Your SlideShare is downloading. ×
Cambiamenti Climatici : cosa ci riserva il futuro
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Cambiamenti Climatici : cosa ci riserva il futuro

162
views

Published on

Associazione ESSERE e comune di calenzano propone per il venerdi 15 febbraio

Associazione ESSERE e comune di calenzano propone per il venerdi 15 febbraio

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
162
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Venerdi 15 febbraio 2013 alle ore 21.00 presso Cambiamenti l’aula magna dell’Università di Calenzano sarà presentato il ciclo d’incontri: Climatici Cosa ci riserva il futuro?InterverrannoGaia CheccucciSegretario Generale dell’Autorità diBacino del Fiume ArnoErasmo D’AngelisPresidente di PubliacquaGaetano ZipoliDirigente di Ricerca CNRAlessio BiagioliSindaco del Comune di Calenzano La cittadinanza è cordialmente invitata Per Informazioni Associazione Culturale “ESSERE” di Calenzano tel: 3299195281 - info@esserecalenzano.it – www.associazione_essere.com
  • 2. I cambiamenti del clima, sia quelli ormai in atto che quelli piùpreoccupanti attesi per gli anni a venire, hanno un notevoleimpatto sugli ecosistemi e sulla nostra vita.L’acqua, elemento essenziale per la vita, è senza dubbiofortemente influenzata dai cambiamenti del clima: da unaparte infatti già oggi assistiamo ad un crescente numero dieventi di alluvioni e di dissesto idrogeologico associatoall’aumento dei cosiddetti” eventi estremi” e dall’altra si fasempre più chiaro il rischio che questa essenziale risorsadiventi sempre più scarsa.Le due giornate (15 febbraio, dedicata ai problemiidrogeologici e 1 marzo, dedicata a quelli della lilitatezzadella risorsa acqua) saranno quindi dedicate a discutere questidue scenari e soprattutto a valutare le azioni che le comunitàdovranno realizzare, a breve e lunga scadenza, per prevenire elimitare i possibili danni.Oltre a tale aspetto collettivo, questi incontri si propongonoinfine anche come momento di riflessione individuale peracquisire consapevolezza dei possibili rischi e per assumerecomportamenti di conseguenza più sostenibili.