2UJDQR 8IILFLDOH GHOO·86 $OHVVDQGULD DOFLR 
N° 6 - Venerdì 25 ottobre 2013

Editoriale

Il tifo è una
passione unica
Luca ...
2 - venerdì 25 ottobre 2013
Supplemento a ‘Il Piccolo’
numero 106 del 25 ottobre 2013
Grafica e impaginazione
Mauro Riscig...
venerdì 25 ottobre 2013 - 3

Domenica scorsa
__Forlì - Cuneo 2-1 (1-0) marcatori
Gerolino al 26' Docente al 60' Torri
al 7...
4 - venerdì 25 ottobre 2013

venerdì 25 ottobre 2013 - 5

Tredici domande a...
Giacomo Poluzzi
1
l
2
l
3
l
4
l
5
l
6
l
7
l...
6 - venerdì 25 ottobre 2013

A Bassano…
__Ricca di eventi e trasformazioni, la storia di Bassano del Grappa passa attraver...
venerdì 25 ottobre 2013 - 7

Chi è Claudio Di Pucchio
__Claudio Di Pucchio (Sora 9 agosto 1944) è
stato il classico centro...
8 - venerdì 25 ottobre 2013

Allievi Nazionali ‘97
__Rosa - Portieri: Agazzi Loris, Baralis Simone, Marchesotti Andrea Mat...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

L'orso in casa - n.6 - 25 ottobre 2013

440 views

Published on

Published in: Sports
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
440
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
95
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'orso in casa - n.6 - 25 ottobre 2013

