Un Selfie per la ricerca ...oltre il postmoderno
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Un Selfie per la ricerca ...oltre il postmoderno

  • 155 views
Uploaded on

Presentazione di riflessioni Bologna ...

Presentazione di riflessioni Bologna
Tecnopolo Bologna.
ProAmbiente.

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
155
On Slideshare
152
From Embeds
3
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 3

http://www.slideee.com 3

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. www.ibimet.cnr.it Un selfie per la ricerca ..oltre il postmoderno Riflessioni da non esperto su profiling e autorevolezza nell’era della connessione Photo Credit : Cosa Sono le Persona? - Kirsty Pargeter Alfonso Crisci @alfcrisci a.crisci@ibimet.cnr.it Bologna 1 settebre 2014 Tecnopolo
  • 2. Il Paradosso iperbolico della Casa Gialla La casa gialla, olio su tela, 76x94 cm, 1888, Van Gogh Museum, Amsterdam Source: Wikipedia
  • 3. Qui in una soleggiata cittadina della Francia del 1800 due “ricercatori” della comunicazione del colore, Vincent e Paul, avevano il loro “l’istituto”. Due talenti che lasciarono cose immortali, ma di cui possiamo tranquillamente affermare che agli occhi del loro mondo un concretissimo di “estraneità”. Un esempio di creativa autoreferenzialità. Non finì bene per gli “avulsi” nonostante il loro valore perché non riconosciuti e niente essi fecero perché ciò accadesse. una lettera non spedita a Théo….: «Vorrei scriverti molte cose ma ne sento l'inutilità [...] per il mio lavoro io rischio la vita e ho compromesso a metà la mia ragione» http://it.wikipedia.org/wiki/Vincent_van_Gogh Voici mon secret. Il est très simple: on ne voit bien qu'avec le coeur. L'essentiel est invisible pour les yeux. “Petit Prince”
  • 4. Lettera da una casa quasi gialla Vedi …..ti accorgi che alcune cose sono cambiate da un po di tempo a questa parte. Per esempio si fa finta...si fa finta come atteggiamento di maniera e lo si fa come se niente fosse e sospendendo il giudizio. In effetti non credo ci sia niente da giudicare, ai vertici (?!?) funziona così e se ci stai o ci vuoi stare accetti, per convenienza o inclinazione, le regole del gioco che non sono peggiori di altre, di certo non sono migliori. Per chi invece non vuole accettare le regole ci sono due strade: combatterle se te lo puoi permettere per posizione ed energia. Oppure fai finta di stare alle regole, in attesa di giorni più propizi. È un teatrino e se vuoi stare sul palcoscenico devi essere un personaggio; non puoi essere uno spettatore o qualcun'altro...si noterebbe la tua presenza, tra i più con fastidio, tra pochi con compassione, tra pochissimi con simpatia. Io sarei tra quest'ultimi.
  • 5. Nel vuoto buio del PostModerno Jeremy Geddes A Perfect Vacuum 2011 – Oil on Board La Scienza del metodo sperimentale è quasi il marker dell’era moderna. Osservazione,riflessione e misurazione strumentale. L’onda postmoderna la presenta sempre più come tecnoscienza dove la tecnologia diventa mainstream e sancisce nuove piramidi nella filiera dei bisogni. Se funzionale e redditizia la Tecnoscienza è attualmente uno degli agente principali nella costruzione della post-modernissima società dell’informazione e delle reti. E nell’oceano informativo le ricerca istituzionale ad alta inerzia costruisce case gialle per galleggiare nel vuoto di senso reclamando risorsa appoggiandosi al mito. Fiera della sua autoreferenzialità soffre un gap di linguaggio che erode identità.
  • 6. Connected Age Free culture e Authenticism Ma dalla cosa più postmoderna esistente cioè la rete dove è massima la frammentazione arriva un insospettato defrag..
  • 7. The Open Movements Nel frattempo qualcosa si muove proprio li ai margini dell’ ”impero” della tecnoscienza. Sulla rete internet già nata proprio per il suo carattere aperto nasce il web che inventa un iper-mondo digitale dove grazie alla riproducibilità illimitata dei beni digitali si inizia a ridiscutere concetti antichi (beni liberi, lavori comunitari, beni di condivisioni, comunità di lavoro) per l’ambito digitali. Sono scienziati informatici e sviluppatori che ridiscutono in modalità critica ma anche costruttiva la natura della proprietà intellettuale dei beni digitali: codice e dati. Vengono codificate le possibilità di condivisioni e cessione dei beni digitali e dei dati. Ma nella società dell’informazione questa è ha diversi significati. Source : Wikipedia
  • 8. Lotta si ma gli ultimi 10 anni … Christopher Dombres https://secure.flickr.com/photos/christopherdombres/5814893360/in/photostream/
  • 9. Progetti collaborativi aperti #luogo #conoscenza #strumenti #informazione
