino di sostegno della moscautilizzando anche il CDC o dubbing di peli di vario tipomontati ad asola.
  • 138. Ho pensato a questo tipo di corpo ad asola, con le barbedella parte superiore libere, per fornire leggerezza edelasticità all’imitazione della sedge.Le ali, di tessuto sintetico leggero, spingono verso il bassole barbe di CDC che si assestano sull’acqua contribuendoad un corretto assetto della mosca. Inoltre, sotto le ali atetto, le barbe intrappolano minuscole bollicine d’aria,aumentando la galleggiabilità dell’imitazione.Amo le imitazioni di tricottero per la loro efficacia che,secondo me, è in gran parte dovuta alla capacità dipattinare sull’acqua e questa mia predilezione mi haindotto a realizzare altre imitazioni che vedremo piùavanti.
  • 139. Con lo stesso procedimento, ma cambiando la formadell’ala e utilizzando solo CDC, costruisco anchel’imitazione del plecottero.
  • 140. Con il principio di costruzione di questo tipo da corpo adasola, mi sono anche divertito a costruire delle imitazionistilizzate di cavalletta.
  • 141. Speedy DitteroImpiegando ancora l’asola di filo di acciaio, ho creato unaimitazione di dittero che, oltre ad essere efficace in pesca,stupisce chi la vede costruire per la semplicità e la velocitàdel montaggio.Ovviamente, il risultato finale del montaggio vienedeterminato dai materiali che si utilizzano: se si desideraottenere una mosca diafana e particolarmente leggera, siutilizzano due hackles non troppo folte di barbe ed un amodei più leggeri; se si desidera ottenere una mosca piùcorposa che può imitare, per esempio, un insetto terrestre,si utilizzano due Hackle ricche di barbe e un amo piùrobusto.L’asola di filo di acciaio agevola la piegatura delle hackles,aiuta a montarle sull’amo e consente di ottenere ali diuguale lunghezza.Quello che vi propongo è il montaggio base, ma se desiderorealizzare l’imitazione di un determinato insetto, devoaggiungere alle due hackles di CDC i materiali necessariper ottenere le parti anatomiche caratteristiche dell’insetto.
  • 142. L’asola di filo di acciaio, indispensabile per costruirealcune mie imitazioni.
  • 143. Sovrappongo due hackles di CDC, la punta dell’una sullabase dell’altra.
  • 144. Inserisco l’asola di filo di acciaio nella loro metà, e stirandole hackles, ottengo due asole di hackle di CDC.
  • 145. Fisso le asole su un amo leggero e le divido aprendole conalcuni incroci di filo di montaggio
  • 146. Le due asole divise.
  • 147. Sollevo le barbe delle hackles e recido le eccedenze dellepunte e delle basi.
  • 148. Eseguo la testa.
  • 149. Mosca finita
  • 150. Questa è un’altra imitazione pensata per i temoli. Se michiedete cosa preferisco pescare fra trote e temoli la miaimmediata risposta sarà le trote, tuttavia mi rendo conto chela maggior parte delle mosche trattate in questo libro è statacreata per tentare i temoli. Il motivo è semplice: questipesci mi fanno spesso dannare, quindi è logico che cerchicostantemente di realizzare l’esca che può fregarli, anche seso che è poco probabile che ci possa riuscire perché questopesce ha un comportamento non codificabile. Devoammettere che il Temolo è in grado di stimolare la miacreatività e che dovrei essergli grato per come si comporta.Se pescassi solo trote, probabilmente il numero dei mieimodelli di mosche in CDC sarebbe inferiore.
