Open Innovation in Trentino?Un'analisi preliminare

  • 3,826 views
Uploaded on

Thesis

Thesis

More in: Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
3,826
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
135
Comments
0
Likes
2

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. ` UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO ` FACOLT A DI E CONOMIA C ORSO DI L AUREA IN N ET-E CONOMY. T ECNOLOGIA E MANAGEMENT DELL’ INFORMAZIONE E DELLA CONOSCENZA Open Innovation in Trentino? Un’analisi preliminare Relatore Laureando Roberta Cuel Alessandro Trentin Correlatore Matricola Carlo Rizzi 126134 A NNO ACCADEMICO (2008-2009)
  • 2. Indice Introduzione vii 1 L’innovazione 1 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese . . . . 3 1.2 Piccole e medie imprese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 1.3 Elementi critici per l’innovazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 1.4 Alcuni modelli teorici per l’innovazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 1.4.1 Closed Innovation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 1.4.2 Open Innovation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 1.5 L’innovazione del territorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18 1.5.1 I Distretti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19 1.5.2 I Parchi Scientifici e Tecnologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20 1.6 Il contesto europeo e nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21 1.6.1 Europa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22 1.6.2 Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25 1.7 La situazione in Trentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28 i
  • 3. 1.8 Obiettivi della tesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31 2 L’approccio Open Innovation 33 2.1 Perch` si parla di Open Innovation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33 e 2.2 Il modello Open Innovation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35 2.2.1 Caratteristiche Open Innovation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 2.2.2 Impatti dell’Open Innovation . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41 2.3 Open Innovation e Regional Innovation System . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46 2.3.1 Regional Innovation System . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47 3 La Provincia Autonoma di Trento 51 3.1 Il contesto economico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51 3.2 Piani di sviluppo provinciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54 3.2.1 Legge provinciale n◦ 6 del 13/12/1999 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56 3.2.2 Legge provinciale n◦ 14 del 2/08/2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57 3.2.3 Il fondo unico per la ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60 3.2.4 Il sistema degli incentivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60 3.2.5 Iniziative promosse in Trentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61 3.2.6 Il Programma Operativo FESR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64 3.3 Il sistema della ricerca in Trentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67 3.3.1 L’universit` degli studi di Trento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67 a 3.3.2 Fondazione Bruno Kessler . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68 3.3.3 Fondazione Edmund Mach . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69 3.3.4 Distretto Tecnologico Trentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70 ii
  • 4. 3.3.5 Centro ricerche Microsoft . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 3.4 Le imprese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71 3.4.1 La situazione in Trentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72 3.5 Agenzie dell’innovazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 3.5.1 Trentino Sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76 3.5.2 Incubatori di impresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77 3.5.3 Informatica Trentina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 3.5.4 Tecnofin Trentina S.p.A. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79 3.5.5 Trentino Network S.r.l. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80 3.6 Open Innovation in Trentino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80 4 Conclusioni 89 Acronimi 92 Bibliografia 95 iii
  • 5. iv
  • 6. Elenco delle figure 1.1 Le esigenze nel dettaglio (Shapiro e Varian, 1999) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 1.2 Ripartizione per classe di ampiezza dell’impresa, anno 2003 (EUROSTAT, 2008) . 10 1.3 Le soglie per la piccola e media impresa (Commissione delle Comunit` europee, a 2001) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11 1.4 Suddivisione del numero delle persone occupate per classe di ampiezza dell’im- presa, anno 2003 (EUROSTAT, 2008) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12 1.5 Closed Innovation (Chesbrough, 2003) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 1.6 Open Innovation (Chesbrough, 2003) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17 1.7 Rapporto tra investimenti IT e competitivit` del Paese . . . . . . . . . . . . . . . . 22 a 1.8 Spesa per R&S totale sostenuta dalle imprese in relazione al PIL nei Paesi Ue (anno 2004) (Eurostat, 2007) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23 1.9 Brevetti nei paesi Ue - anni 1999 e 2004 (Eurostat, 2007) . . . . . . . . . . . . . . 24 1.10 Imprese che hanno introdotto innovazioni tecnologiche nei paesi Ue - anni 2002 e 2004 (valori %) (Eurostat, 2007) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24 1.11 Spesa per R&S in relazione al PIL (anno 2005) (ISTAT, 2008) . . . . . . . . . . . 26 1.12 Brevetti per regione (anno 2002) (ISTAT, 2008) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 1.13 Spesa per R&S intra-muros per settore istituzionale – provincia di Trento (Servizio Statistica, 2008) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29 v
  • 7. 1.14 Addetti alla R&S per settore istituzionale - Provincia di Trento (Servizio Statistica, 2008) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30 1.15 Incidenza della spesa R&S su PIL (anni 2005-2006) (Margherita Dei Tos, 2008) . . 31 2.1 Open Innovation (Chesbrough, 2003) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36 2.2 ` L’ambiente di Business e mutato (Chesbrough, 2006) . . . . . . . . . . . . . . . . 43 2.3 Tools per la protezione della propriet` intellettuale (Sullivan, 1998) . . . . . . . . . 45 a 3.1 Distribuzione della popolazione residente in Provincia di Trento per classi di am- piezza demografica dei Comuni (censimento 2001) . . . . . . . . . . . . . . . . . 52 3.2 La performance dei Comuni trentini come proposti da una classificazione del Piano di Sviluppo Provinciale (PSP) per la XIII legislatura . . . . . . . . . . . . . . . . . 53 3.3 Numero delle imprese per classe dimensionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73 3.4 La situazione economica del Trentino come descritta dal PSP della XIII legislatura: “Un sistema sostanzialmente forte con alcune situazioni di crisi” . . . . . . . . . . 74 3.5 Imprese con almeno 10 addetti per tipologia di connessione e dotazioni tecnologiche 75 vi
  • 8. Elenco delle tabelle 1.1 Imprese innovatrici e spesa sostenuta per l’innovazione, per regione - anni 2002 e 2004 (valori %) (ISTAT, 2008) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27 2.1 Differenze tra closed/open innovation (Chesbrough, 2003) . . . . . . . . . . . . . 41 2.2 Tools per la protezione della propriet` intellettuale (Birgitte Andersen, 2008) . . . 44 a vii
  • 9. viii
  • 10. Introduzione In un contesto economico caratterizzato dal mercato globale e dalla competizione, dalla crescente diffusione di nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, e dove la conoscenza ` ` non e mai stata cos` distribuita, la sfida principale delle aziende e quella di sopravvivere attraverso ı ` l’innovazione. Il divario tra piccole e grandi imprese, durante il corso degli anni, e via via cresciuto, introducendo difficolt` e problematiche soprattutto per le piccole e medie imprese, incapaci di a alimentare e quindi di sostenere in maniera attenta ed efficace i propri processi di innovazione. Tale distribuzione di conoscenza risulta essere ineguale, favorendo ed accentuando la disparit` di a opportunit` tra luoghi e regioni. a ` Il meccanismo innovativo e, a sua volta, in forte evoluzione e sta rapidamente adattandosi al ` nuovo contesto globale mentre, allo stesso tempo, ne e uno dei principali fattori di mutamento. Si possono distinguere due modelli di innovazione e crescita. Il “modello tradizionale” prevede che le imprese investano risorse in ricerca e sviluppo, i cui risultati sono gelosamente conservati e protetti, e utilizzi almeno parte di questi risultati per accrescere la produttivit` e la crescita. L’efficacia del a meccanismo, a parit` di investimento in R&S, dipende, tra l’altro, dalla disponibilit` e dalla qualit` a a a del capitale umano, da strumenti finanziari adeguati (come il venture capital) e da un rapporto fecondo tra sistema di ricerca e universit` , sostegno pubblico diretto e indiretto e sistema delle a imprese. A questo modello di innovazione se ne sta affiancando un altro, basato sulla globalizzazione delle catene del valore e dell’innovazione e sulla cosiddetta innovazione aperta (Open Innovation). Le caratteristiche principali di questo nuovo modello d’innovazione riguardano la frammentazione e la delocalizzazione non pi` soltanto di segmenti dei processi di produzione ma anche dei processi u di R&S. Attirati da fattori quali la disponibilit` di capitale umano di alta qualit` a basso costo, un a a numero crescente di imprese dei paesi avanzati trasferiscono nei nuovi paesi emergenti compo- nenti importanti dei loro processi d’innovazione. L’innovazione aperta si collega in parte a questo processo. Nella Open Innovation le imprese condividono con altre imprese i loro sforzi di R&S al ix
  • 11. duplice scopo di approfittare della messa in comune del pool di conoscenza e di instaurare rapporti di mercato condividendo gli sforzi d’innovazione con le altre imprese. L’apertura significa poter accedere ad un enorme bacino di soluzioni provenienti da ricercatori e innovatori presenti in ogni parte del pianeta. ` Anche i luoghi contano perch´ ognuno e un insieme unico di competenze, esperienze, legami, e linguaggi, capitale sociale. E’ la dipendenza da questo contesto che rende un territorio pi` o meno u aperto all’innovazione. L’ambiente definisce anche il tipo d’innovazione in cui quel determinato territorio pu` rendere maggiormente. Non ci sono pi` alte barriere a dividere scienza e tecnolo- o u gia, produttori e consumatori, pubblico e privato. Nel nuovo paradigma anche l’utente partecipa all’attivit` di ricerca e sviluppo; le invenzioni sono il prodotto di un’attivit` molto pi` collettiva a a u e partecipata che in passato; i ruoli del settore pubblico e privato sono fissati una volta per tutte e quindi immutabili, in base al principio che al privato spetta agire quando c’` un mercato ed al e pubblico intervenire quando il mercato difetta in domanda e/o offerta. ` La scelta del livello di analisi della regione e dovuto alla rilevanza dei sistemi regionali di innovazione anche sotto il profilo del trasferimento tecnologico. Il problema di collegare il livello locale dell’innovazione alla dimensione globale risulta importante, poich´ rappresenta uno step e necessario verso l’adozione di un modello d’innovazione aperta. In effetti non basta seguire e adottare i principi guida di un modello per utilizzarlo nella maniera migliore; occorre studiare delle policies adeguate, in grado di coinvolgere l’intera azienda, attore o rete che sia. Tra le politiche di sviluppo industriale che hanno interessato l’Italia nel corso degli ultimi de- cenni, in relazione anche a interventi attuati a livello internazionale ed europeo, rientra la creazione dei Centri per l’Innovazione e il Trasferimento Tecnologico. Le iniziative sia in Europa che in Ita- lia hanno visto le Regioni, in ragione della loro crescente autonomia istituzionale e del loro ruolo come sistemi locali di innovazione (Regional Innovation Systems), come soggetto intermediario qualificato per l’elaborazione e l’implementazione di politiche per il trasferimento tecnologico. ` L’obiettivo della tesi e quello di analizzare il Trentino secondo una prospettiva di Open Innova- tion. Per fare questo, nella prima parte della tesi si presenteranno i driver principali per lo sviluppo e l’innovazione di prodotti e servizi, e la cosiddetta open innovation, mentre nella seconda parte si analizzer` la struttura del sistema di ricerca e innovazione del Trentino. a Nella parte iniziale della tesi, viene delineata la situazione e le azioni intraprese a sostegno dell’innovazione, concentrando l’attenzione sulle difficolt` che le piccole e medie imprese devono a affrontare per poter sviluppare efficacemente processi innovativi. Vengono quindi analizzati due differenti modelli teorici per l’innovazione; il modello tradizionale e il modello ad innovazione aperta, quest’ultimo al centro di numerosi studi da parte dell’autore Henry Chesbrough, il quale ne x
  • 12. sottolinea le caratteristiche e i principali vantaggi derivanti dall’utilizzo di tale modello. L’inno- vazione di territorio pu` rappresentare l’anello di congiunzione tra l’approccio teorico dell’Open o Innovation e la sua reale attuazione e applicazione; alcuni esempi sono delineati nei Distretti re- gionali e nei Parchi Scientifici e Tecnologici. Attraverso l’ausilio di grafici e tabelle, in particolare sono risultate importanti alcune ricerche promosse dall’Ufficio Statistico delle Comunit` Europee a (Eurostat) e dall’Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT); vengono analizzate le situazioni presenti in Europa, Italia e Trentino, allo scopo di verificare e quindi di misurare il livello d’innovazione presenti nei vari territori, attraverso indicatori quali per esempio la spesa per la ricerca e sviluppo in relazione al PIL e la percentuale di brevetti per regione. L’Italia, all’interno del contesto europeo, assume un ruolo secondario per quanto riguarda l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Dopo un’analisi teorica del modello ad innovazione aperta, l’elaborato prosegue con l’intro- duzione dei sistemi regionali d’innovazione, in inglese Regional Innovation Systems. La loro im- ` portanza risiede nel fatto che al loro interno e possibile creare dei collegamenti tra i diversi attori, per esempio Centri di Ricerca e Universit` , e dove soprattutto le piccole e medie imprese possono a ` collaborare tra loro e quindi dove e possibile creare innovazione. Tra gli autori di spicco interessati ai sistemi regionali di innovazione, troviamo i lavori di Philippe Cooke. Il documento prosegue infine con l’analisi della Provincia Autonoma di Trento. I Piani di sviluppo provinciale e gli attori presenti sul territorio ci aiutano a capire se all’interno di una a o ` realt` , come pu` essere in questo caso quella del Trentino, e possibile implementare un modello d’innovazione aperta, dove caratteristiche come la collaborazione e la condivisione permettono l’acquisizione e lo scambio di conoscenza tra i diversi attori del sistema. xi
  • 13. xii
  • 14. Capitolo 1 L’innovazione Le sfide dell’attuale congiuntura economica pongono al centro il tema della ricerca e innova- zione; secondo l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), esse contribuiscono a creare occupazione, offrire prosperit` e a garantire la qualit` della vita. a a Tra le priorit` dell’Unione europea, la politica di ricerca e sviluppo e la competitivit` assumono a a un ruolo delicato all’interno delle strategie comunitarie (OECD, 2008). Nelle pagine del manua- le “OECD Information Technology Outlook“, la ricerca, insieme all’istruzione e all’innovazione, costituiscono il “triangolo della conoscenza“ che deve consentire all’Europa di preservare il suo dinamismo economico e il proprio modello sociale. Si pu` citare, come esempio, il settimo pro- o gramma quadro di ricerca1 (2007-2013), il quale risponde ai bisogni di miglioramento delle spazio europeo2 relativo alla ricerca dell’industria e delle politiche europee e mira a porre la conoscenza al servizio del dinamismo economico e del progresso sociale e ambientale, nonch´ a favorire gli e investimenti nazionali per poter raggiungere l’obiettivo del 3% del PIL riferita alla spesa per la ricerca e sviluppo (Commissione delle Comunit` europee, 2005). a In tema d’innovazione, la letteratura fa necessario riferimento agli studi di Joseph Alois Schum- peter, noto economista austriaco della prima met` del 1900. Egli argu` che la crescita in un’econo- a ı mia di imprese private era dovuta ai profitti attesi dagli imprenditori. La prima fondamentale de- finizione introdotta da Schumpeter riguarda la distinzione tra invenzione, innovazione e diffusione (Shumpeter, 2002). 1 Istituiti nel 1994, i programmi quadro, di natura pluriennale, comprendono programmi specifici per settori diversi come le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, l’ambiente, la biotecnologia, l’energia (ivi compresa l’energia nucleare), i trasporti e la mobilit` dei ricercatori a 2 Lo spazio europeo della ricerca riunisce i vari mezzi di cui dispone la Comunit` per meglio coordinare le attivit` a a di ricerca e innovazione a livello degli Stati membri e dell’Unione europea 1
  • 15. 1. L’innovazione L’invenzione consiste nella messa a punto di una conoscenza a carattere prevalentemente scien- ` tifico, che e potenzialmente utile da un punto di vista economico. Per esempio si pu` parlare di o ` nuova idea, nuova scoperta scientifica o novit` tecnologica che non e stata ancora realizzata tec- a ` nicamente e materialmente. L’innovazione, invece, e un atto che pu` essere definito economico, e o consiste nella messa a punto di un nuovo modo di agire direttamente nel sistema economico. Da ` ` questo punto di vista, la distinzione e di tipo utilitaristico e motivazionale: l’invenzione e messa a punto da qualcuno che ha un interesse prevalente nella ricerca scientifica, l’innovazione parte dall’azione di qualcuno che ha uno scopo esclusivamente economico. Per esempio, l’innovazione pu` riguardare la progettazione, la realizzazione fisica e la commercializzazione dell’invenzione. o La terza definizione introdotta da Schumpeter riguarda la diffusione: la diffusione definisce l’arco di tempo nel corso del quale tutti i potenziali utilizzatori, siano essi consumatori finali o imprese che usano beni intermedi o beni capitali, acquistano un bene nuovo, o, quantomeno, considerano esplicitamente l’ipotesi di fare ricorso ad un bene nuovo. Essa quindi si riferisce alla rilevanza eco- nomica che l’innovazione acquista nel tempo nel sistema economico. Ad esempio, si pu` parlare o di diffusione come processo in cui l’innovazione viene imitata e adottata da altre imprese. Queste considerazioni sottintendono una seconda distinzione, ancor pi` impegnativa, tra scienza e tecno- u logia, laddove si definisce la prima come un insieme di conoscenze messe a punto con lo scopo ` di incrementare lo stock stesso di conoscenze. La tecnologia e invece definita come l’insieme di conoscenze utili nel processo di produzione e nell’uso del bene stesso (Shumpeter, 2002). Come tale la tecnologia consiste in pratiche e procedure che consentono di produrre e usare beni capaci di accrescere il vantaggio economico. In merito al tema dell’innovazione, l’autore Eric Von Hippel (2005), all’interno del libro De- mocratizing Innovation, introduce un nuovo “processo“ di innovazione, guidato dall’utente e in contrasto con quello tradizionale in cui prodotti e servizi sono sviluppati dalle case produttrici e secondo approcci chiusi e meccanismi di protezione come copyright, brevetti, Digital Rights Ma- nagement, utilizzati per evitare ai competitor di trarre vantaggio dalle innovazioni originali. Egli dimostra come gli utenti “lead“3 sappiano precedere la stessa azienda riguardo alle innovazioni delle tecnologie e ai trend del mercato; per questo motivo, essi rappresentano una risorsa preziosa per la ricerca e sviluppo, e vengono sempre pi` consultati dalle aziende all’avanguardia (prima, u non dopo aver sviluppato il prodotto) e integrati nei processi di progettazione. Quando l’autore afferma che l’innovazione si sta democratizzando, vuole asserire che gli utenti – sia consumatori individuali che imprese - stanno vedendo crescere la loro abilit` d’innovare per loro stessi. Gli a utenti che innovano possono sviluppare loro stessi quello che desiderano, piuttosto che affidarsi alle case produttrici che agiscono per loro, spesso in maniera imperfetta. Inoltre, gli utenti singoli non devono sviluppare tutto per conto loro, ma possono beneficiare delle innovazioni sviluppate e ` liberamente condivise da altri. Questo trend e visibile sia per quanto riguarda prodotti nel campo 3 condividono la propria conoscenza e partecipano allo sviluppo di nuovi prodotti/processi 2
  • 16. 1. L’innovazione 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese dell’informazione come software, sia per quanto riguarda prodotti fisici. Si pu` quindi affermare o che l’innovazione pu` essere rappresentata al centro di due poli differenti: da un lato si trova la o ricerca e sviluppo, che compete alla realizzazione del prodotto/servizio; dall’altra troviamo invece i “lead“ user, i quali collaborano invece all’idea del prodotto/servizio. Chi fa innovazione, intende quindi sviluppare nuove applicazioni di conoscenze maturate al suo interno o all’esterno al fine di migliorare l’efficacia e l’efficienza aziendale, in termini di in- cremento delle vendite o di razionalizzazione dei costi. Ci` significa immettere sul mercato nuovi o prodotti e servizi, rivedere i propri processi produttivi: in questo caso si parla di innovazione di prodotto e di processo. Joseph Schumpeter, nell’opera “The theory of economic development“ ha definito l’innova- zione di prodotto come “The introduction of a new good - that is, one with which consumers are not yet familiar – or a new quality of a good” e l’innovazione di processo come “The introduction of a new method of production, that is, one not yet tested by experience in the branch of mani- facture concerned. . . (or) a new way of handling a commodity commercially” (Shumpeter, 1982). ` L’innovazione di prodotto rappresenta una linfa vitale per le imprese ed e pertanto indispensabile per la sopravvivenza delle stesse nel medio e lungo termine (Shapiro e Varian, 1999). Da una parte, i consumatori hanno accesso ad un numero di informazioni sui prodotti considerevolmente pi` ampio rispetto al passato e questo li rende pi` sofisticati, informati e consapevoli nel momento u u dell’acquisto. Dall’altra parte, i prodotti stanno diventando meno differenziati perch´ le organizza- e zioni hanno gi` pronta e facilmente usufruibile la tecnologia necessaria per lanciare nuovi prodotti a rapidamente e con poche differenze in termini di qualit` rispetto ai concorrenti. Il processo che sta a alla base dello sviluppo di nuovi prodotti deve tenere in considerazione tre fattori fondamentali: ` 1. il grado in cui questo prodotto e nuovo; 2. l’opportunit` legata al rischio di sviluppo; a 3. l’incremento di costi che questo sviluppo pu` comportare. o 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese L’innovazione di processo richiede invece cambiamenti strutturali maggiori rispetto all’innovazio- ne di prodotto, visto che consentono una crescita dell’efficienza nella produzione di un prodotto o di un servizio. E’ necessario che la gestione dell’impresa avvenga attraverso un approccio sistemi- co di processi interrelati tra loro, volti al perseguimento di un fine comune aziendale. Un esempio 3
  • 17. 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese 1. L’innovazione di innovazione del processo risulta essere il concetto di Business Process Reengineering. Il Busi- ` ness Process Reengineering e un ripensamento globale e radicale dei processi aziendali finalizzato ad ottenere dei miglioramenti sostanziali in tutte le fasi del processo e nelle aree di performance: costi, qualit` , servizio e tempestivit` . In definitiva, l’innovazione di processo pu` elevare enorme- a a o mente le prestazioni aziendali avvalendosi di un approccio rivoluzionario teso a cogliere appieno le sinergie offerte dall’Information and Communication Technology e dalla gestione delle risorse umane (Valerio e Camussone, 2008). In un contesto economico caratterizzato dalla competizione globale, da mercati dinamici ed a` internazionalizzati, la principale sfida per la nostra societ` e innovare. Per poter essere competiti- vo, un’impresa, una regione, o un qualunque altro soggetto, deve risultare pi` efficace in termini u di ricerca e innovazione, di tecnologie dell’informazione e della comunicazione, di imprendito- rialit` , di concorrenza, di istruzione e formazione (OECD, 2009). Ne deriva che il percorso da a intraprendere riguarder` necessariamente diversi attori, quali gli imprenditori, i ricercatori, gli in- a segnanti, gli studenti, i lavoratori, i cittadini. L’innovazione risulta essere un processo complesso: l’innovazione costa, comporta dei rischi, legati per esempio a fallimenti e non sempre garantisce la possibilit` di difendere un vantaggio acquisito. Fino a pochi anni fa, la competitivit` era assicurata a a dalla presenza, sul territorio, di grandi imprese capaci di entrare nel business della produzione di massa e di accrescere rapidamente le proprie dimensioni, sulla scorta della riduzione dei costi e dei prezzi di prodotti standardizzati, associati a grandi o grandissimi volumi. Ora che la situazione ` a livello globale e fortemente mutata, con l’esplosione e lo sviluppo di nuove realt` , come per a esempio la Cina e i Paesi dell’est Europa, questa leadership sta venendo a mancare, con conse- guenze negative che ricadono innanzitutto sulle piccole e medie imprese e a cascata su tutte le altre (EUROSTAT, 2008). A supporto di tali considerazioni, i capi di Stato o di governo europei, in occasione del Con- siglio europeo di Lisbona4 (marzo 2000), hanno avviato una strategia detta “di Lisbona“ con lo scopo di fare dell’Unione europea (UE) l’economia pi` competitiva del mondo e di pervenire alla u piena occupazione entro il 2010 (George Gelauff and Arjan M. Lejour, 2006). Sviluppata nel corso di diversi Consigli europei successivi a quello di Lisbona, questa strategia ha fissato per l’Europa l’obiettivo di conseguire “l’economia della conoscenza pi` competitiva e pi` dinamica al mondo“. u u Si fonda su tre pilastri: • un pilastro economico che deve preparare la transizione verso un’economia competitiva, ` dinamica e fondata sulla conoscenza. L’accento e posto sulla necessit` di adattarsi conti- a nuamente alle evoluzioni della societ` dell’informazione e sulle iniziative da incoraggiare in a materia di ricerca e di sviluppo; 4 Raccomandazione 2005/601/CE del Consiglio relativa agli indirizzi di massima per le politiche economiche degli Stati membri. 4
  • 18. 1. L’innovazione 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese • un pilastro sociale che deve consentire di modernizzare il modello sociale europeo grazie all’investimento nelle risorse umane e alla lotta contro l’esclusione sociale. Gli Stati membri sono invitati a investire nell’istruzione e nella formazione e a condurre una politica attiva per l’occupazione onde agevolare il passaggio all’economia della conoscenza; • un pilastro ambientale aggiunto in occasione del Consiglio europeo di G¨ teborg nel giugno o 2001 e che attira l’attenzione sul fatto che la crescita economica va dissociata dall’utilizza- zione delle risorse naturali. Con riferimento al libro pubblicato dalla Commissione Europea dal titolo “The new Lisbon Strategy“, (George Gelauff and Arjan M. Lejour, 2006), si pu` dire che all’interno della strategia o le tecnologie ICT costituiscono fattori di produttivit` capaci di accrescere la produttivit` del lavoro a a e del capitale e quindi di fornire nelle varie attivit` economiche un maggior valore aggiunto a a parit` di fattori ed una migliore qualit` della vita per i consumatori. L’importanza dell’ICT per a a lo sviluppo dell’Europa, permette ai singoli Paesi di “affrontare“ la competitivit` dell’Europa, la a ` quale e la somma delle competitivit` dei singoli paesi, e di “lanciare“ la sfida a realt` emergenti a a ` come la Cina e la Corea. Essenziale e sottolineare che non bastano gli investimenti nell’ICT per aumentare la crescita, ma occorrono piuttosto politiche per la diffusione dell’ICT supportate da progetti di misure complementari per favorire l’uso dell’ICT (ad esempio per la formazione dei lavoratori). Gli obiettivi fondamentali, dettati dalla strategia di Lisbona, per il 2010 sono (George Gelauff and Arjan M. Lejour, 2006): • creare e consolidare un unico spazio informativo europeo, in grado di formare un mercato trasparente dell’economia digitale in cui possano entrare anche tutti i consumatori europei; • rafforzare l’innovazione e gli investimenti nella ricerca ICT; • promuovere l’inclusione, i pubblici servizi e la qualit` della vita mediante la societ` dell’in- a a formazione. ` All’interno della strategia di Lisbona, e possibile trovare una serie di proposte, strumenti, rivolti a favorire l’attuazione degli obiettivi proposti dall’Unione europea. Tra di esse, lo Small Business Act, un pacchetto di proposte per le microimprese e le piccole e medie imprese varato dalla Com- missione Europea con l’obiettivo di creare una corsia preferenziale per le PMI, mettendo le loro esigenze al primo posto della politica comunitaria ed evidenziando le principali sfide che interes- sano le PMI, proponendo nuove iniziative per rafforzare la loro capacit` di affermarsi sul mercato, a ` crescere e creare posti di lavoro (Commissione delle Comunit` europee, 2005). L’obiettivo e conti- a nuare a ridurre gli aiuti controversi alle imprese d’´ lite nazionali e che inducono a distorsioni della e 5
  • 19. 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese 1. L’innovazione concorrenza, sostenendo invece misure che contribuiscano concretamente a promuovere la crescita e la creazione di posti di lavoro. Dato che il potenziale maggiore per la creazione di nuovi posti di lavoro e la crescita risiede nelle PMI europee, le ditte pi` piccole saranno le prime a beneficiare di u questo approccio. Le microimprese, piccole e medie imprese (PMI) svolgono un ruolo centrale nell’economia eu- ropea. I mutamenti strutturali nell’economia negli ultimi vent’anni hanno dato opportunit` nuove a alle PMI che sono spesso imprese flessibili, adattabili e dinamiche. Rispetto alle grandi aziende, sono avvantaggiate nei mercati di nicchia, in quelli limitati geograficamente o nelle produzioni a bassi volumi o specializzate. Le PMI sono tra le pi` importanti fonti di competenze imprendito- u riali, d’innovazione e di occupazione; costituiscono il motore dell’economia europea e sono una fonte essenziale di lavoro, generando spirito imprenditoriale e innovazione nell’UE. Nell’Unione europea allargata composta da 255 paesi, circa 23 milioni di PMI forniscono intorno a 75 milioni di posti di lavoro e rappresentano il 99 per cento di tutte le imprese (EUROSTAT, 2008). Nonostante l’importanza che le PMI assumono all’interno dell’Unione europea, su di loro gra- ` vano oneri legislativi e amministrativi sproporzionati, la loro crescita e ostacolata dalla pressione crescente della concorrenza combinata con le imperfezioni del mercato, come per esempio per lo scarso accesso al credito, in particolare all’inizio della fase di avvio, alla ricerca, all’innovazione e alle reti e catene di fornitura (EUROSTAT, 2002). La limitatezza delle risorse pu` ridurre a sua o ` volta l’accesso alle nuove tecnologie o all’innovazione stessa. Il sostegno alle PMI e pertanto una delle priorit` della Commissione Europea per conseguire la crescita economica, la creazione di a posti di lavoro, la coesione economica e sociale e favorire la competitivit` . a Lo “Small Business Act“, come sostiene la comunicazione della Commissione delle Comu- nit` europee (2008), per l’Europa propone un partenariato tra l’UE e gli Stati membri allo scopo a di aiutare le PMI. Un complesso di dieci principi comuni dovrebbe guidare le politiche sia a li- vello comunitario sia a livello nazionale. Esso mira a migliorare l’approccio globale allo spirito imprenditoriale, al fine di ancorare irreversibilmente il principio “Pensare anzitutto in piccolo“ nei processi decisionali - dalla formulazione delle norme al pubblico servizio - e a promuovere la crescita delle PMI aiutandole ad affrontare i problemi che continuano a ostacolarne lo sviluppo. Il nome simbolico di “Act” dato all’iniziativa sottolinea la volont` di riconoscere il ruolo centra- a le delle PMI nell’economia europea e, per la prima volta, di attivare un quadro politico articolato, a livello UE e di singolo Stato membro, grazie a: • una serie di 10 principi per guidare la formulazione e l’attuazione delle politiche sia a livello 5 Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Li- tuania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria 6
  • 20. 1. L’innovazione 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese o` UE che degli Stati membri. Ci` e essenziale per creare un contesto omogeneo per le PMI in tutta l’UE e per migliorare la struttura amministrativa e giuridica, consentendo a queste imprese di sfruttare appieno il proprio potenziale di crescita e creazione di posti di lavoro; • un ambizioso pacchetto di nuovi provvedimenti concreti e di ampia portata tra cui quattro proposte di legge che traducono questi principi in azione sia a livello dell’UE che degli Stati membri; • una serie di nuove proposte legislative ispirate al principio “Pensare anzitutto in piccolo”, tra ` le quali e possibile citare il “regolamento sull’esenzione generale per categoria riguardo agli aiuti di Stato“6 e una direttiva sulle aliquote di IVA ridotte7 . Se si sposta l’attenzione al contesto nazionale, l’impresa italiana sta vivendo oggi un momento par- ticolarmente delicato. Congiuntura economica, globalizzazione dei mercati, concorrenza di Paesi emergenti, contesto fiscale difficile e un ridotto accesso al credito rendono estremamente fatico- si e incerti il futuro e la crescita di molte aziende italiane, impreparate ad affrontare un livello di competizione cos` elevato. Nel report “OECD Factbook 2009: Economic, Environmental and ı Social Statistics“ si pu` comprendere come l’Italia stia attraversando per l’appunto una fase di dif- o ficolt` . Nello specifico, per il caso italiano emerge la figura di un Paese che, seppure le statistiche a lo etichettino ancora come sesta economia mondiale, si colloca inaspettatamente solo alla ventesi- ma posizione nella graduatoria delle stime dei risultati del prodotto interno lordo (PIL) pro capite (OECD, 2009). Attraverso l’innovazione le aziende italiane possono quindi fare fronte alla concorrenza preser- a ` vando la marginalit` e i profitti, riducendo i costi e incrementando la produttivit` . E necessario, a quindi, che l’imprenditore intervenga per migliorare non solo i processi di produzione, ma anche tutti i processi di gestione dell’azienda, cui l’innovazione pu` offrire un contributo enorme in ter- o mini di maggiore integrazione, maggiore efficienza e flessibilit` , minori costi e, di conseguenza, a recupero e incremento del profitto. Nel dettaglio, la figura 1.1 individua cinque principali esigenze alle quali le aziende devono fare riferimento in maniera tale da contribuire in modo positivo alla gestione del proprio business aziendale (Shapiro e Varian, 1999). Nello specifico, sviluppare Know-how per: • la necessit` di incrementare il business a 6 tale regolamento (General Block Exemption Regulation on State Aids - GBER) esenter` dalla notifica preventiva a alcune categorie di aiuti di Stato, gi` affrontate da regolamenti vigenti, nel campo degli aiuti alle PMI, alla formazione a professionale, all’occupazione e alla R&S nonch´ degli aiuti regionali e, forse, anche di nuove categorie di aiuti. Il e nuovo regolamento semplificher` e armonizzer` le attuali norme sulle PMI e aumenter` l’intensit` degli aiuti agli a a a a investimenti destinati a queste imprese 7 tale direttiva offrir` agli Stati membri la possibilit` di applicare aliquote di IVA ridotte, soprattutto per servizi a a locali, forniti principalmente da PMI 7
