L'orso in casa N° 12
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

L'orso in casa N° 12

on

  • 352 views

 

Statistics

Views

Total Views
352
Views on SlideShare
243
Embed Views
109

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 109

http://www.alessandriacalcio.it 109

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

L'orso in casa N° 12 L'orso in casa N° 12 Document Transcript

  • 2UJDQR 8IILFLDOH GHOO·86 $OHVVDQGULD &DOFLR  N° 12 - Venerdì 31 gennaio 2014 Editoriale Un anno da “Pres” Luca Di Masi G iovedì 6 febbraio 2014: un anno da “Pres”, come ho scoperto e mi sono abituato a essere chiamato. Che anno! Le difficoltà dei miei Grigi erano ben più grandi di quelle che uno potesse immaginare. Gli ultimi anni sono state sperperate risorse e creati buchi che non esito a chiamare voragini. La ricostruzione andava fatta con testa e con polso fermo. Da una parte la mannaia, dall’altra in punta di piedi per non vanificare i primi grossi sforzi. Il primo bilancio è di una montagna dovuta scalare in poco tempo, di un anno che ne vale tranquillamente tre. Ma perché tutto ciò? Ma chi te l’ha fatto fare?? Le domande più frequenti... Voi, tu, che stai leggendo queste righe, tu che c’eri in D e tu che c’eri con la Salernitana; tu che c’eri anche a Castiglione anche solo con la mente e con il cuore. Tu che “i grigi non li seguo da un po’, ma quasi quasi domenica...” Tu che in un qualunque posto della terra un pezzo di cuore ti è rimasto dentro il “Mocca” e quando sono le cinque della domenica ti chiedi cosa avranno fatto i Grigi. Per voi, per me e per tutti quelli che vivono di Grigi, perché è la più bella maglia del mondo e se ti sfiora non la togli più da dentro. E se ti rispondi che solo un pazzo avrebbe potuto fare una cosa simile, ti dico che è vero: solo un pazzo innamorato con un enorme sogno da realizzare avrebbe potuto “prendere” i Grigi e provare a esaudire il sogno di migliaia di cuori come il suo. Ora con lavoro, fatica e sudore ci proverò, sapendo di essere spinto ogni giorno da pazzi come me che vivono e amano e hanno un sogno nel cassetto. Il mio. QR $OO·LQWHLU WD LQWHUYVVYD L HVFOX UL]LR DX D 0 UUL 6D
  • 2 - venerdì 31 gennaio 2014 Supplemento a ‘Il Piccolo’ numero 9 del 31 gennaio 2014 Grafica e impaginazione Mauro Risciglione Antonella Ravazzano In collaborazione con Medial Pubblicità Srl via Parnisetti 12/A - Alessandria RISULTATI 21ª GIORNATA Prevendita Alessandria-Real Vicenza __Punti vendita Booking Show: Tabaccheria Maxi, via Gramsci, 46 – ALessandria; S.O.M.S. Oviglio – Grigi Club Gino Armano, via XX Settembre, 30 – Oviglio; Mail Box Etc, corso C. Marx, 28 – Alessandria; Roby Viaggi, C. comm. Monferrato “Bennet” – SS 31 Villanova Monferrato; D Viaggi, piazza Repubblica, 3 – Novi Ligure. PROSSIMO TURNO 02/02/2014 Bassano V.-Cuneo 1-0 Alessandria-Real Vicenza Bra-Bellaria Igea M. 4-1 Cuneo-Pergolettese Castiglione-Alessandria 0-1 Delta Porto Tolle-Torres Mantova-Forlì 2-2 Forlì-Bassano V. Monza-Real Vicenza 3-1 Mantova-Bra Pergolettese-V.Vecomp Verona 1-1 Rimini-Monza Renate-Rimini 1-1 Spal 2013-Castiglione Santarcangelo-Delta Porto Tolle 0-0 Santarcangelo-Renate Torres-Spal 2013 2-2 V.Vecomp Verona-Bellaria Igea M. 2ª Divisione Girone A Squadra Partite Reti P.ti G. V. N. P. F. S. BASSANO V. 42 21 12 6 3 35 21 SANTARCANGELO 40 21 11 7 3 29 11 REAL VICENZA 35 21 10 5 6 35 29 RENATE 34 21 9 7 5 24 17 ALESSANDRIA 33 21 9 6 6 37 24 SPAL 2013 33 21 8 9 4 35 31 V.VECOMP VERONA 31 21 8 7 6 27 20 RIMINI 30 21 8 7 6 29 26 MANTOVA 29 21 6 11 4 38 32 MONZA 29 21 7 8 6 33 31 PERGOLETTESE 27 21 6 9 6 18 18 DELTA PORTO TOLLE 26 21 6 8 7 28 25 FORLÌ 26 21 7 5 9 28 32 TORRES 25 21 6 7 8 24 30 CUNEO 24 21 5 9 7 23 23 CASTIGLIONE 17 21 2 11 8 19 33 BELLARIA IGEA M. 12 21 3 4 14 19 41 8 21 2 2 17 19 56 BRA MARCATORI Alessandro (Real Vicenza) 17, Varricchio (Spal) 14, Floriano (Mantova) 14, Masini (Mantova) 9, Berrettoni (Bassano) 8, Sinigaglia (Monza) 8,Marconi (Alessandria) 7, Valentini (Alessandria) 5, Cavalli (Alessandria) 5 %UDFFLDOH  $OHVVDQGULD &DOFLR LQ TXDWWUR FRORUL