  • 151. CDC Palmer Extended body A mio parere, un montaggio semplice ed essenzialegarantisce l’efficacia della mosca e il mio attuale modo dicostruire le imitazioni è coerente con questa convinzione.Uno dei materiali più idonei per realizzare montaggi diquesto tipo è il Cul de Canard.Lo prova il fatto che alcune mie mosche si ottengonoutilizzando una sola hackle di CDC, perché, in certi casi, unasola hackle ha tutto quello che serve per fornireall’imitazione le caratteristiche richieste.Quello che desidero costruendo le mosche in CDC èdotarle di elasticità , leggerezza e parvenza di vita, senzadimenticare l’essenzialità del montaggio e il fattoreimitativo.Non è cosa da poco fornirle di queste caratteristiche; nellemosche costruite con hackles di gallo, per raggiungerequesti risultati, è necessario adottare tecniche dimontaggio e/o accorgimenti particolari e non sempre siriesce nell’intento, mentre la straordinaria struttura delCDC consente di ottenere ciò che si desidera con maggiorefacilità.Avendo notato che, fra le tante imitazioni che realizzaiutilizzando esclusivamente il CDC mancava quella delbruco, decisi di rimediare e, dopo una riflessione sullastruttura dei palmer, arrivai alla conclusione che perottenerne l’imitazione mi bastava una sola hackle.
  • 152. Utilizzando l’attrezzo di sottile filo di acciaio piegato adasola, già citato in precedenza, ritorsi la hackle su se stessaottenendo una essenziale imitazione di bruco.Fisso una hackle di CDC su un amo grub.
  • 153. Dispongo l’attrezzo asola sulla rachide della piuma, piegola piuma e, tenendola per la punta con le pinze, la avvolgoa spire larghe intorno alla sua rachide.
  • 154. Avvolgo la hackle su se stessa.
  • 155. Giunto sull’amo, fisso la hackle sul gambo, sfilo dal corpoextended l’attrezzo asola e mi sposto con il filo dimontaggio fino all’occhiello.
  • 156. Recido l’eccedenza della base della hackle, avvolgo il restointorno al gambo dell’amo e lo fisso accanto all’occhiello.
  • 157. Taglio l’eccedenza della hackle.
  • 158. Eseguo la testa della mosca.
  • 159. Mosca finitaPer eseguire il montaggio, è indispensabile usare l’asola diacciaio o un sostituto in metallo, perché solo una asolarigida consente di ritorcere la hackle di CDC su se stessa.Disponendo di un attrezzo idoneo, l’imitazione è sempliceda costruire, quindi la nostra attenzione deve essererivolta alla qualità delle hackles da usare. Le hackles idealisono quelle non troppo folte di barbe perché il palmerdeve essere etereo e luminoso in controluce, inoltre, menobarbe conferiscono leggerezza e maggiore elasticitàall’imitazione.
  • 160. È sbagliato pensare che una mosca in CDC con molte barbesia migliore di un’altra che ne ha meno, perché è probabileche difetti delle caratteristiche positive elencate poc’anzi;forse galleggia meglio, ma la sola galleggiabilità non èsufficiente a determinare l’efficacia di una mosca, senzacontare che, se si bagna, è difficile da asciugare.Ovviamente, non è tassativo costruire l’imitazione con unasola hackle. Se non abbiamo hackles di dimensioniadeguate all’amo che utilizziamo o desideriamo otteneremosche più grandi, ne possiamo usare due: una percostruire il corpo extended e l’altra per terminarel’imitazione.
  • 161. Mirage 5Mentre costruivo il palmer extended body, vidi lapossibilità di costruire, in modo semplice e veloce, unaversione della Mirage adatta per pescare sia in acquemosse, sia lente.Questa versione della Mirage è più robusta di quellaoriginale ed è anche più veloce da costruire della Mirage 4.Stiro le barbe di una hackle di CDC lungo la rachide e lafisso su un amo grub, come se volessi costruire una Mirage.
  • 162. Con l’attrezzo asola, aggancio l’estremità del corpoextended e avvolgo la hackle su se stessa.
  • 163. La avvolgo a spire larghe.
  • 164. Giunto sull’amo, fisso la hackle
  • 165. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 166. Stiro le barbe della base della hackle lungo la rachide,facendole convergere con quelle che eccedono dal corpoextended. Le fisso sull’amo e, con alcuni giri incrociati difilo di montaggio, le verticalizzo.
  • 167. Recido l’eccedenza della hackle.