  • 21. 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese 1. L’innovazione • la necessit` di migliorare la produttivit` a a • la necessit` di ridurre i costi a • la necessit` di proteggere i dati e la propriet` intellettuale a a • la necessit` di accedere agli strumenti di credito e ai finanziamenti a Figura 1.1: Le esigenze nel dettaglio (Shapiro e Varian, 1999) Parallelamente al periodo di crisi, la pervasivit` delle telecomunicazioni ha assunto notevole a a ` dimensioni. In questo caso, il termine “pervasivit` “ e riferita in prima istanza al fatto che le tec- nologie dell’informazione sono presenti in molti momenti della vita quotidiana. Tali tecnologie ed apparecchiature tecniche permettono di abbattere i costi e di conseguenza i prezzi, rendendo la comunicazione utilizzabile in molti settori (Confindustria, 2009). Da un lato quindi la contrazione dei prezzi fa contrarre il business, dall’altro l’estensione del business ad altri ambiti apre nuove ` opportunit` . Si tratta di settori in cui e difficile pensare di presidiare l’intera catena del valore, a dall’ideazione alla commercializzazione, di un nuovo prodotto/servizio, mentre sembrano pi` op- u portuni approcci collaborativi che sfruttino i punti di forza specifici di ogni attore. Il quadro di riferimento quindi si fa pi` complesso e, in risposta a questo maggiore grado di complessit` , anche u a la R&S deve evolvere. 8
  • 22. 1. L’innovazione 1.1 Azioni europee a supporto dell’innovazione e delle piccole e medie imprese ` Nella letteratura economica il ruolo degli investimenti in ricerca e sviluppo e generalmente ri- conosciuto come molto rilevante. Secondo il OECD (2002), si intende “il lavoro creativo condotto su base sistematica per l’aumento del patrimonio di conoscenze scientifiche e tecniche e per l’uti- lizzo di questo patrimonio di conoscenze nella realizzazione di nuove applicazioni“. Non esistono per` metodi univoci per quantificare l’entit` degli effetti degli investimenti in ricerca e sviluppo. o a La complessit` deriva in primo luogo dal fatto che il modello tradizionale del processo innova- a tivo, di tipo lineare, ricerca di base - ricerca applicata - innovazione, non tiene conto delle forti interazioni che avvengono tra le diversi fasi. Tuttavia emergono dagli studi pi` recenti, valuta- u zioni convergenti circa l’effetto positivo degli investimenti in conoscenza (istruzione, formazione e Ricerca e sviluppo (R&S)) sulla competitivit` e sulla crescita nelle economie industrializzate. a L’investimento in Ricerca e sviluppo rappresenta un asset cruciale in tutti i settori ad alto impatto tecnologico: per questo molte aziende nel mondo hanno un loro centro di ricerca e considerano l’innovazione un fattore critico di successo per l’affermazione del proprio ruolo sul mercato. Si ` pu` affermare che il settore ricerca e sviluppo e divenuto uno strumento per individuare i punti o di forza e di debolezza relativi alle tecnologie e quindi a fornire indicazioni su come superarne i problemi relativi al loro uso e sfruttamento; una “strategia“ che permette alle aziende di “pensare“ al di fuori degli schemi ordinari, il che vuol dire creare innovazione e concentrare i propri sforzi nella creazione di nuovi prodotti e servizi. ` L’obiettivo quindi di una ricerca orientata all’innovazione e quello di individuare con forte an- ticipo le opportunit` offerte dalle nuove tecnologie, la possibilit` di controllare gli sviluppi verso a a gli interessi specifici dell’azienda, e mitigare le minacce legate al possibile cambiamento dell’am- biente di riferimento, mettendo l’impresa nella condizione di posizionarsi nel ruolo ritenuto di maggiore vantaggio sui mercati di riferimento e supportare il conseguente investimento strategico ` (Shumpeter, 2002). L’oggetto delle attivit` di ricerca e sviluppo, fondamentalmente, e orientato a: a • identificare i punti chiave per lo sviluppo dei sistemi nel settore ICT; • creare nuove opportunit` di business in differenti mercati grazie ai risultati ottenuti dalla a ricerca e sviluppo e all’introduzione di processi/prodotti innovativi; 9
  • 23. 1.2 Piccole e medie imprese 1. L’innovazione 1.2 Piccole e medie imprese Le microimprese e le piccole e medie imprese8 rappresentano oggi pi` del 99 per cento9 (fig. u 1.2) delle imprese, forniscono il 60-70 per cento dell’occupazione e generano una larga parte dei nuovi posti di lavoro nelle economie dei paesi dell’OCSE, contribuendo in maniera sostanziale al raggiungimento degli obiettivi comunitari di aumento della crescita dei posti di lavoro. Il valore ` delle PMI per un’Europa economicamente competitiva, pertanto, e sconfinato. La definizione ufficiale che l’UE d` delle microimprese e piccole e medie imprese, (Commissione delle Comunit` a a europee, 2001), si basa sul numero di dipendenti (inferiore a 250) e sul fatto che sono indipendenti dalle aziende pi` grandi. Inoltre, il loro fatturato annuo non pu` superare i 50 milioni di euro e u o il loro bilancio patrimoniale annuale non pu` oltrepassare i 43 milioni di euro. Tale definizione e o ` fondamentale per stabilire quali aziende possono beneficiare dei programmi UE rivolti alle PMI e di determinate politiche, ad esempio in materia di regole di concorrenza proprie alle PMI. Figura 1.2: Ripartizione per classe di ampiezza dell’impresa, anno 2003 (EUROSTAT, 2008) La nuova raccomandazione della Commissione delle Comunit` europee relativa alla definizio- a ne delle microimprese e piccole e medie imprese, 2001, sancisce delle nuove soglie per identificare univocamente tali categorie d’imprese. Come si osserva dalla figura 1.3, i parametri di riferimento sono il numero di addetti effettivi all’interno dell’azienda, il fatturato annuo e il totale di bilancio 8 secondo l’articolo 1 della Commissione delle Comunit` europee, (2001), “si considera impresa ogni entit` che, a a indipendentemente dalla sua forma giuridica, eserciti un’attivit` economica. In particolare sono considerate tali le a entit` che esercitino un’attivit` artigianale o altre attivit` a titolo individuale o familiare, le societ` di persone o le a a a a associazioni che esercitino un’attivit` economica“ a 9 91,50% microimprese, 7,30% piccole imprese e 1,10% medio imprese 10
  • 24. 1. L’innovazione 1.2 Piccole e medie imprese annuo. Mentre risulta obbligatorio il rispetto della soglia relativa al numero di addetti, una PMI pu` scegliere di rispettare il criterio del fatturato o il criterio del totale di bilancio. In questo modo o si garantisce che le microimprese e le piccole e medie imprese attive in diversi settori di attivit` a 10 economica siano trattate in modo equo . Dalla figura 1.3 si possono distinguere tre categorie di PMI a secondo della loro dimensione: le microimprese hanno meno di 10 dipendenti, le piccole imprese contano da 10 a 49 dipendenti e le medie imprese hanno da 50 a 249 dipendenti. La stra- o ` grande maggioranza delle PMI europee, per` , e molto pi` piccola: questo significa che reperire u ` risorse, siano esse finanziarie, cognitive o tecniche, e spesso un compito arduo. Le grandi aziende possono permettersi di mantenere dipartimenti interi per stare al passo con gli ultimi sviluppi tec- nologici, tenere d’occhio la concorrenza, attirare finanziamenti e dipendenti qualificati assicurando l’ottemperanza di tutte le norme pertinenti. Nelle PMI, invece, questo genere di compiti pu` rien- o trare tra le infinite mansioni di un unico dipendente o addirittura essere completamente tralasciato. Figura 1.3: Le soglie per la piccola e media impresa (Commissione delle Comunit` europee, 2001) a Le PMI hanno un ruolo importantissimo nella crescita economica dei peasi dell’OCSE, in quanto creatrici di gran parte dei nuovi posti di lavoro (fig. 1.4). Mentre da un lato le grandi ` imprese riducono e subappaltano varie attivit` , dall’altro il peso delle PMI nell’economia e in a 10 per esempio, il fatturato delle imprese commerciali risulta essere pi` alto rispetto a quelle del settore manifatturiero u 11
  • 25. 1.3 Elementi critici per l’innovazione 1. L’innovazione continua crescita. Le PMI predominano nell’importante branca dei servizi strategici alla imprese, inclusi quelli dei software e dell’elaborazione di informazioni, della ricerca e dello sviluppo, del marketing, della gestione aziendale, e delle risorse umane. La tendenza crescente delle maggiori industrie manifatturiere a subappaltare alcune attivit` , unita all’introduzione di nuove tecnologie a che hanno permesso alle PMI di guadagnare nuove fette di mercato, ha condotto, in questi ultimi anni, a una crescita annuale del 10% dei servizi ad alto contenuto di conoscenza. Secondo alcuni dati statistici (EUROSTAT, 2002), circa il 30-60% delle microimprese e piccole e medie imprese appartenenti all’area OCSE sono definite innovative in senso lato. Sebbene, rispetto alla grandi imprese, dispongano di minori mezzi per la ricerca e sviluppo, possiedono maggiori mezzi di innovazione, quali ad esempio la creazione e il ridisegno (reengineering) di prodotti o servizi capaci di rispondere alle esigenze di nuovi mercati, di nuovi approcci organizzativi per accrescere la produttivit` , o lo sviluppo di nuove tecniche per aumentare le vendite. a +,-./,01.232'(4"' !"#$%&' 5,1265267' *!#"%&' 8,--/92'(%4:"'5,1265267' +25,2';%4!:"'5,1265267' <.=65,'!;%>'5,1265267' !%#$%&' ($#)%&' Figura 1.4: Suddivisione del numero delle persone occupate per classe di ampiezza dell’impresa, anno 2003 (EUROSTAT, 2008) ` Da questo paragrafo e quindi intuibile l’apporto fondamentale che le PMI danno all’innova- zione, sia come uno degli attori principali, sia come motore centrale per la promozione e la ri- definizione di prodotti e processi. Inoltre, da tenere ben presente la sua realt` ampiamente diffusa a all’interno dei mercati. 1.3 Elementi critici per l’innovazione L’economia globale, ed in particolare il settore delle PMI, evidenzia specifici punti di forza e di debolezza che richiedono l’attuazione di adeguate politiche. Con l’avvento delle nuove tecnologie 12
  • 26. 1. L’innovazione 1.3 Elementi critici per l’innovazione ` e della globalizzazione si e ridotta l’importanza delle economie di scala in molte attivit` , mentre si a sono rafforzate le capacit` potenziali delle piccole imprese. Tuttavia, molti dei problemi tradizio- a nali ai quali le PMI devono far fronte – mancanza di finanziamenti, difficolt` di sfruttamento della a tecnologia, capacit` manageriali limitate, scarsa produttivit` , vincoli normativi – si aggravano in a a un sistema globalizzato e in un ambiente dominato dalla tecnologia e dall’innovazione. I principali punti di forza delle PMI sono (EUROSTAT, 2008): Tempi di reazione brevi: viste le dimensioni ridotte, le PMI sono in grado di cogliere un’idea, oltre che di svilupparla e realizzarla in tempi relativamente brevi. Una base di conoscenza solida e aperta a rispondere in maniera ottimale ai notevoli cambiamenti sia esterni che in- terni all’azienda stessa rende l’innovazione per l’appunto il driver principale per l’adozione di azioni e di policy in grado di proporre cambiamenti ottenendo piani industriali e strategici di successo, e di conseguenza limitando i problemi legati al rischio di fallimenti aziendali. Il lasso di tempo time-to-market rimane cos` breve. ı Iter decisionali diretti e brevi: le PMI sono solitamente dirette dai titolari e possono cos` contare ı su processi decisionali brevi, anche e soprattutto adottando un framework generale basato sull’innovazione all’interno delle aziende. Motivazione diretta: l’esperienza dimostra che il successo delle innovazioni dipende dal coinvol- gimento di persone motivate e influenti. Strutture vantaggiose: visti i costi overhead11 di produzione esigui, per lanciare le loro innova- zioni le microimprese e le piccole e medie imprese di solito devono sostenere costi pi` bassi u rispetto alle grandi imprese concorrenti. Orientamento ai clienti: le PMI sono tecnologicamente specializzate e fortemente incentrate sui propri acquirenti; questo fa s` che risultino pi` vicine ai clienti e che ne conoscano meglio le ı u esigenze. L’UE ha affrontato persistenti e ben note lacune del mercato che limitano l’accesso delle PMI al credito, alla ricerca, all’innovazione e alle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) e che ostacolano il loro sviluppo; tali attivit` hanno agito da incentivo. a I principali limiti allo sviluppo e all’innovazione delle PMI sono (Commissione delle Comunit` a europee, 2005): 11 detti anche costi indiretti di produzione, sono associabili all’attivit` produttiva nel suo complesso, ma non alla a singola unit` di prodotto; vengono suddivisi in costi indiretti fissi che non variano al variare della produzione (affitti, a assicurazione, ammortamenti) e costi indiretti variabili (manutenzione, controllo qualit` , supervisione, energia) a 13
  • 27. 1.3 Elementi critici per l’innovazione 1. L’innovazione Credito: le PMI sono accomunate da fattori limitativi quali la carenza di mezzi finanziari e un ` accesso limitato alle opportune fonti di finanziamento; il budget a disposizione e scarso; manca di conseguenza il fiato per realizzare innovazioni ad ampio raggio temporale. Accesso a ricerca e innovazione: le piccole imprese dispongono spesso di insufficienti collabo- ratori specializzati in grado di realizzare le innovazioni. Legislazione e regolamenti: le PMI ricevono insufficienti informazioni e le conoscenze metodi- che sono troppo frammentarie. Accesso ai network: le piccole imprese sono slegate dal resto delle altri imprese, soprattutto per mancanza di adeguati strumenti di ICT. ` Il credito e un aspetto decisivo per innovare, ma soprattutto, per creare, ampliare e sviluppare una PMI. La Commissione, Commissione delle Comunit` europee (2005), propone un aumento a significativo dell’attuale sostegno finanziario alle microimprese e le piccole e medie imprese in seno al programma quadro per la competitivit` e l’innovazione (CIP)12 . Per le PMI innovative e a a ` crescita rapida e pronto un nuovo strumento per capitali di rischio che ne stimoler` l’espansione, a creando ulteriori capacit` di prestito e opportunit` di finanziamenti. La Commissione presenter` a a a una comunicazione sul modello europeo di finanziamento della crescita per permettere maggiori sinergie tra gli Stati membri e la comunit` finanziaria, eliminare gli ostacoli residui al mercato a interno dei servizi finanziari e individuare efficienti ed efficaci forme di cooperazione tra pubblico e privato per superare le lacune del mercato. ` L’innovazione permanente e essenziale allo sviluppo durevole delle imprese. Tuttavia, nono- stante i loro importanti contributi all’innovazione, le PMI incontrano spesso difficolt` ad usare i ri- a sultati dell’innovazione e della ricerca e nel fare buon uso dei Diritti di propriet` intelletuale (DPI). a L’UE intende accrescere la capacit` di innovazione e di ricerca delle microimprese e piccole e a medie imprese e il volume del loro transfer tecnologico, riconoscendo che qualsiasi tipo di PMI pu` approfittare del progresso tecnologico. La Commissione cercher` quindi di incrementare la o a 12 Il Consiglio europeo di Lisbona di marzo 2000 ha fissato l’obiettivo di far diventare l’Europa l’economia pi` u competitiva e dinamica basata sulla conoscenza entro il 2010. Ponendo sempre e con forza la competitivit` al centro a dell’agenda politica europea, il processo di Lisbona, rafforzato, punta a rendere l’Europa un luogo dove convenga maggiormente investire, sostenendo l’iniziativa imprenditoriale e creando un ambiente produttivo in cui la capacit` di a ` innovazione possa crescere e svilupparsi. Al fine di centrare a pieno gli obiettivi di Lisbona, si e cercato con grande cu- ra di garantire coerenza e sinergie fra tutte le azioni realizzate a livello comunitario nel campo dell’innovazione e della competitivit` . A seguito delle raccomandazioni del Consiglio europeo di primavera 2003, la Commissione Europea ha a deciso di presentare una proposta per l’attuazione di un Programma quadro per la Competitivit` e l’Innovazione (CIP) a destinato a diventare la principale base giuridica che raggruppa tutte le azioni comunitarie nel campo dell’innovazione e della competitivit` . a 14
  • 28. 1. L’innovazione 1.3 Elementi critici per l’innovazione partecipazione dalle PMI in seno all’iniziativa Europa INNOVA13 e di sostenere le PMI nel campo specifico dei DPI attraverso le reti comunitarie di aiuto alle imprese. La Commissione Europea vuole inoltre intervenire nel campo legislativo, in maniera tale da semplificare regole e procedure al fine di promuovere la partecipazione delle PMI al 7◦ programma quadro14 e continuer` a controllare i progressi in questo campo. La Commissione incoragger` a a e faciliter` la partecipazione delle PMI ai progetti di cooperazione nell’ambito dei vari settori a tematici e alle azioni specifiche rivolte alle PMI e alle loro organizzazioni. Promuovere le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT), l’apprendimento elettronico, adeguati collegamenti e meccanismi di technology transfer15 e il commercio elettroni- co sono altrettanti elementi che migliorano i processi innovativi delle PMI e quindi ne aumentano la competitivit` . La Commissione continuer` a sostenere il collegamento tra i responsabili politici a a in questo campo attraverso la rete per PMI eBusiness Support Network16 , incoragger` ulteriormen- a te gli scambi e la diffusione di pratiche esemplari, sosterr` la formazione di consulenti per PMI e a stimoler` la cooperazione tra fornitori di ICT e PMI; tutto ci` permetter` un aumento del flusso di a o a informazioni, con un conseguente incremento delle idee e delle pratiche a favore dell’innovazione. Il CIP finanzier` dal canto suo l’applicazione di soluzioni ICT a favore delle PMI. a Queste iniziative, seppur importanti e fondamentali per un sostegno concreto allo sviluppo e alla competitivit` delle piccole e medie imprese, affrontano un ulteriore problema, legato alla a mancanza e quindi alla necessit` , da parte delle PMI17 , di collaboratori specializzati in grado di a contribuire attivamente alla creazione di innovazioni. Risulta essere un presupposto chiave per le imprese che vogliono creare e alimentare i propri centri di ricerca e sviluppo, la disponibilit`a ad inserire al proprio interno persone qualificate, disponibili a condividere le loro conoscenze ed a o ` abilit` . Tale meccanismo pu` sembrare certamente complicato; alle imprese non e sufficiente ac- quisire know-how esterno. Se questo non viene correttamente “metabolizzato“ e inserito all’interno dell’azienda stessa, diventer` una risorsa inutile, poich´ mal sfruttata, e al tempo stesso dannosa, a e 13 ` Europa INNOVA e un’iniziativa per i professionisti sostenuta dalla Commissione Europea nell’ambito del Sesto programma quadro. Gli obiettivi fondamentali dell’iniziativa rientrano nell’orientamento politico della priorit` del a 6PQ “Strutturare lo spazio europeo della ricerca”. Pi` specificamente, Europa INNOVA aspira ad informare, assistere, u mobilitare e collegare in rete le parti interessate al settore delle innovazioni imprenditoriali come i cittadini europei, i dirigenti d’azienda, i decisori politici, i responsabili dei cluster, gli investitori e le associazioni interessate. 14 ` Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo tecnologico e il programma di ricerca UE per il periodo dal 2007 al 2013 e il programma di ricerca a finanziamento pubblico singolo pi` grande al mondo. Il 7◦ programma u ` quadro e progettato per contribuire alla strategia dell’Unione europea per la crescita, l’occupazione e la qualit` della a vita. 15 processo mediante il quale tecnologia, conoscenza, e/o informazione sviluppata in un’organizzazione, in un’area, ` o per un preciso obiettivo, e applicata ed utilizzata in un altra organizzazione, area o per un altro obiettivo (International Association of Science and Technology Parks, 2008) 16 la Commissione Europea ha messo a disposizione delle imprese un nuovo strumento online per l’autodiagnosi delle competenze di eBusiness e delle proprie specifiche esigenze ICT 17 si osservi le considerazioni effettuate sui problemi delle PMI 15
  • 29. 1.4 Alcuni modelli teorici per l’innovazione 1. L’innovazione perch´ l’utilizzo di collaboratori esterni richiede costi aggiuntivi. Ci` che le imprese devono at- e o ` tuare, e il ricorso ad un framework teorico capace di alimentare e di sostenere le proprie capacit` a di innovare; un modello, implementato a livello aziendale e con caratteristiche di territorialit` , pu` a o rappresentare una soluzione importante. Si parla di “territorio“ come un possibile livello di intera- zione tra i vari attori, dove la prossimit` , la vicinanza, uniti ad un modello di innovazione aperto a presente in azienda, possono costituire le chiavi di successo per le piccole e medie imprese impe- gnate in un contesto dove innovare, all’interno di un contesto gi` ripetuto pi` volte all’interno di a u questo paragrafo, risulta essere sinonimo di successo. 1.4 Alcuni modelli teorici per l’innovazione I modelli teorici rappresentano strumenti attraverso cui indagare la cultura dell’innovazione esi- stente nelle imprese; si trasformano le idee innovative in veri e propri strumenti concreti. 1.4.1 Closed Innovation Fino agli inizi degli anni ’90, i processi di sviluppo e di creazione di nuovi prodotti/processi av- venivano per la maggior parte delle volte all’interno dei confini aziendali (fig.1.5). Nel modello Figura 1.5: Closed Innovation (Chesbrough, 2003) tradizionale di closed innovation il laboratorio di ricerca conduce le attivit` al proprio interno, a riducendo al minimo gli scambi di know-how e soluzioni, o il partnering con soggetti esterni. No- nostante i successi e i traguardi raggiunti attraverso l’uso di questo modello, una serie di fattori ne minarono le basi. Il pi` importante riguarda il considerevole aumento della quantit` di cono- u a scenza presente al di fuori delle varie aziende, conseguenza di un incremento di specializzazione 16
  • 30. 1. L’innovazione 1.4 Alcuni modelli teorici per l’innovazione e di scolarizzazione avvenuta tra i lavoratori. In aggiunta a questo, quando un dipendente veniva lincenziato, o pi` semplicemente cambiava lavoro, la propria knowldege veniva persa e quindi tra- u sferita ad un’altra azienda. Il secondo fattore di rilevante importanza riguarda il sorgere di venture capital, spin-offs, le quali permettevano un ulteriore incremento dello sviluppo di nuovi prodotti e processi all’esterno dell’azienda, e una condivisione ed uso delle idee migliore. Il risultato di questi cambiamenti fu che le aziende iniziarono a studiare altre vie per incrementare l’efficienza dei propri processi produttivi; per esempio, iniziarono ad effettuare ricerche all’esterno dei propri confini aziendali per individuare nuove idee e tecnologie ma soprattutto capirono che la collabora- zione con fornitori e concorrenti poteva portare dei vantaggi per quanto riguarda il valore percepito ` dal cliente. Risulta quindi chiaro, che l’innovazione e un fattore che non pu` essere gestito in ma- o niera interna ed isolata: oggi sviluppare nuovi prodotti o processi significa dover gestire tutta la catena del valore: dai fornitori, ai clienti, dagli esperti di tecnologia a quelli di brevetti, ai fornitori di conoscenze e di know-how specifico. 1.4.2 Open Innovation Il termine innovazione aperta (Open Innovation in letteratura) si riferisce ad un nuovo processo che si sta affermando quale modello innovativo per le attivit` di ricerca e sviluppo. Esso si contrappone a al modello tradizionale detto innovazione chiusa (Closed Innovation). Il paradigma dell’innova- zione aperta induce ad un cambio significativo di prospettiva che stravolge il tradizionale modo di “fare innovazione”: si passa dalla ricerca e sviluppo svolta internamente all’azienda e solo da sog- getti interni alla connessione e sviluppo, che si fonda proprio sul coinvolgimento di attori esterni nelle attivit` di innovazione (fig.1.6). Grazie al modello di innovazione aperta, secondo Chesbrou- a Figura 1.6: Open Innovation (Chesbrough, 2003) ` gh (2003), e possibile avere all’interno dell’azienda un incremento di conoscenza, perch´ sempre e 17
  • 31. 1.5 L’innovazione del territorio 1. L’innovazione u u u ` pi` fondata sulla conoscenza esterna all’azienda pi` ricca e pi` varia. Ed e proprio quest’ultimo aspetto il pilastro su cui si fonda il paradigma dell’innovazione aperta. Esso consiste nel coinvol- gere nelle attivit` di ricerca e sviluppo attori esterni all’azienda, quali universit` e centri di ricerca, a a clienti, fornitori, consulenti, ecc., attori che raramente in passato venivano coinvolti, ma che pos- sono giocare un ruolo importante nelle attivit` di innovazione. All’interno dell’azienda si svolge il a compito non facile di connessione della conoscenza che quindi viene internalizzata e ricombinata. ` L’innovazione aperta e il paradigma dell’apertura nel senso pi` ampio del termine rivolto anche u alla realizzazione condivisa e partecipata dell’innovazione con attori esterni. Il nuovo modo di svolgere le attivit` di ricerca e sviluppo interessa tanto le piccole aziende quanto le grandi perch´ a e ` e vitale per entrambe ridurre i tempi e i costi di un investimento tecnologico in un ambiente che si evolve con una rapidit` tale che risulta difficile da seguire contando solo sulle forze interne all’a- a zienda. In pi` molto spesso l’innovazione richiede l’utilizzo di tecnologie riferite a diversi campi u della scienza e richiede anche l’integrazione di conoscenze diverse e specialistiche. Secondo diversi autori, Chesbrough e altri (2006); Chesbrough (2003), gli effetti osservati grazie all’utilizzo di un modello di innovazione aperta sono stati quelli di: • consentire un’unione tra il modello imprenditoriale e quello accademico; • permettere un ampliamento del know-how personale e di quello aziendale; • trovare soluzioni innovative attraverso investimenti a rischio nullo; • sfruttare conoscenze esterne a disposizione; • permettere l’implementazione di una strada verso la risoluzione di problemi nell’ambito della R&S. 1.5 L’innovazione del territorio Il processo di sviluppo socio-economico di un territorio e la sua competitivit` dimostrano di di- a pendere sempre meno da fattori tradizionali quali la disponibilit` di materie prime, il capitale a e il lavoro, mentre sempre pi` forte diventa l’influenza dei fattori connessi con l’introduzione di u innovazioni nei sistemi produttivi, nei servizi e in generale nella societ` . La globalizzazione dell’e- a conomia e l’avvento delle nuove tecnologie stanno anche rendendo meno determinanti altri fattori come la posizione geografica e la tradizione commerciale, ampliando cos` il fronte della concor- ı renza, che diventa internazionale, e la competizione, che richiede ancora innovazione. L’elemento chiave del successo competitivo di un Paese, ossia la capacit` di controllare ed indirizzare l’in- a ` u ` novazione tecnologica, non e pi` raggiungibile dalla singola impresa, ma e, in misura sempre pi` u 18
  • 32. 1. L’innovazione 1.5 L’innovazione del territorio ` crescente, il prodotto di quella che e stata definita “esternalit` del sistema”, ossia lo sforzo con- a giunto e mirato di tutti gli operatori economici, istituzionali e culturali di un’area (Sancin, 2005). ` Il tessuto industriale e caratterizzato prevalentemente da piccole e medie imprese, che non sono in grado di finanziare divisioni di ricerca e sviluppo, ma che, allo stesso tempo, per sopravvivere nel mercato globale, necessitano di una certa capacit` di sviluppo tecnologico. Ecco quindi che a il paradigma della connessione e sviluppo risulta fondamentale per le aziende del territorio regio- nale, poich´ si pongono le basi per un processo di innovazione attraverso un’integrazione tra la e produzione di conoscenza esterna e la ricezione della stessa da parte delle imprese, permettendo in tal modo la diffusione di conoscenza organizzata. Questo paragrafo affronta il tema dalla radice, mettendo in evidenza come il processo di svilup- po socio-economico di un territorio e la sua competitivit` dimostrino di dipendere sempre meno dai a fattori tradizionali (materie prime, capitale e lavoro) e sempre di pi` dall’innovazione che diventa il u fattore chiave o, come viene definito dall’autore, il vero motore dello sviluppo. Importante appare individuare anche alcune ricadute indirette che riguardano l’incremento di attivit` produttive sul a territorio, la creazione di nuove imprese, lo sviluppo del livello scientifico e culturale e l’aumento dell’attrattivit` e della visibilit` della citt` e di una pi` vasta area territoriale e, pi` in generale, a a a u u un contributo all’aumento della qualit` della vita. In quest’ambito, due esempi possono aiutare a a capire l’importanza del territorio, locale o globale che sia, come fulcro per le attivit` connesse a all’innovazione e chiaramente alla ricerca e sviluppo. 1.5.1 I Distretti Secondo alcuni autori, tra cui citiamo Pier Carlo Palermo, (Palermo, 2004), le nuove vie all’in- ternazionalizzazione, alla globalizzazione dei mercati e alla ricerca, cambiano le configurazioni aziendali dello spazio economico e organizzativo. A seguito di questi cambiamenti, le nuove re- lazioni che si intrecciano tra ambiente interno all’impresa e ambiente esterno portano anche alla trasformazione del territorio di localizzazione, nel senso di fargli svolgere funzioni di cerniera e di raccordo tra spazio economico e spazio organizzativo. Il distretto industriale pu` essere considera- o ` to il primo stadio di questo processo di valorizzazione territoriale. Un’area-distretto e caratterizzata da un insieme di piccole e medie imprese, generalmente (ma non sempre) specializzate per fasi di lavorazione, che operano in un rapporto di cooperazione reciproca e sinergia, ma anche di concor- renza condividendo aspetti culturali, professionalit` , etiche comportamentali e regole del gioco. Il a luogo preciso dove tali piccole e medie imprese andranno a localizzarsi dipender` da molti fattori a ` e contingenze storiche, ma un requisito, quasi ovvio, e che le regioni geografiche in cui emergono distretti devono fornire quelle strutture in grado di sostenere la costruzione e la riproduzione delle reti che, cambiando rapidamente, svolgono le svariate competenze che il distretto richiede. Da 19
  • 33. 1.5 L’innovazione del territorio 1. L’innovazione esse derivano strutture organizzative tipiche di aree territoriali innovative, quali i centri di collega- mento industriale e trasferimento tecnologico, gli incubatori di nuove imprese e i centri di impresa e innovazione. Queste strutture, a loro volta, elevano il grado di funzionalit` di un territorio che a raggiunge lo stadio pi` maturo della sua valorizzazione con la presenza di poli tecnologici e Parchi u ` scientifici. In tutte si e man mano evidenziata la forte connotazione di organizzazioni aperte alla reciproca relazione con il territorio circostante (connessione della citt` con le imprese e le univer- a sit` insediate) ma, al tempo stesso, la capacit` di superare i confini territoriali tramite relazioni con a a soggetti non presenti nello spazio limitrofo. Due esempi: all’interno della Silicon Valley sono state sviluppate un insieme di pratiche tra loro coerenti che permettono agli ingegneri di parlare di lavoro con persone che hanno ruoli simili in imprese diverse, fornendo la base per lo sviluppo di relazioni generative a livello individuale i cui benefici affluiscono anche alle imprese per cui lavorano. In Emilia, la CNA (Confederazione Nazionale dell’Artigianato) spesso organizza riunioni in cui gli imprenditori possono venire a conoscenza gli uni dagli altri di nuovi mercati e di opportunit` per a ` nuovi prodotti; man mano che questa organizzazione e cresciuta e che le competenze produttive rappresentate in Emilia si sono moltiplicate, i suoi amministratori si sono trasformati in broker, in grado di mettere assieme imprenditori le cui competenze possono essere combinate per produrre. 1.5.2 I Parchi Scientifici e Tecnologici I Parchi Scientifici e Tecnologici (PST) possono rappresentare una forma evoluta di interazione tra realt` accademiche ed economico-sociali. Spesso si presentano come sistemi innovativi, che a offrono servizi reali in favore di istituzioni di ricerca e imprese, per favorire lo sviluppo dell’in- novazione e in genere la competitivit` di un territorio. Come sottolinea e descrive Paolo Sancin, a autore del documento “R&S, innovazione tecnologica e sviluppo del territorio: il ruolo dei Par- ` chi scientifici“, uno degli scopi principali dei parchi scientifici e quello relativo alla promozione o riconversione di un territorio (i Parchi come politiche di sviluppo economico-sociale dei territori attraverso la prevalente, ma non esclusiva utilizzazione dell’innovazione scientifica e tecnologi- ca): attrarre imprese innovative, sostenere e sviluppare imprese locali, valorizzazione immobiliare, sviluppo urbanistico, ecc. Lo sviluppo di un’area territoriale esige un’accelerazione dei processi di diffusione di innovazione e la ricerca di modalit` di organizzazione dei canali per la mobilit` a a della conoscenza e delle tecnologie nel territorio. Il PST pu` rappresentare un’efficace soluzio- o ne potenziale al problema, se si caratterizza come Sistema di cooperazione organizzata fra una pluralit` eterogenea di soggetti per promuovere e diffondere nuove attivit` e nuove imprese sul a a territorio, ovvero come referente di mercato nell’accesso/utilizzo di tecnologia e di servizi di tutti gli altri attori/soggetti coinvolti nel processo innovativo, quali: Universit` , Organismi di ricerca, a Imprese (locali, nazionali, internazionali), Istituzioni di Governo (locale, nazionale), Istituti finan- ziari, contesto territoriale (Sancin, 2005). In questa ottica il PST pu` essere caratterizzato come o 20