  • venerdì 31 gennaio 2014 - 3 L'ultimo turno __Monza - Real Vicenza 3-1 (21) Marcatori: Gasbarroni (r) al 14', Vita al 21', Allegretti (a) al 42', Vita al 81'. Monza: Castelli Franchino Anghileri; Polenghi Allegretti (dal 60' Grauso) Briganti; Vita Valagussa Sinigaglia Gasbarroni (dal 73' Candido) Finotto (dal Mi ricordo che... dal 1° febbraio sul sito 83' Zullo). All. A. Asta R.Vicenza (4-2-3-1): Tomei; Barzan Mei Stefani Porcino (dal 83' Moro); Sandrini (dal 46' Pradolin) Malagò; Lavagnoli Alessandro Rebecchi; Strizzolo (dal 78' Magrassi). A disp. Bagherini Niero Busatto Bacher All. M.Vittadello Arbitro sig. Serra di Torino __Febbraio è un mese di ricorrenze importanti: il 18 i Grigi festeggiano il loro 102° compleanno. Date che scrivono la storia e meritano di essere ricordate e raccontate. Da domani, sabato 1° febbraio, il sito della società pubblicherà un esclusivo e particolare calendario che giorno dopo giorno racconterà partite o un evento, festeggerà un compleanno, riprenderà curiosità che fanno parte della storia dei Grigi. Un'iniziativa realizzata dall'Alessandria Calcio, insieme a Museo Grigio, per raccontare una sto- ria che oggi più che mai evoca emozioni e passione. Per costruire tutti insieme il calendario dei Grigi, anche i tifosi potranno dire la loro con un suggerimento o un'indicazione, iscrivendosi alla newsletter sul sito e inviando una mail a info@alessandriacalcioi.it. Perchè i Grigi sono la nostra storia. Un Real giovane e forte Tino Pastorino L kimonoarredobagno a società nasce nel 2010 ed è il risultato della fusione tra Leodari Sole Vicenza (quartiere Villaggio del Sole), Cavezzale (frazione di Monticello Conte Otto) e Real Vicenza Laghetto (quartiere Laghetto), tutte squadre di carattere parrocchiale sorte negli anni 60. L'iniziativa è di Lino Diquigiovanni, imprenditore nel settore serramenti per finestre, fondatore nel 1967 dell'omonima azienda, ceduta poi nel 2009 per l'80 per cento ad un fondo di "private equity". Diquigiovanni e il suo socio, Giuseppe Faggian, ora nel CdA del Real Vicenza, mantengono il 10% cadauno delle quote. Il progetto iniziale prevede l'utilizzo dei campi di allenamento del Leodari Sole, il titolo sportivo del Cavezzale militante in Eccellenza e il nome della squadra del quartiere Laghetto; nasce quindi la società sportiva dilettantistica Real Vicenza V.S. (sta per VillaggioSole) con i colori sociali bianco e rosso. Nella stagione di esordio si classifica al 3° posto in Eccellenza Veneta, l'anno successivo al 2°, vince i play off e sale in serie D. Nel 2012-13, 5° posto finale, che permette l'accesso ai play off, persi contro la Virtus Vecomp Verona dopo aver eliminato il Pordenone. La squadra però viene ammessa ugualmente alla Lega Pro a seguito della mancata iscrizione di altre società. Da segnalare all'inizio della corrente stagione, il passaggio del turno in Coppa Italia a spese del Bassano; il 2 ottobre, poi, sconfitta ed eliminazione dalla competizione ad opera del Vicenza Calcio (30) in quello che è stato il primo derby ufficiale tra le due squadre cittadine. La stagione in corso Il Real Vicenza occupa attualmente la terza posizione in classifica con 35 punti, frutto di 10 vittorie, 5 pareggi, 6 sconfitte. 