  • 168. Eseguo il nodo di chiusura.
  • 169. Pareggio le barbe delle ali.
  • 170. Montaggio terminato.
  • 171. Mosca per acque mosse.Se devo usare la mosca in acque lente, recido le barbe checontornano il corpo extended, operazione che compio sulluogo di pesca, perché, essendo un’operazione irreversibile,mi sembra razionale modificare la mosca non prima diquando se ne presenti la necessità.
  • 172. Mosca modificata per acque lente
  • 173. CDC Sparkle PupaSpesso, per creare i miei montaggi, traggo ispirazione damosche classiche, che rivedo in base ai miei concetti dicostruzione e, in questa occasione, desidero proporvi laversione in CDC di una mosca mitica: la Sparkle pupa diGary LaFontaine.Gary Lafontaine, grande pescatore e geniale costruttore dimosche artificiali, stimato dai pescatori con la mosca ditutto il mondo, con il libro “Caddisflies” rese note le sueacute osservazioni sui comportamenti dei tricotteri econtribuì in modo determinante all’evoluzione delle loroimitazioni.La notissima Sparkle pupa imita una ninfa di tricottero chesale in superficie per liberarsi della spoglia ninfale, nel cuiinterno si sono formate delle bollicine di aria.Per imitare la spoglia ninfale con relative bollicine,Lafontaine creò una sacca di Antron che avvolgeva l’interocorpo della ninfa, poi fissò in testa all’imitazione una cortaala consistente in un piccolo ciuffetto di peli di cervo.Questa mosca si dimostrò efficacissima per pescare pesciche si cibano di pupe di tricottero emergenti e può essereconsiderata una pietra miliare nell’evoluzione delleimitazioni di tricottero.Avendo realizzato una versione della Sparkle Pupa concorpo extended, usando i materiali indicati da LaFontaine,ed essendo soddisfatto dei risultati ottenuti in pesca, pensaidi creare una Sparkle Pupa extended body utilizzando ilCDC.
  • 174. Fisso su un amo grub, un tratto di filato di Antron.
  • 175. Nello stesso punto, fisso una hackle di CDC.
  • 176. Servendomi dell’asola metallica, avvolgo la hackle intornoa se stessa e al filato di Antron.
  • 177. Giunto sull’amo,fisso la hackle.
  • 178. Raccolgo tutte le barbe della hackle, le porto in avanti,senza stirarle, e le fisso sul gambo dell’amo.
  • 179. Consolido il fissaggio della punta della hackle sul gambodell’amo e taglio l’eccedenza.
  • 180. Recido il filato di Antron, lasciandone una parte che sporgaoltre il corpo della pupa.
  • 181. Creo un dubbing per formare il torace.
  • 182. Dopo aver formato il torace, passo oltre le ali con il filo dimontaggio.
  • 183. Fisso accanto alle ali una piuma di starna, per la punta.
  • 184. Avvolgo due giri di piuma intorno all’amo, la fisso sullostesso e taglio l’eccedenza.
  • 185. Eseguo la testa della ninfa.
  • 186. Mosca finita
  • 187. Anatra & CDCCome ho scritto in precedenza, non tutte le hackles di CDChanno le barbe integre ma, anche se non sono adatte percostruire la Mirage , si possono utilizzare in altro modo,come si è visto con la Mirage 2.Ricordando che l’idea di costruire la Mirage, era natavedendo una piuma di anatra galleggiare sull’acqua con laparte convessa, pensai di abbinare una piuma di anatracon una di CDC in modo da ottenere un corpo extendedrobusto e ali morbide e mobili.Il procedimento di montaggio è simile a quello dellaMirage, con la differenza che si usano due hacklessovrapposte.
  • 188. Scelgo una piuma del fianco della femmina del GermanoReale.
  • 189. Tenendola per la punta, stiro le sue barbe verso la base, inmodo da ottenere un extended body, e la fisso su un amogrub.
  • 190. Sopra ad essa fisso un altro extended body, creato con unahackle di CDC, seguendo il procedimento appena descritto.