  • 10. Wikipedia l'enciclopedia collaborativa multilingue gratuita “Nell’ anno 2001 negli Stati Uniti D’America il buio tirò giù un paio di torri ..mentre poco prima la luce della ragione ne fece nascere un’altra, di ben altro tipo, che non ha mai smesso di crescere per TUTTI”. Presentazione: https://it.wikipedia.org/wiki/Aiuto:Benvenuti_su_Wikipedia
  • 11. Openstreetmap piattaforma di informazione geografica volontaria OpenStreetMap è un progetto che punta a creare e rendere disponibili dati cartografici, liberi e gratuiti a chiunque ne abbia bisogno perché la gran parte delle mappe che normalmente si pensano libere, hanno, in realtà restrizioni legali o tecniche, impedendo quindi alle persone il loro uso per scopi produttivi, creativi. www.openstreetmap.org openstreetmap.it nominatim.openstreetmap.org/details.php?place_id=97922562 Esiste una community di persone che gratuitamente ha costruito una cartografia seguendo proprie linee guida che sta diventato il maggiore aggregatore di conoscenza geografica.
  • 12. Social network piattaforme private ma gratuite e aperte Sono MEZZI di comunicazione con capacità di contenuto multimediale in grado di creare e mantenere reti sociali tematiche tramite meccanismi di scambio, e condivisione pubbliche e apprezzamento sui contenuti permessi dalla singola piattaforma.
  • 13. Github piattaforma di social coding Github è servizio web di hosting per lo sviluppo di progetti software Questo è il mio software. Se hai trovato qualcosa che non va o se vuoi aggiungere qualcosa di tuo prendine una copia, modificala, ripresentamela e così avremo un prodotto migliore. http://advertigo.it/2013/03/social-coding/ We're social animals, and the development of stuff tends to be social in nature. We think a better way of thinking about it is as social development. It's not just about the coding; it's about enabling business change and delivering business value in a social way. …… broadens the idea from social coding to social development. Social coding is a fundamental change.
  • 14. Autorità & Autorevolezza & Reputatione Autorità corrispondente al ricoscimento formale e legale dato ad un istituzione, un ente o un agente riconosciuto. Autorevolezza è invece riconosciuta dagli i interlocutori esterni o da fruitori di prodotti e servizi che percepiscono in quella struttura/ente comportamenti adeguati, competenza e capacità di comunicare efficacemente il che cosa, come e a chi. La reputazione pubblica si giova dell’equilibrio armonico fra questi due aspetti.
  • 15. Ambito e contesto Ambiente e Informazione Un campo di battaglia Ma come ora l’informazione di stato e una qualsivoglia proiezione sul futuro dell’ambiente nelle nevrotiche società urbane e nelle sottopopolate rurali che riguardi l’ambiente ha un valore. Il successo mediatico di ogni scienza capace di descrivere rischio ( meteorologia/climatologia,/sismolo gia) è evidente fino ai suoi aspetti parossistici. Un insaziabile richiesta di conoscenza della società è presente e il luogo è il WEB. DATI
  • 16. Smart approach: design per ricerca contestuale http://smartercities.wikispaces.com/GITHUB+SOCIAL+CODING
  • 17. Resilient economy per ambienti fragili
  • 18. Data environmental conceptual graph Web Cloud Computing Services Mobile/Desktop Applications Platforms Dashboard Social Media Devices e sensors Connectivity Process Models interpretation Local SKOS for model ontologies Local GISscience infrastructures Open Data Storage Community feedbacks
  • 19. Stones Riparto da me: il lato buono del selfie Il volto diventa prova di autenticità in una società con poche certezze …… «Autodeterminazione, frugalità, solidarietà, austerità sono il serbatoio a cui attingono i valori dando spessore al nuovo individuo che tende a muoversi nel tempo e nello spazio da solo, privo di protezioni, sia nel lavoro sia nella famiglia», dice la ricercatrice. Lo scenario futuro è fatto di momenti difficili in cui la forza dei legami sociali potrebbe non bastare e ognuno deve contare in primo luogo sulla propria capacità. Si tratta, quindi, di riaggregare intorno a sé i brani di mondo su cui scommettere. Luisa Pronzato http://www.corriere.it/cultura/14_marzo_21/riparto-me-lato-buono- selfie-002a2482-b139-11e3-b958-9d24e5cd588c.shtml Lo scopo di questa comunicazione è un invito a cercare un posizionamento e un “engagement” di chi fa ricerca in questo quadro storico governato da forti transizioni culturali. Per Selfie intendo un ripartire da un NOI per •Ricerca nel e del linguaggio di un attività Scientifica e trasferimento autentica • Esplorare vie di riuso e di condivisione del patrimonio e dei dati accumulati nel recente passato •Sapersi posizionare come ruolo e mantenere autorevolezza •Esplorare modelli nuovi di business usando La rete e le relazioni come risorsa