35 gol segnati, 29 quelli subiti. Non ha ancora vinto nel girone di ritorno dove ha ottenuto solo 3 pareggi. Ultima vittoria il 22 dicembre, 4-3 a Rimini. In trasferta 17 punti con 5 vittorie (a Castiglione, Porto Tolle, Forli, Bra, Rimini), 2 pari (a Man- Real Vicenza: rivelazione del girone d'andata, partenza in salita nel nuovo anno. Al Moccagatta la prova della verità tova e Cuneo) e 4 sconfitte (a Crema, Santarcangelo, Ferrara e Monza). 20 i gol realizzati, 17 quelli subiti. Il colpo di mercato è l'ingaggio di Omar Torri (82) attaccante, proveniente dal Cuneo. Altri movimenti: in uscita il difensore Bizzotto (al S. Paolo Padova) mentre si registra l'arrivo dell'attaccante De Feo (ex Milan Primavera) dal Lanciano. Probabile il tesseramento di Riccardo Fissore (80) difensore svincolato dalla Turris, ex Torino, Vicenza, Mantova e Pavia. Interesse anche per Scapinello (95) attaccante della Primavera del Varese e per il centrocampista Nicola Rais (85) del Savona. La squadra Il Presidente è Lino Diquigiovanni, im- prenditore di Brogliano, già nel mondo del ciclismo in qualità di sponsor del team di Michele Scarponi. Da sempre appassionato di calcio, ha già provato la scalata al Vicenza tendando anche di ripristinare il mitico marchio Lanerossi. Claudio Bertazzi è il Direttore Sportivo che si avvale della collaborazione esterna dell'esperto Andrea Seno. L'allenatore è l'esordiente Mario Vittadello, ex Clodiense, che si è portato appresso ben 6 giocatori. Della squadra di serie D è rimasto il solo Rebecchi. Modulo praticato è il 4-2-3-1 che ha messo in evidenza le doti di Alessandro, attuale capocannoniere del girone. Il portiere è Matteo Tomei (84) ex S. Donà con Jacopo Bagherini (92) ex Sambonifacese in panchina. I laterali difensivi sono Nicolò Barzan (92) dalla Clodiense a destra e Gaetano Porcino (88) altro ex Clodiense a sinistra. Gli esperti Massimiliano Mai (81) oltre 100 partite con la Reggiana e Mirko Stefani (84), ex Frosinone, scuola Milan (esordio in serie A con Matri nel 2003) sono i centrali. Riccardo Busatto (93) e Fabio Niero (89) entrambi dalla Clodiense i cambi. Due mediani davanti alla difesa: Mattia Sandrini (93) dal Viareggio e Matteo Malagò (91) dalla Clodiense. A disposizione Bacher (88) dal Legnago ex Sud Tirol, Caporali (94) dalla primavera del Padova, Pradolin (83) dalla Clodiense. Dietro alla punta Luca Strizzolo (92) ex Pisa e Treviso, 6 gol in stagione agiscono Luca Lavagnoli (86) ex Pordenone a destra, Mario Rebecchi (83) scuola Inter ex Lumezzane a Novese e soprattutto Danilo Alessandro (88) arrivato dal Voghera ex Grosseto e Taranto, 17 reti all'attivo. I cambi sono Magrassi (93) ex Portogruaro scuola Brescia, Moro (84) dal Verbano ex Venezia e Spezia e lo sloveno Pavic (93) dal Nuova Goriza. Il benessere comincia da qui. KIMONOPORTE srl Esposizione e vendita: Spalto Gamondio, 27 - 15121 Alessandria Tel. 0131.443445 - www.kimonoporte.it
  • 4 - venerdì 31 gennaio 2014 Tredici domande a... Dario Romano l l 3 l 4 l 5 l 6 l 7 l 8 l 9 l 10 l 11 l 12 l 13 l 1 2 &L YHGLDPR GD SPACCIO OCCHIALI DEGLI LENTI SCONTO REALE SUI LISTINI 50% VENDITA DIRETTA CONSEGNA OCCHIALE IN POCHI MINUTI MISURAZIONE GRATUITA DELLA VISTA 01 DAL 20 OLTRE 2.000 MONTATURE SCONTO 30-50% SILVIA ENNIO ALESSANDRIA Corso Acqui, 173 (zona Cristo) - Tel. 0131 240228 Nato a Moncalieri Data di nascita 13 marzo 1991 Fidanzato/sposato/libero Single Prima società S. Luigi Santena Hai sempre giocato in questo ruolo Attaccante Squadra del cuore Juventus Momento top della carriera Torneo Viareggio 2010 L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Immobile Il mister più importante Terri Passatempo Amici Attrice preferita Jessica Alba Attore preferito Will Smith Musicista preferito Ligabue
