• Like
  • Save
Cospe presentazione crisci
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Cospe presentazione crisci

on

  • 461 views

Incontro Cospe

Incontro Cospe
"Sovranità alimentare dei popoli"
2 luglio Firenze

Fulvio Vicenzo

Statistics

Views

Total Views
461
Views on SlideShare
460
Embed Views
1

Actions

Likes
2
Downloads
5
Comments
0

1 Embed 1

https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Cospe presentazione crisci Cospe presentazione crisci Presentation Transcript

    • “CAMBIAMENTI CLIMATICI E LA SOVRANITA ALIMENTARE DEI POPOLI” What’s up Climate? Meta-climatologia per cooperanti internazionali Alfonso Crisci , CNR IbimetGiano Bifronte : Il nome Ianus deriverebbe daltermine ianua, "porta“ ..con il significato di"passaggio”, "guado"..A cui aggiungo un sensazione...come di "bivio".
    • Summario AIMs & TARGETs1. Guidelines sulla complessità dei processi, degli eventi e dei segnali , relativi al cambiamenti climatici globali e locali recenti tramite un framework innovativo basato sull’informazione.2. Presentare strumenti per visualizzare risorse informative digitali per acquisire e mantenere in efficienza la awareness connessa al clima.3. Dare dei criteri di lettura dell’informazione relativa al clima nei suoi aspetti sia scientifici che di comunicazione.4. Presentare il concetto antropologico di RESILIENZA.5. Fornire una panoramica delle possibilità di analisi regionale di agenti e di azioni afferenti alla problematica “cambiamenti climatici”. Fornire degli esempi concreti di applicazioni resilienti.
    • Linee guida mentali?? Complessità clima e cambiamenti climatici Veramente necessarie?
    • La vulnerabilità climatica è un problema vero e reale non virtuale. Il rischio legato alla variabilità Energia Trasporti climatica è cresciuto! Gestione risorsa idricaIntensita Tempreste vento People Agricultura Aree urbane Pioggie intense/ Alluvioni Vulnerabilita e esposizione In crescita! Siccità Il bisogno di pianificare c’è! Heatwaves Frequenza Source: 2006 WMO DRR report
    • Le Parole del Clima Terminologia clima e cambiamenti climatici Il tema è complesso Indubbiamente!
    • Lo schema ufficiale del Clima L’utile semplificazione concettuale proposta IPCC Lisa Schipper (Stockholm environment institute) che: Ladeguamento è un mezzo per rispondere allimpatto osservato che si inscrive in una visione a breve termine (per esempio, una stagione) ladattamento è il processo di aggiustamento al cambiamento (osservato ed atteso) che si inscrive in una visione a lungo termine (per esempio, su une periodo di 6 mesi o più). La soluzione è un protocollo di azioni non discusso e ne partecipato.L‟uomo non c‟è…c‟è il sistema umano ! Da ratificare come dicono.
    • Qualcosa non torna : c’è un esigenza di chiarezza Comunicare meglio il clima per conoscere e meglio agire Un eccesso di informazione, la polarizzazzione del dibattito, e altro, ha generato disorientamento
    • Come gestire la complessità della conoscenza Il rischio riduzionista che porta alla rigidezza eall’omologazione. Stesso problema e una soluzione finale per tutti. Quando tanti specialisti,supportati da interessi della propria comunità di riferimento, parla ognuno il suo linguaggio la complessità verso un tema diventa complicazione e ogni affermazione, anche scientifica, rischia la contraddizione, la banalizzazione o la sua ipervalutazione. In un sistema complicato senza codice di decifrazione vige la legge del più forte come nei sistemi biologici.
    • Ripartire da Godel con Norman Teorema di incompletezza e dintorni complessi. Nel 1937 Godel dimostrò teoricamente che ogni insieme compatto di affermazioni assiomatico porta sempre all‟ indecidibilità nelle sue conclusioni. Ovvero qualsiasi insieme di verità/affermazione logico-meccanica porta a contraddizione intrinsecamente. Godel disse della sua convinzione nel fatto che gli esseri umani possiedono una modalità intuitiva, non solo computazionale, per arrivare alla verità e che quindi il suo teorema non pone limiti a ciò che può essere riconosciuto come vero dalluomo.