  1. 1. 2UJDQR 8IILFLDOH GHOO·86 $OHVVDQGULD DOFLR N° 6 - Venerdì 25 ottobre 2013 Editoriale Il tifo è una passione unica Luca Di Masi L’ amore che si prova verso i propri colori è difficile da spiegare per chi non si identifica in una maglia. Ogni supporter si sente superiore a quello della tifoseria avversaria perchè la sua squadra è stata migliore nell’ultima stagione o perchè ha impresso nella mente imprese memorabili che evocano emozioni indimenticabili. Sono sempre stato orgoglioso di appartenere a una tifoseria e riconoscermi con essa e con i Grigi mi sono innamorato e divertito, oltre ad aver perso la voce in più di un occasione. I nostri colori unici devono essere il collante tra noi per sostenere sempre la squadra. La nostra superiorità deve derivare dalla convinzione di fare meglio degli altri, in campo e fuori. In campo per vincere le partite, sugli spalti per essere Grigi, e quindi unici. Penso che un tifo responsabile non sia perdere la propria identità di tifoso appassionato, ma un modo per distinguersi rendendo ancora più unico l’amore verso la nostra squadra. L’avversario va battuto sul campo di gioco e se qualche volta ciò non accade bisogna riconoscere i meriti agli avversari, magari applaudendoli. Dagli spalti deve venire solo il sostegno ai propri giocatori, non gli insulti beceri che danneggiano l’immagine di questa meravigliosa tifoseria e la società. Il calore che regala il Moccagatta è unico; lo sarebbe ancora di più se lo rendessimo accogliente per tutti, ospiti compresi. Per arrivare a questo bisogna crescere insieme, tutti nell’unica direzione che conta: far tornare grandi i Grigi.
  2. 2. 2 - venerdì 25 ottobre 2013 Supplemento a ‘Il Piccolo’ numero 106 del 25 ottobre 2013 Grafica e impaginazione Mauro Risciglione Antonella Ravazzano In collaborazione con Medial Pubblicità Srl via Parnisetti 12/A - Alessandria RISULTATI 8ª GIORNATA 4-0 Alessandria-Forlì Bra-Torres 2-1 Bellaria Igea M.-Renate Delta Porto Tolle-Real Vicenza 0-3 Castiglione-Torres Forlì-Cuneo 2-1 Cuneo-Monza Mantova-Castiglione 3-0 Mantova-Rimini Monza-V.Vecomp Verona 3-2 Pergolettese-Bra Renate-Alessandria 0-0 Real Vicenza-Bassano V. Rimini-Pergolettese 1-0 Spal 2013-Delta Porto Tolle Santarcangelo-Spal 2013 2-0 __Punti vendita Booking Show: Tabaccheria Maxi, via Gramsci, 46 – ALessandria; S.O.M.S. Oviglio – Grigi Club Gino Armano, via XX Settembre, 30 – Oviglio; Mail Box Etc, corso C. Marx, 28 – Alessandria; Roby Viaggi, C. comm. Monferrato “Bennet” – SS 31 Villanova Monferrato; D Viaggi, piazza Repubblica, 3 – Novi Ligure. Orshop: i Grigi sono di moda PROSSIMO TURNO 27/10/2013 Bassano V.-Bellaria Igea M. Prevendita Alessandria-Forlì V.Vecomp Verona-Santarcangelo 2ª Divisione - Girone A Squadra Partite Reti P.ti G. V. N. P. F. REAL VICENZA 16 8 5 1 2 15 8 MONZA 15 8 4 3 1 16 12 BASSANO V. 14 8 4 2 2 13 8 RIMINI 14 8 4 3 1 13 8 SANTARCANGELO 14 8 4 2 2 10 5 CUNEO 12 8 3 3 2 10 6 V.VECOMP VERONA 12 8 3 3 2 9 7 PERGOLETTESE 12 8 3 3 2 7 7 ALESSANDRIA 11 8 2 5 1 10 6 FORLÌ 11 8 3 2 3 12 13 MANTOVA 10 8 2 4 2 15 14 RENATE 10 8 2 4 2 5 5 SPAL 2013 8 8 1 5 2 9 10 DELTA PORTO TOLLE 7 8 1 4 3 8 10 BELLARIA IGEA M. 7 8 2 2 4 8 11 TORRES 6 8 1 3 4 9 15 CASTIGLIONE 4 8 0 4 4 5 15 BRA 4 8 1 1 6 8 22 MARCATORI Alessandro (Real Vicenza) 10, Sinigaglia (Monza) 6, Valentini (Alessandria) 2, Cavalli (Alessandria) 2, Spighi (Alessandria) 1, Viviani (Alessandria) 1, Taddei (Alessandria) 1, Rantier (Alessandria) 1, Mora (Alessandria) 1, Scotto (Alessandria) 1 S. AMMONITI Cammaroto (3), Valentini (3), Scotto (2), Sabato (2), Ferrini (1), Viviani (1), Cavalli (1) __Dalle maglie ufficiali ai capi per il tempo libero fino all’abbigliamento più elegante: Orshop è questo e altro. Lo scaldacollo, la felpa, il giubbotto, fino alla divisa della domenica, ALESSANDRIA AUTO VIAGGIA SEMPRE CON VOI. Alessandria Auto ALESSANDRIA - Via Marengo, 162 SPINETTA MARENGO (AL) - Strada Statale n. 10, 20 Centralcar per i tifosi e gli appassionati l’Alessandria diventa anche una griffe. Tutta la linea ‘firmata’ Grigi è stata presentata mercoledì 23 ottobre presso il negozio Melchionni in via Migliara. emozioni stampate prepress stampa offset stampa digitale legatoria ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 legatoria SUBARU Autovar SPINETTA MARENGO (AL) Strada Statale, 10 - Tel. 0131 618780 Centralcar ALESSANDRIA Via Marengo 162 - Tel. 0131 251005 G R U P P O alessandria ITALGRAFICA srl Novara | Via Verbano, 146 | Tel. 0321 471269 | Fax 0321 478314 commerciale@e-italgrafica.it www.italgrafica.net