  • venerdì 31 gennaio 2014 - 5 Tredici domande a... Filippo Tanaglia 1 l 2 l 3 l 4 l 5 l 6 l 7 l 8 l 9 l 10 l 11 l 12 l 13 l Nato a Verona Data di nascita 26 maggio 1990 Fidanzato/sposato/libero Single Prima società A.S. Parona Hai sempre giocato in questo ruolo Attaccante Squadra del cuore Chievo Momento top della carriera Finale nazionale campionato Primavera col Chievo L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Farias Il mister più importante Nicolato Passatempo Chitarra Attrice preferita Scarlett Johansson Attore preferito Jack Nicholson Musicista preferito Eric Clapton FRASCARO IN FIORE COMUNE DI FRASCARO 15ª MOSTRA MERCATO DI PIANTE, FIORI E ATTREZZATURE PER IL GIARDINAGGIO DOMENICA 6 APRILE 2014 Per informazioni: Comune di Frascaro Tel. 0131 278227 Cell. 329 6504708 www.comunefrascaro.it frascaroinfiore@comunefrascaro.it
  • 6 - venerdì 31 gennaio 2014 In trasferta con i tifosi __I tifosi grigi organizzano un pullman gran turismo in occasione delle due trasferte consecutive a Ferrara e Rimini. Per Ferrara, domenica 9 febbraio, ritrovo alle ore 8,45 e partenza alle ore 9 da piazza Garibaldi. Costo 25 euro. Prenotazioni entro venerdì 7 febbraio. Per Rimini, domenica 16 febbraio, ritrovo alle ore 7,45 e partenza alle ore 8 da piazza Garibaldi. Costo 35 euro. Per questa trasferta è richiesto un numero minimo di 30 partecipanti per avere il pullman garantito. Prenotazioni entro venerdì14 febbraio. Informazioni e prenotazioni al 338 9065045 e presso l'Amico Fruttaio in piazza Marconi ad Alessandria. Un giro a Ferrara e Rimini __Trasferte lunghe e, quindi, volendo, trasferte ghiotte. Cucina di terra e mare, come si usa da queste parti e poi pesce d'acqua dolce e salata. A Ferrara, L'oca giuliva, in via Boccanale di S. Stefano al 38/40, vale più che mai il prezzo del biglietto. Tradizione, stagionalità con incursioni in una una cucina più innovativa sono il biglietto da visita del locale che sorge in un suggestivo angolo del centro storico. I cappellacci di zucca al ragù, la sa- lama da sugo, all'anguilla arrosto con crema di pomodoro e cipolline e poi il risotto con gli scampi e i gamberi al curry e il fritto di baccalà e salvia. A Rimini, il borgo di San Giuliano offre una serie di occasioni enogastronomiche imperdibili. C'è Il Lurido, eccezionale nel rapporto qualità/prezzo e poi La Marianna e l'Osteria de Borg, con un susseguirsi di antipasti di pesce, paste ripiene, carne di manzo e agnello e ovunque ampie scelte in cantine che privilegiano le etichette locali e autoctone. La ricetta? Fare squadra Gigi Poggio A qualche giorno dalla presentazione di R23 Relais Ventitre, resta un po' dell'atmosfera piacevole e lieve assaporata all'incontro con il nuovo main sponsor dei Grigi, nella struttura sulle colline di Castelnuovo Belbo. E di lì, partiamo con Clementina Cossetti che in quella circostanza, insieme al marito Manuel Bonzano, ha fatto gli onori di casa. "Siamo sempre più orgogliosi dell'accordo raggiunto con l'Alessandria. Pensiamo sia il veicolo migliore per promuovere il nostro progetto e per dargli rilevanza e significato. Questo territorio ha bisogno di vedere unite le forze per andare avanti, puntando sulla qualità e sull'innovazione." Come nella cucina del vostro locale che, leggiamo, ha investito su un professionista a dir poco promettente... "Si; la cucina e la proposta enogastronomica in generale sono una delle idee forti di R23. Il nostro cuoco, Marco Fortina, non solo arriva da una famiglia di ristoratori ma è cresciuto, pur se giovanissimo, sotto la guida di alcuni mostri sacri come Gennaro Esposito e Ugo Alciati, uno dei figli dell'indimenticabile Guido; solo con una scelta di alto