  • 34. 1. L’innovazione 1.6 Il contesto europeo e nazionale Sistema innovativo territoriale, interpretabile come l’insieme organizzato dei soggetti e dei pro- cessi concorrenti ad organizzare sul territorio flussi innovativi a sostegno della competitivit` delle a imprese e dello sviluppo dei sistemi territoriali. Dalla sinergia tra PST e territorio possono crearsi presupposti, fattori e risorse necessarie affinch´ un’area locale possa raggiungere uno status com- e petitivo, sostenibile in termini socio-economici, mediante l’attivazione di processi di diffusione e trasferimento tecnologico. I cambiamenti attesi dai PST e conseguentemente le caratteristiche dello sviluppo territoriale sono di natura rilevante, pervasiva e radicale (nuovi prodotti e processi, ma anche nuovi contesti strutturali, nuove regole, valori, comportamenti ecc.), cio` vere e pro- e prie morfogenesi territoriali. Essi agiscono principalmente a favore del territorio con lo scopo di accrescerne le potenzialit` di sviluppo. a 1.6 Il contesto europeo e nazionale Nella societ` attuale, le tecnologie dell’informazione e della comunicazione entrano in gioco per a aiutare le varie imprese ad innovare, costituendo di fatto un fattore strategico per l’impresa: infatti, esse costituiscono uno strumento fondamentale di supporto per qualsiasi strategia d’innovazione di prodotto o di processo (Eurostat, 2007). Dopo aver affrontato le scelte strategiche di base (quan- do, come e che tipo di innovazione implementare) e aver conseguentemente strutturato gli assetti organizzativi interni, l’imprenditore si trova di fronte alla necessit` di dotarsi di sistemi di gestione a e reporting nonch´ di architetture tecnologiche di sostegno ai processi innovativi. In senso ancora e pi` ampio, un corretto governo delle tecnologie ICT costituisce, di per s´ , uno degli elementi pi` u e u significativi della cos` detta “innovazione organizzativa”. La pervasivit` di queste tecnologie al- ı a l’interno di ogni area e funzione aziendale rende sempre pi` necessaria una corretta pianificazione u e gestione dei sistemi informativi. Se fino a qualche decennio fa l’impatto dell’ICT in azienda si limitava alle aree di gestione amministrativa e finanziaria, oggi, per esempio, le piattaforme in- tegrate (ERP), i sistemi di supporto alle decisioni, gli applicativi per la gestione della Customer Relationship Management (CRM) e i sistemi di pianificazione e gestione della produzione, ren- dono le leve di gestione di queste tecnologie imprescindibilmente legate ad ogni scelta di assetto organizzativo. Utilizzare correttamente le tecnologie dell’informazione e della comunicazione equivale dun- que a fare scelte di innovazione organizzativa e gestionale. Se poi si riflette sul fatto che, sempre pi` spesso, nuove soluzioni ICT possono comportare non solo il miglioramento incrementale di u ` prodotti o servizi esistenti ma l’apertura di nuovi mercati e nuovi modelli di business, e chiaro che l’impatto dirompente sull’innovazione di queste tecnologie si manifesta in tutti i suoi effetti. Nonostante il mercato dell’ICT negli ultimi anni abbia attraversato un momento di crisi contin- 21
  • 35. 1.6 Il contesto europeo e nazionale 1. L’innovazione gente, secondo le stime dell’European Information Technology Observatory (EITO), una delle pi` u ` autorevoli organizzazioni che monitorano l’evoluzione del settore, a partire dal 2004 e iniziata una nuova fase di crescita significativa. La ripresa del settore ICT costituisce un significativo driver per l’evoluzione economica dei Paesi europei che sapranno puntare decisamente su queste tecnologie: ` e infatti dimostrata una relazione direttamente proporzionale tra investimenti in ICT e competitivit`a ` globale dei sistemi nazionali (fig. 1.7). Come si evince dalla figura, maggiore e la spesa da parte di Figura 1.7: Rapporto tra investimenti IT e competitivit` del Paese a (Eurostat, 2007) un Paese nel settore dell’Information Technology e maggiore sar` il suo ranking di competitivit` , a a ovvero avr` pi` possibilit` nel ritagliarsi uno spazio all’interno dei mercati mondiali, con i propri a u a prodotti e servizi. L’Italia, come si pu` facilmente notare, occupa una posizione non propriamente o ottimale. Gli indicatori che saranno presentati nelle sezioni successive sono: • l’incidenza della spesa per ricerca e sviluppo sul PIL; • il numero di brevetti per milione di abitanti; • la quota di imprese innovatrici sul totale; 1.6.1 Europa ` Analizzando l’Italia nel contesto europeo, e possibile notare una situazione complessiva non del tutto favorevole ed incoraggiante. Come sostiene l’analisi effettuata dalla Commissione Europea 22
  • 36. 1. L’innovazione 1.6 Il contesto europeo e nazionale e pubblicata nel rapporto “Science, technology and innovation in Europe”, (Eurostat, 2007), nel 2004 la spesa della R&S nell’Ue2518 assorbe l’1,9 per cento del PIL, rimanendo sostanzialmente inferiore a quella degli Stati Uniti (2,7 per cento) e del Giappone (3,2 per cento), e mostrando dinamiche poco significative. Nel 2004 soltanto la Svezia e la Finlandia avevano gi` superato la a soglia del 3 per cento, mentre la Germania e la Danimarca raggiungevano il 2,5 per cento. I bi- lanci fortemente positivi di questi paesi sono determinati dalla consistenza delle imprese operanti in diversi settori a forte intensit` di R&S (Svezia: industria farmaceutica, automobilistica e delle a apparecchiature delle comunicazioni; Finlandia: apparecchiature delle telecomunicazioni; Germa- nia: veicoli a motore; Danimarca: industria farmaceutica/biotecnologie e servizi TIC). In questi ` Paesi e forte l’impatto di grandi imprese nello sviluppo e nel sostegno dei vari settori riferiti alla ricerca e sviluppo. Questi paesi sono anche quelli che, con Slovenia, Austria, Belgio, Malta e Lussemburgo, raggiungono il target prefissato dei 2/3 della spesa finanziata dalle imprese (media Ue 25 pari a 64,5 per cento). Tra le principali economie dell’Unione, l’Italia, insieme alla Spagna, arte degli Enti pubblici didi Spesa per ricerca e e sviluppo totale e sostenuta dalle imprese in rapporto al Pil nei paesi Ue – Anno 2004 e quella in posizionesviluppo totale e sostenuta dalle imprese in rapporto al Pil nei paesi Ue – Anno 2004 parte degli Enti pubblici ` nvece, ad eccezione della Spesa per ricerca invece, ad eccezione della (valori percentuali) (valori percentuali) peggiore (fig.1.8). eriori all’1 per cento. iori all’1 per cento. lizza lala distribuzione terri- alizza distribuzione terri- 4,5 4,5 Spesa totale Spesa totale Spesa delle imprese Spesa delle imprese mprese. AA livello nazionale mprese. livello nazionale a spesa totale e e mostrano lla spesa totale mostrano 4,0 4,0 saminato. AA livello riparti- esaminato. livello riparti- 3,5 3,5 Valore target alal 2010=3 per cento Valore target 2010=3 per cento ultaconcentrata nel Nord- ta concentrata nel Nord- a produttiva con imprese ra produttiva con imprese 3,0 3,0 to della spesa viene inve- nto della spesa viene inve- el Mezzogiorno. nel Mezzogiorno. 2,5 2,5 2,0 2,0 pporto al Pil – Anno 2005 porto al Pil – Anno 2005 1,5 1,5 1,0 1,0 0,5 0,5 0,0 0,0 a a a a a o i ito g o nia c a d a IA n a r ia ia llo ia lta ia ia ia r ia ia a o z i d i ni rc tria ci lgi s s c n h ni p r IT a E s r ia a n o Sp IA Le r ia Un gn a nl a n em ito ia Re i Ba o n er ia P a Be a pu Slo g o L ca ac a Au ca Bu hia ni nia r P o ia Li llo ia ta rto ia Ro nia Fr ria ve lan ma ma us ra n Be Ba Un bu ove Ce Irlan ITA pag ghe st o toga itua Ma Gre olo a cc ulga tto ma Ci Lu no si pr lic ni d Fi ez i es lgi ci ni an c an G nd Po ton AL al g s e ss Un an ga ar Ce a r an st bb ve S l lo Da a re c tto Ci bu S in er ni gh o m Sl ica lg a P ov B Le Ro M A F i Sv S Un E or m tu m a m L Irl G es gn s e a F G bl Da Sl ov P Pa Re Lu s ub p Re Re FiguraFonte: Eurostat per R&S totale sostenuta dalle imprese in relazione al PIL nei Paesi Ue (anno 1.8: Eurostat Fonte: Spesa 2004) (Eurostat, 2007) Spesa sostenuta per attività di ricerca e e sviluppo intra muros della Pubblica amministrazione, delle università e delle Spesa sostenuta per attività di ricerca sviluppo intra muros della Pubblica amministrazione, delle università e delle imprese pubbliche e e private in rapporto al Pil – Anni 2000-2005 (valori percentuali) (a) (b) imprese pubbliche private in rapporto al Pil – Anni 2000-2005 (valori percentuali) (a) (b) REGIONI REGIONI 2000 2000 2001 2001 2002 2002 2003 2003 2004 2004 2005 2005 RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese Totale Imprese L’indice di intensit` brevettuale0,7(fig.1,81.9),0,6 0,4 2004 a 0,4 0,3 Valle D'Aosta/Vallée d'Aoste a Piemonte Piemonte Valle D'Aosta/Vallée d'Aoste 1,7 1,7 0,7 0,7 1,4 1,4 0,7 1,8 0,7 0,7 0,6 pari nel 0,3 1,4 1,4 1,7 1,7 0,4 1,3 1,3 0,3 0,4112 brevetti per milione 0,2 abitanti 1,6 1,6 1,2 1,2 0,3 1,7 1,7 0,3 0,3 1,3 1,3 0,2 0,2 1,7 1,7 0,3 0,3 di 1,4 1,4 0,2 Lombardia Lombardia 1,1 1,1 0,8 0,8 1,2 1,2 0,8 0,8 1,2 1,2 0,8 0,8 1,2 1,2 0,8 0,8 1,1 1,1 0,8 0,8 1,1 1,1 0,8 0,8 nella media dell’Unione europea, mostra 0,9 0,4 Liguria Liguria 1,1 1,1 0,5 0,5 0,9una variabilit` 0,7 0,4 1,4 a elevatissima che 1,3 1,4 0,7 1,2 1,2 0,6 0,6 1,3rispecchia1,2 buona parte 0,6 0,6 in 0,7 1,2 0,7 Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige 0,5 0,5 0,2 0,2 0,6 0,6 0,2 0,2 0,6 0,6 0,2 0,2 0,7 0,7 0,2 0,2 0,7 0,7 0,2 0,2 0,7 0,7 0,2 0,2 una dicotomia tra paesi dell’Unione a 15 e i0,3 Bolzano-Bozen Bolzano-Bozen Trento Trento …. …. …. …. …. …. …. …. 0,5 0,5 0,6 0,6 paesi 1,0 recente 1,1 0,3 0,2 0,2 0,3 0,2 1,0 di 0,3 0,2 0,1 0,1 0,3 0,3 0,3 1,1 0,3 0,2 0,2 Nell’ambito dell’Ue1519 , ingresso. 1,0 0,2 0,5 0,5 1,0 0,2 0,2 0,2 1,0 1,0 0,4 0,4 0,2 0,2 0,2 0,2 Veneto Veneto 0,5 0,5 0,2 0,2 0,6 0,6 0,3 0,3 0,7 0,7 0,3 0,3 0,7 0,7 0,3 0,3 0,6 0,6 0,3 0,3 0,6 0,6 0,3 0,3 fica tifica 18 Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia 1,2 1,2 0,5 0,5 1,2 1,2 0,5 0,5 1,1 1,1 0,4 0,4 1,1 1,1 0,5 0,5 1,2 1,2 0,5 0,5 1,2 1,2 0,5 0,5 Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, 0,5 Emilia-Romagna Emilia-Romagna 0,9 0,9 Estonia,1,1 0,6 0,5 1,1 Finlandia, 1,2 0,6 Francia, Germania, 0,7 1,1 Irlanda, Italia, Lettonia, Li- 1,2 0,8 0,8 1,2 1,2 0,7Grecia,1,1 0,7 0,7 1,2 1,2 0,7 0,7 Toscana Toscana 1,0 1,0 0,3 0,3 1,1 1,1 0,4 0,4 1,1 1,1 0,3 0,3 1,1 1,1 0,4 0,4 1,1 1,1 0,3 0,3 1,1 1,1 0,4 0,4 tuania, Lussemburgo, Malta, Paesi0,9 Umbria Umbria Bassi, 0,2 0,8 Portogallo, Regno Unito, Repubblica ceca, Slovacchia, Slovenia, 0,9 0,2 Polonia, 0,2 0,8 0,2 0,9 0,9 0,2 0,2 0,9 0,9 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 Spagna,Marche e Ungheria Svezia Marche 0,5 0,5 0,1 0,1 0,60,6 0,2 0,2 0,7 0,7 0,3 0,3 0,7 0,7 0,3 0,3 0,5 0,5 0,3 0,3 0,6 0,6 0,2 0,2 Lazio Lazio 1,9 1,9 0,6 0,6 2,0 2,0 0,5 0,5 1,9 1,9 0,5 0,5 1,9 1,9 0,5 0,5 1,8 1,8 0,4 0,4 1,8 1,8 0,5 0,5 19 Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, 0,4 Abruzzo Abruzzo 0,9 0,9 0,4 0,4 0,90,9 Germania, Grecia,1,1 0,4 1,0 1,0 0,5 0,5 Irlanda, Italia, Lussemburgo, 0,5 1,1 0,5 0,5 1,1 1,1 0,5 0,5 1,0 1,0 Paesi Bassi, 0,5 a ca Molise Molise 0,4 Portogallo, Regno Unito, Spagna e 1,00,4 (b) (b) Svezia 0,3 0,9 0,4 0,4 (b) (b) 0,4 0,4 0,0 0,0 0,4 0,4 0,0 0,0 0,4 0,4 0,1 0,1 0,5 0,5 0,0 0,0 Campania Campania 1,0 0,3 0,9 0,3 0,3 1,0 1,0 0,3 0,3 1,1 1,1 0,4 0,4 1,1 1,1 0,4 0,4 1,1 1,1 0,4 0,4 Puglia Puglia 0,6 0,6 0,1 0,1 0,5 0,5 0,1 0,1 0,6 0,6 0,1 0,1 0,6 0,6 0,1 0,1 0,6 0,6 0,2 0,2 0,7 0,7 0,2 0,2 Basilicata Basilicata 0,8 0,8 0,2 0,2 0,8 0,8 0,4 0,4 0,5 0,5 0,2 0,2 0,5 0,5 0,2 0,2 0,6 0,6 0,2 0,2 0,5 0,5 0,2 0,2 Calabria Calabria 0,3 0,3 0,0 0,0 0,3 0,3 0,0 0,0 0,4 0,4 0,0 0,0 0,4 0,4 0,0 0,0 0,4 0,4 0,0 0,0 0,4 0,4 0,0 0,0 Sicilia Sicilia 0,8 0,8 0,2 0,2 0,9 0,9 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 0,9 0,9 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 Sardegna Sardegna 0,7 0,7 0,1 0,1 0,7 0,7 0,1 0,1 0,7 0,7 0,1 0,1 0,7 0,7 0,1 0,1 0,6 0,6 0,0 0,0 0,6 0,6 0,0 0,0 Nord-ovest Nord-ovest 1,3 1,3 0,9 0,9 1,3 1,3 0,9 0,9 1,3 1,3 0,9 0,9 1,3 1,3 0,9 0,9 1,3 1,3 0,9 0,9 1,3 1,3 0,9 0,9 ology and innovation nology and innovation Nord-est Nord-est Centro Centro 0,7 0,7 1,4 1,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,9 0,9 1,4 1,4 0,4 0,4 0,4 0,4 0,9 0,9 1,4 1,4 0,5 0,5 0,4 0,4 0,9 0,9 1,4 1,4 0,5 0,5 0,4 0,4 0,9 0,9 1,4 1,4 0,5 0,5 0,4 0,4 0,9 0,9 1,4 1,4 0,5 0,5 0,4 0,4 23 Centro-Nord Centro-Nord 1,1 1,1 0,6 0,6 1,2 1,2 0,6 0,6 1,2 1,2 0,7 0,7 1,2 1,2 0,6 0,6 1,2 1,2 0,6 0,6 1,2 1,2 0,7 0,7 atistiche inin breve, tatistiche breve, Mezzogiorno Mezzogiorno 0,8 0,8 0,2 0,2 0,7 0,7 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 0,8 0,8 0,2 0,2 Italia Italia 1,0 1,0 0,5 0,5 1,1 1,1 0,5 0,5 1,1 1,1 0,5 0,5 1,1 1,1 0,5 0,5 1,1 1,1 0,5 0,5 1,1 1,1 0,6 0,6 Fonte: Istat, Statistiche sulla ricerca scientifica Fonte: Istat, Statistiche sulla ricerca scientifica
  • 37. 1.6 Il contesto europeo e nazionale 1. L’innovazione dei paesi scandinavi, ma paesi scandinavi, ma Brevetti nei nei paesi – Anni 1999 e 2004 (per(per milione di abitanti) Brevetti paesi Ue Ue – Anni 1999 e 2004 milione di abitanti) dell’Ue15. L’ampio e persi- Ue15. L’ampio e persi- almeno in parte la diffe- hia almeno in parte la diffe- 300 300 1999 1999 2004 2004 dimensionale delle duedue e dimensionale delle dustrializzato, specializ- rializzato, più più specializ- 250 250 on con imprese di maggiori e imprese di maggiori ente dominanti elementi di dominanti elementi di 200 200 ano investimenti elevati in investimenti elevati in 150 150 Ue27 Ue27 (per milione di abitanti) milione di abitanti) 100 100 50 50 0 0 Es cao Es iro SlIr a Sl eni a rla A ndA So a Lu em zia Fm gia Re FBe o gnF o US nia pu ng nia B na Ro aniia Re orU a na Po a oL hiia pu lica lrtia lic eclta m a ia rtGr ia t a a im a L na Rou aria Pa irB ia Lu i S sia nA rcia ve a AB ria lgia Gt a Po ronia Le nia Biu niia oIT ito IITA Io rPo llio ov allio nb o nnla io a a pr d i ngi LI gn nci S s it es asni strc agn lc Fi n g Sl gon Sl aclc n an tCip ss bvez U hgr ec Po ac r G an toh AL on r Da laurd Da imad an e bb Ma he bb C a ma s Un st ss ae o ur pve Ce oge ta a Ci a n tuo c ua ue M ga lg lg Bv ra a olv l tu atc Pa rm m np Li t e e ei es G Re Re Fonte: Eurostat, Database NewNew Cronos Fonte: Eurostat, Database Cronos Figura 1.9: Brevetti nei paesi Ue - anni 1999 e 2004 (Eurostat, 2007) Brevetti per per ripartizione territoriale – Anni 1995-2002 (per milione di abitanti) Brevetti ripartizione territoriale – Anni 1995-2002 (per milione di abitanti) poi, emergono nettamente i paesi scandinavi e la Germania. L’Italia, con circa 80 brevetti per 180180 milione di abitanti, si colloca al di sotto della media europea subito dopo il Regno Unito e davanti 160160 ` a Irlanda e Spagna. Nell’ultimo quinquennio l’intensit` brevettale e aumentata nella maggior parte a dei paesi, 140140 portando ad un incremento complessivo dell’indicatore. L’Italia, con una variazione al 20 120 ` superiore 120 per cento, e tra i paesi che hanno conseguito gli incrementi pi` consistenti u 100 100 Anche se nella lettura dei risultati dell’indagine sull’innovazione tecnologica nelle imprese oc- 80 80 corre considerare la diversit` delle strutture economiche e produttive dei vari paesi, l’indicatore sul a numero di imprese che hanno introdotto innovazioni consente un primo confronto sulla propensio- 60 60 ne a innovare40 paesi dell’Ue (fig. 1.10). L’Italia, con poco meno del 31 per cento si posiziona 40 nei prese che hanno introdotto Imprese che hanno introdotto innovazioni tecnologiche nei paesi Ue – Anni 2002-2004 (valori percentuali) (a) ena citate (escluso il Lazio), a di Trento, Veneto, Friuli- 7020 20 no al di sopra della media 60 0 0 trano appena il 7,5 per cen- 1995 1995 1996 1996 1997 1997 1998 1998 1999 1999 2000 2000 2001 2002 2001 2002 50 ettuata in Italia e circa il 22 y and and innovation ology innovation Ue25 introdotto innovazioni. 40 – Anni 2002-2004 30 Nord-ovest Nord-ovest Nord-est Nord-est Centro Centro Centro-Nord Centro-Nord Mezzogiorno Mezzogiorno Fonte: Eurostat, Database NewNew Cronos 20Fonte: Eurostat, Database Cronos 10 0 ia io Fr a o v ia da Es o im a lic na ta em ia rto a llo Bu ria ia a Li i a R hi a i U nia pu Sp ) Irl a F i ca Po a o IT ass (b ni pr i Po n di ci i c rg ez lg an D ton ss str ar c al an ga bb ag he ar an Ce Pa r e an lo c a Ci bu Be IA M lg iB Sv ac tu L u Au a om m G ng nl AL a er es an G Sl Re Figura 1.10:Eurostat,aCommunity Innovation Survey non sono disponibili. Fonte: (a) I dati relativi Regno che Slovenia e Lettonia Imprese Unito, hanno introdotto innovazioni tecnologiche nei paesi Ue - anni 2002 e 2004 (valori %) (Eurostat, 2007) con quello degli altri paesi Ue in quanto non considera le spese per design, marketing e formazione. (b) Il dato non è direttamente confrontabile Imprese innovatrici e spesa sostenuta per l'innovazione, per regione – Anni 2002-2004 (valori percentuali) Percentuale di imprese innovatrici Spesa sostenuta per l'innovazione (sul totale delle imprese) (composizione % sul totale Italia) REGIONI Imprese che Imprese che Imprese con Imprese Imprese Imprese Totale RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE 24 hanno innovato solo i prodotti hanno innovato solo i processi innovazioni di prodotto e innovatrici con 10-249 addetti con 250 addetti imprese di processo e oltre Piemonte 6,3 16,8 12,9 36,0 9,3 12,0 10,7 Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste 3,4 10,4 9,5 23,3 0,2 0,2 0,2 Lombardia 5,7 17,0 11,3 34,1 31,0 37,2 34,1 Liguria 7,0 15,6 9,3 31,9 1,9 1,9 1,9
  • 38. 1. L’innovazione 1.6 Il contesto europeo e nazionale leggermente al di sotto della media Ue25: infatti, in media il 35 per cento delle imprese europee ha dichiarato di aver introdotto qualche forma di innovazione nel triennio (2002-2004) considerato ` dall’indagine. Tale valore medio e il risultato di una distribuzione abbastanza polarizzata: un pri- mo gruppo di paesi si colloca in posizioni molto avanzate (tra questi Germania, Irlanda, Austria, Svezia, Estonia e Danimarca) con quote di imprese innovatrici comprese tra il 45 e il 65 per cento del totale; un secondo gruppo, tra cui Italia, Portogallo, Grecia, Paesi Bassi e Spagna, si posiziona intorno alla media dell’Unione; infine, un gruppo di paesi per lo pi` di recente adesione, che com- u prende per` anche la Francia, presenta quote di imprese innovatrici comprese tra il 10 e il 25 per o cento. 1.6.2 Italia Come si pu` osservare dall’analisi del rapporto, promosso dall’Istat, riguardante alcune statistiche o del nostro paese (ISTAT, 2008), al 2005 la spesa per ricerca e sviluppo incide per l’1,1 per cento del Pil, valore molto lontano dal traguardo fissato dalla strategia di Lisbona per il 2010 (3 per cento) e che colloca l’Italia agli ultimi posti della graduatoria delle principali economie in Europa. In Italia nel 2004 sono state presentate all’EPO oltre 4.500 richieste di brevetto. L’indice di intensit` a brevettuale, seppur in crescita, rimane tra i pi` bassi dell’Ue15. Nel 2005 gli addetti alla ricerca u e sviluppo (in unit` equivalenti a tempo pieno) sono in Italia 3 ogni 1.000 abitanti, sensibilmente a al di sotto della media europea (nel 2004 al penultimo posto tra i paesi dell’Ue15 e all’ultimo tra i paesi di maggiori dimensioni demografiche) e con forti disparit` territoriali. Poco pi` del 30 per a u cento delle imprese italiane ha introdotto innovazioni nel triennio 2002-2004 – un valore poco al di sotto della media dell’Unione europea. Tuttavia, circa il 70 per cento della spesa sostenuta per ` l’introduzione delle innovazioni e concentrato in quattro regioni: Lombardia, Lazio, Piemonte ed Emilia-Romagna. La capacit` di spesa dell’Italia per R&S (fig.1.11) mostra un andamento costante nel corso de- a gli anni 2000-2005 superando appena la soglia dell’1 per cento in rapporto al PiL. Larga parte della ` spesa per ricerca e concentrata nel Centro-Nord del Paese, in particolare in Piemonte, Lombardia, ` Friuli-Venezia Giulia, Toscana. Un caso a parte e invece la posizione del Lazio, che concentra l’1,9 per cento delle spese totali in R&S, per la presenza nella regione della maggior parte degli Enti pubblici di ricerca. Le regioni del Mezzogiorno invece, ad eccezione della Campania, mo- strano tutte spese inferiori all’1 per cento, principalmente a causa dello scarsa disponibilit` degli a strumenti base, quali per esempio la banda larga, necessari per accelerare e favorire l’incremento e lo sviluppo di efficaci piani di ricerca, ma anche dovuti ad una scarsa concentrazione di imprese e quindi di relazioni tra le stesse e le universit` -centri di ricerca, che aiutino ed alimentino lo svilup- a ` po all’interno di tali regioni. La situazione non e diversa se si analizza la distribuzione territoriale 25
  • 39. dell’Unione europea dovrebbe raggiungere il il 3 per cento medio-grandi. Soltanto lolo 0,2 per cento della spesa viene inve- dell’Unione europea dovrebbe raggiungere 3 per cento medio-grandi. Soltanto 0,2 per cento della spesa viene inve- Pil entro il 2010, con l’ulteriore vincolo che due terzi di essa ce sostenuta da imprese localizzate nel Mezzogiorno. l entro il 2010, con l’ulteriore vincolo che due terzi di essa ce sostenuta da imprese localizzate nel Mezzogiorno. 2,5 2,5 o sostenuti dalle imprese. sostenuti dalle imprese. 2,0 2,0 a, con un valore dell’indicatore pari all’1,1 per cento nel lia, con un valore dell’indicatore pari all’1,1 per cento nel Spesa per ricerca e e sviluppo in rapporto al Pil – Anno 2005 1.6 Il contesto europeo e nazionale Spesa per ricerca sviluppo in rapporto al Pil – Anno 2005 1. L’innovazione 5, appare ancora lontana dal raggiungimento di tale obietti- (valori percentuali) appare ancora lontana dal raggiungimento di tale obietti- (valori percentuali) 1,5 1,5 come accade anche alla maggior parte dei paesi europei. me accade anche alla maggior parte dei paesi europei. 1,0 1,0 NIZIONI UTILIZZATE INIZIONI UTILIZZATE 0,5 0,5 ivitàdidiR&S è èdefinita come il ilcomplesso didilavori creativi ità R&S definita come complesso lavori creativi resi ininmodo sistematico sia per accrescere l’insieme presi modo sistematico sia per accrescere l’insieme 0,0 0,0 e conoscenze (ivi compresa la conoscenza dell’uomo, della conoscenze (ivi compresa la conoscenza dell’uomo, della a a a a a o i ito g o nia c a urae edella società) sia per utilizzare tali conoscenze per a della società) sia per utilizzare tali conoscenze per z i d i ni rc tria ci lgi s s a nl a em ito Re i Ba o er ia P a Be a pu Slo g o Au ca ni nia r Fr ria ve lan ma ma us ra n Be Ba Un bu ove Ce Lu o i lic ni gn s s Fi ez i i ci lg G nd ss Un ar Ce r an st bb ve Da a bu S in er ni A F i o m Sl ica Sv e applicazioni (Manuale OCSE – –Eurostat sulla rilevazio- ve applicazioni (Manuale OCSE Eurostat sulla rilevazio- m a m es e gn ss e a F G a l bb es atistica delle attività didi R&S – Manuale di Frascati). tatistica delle attività R&S – Manuale di Frascati). D Pa R Lu pu dicatore presentato rapporta la somma delle spese in R&S catore presentato rapporta la somma delle spese in R&S Re Re ateper leleimprese, leleistituzioni pubbliche e eprivate non e per imprese, istituzioni pubbliche private non e e di quelle stimate per le università, al valore del prodotto t di quelle stimate per le università, al valore del prodotto Fonte: Eurostat Fonte: Eurostat o lordo. no lordo. ALIA NEL CONTESTO EUROPEO LIA NEL CONTESTO EUROPEO Spesa sostenuta per attività di ricerca e e sviluppo int Spesa sostenuta per attività di ricerca sviluppo intra 004 lala spesa della R&S nell’Ue25 assorbe l’1,9 per cento 2004 spesa della R&S nell’Ue25 assorbe l’1,9 per cento imprese pubbliche e e private in rapporto al Pil – Anni imprese pubbliche private in rapporto al Pil – Anni 2 Pil, rimanendo sostanzialmente inferiore a quella degli Stati l, rimanendo sostanzialmente inferiore a quella degli Stati REGIONI REGIONI 2000 2000 2001 2001 (2,7 per cento) e edel Giappone (3,2 per cento), e emo- (2,7 per cento) del Giappone (3,2 per cento), mo- RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Totale Imprese Totale Imprese Totale Imp Totale Im do dinamiche poco significative. Nel 2004 soltanto lala Sve- ndo dinamiche poco significative. Nel 2004 soltanto Sve- Piemonte Piemonte 1,7 1,7 1,4 1,4 1,8 1,8 eala Finlandia avevano già superato la soglia del 3 per cen- Finlandia avevano già superato la soglia del 3 per cen- Valle D'Aosta/Vallée d'Aoste Valle D'Aosta/Vallée d'Aoste 0,7 0,7 0,7 0,7 0,7 0,7 mentrelalaGermania e elalaDanimarca raggiungevano il il2,5 entre Germania Danimarca raggiungevano 2,5 Lombardia Lombardia 1,1 1,1 0,8 0,8 1,2 1,2 Liguria Liguria 1,1 1,1 0,5 0,5 0,9 0,9 ento. I Ibilanci fortemente positivi didiquesti paesi sono cento. bilanci fortemente positivi questi paesi sono Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige 0,5 0,5 0,2 0,2 0,6 0,6 minati dalla consistenza delle imprese operanti inindiversi rminati dalla consistenza delle imprese operanti diversi Bolzano-Bozen Bolzano-Bozen ….…. ….…. 0,5 0,5 Trento Trento ….…. …. …. 0,6 0,6 ori a forte intensità di R&S (Svezia: industria farmaceutica, i a forte intensità di R&S (Svezia: industria farmaceutica, Figura 1.11: Spesa per R&S in relazione al PIL (anno 2005) (ISTAT, 2008) mobilistica e edelle apparecchiature delle comunicazioni; mobilistica delle apparecchiature delle comunicazioni; Fonte: Istat, Statistiche sulla ricerca scientifica Veneto Veneto 0,5 0,5 0,2 0,2 0,6 0,6 Fonte: Istat, Statistiche sulla ricerca scientifica Friuli-Venezia Giulia Friuli-Venezia Giulia 1,2 1,2 0,5 0,5 1,2 1,2 ndia: apparecchiature delle telecomunicazioni; Germania: andia: apparecchiature delle telecomunicazioni; Germania: Emilia-Romagna Emilia-Romagna 0,9 0,9 0,5 0,5 1,1 1,1 Toscana Toscana 1,0 1,0 0,3 0,3 1,1 1,1 oli a a motore; Danimarca: industria farmaceutica/bio- i motore; Danimarca: industria farmaceutica/bio- Umbria Umbria 0,9 0,9 0,2 0,2 0,8 0,8 ologiee eservizi ITC). Questi paesi sono anche quelli che, ogie servizi ITC). Questi paesi sono anche quelli che, Marche Marche 0,5 0,5 0,1 0,1 0,6 0,6 Slovenia,Austria, Belgio, Malta e eLussemburgo, raggiun- lovenia, Austria, Belgio, Malta Lussemburgo, raggiun- Fonti Fonti Lazio Lazio Abruzzo Abruzzo 1,9 1,9 0,9 0,9 0,6 0,6 0,4 0,4 2,0 2,0 0,9 0,9 oil iltarget prefissato dei 2/3 della spesa finanziata dalle target prefissato dei 2/3 della spesa finanziata dalle N N Istat, Statistiche sulla ricerca scientifica Istat, Statistiche sulla ricerca scientifica Molise Molise 0,4 0,4 (b) (b) 0,4 0,4 se (media Ue 25 pari della per cento).sostenuta dalle Nimprese. Database New Cronos ese (media Ue 25 pari a 64,5 spesa a 64,5 per cento). Eurostat, A livello nazionale esse incidono per il 50 per cento sulla N Eurostat, Database New Cronos Campania Campania 1,0 1,0 0,3 0,3 0,9 0,9 Puglia Puglia 0,6 0,6 0,1 0,1 0,5 0,5 rincipali economie dell’Unione, l’Italia, insieme alla Spa- principali economie dell’Unione, l’Italia, insieme alla Spa- spesa totale e mostrano unaAltre informazioni lenta nel periodo esaminato. ABasilicata ripartizionale 0,8 0,0 è è quella in posizione peggiore. quella in posizione peggiore. crescita molto Altre informazioni livello Basilicata Calabria Calabria la 0,2 0,8 0,3 0,3 0,2 0,0 0,8 0,8 0,3 0,3 Sicilia Sicilia 0,8 0,8 0,2 0,2 0,9 0,9 spesa delle imprese risulta PubblicazioniPubblicazioni concentrata nel Nord-ovest, caratterizzato daSardegna struttura produttiva una Sardegna 0,7 0,7 0,1 0,1 0,7 0,7 ALIA E LE SUE REGIONI LIA E LE SUE REGIONI N N Manuale didi Frascati, OECD, 2002 Manuale Frascati, OECD, 2002 Nord-ovest Nord-ovest 1,3 1,3 0,9 0,9 1,3 1,3 pacità didi spesa dell’Italia per R&S mostra un andamento N N Eurostat Pocketbooks, Science, technology andspesa viene invece sostenuta da imprese apacità spesa dell’Italia per R&S mostra un andamento con imprese medio-grandi. Soltanto Pocketbooks, Science, technology and innovation Eurostat lo 0,2 per cento della innovation Nord-est Nord-est 0,7 0,7 0,4 0,4 0,9 0,9 nte nel corso degli anni 2000-2005 superando appena lala ante nel corso degli anni 2000-2005 superando appena inin Europe, 2007 Europe, 2007 Centro Centro 1,4 1,4 0,4 0,4 1,4 1,4 Centro-Nord Centro-Nord 1,1 1,1 0,6 0,6 1,2 1,2 localizzate nel Mezzogiorno. Istat, La ricerca sviluppo in Italia, Statistiche in breve, a dell’1 per cento in rapporto al Pil. Larga parte della spe- N N Istat, La ricerca e e sviluppo in Italia, Statistiche in breve, dell’1 per cento in rapporto al Pil. Larga parte della spe- Mezzogiorno Mezzogiorno 0,8 0,8 0,2 0,2 0,7 0,7 perricerca è èconcentrata nel Centro-Nord del Paese, inin r ricerca concentrata nel Centro-Nord del Paese, 11 ottobre 2007 11 ottobre 2007 Italia Italia 1,0 1,0 0,5 0,5 1,1 1,1 olare ininPiemonte, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, To- colare Piemonte, Lombardia, Friuli-Venezia Giulia, To- Siti internet Siti internet Fonte: Istat, Statistiche sulla ricerca scientifica Fonte: Istat, Statistiche sulla ricerca scientifica . Un caso parte invece distribuzione territoriale http://www.istat.it (fig.1.12) denota uno svantaggio Dall’anno 2002 il il dato comprende anche la spesa per R&S La posizione del Lazio, che N N http://www.istat.it na.Un caso a aparte è èinvece lalaposizione del Lazio, che dei brevetti (a) del Mezzogiorno. Con la spesa per R&S in (a) Dall’anno 2002 dato comprende anche ntra l’1,9 per cento delle spese totali in R&S, per la pre- http://www.oecd.org centra l’1,9 per cento delle spese totali in R&S, per la pre- N N http://www.oecd.org (b) Per motivi didi riservatezza il dato del Molise è compreso in q (b) Per motivi riservatezza il dato del Molise è compreso in qu la sola eccezione dell’Abruzzo, tutte le regioni presentano livelli dell’indicatore particolarmente 0 statistiche per il Paese a quelli dei paesi europei meno avanzati. Man mano che ci si sposta verso Nord le bassi e simili performance migliorano notevolmente cosicch´ nella parte pi` alta della graduatoria si trovano solo e u le grandi regioni del Nord, nelle quali i valori dell’indicatore sono pur sempre inferiori a quelli dei paesi scandinavi, ma sostanzialmente in linea con quelli dell’Ue15. L’ampio e persistente divario tra nord e sud rispecchia almeno in parte la differente specializzazione presente nelle 2 aree, con un nord maggiormente industrializzato, pi` specializzato in produzioni ad alta tecnologia e con u imprese di maggiori dimensioni, mentre un sud pi` interessato e concentrato verso altri settori u meno tecnologici, come per esempio l’agricoltura. Rimangono probabilmente dominanti elementi di carattere ambientale che scoraggiano investimenti elevati in ricerca e sviluppo. L’analisi territoriale riferita all’innovazione tecnologica (tab.1.1) mostra una forte concentra- zione delle attivit` innovative. Circa il 70 per cento della spesa sostenuta per l’introduzione di a ` innovazioni e concentrato in quattro regioni: Lombardia, Lazio, Piemonte ed Emilia-Romagna. In termini di numerosit` delle imprese che hanno introdotto innovazioni, oltre alle regioni appena ci- a tate (escluso il Lazio), anche Liguria, provincia autonoma di Trento, Veneto, Friuli-Venezia Giulia 26
  • 40. ARDO D’INSIEME GUARDO D’INSIEME aree, con con nord maggiormente industrializzato, più specializ- aree, un un nord maggiormente industrializzato, più specializ- 250 250 ei principali indicatori output con con cui viene misurata zatozato in produzioni alta alta tecnologia e con imprese di maggiori rincipali indicatori di di output cui viene misurata in produzioni ad ad tecnologia e con imprese di maggiori novativa di di un paese è dato numero di di brevetti dimensioni. Rimangono probabilmente dominanti elementi di di à innovativaun paese è dato dal dal numerobrevetti dimensioni. Rimangono probabilmente dominanti elementi 200 200 Questi vengono desunti da fontifonti amministrative e, carattere ambientale che che scoraggiano investimenti elevati in Il contesto europeo e nazionale ati. Questi vengono 1. L’innovazione desunti da amministrative e, carattere ambientale scoraggiano investimenti elevati in 1.6 alla presenzauffici brevetti internazionali quali lo Eu- Eu- ricerca e sviluppo. presenza di di uffici brevetti internazionali quali lo ricerca e sviluppo. 150 150 n Patent Office (EPO)loe United States Patent andand atent Office (EPO) e lo United States Patent mark Office (USPTO), dati confrontabili sono disponibili k Office (USPTO), dati confrontabili sono disponibili Brevetti per per regione – Anno 2002 (per milione di abitanti) Brevetti regione – Anno 2002 (per milione di abitanti) merosi paesi e in serie storiche lunghe. osi paesi e in serie storiche lunghe. 100 100 el nel 2004 sono state presentate all’EPO oltre 4.500 a 2004 sono state presentate all’EPO oltre 4.500 te di brevetto. Tuttavia, l’output dell’attività innovativa dei i brevetto. Tuttavia, l’output dell’attività innovativa dei 50 50 che, come l’Italia, sono caratterizzati piccole dimen- come l’Italia, sono caratterizzati da da piccole dimen- d’impresada unauna specializzazione settori a bassa presa e e da specializzazione in in settori a bassa 0 0 tende ad ad essere sottostimato da questo di di introdotto innovazioni tecnologiche nei paesi Ue – Anni 2002-2004 (valori percentuali) (a) Imprese che hanno presetende essere sottostimato da questo tipo tipoindi-indi- ogia che hanno introdotto na citate (escluso il Lazio),comunque, l’Italia è tra itra i importante segnalare che,che, comunque, l’Italia è È importante segnalare SlIr a rla A ndA Lu em zia Fm gia Re FBe o gnF o Re orU a na a im a Pa irB ia Lu i S sia nA rcia AB ria lgia oIT ito IITA Io nb o nnla io i ngi LI gn nci S s it es asni strc lc Fi n g ss bvez G an AL r Da laurd Da imad ahanno conseguito incrementi consistenti nel nel periodo che hanno conseguito Friuli- di Trento, Veneto, incrementi consistenti periodo s Un 70 st ss ae ur a n ua ue ola Bv ra a Pa rm m e e 4. al di sopra della media no ei es 2004. G 60 IZIONIappena il 7,5 per cen- trano UTILIZZATE NI UTILIZZATE 50 ettuatafa riferimento alle richiestebrevetto depositate atore riferimentoealle richieste di di brevetto depositate e fa in Italia circa il 22 Fonte: Eurostat, Database NewNew Cronos Fonte: Eurostat, Database Cronos Ue25 ntrodottoeuropeo brevetti. Un analogo l’ufficio innovazioni. ficio europeo dei dei brevetti. Un 40 indicatore a a analogo indicatore nternazionale viene calcolato utilizzando i dati dell’ufficio nazionale viene calcolato utilizzando i dati dell’ufficio se dei 2002-2004 riferito peròbrevetti effettivamente Anni brevetti, riferito però ai ai brevetti effettivamente tense dei brevetti, 30 ati. Il numerobrevetti puòpuò quindi essere rapportato a l numero di di brevetti quindi essere rapportato a Brevetti per per ripartizione territoriale – Anni 1995-2 Brevetti ripartizione territoriale – Anni 1995-2002 20 e grandezze (popolazione, forza lavoro, prodotto interno andezze (popolazione, forza lavoro, prodotto interno sa in ricerca e sviluppo). Qui Quièsi è sceltoutilizzare spesa in ricerca e sviluppo). si scelto di di utilizzare 180 180 10 ominatore la popolazione residente, come negli indi-indi- denominatore la popolazione residente, come negli strutturali di Lisbona. turali di Lisbona. 0 160 160 NELNEL CONTESTO EUROPEO IA CONTESTO EUROPEO 140 140 ia io Fr a o v ia da Es o an ni a lic na ta em ia rto a llo Bu ria ia es cia Li i a R hi a i U nia pu Sp ) Irl a F i rca Po a o IT ass (b ni pr Po n di i c rg ez lg Sl a n ss str ar c al an ga bb ag he an Ce Pa r e an lo to c a Ci a bu Be IA M lg iB Sv ac tu eintensità brevettuale, paripari nel 2004112112 brevetti di intensità brevettuale, nel 2004 a a brevetti L u Au a om m im G ng nl AL a er G eioneabitanti nella media dell’Unione europea, mostra di di abitanti nella media dell’Unione europea, mostra D 120 120 bilità elevatissima che che rispecchiabuona parte unauna ariabilità elevatissima rispecchia in in buona parte Re mia paesi dell’Unione a 15 e i e i paesirecenteFigura 1.12: Brevetti per regione (anno 2002) (ISTAT, 2008) tra tra paesi dell’Unione a 15 paesi di di recente in- in- 100 100 . Nell’ambito dell’Ue15, emergono Eurostat, Community Innovation Survey Database Cronos Fonte: nettamente i ell’ambito dell’Ue15, poi, poi, emergono nettamente i Fonte: Eurostat, Database NewNew Cronos Fonte: Eurostat, (a) Icon circa brevetti Unito, Slovenia e Lettonia non sono disponibili. dati relativi80Regno ndinavi e laeGermania. L’Italia, con circa 80 scandinavi la Germania. L’Italia, a brevetti 80 80 e di abitanti, si colloca al di sotto della media direttamente confrontabile con quello degli altri paesi Ue in quanto non considera le spese per design, marketing e formazione. lione di abitanti, si colloca al di (b) Il dato nonmedia euro- sotto della è euro- ubito dopo il Regno Unito e davanti a Irlanda e Spagna. dopo il Regno Unito e davanti a Irlanda e Spagna. imo quinquennio l’intensità brevettale è aumentata nella quinquennio l’intensità brevettale è aumentata nella 60 60 or parte dei paesi, portando un incremento comples- e spesa sostenuta per l'innovazione, per regione – Anni 2002-2004 (valori percentuali) Imprese innovatrici arte dei paesi, portando ad ad un incremento comples- ell’indicatore. L’Italia, con una variazione superiore20 20 dicatore. L’Italia, con una variazione superiore al al 40 40 Percentuale di imprese innovatrici Spesa sostenuta per l'innovazione nto, è itra i paesi che hanno conseguitoincrementi più più è tra paesi che hanno conseguito gli gli incrementi (sul totale delle imprese) (composizione % sul totale Italia) tenti. . REGIONI RIPARTIZIONI GEOGRAFICHE Fonti Fonti Imprese che Imprese che Imprese con Imprese Imprese 20 20 Imprese Totale hanno innovato hanno innovato innovazioni di innovatrici con 10-249 con 250 imprese N Eurostat, prodotti N Eurostat, Database iNew Cronos solo i Database New processi solo Cronos prodotto e addetti addetti EIA E SUE REGIONI LE LE SUE REGIONI di processo 0 0 e oltre zione territoriale dei dei brevetti Piemonte uno svantaggio ribuzione territoriale brevetti denota uno svantaggio denota Altre informazioni Altre informazioni 6,3 16,8 12,9 36,0 9,3 12,0 10,7 1995 1995 0,2 1996 1996 1997 1997 Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste ezzogiorno. Consolasola eccezione dell’Abruzzo, tutte le giorno. Con la la eccezione dell’Abruzzo, tutte le Pubblicazioni 3,4 Pubblicazioni 10,4 9,5 23,3 0,2 0,2 Lombardia esentano livelli dell’indicatore particolarmente bassi e e presentano livelli dell’indicatore Liguria particolarmente bassi N Eurostat Pocketbooks, Science, technology 11,3 and innovation N Eurostat Pocketbooks, 17,0 5,7 34,1 Science, technology innovation and 31,0 37,2 34,1 7,0 15,6 9,3 31,9 1,9 1,9 1,9 in Europe, 2007 in Europe, 2007 aelli dei paesi europei meno avanzati. Man Adigemano che quelli dei paesi europei meno avanzati. Man che Trentino-Alto mano 5,8 17,5 11,6 34,9 2,5 0,9 1,7 anelle imprese le performance migliorano notevolmen- posta verso Nord le performance Bolzano-Bozen notevolmen- verso Nord migliorano Siti Internet 4,9 Siti Internet 17,2 8,2 30,4 1,0 0,3 Nord-ovest Nord-ovest 0,6 Nord-est Nord-est Trento 6,7 17,9 15,4 40,0 1,5 0,6 1,1 é nella parte più alta alta della graduatoria si trovano solo cché nella parte più della graduatoria si trovano solo Veneto N http://www.istat.it N http://www.istat.it 6,2 18,5 10,8 35,5 11,2 7,8 9,5 ndi regioni del Nord, nelle qualiFriuli-Veneziadell’indicatore regioni del Nord, nelle quali i valori dell’indicatore i valori Giulia N http://www.epp.eurostat.ec.europa.eu N http://www.epp.eurostat.ec.europa.eu 5,5 15,5 11,3 32,3 2,8 Fonte: Eurostat, Database NewNew Cronos Fonte: Eurostat, Database Cronos 2,4 2,6 Emilia-Romagna 6,2 18,0 11,3 35,5 11,6 9,2 10,4 Toscana 4,3 14,6 7,8 26,8 5,2 2,5 3,8 lle imprese Umbria 5,2 19,8 7,3 32,3 1,7 0,3 1,0 statistiche per il Paese vey (CIS) Marche 4,7 16,0 7,5 28,3 3,1 0,5 1,8 Lazio 4,9 11,6 9,5 26,0 6,8 22,8 14,8 Abruzzo 4,5 17,2 6,5 28,1 2,0 0,4 1,2 Molise 0,8 8,8 3,8 13,4 0,1 0,1 0,1 Campania 2,1 13,8 6,2 22,2 3,4 1,0 2,2 Puglia 3,6 7,8 9,4 20,8 2,0 0,2 1,1 nology and innovation Basilicata 4,4 6,7 9,1 20,2 0,4 0,1 0,3 Calabria 3,2 8,5 8,0 19,8 0,4 0,0 0,2 cting and Interpreting Techno- Sicilia 3,6 9,1 7,7 20,4 3,7 0,4 2,0 , 2005 Sardegna 1,6 13,0 6,2 20,8 0,7 0,1 0,4 e imprese, Anni 2002-2004, Nord-ovest 5,9 16,8 11,6 34,3 42,5 51,2 46,8 Nord-est 6,1 18,0 11,1 35,1 28,1 20,4 24,2 Centro 4,7 14,3 8,3 27,3 16,7 26,1 21,4 Centro-Nord 5,7 16,6 10,6 32,9 87,2 97,7 92,5 Mezzogiorno 3,0 11,2 7,4 21,6 12,8 2,3 7,5 Italia 5,2 15,5 10,0 30,7 100,0 100,0 100,0 Fonte: Istat, Rilevazione sull'innovazione nelle imprese, Anni 2002-2004 Tabella 1.1: Imprese innovatrici e spesa sostenuta per l’innovazione, per regione - anni 2002 e 2004 (valori %) (ISTAT, 2008) 27