    • Il Paradigma metaclimatico Basato sull’informazione fisica,ecologica,sociale e antropologica relativo al clima Ho bisogno di due nuove meta-grandezze agenti su scala locale su un area geografica piccola e identificabile : I ˜clima Informazione globale climatica M ˜clima Memoria informativa climatica
    • Grandezze metaclimatiche Fare climatologia diventa mappare Iclim e Mclim sul pianeta e presentarli aggregati alla scala richiesta. Studiare i cambiamenti del clima è conoscere il rapporto dinamico fra queste due grandezze. L’approccio è sempre bottom-up: locale verso globale, mai nel senso contrario. E‟ l‟insieme osservazioni empirica fisica,ecologica (es:biodiversità), sociologica,storica,antropologica di quell‟area. Rappresenta la conoscenza globale del luogo in I˜clima relazione al clima Dipende dal grado di antropizzazione di quel punto. Le relazioni fra i piani non è conosciuta e non ha una relazione diretta con il tempo, poiché contiene affermazioni del passato , del presente e sul futuro probabile. Ci informa come I ˜ clim si dispone nella dimensione temporale cioè se è capace di mantenere I ˜ clim nel futuro o M˜clima dal suo passato. Ad esempio per la temperatura è importante la capacità termica di un luogo cioè la proprieta di accumulare calore e mantenere lo stato. E „ l‟aggregazione di I ˜ clim su scala globale o su aree Ig˜clima regionali ampie. Il clima globale come dato cognitivo è il frutto della somma di tutti le I ˜ clim locali.
    • Relazioni metaclimatiche L’uomo nella scala locale è agente passivo e attivo. Quello che lega le grandezze sono i vari processi di ordine fisico ( gradienti termici e barici,variabilità naturale del clima), ecologico ( migrazioni,cambio uso suolo,immissione inquinanti), sociologico e economico ( l’uso delle risorse e la loro ricostituzione), antropologico ( cultura ambientale e il levello di conoscenza). I˜clima Ig˜clima M˜clima Uomo
    • Lettura meta-climatica della circolazione atmosferica La circolazione oceanica e atmosferica procede grazie per la diversità spaziale di I ˜clim in funzione dei Mclim sul pianeta (riscaldamento diffrenziale latitudinale e altri processi geofisici legatiche modulano il bilancio termico e radiativo. La circolazione dell‟atmosfera è scambio di I˜clim sul piano fisico All‟interno di un corpo rotante parzialmente riscaldato e coperto da elementi fluido (atmosfera,oceani) per dissipare calore. http://www.ux1.eiu.edu/~cfjps/1400/circulation.html
    • Lettura generale meta-climatica con I˜clima, M˜clima Elementi a forte Elementi a basso M˜clima : M˜clima : Bacini oceanici, Atmosfera, Corpi d’aqua solidi e Stratosfera, liquidi, Aree desertiche, Uso suolo, Città mal costruite Città ben costruite Perchè? I Conta ˜clima. Perchè? L‟acqua ( vegetazione) ha forte capacità termica elevata capace di Mancano elementi con ricordare una variazione di T*. capacità termica, In Mclima c‟è anche la conoscenza quindi le informazioni importanti sono locale acquisità sulla bioclimatica. sullo stato chimico/fisico concetrata su elementi quantitativamente minore ( co2, ozono,acqua).
    • Global Signs Lettura generale meta-climatica di Ig˜clima I segnali “climatici”globali sono la rappresentazione della variazione di Ig˜clim : Aumento T°media, Riscaldamento dei mari, Deforestazione, Aumento frequenza estremi, Desertificazione Sono l‟aggregazione di I˜clim locali Sono una forma di comunicazione del sistema geofisico nel suo complesso. Vanno letti come sintomi di una consistente variazione di Mclim .Ci informano che ci sono processi in atto.
    • Global SignsL’aumento di Co2 in atmosfera Ig˜clima
    • Global SignsEmissioni di Co2 in atmosfera Ig˜clima
    • Global SignsRiscaldamento degli oceani e innalzamento livello mare recente Ig˜clima Qui si tocca M˜clim sul piano fisico Questo induce variazioni I˜clim
    • Global SignsUrbanizzazione Ig˜clima http://en.wikipedia.org/wiki/File:Flat_earth_night.png La popolazione urbana supera quella rurale nel 2010.
    • Global SignsEmissioni di Co2 in atmosfera Ig˜clima Qui si tocca M˜clim sul piano fisico a livello equatoriale. Questo induce variazioni I˜clim