profilo potevamo qualificare la nostra cucina, dandole un'im- Le maglie griffate R23 presentate da Manuel Bonzano, Gabriele Cavalli, il presidente Luca Di Masi, Riccardo Taddei e Clementina Cossetti ALESSANDRIA AUTO VIAGGIA SEMPRE CON VOI. Alessandria Auto ALESSANDRIA - Via Marengo, 162 SPINETTA MARENGO (AL) - Strada Statale n. 10, 20 Centralcar CASTELNUOVO BELBO (AT) Via San Colombano 25 - Tel. 0141 799180 www.relais23.it pronta originale che sposasse, come è giusto che sia, tradizione, idee nuove, materie prime e stagionalità". Nel segno della grande tradizione dei Cossetti... "Il nostro vino è un pezzo di storia di questi territori e il modo per farlo conoscere ancor di più, valorizzando le diverse produzioni, può passare anche attraverso R23 che è cucina ma anche possibilità di venire in un posto incantevole, a contatto con la natura, per tirare un po' il fiato in un contesto confortevole, comodo e funzionale." Pochi mesi di lavoro ma già buoni riscontri; tanti stranieri che rimangono affascinati dal luogo... "Si; la clientela straniera ha fatto presto a trovarci e affezionarsi. Gente che conosce il territorio e i prodotti e sa scegliere e valutare, con competenza. Gente che da soddisfazione e ci spinge, ovviamente a migliorarci e credere in un investimento importante co- me è stato R23." Che non a caso ha voluto accompagnarsi coi Grigi... "A parte la passione che si respira in casa mia, da mio marito che è uno sportivo a tutti gli effetti a mio figlio Mario che gioca nelle giovanili dell'Alessandria, noi ci sentiamo profondamente legati alla storia della società. Siamo sempre stati tifosi e appassionati; i discorsi sui Grigi erano i discorsi preferiti di mio padre e mio zio che l'Alessandria la seguivano allo stadio. Per questo dico che questa collaborazione è un bell'evento per tutti, perchè ci crediamo e perché pensiamo sia una scelta opportuna e felice." Nell'interesse del territorio... "Dobbiamo imparare a stare vicini, noi del settore, con più condivisione di obiettivi, senza gelosie, dando segnali di unità, per andare avanti: proprio come è successo tra Alessandria e R23...!" emozioni stampate prepress stampa offset stampa digitale legatoria ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 legatoria SUBARU Autovar SPINETTA MARENGO (AL) Strada Statale, 10 - Tel. 0131 618780 Centralcar ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 G R U P P O alessandria ITALGRAFICA srl Novara | Via Verbano, 146 | Tel. 0321 471269 | Fax 0321 478314 commerciale@e-italgrafica.it www.italgrafica.net
  • venerdì 31 gennaio 2014 - 7 Maurizio Sarri __E' nato a Napoli il 10 gennaio 1959. Ha alternato in gioventù il ruolo di calciatore dilettante a quello di funzionario in un istituto di credito. Ha iniziato ad allenare nella provincia toscana, ottenendo i primi risultati positivi alla guida di Cavriglia e Antella. Nel 2000 è stato al Sansovino che in tre stagioni ha guidato dall'Eccellenza alla Serie C2 e con cui vinse la Coppa Ita- lia Serie D. La prima panchina tra i professionisti è stata quella della Sangiovannese, con cui ha ottenuto una promozione in C1 nel 2003-04 e un ottavo posto nel successivo campionato di terza serie. Nel 2005-06 ha esordito in Serie B, guidando il ripescato Pescara all'undicesimo posto; l'anno successivo quattro mesi all'Arezzo, dopo l'esonero di Antonio Conte. In Coppa Italia ha raggiunto i quarti di finale, elimi- nando il Livorno, viene eliminato dal Milan. Dopo una brevissima esperienza ad Avellino, nel 2007, incarico al Verona l'anno dopo e poi nella stagione successiva Perugia in Prima Divisione. Nel 2009-10 ecco la panchina del Grosseto per le ultime dieci giornate di campionato. Nel 