  • 41. 1.7 La situazione in Trentino 1. L’innovazione e Umbria si situano al di sopra della media nazionale (30,7 per cento). Le regioni del Mezzogiorno concentrano appena il 7,5 per cento della spesa per innovazione effettuata in Italia e circa il 22 per cento delle imprese hanno introdotto innovazioni. 1.7 La situazione in Trentino Visto che viene analizzata una realt` provinciale20 , e giusto introdurre gli attori oggetto di analisi, a ` visto che risulta possibile e necessario effettuare un’analisi dettagliata dello sforzo e della spesa ` relativa a ciascun attore. Nel Trentino il comparto della ricerca e riconducibile a quattro gruppi di soggetti di riferimento: 1. i centri di ricerca a carattere provinciale, come la Fondazione Bruno Kessler (gi` Istitu- a to Trentino di Cultura), la Fondazione Edmund Mach (gi` Istituto Agrario di San Michele a all’Adige) o il Museo Tridentino di Scienze naturali; 2. i centri di ricerca a carattere nazionale, come gli Istituti o i Laboratori del Centro Nazionale Ricerche o l’unit` di ricerca dell’Istituto Nazionale di Fisica della Materia; a 3. l’Universit` degli Studi di Trento; a 4. i soggetti privati (imprese e istituzioni private non profit). Se si sposta lo sguardo verso una realt` locale, come pu` essere in questo caso la provincia a o ` ` di Trento, dai dati ISTAT e possibile notare che il periodo preso in esame (2000-2006) e stato 20 Premessa: le rilevazioni condotte a livello nazionale ed europeo, secondo quanto previsto dalla decisione n. 1608/2003/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e dal rispettivo regolamento attuativo, si rivolgono ai tre settori istituzionali: Enti pubblici(Ai fini della rilevazione sono considerate come istituzioni pubbliche i soggetti che, sulla base del Sec95 (Sistema europeo dei conti), fanno parte del settore delle Amministrazioni Pubbliche (S13). Le unit` a classificate nel Settore delle Amministrazioni Pubbliche sono: a) gli organismi pubblici che gestiscono e finanziano un insieme di attivit` , principalmente consistenti nel fornire alla collettivit` beni e servizi non destinabili alla vendita; a a b) le istituzioni senza scopo di lucro che agiscono da produttori di beni e servizi non destinabili alla vendita, che sono controllate e finanziate in prevalenza da amministrazioni pubbliche; c) gli enti di previdenza. La distinzione tra pro- duttori di beni e servizi destinabili alla vendita e produttori di beni e servizi non destinabili alla vendita si basa sul fatto che i prezzi applicati siano o non siano economicamente significativi ossia garantiscano ricavi che coprano una quota superiore al 50% dei costi di produzione), Istituzioni private non profit (Ai fini della rilevazione sono considerate come istituzioni private non profit gli enti giuridici o sociali, il cui status non gli permette di essere fonte di reddito, profitto o altro guadagno per i soggetti che lo costituiscono, controllano o finanziano.) e Imprese. Il dato dell’Universit` vienea invece stimato dall’ISTAT sulla base dei risultati di specifiche rilevazioni curate dal Comitato Nazionale per la Valuta- zione del Sistema Universitario, dal Ministero dell’Istruzione, dell’Universit` e della Ricerca (MIUR) e dal Consorzio a Interuniversitario CINECA 28
  • 42. 1. L’innovazione 1.7 La situazione in Trentino caratterizzato (fig. 1.13)21 22 : • da una sostanziale crescita del sistema della ricerca nel suo complesso che, in termini reali, nel periodo 2001-2005 si avvicina al valore medio annuo del 9,5%; • da un’ampliamento della presenza della ricerca pubblica (Istituzioni pubbliche e Universit` ), a nel periodo 2001-2003 e un successivo calo nel triennio 2004-2006; Figura 1.13: Spesa per R&S intra-muros per settore istituzionale – provincia di Trento (Servizio Statistica, 2008) L’attivit` di R&S pu` interessare il personale ad essa addetto in modo esclusivo o come attivit` a o a secondaria, come ad esempio per i docenti universitari, per i dottorandi o per i tecnici di un ufficio progettazione. Includere nell’universo di rilevazione soltanto le persone la cui attivit` preminente a ` e la ricerca o contare tutti coloro che in qualche modo sono coinvolti nei progetti porterebbe a sotto o sovrastimare l’impegno di risorse umane dedicate alla R&S; per ovviare a tale problema il personale addetto alla R&S viene espresso, oltre che in numero di persone anche in unit` equiva- a lenti a tempo pieno (ETP). Si definisce come “equivalente tempo pieno” il tempo medio annuale effettivamente dedicato all’attivit` di ricerca da un’unit` di lavoro. a a Anche il dato dell’occupazione conferma gli andamenti segnalati per la spesa. Nel periodo infatti si osserva (fig. 1.14): • una sostanziale stabilit` degli addetti (espressi in unit` equivalenti tempo pieno) all’attivit` a a a di ricerca e sviluppo; • una predominanza delle istituzioni pubbliche che affiancano a pieno titolo l’Universit` . a 21 I dati italiani sull’attivit` di R&S nelle universit` (pubbliche e private) vengono attualmente stimati dall’Istat su da- a a ti amministrativi e statistici forniti annualmente dall’Ufficio di statistica del Ministero dell’Istruzione, dell’Universit` a e della Ricerca, dal Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario (Cnvsu) e dal CINECA 22 PIL = prodotto interno lordo; IFL = investimenti fissi lordi 29
  • 43. 1.7 La situazione in Trentino 1. L’innovazione Figura 1.14: Addetti alla R&S per settore istituzionale - Provincia di Trento (Servizio Statistica, 2008) Dallo studio effettuato dal Servizio Statistica della Provincia Autonoma di Trento, in termini di incidenza sul PIL (fig. 1.15) l’intensit` della spesa in R&S delle imprese, pur passando da uno a 0,22 per cento del 2005 ad uno 0,31 per cento del 2006 e avvicinandosi a quella dell’Universit` , a rimane ancora lontana dall’obiettivo fissato dalla Strategia di Lisbona rinnovata per il 2010 (1,67 per cento). Il confronto con il resto delle regioni italiane evidenzia come l’incidenza della spesa in R&S sul PIL sia leggermente superiore al dato nazionale, poco distante da altre regioni del nord, quali Lombardia e Friuli. Si osserva che il Trentino, come la Lombardia e l’Emilia Romagna, migliorano la situazione del 2005 mentre l’UE15 ed il Lazio arretrano in maniera sensibile dai valori del 2005. La provincia di Trento mostra, in maniera ancora pi` evidente rispetto all’anno u scorso, il suo processo di continua crescita anche se il sistema locale della ricerca non pu` dirsi o ancora a pieno regime. L’analisi effettuata tra il contesto europeo, italiano, e provinciale (il Trentino), indica come le regioni/aree di medie dimensioni abbiano diverse risorse per poter prosperare nel nuovo sistema economico, ma indica anche che sono le aree urbane pi` grandi, presenti ad esempio in Piemonte u e in Lombardia, a mostrare l’equilibrio migliore in grado di alimentare e di sostenere il proces- so di innovazione. Le grandi aree metropolitane sembrano facilitate nella capacit` di attrarre e a mobilitare risorse umane e nel creare un ambiente che sia al tempo stesso culturalmente aperto e tecnologicamente avanzato. Le altre citt` /province mostrano invece maggiori difficolt` nella ca- a a pacit` di far leva sulla presenza di alcune realt` innovative, sia industriali che universitarie e di a a ricerca. Fra esse, l’eccezione sembra essere il Trentino, il quale anche attraverso un forte sistema della ricerca scientifica (Universit` , Fondazione Bruno Kessler), presenta valori sorprendenti per a o o ` quanto riguarda l’innovazione, sia di prodotto che di processo. Ci` che per` emerge, e la scarsit` a di imprese medio-grandi presenti in Trentino e in grado di fare da traino all’intera economia locale. Come sottolineato, le imprese trentine sono ai vertici per quanto riguarda il rapporto tra il totale delle imprese e quelle che effettivamente innovano. Se si osserva la tabella 1.15, allo stesso tempo per` si pu` osservare come la spesa sostenuta per l’innovazione, calcolata come percentuale sul o o ` ` totale italiano, risulta essere molto bassa. Quindi e vero che il Trentino innova, ma e altrettanto 30
  • 44. 1. L’innovazione 1.8 Obiettivi della tesi Figura 1.15: Incidenza della spesa R&S su PIL (anni 2005-2006) (Margherita Dei Tos, 2008) veritiero affermare che tale provincia presenta poche realt` (imprese) in grado di effettuare una a spesa sostenuta per l’innovazione. ` Osservato tali dati, e interessante sottolineare che queste realt` , come il Trentino, dove la ca- a ` pacit` di innovare e alta, non debbano muoversi da sole ma piuttosto in rete, seguendo logiche a comuni, coordinate, tra pi` centri urbani; e sappiano inoltre sviluppare rapporti con le realt` me- u a ` tropolitane pi` vicine. E importante che vi sia un sistema regionale (a volte nazionale) il quale u sostenga il coordinamento e gli investimenti locali, in modo che non si producano una molteplicit` a di piccoli sforzi isolati ma venga invece incoraggiata la creazione di reti di piccole e grandi citt` ,a all’interno delle quali i diversi soggetti, locali e nazionali, possano lavorare assieme per lo sviluppo e la crescita del territorio. 1.8 Obiettivi della tesi Il documento presente vuole cercare di verificare e quindi di applicare, se possibile, un modello teo- rico d’innovazione alla Provincia autonoma di Trento: l’Open Innovation, visto come lo strumento in grado di supportare e facilitare l’innovazione territoriale. Il primo capitolo cerca quindi di inquadrare la situazione economica attuale, introducendo i 31
  • 45. 1.8 Obiettivi della tesi 1. L’innovazione problemi e le soluzioni che le piccole e medie imprese devono affrontare per riuscire ad innovare. Il successivo invece, analizza il modello di innovazione aperto, l’Open Innovation, e sottolinea l’importanza del Sistema regionale di innovazione (RIS). Il terzo capitolo infine presenta la realt` a provinciale del Trentino, sottolineando proposte, strumenti e attori a supporto dell’innovazione e della territorialit` . a L’obiettivo quindi della tesi risulta essere duplice: da un lato verranno ricercati ed evidenziati gli elementi costituenti un sistema di innovazione, nello specifico un sistema regionale di innova- zione, mentre dall’altro si cercher` di analizzare e di verificare se la realt` del Trentino presenta o a a meno le caratteristiche necessarie per “abbracciare“ un modello di innovazione aperta. L’analisi della letteratura riguarder` principalmente i lavori effettuati dai massimi esperti e co- a noscitori del modello di innovazione aperta, come ad esempio Henry Chesbrough, e la trattazione di opere con tema di fondo i sistemi regionali di innovazione (si veda le opere di Philippe Cook). Si cercher` quindi di capire come l’innovazione risulti essere l’elemento catalizzatore in grado di mi- a gliorare e modificare la struttura territoriale a favore di un processo di crescita locale all’interno del Trentino; verranno evidenziati ed analizzati gli attori, gli strumenti, le infrastrutture di innovazione che permettono l’interazione tra il framework teorico dell’Open Innovation e la sua “traduzione“ pratica nei sistemi regionali di innovazione. 32
  • 46. Capitolo 2 L’approccio Open Innovation 2.1 Perch` si parla di Open Innovation e Come affermano alcuni autori, tra cui Chesbrough e altri (2006); EUROSTAT (2002); Shumpeter (2002); Fredberg e altri (2008), con l’evolversi dell’ambiente di riferimento, il modello di in- novazione tradizionale non pu` pi` essere considerato efficiente. Nella sfera economica attuale, o u caratterizzata da problemi sempre pi` complessi e interconnessi, come per esempio la competi- u a a u ` tivit` e la necessit` di raccogliere e gestire sempre pi` informazioni, e richiesto alle imprese un maggiore sforzo creativo ed innovativo, che comporta necessariamente un ripensamento dell’inte- ro processo di innovazione. Da alcune letture1 , si afferma che l’innovazione non pu` pi` essere o u localizzata all’interno di una singola azienda o in capo ad un singolo inventore, ma risulta essere il risultato di un ’“processo distribuito di interazione sociale e collaborazione tra differenti attori“, dove la base di conoscenze, la condivisione, l’apprendimento, la ricombinazione e l’accrescimento di queste giocano un ruolo fondamentale. Il sapere diviene quindi la base fondamentale per com- petere all’interno di mercati dinamici. Tale conoscenza si presenta spesso non codificata, tacita2 , radicata nella pratica; solo attraverso un apprendimento continuo, sar` possibile renderla utilizza- a bile e fruibile alle imprese. Essere in grado di condividere le esperienze che i singoli maturano quando risolvono un problema, pu` aumentare le capacit` ed abilit` di tutti coloro che possono o a a accedere a tale conoscenza. L’apprendimento va ricercato all’interno della ricerca e sviluppo, dove conoscenze interne ed esterne all’azienda entrano tra loro in contatto, generando a loro volta nuovo know-how in grado di produrre idee e soluzioni inaccessibili e impensabili alla riflessione isolata. Naturalmente, questo iter ha necessario bisogno di un framework in grado di coinvolgere l’intera 1 “Open Innovation: Researching a New Paradigm“; “Open Innovation: The New Imperative for Creating and Profiting from Technology“ 2 intrinsecamente legata all’esperienza, alle capacit` individuali, agli approcci utilizzati per risolvere i problemi a 33
  • 47. 2.1 Perch` si parla di Open Innovation e 2. L’approccio Open Innovation impresa, costituendo un modello capace di generare e stimolare percorsi innovativi differenti. Ad esempio, il Gore-tex, nato come materiale studiato appositamente per gli astronauti della NASA (National Aeronautics and Space Administration), ha poi trovato numerose applicazioni in settori diversi da quello originario, basti pensare a quelli dell’abbigliamento e delle calzature spor- tive. Pu` anche accadere che progetti innovativi sviluppati all’interno di un’azienda non trovino le o necessarie risorse ed il necessario supporto internamente per svariate ragioni: i progetti non rien- trano nel core business dell’azienda, non ci sono sufficienti risorse umane da dedicare al progetto. Anche in questi casi i confini aziendali non dovrebbero rappresentare un limite alle potenzialit` del a progetto, che pu` uscire ed essere sviluppato da un’azienda esistente che ne ha visto le potenzialit` o a oppure dare vita a nuovi spin-offs. E’ questo il caso ad esempio di molte tecnologie sviluppate all’interno del PARC (Palo Alto Research Center) della Xerox, acquistate da societ` come Apple, a ovvero alla base della nascita di nuove societ` , tra le quali ad esempio 3Com, Adobe e SynOptics. a Questi esempi portano a sottolineare che, proprio perch´ le conoscenze sono diffuse in una rete e di attori diversi e il processo di innovazione rappresenta un modello a intelligenza distribuita, le imprese dovrebbero sempre pi` cercare di entrare in contatto con il patrimonio di conoscenze di- u sponibile. Questo significa non solo favorire la creativit` e l’innovazione all’interno dell’impresa a ma riuscire anche a collegarla a spunti innovativi provenienti dall’esterno; nonch´ prevedere sen- e tieri sia interni che esterni per l’intero processo di sviluppo dei prodotti. E’ in questo senso che l’innovazione si connota come un processo aperto, diffuso ed informale, frutto dell’interazione di svariati attori, in una logica collaborativa che spesso produce risultati tanto positivi quanto inaspet- tati (Chesbrough, 2003). In contrapposizione al sapere formale, basato sulla scienza e conoscenze codificate, proprio dell’innovazione tradizionale, ora entrano in gioco anche l’esperienza e un dif- ferente tipo di conoscenza, la conoscenza tacita, che si trova radicata nella pratica dei vari attori protagonisti dell’innovazione sebbene in modo informale e non codificato. Alcuni grandi centri di ricerca, come per esempio in Italia l’AREA Science Park di Trieste, hanno gi` intrapreso scelte che delineano un trend evolutivo della ricerca verso una maggiore aper- a tura all’esterno e un maggiore grado di interrelazione con altri soggetti, nella convinzione che lo scambio di know how e una visione condivisa possa essere un punto di forza per affrontare i futuri contesti competitivi. Se si considera quindi l’innovazione come un fenomeno derivante dall’in- terazione tra pi` attori, appare di fondamentale importanza per un’impresa cercare di individuare u tali soggetti che, entrando in contatto con l’impresa, possono contribuire ad incrementarne la base di conoscenze e competenze a disposizione. In particolare, alcuni attori chiave potrebbero esse- re individuati in varie comunit` che condividono una pratica o una professione, consumatori e a comunit` di consumatori, fornitori e distributori, universit` e laboratori di ricerca; i vantaggi de- a a rivanti potrebbero accrescere le potenzialit` di creazione di nuova conoscenza, apprendimento e a know how (Roberta Cuel, 2008). In questo caso si parla di communities of practice. Tali comunit` a 34
  • 48. 2. L’approccio Open Innovation 2.2 Il modello Open Innovation raggruppano individui (ed organizzazioni) che si aggregano spontaneamente e in modo informale per condividere una pratica comune, ovvero attivit` , esperienze, interessi, passioni ed aspirazioni a comuni, o per cercare di risolvere un particolare problema, costituendo una fitta rete di relazioni, anche molto dinamiche, che rielaborano le esperienze all’interno di specifici contesti di azione, favoriscono l’apprendimento e generano nuova conoscenza. I distretti industriali italiani, in questo senso, potrebbero rappresentare degli esempi della for- mazione di comunit` : essi infatti rappresentano dei luoghi di interazione, apprendimento e anche a formazione grazie ai quali vengono condivise le conoscenze – a volte anche tacite e contestuali – presenti in un territorio e prodotte risposte creative e innovative in grado di far conseguire un vantaggio competitivo anche duraturo (per maggiori dettagli si rimanda al paragrafo relativo ai distretti). 2.2 Il modello Open Innovation Il concetto di un “sistema dell’innovazione”, che si deve a Christopher Freeman (1987); Lundvall ` (1992), per cui l’innovazione e il risultato di un processo interattivo che coinvolge pi` soggetti, u sottolinea il ruolo cruciale della condivisione di pratiche, attitudini, norme e valori che facilitano lo scorrimento del flusso di conoscenza e quindi favoriscono l’utilizzo e l’assorbimento di compe- tenze e tecnologie provenienti dall’esterno dell’impresa. Tale concetto “sfocia“ in quella che oggi ` e conosciuta come Open Innovation o innovazione aperta formalizzata da Chesbrough (2003): i confini delle aziende sono “aperti”, poich´ ricerca, sviluppo del prodotto e commercializzazione e avvengono in un ambiente aperto e in stretta collaborazione con altri soggetti (universit` , enti di a ricerca, clienti, fornitori, concorrenti). ` Open innovation e un nuovo paradigma con tante espressioni e tanti significati, nel senso che la sua definizione ha subito negli anni alcuni mutamenti. La parola nasce nel 2003 e l’autore Chesbrough (2003) ne definisce e descrive le caratteristiche nel libro dal titolo “Open innovation: The New Imperative for Creating and Profiting from Technology“. Egli delinea l’Open Innovation come “the use of purposive inflows and outflows of knowledge to accelerate internal innovation, and expand the markets for external use of innovation, respectively“. Inoltre Chesbrough afferma che: “Open Innovation is a paradigm that assumes that firms can and should use external ideas as well as internal ideas, and internal and external paths to market, as the firms look to advance their technology” (fig. 2.1). Come sottolineano diversi autori, Chesbrough e altri (2006); Chesbrough (2003), in un mon- do come quello attuale dove la conoscenza viene largamente diffusa e distribuita, le aziende non 35
  • 49. 2.2 Il modello Open Innovation 2. L’approccio Open Innovation Figura 2.1: Open Innovation (Chesbrough, 2003) possono basarsi solamente sui propri centri di ricerca interni e quindi sulle proprie risorse, ma dovrebbero: • comprare innovazione dall’esterno attraverso scambi con le altre aziende; • concedere in licenza le proprie innovazioni. Le invenzioni sviluppate internamente ma non utilizzate nel proprio business dovrebbero essere date all’esterno (attraverso contratti di licenza, joint ventures, spin-offs). Il percorso di innovazione si apre quindi anche in uscita. Con l’Open Innovation, come afferma Chesbrough (2006), l’innovazione diventa un fenomeno collettivo, dove idee e tecnologie possono provenire sia dall’interno sia dall’esterno, cos` come tutto ci` che viene sviluppato dall’azienda ı o pu` essere sfruttato internamente o rimesso in circolo sul mercato. o 2.2.1 Caratteristiche Open Innovation Analizzando la letteratura presente sull’Open Innovation (Fredberg e altri, 2008; Chesbrough e al- tri, 2006), risulta possibile delineare cinque “azioni” necessarie per favorire l’utilizzo dell’Open Innovation come modello di business all’interno di un’impresa: Networking : networking include tutte quelle attivit` per l’acquisizione e mantenimento delle a connessioni con le risorse di capitale umano esterne, come per esempio gli individui e le 36
  • 50. 2. L’approccio Open Innovation 2.2 Il modello Open Innovation organizzazioni. La letteratura riguardante l’Open Innovation sostiene l’importanza e quin- di i benefici derivanti dal networking come risorsa imprescindibile di nuova conoscenza e come strumento necessario per commercializzare la propria knowledge interna. La creazio- ne di connessioni e quindi di reti tra differenti imprese permette loro di soddisfare i propri bisogni senza la necessit` di spendere ingenti quantit` di tempo e denaro; costituiscono la a a base per la formazione di partnership tra aziende allo scopo di cooperare in modo formale a progetti, creare nuovi prodotti o semplicemente testare prototipi. Queste forme di partner- ship solitamente avvengono attraverso legami con clienti, competitors, fornitori, consulenti, associazioni industriali, universit` e altri centri di ricerca, organizzazioni non-profit (Che- a sbrough e altri, 2008). Per semplicit` , per configurare una rete di collegamenti ottimale, e a quindi per ottenere dei reali benefici con gli altri attori del sistema, si devono considerare sia le connessioni in ampiezza, che permettono di recuperare le risorse e la conoscenza non an- cora sfruttate,e sia quelle in profondit` , ovvero la capacit` di capitalizzare le proprie risorse a a interne. Questa caratteristica: • permette di ampliare il know-how aziendale, ottenendo nuova conoscenza dalle con- nessioni e dai collegamenti intrapresi con altri attori; • favorisce l’unione tra il mondo imprenditoriale e quello dei ricercatori, favorendo di fatto la creazione di un flusso di conoscenza tra due “sfere“ distinte. Per il singolo utente, invece, rende possibile il collegamento con gli imprenditori, aprendo la strada a nuovi collegamenti e legami; • permette di ottenere visibilit` e pubblicit` , di fatto essenziali per allargare i propri a a mercati; • crea, in alcuni casi, un’eccessiva dipendenza dai partner, con conseguente perdita di controllo delle proprie attivit` e della propria conoscenza. a Collaboration : la collaborazione e senza dubbio un’altra caratteristica essenziale del modello ` Open Innovation. La possibilit` di condividere i rischi e i costi relativi alle attivit` di ricerca a a e sviluppo costituiscono una realt` fondamentale ed importante, soprattutto perch´ permet- a e tono di acquisire allo stesso tempo conoscenza esterna e capabilities. Un esempio sono le collaborazioni tra imprese ed universit` (Eric Von Hippel, 2005). Quando si parla di colla- a borazioni, l’elemento base risulta essere l’utente. Infatti, i singoli individui assumono una rilevanza particolare; in effetti, tali interazioni permettono alle aziende di ovviare ad alcuni limiti nella propria raccolta di input esterni, includendoli all’interno di operazioni di co- develop di prodotti o tecnologie, come gi` avviene per esempio per la creazione di software a open source (Joachim Henkel, 2006; Eric Von Hippel, 2005). La conseguenza pi` importante u riguarda la riduzione dei costi previsti per l’attivit` di R&S. La collaborazione: a 37
  • 51. 2.2 Il modello Open Innovation 2. L’approccio Open Innovation • permette di diminuire i tempi e i costi di ricerca, utilizzando sia conoscenza interna, sia quella acquisita dall’esterno; • amplia il know-how aziendale, poich´ , come gi` sottolineato, permette di acquisire e a conoscenza esterna ai confini aziendali; • permette di sondare il mercato e le esigenze dei consumatori, risparmiando di fatto sui tempi di ricerca e sviluppo di nuovi prodotti; • aumenta il rischio di perdita della conoscenza interna all’azienda, poich´ viene condi- e visa con altri attori del sistema, sia interni e sia esterni all’impresa stessa. Corporate entrepreneurship : l’imprenditorialit` aziendale implica che le imprese possono sce- a gliere differenti strategie sia per commercializzare la propria conoscenza interna, e sia per acquisirne di esterna. Tra le principali attivit` imprenditoriali possiamo citare il venturing, a l’intrapreneurship e lo spinning-off. Il venturing aziendale solitamente riguarda le grandi im- prese, le quali investono in nuove o gi` esistenti attivit` . Come afferma Chesbrough (2006), a a questa particolare forma imprenditoriale permette di recuperare innovazioni che preceden- temente erano state abbandonate o semplicemente non pi` utilizzate; permette di creare una u potenziale opportunit` di business all’interno di un nuovo mercato. a a ` La base dell’attivit` di intrapreneurship e quella di riconoscere un’opportunit` , sfruttarla e a credere che lo sfruttamento di quella opportunit` , che si differenzia dalle pratiche precedenti, a avr` successo e perseguir` gli obiettivi della organizzazione. L’intrapreneurship pu` essere a a o promosso in diversi modi, per esempio investendo nelle idee e iniziative degli impiegati; ` creando team di lavoro a cui e dedicato un proprio budget d’innovazione (Chesbrough, 2006). La motivazione alla base della scelta di utilizzare come attivit` imprenditoriale lo spinning- a off, risiede, secondo Chesbrough (2003), soprattutto nella sfera finanziaria piuttosto che in quella prettamente strategica. Con il termine spin-off si indica quella modalit` di nascita di a una nuova impresa in cui sono coinvolte risorse umane che si distaccano da una determinata organizzazione. Si crea, quindi, un nuovo spin-off ogni volta che soggetti, impegnati in contesti industriali, accademici o istituzionali, danno vita ad una iniziativa imprenditoriale, valorizzando le esperienze professionali e il know how maturato. La costituzione di queste ` particolari tipologie di aziende, e un’importante strumento di Trasferimento Tecnologico che consente di diffondere sul mercato le conoscenze specifiche sviluppate nelle strutture di ricerca. Il ricorso ad attivit` imprenditoriali: a • permette di trovare soluzioni innovative attraverso investimenti a rischio nullo o quasi; • aumenta il rischio di perdita del controllo dell’attivit` stessa, poich´ non pi` in possesso a e u di un’unica persona, ma controllata da pi` attori; u 38
  • 52. 2. L’approccio Open Innovation 2.2 Il modello Open Innovation IP management : all’interno del modello Open Innovation, le idee e la conoscenza interne ad un’impresa equivalgono, in termini d’importanza e di utilit` , a quelle presenti invece al di a fuori dei loro limiti aziendali. Proprio per questo, l’autore Chesbrough (2006), sostiene il ruolo cruciale assunto dal corretto uso della propriet` intellettuale all’interno di un azien- a da. Per l’appunto, attraverso strumenti, quali per esempio i brevetti, i copyrights e i trade- mark, per le imprese diventa possibile la gestione della propriet` intellettuale, sia in entrata, a ottenendo nuova conoscenza, sia in uscita, ricavando dei profitti dalla propria conoscen- za non pi` utilizzata e quindi divenuta per l’azienda stessa obsoleta. Dal report “OECD u Information Technology Outlook“, (OECD, 2008), si osserva che negli ultimi anni questo processo relativo alla gestione della propriet` intellettuale sta interessando via via sempre a pi` paesi, incrementando di fatto il mercato relativo ai patent licensing; come gi` osserva- u a to nei paragrafi precedenti, il modello Open Innovation interessa principalmente le grandi imprese. Sempre secondo tale report, l’incidenza dell’uso della gestione della propriet` in-a ` tellettuale e concentrata maggiormente all’interno di specifiche industrie, quali per esempio quelle farmaceutiche, chimiche, elettroniche ed informatiche. La gestione della propriet` a intellettuale: • permette di sfruttare le conoscenze e le tecnologie a disposizione, proteggendo di fatto importanti informazioni da un uso esterno; • consente di dare sfogo alla conoscenza tacita; • crea dei problemi con la stessa propriet` intellettuale, nel senso che le aziende devono a costruire sistemi via via pi` sofisticati per proteggere la propria conoscenza da abusi u esterni. Di fatto, il managing dell’innovazione diviene pi` complesso, soprattutto per u l’incremento della competitivit` mondiale e per la creazione di software e sistemi in a grado di penetrare vari sistemi di gestione della propriet` intellettuale. a R&S : l’area preposta alla ricerca e sviluppo presente all’interno delle imprese assume un ruolo importante essenzialmente per due ragioni: per prima cosa essa rappresenta una fonte pre- ziosa di conoscenza e di performance, nonostante le imprese abbiano aperto i propri confini aziendali verso l’acquisizione di risorse e capabilities esterne; in effetti, tuttora molte azien- de sviluppano nuovi prodotti e li inseriscono sul mercato attraverso la propria funzione di ricerca e sviluppo. Il secondo motivo riguarda invece l’importanza che essa assume come strumento per mantenere ed ottimizzare la capacit` di “assorbimento“ di risorse esterne ri- a cercate ed ottenute da altre imprese. Questa capacit` di assimilare, valorizzare ed utilizzare a ` nuove idee e conoscenze e la ragione principale per cui le imprese devono continuare ad investire nella ricerca e sviluppo (Chesbrough e altri, 2008). Dello stesso pensiero risul- ta essere Chesbrough (2006): “You cannot be an informed consumer of external ideas and technology if you don’t have some very sharp people working in your own organization. 39