  3. 3. venerdì 25 ottobre 2013 - 3 Domenica scorsa __Forlì - Cuneo 2-1 (1-0) marcatori Gerolino al 26' Docente al 60' Torri al 75' Forlì (3-4-3) Tonti; Vesi Fantini Gerolino; Senese Evangelisti Forte (dal 57 Torelli) Boron; Nappello (dal 85 Fonte) Docente (dal 81 Petrascu) Sampaolesi. All. A. Bardi A disposizione: Casadei Bergamaschi D'Angelo Spa- daro. Cuneo: Anacoura; Quitadamo (dal 83 Tempesti) D'Alessandro Cristini A. Mucciante; Hamlili; Catanese Cristini M. (dal 62 Martini) Fanucchi Corsetti (dal 72 Palazzolo); Torri. All. A. Sottil Arbitro sig. Capraro di Cassino Note: espulsi Senese per doppia ammonizione al 13' e Catanese per fallo di reazione al 18' del primo tempo I precedenti... __Alessandria-Forlì. Due vittorie e due pareggi: questo il bilancio degli ultimi quattro precedenti tra Alessandria e Forlì. La prima vittoria è datata 4 marzo 1979: 2-0 per i Grigi, grazie alle reti di Ferraris I su calcio di rigore al 61’ e Ferrari al 71’. Successo anche nel campionato successivo, il 6 gennaio 1980: un goal di Barozzi al 79’ regala la vittoria ai padroni di casa. I pareggi: 0-0 il 18 ottobre 1981 e 1-1 il 9 febbraio 2013. In quest’ultimo confronto a segno Ferretti al 15’ per l’Alessandria e penalty di Petrascu al 68’ per i biancorossi. Gli ex __Due ex galletti nella fila grigie: Mirco Spighi, a Forlì nella stagione 2010-11, con 34 presenze e 3 goal; Roberto Sabato, nella compagine biancorossa la scorsa stagione, con 27 presenze. Nel Forlì da questa stagione, Andrea Boron, ex grigio con 22 presenze, Forlì, dalla Romagna con furore Tino Pastorino l Forlì nasce nel 1919 dalla fusione tra il Forlì Foot Ball Club e l'Unione Calcio Romagnolo. Nel 1935 la prima apparizione in serie C mentre nell'immediato secondo dopo guerra il Forlì è ammesso al campionato di serie B dal quale retrocede la stagione successiva. Da qui in avanti si avvicendano la serie C (12 campionati) e la quarta serie (19 stagioni) fino al 78-79, anno della riforma della serie C, con i bianco rossi ammessi al campionato di serie C1. Tra gli allenatori degli anni 80 ricordiamo Cinesinho, Mazzia, Magrini, Malatrasi, Galdiolo e Franco Varrella che siederà più volte sulla panchina romagnola. Malgrado la retrocessione in C2 del 1994, il Forlì conquista la finale di Coppa Italia di serie C, persa contro il Varese ma che consente di partecipare, l'anno dopo, al tabellone principale di coppa dove arriva fino agli ottavi e perde onorevolmente contro il Milan di Capello (0-2). Nel 1997 nuova retrocessione in serie D e nel 2002, classificandosi secondo nel proprio girone, viene ripescato in C2. Miglior campionato il 2004-05 con la conquista dei play off persi contro il Ravenna. L'anno successivo nuova retrocessione in serie D; la società non riesce ad iscriversi, fallisce e viene radiata dalla FIGC. Nasce cosi l'ASD Nuovo Forlì 1919 che riparte dalla Terza Categoria ma kimonoarredobagno I nell'estate 2007 viene fondato il Forlì Football Club srl che acquisisce il titolo sportivo dell'Asd Sporting Forlì e si iscrive al campionato di Eccellenza. La promozione in D arriva nel 2010 e dopo 2 stagioni il ritorno tra i professionisti sotto la guida tecnica di Attilio Bardi e la presidenza di Romano Conficconi. In Seconda Divisione decimo posto finale dopo aver cullato per qualche mese il sogno play off. lio Bardi, quinta stagione in Romagna, dopo aver vinto la serie D con il Boca San Lazzaro, esonerato la stagione successiva, cosi come a Rovigo. Lo schema tattico abituale è il 3-4-3. Sono 9 i giocatori riconfermati rispetto allo scorso campionato. In porta il titolare è Alessandro Tonti (92) ex Borgo a Buggiano; il secondo è Riccardo Casadei (91) al Squadra giovane carica di entusiasmo arriva ad Alessandria senza timore, decisa a fare bene La squadra Il Presidente è Romano Conficconi, con Sandro Cangini Direttore Sportivo; in panchina Atti- quarto anno. La linea difensiva è schierata a tre ma dei titolari il mister dovrà fare a meno di Marco Vesi (92), al secondo anno ex Cesena, appiedato dal giudice sportivo per somma di ammonizioni. Potrebbe essere sostituito da Emanuele Fonte (92) seconda stagione ex Mantova che farà reparto con Enrico Fantini (84) ex Fano e Bellaria e Adolfo Gerolino (90) arrivato dal Bellaria. Assente anche il confermato Leonardo Arrigoni (93) alle prese con un grave infortunio al crociato. A centrocampo squalificato Marco Senese (94) dalla Primavera