2010-11 è stato ingaggiato dall'Alessandria, in Prima Divisione. Al termine della stagione, la squadra è giunta terza ed è stata eliminata in semifinale di ritorno dei PlayOff per la serie B dalla Salernitana, si è trasferito al Sorrento per il campionato 2011-12. Il 25 giugno 2012 ha firmato un contratto annuale con l'Empoli. Giunto quarto in campionato, si è qualificato con la squadra toscana per i playoff. perdendo la finale contro il Livorno. Il 13 giugno 2013 ha rinnovato per altre due stagioni il suo contratto con l'Empoli. Sarri, passione e metodo Gigi Poggio S abato di metà gennaio. L'allenamento del mattino è finito da poco. Maurizio Sarri sale in auto, aziona il vivavoce e ci/si racconta. Diciamocela tutta: intervistare un mister con cui hai lavorato non è mai semplice. Non è semplice perchè ci si conosce e hai comunque il timore di sembrare un po' banale e, soprattutto, non è semplice perchè il mister è Maurizio Sarri. Ma Maurizio Sarri è sempre lui, gran professionista e l'intervista è proprio lui a farla diventare subito una vera intervista. Mister, la tua storia ha fatto scrivere molti, proprio per i tuoi esordi, per il senso di una scelta che ti portò a lasciare un lavoro sicuro e investire su una professione completamente diversa. Quindi mi viene quasi spontaneo chiederti cosa rimane, a distanza di anni, dello spirito che ti portò a fare l'allenatore, partendo - e non è un modo di dire - dai campi di periferia... “La passione, Gigi, la passione e l'amore per il mio lavoro. Una passione che mi ha portato a fare sacrifici e scelte che non rinnego, anzi. Poi è chiaro che il tempo, modificando le situazioni, t'impone di cambiare anche l'approccio al lavoro, perchè cambiano gli ambiti, le categorie, i rapporti umani, le dinamiche del campo. Ma senza la passione non vai da nessuna par- te”. Cambiano gli ambiti e le situazioni e gli allenatori quanto contano?...se contano ancora... “I livelli sono differenti a seconda delle categorie e del materiale che hai a disposizione. Certo, se pensi alla scuola dell'Ajax o al ruolo di Sacchi, ti riferisci a un mondo diverso, rivoluzioni culturali, cambiamenti che hanno sconvolto mentalità e metodologie di lavoro. Oggi è diverso, molto diverso.” Cioè? “I calciatori sono aziende; la vedo difficile insegnare qualcosa. Molti, e Mourinho è l'esempio emblematico, si limitano a gestire, mettere insieme, ottimizzare, cercando di evitare ogni minimo scompenso, in campo e fuori.” Non è così in serie B... “Qui, l'atipicità è la regola. Stiamo fermi un mese (gennaio, ndr) per poi giocare ogni tre giorni...” e se la ride. Immagino sia complicato trovare una metodologia di lavoro... “Annusi l'aria e valuti. Sovente fai così. L'impegno è gravoso, le trasferte ti spostano di qui e di là e quindi il recupero è un fatto più mentale che fisico, senza contare che poi lavori anche con giovani che devono abituarsi a questa intensità e a que- “Io... e i Grigi” Il calcio secondo le idee di Maurizio Sarri, dalla periferia a un passo dalla serie A sto stress.” Però non sta andando male... “Siamo in linea con gli obiettivi dell'inizio di stagione. Siamo più pronti dello scorso anno, abbiamo meno timori ma l'obiettivo rimane sempre quello di una salvezza tranquilla, con la possibilità di far crescere i nostri ragazzi: la B è l'ambiente ideale, dal momento che qui si gioca un calcio intenso e difficile.” E la B, forse, potrebbe essere più valorizzata e persino più utile... “Non c'è dubbio ma le scel- te delle società, a volte, sono orientate altrove. Un giovane straniero fa più effetto e più clamore, anche se sovente è più scarso di un giovane italiano.” Vogliamo parlare di Alessandria? Te