  • 53. 2.2 Il modello Open Innovation 2. L’approccio Open Innovation Not all the smart people work for you, but you still need your own smart people to identify, recognize, and leverage the work of others outside your company“. Quest’area: • fornisce all’azienda pi` flessibilit` ai mutamenti esterni, permettendo di fatto l’acqui- u a sizione e la gestione di conoscenza esterna. Riassumendo, si pu` affermare che le caratteristiche principali dell’Open Innovation riguarda- o no la frammentazione e la delocalizzazione non pi` soltanto di segmenti dei processi di produzione u ma anche dei processi di R&S. Attirato da fattori quali la disponibilit` di capitale umano di alta a qualit` e basso costo, un numero crescente di imprese multinazionali dei paesi avanzati trasferisce a nei nuovi paesi emergenti componenti importanti dei loro processi di innovazione (Eurostat, 2007). Nella Open Innovation le imprese condividono con altre imprese i loro impegni in attivit` di R&S a al duplice scopo di approfittare della messa in comune del pool di conoscenze e di instaurare rap- ` porti di mercato con le altre imprese coinvolte. E noto, infatti, che una parte anche considerevole dei risultati degli investimenti in innovazione non sono tradotti in applicazioni produttive dalle im- prese che le producono. Nel modello tradizionale i prodotti del processo di innovazione vengono, a volte, brevettati al solo scopo di sottrarre un vantaggio competitivo ai concorrenti. Nel nuovo modello la fase di collaborazione tra imprese nel processo di acquisizione ed elaborazione della ` nuova conoscenza e molto pi` approfondita e diffusa e da qui ne possono discendere vantaggiosi u scambi di prodotti dell’innovazione, brevetti, licenze. Quest’ulteriore meccanismo di produzione ` di valore e poi amplificato da un altro aspetto del nuovo modello di innovazione: il ruolo cre- scente dell’innovazione guidata dagli utilizzatori dell’innovazione medesima, siano essi imprese o consumatori (Chesbrough e altri, 2006). Differenze tra Closed e Open Innovation Osservando le figure relative al Closed / Open Innovation (fig. 1.5 e fig. 1.6), presenti nel para- grafo 1.4, si pu` asserire che nel modello Open gli input arrivano da fonti sia interne sia esterne o favorendo lo sviluppo di un maggior numero di idee e soluzioni. Nel modello Open Innovation, sempre secondo Chesbrough e altri (2006), l’approccio alla ricerca si presenta pi` dinamico e u ` meno lineare: la filosofia di fondo che sta dietro a questo nuovo approccio e che in un mondo di conoscenze ampiamente distribuite, le aziende non possono permettersi di fare esclusivamente affi- damento sulle proprie ricerche, ma devono costruirsi un tessuto di collaborazioni e di interscambio di know-how che arricchisca un intero ecosistema di aziende, partner e utenti/clienti. La tabella 2.1 propone un utile confronto tra i principi ispiratori dell’Open Innovation contrapponendoli ai principi tipici di un approccio tradizionale. Uno dei vantaggi pi` evidenti dell’Open Innovation e la u ` possibilit` di attingere ad una base pi` vasta di idee e tecnologie da sfruttare per la crescita interna. a u 40
  • 54. 2. L’approccio Open Innovation 2.2 Il modello Open Innovation Tabella 2.1: Differenze tra closed/open innovation (Chesbrough, 2003) ` Molte innovazioni nascono al di fuori del proprio perimetro ed una gran parte di esse e generata da ` piccole aziende, da start-up finanziate da venture capitalist, il cui scopo e quello di creare tecnolo- gie e modelli di business dirompenti (Chesbrough, 2003). In conclusione, dal confronto tra Closed Innovation ed Open Innovation si nota chiaramente come i due modelli siano uno l’antitesi dell’al- tro. Emerge quindi che all’interno del modello chiuso risulta importante concentrarsi solamente solo sulle proprie risorse interne, sia per quanto riguarda l’ideazione di nuovi prodotti/processi, sia per competere all’interno di mercati competitivi. Non importa se all’esterno dell’impresa vi siano conoscenze utili ma inutilizzate da altri; secondo questo modello, chi crea le migliori idee e chi la commercializza per primo avr` sicuramente la porzione di mercato pi` ampia. Ogni lavoro, o a u processo all’interno dell’azienda, dovr` essere necessariamente “governato“ e controllato da per- a ` sone interne all’impresa stessa; quello che si osserva nell’innovazione aperta e l’esatto contrario. Apertura verso l’esterno, processi e procedure interne all’impresa affidate in outsourcing; ci` che o ` conta realmente, e creare un ambiente di lavoro, una metodologia di apprendimento, in grado di supportare efficacemente le risorse e le conoscenze proveniente dall’esterno. 2.2.2 Impatti dell’Open Innovation Con l’Open Innovation, come sostiene Chesbrough (2003, 2006) l’innovazione diventa un feno- meno collettivo, dove idee e tecnologie possono provenire sia dall’interno sia dall’esterno, cos` ı come tutto ci` che viene sviluppato dall’azienda pu` essere sfruttato internamente o rimesso in o o 41
  • 55. 2.2 Il modello Open Innovation 2. L’approccio Open Innovation circolo sul mercato. I principali indicatori che delineano questa situazione, ovvero di riconoscere il modello dell’Open Innovation come una fonte di reddito, sono i seguenti: • cost saving • revenue growth Secondo Chesbrough (2003), uno dei principali benefici dell’Open Innovation risulta essere quello di diminuire i costi relativi allo studio e alla creazione di nuovi prodotti; infatti, attraverso la rete di collegamenti con le altre imprese, diviene possibile la raccolta di prodotti e soluzioni gi` realizzate, e quindi utilizzabili dall’impresa senza il bisogno di intraprendere lunghi cicli di a produzione; i rischi derivanti dal possibile fallimento sono quindi condivisi con le altre imprese. ` L’obiettivo dell’Open Innovation e quello di velocizzare la raccolta di nuove conoscenze in maniera tale da ridurre drasticamente il ciclo di vita dello sviluppo dei prodotti, e quindi di lanciare i propri prodotti sul mercato nel minor tempo possibile all’interno di una logica di forte competizione dei mercati. ` Procter & Gamble, per esempio, e un’azienda pioniera dell’Open Innovation. A.G. Lafley, CEO di Procter & Gamble, (Frank Evan, 2007), riporta che il 50 per cento delle innovazioni svi- luppate dalle imprese proviene dallo sviluppo congiunto con i partner aziendali, mentre circa 6 anni fa tale percentuale era solamente del 15 per cento. Nel 2003, i profitti per l’azienda Proc- ` ter & Gamble ammontavano a 43.37 miliardi di dollari; nel 2008, tale cifra e quasi raddoppiata, raggiungendo quota 83.5 miliardi di dollari. In questo periodo di tempo, il budget riservato alla ` sezione ricerca e sviluppo e passato da 1.92 miliardi di dollari a 2.32 miliardi di dollari. La cosa ` che pi` colpisce e la percentuale di profitto proveniente dalla ricerca e sviluppo: nonostante in tale u periodo gli investimenti relativi alla R&S siano aumentati, si passa dal 4.8 per cento del 2003 al 3.4 per cento del 2008; ovvero, nonostante un incremento dell’investimento nella ricerca e sviluppo, ` i profitti derivanti da tale settore sono diminuiti. Questo significa che e sicuramente importante investire nelle proprie risorse interne, ma che allo stesso tempo risulta determinante aprire i propri confini aziendali verso l’esterno, attraverso per l’appunto il modello dell’Open Innovation. Procter ` & Gamble non e l’unico esempio: Sealed Air, Xerox, Schlumberger e altre delle aziende pi` grandi u degli USA continuano a coltivare e creare collegamenti con i propri partner alla ricerca di maggiori profitti. L’approccio Open Innovation, oltre a consentire riduzione di tempi e costi di ricerca, diventa una fonte di reddito perch´ porta a cedere a imprese non concorrenti le tecnologie prodotte. Come e ` e stato sottolineato nel paragrafo 2.2.1, solitamente le tecnologie sviluppate vengono utilizzate per ` realizzare prodotti finali da lanciare sul mercato. E possibile per` valorizzare tecnologie che non o hanno raggiunto il livello finale di sviluppo e che non appartengono al core business; un modello 42
  • 56. 2. L’approccio Open Innovation 2.2 Il modello Open Innovation d’innovazione pi` aperto genera nuovi profitti provenienti dalle conoscenze sviluppate “in casa” u che rimarrebbero largamente inutilizzate, ed allo stesso tempo genera risparmi di costi e tempo appoggiandosi alle risorse esterne (fig. 2.2) (Chesbrough, 2006). ` Figura 2.2: L’ambiente di Business e mutato (Chesbrough, 2006) Quando si discute sulla capacit` /possibilit` da parte delle imprese di ricavare un guadagno dalle a a proprie conoscenze, prodotti, idee non pi` necessarie o comunque non pi` utilizzate, lo strumento u u da utilizzare in grado di regolamentare questo meccanismo va ricondotto alle leggi in materia di propriet` intellettuale. Con il termine propriet` intellettuale (IP) tradizionalmente viene indicato a a tutto il sistema giuridico di tutela di beni immateriali. Nel tempo questo concetto ha acquistato forte rilevanza economica, al punto da indurre il legislatore a valutarne con sempre maggiore at- tenzione il relativo fenomeno (Giuseppina Pepoli, 2008). Il sistema protegge i frutti dell’attivit` a creativa e dell’inventiva umana, genericamente inquadrati in tre grandi aree: il diritto d’autore, quello dei brevetti e, quello del diritto dei marchi. Ai creatori ed agli inventori, quindi, viene at- tribuita l’esclusiva relativamente allo sfruttamento del frutto dei loro sforzi creativi, fornendo loro anche gli strumenti giuridici per tutelarsi da abusi ad opera di terzi. Qualora l’inventiva e la capacit` a di creare divengano motore dello sviluppo economico sostenibile della competitivit` delle imprese, a ovviamente consegue la necessit` di implementare attivit` di ricerca efficaci e mirate che compor- a a ` tino, anche, il miglioramento del contesto sociale nel quale si opera. E superfluo sottolineare come le imprese, nel momento in cui abbiano la possibilit` di recuperare gli investimenti devoluti per a attuare tale progetto - sia mediante la produzione diretta sia attraverso un’utilizzazione alternativa del titolo brevettuale - siano maggiormente incentivate ad impegnarsi e ad operare con pi` entu- u siasmo. D’altronde la possibilit` di una tutela adeguatamente forte del proprio marchio, implica a 43
  • 57. 2.2 Il modello Open Innovation 2. L’approccio Open Innovation anche una maggiore visibilit` dell’impresa a livello nazionale e internazionale, contribuendo atti- a vamente a mantenere le proprie quote di mercato e divenendo un valido strumento di promozione di idee creative ed innovative (Alessandro Rossi, 2008; Joachim Henkel, 2006). Le aziende che hanno abbracciato il modello Open Innovation devono conoscere i rischi e quindi devono necessariamente proteggere la propria propriet` intellettuale. Questo nuovo para- a digma considera le idee e la conoscenza esterne all’azienda molto importanti, tanto da considerare la creazione di sistemi in grado di gestire la propriet` intellettuale (IP Management); quest’ultimo a assume quindi un ruolo cruciale all’interno dell’Open Innovation (Chesbrough, 2006). La propriet` intellettuale pu` essere ottenuta ed utilizzata attraverso strumenti quali brevetti, a o trademark o copyrights (tab.2.2), o pi` semplicemente pu` essere trattenuta all’interno dell’azien- u o da stessa, come succede per esempio all’interno di organizzazioni che abbracciano il paradigma Closed Innovation allo scopo di impedire ai propri competitor di ottenere vantaggi dalle proprie esperienze e conoscenze (Birgitte Andersen, 2008). Inoltre, secondo il report “OECD Information Tabella 2.2: Tools per la protezione della propriet` intellettuale (Birgitte Andersen, 2008) a Technology Outlook“, (OECD, 2008), si afferma che negli anni si sta proponendo, come effettivo incentivo all’adozione di un modello di business aperto, l’incremento dell’utilizzo di forme di li- censing verso partner esterni in cambio di un pagamento di una tassa (fees) sui diritti d’autore. Le imprese inserite in un contesto di Open Innovation hanno si un necessario bisogno di accedere ad IP esterne, ma allo stesso modo cercano di ottenere profitto da idee e conoscenze non pi` utilizzate u nel contesto aziendale e che quindi possono diventare utili ad altre aziende aventi differenti modelli di business. Nell’ultimo decennio infatti la quota relativa ai profitti derivanti dall’utilizzo di licenze ` e notevolmente incrementato negli Stati Uniti (si passa dai 100 milioni di dollari nel 1998 ai quasi 44
  • 58. 2. L’approccio Open Innovation 2.2 Il modello Open Innovation 500 milioni previsti per il 2000), ma soprattutto anche nei paesi nord europei, come Svezia e FIn- landia (Fredberg e altri, 2008). L’incidenza di queste forme di utilizzo della propriet` intellettuale a risente notevolmente dalla tipologia e dal settore in cui opera l’azienda; le imprese maggiormente interessate sono quelle farmaceutiche, chimiche, elettroniche ed informatiche (incluso il settore ICT). Le leggi in materia di propriet` intellettuale (IPR) sono quindi fondamentali: risultano un inte- a ressante incentivo per la ricerca e sviluppo interne all’azienda, ma sono essenziali per una corretta gestione delle stessa propriet` intellettuale all’interno dell’organizzazione allo scopo di evitarne un a ` cattivo utilizzo. Il problema che si pone e quindi riferito alla necessit` di supportare l’IP tramite a l’utilizzo di un robusto sistema di IPR, con un alto livello di certezza legale, bassi costi di transa- zione e l’utilizzo di un portfolio di brevetti in grado di raccogliere tutte le forme di IP presenti in azienda (Chesbrough, 2006; Sullivan, 1998). La soluzione (fig.2.3), promossa da Sullivan (1998), potrebbe essere quella di utilizzare un sistema di gestione della propriet` intellettuale (IPMS), il quale permetta di collegare tra loro il a portfolio dei brevetti di un’azienda con la strategia di business della stessa (Sullivan, 1998). 18 Innovation Generating Patenting Process New decision Innovations Budget and IP Maintenance Portfolio Decision Categori- Database zation decision Portfolio Maintenance Internal Sourcing Enforcement Decision Valuation Business and External market strategy Competitive Sourcing Review and Assessment analysis Source of New Commercialization Innovation Decision Decision (Store) Strategic Position Figure 8. The intellectual property management system (Sullivan, 1998, 113) Figura 2.3: Tools per la protezione della propriet` intellettuale (Sullivan, 1998) a The generation of candidate intellectual property includes three different tasks. The first is the overseeing of the innovation process. Usually, firms have the specific descriptions of their innovation process, where stages: research, development and product creation, are identified. It is needed for continue/discontinue – decisions, investment decisions and resource allocation. The second task is about generating new patents. This is a crucial part 45 and it determines the future of the firm. That is why the technology and business analyses
  • 59. 2.3 Open Innovation e Regional Innovation System 2. L’approccio Open Innovation Secondo uno studio effettuato presso il Birkbeck College di Londra, (Birgitte Andersen, 2008), il valore ricavato da un corretto utilizzo di un sistema di gestione della propriet` intellettuale a avviene attraverso le seguenti iterazioni o relazioni: Buying and selling : quando la propriet` di un IP e trasferita tra compratore e venditore; a ` Licensing in e out : si tratta di un contratto nel quale una o pi` aziende ottengono l’accesso al- u la propriet` intellettuale in cambio del pagamento del diritto d’autore. In questo caso la a ` propriet` non e trasferita ma solamente il diritto all’uso; a Sharing IPR : possibilit` di scegliere di condividere la propriet` e l’accesso alle IPR; a a Cross licensing : condivisione reciproca di IP tra differenti aziende senza lo scambio effettivo del diritto di concessione a patto che le imprese coinvolte ottengano lo stesso valore; Pooling IPR : e del tutto simile al cross licensing, con la differenze che un’azienda pu` ottenere ` o l’accesso alla IP senza l’obbligo di condividere la propria. Naturalmente questi tipi di iterazioni non sono gli unici: infatti, le aziende possono decidere di effettuare altri tipi di operazioni sulla base del tipo di IPMS necessario al proprio scopo. 2.3 Open Innovation e Regional Innovation System La complessit` delle conoscenze necessarie alla R&S, la necessit` di commercializzare un’inno- a a vazione in un contesto globale altamente competitivo, in tempi sempre pi` brevi, hanno aperto e u dilatato negli ultimi anni lo spazio all’interno del quale le imprese possono e devono sviluppa- re o cercare nuova conoscenza scientifica e tecnologica. Tra le politiche di sviluppo industriale che hanno interessato anche l’Italia nel corso degli ultimi decenni, in relazione anche a interven- ti attuati a livello internazionale ed europeo rientra la creazione dei centri per l’innovazione e il Trasferimento Tecnologico (ISTAT, 2008). Le iniziative sia in Europa che in Italia hanno visto le Regioni, in ragione della loro crescente autonomia istituzionale e del loro ruolo come sistemi locali di innovazione (Regional Innovation Systems) come soggetto intermediario qualificato per l’elaborazione e implementazione di politiche per il Trasferimento Tecnologico. L’obiettivo di tali politiche si sostanzia nella creazione di una rete di soggetti qualificati e in grado di offrire servizi specifici e ad alto contenuto tecnologico a supporto dei processi innovativi delle imprese (Cooke, 2008). Secondo uno dei massimi esponenti e studiosi dei sistemi regionali di innovazione (Regional In- novation System), (Cooke, 2008), la R&S contemporanea necessita altres` di essere co-organizzata ı 46
  • 60. 2. L’approccio Open Innovation 2.3 Open Innovation e Regional Innovation System come comunit` di ricerca ad alta formazione integrata nel territorio, al fine di sviluppare processi a pi` dinamici di generazione del sapere e di apprendimento interattivo e partecipato, tramite reti u di conoscenza e innovazione aperte a molteplici attori, locali e internazionali. Proprio per questo motivo, all’interno di un sistema regionale d’innovazione (R&S) diviene quasi naturale, e quindi risulta possibile, applicare il modello dell’Open Innovation tra Enti di Ricerca pubblici, reti d’Im- presa, Universit` e gli altri attori coinvolti, poich´ tale sistema ne accoglie ed amplifica gli aspetti a e caratterizzanti, come la collaborazione, l’apertura verso l’esterno e viene dato un effettivo risalto al ruolo assunto nella gestione della conoscenza. In questo maniera, “aggregando“ i diversi attori all’interno di un “confine“ si crea un’interfaccia comune, la quale riesce a catalizzare i proces- si di innovazione, perseguendo strategie globali a dimensione regionale e creando nuovi settori produttivi e nuove tecnologie. 2.3.1 Regional Innovation System Sulla spinta del rafforzarsi degli approcci evolutivi e neo-istituzionali, a partire dagli anni ’80 incominci` a svilupparsi un nuovo approccio, incentrato sulla nozione di “sistema nazionale d’in- o novazione” (National Innovation Systems), in sigla NIS. Questo approccio, riconducibile ai lavori di Lundvall (1992); Christopher Freeman (1987), si fonda sul riconoscimento che il processo di ` innovazione e di natura sociale, in quanto ha origine dalle interazioni tra le imprese innovative e altre istituzioni, quali i fornitori, le universit` , i centri di ricerca, i dipartimenti governativi, le isti- a tuzioni finanziarie e gli utilizzatori finali. Le nuove conoscenze richieste per produrre innovazione sono generalmente create attraverso lo sforzo congiunto di questi attori, i quali tuttavia operano all’interno di una “struttura istituzionale” (institutional setting) e con il supporto delle istituzioni formali. ` Negli anni pi` recenti, crescente attenzione e stata data invece alla dimensione regionale piutto- u sto che a quella nazionale, introducendo il concetto di Regional clusters of Innovation o di Regional Innovation System. Questo crescente interesse nei confronti della dimensione regionale ha anche portato a una progressiva valorizzazione delle caratteristiche, per cos` dire, “identitarie” di una re- ı gione, fino a considerare le regioni stesse come “attori” in competizione tra loro nell’arena globale. Nel contesto della globalizzazione, la dimensione regionale ha assunto una rilevanza “critica”, in quanto la competitivit` si basa sull’innovazione e questa si fonda principalmente sulla conoscenza a tacita e sull’apprendimento, entrambi fattori che sono fortemente facilitati da due elementi. Il pri- ` mo e rappresentato dalla prossimit` , che favorisce frequenti e strette interazioni, sia formali, che a ` informali. Il secondo e costituito dalla partecipazione a una stessa cultura regionale, che rende pi` u facili i processi di apprendimento (Lucia Aiello, 2008). 47
  • 61. 2.3 Open Innovation e Regional Innovation System 2. L’approccio Open Innovation Cooke (2008) ha definito un sistema regionale di innovazione: “An effective RIS is a self- organising, open system which translates exploration knowledge from inside or outside the RIS, through a process of examination of that knowledge to test and trial it for dangerous performance under stress conditions, to the point where it can be successfully exposed to exploitationknowledge in the form of a commercial innovation on the market embodying new knowledge, whether scien- tific, technological or creative.“ L’acronimo RIS, ovvero Regional Innovation System, pu` quindi o essere pensato come una “collezione“ di relazioni economiche, politiche ed istituzionali che at- traverso un processo collettivo di apprendimento, all’interno di una determinata area geografica, svolgono la funzione di creazione, uso e condivisione di conoscenza e best practise (Doloreux e Parto, 2004). In altre parole, pu` essere inteso come un’infrastruttura istituzionale a supporto del- o l’innovazione presente all’interno di una struttura industriale di una regione, dove per l’appunto questo ambiente favorisce la nascita e la crescita di una cultura d’innovazione in grado di sostenere e di migliorare le prestazioni di ciascun attore coinvolto nel processo di creazione di conoscenza. ` La scelta della dimensione “regionale” come unit` di analisi e dettata dalla constatazione che a il contesto istituzionale all’interno del quale avviene il processo interattivo tende a differire forte- mente da “Regione“ a “Regione“. Cooke (2008), pur riconoscendo che empiricamente i “confini” e gli attori di un sistema di innovazione regionale possono variare, identifica una serie di attori chiave che compongono un RIS: • le imprese, incluse le organizzazioni che esse creano (consorzi) e le loro sotto unit` (ad a esempio, i loro laboratori di ricerca e sviluppo); • le universit` , come fonti di personale qualificato e produttrici di ricerca di base; a • i centri di ricerca pubblici, come catalizzatori delle interazioni tra pubblico e privato; • le banche di investimento e le altre istituzioni finanziarie di supporto, come fornitrici di venture capital; • le istituzioni di regolazione, come gli uffici brevetti o i dipartimenti delle amministrazioni pubbliche locali; • gli utilizzatori finali, comprese le istituzioni pubbliche, quando acquisiscono beni o servizi dal mercato. ` ` L’idea chiave, secondo Cooke (2008), e quella secondo cui l’innovazione e un processo di apprendimento continuo, che avviene attraverso il ricorso a routines (learning by doing), l’utiliz- zazione delle tecnologie e delle conoscenze (learning by using) e l’interazione tra attori (learning by interacting). L’interazione gioca un ruolo decisivo, in quanto gran parte delle innovazioni si 48
  • 62. 2. L’approccio Open Innovation 2.3 Open Innovation e Regional Innovation System fonda su conoscenze tacite, cio` non formalizzate, che possono essere apprese solo attraverso un e rapporto interattivo e non mediante altre forme (ad esempio, lo studio di testi). Cooke e Morgan (1998) identificano 3 ragioni principali che sottolineano perch´ il livello e ` regionale e divenuto cos` importante: ı ` 1. Negli anni, vi e stato un notevole incremento delle forme di esternalizzazione (outsour- cing) nella produzione di beni e servizi da parte delle grandi aziende, con una conseguente “esplosione“ di numerose piccole aziende a livello regionale; ` 2. Una diretta conseguenza di questo fenomeno e l’incremento di specializzazione di alcune economie regionali, le quali iniziano tra loro uno scambio di conoscenza tacita; 3. Visto la crescita di questo sentimento di “regionalit` “, nuovi investitori e nuovi attori si a interessano a quello sistema, appoggiandolo e promuovendolo, visto anche la contemporanea crisi delle economie nazionali. ` La regione e vista come la dimensione ottimale per stimolare l’innovazione e la competitivit` ;a l’innovazione risulta essere localizzata, localmente embedded: questo termine risulta essere uno dei pi` appropriati per definire il termine regione, poich´ ne risalta le caratteristiche di interdi- u e pendenza e di interconnessione presenti al proprio interno. Secondo diversi autori, Cooke (2008); Doloreux e Parto (2004), una struttura industriale con caratteristiche locali permette di creare non solo condizioni quali il dinamismo e la flessibilit` , ma anche: a • facilita e promuove l’innovazione e l’apprendimento tra le aziende che vi sono al proprio interno; • facilita e favorisce la routine, la condivisione di valori, norme e leggi che facilitano le in- terazioni tra gli attori e quindi anche processo di trasmissione, gestione e scambio della conoscenza - si crea un senso di appartenenza; • massimizza l’uso del proprio capitale umano e sociale; • permette la coesione sociale, la quale diventa un concetto sociale, o meglio un prerequisi- to per migliorare l’abilit` di assorbimento e distribuzione delle nuove abilit` e conoscenze a a attraverso le varie forze presenti all’interno della regione; • favorisce la reciprocit` e la cooperazione tra i vari attori del sistema; a • favorisce il trasferimento della conoscenza, chiave fondamentale per l’innovazione. 49
  • 63. 2.3 Open Innovation e Regional Innovation System 2. L’approccio Open Innovation Alla luce delle teorie del knowledge management ad esempio, ogni sistema regionale di innova- zione si presenta come il luogo in cui un set di informazioni, come tali formalizzabili e trasmissibili (le conoscenze che provengono dalle strutture universitarie, ma anche le modalit` di gestione dei a processi di innovazione, etc.) si trasforma in un insieme di conoscenze ancorate a una determina- ta situazione spaziale e temporale, profondamente radicate nella dimensione cognitiva degli attori locali e, per questo, uniche e irripetibili. Sempre secondo tali autori, le condizioni abilitanti lo sviluppo di un Regional Innovation System sono: • facilitare policy e strategie di promozione e sviluppo di RIS; • pu` sorgere anche in aree aventi una struttura economica diversificata; o • le istituzioni pubbliche devono assumere un ruolo importante come collegamento tra i vari attori del sistema; • una regione deve essere in grado di attirare a se capitale umano di valore e deve essere aperta a nuovi scenari; • le aziende presenti all’interno di una regione devono mantenere i collegamenti con i mercati esterni, e non isolarsi; • ridurre i conflitti politici creando una cultura aperta, trasparente, ed una piattaforma (sociale, tecnologica) in grado di unire e collegare i vari attori. Risulta quindi facile rilevare come, dietro i sistemi regionali di innovazione, ci siano sempre processi pi` profondi di mutamento sociale, economico, tecnologico e culturale cui esse devono u necessariamente innestarsi, riconfigurando l’intero sistema locale dell’innovazione. ` Uno degli aspetti pi` importanti di un sistema regionale di innovazione e rappresentato dai u flussi di conoscenza, poich´ , a differenza del sistema nazionale o internazionale, la conoscenza e tacita viene facilmente trasferita tra i diversi attori del sistema (Cooke, 2008). E’ vero, anche ` all’interno di un RIS vi e il problema di come esplicitare la conoscenza tacita; infatti il processo di codifica non risulta essere istantaneo, poich´ comprende essenzialmente le procedure di analisi, e costruzione, organizzazione e realizzazione. Per ovviare e per velocizzare tale processo, spesso si fa ricorso a consulenti esterni, i quali per` introducono un’ulteriore problema. Quando si effettua o l’operazione di codifica, spesso il risultato risulta legato prettamente a dei punti di vista della persona che ha effettuato tale lavoro. Quindi, si pu` dire che niente e nessuno risulta essere esente o ´ da problematiche, ma e anche possibile dire che i sistemi regionali di innovazione introducono molti vantaggi, e “micro“ problemi. 50
  • 64. Capitolo 3 La Provincia Autonoma di Trento L’obiettivo di questo capitolo risulta essere quello di verificare la possibilit` di applicare al terri- a torio del Trentino un modello di innovazione aperta. All’interno di questa analisi, gioca un ruolo ` fondamentale la Pubblica Amministrazione: essa e in grado di favorire o meno l’innovazione, attraverso una serie di leggi ed incentivi; sostenere l’economia e la ricerca applicata attraverso fi- nanziamenti. Le imprese e il sistema della ricerca contribuiscono entrambi a formulare la domanda e l’offerta di innovazione: risultano essere importanti poich´ attraverso le loro relazioni generano e nuova conoscenza, informazione, che potr` essere utilizzata per “creare“ innovazione. Accanto a a questi macro attori, le agenzie dell’innovazione svolgono un ruolo di intermediario, nel senso che cercano di integrare e di sostenere lo sviluppo economico del Trentino attraverso e fornendo collaborazioni con le imprese e i centri di ricerca / universit` . a 3.1 Il contesto economico Il Trentino, zona alpina situata in posizione baricentrica rispetto all’area mediterranea e quel- la continentale, presenta le caratteristiche proprie di una terra di incontri, a misura d’uomo e d’impresa. ` Il Trentino e tra le prime 12 province italiane per produzione di valore aggiunto: se, nel 2004, il Prodotto Interno Lordo (PIL) pro capite italiano si attestava a 23.101 euro annui, in Trentino il medesimo valore era pari a circa 28.300 euro. Significativo anche il dato relativo al tasso di ` disoccupazione, che in Trentino e 4,4 per cento (dati ISTAT primo trimestre 2008), mentre la media italiana registra un ben pi` elevato 6,7 per cento. u 51
  • 65. 3.1 Il contesto economico 3. La Provincia Autonoma di Trento Agricoltura di qualit` , vocazione al turismo e un solido e dinamico comparto industriale trac- a ciano il quadro di una provincia coesa e dinamica, attenta alla sostenibilit` dello sviluppo econo- a mico e all’innovazione. Per determinare una corretta visione della realt` presa in esame, occorre innanzitutto analizzare a il territorio, sia sotto l’aspetto amministrativo ed istituzionale, e sia attraverso la sua specificit` a orografica e geo-economica. ` Il territorio provinciale e caratterizzato dalla presenza di ben 223 Comuni dei quali 211, cio` e ` il 95 per cento, ha una popolazione con meno di 5.000 abitanti, dove e distribuita poco pi` della u met` della popolazione provinciale, il 51 per cento. L’altra met` si raccoglie per un 22 per cento a a nel capoluogo, e il restante 27 per cento su 11 centri minori di ampiezza compresa fra 5.000 e i 50.000 abitanti. Il fatto poi che, come mostra la figura 3.11 , pi` di un Comune ogni due abbia meno u di 1.000 abitanti, fa s` che il territorio si caratterizzi per una grande presenza di “piccolissimi” Co- ı muni. Tra questi “piccolissimi comuni“ emergono due centri di dimensione medio-grande (Trento e Rovereto) e altri con dimensione da “piccolo centro”. Figura 3.1: Distribuzione della popolazione residente in Provincia di Trento per classi di ampiezza demografica dei Comuni (censimento 2001) a` Questa realt` e da tener presente, poich´ evidenzia un territorio costituito da una quasi totalit` e a di piccoli centri abitati. Date infatti queste condizioni strutturali, le esigenze di e-Government riguardano in concreto, per gran parte di questi Comuni, i rapporti fra le amministrazioni locali; la costruzione di una rete degli amministratori; la necessit` di connettersi, di strutturare servizi in a forma condivisa e di riuso. 1 Fonte: Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento 52
  • 66. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.1 Il contesto economico Per quanto riguarda gli aspetti orografici, da un analisi del Servizio Urbanistica della Provincia autonoma di Trento, sappiamo che il territorio della provincia nel suo insieme si polarizza su due grosse dimensioni: un’area “medio–massima”, che copre solo il 17 per cento del territorio, contro l’82 per cento del territorio che esprime un livello di presenza umana “basso–nullo” di cui per un 34 per cento area di elevata naturalit` - per lo pi` ambienti di alta quota, pareti rocciose di bassa a u quota, boschi o pascoli non pi` in produzione - e per un 48 per cento di area semi-naturale - piccoli u insediamenti temporanei, boschi o pascoli di produzione, ambienti d’alta quota per pascoli ecc. Su questa distribuzione dell’uso del territorio si sovrappone poi un’altra dimensione non irrilevante per cogliere l’effetto del territorio sulla vita dei suoi abitanti: l’altitudine che fa s` che nel ragionare ı in termini di distanze, invece che usare le misure chilometriche sia tradizione usare “il tempo di percorrenza”. La figura 3.22 offre una interessante schematizzazione di queste dimensioni. Figura 3.2: La performance dei Comuni trentini come proposti da una classificazione del Piano di Sviluppo Provinciale (PSP) per la XIII legislatura Il programma di sviluppo provinciale per la XIII legislatura, approvato nel 2006, ha infatti rag- gruppato i Comuni trentini in 4 classi sulla base della loro performance socio-economica e della collocazione geografica sopra/sotto i 600 metri. Nella classe che abbraccia i Comuni che si pos- sono definire “dinamici di fondovalle“ rientrano 60 Comuni trentini, nella classe dei comuni di “montagna ad alta performance“ 68 Comuni, nella classe dei Comuni di montagna a bassa perfor- mance 75 Comuni ed infine del gruppo dei Comuni di riconversione 20 Comuni. Rispetto i quattro 2 Fonte: schede di sintesi del Programma di sviluppo provinciale approvato il 29.5.2006 53
  • 67. 3.2 Piani di sviluppo provinciale 3. La Provincia Autonoma di Trento tipi di Comuni individuati da questa tipologia, per il tema che si affronta in questo elaborato, ri- sultano ambiti e quindi di pi` facile intervento i Comuni di fondovalle che possono avvalersi di u infrastrutture informatiche di pi` immediato e conveniente accesso. Nonostante questa considera- u zione, il ruolo delle Information and Communication Technology (ICT) potrebbe rivelarsi cruciale nei prossimi anni per i “Comuni a bassa performance” sia di valle che di montagna. Si tratta dunque di una prospettiva da tener monitorata e che richiama ad un ruolo importante le singole amministrazioni locali come luoghi di diffusione di cultura di innovazione ICT e come partner di importanti progetti. 3.2 Piani di sviluppo provinciale La Provincia autonoma di Trento, attraverso il Piano di Sviluppo Provinciale (PSP), strumento di programmazione generale della Provincia, promuove una serie di incentivi ed opportunit` con a l’obiettivo di sostenere l’economia: aree industriali, immobili modulari,un polo universitario e centri di ricerca rinomati. Gli incentivi alle attivit` economiche, erogati con modalit` compatibili a a con le misure ammesse dall’Unione Europea, vengono gestiti con logiche comuni ai diversi settori economici e con procedure rapide. Il PSP fa propri gli obiettivi della strategia di Lisbona che punta a rendere quella europea “l’economia basata sulla conoscenza pi` competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare u una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale” e in particolare con le indicazioni per il suo rilancio date nel 2005. In sostanza il PSP riprende i concetti di societ` basata sulla conoscenza e sull’innovazione tecnologica, di un territorio a che attrae investimenti e capitale umano, nonch´ l’obiettivo della piena occupazione. e La Provincia, nell’ambito delle proprie competenze e nel rispetto dell’autonomia dei soggetti che operano nel settore della ricerca e dell’innovazione, promuove la creazione di un quadro di cooperazione finalizzato alla realizzazione di un sistema provinciale della ricerca, in aperta e co- stante interazione con il livello nazionale e internazionale, nonch´ con tutti i soggetti rilevanti ai e fini dello sviluppo provinciale; promuove la creazione delle condizioni di contesto pi` favorevoli u allo sviluppo di un sistema dell’innovazione finalizzato a rendere il sistema produttivo locale pi` u competitivo, grazie all’utilizzo della tecnologia e al progresso della conoscenza. Per favorire tale realizzazione, la Provincia deve cooperare sia a livello nazionale e sia a livello internazionale, interagendo allo stesso tempo con i diversi attori presenti nel territorio. La Provincia autonoma di Trento, nei decenni scorsi, ha operato importanti investimenti nel- l’alta formazione e nella ricerca, elevando il livello di formazione e capacit` innovativa del sistema; a 54
