• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this presentation? Why not share!

patto scuola-famiglia-territorio

on

  • 1,440 views

patto scuola-famiglia-territorio: costruzione condivisa di progetti educativi. Il patto educativo di corresponsabilita’ tra scuola e famiglia: monitoraggio tra le scuole lombarde. A cura di ...

patto scuola-famiglia-territorio: costruzione condivisa di progetti educativi. Il patto educativo di corresponsabilita’ tra scuola e famiglia: monitoraggio tra le scuole lombarde. A cura di Guglielmo Benette e Alessandro Rota - Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo

Statistics

Views

Total Views
1,440
Views on SlideShare
1,440
Embed Views
0

Actions

Likes
2
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    patto scuola-famiglia-territorio patto scuola-famiglia-territorio Presentation Transcript

    • patto scuola-famiglia-territorio: costruzione condivisa di progetti educativi Guglielmo Benetti Ambito Territoriale di Bergamo Componente dell’Osservatorio Regionale della Lombardia per la Costituzione, la Cittadinanza e l’Educazione
    • patto educativo di corresponsabilita’ alleanza famiglia-scuola su nuove basi
    • Delegittimazione del ruolo docente - il docente “nudo” Perdita del ruolo sociale dei docenti Permeabilità della scuola ai conflitti sociali Improponibilità dei vecchi modelli organizzativi Il docente disorientato necessità di una forte innovazione organizzativa e didattica
    • Crisi autorità genitoriale Perdita ruolo simbolico dell’adulto lo sconcerto in famiglia
    • Nuove agenzie educative (e diseducative…) Perdita del monopolio formativo-culturale della scuola Scuola e famiglia non sono più l’unico luogo formativo/di trasmissione del sapere I nati digitali. Sono cambiate le modalità di apprendimento vecchi e nuovi educatori … e di insegnamento?
    • “ questa casa non è un albergo ” “ questa scuola non è una piazza ” quali regole? crisi della regola Profonde trasformazioni sociali e familiari Cambiamento stili di vita Mutato quadro di valori degli adolescenti e dei giovani
    • Mille “pozzi” informativi: web, social network, media Cento educazioni: frammentarietà mille e cento Necessità di riscoprire:
    • Nuova autorevolezza della scuola e degli insegnanti Recupero ruolo docente su nuove basi le colonne dell’autorevolezza Centralità della persona rispetto dei ruoli dialogo passione per il sapere competenza esempio metodologie innovative
    • Incontro studenti-docenti costruttivo, fecondo Benessere dello studente e del docente “ Luogo” relazionale positivo Centralità della persona Dinamiche motivazionali il valore educativo delle discipline … nuove conoscenze e competenze Apprendimento: conoscenze e competenze disciplinari Crescita culturale e umana partecipazione responsabile territorio: quartiere, paese, istituzioni, parrocchia, associazioni, volontariato, microprogetti cittadinanza legalità Aspetti formativi – Aspetti educativi attraverso percorsi disciplinari e interdisciplinari
    • Educazione al centro Alleanza educativa scuola-famiglia? C’è vera condivisione del progetto educativo? chiamati alla responsabilità forte assunzione di responsabilità Reale coprogettazione su principi condivisi Tutti coinvolti gli “attori” della scuola: dirigenti, studenti, genitori, studenti, personale non docente Tutti protagonisti (secondo il ruolo) Tutti responsabili
      • Il patto non è
      •  
      • un atto formale
      • un documento rigido e immodificabile
      • un ripetitivo modello “standard”
      • il regolamento d’istituto
      • e tantomeno un elenco di sanzioni/uno strumento per garantire la disciplina
      • il POF
      • un trattato di pedagogia
      • una rassegna di norme
      • una mera dichiarazione d’intenti
      • l’esito di un lavoro individuale–non condiviso–imposto
      non è un alieno
    • Non è un documento difensivo Non alza muri Non è “contro” E’ per il patto non è un muro centralità dello studente responsabilizzazione e partecipazione
    • E’ segno e strumento concorde e flessibile di un tavolo mai chiuso incontro-confronto-esame di situazioni-riconoscimento di bisogni-condivisione di principi, valori e strategie educative segno e strumento operativo Il patto non è un monolite intoccabile ma uno strumento flessibile che identifica, enuncia e promuove un nuovo e condiviso progetto educativo parla al territorio Genera progetti e azioni. Traducibilità e traduzione effettiva Verifica costante monitoraggio, revisione, ricalibratura