la senti? Sarri parte di getto. “Alessandria è una città che porto nel cuore e quella grigia è la mia seconda maglia. Lì so di avere amici veri e sono consapevole di aver vissuto un anno particolare, indimenticabile. Il ricordo di quella curva che canta e piange, in quel pomeriggio di giugno, dopo quella partita maledetta, è un ricordo indelebile. Così come la città che partecipa in silenzio, quasi di nascosto ma vive di una passione vera e ti riconosce per la strada, e ti chiede dei Grigi. Sarebbe stato bello rimanere, e l'avrei fatto, ma capii da subito, nei giorni successivi alla partita con la Salernitana che non rientravo nei piani della nuova società... e adesso tifo Grigio da lontano.” Per un L’Espresso italiano si presenta alla vista con una crema di colore nocciola, tendente al testa di moro e distinta da riflessi fulvi. Questa crema ha una tessitura finissima, vale a dire che le sue maglie sono strette e sono assenti bolle più o meno grandi. All’olfatto ha un profumo intenso che evidenzia note di fiori, frutta, pane tostato e cioccolato, tutte sensazioni che si avvertono anche dopo la deglutizione, nel lungo aroma che permane per decine di secondi, a volte per minuti. Il gusto è rotondo, consistente e vellutato, l’acido e l’amaro risultano bilanciati senza che vi sia prevalenza dell’uno sull’altro e l’astringente è assente o comunque di ridottissima percezione. /D UHJROD G·RUR  PLOOLOLWUL LQ  VHFRQGL e CER di qu spress a o CA LE T lità AZZ INE ! Nei locali dove troverai miscela, attrezzatura e barista qualificati dall’Istituto Nazionale Espresso Italiano MA CAFFE’ CR E 7255()$=,21( 6$78512 $/(66$1'5,$ ‡ &RUVR &DUOR 0DU[  ‡ 7HO   www.saturnocaffe.it
  • 8 - venerdì 31 gennaio 2014 I risultati del Settore Giovanile __Berretti: Varese - Alessandria 1-0. Allievi Nazionali 1997 (amichevole): Alessandria - Monferrato 0-0; Alessandria – Junior Pontestura 1-0 (Zemide). Allievi Regionali Fascia B 1998: Alessandria – S. Giacomo Chieri 2-1 (Cogerino, Bertucci). Giovanissimi Nazionali 1999: Sampdoria - Alessandria 3-0. Giovanissimi Regionali Fascia B 2000: (quadrangolare) Derthona FBC (99) – Alessandria 1-5 (Mazzoni, Oberti). Giovanissimi Regionali Fascia B 2001: (amichevole) Calamandranese (2000) - Alessandria 0-4 (Panariello, Borzachiello, Gattufi Ilias, Gattufi Achet). Esordienti 2002: (amichevole) Asca (2001) – Alessandria 0-7 (2 Brollo, 2 Filip, 2 Chiesa, Gaggero). Esordienti a 9 2003: (amichevole): Canelli (2002) – Alessandria 1-6 (2 Viscomi, Solia, Torrielli, Ahib, Demartini). Pulcini 2004: (amichevole) Audax (2003) – Alessandria 1-2 (Palmiere, Ferretti). Pulcini 2004: (amichevole) Audax – Alessandria 1-18 (4 Dispenza, 4 Zannetti, 3 Paulucci, 3 Biorci, 2 Romano, 2 Brollo). Pulcini 2004-2005: (Trofeo Città di Voghera) Quarta classificata. A scuola dai professionisti Michela Amisano Q uesta settimana conosciamo meglio la formazione dei Giovanissimi Sperimentali Professionistici Regionali Fascia B 2001, allenata da Mister Fabrizio Gentile. Mister, quali sono gli obiettivi e che tipo di lavoro svolge con la sua squadra? “La società mi ha chiesto di far crescere in maniera graduale questo gruppo, cercando di compattarlo, per far sì che ben figuri fra due anni quando disputerà il campionato Giovanissimi Nazionali. Il mio lavoro consiste nel perfezionare le capacità coordinative dei ragazzi e l’aspetto tecnico individuale in modo particolare, così da prepararli al campionato nazionale. Dal momento che ci occupiamo di fascia giovanile, occorre dare molta importanza anche all’aspetto comportamentale, perché prima di essere allenatori, siamo educatori. Mi preme sottolineare che tutto ciò che si fa per i ragazzi è finalizzato