  • 68. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.2 Piani di sviluppo provinciale diffondendo consapevolezza culturale nel territorio; contribuendo a dare forza al settore della ri- ` ` cerca, che e diventato sempre pi` rilevante ed e stato riordinato con la legge provinciale 14 del u ` 2005 . L’amministrazione provinciale si e poi impegnata per dotarsi di infrastrutture a larga banda, strutturare importanti basi di dati; rivedere processi e innovare il rapporto con i cittadini; defini- re un modello organizzativo e di governo aperto agli attori del territorio e basato sui principi di sussidiariet` e cooperazione. Questo contesto spinge l’e-Government3 e l’e-Procurement4 verso a nuovi scenari. La pubblica amministrazione di oggi non pu` operare con vecchie procedure, mo- o delli organizzativi lenti non allineati con il cambiamento in atto nella societ` . Dovrebbe essere a dinamica e fluida, dovrebbe rapportarsi e collaborare in modo nuovo con tutti gli attori del sistema territoriale, creare le condizioni per favorire il flusso di saperi e lo scambio di visioni. Dovrebbe, cio` , rendere possibile lo sviluppo della societ` della conoscenza con infrastrutture sicure e di alto e a livello; interoperabilit` fra sistemi operativi; interattivit` cooperativa nei gruppi di lavoro. E’ que- a a sta la parte di sviluppo della societ` dell’informazione che spetta alle pubbliche amministrazioni. a Scelte, accordi, convenzioni fra gli attori del sistema – e i progetti che ne conseguono – permettono di potenziare i servizi sul territorio; di scambiare ed aggiornare informazioni fra amministrazioni di diverso livello (locali, regionali, nazionali); di stimolare la collaborazione fra settori innovati- vi della ricerca esistenti sul territorio; diffondere la cultura del governo elettronico. Il tutto per avvicinare le istituzioni ai cittadini e produrre nuovi spazi di democrazia. Per sostenere e formalizzare tali iniziative ed in continuit` con le scelte degli anni precedenti, a la Provincia, attraverso il programma della XIII legislatura, ha individuato in modo sempre pi` u puntuale nell’innovazione e nella ricerca, negli strumenti di diffusione della conoscenza tipici del- l’ICT e nella semplificazione del rapporto fra cittadini e pubblica amministrazione, gli obiettivi e gli strumenti per lo sviluppo del Trentino di oggi, ma anche e soprattutto, per rendere possibile la realizzazione del Trentino di domani. Questi obiettivi risultano rinforzati e accelerati dallo scena- rio di crisi economica globale che il Trentino sta affrontando insieme a tutte le altre realt` locali, a nazionali e mondiali. La governance della XIII legislatura, per quanto riguarda innovazione, ICT e pubblica ammi- nistrazione, rinforza il processo di trasformazione del ruolo del soggetto pubblico, sempre pi` da u interpretare come “l’attore che deve rendere visibile e coordinato l’insieme degli strumenti a di- sposizione di imprese e cittadini“Lorenzo Dellai (2006), ruolo interpretato da funzionari e politici sempre pi` a servizio di cittadini e imprese, sempre pi` attenti nell’utilizzare le nuove tecnologie u u per permettere trasparenza, partecipazione e snellimento delle procedure. 3 Processo che mira a migliorare le relazioni interne ed esterne della Pubblica Amministrazione attraverso l’utilizzo della tecnologia messa a disposizione da Internet, in modo da accrescere l’efficienza dei servizi rivolti ai cittadini privati e alle imprese. 4 Insieme degli strumenti, delle tecnologie e delle soluzioni organizzative utilizzate a supporto dei processi d’acquisto di beni e servizi. 55
  • 69. 3.2 Piani di sviluppo provinciale 3. La Provincia Autonoma di Trento Nel governo delle societ` contemporanee si usa riferirsi al termine governance per sottolineare a la centralit` del coinvolgimento di una pluralit` di attori per attuare le politiche. Una governance da a a intendere come una nuova modalit` organizzativa non gerarchica ma trasversale che mira a coin- a volgere tutti gli attori del sistema in un’ottica collaborativa e di condivisione delle loro competenze specifiche da portare a beneficio dell’intero sistema Trentino. La governance sottende ad un siste- ma articolato che associa molteplici attori pubblici e privati con specifici ambiti di specializzazione e di conoscenza e i cui interessi situati entrano in gioco in un processo di concertazione, negozia- zione e interazione complesso, dinamico e interattivo e con modalit` organizzativa di rete, che a conduca all’elaborazione ed all’attuazione delle scelte collettive capaci di suscitare un’adesione attiva dei cittadini. Queste scelte sono in sintonia con i Piani di Sviluppo promossi negli anni antecedenti dalla Provincia autonoma di Trento, attuati anche ed attraverso due particolari leggi: la legge provinciale n◦ 6 del 13/12/1999, a forte sostegno ed impatto sull’economia trentina, e la legge provinciale n◦ 14 del 2/08/2005, riguardante il riordino del sistema provinciale della ricerca e dell’innovazione. 3.2.1 Legge provinciale n◦ 6 del 13/12/1999 La Provincia Autonoma di Trento attraverso la legge provinciale (L.P.) 6/1999 sostiene l’economia e la nuova imprenditorialit` . In particolare prevede misure di sostegno per la ricerca e lo sviluppo, a per la diffusione della ricerca scientifica e dispone l’istituzione del “Fondo per il sostegno al- ` l’innovazione” e del “Fondo per le agevolazioni a sostegno dell’impresa”. La legge e finalizzata al consolidamento e alla crescita del sistema economico trentino, puntando anche sullo sviluppo della ricerca e del trasferimento tecnologico. Per la sua attuazione la Provincia interviene attraverso: • aiuti finanziari alle imprese; • interventi di sistema per la creazione di un ambiente economico favorevole allo sviluppo. Ai sensi della legge provinciale rientrano tra i beneficiari: • Le Piccole e Medie Imprese che operano nel territorio della provincia di Trento; • Le Piccole e Medie Imprese e le microimprese; • Le grandi imprese. Tra le diverse azioni previste, la Provincia intende finanziare: 56
  • 70. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.2 Piani di sviluppo provinciale • Aiuti per la promozione della ricerca e sviluppo, incluse le attivit` di ricerca industriale e a pre-competitiva: possono essere agevolate le spese tese a realizzare ricerca applicata (art.5); • Aiuti specifici per la nuova imprenditorialit` (art.8); a • Diffusione della ricerca scientifica, prevedendo incentivi per stimolare la collaborazione tra ricercatori e imprese (art.19); • Istituzione di un Fondo per il sostegno all’innovazione per promuovere la diffusione di iniziative imprenditoriali nei settori innovativi o ad alta tecnologia (art.24 bis); • Istituzione di un Fondo per la finanza d’impresa per sostenere il miglioramento della struttura finanziaria e l’innovazione dei modelli di finanza delle imprese. Gli interventi in questo caso possono essere concessi anche ai consorzi di imprese che promuovono la costituzione di centri polivalenti d’impresa, con l’obiettivo di sviluppare tecnologie, ricerche, reti d’impresa ed economie di aggregazione (art. 34 bis); • Istituzione del Fondo per le agevolazioni a sostegno dell’impresa come ulteriore incentivo alla crescita del sistema economico, all’innovazione e alla nuova imprenditorialit` (art. 34 a ter); 3.2.2 Legge provinciale n◦ 14 del 2/08/2005 Attraverso questa legge, la Provincia autonoma di Trento promuove una strategia di sviluppo ter- ritoriale basata sulla conoscenza, riconoscendo nella promozione, nella crescita e nella diffusio- ne della ricerca e dell’innovazione uno strumento fondamentale per la crescita del capitale uma- no, per lo sviluppo del sistema delle imprese e della qualit` e competitivit` dell’intero territorio a a provinciale. Per raggiungere tali obiettivi, la Provincia: • valorizza il patrimonio di conoscenze generato dai soggetti che operano nel campo della ri- cerca e dell’innovazione per favorire lo sviluppo sociale, culturale ed economico della realt` a territoriale della provincia; • promuove forme di collaborazione e di coordinamento fra i diversi attori della ricerca e in- novazione operanti sul territorio, finalizzate alla costituzione di un coeso e armonico sistema provinciale della ricerca e dell’innovazione, in grado di rapportarsi a realt` analoghe a livello a nazionale e internazionale attraverso la creazione di alleanze e la definizione di rapporti di collaborazione e cooperazione; 57
  • 71. 3.2 Piani di sviluppo provinciale 3. La Provincia Autonoma di Trento • promuove iniziative volte all’innovazione del sistema produttivo locale, anche incentivando la sua collaborazione e cooperazione con il sistema provinciale della ricerca e dell’innova- zione. Questa legge e le azioni compiute in base ad essa sono ispirate a principi di: • apertura nazionale e internazionale del sistema provinciale della ricerca e dell’innovazione; • coerenza tra le linee programmatiche di priorit` del sistema della ricerca e il quadro della pro- a grammazione provinciale definito anche in relazione alle linee guida della programmazione nazionale in materia di ricerca; • equilibrio fra ricerca orientata all’innovazione e ricerca di base; • organizzazione dell’attivit` di ricerca per progetti, che favorisca la creazione di masse criti- a che di risorse attorno ad essi; • centralit` del monitoraggio e della valutazione della ricerca quali elementi chiave del siste- a ma; • distinzione fra funzioni di indirizzo politico-strategico e funzioni di governo autonomo della ricerca nel rispetto della libert` di quest’ultima; a • distinzione tra organi di governo e organi di consulenza scientifica; • semplicit` , funzionalit` ed economicit` nell’organizzazione delle attivit` di ricerca; a a a a • coinvolgimento dei ricercatori nel governo degli enti; • trasparenza amministrativa e nella comunicazione dei risultati; • valorizzazione economica dei risultati della ricerca, anche a vantaggio del personale che ha contribuito al loro raggiungimento; • cooperazione e interazione positiva fra le diverse aree della ricerca e fra queste e il sistema delle imprese, nel rispetto della reciproca indipendenza; • incentivazione all’innovazione del sistema delle imprese locali, quale strumento principale per accrescerne la competitivit` ; a • promozione di iniziative di carattere imprenditoriale basate sulla creazione di nuova cono- scenza e sul suo sfruttamento. 58
  • 72. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.2 Piani di sviluppo provinciale Con la Legge provinciale n◦ 14 del 2 agosto 2005 la Provincia autonoma di Trento ha quindi riordinato l’intero sistema della ricerca in Trentino, nonch´ il ruolo della Provincia nel governo e e nel sostegno dello stesso. Il principale strumento per la programmazione degli interventi per lo sviluppo del sistema e il ` Programma Pluriennale della Ricerca per la XIII legislatura periodo 2006-2008 (art. 18), approvato con delibera n◦ 2365 del 10-11-2006, che individua gli obiettivi da perseguire e le linee generali d’intervento; le aree di ricerca d’interesse prioritario per il territorio provinciale; i criteri generali per la valutazione delle attivit` e dei progetti di ricerca e per la successiva verifica dei risultati a La legge ha istituito il fondo unico per la ricerca (art. 17), destinato al finanziamento di pro- grammi, progetti e accordi di ricerca scientifica e tecnologica e articolato in sezioni distinte per l’Universit` degli studi di Trento, per le fondazioni Bruno Kessler ed Edmund Mach, per le im- a prese, per gli enti funzionali della Provincia e per gli altri enti o soggetti che realizzano attivit` di a ricerca sul territorio provinciale. Quali strumenti di intervento (art. 16) la legge individua: • gli accordi di programma con le fondazioni Bruno Kessler ed Edmund Mach, con enti, con l’Universit` degli studi di Trento; a • le agevolazioni per l’innovazione di cui all’articolo 55 della legge provinciale n◦ 6 del 1999; • gli accordi con governi locali, a livello nazionale e internazionale; • i bandi (art. 22) Per la definizione degli indirizzi strategici e le scelte in merito all’erogazione dei contributi, la ` Provincia si e dotata di due organismi di consulenza e valutazione: • il Comitato tecnico scientifico (art. 23), che esprime il proprio parere sui progetti presentati per i bandi, esercita le funzioni demandategli ai sensi dell’articolo 5 della legge provinciale 13 dicembre 1999, n◦ 6, esprime il parere e elabora proposte sul Programma pluriennale della ricerca (PPR); • il Comitato di valutazione della ricerca (art. 24), che valuta l’efficacia del complesso de- gli interventi provinciali anche rispetto agli obiettivi fissati nel Programma pluriennale della ricerca e i risultati prodotti dai progetti finanziati, oltre a presentare a Giunta e Consiglio pro- vinciale un rapporto sulle attivit` di valutazione su richiesta della Giunta stessa e in occasione a dell’approvazione del PPR. 5 Aiuti per la promozione della ricerca e sviluppo 59
  • 73. 3.2 Piani di sviluppo provinciale 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.2.3 Il fondo unico per la ricerca Per i fini dell’articolo 16 e istituito, nell’ambito del bilancio provinciale, il fondo unico per la ricer- ` ` ca, alimentato da risorse della Provincia. Il fondo unico e destinato al finanziamento di programmi, ` progetti e accordi di ricerca scientifica e tecnologica ed e articolato in sezioni distinte per i fon- di destinati agli accordi di programma di cui agli articoli 197 , 208 e 219 , per i fondi destinati al finanziamento dei bandi di ricerca previsti dall’articolo 2210 , per quelli necessari ai sensi dell’ar- ticolo 1611 , comma 212 , nonch´ per quelli destinati ai progetti di ricerca disciplinati dalla legge e provinciale 13 dicembre 1999, n◦ 6. 3.2.4 Il sistema degli incentivi La Provincia autonoma di Trento ha strutturato un sistema di incentivi ed agevolazioni a beneficio delle aziende interessate ad investire in Trentino. Progetti di ricerca tecnologica e acquisto di brevetti: la Legge Provinciale n◦ 6 del 13/12/1999 contempla una serie di aiuti per la promozione della ricerca e sviluppo e di incentivi alle spese di ricerca applicata. La Provincia offre opportunit` di finanziamento anche per le a ricerche commissionate a soggetti pubblici e privati, nonch´ per iniziative atte a promuovere e la diffusione della ricerca attraverso l’assegnazione temporanea di ricercatori e tecnici. Sono previsti contributi per l’acquisizione di brevetti. Promozione della qualit` d’impresa: la Legge Provinciale 17/93 prevede interventi volti a pro- a muovere la qualit` delle imprese, attraverso il parziale assorbimento dei costi connessi ai a servizi acquisiti: incentivi alla certificazione, alla riorganizzazione, al potenziamento delle funzioni aziendali (amministrativa, commerciale, informatica ecc.), alla prima assistenza e al check up. 6 La Provincia autonoma di Trento promuove una strategia di sviluppo territoriale basata sulla conoscenza, ricono- scendo nella promozione, nella crescita e nella diffusione della ricerca e dell’innovazione uno strumento fondamentale per la crescita del capitale umano, per lo sviluppo del sistema delle imprese e della qualit` e competitivit` dell’intero a a territorio provinciale. 7 Accordo di programma con l’Universit` degli studi di Trento. a 8 Accordi di programma con la fondazione Bruno Kessler e con la fondazione Edmund Mach. 9 Accordi di programma con organismi di ricerca. 10 ` La Provincia e autorizzata a finanziare progetti di ricerca finalizzati a sostenere l’innovazione e lo sviluppo sociale, culturale, scientifico, tecnologico e imprenditoriale della societ` trentina. a 11 Strumenti d’intervento della Provincia per lo sviluppo del sistema provinciale della ricerca e dell’innovazione. 12 Per conseguire le finalit` di questa legge la Provincia, nel rispetto delle procedure previste dalla normativa sta- a tale adottata in attuazione dell’articolo 117 della Costituzione e della normativa comunitaria in materia di accordi e d’intese di carattere internazionale, promuove la collaborazione fra i soggetti del sistema provinciale della ricerca e dell’innovazione e i soggetti nazionali e internazionali, anche mediante la sottoscrizione di accordi con governi locali per il finanziamento, la promozione, la valorizzazione e la divulgazione della ricerca scientifica. 60
  • 74. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.2 Piani di sviluppo provinciale Formazione del personale: la Provincia offre la possibilit` di accedere a contributi per le spese a di formazione o di riqualificazione del personale aziendale ed organizza corsi di formazione e orientamento per il mercato del lavoro. Marketing e commercializzazione: la Provincia incentiva i progetti di marketing volti alla pro- mozione dell’offerta produttiva di imprese trentine, sui mercati interni o esterni al mercato unico europeo. Investimenti produttivi: la Legge Provinciale 6/99 agevola gli investimenti produttivi di tipo mo- biliare e immobiliare, effettuati da piccole e medie imprese industriali, artigiane, commercia- li, cooperative del turismo e del terziario. Le grandi imprese sono ammesse solo nell’ambito del de minimis (100.000 euro nel corso di un triennio). Maggiorazioni percentuali vengo- no accordate agli investimenti realizzati da microimprese (aziende che svolgano attivit` non a oggetto di scambio fra gli stati dell’Unione Europea), agli investimenti ambientali e alle attivit` sostitutive. La legge agevola, in casi specifici, anche prestiti partecipativi per inter- a venti di ricapitalizzazione, spese di rilocazione ed interventi di risanamento, ristrutturazione e riconversione. Assunzione di lavoratori appartenenti alle fasce deboli: il Piano Provinciale degli Interventi di politica del lavoro contempla una serie di incentivi che riducono i costi di assunzione, in caso di assunzione di soggetti appartenenti a fasce deboli. 3.2.5 Iniziative promosse in Trentino Le aree tematiche che emergono possono essere classificate in due macro tipologie: gli interventi di sistema e le aree verticali. Le aree di interesse possono a loro volta essere suddivise in aree progettuali, utili per specificare meglio le categorie di progetti che si prevede saranno realizzati. Gli interventi di sistema hanno l’obiettivo di creare una serie di infrastrutture, piattaforme, e meto- dologie condivise, che siano utilizzabili da tutti gli attori del territorio e dai progetti che ricadono all’interno delle aree verticali. Le aree verticali sono da considerarsi aree applicative ed i progetti che vi rientrano utilizzano gli strumenti forniti dagli interventi di sistema per sviluppare alcune loro funzionalit` . In questo senso, gli interventi di sistema sono dotati di una particolare rilevanza a strategica e sono considerati un pre-requisito per le aree verticali. Nell’ambito degli interventi di sistema, afferiscono ai progetti di e-Government ed innovazione tecnologica: • gli interventi che riguardano lo sviluppo delle reti di telecomunicazione; • quelli che hanno a che fare con la sicurezza informatica; 61
  • 75. 3.2 Piani di sviluppo provinciale 3. La Provincia Autonoma di Trento • quelli che devono accompagnare l’innovazione del Sistema Pubblico Trentino (come per es. quelli che ricadono nelle aree dell’interoperabilit` e della cooperazione applicativa e della a gestione elettronica di documenti e processi connessi). Le aree verticali possono essere suddivise in questo modo: • quella relativa ai sistemi informativi territoriali (i cosiddetti GIS, Geographic Information Systems); • quella intesa a sviluppare la partecipazione attiva dei cittadini alla vita dell’amministrazione; • quella che punta a introdurre innovazioni nell’ambito socio-assistenziale e sanitario e a incrementare l’inclusione sociale; • infine quella che punta ad accompagnare la diffusione dei saperi e delle conoscenze. All’interno di queste aree tematiche, pu` essere utile individuare aree progettuali pi` di detta- o u glio, che meglio specificano a quali azioni concrete si faccia riferimento in questa operazione di classificazione e quali siano gli obiettivi che l’amministrazione intende perseguire realizzando i progetti stessi. • Lo sviluppo delle reti di telecomunicazione In questo caso, si pensa non soltanto a progetti che possano sviluppare l’infrastruttura a larga banda per il territorio trentino, ma anche a iniziative che contribuiscano ad accrescerne l’utilizzo, migliorando la familiarit` che cittadini, imprese e istituzioni hanno con Internet e i servizi on-line. a • Sicurezza informatica I progetti di questa area fanno riferimento allo sviluppo di infrastrutture, piattaforme e metodologie condivisi per garantire la business continuity (continuit` delle attivit` ordinarie dell’amministrazio- a a ne), il disaster recovery (ripristino delle condizioni ordinarie dopo un evento eccezionale) la gestio- ne delle identit` e degli accessi ed altres` un insieme di processi operazionali e di comportamento a ı anti intrusione. • L’innovazione del Sistema Pubblico Trentino 62
  • 76. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.2 Piani di sviluppo provinciale In quest’area si fa riferimento a progetti che riguardano l’interoperabilit` e la cooperazione ap- a plicativa, i sistemi di supporto alle decisioni, la gestione elettronica di processi e documenti e in generale tutto ci` che mira a introdurre nuovi sistemi informativi, nuove architetture e nuovi o modelli organizzativi, come per esempio quello dei Centri Servizi Territoriali. • Sistemi Informativi Territoriali In questo caso si fa riferimento ai progetti che mirano a costruire e rafforzare un’infrastruttura di dati territoriali integrata e fruibile da parte di tutti gli attori del territorio. • Partecipazione attiva dei cittadini I progetti di quest’area devono far s` che i cittadini partecipino maggiormente alla vita delle proprie ı amministrazioni, anche grazie all’individuazione di nuovi canali di interazione. • Ambito socio-assistenziale e sanitario In quest’area si pensa a progetti che possano utilizzare i nuovi strumenti informatici a beneficio della tutela della salute e della qualit` della vita dei cittadini, consentendo di sostenere con pi` a u efficacia in particolare le fasce deboli della popolazione. • Diffusione dei saperi e delle conoscenze Questi progetti sono quelli che devono contribuire a colmare le lacune formative e informative degli utenti dei servizi ICT e pi` in generale dei cittadini, anche grazie all’introduzione di nuovi u strumenti e nuove metodologie di insegnamento, apprendimento e condivisione. Il tema dell’e-Government e dell’importanza dell’infrastruttura ICT per sviluppare l’economia ` si e quindi concretizzato nell’avvio del progetto e-Society (la societ` dell’informazione). Il Pro- a getto e-Society assume due obiettivi prioritari fra loro interrelati: la diffusione dell’e-business fra le piccole medie imprese e l’attivazione di forme di e-Government da parte della Pubblica Ammni- strazione. Il progetto e-Society integra i suoi obiettivi sia nell’asse della conoscenza che in quello della competitivit` . In particolare per l’asse della conoscenza vengono definite le linee per un ar- a ticolato insieme di interventi per aumentare il tasso di alfabetizzazione digitale nei vari comparti: scuola, formazione professionale, universit` , pubblica amministrazione e popolazione. Per quanto a riguarda l’asse della competitivit` l’adozione delle ICT nel sistema delle imprese e della pubblica a 63
  • 77. 3.2 Piani di sviluppo provinciale 3. La Provincia Autonoma di Trento ` amministrazione e considerato un passaggio cruciale per innalzare la competitivit` di tutto il terri- a torio trentino. Per le imprese si avvia un processo di revisione della politica degli incentivi con una maggiore selettivit` a favore degli investimenti innovativi di sistema ed organizzativi basati sull- a l’ICT. La pubblica amministrazione passer` da un ruolo di realizzatore della rete e di promotore a a sostegno della e-Society al ruolo di protagonista per la competitivit` di sistema, attraverso azioni a dirette sulle proprie strutture e sulle relazioni con il territorio. Un ulteriore intervento all’interno della realt` locale del Trentino, riguarda la programmazio- a ne di settore del Sistema Informativo Elettronico Provinciale. Il Sistema Informativo Elettronico ` Provinciale (SIEP) e lo strumento di programmazione e gestione dell’innovazione ICT della Pro- vincia ormai da molti anni. In base alle scelte di indirizzo dei programmi di sviluppo provinciale e in accordo con direttive nazionali ed europee, in questi anni, ha accompagnato e indirizzato le ` forme dell’innovazione ICT della Provincia e dei suoi Enti funzionali. La fase attuale e cruciale in quanto innovazioni legislative a partire dal dicembre 2006 hanno modificato nel contenuto la ` legge istitutiva del SIEP. Il SIEP oggi e identificato come servizio di interesse provinciale. Ne vengono ridisegnate, nettamente, fra le altre cose: le funzioni, le tipologie dei servizi, gli enti ade- renti, l’accessibilit` dei dati e delle informazioni e la loro fruibilit` in modo omogeneo su tutto il a a ` territorio provinciale (piano per gli investimenti SIEP). Attualmente la gestione del SIEP e affidata ad Informatica Trentina. 3.2.6 Il Programma Operativo FESR Il Programma Operativo FESR (Fondo europeo per lo sviluppo regionale) 2007-2013 della Provin- ` cia Autonoma di Trento per l’Obiettivo “Competitivit` Regionale e Occupazione” e stato approvato a con decisione della Commissione Europea C (2007) n. 4248 del 7 Settembre 2007 e quindi con deliberazione della Giunta provinciale n. 2182 del 5 Ottobre 2007. Nell’ambito della politica re- ` gionale comunitaria, il Programma e rivolto a sostenere la competitivit` del sistema economico a trentino attraverso la promozione e il rafforzamento di settori chiave quali l’energia e la sosteni- bilit` ambientale, le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione, l’avvio di nuove a attivit` imprenditoriali, la valorizzazione del patrimonio storico culturale e naturale del territorio a provinciale in prospettiva di uno sviluppo sostenibile. Naturalmente tali obiettivi e gli interventi che stanno alla base del Programma Operativo sono state delineate seguendo uno schema di coeren- za logica che vede susseguirsi, quasi come un processo di emanazione consequenziale, gli indirizzi stabiliti dalle Strategie di Lisbona e G¨ teborg13 , dal PICO – Piano per l’innovazione, la Crescita o e l’Occupazione (Ottobre 2005), gli Orientamenti Strategici Comunitari per la Coesione (OSC), 13 nonch` la loro successiva revisione ad opera del Consiglio Europeo di Bruxelles del Marzo 2005 e degli e Orientamenti Integrati per la Crescita e l’Occupazione 2005-2008 64
  • 78. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.2 Piani di sviluppo provinciale il Quadro Strategico Nazionale (QSN) ed infine i documenti programmatici provinciali (Program- ma di Sviluppo Provinciale per la XIII Legislatura – PSP e Documento Strategico preliminare Provinciale (DSP)). La Strategia di Lisbona (Consiglio Europeo di Lisbona Marzo 2000) e la Strategia di G¨ teborg o (Giugno 2001) costituiscono, a livello comunitario, le premesse logiche del Programma Operati- vo: nel delineare il passaggio ad un’economia competitiva e basata sulla conoscenza, la strategia impone l’individuazione e la definizione di priorit` nei settori chiave quali la Societ` dell’Infor- a a mazione, la ricerca, l’innovazione, le PMI, l’occupazione, lo sviluppo sostenibile. Per realizzare ` efficaci politiche governative di sviluppo sostenibile e peraltro necessario avvalersi dell’azione del sistema imprenditoriale, dei cittadini (in veste di consumatori) e della Pubblica Amministrazione, chiamata a rafforzare le proprie strutture al fine di sviluppare una concreta capacit` di intervento. a ` In tal senso lo sforzo della Provincia Autonoma di Trento e stato quello di integrare la componente ambientale presente programma, prevedendo (Asse “Energia/Ambiente e Distretto Tecnologico) una serie di linee d’intervento specifiche. ` L’obiettivo globale al quale tende il Programma Operativo e “sostenere l’adeguamento strut- turale dell’economia provinciale promuovendo la ricerca e l’innovazione, le nuove tecnologie, l’imprenditorialit` e valorizzando l’elemento ambientale come leva di sviluppo economico”. Tutto a ci` tenendo sempre ben presente le priorit` presenti all’interno del Piano di Sviluppo Provinciale, o a ovvero: • Conoscenza; • Competitivit` ; a • Solidariet` e lavoro; a • Identit` e territorio. a Gli assi prioritari di intervento del Programma Operativo FESR sono: 1. Energia/Ambiente e Distretto Tecnologico (circa 52 per cento del finanziamento complessi- vo): • Incentivare la ricerca industriale nei settori del risparmio energetico, delle fonti al- ternative di energia, della tutela dell’ambiente e dei sistemi tecnologici applicati, an- che attraverso il Distretto Tecnologico Energia-Ambiente della Provincia Autonoma di Trento. 65
  • 79. 3.2 Piani di sviluppo provinciale 3. La Provincia Autonoma di Trento • 2. Promuovere la sostenibilit` nel campo dell’edilizia e della gestione del territorio (es. a realizzazione di edifici a basso consumo energetico e basso impatto ambientale). 2. Filiera delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (circa 26 per cento del finanziamento complessivo): • Promozione della ricerca industriale e sviluppo sperimentale nel settore delle Tec- nologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC) (es. aiuti alle imprese per open-source ed interoperabilit` ); a • Promozione dell’adozione e dell’impiego delle TIC da parte delle microimprese, pic- cole e medie imprese (PMI); • Sostegno all’utilizzo delle TIC da parte di cittadini, PMI e Pubblica amministrazione (es. innovazione dei servizi tramite strumenti TIC; realizzazione di strutture di accesso alla rete). 3. Nuova imprenditorialit` (circa 6 per cento del finanziamento complessivo): a • favorire gli spin-off di imprese, in particolare dal settore della ricerca, nonch´ pi` in e u generale promuovere l’imprenditorialit` nelle prime fasi di vita delle imprese, in primo a luogo incentivando le giovani generazioni e le donne alla gestione dell’organizzazione e del rischio di impresa; • sostenere le imprese interessate da problematiche di passaggio generazionale; • favorire e consolidare le reti di imprese, per rafforzarne la competitivit` e creare oppor- a tunit` di sviluppo. a 4. Sviluppo Locale Sostenibile (circa 12 per cento del finanziamento complessivo): • Tutela e fruizione del patrimonio naturale e culturale e di valorizzazione ambientale; • Sostegno all’offerta di servizi di rete per lo sviluppo del turismo sostenibile; • Promozione dello sviluppo economico sostenibile, anche in ambito di aree protette. 5. Assistenza tecnica (circa il 4 per cento del finanziamento complessivo): • Assicurare un corretto, efficace ed efficiente sistema di gestione ed attuazione del Programma Operativo. 66
  • 80. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.3 Il sistema della ricerca in Trentino 3.3 Il sistema della ricerca in Trentino Grazie alla sensibilit` della pubblica amministrazione rispetto al tema dell’innovazione, il Trentino a ` e oggi un territorio ad alta densit` di centri di ricerca: ben 19 gli enti, pubblici e privati, che a conducono attivit` di ricerca ad altissimi livelli. a Il sistema della ricerca pu` svolgere un ruolo cruciale nel sistema di innovazione (Sancin, o 2005): • come comunit` scientifica, composta da nodi, che hanno competenze in campi disciplinari a molto vari, interconnessi tra loro e fortemente inseriti in reti di ricerca a livello internazionale e nazionale; • nell’individuazione delle opportunit` esterne al mercato e della economia locale; a • nell’analisi delle capacit` e bisogni di innovazione delle imprese; a • nella riduzione delle distanze cognitive tra i diversi attori; • nell’individuazione di obiettivi comuni e soprattutto nell’individuazione di soluzioni creative o innovative. 3.3.1 L’universit` degli studi di Trento a L’universit` di Trento attraverso i propri dipartimenti sostiene e promuove l’attivit` di studio in a a campi che spaziano dalle scienze sociali all’informatica, dalle scienze giuridiche alle nuove tec- nologie, dalle discipline umanistiche a quelle economiche. Tra questi dipartimenti, vengono citati quelli maggiormente inerenti alla ricerca e sviluppo attraverso l’utilizzo dell’ICT: • DISA , dipartimento di informatica e studi aziendali, il quale al suo interno presenta differenti gruppi di ricerca, come per esempio il “net-economy-Group” e il “ROCK”; • DISI , dipartimento di Ingegneria e scienza dell’informazione. • Transcrime, Centro interuniversitario di ricerca sulla criminalit` transnazionale dell’Univer- a sit` degli Studi di Trento e dell’Universit` Cattolica del Sacro Cuore di Milano; a a • ll Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale. 67
  • 81. 3.3 Il sistema della ricerca in Trentino 3. La Provincia Autonoma di Trento L’universit` di Trento quindi svolge un ruolo primario nella creazione di centri, fondazioni o a consorzi di ricerca, volti alla promozione di iniziative nel campo della ricerca medesima; conti- nuando a rafforzare il proprio dialogo con la citt` , ha scelto nello stesso tempo di darsi una inedita a e articolata proiezione internazionale. La ricerca svolta all’interno dei vari dipartimenti ed appli- ` cata ai processi aziendali e senza dubbio uno dei momenti pi` qualificanti per l’Ateneo trentino. Il u fatto che vi sia pi` di un ricercatore per 1.000 abitanti rappresenta un dato di rilievo, un patrimonio u disponibile per poter creare sinergie di sviluppo economico. 3.3.2 Fondazione Bruno Kessler La Fondazione Bruno Kessler (FBK) - con piu’ di 350 ricercatrici e ricercatori - svolge attivit` a di ricerca principalmente negli ambiti della Tecnologie dell’Informazione, dei Materiali e Micro- sistemi, degli Studi Storici italo-germanici e delle Scienze Religiose. Grazie ad una fitta rete di alleanze e collaborazioni, FBK opera anche negli ambiti della fisica nucleare teorica, delle reti e telecomunicazioni e delle scienze sociali (ricerca valutativa sulle politiche pubbliche). Gli obiettivi di FBK sono: • svolgere ricerca riconosciuta a livello internazionale; • perseguire risultati applicativi in aree selezionate di valenza strategica per il territorio; • sviluppare, valorizzare e disseminare i risultati di ricerca; • promuovere l’innovazione a livello territoriale La Fondazione Bruno Kessler ha il compito di spingere il Trentino nel cuore della ricerca euro- pea ed internazionale attraendo donne, uomini e risorse sulle frontiere dello sviluppo tecnologico ` e della valorizzazione delle discipline umanistiche. Essa inoltre e impegnata nel riavvicinamento delle scienze della natura a quelle umane, quale cifra di comprensione nei confronti delle sfide della societ` della conoscenza. I principali ambiti di ricerca scientifica sono: a Tecnologie dell’informazione: il Centro Tecnologie dell’informazione propone attivit` basate sul- a la progettazione e verifica di sistemi software, sulla gestione di dati e sulle modalit` di intera- a zione uomo-macchina, quali le tecnologie per la visione e per il linguaggio, con applicazioni che spaziano dai servizi al cittadino e alle imprese, alla sanit` elettronica, all’assistenza per a utenza debole, fino alle applicazioni per le banche, per i mezzi di comunicazione, per la valorizzazione della cultura, l’avionica e lo spazio; 68