    • Global Awarenss : Antropocene Corriamo (Siamo) verso (dentro) l’era climatica umana ma incapaci di governare i processi di Ig˜clima.
    • Gli strumenti del paradigma informativoClimascopio su Google Earth Ig˜clim +I ˜ clim con un mashup sono sempre a portata di click. http://www.slideshare.net/alfcrisci/climascope- aag2011-crisci http://www.slideshare.net/ValentinaGrasso/climas cope-google-eearth-orytelling-of-climate- changea-st Visualizing our Changing Climate with Climascope •May 2012 American Ass. Geographers Seattle •PCST 2012 Florence Autori: Valentina Grasso e Alfonso Crisci http://149.139.8.44/test/climascopio/climascopio.html L‟idea ha riscosso solo un leggero “successo”…. https://www.google.it/sea rch?q=climascope
    • Guardiamolo insieme CLIMASCOPE IBIMET CNRand Google Earth Tour.
    • Il paradigma informativo come base della resilienza Quadrato semeiotico della resilienza( Elena rapisardi UNITO)La città resiliente nell‟era post-Gutemberg FORUM PA ROMA 16 maggio 2012
    • Il paradigma informativo come base della resilienza Quadrato semeiotico della resilienza
    • Il paradigma informativo come base della resilienza L’impatto della resilienza come awareness condivisa e inculturata.
    • I metodi del paradigma informativo • Riconoscimento classe di informazione ( fisica, ecologica, sociologica e antropologica) • Georetrieval dati utili e validazione delle informazioni. •Mapping su mashup di tutte le informazioni in oggetti visuali statisticamente trattabili. • Crossing informativo spaziale con altri layer di informazione. E‟ il ritorno della Geografia come scienza del clima con al centro l‟uomo, non la tecnica , le sue Quale governo italiaoha tolto dignità comunità, non le alla geografia? Lo stesso che l‟ha grandi tolta alla cooperazione. organizzazioni.
    • CROSSING INFORMATIVO regionaleAnalisi di break di segnale globale (Iclim) in Etiopia RECENT STRUCTURAL CHANGE IN REMOTE SENSING DATA TIME SERIES LINKED TO FARM MANAGEMENT IN HORN OF AFRICA (1999 – 2009) Crisci A., Vignaroli P., Genesio L., Grasso V., Bacci M., Tarchiani V. , Capecchi V. ESA conference Roma
    • CROSSING INFORMATIVO regionaleAnalisi di break di segnale climatico (Iclim) in Etiopia Zone con breakpoint pioggia Zone con breakpoint vegetazione
    • CROSSING INFORMATIVO regionaleAnalisi di break di segnale informativo (Iclim) in Etiopia
    • CROSSING INFORMATIVO su eventoAnalisi climatico/mediatica di evento critico ad alto impatto.•Temperature massime italiane osservate presedurante l’ONDATA DI CALORE (heatwaves) neigiorni 5-10 aprile 2011 assieme ai dati damodello globale (Reanaliys 2 NCEP-DOE) per l’area (5-13 aprile2011).•STREAM twitter contenenti le parole“AFA,CALDO,SETE . (twitter.com)
    • CROSSING INFORMATIVO su evento Coerenza temporale Tweets giornalieri e dinamica temperature•La dinamica dei matches“CALDO o AFA o SETE”Twitter è stata coerentecon quella delletemperature massimeitaliane e ancor più conquelle dell’Italiasettentrionale e delversante adriatico.Il picco di caldo del 9aprile è statointercettato, così come ilcrollo del giornosuccessivo, sia nel numerodi tweet cercati che delletemperature.
    • CROSSING INFORMATIVO su eventoCoerenza spaziale del N° tweet e temperature medie•Le mappe di associazione fra laserie Twitter e i dati del modellodi Reanalisi climatiche fattetramite l’analisi del valore dicorrelazione lineare r per ognipunto griglia nel periodo 6-13aprile, con due livelli disignificatività (s.)Aree rosse -> s. blanda ( p=0.1)Aree bianche -> s. forte 0.05fa emergere un preciso patternspaziale in Italia. Il nord estsopratTutto e il settentrione ingenerale, riteniano siano le areegeografiche di percezionedell’ondata di calore.
    • SUPPORTO INFORMATIVO per community agricoltori Progetto Agro2bar in DELPHI twitter per agricoltori
    • SUPPORTO INFORMATIVO su community agricoltori Progetto Agro2bar in DELPHI twitter per agricoltori previsioni @farmer_users
    • Grazie dell’attenzionea.crisci@ibimet.cnr.italfcrisci@gmail.com @alf_crisci