ad aiutarli nella loro crescita, personale e sportiva”. Quale è il vostro bilancio a questo punto della stagione? “Disputiamo un campionato di alto livello, con squadre di Serie A e Serie B, tutte professioniste, come Juventus, Novara, Torino, Pro Vercelli, Bra. Le uniche due squadre dilettantistiche inserite nel nostro girone so- no l’Asti e il Chieri. Attualmente in classifica, siamo subito sotto le cosiddette “big”. Il bilancio fino ad oggi è buono, perché ci stiamo comportando molto bene sia a livello di crescita, sia a livello comportamentale. I ragazzi dimostrano, giorno per giorno, che stanno imparando molto. Devo dire però che, fin dall’inizio, ho trovato un gruppo molto tecnico e devo dare merito all’allenatore dell’anno scorso che ha lavorato con loro in maniera efficace.” Il suo è un ritorno in grigio. Cosa l’ha spinta a tornare all’Alessandria? “E’ vero, in passato mi sono occupato prima dei Giovanissimi Regionali Fascia B, poi i Giovanissimi Nazionali ’95 e infine i Giovanissimi Nazionali ’96, coi quali ho disputato un ottimo campionato, chiudendo al settimo posto. Dopo un anno al Derthona Calcio, con gli Allievi Regionali, sono tornato all’Alessandria perché il progetto di questa società ha basi solide. L’ho capito quando è stato nominato come Responsabile Organizzativo Alberto Sala, una persona con cui avevo già lavorato qualche anno fa. Mi ha gratificato molto l’essere contattato e per me è stato un ritorno piacevole. La programmazione e gli obiettivi prefissati all’inizio della stagione sono stati due punti fondamentali. Infatti condivido appieno l’idea della società di partire dalla crescita degli atleti, a cominciare dai Piccoli Amici”. A proposito di Piccoli Amici. Lei si occupa anche di un gruppo dei bimbi iscritti alla Scuola Calcio dell’Alessandria. Qui in cosa consiste il suo lavoro? “Mi occupo dei bimbi nati nel 2006 e 2007 e insegno la tecnica individuale, perché rispetto ai più piccoli, dove prevale l’aspetto ludico, qui si inizia a trasmettere la tecnica di base, a muovere i primi passi da calciatore. Non è una fascia d’età per me nuova, perché qualche anno fa, in collaborazione con Maurizio Ferrarese e Gabriele Tosi, abbiamo organizzato alcuni stage per l’Alessandria Calcio, a cui partecipavano bambini e ragazzi di età diverse e anche piccoli calciatori come quelli della Scuola Calcio”. Come valuta questa esperienza? “Penso che l’esperienza sia positiva, anzi siamo andati al di là delle più rosee aspettative, sia dal punto di vista della partecipazione che dei risultati. Di questo gruppo infatti tre elementi sono già passati a far parte dei Pulcini. Sono sicuro che, in futuro, incrementeremo ancora il nostro lavoro, perché il progetto e la filosofia su cui si basa la Scuola Calcio sono molto valide. E’ importante far conoscere lo sport ai bambini: magari un giorno si innamoreranno di quell’oggetto magico che è il pallone”. Mister, Lei è alessandrino. Cosa significa far parte dell’Alessandria Calcio? “La maglia grigia è pesante e bisogna trasmettere a chi la indossa il valore che rappresenta. Io non ho mai avuto la fortuna di indossare questa casacca da giocatore, nonostante fosse un mio obiettivo da ragazzo. Sono contento adesso di poterla indossare da allenatore. Prima di chiudere l’intervista, vorrei ringraziare la società per avermi dato questa opportunità e il Responsabile del Settore Giovanile Sala che mi ha voluto nel suo gruppo di lavoro. Ringrazio i miei Dirigenti, Gaetano Sellitto e Mauro Deleani, il mio secondo Stefano Accatino, il preparatore atletico Serena Ghezzi, i preparatori dei portieri Domenico Ceniviva e Marco Merlone e i fisioterapisti che lavorano col gruppo”.