Vitro cooperation by Sara Di Lonardo ( IBIMET-CNR)

  • 283 views
Uploaded on

Intervento su cosa è e come si può mettere a disposizione una competenza scientifica sul vitro per fare cooperazione ( effective and fast transfer to communities).

Intervento su cosa è e come si può mettere a disposizione una competenza scientifica sul vitro per fare cooperazione ( effective and fast transfer to communities).

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
283
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Perché la [micro]propagazione?A cosa può servire? Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”
  • 2. aumento della produzione alimentare pereliminare/diminuire la povertà e la fame Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”
  • 3. Perché la propagazione? A cosa può servire? Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”
  • 4. Come si riproduce una pianta?- Sessualmente (per seme)- Vegetativamente (per frammenti di tessuti o parti della pianta; anche dettoclonaggio)Ecco alcuni tipi di propagazione vegetativa… Margotta Propaggine Innesto Talea Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”
  • 5. PiantePossiedono cellule totipotenti!TOTIPOTENZA: la possibilità di rigenerare un’intera pianta da singole cellule differenziate purchè questecellule siano in grado di andare incontro ad un processo di de-differenziamento.Colture:1) cellule vegetali in coltura mantenute come protoplasti cioè senza la parete;2) di tessuto: a) Meristemi (piccole masse in divisione presenti negli apici vegetativi), b) Germogli, c) Radici, d) etc..... Sia dal tessuto che dalle cellule in coltura è possibile rigenerare una pianta Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”
  • 6. Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”
  • 7. Micropropagazione in vitroPrelievo del tessuto o pezzo dalla Sterilizzazione pianta madre Messa in coltura Questi tessuti grazie alla presenza degli ormoni cominciano a far crescere un callo cicatriziale, che altro non è che cicatriziale una serie di cellule indifferenziate, a questo punto si estraggono dalle beute e si suddivide il callo cicatriziale in varie parti; a questo punto, si rimettono questi pezzetti nelle beute e si lasciano lì fino a quando non mettono foglie e radici. Ovviamente tutto ciò viene svolto in ambiente sterile sia la crescita sia i tagli dei calli cicatriziali. Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”
  • 8. RICAPITOLANDO Con la micropropagazione:Micropropagazione essere riprodotte per la conservazione del 1)le piante possono Utile germoplasma velocemente, molto (conservo il codice in vitro svincolando dalla stagionalità tradizionale della propagazione per utile genetico) e della biodiversità; talea o per innesto; anche per “sanificare” piante e sanificare 2)si possono ottenere quantità molto elevate di in natura ogni banano) rimetterle piante (vedi 3-4 settimane e in tutto larco dell’anno. Inoltre, la coltura in vitro rappresenta anche un importante strumento per la conservazione della biodiversità, la valorizzazione delle produzioni e la protezione del territorio.Dalla micropropagazione in vitro alla propagazione in vivo Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”
  • 9. ANANAS È il frutto in scatola più consumato. Nelle Filippine si realizza del tessuto di ottima qualità dalle fibre delle foglia. MOLTIPLICAZIONE Lananas si moltiplica per polloni o per ciuffo di foglie. PER POLLONI PER CIUFFO DI FOGLIEIn primavera si possono METODO 1: dal frutto di un ananas grosso, sano e fresco siprelevare i polloni che si formano taglia il ciuffo di foglie con un coltello affilato. Si eliminano lealla base della pianta madre con foglie che si trovano più in basso e si sistema il ciuffo in untutte le radici. Ciascun pollone va barattolo in modo che la base sfiori la superficie dellacqua.sistemato in un vaso singolo in Durante tutto il periodo della radicazione occorre mantenereun terriccio. I polloni fioriscono il livello dellacqua sempre costante pertanto va controllatodopo circa due 2 anni. ogni giorno. Dopo 1-2 settimane inizieranno a spuntare le prime radici. METODO 2: dopo aver tagliato il ciuffo di foglie, di lasciare asciugare la base per 5-6 giorni. Dopo di che si appoggia sopra un terriccio umido (non sotto) e si mantiene il terreno costantemente umido sistemandolo in una zona con temperature intorno ai 21-23°C e in un ambiente con molta luce.
  • 10. BANANOLe banane sono tra i frutti più consumati al mondo. Tuttavia, i coltivatori di banane ricavano esigui guadagni.MOLTIPLICAZIONEIl banano si moltiplica per polloni. PER POLLONI Questo tipo di moltiplicazione si può realizzare in qualunque periodo dellanno prelevando i polloni che crescono alla base della pianta. Una volta recuperati i polloni si piantano in vasi singoli usando un terreno così come indicato per le piante adulte. Si tiene il vaso in un luogo caldo (intorno ai 24°C), con una buona umidità (frequenti spruzzature d’acqua).
  • 11. MANIOCALa radice di manioca è in effetti la terza più importante fonte di carboidrati nellalimentazione umana mondiale nei Paesitropicali, assieme alligname e allalbero del pane, ed è una delle principali fonti di cibo per molte popolazioni africane.MOLTIPLICAZIONELa manioca si propaga dal tubero. Come la patata! PER TUBERO Il frazionamento dei tuberi è una pratica che consiste nel piantare tuberi tagliati in due o più parti, ognuna delle quali provvista di gemme, e che ha soprattutto lo scopo di ridurre la spesa per il seme.
  • 12. GRAZIE!!! Firenze, 12 settembre 2012 “Il sale della Terra ONLUS”