  • 191. Le due hackles fissate sovrapposte.
  • 192. Tenendo in leggera tensione le due hackles per le punte,avvolgo intorno alle stesse il filo di montaggio, a spirelarghe, per tutta la lunghezza dell’extended body.
  • 193. Torno indietro, incrociando le spire di filo di montaggiocon quelle avvolte in precedenza fino ad arrivare al punto dipartenza.
  • 194. Faccio convergere in un unico punto del gambo dell’amo lebarbe delle due hackles che eccedono dalla costruzionedell’extended body, le dispongo in verticale col alcuni giridi filo di montaggio incrociati ad otto intorno alla base delleali.
  • 195. Recido le eccedenze delle due hackle che sporgono oltrel’occhiello.
  • 196. Eseguo la testa della mosca.
  • 197. Taglio l’eccedenza della hackle di CDC
  • 198. Taglio l’eccedenza della hackle d’anatra, lasciando duebarbe per imitare le code.
  • 199. Accorcio le barbe di CDC delle ali e la mosca è finita.
  • 200. Insieme al CDC, oltre alle piume di anatra, utilizzo anchequelle di fagiano maschio e femmina e di pernice, questeultime particolarmente indicate per imitare gli ecdyonuri.Per imitare gli ecdyonuri ho ideato anche il prossimomontaggio.
  • 201. Starna e CDCSe dovessi citare i materiali naturali fondamentali per dellacostruzione delle mosche finte, uno dei primi cui pensereisarebbe la piuma di starna.Ho sempre amato questa piuma e, se vedo l’opportunità diinserirla in un montaggio, lo faccio con fiducia.Le sue caratteristiche la rendono adatta a imitare le zampe ele ali di molti insetti e alcuni dei più famosi artificialiclassici sono la prova che, inserirla in modo appropriato inun dressing, è una mossa vincente.Ispirandomi ancora alla Mirage, vi propongo come ottenerel’imitazione di un ecdionuro utilizzando un hackle di starnae una di CDC.
  • 202. Prendo una piuma di starna ed elimino le barbe molli dellabase.
  • 203. Tenendo la piuma per la punta, stiro le barbe verso la basein modo da ottenere un corpo extended. Fisso la hackle suun amo grub, che trovo particolarmente adatto per ilmontaggio dei corpi extended. Compiendo questaoperazione ottengo le ali della mosca rappresentate dallebarbe che eccedono dal corpo extended.
  • 204. Accanto al punto di fissaggio del corpo extended, fisso unahackle di CDC.
  • 205. Avvolgo la hackle fra il gambo dell’amo, il corpo extendede la sua rachide.
  • 206. Fisso la hackle accanto all’occhiello dell’amo e ne tagliol’eccedenza.
  • 207. Abbasso la rachide della hackle di starna , la fisso accantoall’occhiello e ne recido l’eccedenza. Con questaoperazione, comprimo e blocco sull’amo le spire dellahackle di CDC, in modo che non possano allentarsi eallungarsi lungo le ali.
  • 208. Eseguo la testa della mosca.
  • 209. Taglio la punta della piuma, lasciando due barbe per imitarele code.
  • 210. La mosca finita.
  • 211. Con questa mosca ho ottenuto ottimi risultati sia in caccia,sia in schiusa. Se il colore della piuma di starna ha la giustatonalità marrone, l’imitazione appare in acqua come unperfetto ecdyonuro, o almeno questa è la mia impressione.Ho fiducia in questa imitazione e forse per questo ottengobuoni risultati. È chiaro che se uno crede in una mosca nonvalida, difficilmente vedrà buoni risultati, ma sel’imitazione ha buone caratteristiche strutturali e imitative,credere nella sua efficacia contribuisce a renderla piùcatturante.
  • 212. Copyrigth 2013 All rigths reserved.Testi e foto di Agostino Roncallo. Nessuna parte può essereutilizzata in qualsiasi forma, riprodotta, tradotta omemorizzata senza autorizzazione scritta dell’Autore.

×