      • Se sul territorio hai una responsabilità ti vengo a cercare
      • Li chiamiamo per nome e per ruolo
      • Allestire tavoli tra gli “adulti che educano”
      • Condivisione di valori, esempi, regole: co-progettazione concrete azioni
      • La scuola promotrice, la scuola che si lascia coinvolgere
      adulti e responsabili insieme chi mettiamo al centro?
    • Il patto educativo di corresponsabilita’ tra scuola e famiglia monitoraggio tra le scuole lombarde Alessandro Rota Ambito Territoriale di Bergamo Componente dell’Osservatorio Regionale della Lombardia per la Costituzione, la Cittadinanza e l’Educazione
    • 1. nella scuola è stato sottoscritto il “ Patto Educativo di corresponsabilità tra scuola e famiglia”?
    • un adempimento formale e burocratico una risposta concreta a problemi disciplinari un modo per facilitare/valorizzare il rapporto scuola -famiglia uno strumento di prevenzione del disagio educativo 2. in che modo inizialmente è stata recepita la proposta del Patto Educativo?
    • comunicazione scritta ai docenti comunicazione scritta ai genitori (o loro rappresentanti) comunicazione scritta agli studenti (o loro rappresentanti) pubblicazione sul sito internet dell’Istituto riunioni ordinarie degli organi collegiali apposita riunione degli organi collegiali Collegio Docenti 32,37% Consiglio di Istituto 32,28% Consiglio di Classe 15,14% Assemblea studenti 3,35% Comitato genitori 8,61% 3. Come si è diffusa l’informazione relativa alla necessità di elaborare un Patto Educativo? (*) (*) possibili più risposte
    • 4. Chi ha partecipato alla costruzione del Patto Educativo? (*) (*) possibili più risposte solo superiori: 51,23%
    • lavoro individuale del Dirigente lavoro individuale di un docente lavoro di un gruppo di docenti lavoro di uno o più genitori lavoro di uno o più studenti incontri distinti per studenti genitori docenti riunioni congiunte tra studenti docenti genitori riunioni congiunte tra studenti docenti genitori esperti gruppi misti di lavoro tra studenti docenti genitori gruppi misti di lavoro tra studenti docenti genitori esperti 5. Come è avvenuta la costruzione del Patto Educativo?
    • 6. Rispetto al Regolamento d’Istituto il Patto Educativo è…
    • 7. Quali modalità operative sono state adottate per la stesura del Patto Educativo? (*) adottando Patti Educativi di altri Istituti adottando modelli già predisposti personalizzando modelli già predisposti prendendo spunto dallo Statuto degli studenti e delle studentesse costruendolo in base a specifiche situazioni dell’Istituto scolastico adottando il Regolamento di Istituto (*) possibili più risposte
    • con apposita comunicazione e/o circolare in occasione di riunioni ordinarie degli organi collegiali convocazione straordinaria degli organi collegiali pubblicazione sul sito Internet all’atto dell’iscrizione (dei figli) incontro rivolto ai rappresentanti incontro rivolto a tutti presentazione in classe 8. In che modo sono stati resi noti i contenuti del Patto Educativo? (*) (*) possibili più risposte
    • 9. Da quali componenti scolastiche è stato sottoscritto il Patto Educativo? (*) (*) possibili più risposte solo superiori: 95,49%
    • un adempimento formale e burocratico una risposta concreta a problemi disciplinari un modo per facilitare/valorizzare il rapporto scuola/famiglia uno strumento di prevenzione/contenimento del disagio educativo 10. In base ai risultati ottenuti/osservati negli anni di applicazione, il Patto Educativo è ritenuto:
    • 11. Sono in atto nell’Istituto strategie/interventi volti al perfezionamento e/o la valorizzazione del Patto incontri di approfondimento con le diverse componenti scolastiche convegni momenti di verifica dell’efficacia con le diverse componenti scolastiche ulteriori comunicazioni/circolari per la sua conoscenza/diffusione
    • 12. E’ stato elaborato un Patto Educativo di comunità tra l’Istituto scolastico e le altre agenzie educative del territorio:
    • 13. quale agenzia educativa si è fatta promotrice dell’iniziativa? (*) scuola Parrocchia Oratorio associazioni sportive Enti locali Biblioteche Centri di aggregazione giovanile associazioni culturali e/o di volontariato associazioni locali di genitori 14. quali agenzie educative sono state coinvolte nell’iniziativa? (*) scuola Parrocchia Oratorio associazioni sportive Enti locali Biblioteche Centri di aggregazione giovanile associazioni culturali e/o di volontariato associazioni locali di genitori (*) possibili più risposte