  • 82. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.3 Il sistema della ricerca in Trentino Materiali e microsistemi: il Centro Materiali e Microsistemi propone invece come principali campi di ricerca i microsistemi intelligenti e i materiali innovativi. Le attivit` svolte all’in- a terno del centro spaziano da applicativi che comprendono la fisica media, la farmaceutica, la domotica, il comparto automobilistico, il settore ambientale e quello dei beni culturali; Questi 2 centri hanno come obiettivo di ricerca l’area dell’information technology, allo scopo di fornire una chiara visione dell’impatto e del valore aggiunto fornita da quest’ultima alla crescita culturale e al benessere popolare. L’innovazione assume un ruolo principe nella costruzione di un networked system in grado di coinvolgere aziende, universit` , istituzioni a pubbliche e utenti finali. I Centri ereditano l’esperienza e i risultati positivi di oltre 30 anni di attivit` dell’ITC-Irst (Centro per la ricerca scientifica e tecnologica della Provincia autonoma a di Trento). Il Centro Europeo per studi Teorici in Fisica Nucleare e Settori Collegati: il Centro Europeo per studi Teorici in Fisica Nucleare e Settori Collegati (ECT), di ispirazione europea, opera in un contesto di Universit` e Laboratori Europei ed ha i seguenti scopi e finalit` : a a • promuovere la ricerca su problemi specifici e alla frontiera dello sviluppo contempora- neo della Fisica Nucleare Teorica; • favorire i contatti interdisciplinari fra la Fisica Nucleare e i campi ad essa pi` vi- u cini come la Fisica delle Particelle Elementari, l’Astrofisica, la Fisica della Materia Condensata e la Fisica Quantistica dei Piccoli Sistemi; • incoraggiare i giovani ricercatori di valore dando loro la possibilit` di partecipare al- a le attivit` dell’Centro Europeo per studi Teorici in Fisica Nucleare e Settori Collegati, a organizzando progetti di formazione e favorendo una rete di contatto fra giovani ricer- catori; • rafforzare i legami fra gli studi Teorici e gli studi Sperimentali. In sintonia con la propria mission, la FBK supporta la propria azione tramite un circolo virtuoso in cui la ricerca scientifica si coniuga con il trasferimento tecnologico per progetti industriali, supporto alle piccole e medie imprese, nascita e sviluppo di spin-off e start-up. 3.3.3 Fondazione Edmund Mach L’Istituto Agrario di San Michele all’Adige, dal primo gennaio 2008 Fondazione Edmund Mach, svolge attivit` di ricerca scientifica, istruzione e formazione, sperimentazione, consulenza e ser- a vizio alle imprese, nei settori agricolo, agroalimentare e ambientale. Fondato nel 1874 quando la Dieta regionale tirolese di Innsbruck deliber` di attivare a San Michele una scuola agraria con o 69
  • 83. 3.3 Il sistema della ricerca in Trentino 3. La Provincia Autonoma di Trento annessa stazione sperimentale per la rinascita dell’agricoltura del Tirolo, negli anni ha consegui- to importanti traguardi a livello internazionale sia nel campo della ricerca che della formazione. L’ente si articola nei Centri istruzione e formazione, ricerca e innovazione, trasferimento tecnolo- gico. L’azienda agricola, con funzioni di produzione e trasformazione, ma anche di supporto alla didattica e alla sperimentazione, comprende circa 100 ettari di terreni coltivati a vite e melo, una cantina e una distilleria. Attraverso programmi di ricerca all’avanguardia, laboratori di alto livello e collaborazioni di rilievo, il Centro di ricerca della Fondazione Edmund Mach produce ricerca riconosciuta a livello internazionale. Il centro sfrutta programmi di ricerca totalmente integrati e tecnologie avanzate per produrre soluzioni innovative e prodotti competitivi sia per i fornitori che per i consumatori finali della realt` locale. a 3.3.4 Distretto Tecnologico Trentino Habitech , distretto di energia ed ambiente, funziona come integratore di know how e di espe- rienze degli attori chiave dello sviluppo territoriale, quali universit` , laboratori di ricerca, imprese a ed istituzioni, allo scopo di sperimentare nuove combinazioni tecnologiche, in grado di innova- ` re il modo di abitare e pianificare paesaggio e territorio. Se Habitech e lo scopo verso cui tanti ` protagonisti del sistema trentino tendono, lo strumento attuativo e il Consorzio “Distretto Tecnolo- gico Trentino (DTT)“. Il Consorzio “DTT“, societ` a responsabilit` limitata, ha l’obiettivo di dare a a concretezza economica alle intuizioni di Habitech, il Distretto Energia Ambiente, agendo come soggetto privato capace di quella massa critica necessaria ad attivare ricerche specifiche, innova- zione di prodotto, strategie di approccio al mercato. Il Consorzio “Distretto Tecnologico Trentino“ opera come integratore di sistema, favorendo la collaborazione tra imprese private ed istituzioni pubbliche, per promuovere lo sviluppo di filiere specializzate nei settori dell’edilizia sostenibile, delle energie rinnovabili e delle tecnologie ambientali, in grado di offrire al mercato soluzioni innovative, competitive e certificate. Il DTT dovrebbe: • Operare secondo il paradigma del Glocal, ovvero cercando di collegare il livello locale, fondamentale per l’innovazione, con quello globale, ricco di nuove conoscenze; • Valorizzare i laboratori, le strutture di ricerca e gli assets strategici del Distretto; • Essere capace di attrarre e quindi di attivare capitali e finanziamenti privati. 70
  • 84. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.4 Le imprese 3.3.5 Centro ricerche Microsoft Denominato Microsoft Research – University of Trento Centre for Computational and Systems ` Biology - e nato con il contributo del Governo italiano e della Provincia Autonoma di Trento e con ` l’apporto culturale e scientifico dell’Universit` degli Studi di Trento. Esso e la risposta concreta a alle esigenze espresse dal mondo politico ed economico di dare un nuovo impulso allo sviluppo del Sistema Italia attraverso l’innovazione e la ricerca, per richiamare investimenti da parte di aziende ` straniere e rilanciare la competitivit` del nostro Paese. Il contributo di questo centro e volto allo a sviluppo di studi e programmi in grado di oltrepassare le attivit` classiche della ricerca di base a e portare a nuove scoperte scientifiche che abbiano un grande impatto a livello sociale e medico, come, ad esempio, una migliore comprensione delle cause di gravi e comuni malattie, l’indivi- duazione di nuove terapie e di vaccini pi` avanzati. Il lavoro di ricerca condotto da Microsoft e u dall’Universit` degli Studi di Trento nelle tecnologie computazionali pi` avanzate, nella conver- a u genza tra informatica, biotecnologie e medicina, e la loro applicazione nei settori di interesse del centro creano un valore unico all’interno del panorama di ricerca nazionale e internazionale. Il centro, fortemente voluto e supportato nella sua fase di ideazione da Microsoft Italia, si avvarr` a del lavoro di risorse qualificate come ricercatori permanenti e specialisti post-dottorato. La strut- tura metter` anche a disposizione posizioni per dottorati di ricerca per la specializzazione nelle a discipline di interesse. 3.4 Le imprese Le imprese sono le vere protagoniste dell’innovazione perch´ sono le pi` interessate ai risultati, e u alla crescita e ad acquisire il vantaggio competitivo (EUROSTAT, 2002). Gli imprenditori devono essere messi in grado di avere una chiara visione dei benefici che possono derivare dall’innovazione ai fini dello sviluppo, oltre che della razionalizzazione. In altri termini devono sviluppare un “at- teggiamento imprenditoriale” al passo con i tempi, adeguato all’economia della conoscenza e alla globalizzazione, alla ricerca del progresso permanente. Per ottenere una crescita reale va dunque ` superato il concetto di innovazione tecnologica (breakthrough), che e spesso l’unica percezione che gli imprenditori hanno dell’innovazione (closed innovation), estendendone l’applicazione agli aspetti organizzativi, al mercato, alla creativit` (EUROSTAT, 2002). a 71
  • 85. 3.4 Le imprese 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.4.1 La situazione in Trentino Le principali caratteristiche dell’industria Trentina14 sono: ` • Il sistema economico del Trentino e caratterizzato da una realt` produttiva basata su una a pluralit` di settori; a • Il Trentino pu` oggi contare su un valore aggiunto pari a poco meno di 13mila milioni di o euro e produce un reddito pro capite pari a circa 26mila euro, in media con il Nord Est ma significativamente superiore al dato nazionale: 22mila euro15 ; ` • Il contributo dell’Industria alla produzione del valore aggiunto provinciale e pari a 3.597 milioni di euro, il 28,3 per cento del totale. ` • L’industria trentina e una realt` che, con 645 aziende e con 32.426 dipendenti (prevalenza a del settore manifatturiero), un fatturato stimato in 7,6 miliardi di euro ed un export di 2,7 miliardi di euro, pu` e deve essere considerata a tutti gli effetti elemento portante dell’intera o economia provinciale. • Si tratta di una realt` viva, dinamica, flessibile, caratterizzata da una qualificata capacit` a a produttiva, espressa da un’imprenditoria che in molti casi pu` anche vantare prestigiose po- o sizioni di leadership. Numerose sono infatti le aziende in primo piano sui mercati nazionali ed internazionali nei settori pi` diversi: dalla meccanica all’alimentazione, dalla chimica al- u la gomma, dalla carta alla microelettronica, dall’edilizia all’estrattivo. L’apertura all’esterno ` dell’industria trentina e del resto confermata dalle esportazioni, che rappresentano pi` di un u terzo del fatturato dell’intero settore. I principali mercati di sbocco dei prodotti industriali trentini sono: Germania, Stati Uniti, Francia, Belgio, Paesi Bassi e Regno Unito. ` • Uno dei tratti peculiari dell’industria trentina e sicuramente costituito dal prevalere delle 16 aziende di piccole dimensioni (figura 3.3 ), accanto alle quali figura un significativo numero di aziende con oltre 100 dipendenti, che, a loro volta, alimentano un importante indotto sia produttivo che di servizio. Visto la natura delle dimensioni delle aziende in Trentino, nella seconda parte del paragrafo vengono presentati i risultati della rilevazione ISTAT 2004–2005 sulle ICT nelle imprese con al- meno 10 dipendenti. Secondo l’ottavo censimento generale dell’industria e dei servizi (2001) nel Trentino le imprese di questa dimensione rappresentano circa il 6 per cento della struttura produt- tiva ma raccolgono il 54 per cento della popolazione occupata, circa un trentino su due lavora in 14 Analisi aggiornata al 23/04/2007 15 Dati Prometeia – Servizio Statistica P.A.T. – Scenario luglio 2006 16 Elaborazioni del Centro Studi Confindustria Trento su dati CCIAA Trento (2005) 72
  • 86. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.4 Le imprese Figura 3.3: Numero delle imprese per classe dimensionale una impresa di queste dimensioni. Le imprese e le istituzioni hanno per il 23 per cento sede nel Comune di Trento e in generale il 50 per cento di esse si concentra in soli 12 Comuni sui 223 della provincia: Trento, Rovereto, Riva del Garda, Pergine, Arco, Cles, Lavis, Mezzolombardo, Mori, Pinzolo, e Borgo Valsugana: praticamente i centri principali delle principali valli di comunicazio- ne. Risulta ancora pi` evidente la forte localizzazione delle imprese se si controlla la distribuzione u degli addetti: la met` dell’occupazione provinciale si concentra in soli cinque Comuni: Trento, a Rovereto, Arco, Riva del Garda e Pergine. Si tratta, secondo l’analisi dell’Osservatorio sulla si- tuazione economico-sociale del Trentino17 delle imprese che danno risultati pi` soddisfacenti in u termini di variazione percentuale di fatturato e produttivit` ; sembra cio` che anche nel Trentino a e siano soprattutto le imprese con adeguate risorse finanziarie e umane ad avere maggiori opportu- nit` di uscire dalla fase di stagnazione in cui si trova, con modalit` e gradi differenti. Il lavoro ruota a a per circa il 20 per cento nelle imprese manifatturiere, quindi per un 15 per cento nel commercio e per circa un 10 per cento ciascuno nel settore pubblico, nell’edilizio, nella sanit` e nel gruppo a “immobiliare, noleggio, ricerca ed informatica ed altre attivit` imprenditoriali e professionali”. Il a Servizio Statistica della Provincia autonoma di Trento rileva sostanzialmente una tendenza a con- fermare i tassi, sia positivi che negativi, di crescita dei vari settori a livello nazionale, con alcuni ambiti di maggior performance locale (agricoltura, caccia e silvicultura, energia gas ed acqua, in- termediazione monetaria e finanziaria, e la pubblica amministrazione) ed alcuni segni opposti: il 17 Osservatorio permanete del sistema economico-sociale provinciale (a cura di), “Rapporto sulla situazione econo- mica e sociale del Trentino – Edizione 2005”, Servizio Programmazione della giunta Provincia autonoma di Trento, 2006 73
  • 87. 3.4 Le imprese 3. La Provincia Autonoma di Trento ` commercio, che in Italia e in calo, nel Trentino mostra un tasso positivo mentre il settore dell’istru- zione, che al contrario mostra un andamento negativo localmente, ha un andamento positivo nel resto d’Italia. Dall’analisi dell’Osservatorio permanente del sistema economico - sociale provinciale, il siste- ma economico provinciale presenta segnali di ambiguit` . In un quadro nazionale e pi` in generale, a u europeo, che fatica notevolmente a trovare risposte strutturali forti alla crisi che stiamo affrontando, il Trentino raggiunge livelli discreti di PIL, in parte grazie anche ad un maggior sostegno prove- niente dalla spesa pubblica, in particolare nel settore dei lavori pubblici e delle infrastrutture del territorio. Un altro dato di soddisfazione, in questa fase recessiva, deriva dal buon andamento delle esportazioni con un tasso che cresce e che si colloca sui livelli del nord-est, fino ad ora mai rag- giunti in Trentino. Si tratta di un risultato positivo soprattutto se inquadrato in una fase di generale caduta di competitivit` delle merci italiane sui mercati esteri. Si pu` forse dire che la particola- a o re attenzione ai temi della competitivit` e dell’internazionalizzazione del mercato trentino, come a sottolineato dal Piano di Sviluppo Provinciale, stia dando qualche frutto rilevabile anche a livello statistico e che si possano iniziare ad avere riscontri positivi dalle scelte pubbliche di spingere i mercati verso settori innovativi e competitivi. Temi questi cruciali per i ragionamenti di questo documento. La tabella 3.418 Figura 3.4: La situazione economica del Trentino come descritta dal PSP della XIII legislatura: “Un sistema sostanzialmente forte con alcune situazioni di crisi” propone un quadro di sintesi della situazione economica sociale. Si noti, per quanto compete a questo rapporto, come fra i punti di forza si ritrovi l’investimento nella ricerca e nell’innovazione e ` la presenza di filiere competitive. L’investimento pubblico nella ricerca e nell’innovazione e forse uno degli ambiti in cui “la dipendenza dal settore pubblico” pu` innescare circoli virtuosi anzich´ o e ` viziosi. Su questi temi il sistema della ricerca trentina si e dato nuovi strumenti organizzativi che hanno trasformato gli enti di ricerca da enti funzionali a fondazioni, focalizzandone gli obiettivi sui binari di una sempre maggior internazionalizzazione, di una valorizzazione della ricerca per lo sviluppo tecnologico delle imprese locali, della creazione di nuove opportunit` di impresa, e a di una particolare sensibilit` quindi alle ricadute nel mercato privato delle scelte di ricerca che si a concretizzano con esempi eccellenti di spin-off. 18 Fonte: Schede di sintesi del Programma di sviluppo provinciale approvato il 29.5.2006 74
  • 88. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.4 Le imprese Proseguendo nell’analisi, vengono presentati alcuni dati riferiti al rapporto tra le imprese trenti- ne e l’innovazione ICT. Il 95 per cento delle imprese con almeno 10 dipendenti dispone di almeno una connessione ad internet come mostra la figura 3.519 , una percentuale di qualche punto superiore alla media nazionale e del nord-est. Figura 3.5: Imprese con almeno 10 addetti per tipologia di connessione e dotazioni tecnologiche La percentuale di imprese con un proprio sito web, si riduce al 53 per cento delle imprese - in questo caso di qualche punto percentuale inferiore alla media nazionale e del nord-est – questo mette in luce il fatto che la connessione internet solo per circa una impresa ogni due rappresenta una “vetrina”; ci` nondimeno la rete viene usata (al 95 per cento) probabilmente per la comunicazione o e come fonte di informazione. 19 Fonte: ISTAT, Rilevazione sulle ICT nelle imprese, 2004-2005. Si ricorda che si sta parlando delle imprese con almeno 10 addetti attive, secondo la classificazione delle attivit` economiche adottata in Italia (Ateco 2002), nei settori a manifatturiero (D), costruzioni (F), commercio all’ingrosso e al dettaglio (G), alberghi e campeggi (parte della sezione H), trasporti, magazzinaggio e comunicazioni (I), attivit` immobiliari, noleggio, informatica, ricerca e sviluppo (K), a audiovisivi (parte della sezione O). Tutti i dati sono comparabili a livello europeo 75
  • 89. 3.5 Agenzie dell’innovazione 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.5 Agenzie dell’innovazione ` Il ruolo principale delle agenzie dell’innovazione e quello di sostenere ed affiancare la crescita delle imprese, sia attraverso interventi diretti che tramite azioni volte a migliorare le condizioni del contesto economico locale, creando relazioni e collegamenti tra i vari attori preposti alla domanda e alla richiesta di innovazione, come possono essere per esempio i centri di ricerca. 3.5.1 Trentino Sviluppo ` Trentino Sviluppo e un’agenzia creata dalla Provincia autonoma di Trento per affiancare imprese e stakeholder locali in un percorso di crescita e promozione del Trentino come terra di business e a` ricerca. Obiettivo della societ` e favorire lo sviluppo sostenibile del territorio(Sviluppo, 2009). I principi di imprenditorialit` , innovazione, coesione sociale, qualit` della vita, del lavoro e a a dell’ambiente sono alla base dell’attivit` di Trentino Sviluppo: a un’azienda, gi` consolidata o a a in fase di start up, Trentino Sviluppo pu` offrire servizi utili per affrontare la competizione sul o mercato italiano e internazionale. Con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo del sistema economico e sociale del Trentino, Tren- tino Sviluppo attiva iniziative mirate per: • affiancare le aziende e supportarle nello sviluppo e nel consolidamento della loro capacit` di a competere e innovare; • costruire reti e sviluppare sinergie tra imprese e centri di ricerca, a livello nazionale e inter- nazionale; • diffondere la cultura d’impresa e d’innovazione, quale elemento alla base dello sviluppo sostenibile del territorio; • valorizzare i vantaggi competitivi del sistema trentino, per attrarre competenze, tecnologie ed investimenti di realt` produttive da fuori provincia. a ` Si pu` quindi affermare che uno degli intenti di Trentino Sviluppo e quello di rinsaldare, presso o le imprese, una cultura d’impresa innovativa, affiancando gli altri enti che, sul territorio, portano avanti il medesimo disegno. Per cultura dell’innovazione si intende una parte integrante della strategia di marketing territoriale di Trentino Sviluppo; la propensione del territorio ad investire in innovazione costituisce un significativo fattore di attrazione per aziende ed investitori da fuori provincia. 76
  • 90. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.5 Agenzie dell’innovazione Tra le attivit` promosse da Trentino Sviluppo si annoverano convegni, seminari, percorsi for- a mativi e tante altre iniziative, volte a potenziare in Trentino la propensione ad innovare, quale elemento chiave della competitivit` di imprese e sistema. a 3.5.2 Incubatori di impresa I Business Innovation Centre (BIC) sono incubatori di impresa dove le aziende in fase di start- up possono trovare spazi produttivi e servizi, mentre i centri di ricerca trovano laboratori attrez- zati(National Business Incubation Association, 2009). Presenti in tutta Europa e coordinati dal network europeo EBN - European Business and Innovation Centre Network - di cui Trentino Svi- ` luppo e full member, i BIC rappresentano uno strumento di sostegno, ormai collaudato, alla nuova imprenditorialit` . I BIC del Trentino sono 6, sono gestiti da Trentino Sviluppo e sono disloca- a ti a Rovereto - primo BIC realizzato in provincia e oggi anche polo tecnologico – Trento (polo tecnologico), Pergine, Borgo Valsugana, Pieve di Bono e Mezzolombardo. Accanto alle attivit` a produttive, i BIC trentini ospitano anche laboratori ed interessanti iniziative di ricerca, realizzate da Universit` e Centri di Ricerca privati partner di Trentino Sviluppo. a • Polo tecnologico di Rovereto: – Laboratorio di ingegneria informatica: e gestito dall’Universit` di Trento e lavora su ` a progetti riconducibili al settore informatico e informativo; – Centro Ricerche Ducati Energia: (Nuove soluzioni per gestire l’energia nei veicoli leggeri e per la compensazione di carichi elettrici in ambiente industriale), un avanzato progetto di ricerca industriale per la realizzazione di un veicolo ibrido leggero, pratico, maneggevole e poco costoso per il trasporto sostenibile in ambito urbano; – BioSiLab: BioSiLab S.r.l. ha creato un intero laboratorio biologico su microchip. L’a- zienda ha sviluppato un biochip elettroporatore che consente di abbassare i costi e migliorare i risultati dello screening molecolare nella ricerca biomedica; – BioAnalisi Trentina S.r.l.: e un laboratorio di analisi e consulenza nel settore agroa- ` limentare, che si avvale di moderne tecniche di biologia molecolare. Il laboratorio offre servizi analitici per la ricerca di OGM in prodotti agroalimentari, di micotossine e allergeni negli alimenti; servizi analitici per le cantine (studio delle dinamiche di fer- mentazione dei lieviti, diagnosi rapida dei contaminanti); consulenza e docenza relativa a etichettatura, rintracciabilit` e alla stesura dei piani di autocontrollo igienico sanita- a rio HACCP; analisi microbiologiche sugli alimenti; attivazione di specifici servizi e ricerche su richiesta. 77
  • 91. 3.5 Agenzie dell’innovazione 3. La Provincia Autonoma di Trento • Bic di Pergine: – Laboratorio per le ricerche anticorrosione industriale, metallurgia e microstrutture, gestito dall’Universit` di Trento (dipartimento di ingegneria dei materiali); a – Laboratorio di tecnologia delle polveri, di tecnologia dei rivestimenti anticorrosio- ne, dei materiali polimerici e dei composti a matrice polimerica e dei materiali per l’edilizia. • Polo tecnologico di Trento: – Centro Ricerche Fiat: si occupa di microsistemi, manufacturing virtuale, info telemati- ca e business information technology; – Laboratorio di ontologia applicata del Consiglio Nazionale delle Ricerche: studia la rappresentazione della conoscenza attraverso modelli. • Bic di Pieve di Bono: – Centro di formazione universitaria a distanza, gestito dall’Universit` di Trento. a I BIC sono strutture modulari gi` attrezzate e pronte all’uso, all’interno delle quali si pu` usu- a o fruire di servizi a supporto dello start-up d’impresa, di sportelli informativi mirati, di agevolazioni per l’acquisto di impianti tecnologici e di numerose altre opportunit` . La presenza, all’interno a dei BIC, di laboratori e centri di ricerca facilita inoltre la nascita di sinergie e di accordi per il trasferimento tecnologico. Rientra in questa logica la sottoscrizione, avvenuta nel 2005, di una a ` convenzione con l’Universit` di Trento che si e impegnata a supportare le attivit` di trasferimento a tecnologico, in particolare con le aziende BIC. I BIC gestiti da Trentino Sviluppo vantano signi- ficativi primati rispetto alle analoghe strutture presenti sul territorio italiano. Il Trentino, infatti, ` e al primo posto per numero di aziende ospitate nei propri BIC: 97 imprese incubate, per un fat- turato totale di circa 100 milioni di euro, sono un record rispetto agli standard italiani, dove sono incubate solo 22 aziende per territorio. Anche i dati sul numero di dipendenti - circa 800 occupati negli incubatori trentini, rispetto alla media italiana di 168 nelle altre province - fanno dei sei BIC presenti sul territorio trentino un’esperienza di riferimento assoluto nel panorama nazionale. Ri- sultati, questi, che confermano la qualit` dei servizi offerti all’interno dei BIC, che costituiscono, a per le aziende trentine, un’opportunit` di crescita e la possibilit` di confrontarsi con gli standard a a dell’eccellenza europea. 78
  • 92. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.5 Agenzie dell’innovazione 3.5.3 Informatica Trentina Informatica Trentina fornisce soluzioni globali nel campo dell’Information and Communication ` Technology. E il punto di riferimento delle Amministrazioni e degli Enti del territorio trentino. ` Informatica Trentina e: • strumento di sistema in quanto concorre allo sviluppo del sistema economico trentino per la diffusione delle nuove tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni nel set- tore pubblico. Assume una funzione strategica per promuovere l’innovazione del sistema pubblico provinciale e quindi innescare rapidi processi di modernizzazione della Pubblica Amministrazione; • strumento di innovazione con la finalizzazione di ingenti investimenti in tecnologie e defini- zione e realizzazione di progetti di innovazione. Rilievo strategico presentano i progetti di innovazione realizzati in collaborazione con i centri di ricerca e con il sistema delle impre- se locali. Attraverso tali progetti viene in particolare promossa una strategia “tripolare” di innovazione del sistema provinciale, in grado di coinvolgere tramite Informatica Trentina il Sistema Pubblico, il Sistema della Ricerca e il Sistema delle Imprese Locali; • strumento di cooperazione con le imprese ICT del settore economico locale, caratterizzato, da un lato, dalla crescente intensificazione dei rapporti economici con le imprese, dall’altro, dall’attuazione di progetti di innovazione in collaborazione con i centri di ricerca e con il coinvolgimento delle imprese locali; • agenzia per l’innovazione, ovvero collabora in stretta sinergia con i centri di ricerca ed in particolare con la Fondazione Bruno Kessler e l’Universit` di Trento, al fine di acquisire da- a gli stessi le conoscenze innovative, trasferendo sulle soluzioni sviluppate e inserite nell’am- biente di produzione, know-how e componenti tecnologiche sviluppate nella realizzazione di prototipi sperimentali. 3.5.4 Tecnofin Trentina S.p.A. Tecnofin Trentina S.p.A., per il tramite di Tecnofin Immobiliare S.r.l., supporta la Provincia, anche sotto il profilo finanziario, nella realizzazione di progetti inerenti le telecomunicazioni, nell’ottica di creare una rete pubblica di ambito provinciale. A seguito di una convenzione con la Provincia, ha l’incarico di completare la progettazione e di realizzare le opere per l’infrastruttura di rete pro- vinciale per la larga banda, comprese quelle inerenti la realizzazione delle connessioni necessarie per l’estensione e il potenziamento della rete privata della pubblica amministrazione, secondo le 79
  • 93. 3.6 Open Innovation in Trentino 3. La Provincia Autonoma di Trento priorit` individuate al fine di superare il digital divide nelle zone pi` svantaggiate e periferiche. a u Avr` la propriet` dell’infrastruttura, trasferendone la disponibilit` a Trentino Network, societ` a a a a appositamente individuata dalla Provincia(Sviluppo, 2009). 3.5.5 Trentino Network S.r.l. Trentino Network S.r.l. ricopre invece il ruolo di gestore della rete e di erogatore di servizi di trasporto e connettivit` . Inoltre, svolge il compito di posa e gestione dei cavi in fibra ottica all’in- a terno delle propriet` provinciali fino alle sale server, manutenzione delle infrastrutture, supporto a nella progettazione e realizzazione delle reti di accesso per la pubblica amministrazione, affitto di infrastrutture ad operatori di mercato a condizioni eque, trasparenti e non discriminatorie. 3.6 Open Innovation in Trentino All’interno del modello di Open Innovation, una delle caratteristiche basilari risulta essere la col- laborazione e la creazione di una rete fra gli attori del sistema. Ci` significa riuscire a mettere in o contatto tra loro le imprese, i centri di ricerca e le universit` , gli end-user e la pubblica ammini- a strazione. Questa rete vuole cercare di rafforzare i legami tra i diversi attori presenti sul territorio, generando distretti regionali con competenze specializzate, come per esempio il caso del Trentino ` riguardante l’ambiente (Habitech e il distretto tecnologico trentino per l’energia e l’ambiente) o le nanotecnologie (in questo caso parliamo del Centro Ricerche Fiat, il quale sfrutta ed utilizza le Nano-Tecnologie per la realizzazione di micro-componenti per il rilievo delle emissioni dei motori a combustione interna e della qualit` dell’aria in ambienti confinati). La funzione di coordinamen- a to pu` fornire una soluzione nella gestione dei rapporti tra i diversi attori, nella maniera di favorire o la focalizzazione e il raggiungimento degli obiettivi. ` Nella letteratura il coordinamento e studiato secondo diverse prospettive. Secondo J.D. Thomp- son (1994), la condivisione di risorse e di informazioni all’interno della rete assume il nome di interdipendenza. Questa pu` essere gestita attraverso procedure e processi standard (standardiz- o zazione). Il coordinamento attraverso standardizzazione definisce le procedure di azione e le rou- tine da eseguire a fronte di problemi. Ogni dipartimento dovrebbe impiegare lo stesso insieme di strumenti finanziari e di amministrazione, in maniera tale che gli output di tutti i dipartimenti si possano raggruppare (pooled) e misurare Spesso per` la comunicazione tra le aziende non pu` o o essere risolta attraverso processi standard, in quanto il coordinamento, soprattutto in un ambiente ` di tipo “open”, e dinamico e deve rispondere ad esigenze sempre nuove. A tal proposito, il coor- dinamento per mutuo adattamento pu` risultare utile per soddisfare tali esigenze. Spesso infatti o 80
  • 94. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.6 Open Innovation in Trentino le relazioni tra gli attori si caratterizzano per un’elevata complessit` informativa e un elevato fab- a bisogno di comunicazione. In alcuni casi gli attori coinvolti non lavorano nemmeno in sequenza, ma simultaneamente e in modo autonomo: si ha quindi un’interdipendenza reciproca. In questo caso il coordinamento avviene per mutuo adattamento, il quale consiste in meccanismi naturali che consentono alle componenti di “convivere” spontaneamente e che implica la trasmissione di nuove informazioni durante il processo di azione. Ci` comporta alti volumi di informazioni scambiate e o di decisioni assunte perch´ l’informazione reciproca muta costantemente lo stato di ciascuna parte e e il reciproco adattamento (il coordinamento) avviene principalmente attraverso decisioni pi` o u meno consapevoli e formalizzate (che a loro volta richiedono lo scambio di informazioni). Altro ` fattore importante e la complessit` informativa dei compiti da svolgere, cio` la differenza tra le in- a e formazioni teoricamente necessarie per svolgere un’attivit` e quelle effettivamente disponibili. Per a questo motivo, Thompson introduce anche alcuni strumenti di coordinamento, quali per esempio il feed-back (supervisione diretta); consegue il coordinamento attraverso una persona/ente/attore che assume la responsabilit` del lavoro degli altri, dando loro ordini e controllando le loro azioni. a ` Il mercato e visto anch’esso come un meccanismo di coordinamento, nel quale gli attori, le fasi di sviluppo, le attivit` e le forze in gioco interagiscono tra loro. In Trentino questo “sistema“ non e a ` ancora stato sviluppato e ben regolamentato; si sta cercando infatti di definire ruoli e compiti dei diversi attori, e dove attualmente la PAT svolge il suo ruolo fondamentale di unico driver innovati- vo all’interno del territorio stesso. Infatti, rappresenta la fonte principale di investimenti e quindi di finanziamenti nel campo della ricerca e innovazione. Necessaria come fonte primaria di cono- scenza e come strumento in grado di facilitare l’assorbimento di nuova conoscenza (o conoscenza esterna), la ricerca e l’innovazione devono necessariamente essere sostenute e finanziate. L’imprenditore che attiva percorsi di innovazione pu` trovarsi di fronte due possibili soluzioni: o • ricercare il miglioramento di prodotto/processo (innovazione incrementale); • introdurre significativi cambiamenti sia in termini di prodotto, tecnologie o processi (inno- vazione radicale). In un ambiente economico sempre pi` dinamico, la necessit` di innovare diviene sempre pi` u a u importante per le imprese, soprattutto per le PMI le quali non presentano la struttura e le risorse necessarie per supportare efficacemente la ricerca e sviluppo. ` L’introduzione di significativi cambiamenti sui prodotti e, ad oggi, per le piccole e medie im- prese, il risultato dell’attivit` di ricerca e sviluppo di laboratori industriali interni o esterni. Questo a tipo di innovazione consente all’imprenditore di: • creare nuovi mercati; 81