del Bologna, espulso do- menica scorsa per doppia ammonizione dopo solo 13 minuti di gioco. Al suo posto rientra Christian Jidayi (87) prelevato dal Valle d'Aosta ex Cesena e Novara, in diffida, non è sceso in campo contro il Cuneo. Affiancherà il capitano Alessandro Evangelisti (91) terzo anno, ex Livorno Spal e San Marino; Daniele Forte (90) altro arrivo dal Borgo a Buggiano ma scuola Cesena; il quarto a sinistra sarà l'ex di turno, Andrea Boron (93), 22 presenze in maglia grigia la scorsa stagione. Completano il reparto Luca Bergamaschi (93) quarta stagione; Francesco Torelli (94) elemento con doti offensive visti i 7 gol realizzati a Mezzolara in serie D. In attacco dovrebbe partire dall'inizio il romeno Sebastian Petrascu (82), quarto anno, ex Valenzana, 14 gol la scorsa stagione che ha recuperato da un infortunio. Al centro Emilio Docente (83) dal Trapani ma con esperienze in B a Messina Rimini Avellino e ballottaggio per una maglia tra Massimiliano Sampaolesi (92), terzo anno e Umberto Nappello (91) dal Gubbio ex Monza. Ancora problemi per Marco Bernacci (83) l'acquisto clou dell'estate, 8 gol a Bellaria, oltre 200 partite e 56 gol tra i cadetti ma una sola apparizione in stagione. Fuori per infortunio Daniele Melandri (88), frattura alla clavicola e Simone Tonelli (91) dal Venezia, 4 gol in questo scorcio di campionato, per guai muscolari. Il benessere comincia da qui. KIMONOPORTE srl Esposizione e vendita: Spalto Gamondio, 27 - 15121 Alessandria Tel. 0131.443445 - www.kimonoporte.it
  4. 4. 4 - venerdì 25 ottobre 2013 venerdì 25 ottobre 2013 - 5 Tredici domande a... Giacomo Poluzzi 1 l 2 l 3 l 4 l 5 l 6 l 7 l 8 l 9 l 10 l 11 l 12 l 13 l Nato a Bologna Data di nascita 25 febbraio 1988 Fidanzato/sposato/libero Fidanzato con Alessia Prima società Iperzola Hai sempre giocato in questo ruolo Ala sinistra Squadra del cuore Milan Momento top della carriera Quest’anno L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Tabanelli Il mister più importante Gadda Passatempo Playstation, libri Attrice preferita Jessica Alba Attore preferito Denzel Washington Musicista preferito Vasco Rossi 1 l 2 l 3 l 4 l 5 l 6 l 7 l 8 l 9 l 10 l 11 l 12 l 13 l Tredici domande a... Andrea Servili Nato a Tolentino Data di nascita 18 luglio 1975 Fidanzato/sposato/libero Sposato Prima società Sambenedettese Hai sempre giocato in questo ruolo Portiere Squadra del cuore Juventus Momento top della carriera La B sfiorata nel 2011 L’avversario/compagno che ha fatto più carriera Terlizzi Il mister più importante Sarri Passatempo La famiglia Attrice preferita Julia Roberts Attore preferito Denzel Washington Musicista preferito Ligabue
  5. 5. 6 - venerdì 25 ottobre 2013 A Bassano… __Ricca di eventi e trasformazioni, la storia di Bassano del Grappa passa attraverso dominazioni diverse che ne sfruttarono la posizione strategica. Bassano vive nell’immagine del Ponte degli Alpini, un manufatto ricostruito in più di una circostanza, nel segno di una storia che fluisce tra pie- ne del Brenta ed eventi bellici. Suggestivo il giro della città che porta nelle sue architetture e nei suoi spazi il segno dei diversi governi che guidarono la città. Se il ponte è l’emblema più famoso e conosciuto, il resto della città porta con sé il fascino di una storia millenaria, carica di influenze importanti. Se il vostro soggiorno sarà più lungo dello spazio della partita dei Grigi, fermatevi all’osteria al Cardellino, in via Bellavitis, 17. A pochi passi dal ponte degli alpini, piatti della tradizione con la pasta e fagioli e i bigoli in salsa bassanese. E poi il baccalà alla vicentina e l’ossobuco di vitello. Tanto per gradire Barbera tra passato e futuro Gigi Poggio italiano Maccario i Grigi li segue e li ama. La scelta di legare il nome dell’azienda vitivicola di famiglia all’Alessandria è dunque una scelta sentimentale. Ma non solo. “Ci sentiamo alessandrini nel profondo – puntualizza – ed è inevitabile seguire il cammino della squadra più importante del territorio. Che poi sia stato possibile, attraverso i Grigi, mettere in pista anche una collaborazione commerciale, beh… questo fa parte del nostro mestiere di imprenditori che guardano al meglio e al nuovo”. Meglio e nuovo e l’idea corre veloce al bag in box. “Il bag in box è stata un’intuizione geniale in cui coinvolgere tre realtà importanti come l’Alessandria, la Smurfit Kappa e la nostra azienda ma e un’idea che nasce da una filosofia precisa: fare sistema tra eccellenze del