  • 95. 3.6 Open Innovation in Trentino 3. La Provincia Autonoma di Trento • favorire, per quanto riguarda l’ammodernamento di macchinari, la riduzione dei costi di produzione; • aumentare, nei casi di innovazione di componenti, la qualit` dei prodotti esistenti. a L’introduzione di cambiamenti e di innovazioni radicali sui processi produttivi organizzativi determina metodi di produzione sostanzialmente nuovi rispetto a quelli convenzionali, comportan- do per l’impresa un miglioramento della produzione in termini di minor costo e minore impatto ambientale. In Trentino sembra che ci siano delle opportunit` per lo sviluppo di soluzioni e azioni a a supporto di uno sviluppo del modello di innovazione aperta all’interno del territorio. La presenza di molteplici attori, preposti alla creazione di collegamenti e di reti in grado di sostenere l’inno- vazione, la mancanza di una struttura di mercato in grado di fornire la domanda necessaria per incentivare correttamente e costantemente la ricerca e l’innovazione, ha reso necessaria la nascita di un ente coordinatore nel campo della ricerca e dell’innovazione che agisca da interfaccia tra gli attori coinvolti nel processo. Ci` potrebbe portare alla riduzione delle spese amministrative, alla o diffusione dell’importanza degli investimenti e ad una migliore risposta ai bisogni dei cittadini. La delibera n. 2295 della Giunta Provinciale avvia presso il Dipartimento Innovazione Ricerca e ICT, un gruppo di lavoro per il coordinamento strategico e di sistema delle politiche in materia di innovazione abilitata dall’ICT (Provincia Autonoma di Trento, 2009). Risulta necessario sottoli- neare che prima di questo provvedimento l’intera domanda riferita alla ricerca e all’innovazione era definita dalla Provincia Autonoma di Trento, la quale come gi` pi` volte sottolineato era anche a u il principale soggetto preposto al finanziamento di progetti in materia di innovazione. La delibera definisce ruoli e mandato operativo per i diversi attori del sistema dell’innovazione ICT (Provincia, Informatica Trentina, imprese, istituti di ricerca e universit` di Trento). Il modello indicato vede la a Provincia come “driver di innovazione“ grazie anche al ruolo di interfaccia di Informatica Trentina in grado di spingere e rendere applicativi nelle imprese locali i risultati della ricerca sviluppata negli istituti di ricerca e Universit` del territorio. Ci si riferisce sia ad una logica di rappresentanza a di interessi e di competenze che si incrociano, sia ad un insieme di accordi di natura istituzionale e/o programmatica che si propongono di finalizzare e di regolare forme di reciprocit` fra attori a del sistema. Bisogna creare un ambiente di riferimento nel quale siano chiari il valore e la red- ditivit` delle conoscenze (intese come nuove opportunit` di sviluppo), la ripartizione dei ruoli e a a dei compiti tra le varie amministrazioni regionali e locali (intese come creazione di meccanismi di coordinamento. La costante idea di incentivare i processi di ricerca e di innovazione, ha dato origine in Tren- tino ad un interessante progetto. Il concorso “Premio Impresa Innovazione D2T Start Cup“ e una ` competizione di idee e progetti innovativi di impresa, pensati e costruiti da giovani. Il Premio ha l’obiettivo di promuovere la cultura d’impresa e d’innovazione, unitamente a quello di favori- re lo sviluppo di idee e progetti innovativi di business, supportando la nascita di nuove imprese 82
  • 96. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.6 Open Innovation in Trentino ` sul territorio trentino e possibili venture capital. L’iniziativa e promossa in collaborazione con l’Universit` di Trento, la Camera di Commercio di Trento, la Fondazione Bruno Kessler, con il a patrocinio della Provincia Autonoma di Trento e con il Massachusetts Institute of Technology di Boston come partner. Un’iniziativa che sta riscuotendo un interesse crescente: dai 20 progetti ` presentati nell’edizione 2007 si e passati alle 37 proposte d’impresa elaborate l’anno scorso dai 49 partecipanti al premio. L’idea di innovare e quindi di trasformare un’idea in qualcosa di utile passa necessariamente anche attraverso l’adozione di brevetti. Dai dati raccolti presso la camera di commercio di Trento, si evidenziano difficolt` all’interno dell’apparato burocratico; per esem- a pio la ricerca di anteriorit` , che permette di verificare la presenza o meno di marchi o brevetti a gi` registrati o simili, risulta essere lenta e priva di addetti specializzati in quel settore; all’interno a dell’ufficio brevetti presente presso la Camera di Commercio di Trento, non vi sono consulenti specializzati in propriet` industriale (questo almeno fino all’anno 2007), e quindi tale compito vie- a ne eseguito attraverso convenzioni con consulenti esterni, con conseguenti tempi di attesa che si dilatano nel tempo. La differenza di qualit` si pu` rintracciare nella provincia di Bolzano, dove e a o ` stata istituita una biblioteca brevettuale accessibile e consultabile e dove sono presenti, all’interno dell’apparato burocratico, consulenti specializzati in propriet` industriale in grado di velocizzare a l’intero iter amministrativo. Le differenze tra le due realt` provinciali sono evidenti, con quasi a il quadruplo di richieste effettuate nella provincia di Bolzano. Per citare qualche esempio, se si effettua una ricerca all’interno del portale del Ministero dello Sviluppo Economico, nella sezione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (www.uibm.gov.it), si osserva che nell’anno 2009, le domande di nuove innovazioni depositate in Trentino Alto Adige sono cos` suddivise: per la Provincia di ı Bolzano 50 richieste, mentre per la Provincia di Trento solamente 13. Dall’anno 2008, la Camera di Commercio di Trento ha cercato di correggere tale problema, finalizzando una convenzione con l’European Patent Office (EPO), grazie al quale risulta possibile accorciare i tempi di lavoro, riferiti alla ricerca brevettuale, entro i 5 mesi. Accanto al finanziamento e all’aiuto rivolto verso gli attori pi` attivi nel mondo della ricerca e u dell’innovazione, sostenere le nuove imprese rientra all’interno di un’altra caratteristica dell’open innovation: la corporate entrepreneurship. Il venture capital, per esempio, permette a una piccola azienda start-up di essere affiancata e quindi di essere sostenuta finanziariamente durante le pri- me fasi di avvio, permettendo quindi a quest’ultima di poter raccogliere e utilizzare gli strumenti necessari per creare ricerca e innovazione. Questo inoltre permette alle nuove imprese di creare un meccanismo e quindi di competere con le grandi aziende/imprese. Le venture capital offrono quindi un’occasione importante per le aziende del territorio per sviluppare nuove collaborazio- ni. Un’opportunit` per imprenditori e operatori del sistema dell’innovazione interessati a nuovi a sbocchi, nuove idee e, soprattutto, nuovi business da lanciare a fronte di uno scenario competiti- vo globale in cui l’innovazione si realizza sempre pi` efficacemente mediante un processo aperto. u 83
  • 97. 3.6 Open Innovation in Trentino 3. La Provincia Autonoma di Trento Oltre al finanziamento, i venture capitalists potrebbero fornire consulenza per l’individuazione di mercati e delle caratteristiche che un territorio ed una impresa start-up dovrebbero possedere per risultare attraente agli occhi degli investitori. L’analisi della situazione presente in Trentino, dove ` vi e una bassissima presenza di grandi imprese e dove le spese sostenute dalle PMI nella ricerca sono coperte principalmente dalla PAT, fornisce un’ulteriore motivo alla creazione di infrastrutture di ricerca e sviluppo di prodotti e servizi in grado di attrarre investitori e imprenditori situati al di fuori dal Trentino. L’intreccio tra realt` trentina e venture capital incontra anche un’altra possibile a difficolt` . Le venture capital scommettono principalmente nel breve termine, nel binomio idea- a ` imprenditore e sull’aspetto economico; l’idea del Trentino e quella invece di uno sviluppo a lungo termine, che coinvolga l’intera comunit` in un processo continuo di innovazione sul territorio dove a i centri di ricerca ricercano e le imprese sviluppano secondo il cosiddetto processo di Technology Transfer, definito in modo sintetico come un processo di interazione intenzionale attraverso il quale informazioni e conoscenze scientifiche e tecnologiche e/o artefatti vengono trasferiti e quindi con- divisi tra i diversi attori ai fini dell’innovazione di prodotto o processo da un contesto organizzativo fornitore-doner (solitamente si tratta di universit` o centri di ricerca) ad un altro cliente-receiver a (si parla delle imprese). In effetti, esso rappresenta una specifica forma di trasferimento inter- organizzativo, dove la creazione di nuova conoscenza ottenuta attraverso canali di condivisione deve poter essere fruita e gestita dai diversi attori del sistema; ci` permette la ricombinazione e o la riconfigurazione della conoscenza acquisita necessaria per ottenere un vantaggio competitivo. Per esempio, la realt` degli incubatori d’impresa nel territorio rappresenta, almeno nella fase di a start-up di giovani imprese, una chiave importante poich´ alimenta la capacit` di innovare. e a Un esempio in questo senso ci viene dato dal Centro di ricerca CREATE-NET (citazione por- tale create-net). CREATE-NET nasce a Trento nel 2003 dalla forte volont` dell’Istituto Trentino a di Cultura e dell’Universit` degli Studi di Trento, cui si uniscono alcune delle pi` note universit` a u a e centri di ricerca europei, e grazie al sostegno finanziario della Provincia Autonoma di Trento. Forte di una rete scientifica, accademica ed industriale che CREATE-NET ha saputo creare e con- solidare con oltre 300 enti di ricerca ed aziende leader del settore nel mondo, il Centro ha gestito progetti di ricerca sul territorio Trentino ed al tempo stesso ha avviato diversi progetti di collabo- razione internazionale finanziati con le principali istituzioni accademiche e di ricerca negli Stati Uniti (MIT e Georgia Tech), in Cina (Tsinghua e BUPT) e Israele (Technion). Il loro obiettivo e ` di creare un “ponte” tra ricercatori, comunit` e industria dove le idee possano essere trasformate a in prototipi, e dove l’user sia attivo, sia creatore di servizi e contenuti. La sostenibilit` di un mo- a a ` dello open innovation e quindi la competitivit` di un territorio e legata alla capacit` di attrarre a a se studenti, docenti, ricercatori, programmi di ricerca, imprese ed investimenti, in termini di te- mi, competenze e di energia imprenditoriale. Parametri importanti sono l’accessibilit` , la qualit` a a dell’amministrazione pubblica, la presenza di stimoli, le infrastrutture, le opportunit` formative: a queste caratteristiche, insieme ad altre, permettono di facilitare e quindi di utilizzare un modello 84
  • 98. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.6 Open Innovation in Trentino di innovazione aperta all’interno di un determinato territorio. Senza un attore di coordinamento, in cui la conoscenza pu` essere condivisa e quindi utilizzata, risulta inutile parlare di open innovation, o poich´ si cercherebbe di forzare i vari attori presenti sul territorio ad innovare, senza fornire loro gli e strumenti necessari per poter avere successo. L’intero apparato burocratico dovrebbe essere modi- ficato e pensato per snellire i collegamenti e le reti tra gli attori, favorendo una “contaminazione” tra le diverse dimensioni, formazione, lavoro, ricerca, istruzione, presenti all’interno di una realt` a locale; i finanziamenti dovrebbero essere mirati per poter premiare chi realmente crea innovazione e chi invece esercita solo funzioni di ricerca base; la sfera innovativa dovrebbe centrare la pro- pria visione verso l’user/community, favorendo di fatto l’incontro tra domanda e offerta, creando valore. L’aumento di attrattivit` che un determinato territorio pu` produrre e quindi esericitare nei con- a o fronti di studenti, ricercatori, docenti e altri attori, porta con s´ anche problemi di natura competiti- e va. In effetti, maggiore sar` lo sforzo per creare una rete di attori della conoscenza, e maggiore sar` a a il grado di competitivit` che necessariamente bisogner` tenere presente e affrontare, nel senso che a a ciascun territorio, locale o globale che sia, cercher` attraverso le proprie caratteristiche di attrarre a a se il maggior numero di competenze e conoscenze, a discapito naturalmente della concorrenza. Tutto ci` aumenter` la complessit` del sistema, i vari attori saranno sottoposti a stress, cambieranno o a a i metodi di lavoro, gli strumenti utilizzati nella ricerca favoriranno nuove idee e conoscenze. ` Un esempio sviluppato in Trentino e il Progetto “La Societ` dell’Informazione (e-society)”, a al fine di “stimolare l’adozione di tecnologie di rete e l’attiva partecipazione alla Societ` dell’in- a formazione da parte di tutte le componenti del tessuto socio-economico trentino”, collocando la provincia a fianco delle aree pi` evolute dell’Unione Europea (Giunta provinciale di Trento, 2004). u Questo progetto segue l’idea di aumento di attrattivit` del territorio verso iniziative imprenditoriali a high-tech. Per concludere, la suddivisione dei ruoli all’interno di una collaborazione/rete tra diversi attori si rende necessaria affinch´ si possano creare le basi per una condivisione della conoscenza. e Nel modello Open Innovation, non solo viene acquisita nuova conoscenza, ma le idee e progetti spesso vengono condivisi con l’ambiente esterno. Informatica Trentina cerca di riassumere questo principio attraverso: • collaborazione con centri di ricerca (Fondazione Bruno Kessler) ed universit` (Universit` a a degli studi di Trento), imprese, allo scopo di acquisire idee, conoscenza, partecipazione attiva allo sviluppo di progetti ma anche cercando di trasferire il proprio know-how aziendale all’interno delle strutture di ricerca al fine di creare piccoli laboratori dove trasformare idee in prototipi; • Comunicazione e collaborazione con la PAT, la quale pu` suggerire collaborazioni, progetti, o stimola la domanda d’innovazione, incentiva lo sviluppo di sistemi a supporto dell’innova- 85
  • 99. 3.6 Open Innovation in Trentino 3. La Provincia Autonoma di Trento zione; • Creazione di un portale a supporto dell’innovazione favorendo l’incontro tra i diversi attori e fornendo consulenza in materia di ricerca e innovazione. I centri di ricerca costituiscono la base per lo scambio di conoscenza e informazioni, e rap- presentano quindi un modello ideale di trasferimento tecnologico. Grazie a collaborazioni pre- esistenti con altri istituti o enti, partecipano a numerosi bandi riguardanti progetti nazionali ed eu- ropei, ricevendo finanziamenti e nuova conoscenza attraverso lo scambio di ricercatori tra i diversi istituti di ricerca. Le imprese che partecipano alla rete di collegamenti, forniscono investimenti allo scopo di sviluppare prototipi. Le imprese che s’interessano ad un particolare progetto, possono af- fiancare il team di progetto, presente per esempio all’interno di un centro di ricerca, durante la fase di realizzazione del prototipo. In questo modo la collaborazione tra i due attori porterebbe sia al riconoscimento dell’idea generata dai ricercatori/studenti, e sia ad una valorizzazione sul mercato della stessa. ` Un soluzione simile ci viene fornita dal portale aster.it. ASTER (ASTER, 2009) e il Consorzio tra la Regione Emilia-Romagna, le Universit` , gli Enti di ricerca nazionali operanti sul territorio, a l’Unione regionale delle Camere di Commercio e le Associazioni imprenditoriali regionali. E ` nato con lo scopo di valorizzare e promuovere la ricerca industriale, il trasferimento tecnologico e l’innovazione del tessuto produttivo dell’Emilia-Romagna attraverso lo sviluppo di attivit` di a interesse per i soci consorziati ed opera senza finalit` di lucro. Tra i principali compiti istituzionali a ` il Consorzio e impegnato nel coordinamento e sviluppo della ”Rete Alta Tecnologia dell’Emilia- Romagna”, la quale si occupa di servizi e progetti per la promozione di partnership tra ricerca e industria; la valorizzazione dei risultati della ricerca e il trasferimento di nuove tecnologie alle imprese regionali, incoraggiandone la competitivit` nazionale e internazionale; la preparazione del a capitale umano all’innovazione. Il portale web creato a supporto del Consorzio permette l’incontro tra imprenditori, ricercatori, studenti, fornendo loro informazioni su bandi e progetti, consulenze sull’innovazione, sui finanziamenti, sulla propriet` intellettuale; in questo modo cerca di ampliare a la propria apertura verso l’esterno, adattando la sfera locale a quella globale. Un approccio emergente nella ricerca e sviluppo, che si basa su un modello di innovazione guidata dall’utente, riguarda il Living Lab. In sintesi, il Living Lab (LL) porta la ricerca fuori dai laboratori e dai centri di ricerca per coniugare l’innovazione tecnologica con quella organizzativa e sociale, in un processo di co-creativit` che coinvolge tutti i soggetti partecipanti – ricercatori, a ` enti territoriali, PMI, associazioni, singoli cittadini. Il termine Living Lab e stato coniato all’MIT nel 2003, ma ha assunto una particolare enfasi Europea nell’applicazione in contesti diffusi con una forte partecipazione degli utenti, tanto da diventare una componente importante della Strate- gia Europea dell’Innovazione (Mulder e altri, 2008). Il Manifesto di Helsinki ha lanciato la rete 86
  • 100. 3. La Provincia Autonoma di Trento 3.6 Open Innovation in Trentino ` “European Network of Living Labs“ (ENoLL) nel 2006, rete che e cresciuta esponenzialmente attraverso 3 “tornate” di candidature fino a raggiungere i 129 Living Lab attuali in tutta l’Europa, il Brasile, Sud Africa, Taiwan, ecc.(fonte ENoLL) Un Living Lab risulta essere una buona soluzione per favorire l’innovazione territoriale essenzialmente per tre motivi: • la necessit` di accelerare i processi di innovazione, vista la crescente competitivit` e utilizzo a a di tecnologie legate all’ICT; • la necessit` di focalizzare gli investimenti in ricerca e sviluppo verso progetti con possibili e a future opportunit` commerciali; a • il terzo motivo consiste nella diversit` degli attori coinvolti nella rete di innovazione, e quin- a di nella capacit` di creare un sistema in grado di soddisfare diverse esigenze ed obiettivi a provenienti da diversi attori. Il Trentino vuole abbracciare questo approccio attraverso il Taslab (Trentino as a Lab). TasLab ` ` e una rete dedicata all’innovazione, il cui obiettivo e di sviluppare un approccio che pone l’utente al centro del processo d’innovazione; esso coinvolge i tre principali attori del processo d’innovazione, ossia i centri di ricerca, le aziende ICT e gli utenti. I centri di ricerca coinvolti sono: il Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell’Informazione dell’Universit` di Trento, la Fondazione Bruno Kessler, a GraphiTech, CREATE-NET, ISTC-CNR e il Laboratorio di Interoperabilit` ed e-Government (LE- a GO), varie imprese tra le quali I&S Informatica e Servizi Srl, COGITO Srl, Sinergis Srl, Trentino Network Srl, GPI Spa, DedaGroup Spa, ALGORAB Srl, HEIDI Spa, Centro Ricerche Fiat (CRF), Siemens Spa e varie organizzazioni in qualit` di utenti finali, tra le quali la Provincia Autonoma a di Trento, l’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, il Consorzio dei Comuni Trentini e Trenti- ` no Riscossioni Spa. Questa iniziativa e patrocinata dalla Provincia Autonoma di Trento (Taslab, 2009). Informatica Trentina agisce in qualit` di catalizzatore e coordinatore del Trentino as a Lab a ` Missione del Trentino as a Lab e la creazione di un’infrastruttura di innovazione avanzata capace di rispondere alle esigenze degli utenti attuali e futuri, non solamente dal punto di vista ` dell’ICT, ma anche in una prospettiva culturale e socio-economica. Lo scopo e di ridurre il divario digitale e allo stesso tempo di sperimentare nuove soluzioni ICT con un forte coinvolgimento dell’utente su tutto il territorio trentino. I principali obiettivi del TasLab riguardano: ` • lo sviluppo di un ambiente incentrato sull’utente, nel quale l’innovazione e il modo di essere, pensare ed evolvere dei cittadini trentini; 87
  • 101. 3.6 Open Innovation in Trentino 3. La Provincia Autonoma di Trento • lo sviluppo di un ambiente naturalmente predisposto a sostenere e implementare l’innova- zione nel suo ciclo complessivo, dalla ricerca di base ai prodotti di mercato; • lo sviluppo di varie partnership con altri territori europei ed internazionali, derivanti anche da collaborazioni di eccellenza gi` attivate dagli stakeholders trentini sia a livello nazionale, a sia a livello internazionale; • lo sfruttamento dei risultati di progetti gi` attivi per uno sviluppo del Trentino, sostenibile a ed attento all’ambiente ed alle esigenze delle persone. Ci` permette, secondo le esperienze gi` acquisite in altri contesti europei, di identificare e o a sviluppare nuovi servizi tecnologici pi` vicini alle necessit` del mercato in quanto co-progettati con u a il mercato stesso e quindi anche con tempi di diffusione e di ritorno sull’investimento pi` rapidi. u Dal punto di vista degli obiettivi dello sviluppo locale, un’iniziativa che si offre come laboratorio di sperimentazione beneficia anch’essa dal dialogo con la ricerca tecnologica, che introduce un ulteriore forza acceleratrice ai processi di innovazione gi` insiti negli obiettivi di attuazione. La a diffusione capillare ma coordinata di una parte della ricerca tecnologica, con innesti mirati in un’ampia gamma di settori, promette una maggiore corrispondenza tra ricerca e mercato ed una migliore coerenza della spesa in ricerca e sviluppo. 88
  • 102. Capitolo 4 Conclusioni Sulla base di quanto discusso all’interno del documento e dopo aver cercato di rappresentare lo stato dell’arte del sistema della ricerca in Trentino, crediamo di poter concludere affermando che il Trentino possiede le caratteristiche adatte per poter implementare un modello di innovazione aperto. Il sistema della ricerca in Trentino, di cui fanno parte tra le altre l’Universit` degli studi a di Trento, la Fondazione Bruno Kessler e la Fondazione Edmund Mach, il Distretto Tecnologico Trentino, le imprese presenti sul territorio, le agenzie dell’innovazione, come ad esempio Infor- matica Trentina e Trentino Sviluppo, costituiscono una solida base adatta alla creazione di una rete di collegamenti tra questi attori. Finanziamenti e bandi provenienti dalla Comunit` Europea, a agevolazioni fiscali rivolte ad imprese interessate alla ricerca e sviluppo, progetti volti a creare la “Societ` dell’Informazione“, consentono alla Provincia Autonoma di Trento di guardare al futuro a con ottimismo, futuro inteso come la possibilit` di integrare un modello di innovazione aperta. a ` Il punto di partenza e stato quello di delineare l’importanza assunta negli anni dall’innovazione, ` risultato dell’intreccio di conoscenza, capitali ed organizzazione. L’innovazione e necessaria, alle ` imprese e ai governi, ai mercati e alla democrazia; e un processo culturale, poich´ prima di innova- e re risulta necessario individuare, programmare e delineare le linee e le politiche dell’innovazione. Ne consegue quindi una ricerca di un modello adatto ad implementare correttamente processi inno- vativi all’interno di aziende, laboratori, centri di ricerca, pubbliche amministrazioni. Un modello adatto ai rapidi mutamenti dell’ambiente esterno di riferimento, alle numerose e differenti necessit`a dei diversi stakeholders, alla condivisione di informazioni e conoscenze. L’Open Innovation deve essere considerato come un nuovo framework, un nuovo approccio, nel quale la collaborazione e la condivisione di conoscenza rappresentano alcuni dei suoi capi saldi. Naturalmente, il ricorso a un modello ad innovazione aperta deve essere facilitato ed aiutato attraverso policies; ad esem- pio, stimolando i laboratori di ricerca privati presenti in azienda, creando canali preferenziali per l’accesso a finanziamenti, coinvolgendo l’intero asset aziendale verso il raggiungimento di deter- 89
  • 103. 4. Conclusioni minati obiettivi. L’approccio costituito dal modello Open Innovation, a partire dagli studi di Henry Chesbrough, ha costituito una soluzione efficace al tradizionale approccio di fare innovazione, il quale prevedeva la quasi totale chiusura verso l’esterno e quindi l’isolamento. I benefici derivanti dall’innovazione aperta possono essere considerati interessanti, poich´ permettono, soprattutto se e parliamo di piccole e medie imprese, le quali costituiscono pi` del 99 per cento delle imprese euro- u pee, di esternalizzare alcuni fasi del processo produttivo presenti all’interno dell’azienda, creando di fatto un network o rete di piccole e medie imprese collegate tra loro allo scopo di fare massa cri- tica, competere nei mercati locali e globali, mantenendo di fatto una certa flessibilit` sia produttiva a che nei costi di adattamento. Il Trentino sta osservando con interesse il modello Open Innovation. La Provincia Autonoma di Trento ha infatti deliberato a favore dell’istituzione di un Dipartimento Innovazione Ricerca e ICT, allo scopo di coordinare il sistema delle politiche in materia di innovazione abilitata all’ICT. Il sistema indicato vede la Provincia come driver di innovazione, attore in grado sia di creare do- manda di innovazione, ma anche e soprattutto come attore in grado di finanziare progetti di ricerca. Un ruolo di prim’ordine viene assegnato ad Informatica Trentina, capace di facilitare e rendere ap- plicativi nelle imprese locali i risultati della ricerca sviluppata negli istituti di ricerca e Universit` a de territorio. Un progetto parallelo ci viene fornito dal Taslab, Trentino as a Lab, il cui obiettivo e ` quello di sviluppare un approccio che pone l’end-user al centro del processo d’innovazione, coin- volgendo i principali attori del processo d’innovazione, che sono i centri di ricerca, le aziende ICT e gli utenti. Obiettivo principale del Taslab risiede nella creazione di un’infrastruttura di innovazio- ` ne capace di rispondere alle esigenze degli utenti: lo scopo principe e di ridurre il divario digitale e allo stesso tempo di sperimentare nuove soluzioni ICT con un forte coinvolgimento dell’utente su tutto il territorio trentino. Entrambi i progetti in essere sono in grado di sostenere una diffusione coordinata di una parte delle ricerca scientifica e tecnologica, favorendo una maggiore corrispondenza tra ricerca e merca- to, identificando e sviluppando nuovi servizi tecnologici pi` vicini alle necessit` del mercato e con u a tempi di diffusione e di ritorno sull’investimento pi` rapidi. u Trattandosi di un’analisi preliminare, alcuni strumenti potrebbero fornirci ulteriori indicazioni sullo stato di salute del sistema della ricerca in Trentino. Un esempio proviene dall’utilizzo della ` Balanced Scorecard. Il metodo della Balanced Scorecard di Kaplan e Norton e un metodo strate- gico e un sistema di gestione delle performance, che permette alle imprese di tradurre la vision e la strategia dell’azienda in implementazione, funzionando su quattro prospettive, rispettivamente finanziaria, del cliente, del processo di business, di sviluppo e di apprendimento. Ci` permette o quindi il controllo delle performance attuali, e inoltre prova a comprendere se l’organizzazione e ` posizionata bene per performare nel futuro. L’utilizzo di tale metodo, all’interno dell’analisi pre- sentata in questa tesi, permette di ottenere dei riscontri numerici in grado di sostenere o meno la 90
  • 104. 4. Conclusioni possibile implementazione di un modello di innovazione aperta all’interno del territorio del Tren- tino. Per esempio all’interno della prospettiva di sviluppo e di apprendimento sarebbe possibile ` effettuare un controllo se la spesa per la ricerca e sviluppo e aumentata durante uno specifico anno. Nel nostro caso specifico, la prospettiva finanziaria pu` assumere scarsa rilevanza; la soluzione o potrebbe essere quella di utilizzare uno schema di Balanced Scorecard a tre prospettive: la prospet- tiva dei risultati, quella dei processi e quella delle risorse. L’attenzione viene posta soprattutto alla prospettiva dei risultati che devono essere coerenti con la mission dell’organizzazione e devono tener conto dei vari stakeholders dell’organizzazione stessa. Per esempio all’interno della pro- spettiva dei processi, sarebbe utile conoscere il numero e la tipologia di progetti a cui partecipano ` differenti centri di ricerca, oppure se vi e o meno uno scambio di ricercatori tra universit` piuttosto a che la quantit` di informazioni scambiate tra le imprese. a All’interno del documento, si evidenzia una criticit` : lo stato generale di arretratezza per quanto a riguarda l’innovazione presente nelle regioni d’Italia. In effetti, siamo ben lontani dagli obiettivi prefissati dalla Comunit` Europea, i quali prevedono una soglia minima del 3 per cento per quanto a riguarda la spesa per la ricerca e sviluppo totale sostenuta dalle imprese in relazione al PIL. Ci` o delinea una condizione di partenza sfavorevole se si guarda all’innovazione come driver per la competitivit` mondiale. a Il concetto di societ` dell’informazione, promosso dalla Provincia Autonoma di Trento, e di a innovazione aperta, suggeriscono ulteriori possibili soluzioni nel campo della ricerca e sviluppo. Una di queste potrebbe essere la creazione di poli di conoscenza nazionali. Il loro ruolo potrebbe essere quello di catalizzatore sia di progetti che di finanziamenti. I progetti potrebbero essere raccolti, gestiti e ridistribuiti verso i vari centri di ricerca presenti sul territorio di una nazione; si potrebbe creare, all’interno di un Paese, una rete di centri specializzati, con competenze specifiche. Per esempio, con riferimento al Trentino, al distretto Habitech potrebbero essere affidati progetti riguardanti l’ambiente; chiaramente accanto al distretto Habitech potrebbero affiancarsi altri centri di ricerca o universit` specializzate anch’esse su tematiche ambientali. Si tratterebbe di identificare a un ente di controllo, in grado sia di ricercare e acquisire progetti provenienti dall’esterno dei confini nazionali, ma anche capace di individuare i centri di ricerca adatti per comprendere meglio e quindi sviluppare tali progetti. 91
  • 105. Acronimi OCSE Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico R&S Ricerca e sviluppo CIP Programma quadro per la Competitivit` e l’Innovazione a PST Parchi Scientifici e Tecnologici DPI Diritti di propriet` intelletuale a RIS Sistema regionale di innovazione ERP Enterprise Resource Planning CRM Customer Relationship Management EITO European Information Technology Observatory EPO European Patent Office MIUR Ministero dell’Istruzione, dell’Universit` e della Ricerca a PSP Piano di Sviluppo Provinciale PIL Prodotto Interno Lordo ICT Information and Communication Technology L.P. legge provinciale PPR Programma pluriennale della ricerca SIEP Sistema Informativo Elettronico Provinciale FESR Fondo europeo per lo sviluppo regionale PICO Piano per l’innovazione, la Crescita e l’Occupazione OSC Orientamenti Strategici Comunitari per la Coesione QSN Quadro Strategico Nazionale DSP Documento Strategico preliminare Provinciale TIC Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione 92
  • 106. PMI microimprese, piccole e medie imprese FBK Fondazione Bruno Kessler ECT Centro Europeo per studi Teorici in Fisica Nucleare e Settori Collegati DTT Distretto Tecnologico Trentino BIC Business Innovation Centre LL Living Lab EPO European Patent Office 93
  • 107. 94
  • 108. Bibliografia Alessandro Rossi (2008). La propriet` intellettuale. Slide del corso di Economia e gestione dei a mercati: la nuova societ` dell’informazione. a ASTER (2009). Aster: scienza, tecnologia, impresa. http://www.aster.it. Birgitte Andersen (2008). Intellectual property rights and ’open innovation’ in service. http://www.dime-eu.org/files/active/0/WP80-IPR-new.pdf. Chesbrough H. (2003). Open Innovation: The New Imperative for Creating and Profiting from Technology. Harvard Business School Press. Chesbrough H. (2006). Open Business Models: How to Thrive in the New Innovation Landscape. Harvard Business School Press. Chesbrough H.; Vanhaverbeke W.; West J. (2006). Open Innovation: Researching a New Paradigm. Oxford University Press. Chesbrough H.; Vanhaverbeke W.; Kalvet T.; de Jong J. P. (2008). Policies for open innovation: theory, framework and cases. Relazione tecnica, Helsinki. Christopher Freeman (1987). Technology and Economic Performance: Lessons from Japan. Pinter Publishers, London and New York. Commissione delle Comunit` europee (2001). Definizione di piccole e medie imprese adottata a dalla commissione. Commissione delle Comunit` europee (2005). Attuare il programma comunitario di lisbona - una a politica moderna a favore delle pmi per la crescita e l’occupazione. Commissione delle Comunit` europee (2008). Una corsia preferenziale per la piccola impresa - a alla ricerca di un nuovo quadro fondamentale per la piccola impresa (un “small business act” per l’europa). 95
  • 109. Confindustria (2009). http://www.confindustria.it. Cooke P. (2008). Regional innovation systems: origin of the species. International Journal of Technological Learning, Innovation and Development, 1(3), 393–409. Cooke P.; Morgan K. (1998). The Associational Economy. Oxford University Press. Doloreux D.; Parto S. (2004). Regional innovation systems: A critical review. Eric Von Hippel (2005). Democratizing Innovation. The MIT Press, Cambridge. EUROSTAT (2002). Smes in europe - competitiveness, innovation and the knowledge-driven society. Relazione tecnica, Luxemburg. Eurostat (2007). Science, technology and innovation in europe. Relazione tecnica. EUROSTAT (2008). Le pmi al primo posto - l’europa fa bene alle pmi. le pmi fanno bene all’europa. Relazione tecnica. Frank Evan (2007). Defining success in open innovation. Fredberg T.; Elmquist M.; Ollila S. (2008). Managing open innovation - present findings and future directions. Relazione tecnica. George Gelauff and Arjan M. Lejour (2006). The new Lisbon Strategy - An estimation of the economic impact of reaching five Lisbon Targets. Commissione Europea. Giunta provinciale di Trento (2004). Progetto la societ` dell’informazione. a Giuseppina Pepoli (2008). Propriet` intellettuale e pmi: norme e contributi locali. a International Association of Science and Technology Parks (2008). About science and technology parks. http://www.pcb.ub.es/homepcb/live/en/p168.asp. ISTAT (2008). 100 statistiche per il paese - indicatori per conoscere e valutare. Relazione tecnica. J.D. Thompson (1994). L’azione organizzativa. ISEDI, Torino. Joachim Henkel (2006). Selective revealing in open innovation processes: The case of embedded linux. Research Policy, 35(7), 953–969. Lorenzo Dellai (2006). Programma del presidente lorenzo dellai per la xiii legislatura. Lucia Aiello (2008). Le politiche territoriali a favore dello sviluppo produttivo e dell’occupazione - il ruolo dell’innovazione. 96
  • 110. Lundvall B.-A. (1992). National systems of innovation: Towards a theory of innovation and interactive learning. Pinter Pub Ltd, London. Margherita Dei Tos (2008). La ricerca in trentino: Il periodo dal 2000 al 2006. Relazione tecnica. Mulder I.; Velthausz D.; Kriens M. (2008). The living labs harmonization cube: Communicating living lab’s essentials. The Electronic Journal for Virtual Organizations and Networks, 10. National Business Incubation Association (2009). Nbia. http://www.nbia.org/. OECD (2002). Manuale di Frascati. OECD Publishing, Paris. OECD (2008). OECD Information Technology Outlook. OECD Publishing, Paris. OECD (2009). Oecd factbook 2009: Economic, environmental and social statistics. Relazione tecnica, Paris, France. Palermo P. F. (2004). Prove di innovazione. Nuove forme ed esperienze di governo del territorio in Italia. Franco Angeli, Italy. Provincia Autonoma di Trento (2009). Notizie. http://www.innovazione.provincia.tn.it/notizie/. Roberta Cuel (2008). Le comunit` di pratica. Slide del corso di Knowledge management. a Sancin P. (2005). R&s, innovazione tecnologica e sviluppo del territorio: il ruolo dei parchi scientifici la valorizzazione della r&s e le ricadute dell’area science park di trieste. Relazione tecnica. Servizio Statistica (2008). Statistiche della provincia autonoma di trento. Shapiro C.; Varian H. R. (1999). Information Rules. Le regole dell’economia e dell’informazione. Etas, Milano. Shumpeter J. A. (1982). The Theory of Economic Development: An Inquiry Into Profits, Capital, Credit, Interest, and the Business Cycle. Transaction Publishers, USA. Shumpeter J. A. (2002). Teoria dello sviluppo economico. Etas, Milano. introduzione di M. Talamona. Sullivan P. H. (1998). Profiting from Intellectual Capital: Extracting Value from Innovatiion. John Wiley &Sons, USA. Sviluppo T. (2009). Impresa, innovazione, sostenibilit` . http://www.trentinosviluppo.it/. a Taslab (2009). Trentino as a lab. http://www.taslab.eu/. 97
  • 111. Valerio A.; Camussone P. F. (2008). L’innovazione di processo. Slide del corso di Business Process Reengineering. 98