territorio, in una logica di collaborazione e di scambio che può portare lontano”. Da lontano arriva la famiglia Maccario, famiglia di agricoltori, che dopo la scomparsa del nonno, nel 1979, inizia un percorso di diversificazione della produzione che porta poi alla nascita dell’azienda Pico Maccario – dal nome del fratello di Vitaliano – nel 79. “Siamo in continua evoluzione perché così richiede il mercato, conferma Maccario La svolta che ci portò a trasformarci da V contadini che facevano e conferivano uva ad azienda vitinicola ci ha portato a darci obiettivi sempre nuovi, in linea con le esigenze che andavano manifestandosi, in un contesto sempre più globalizzato”. Innovazione nel segno della tradizione, dunque… “Esatto. Un binomio imprescindibile. Il nostro è un progetto assolutamente territoriale perché è partito da qui, puntando sulla Barbera d’Asti, cercando di dare a un prodotto assolutamente tipico ed autoctono lo slancio per farsi riconoscere ed affermarsi.” Puntando sulla tecnologia…e le rose… “Una combinazione suggestiva, vero? – ribatte Maccario – ma per fare questo mestiere, e per farlo con successo, non bisogna mai smettere di essere curiosi, cercando di studiare e imparare. Noi siamo in continuo aggiornamento. Il nostro lavoro riguarda ovviamente gli impianti e le cantine, con continui interventi sulla strumentazione e la tecnologia, senza dimenticare lo spirito della rosa, come dici tu”. Vale a dire? “La rosa nella vigna è un’idea dei vignaioli francesi che l’hanno sempre usata come sentinella per i parassiti: la malattia della rosa, secondo l’esperienza tran- Il Bag in box di Pico Maccario prodotto da Smurfit Kappa salpina, poteva in qualche anticipare l’insorgere di problemi alla vite. Noi abbiamo trasferito quest’idea alle nostre coltivazioni, con 8000 piante di rose. Una scelta anche estetica ma soprattutto di grande utilità che conferma quel connubio tra innovazione e tradizione che è la stella polare del nostro lavoro”. Voi parlate a un mercato eterogeneo; la consacrazione, anche recente, con la presenza della vostra produzione su riviste come Con Pico Maccario tradizione e innovazione nel segno di 2 marchi: i Grigi e la Barbera TERMOSANITARIA FORNITURE IDROTERMOSANITARIE ARREDO BAGNO a nuova iti un ced Con dimensi one d i ben ess ere Wine Spectator testimonia come Pico Maccario abbia ormai orizzonti di vendita quasi illimitati… “E’ un obbligo per un’azienda moderna ricavarsi nuovi obiettivi per la promozione del proprio prodotto. Posso dire che per noi la crisi quasi non esiste anche perché sull’estero abbiamo investito in maniera costante e consistente, coniugando linguaggi nuovi ma con l’attenzione a concetti che, comunque, fanno parte della tradizione e ri- vestono anche per il mercato estero, il “certificato” dell’assoluta garanzia”. Tant’è vero che le vostre cantine sono diventate quasi una metà turistica… “Questa è una soddisfazione nella soddisfazione. Ho negli occhi la piacevolezza di certi vigneti francesi, visti negli anni passati e di come la cura di quelle colture facesse apparire tutto più bello e più accogliente. E nel trasformare la nostra azienda, nel renderla più funzionale alle necessità di un target in continua evoluzione ed espansione, abbiamo cercato di valorizzare anche l’aspetto degli ambienti e degli spazi. Per non parlare di quello che si vede tutto attorno, il paesaggio, la natura, l’aria. Non è un caso che, mentre ti parlo, stia aspettando dei clienti svizzeri, mentre, ieri, avevo degli ospiti americani”. Una scelta che coniuga molti elementi ma non dimentica la passione, come coi Grigi… “Si, con un’idea che forse va al di là della nostra identità pura e semplice di imprenditori che è poi la scelta di Luca Di Masi, nella quale noi stessi c’identifichiamo: lavorare a un progetto importante e ambizioso, con obiettivi puntuali e ben definiti, che coniughi qualità, competenza e innovazione, sempre nel rispetto di un valore che fa parte della nostra storia e della nostra tradizione, che sia la Barbera o i Grigi…”. Allora a domenica, Vitaliano… “A domenica…” MA CAFFE’ CR E www.saturnocaffe.it 7255()$=,21( 6$78512 $OHVVDQGULD ‡ RUVR DUOR 0DU[ ‡ 7HO SAN MICHELE (AL) Via Vecchia Castello 13 • Tel. 0131 361289 ESPOSIZIONE Via Vecchia Castello 1 • Tel. 0131 361127 e.mail: webmaster@termosanitaria.it
  6. 6. venerdì 25 ottobre 2013 - 7 Chi è Claudio Di Pucchio __Claudio Di Pucchio (Sora 9 agosto 1944) è stato il classico centrocampista di regia, perno della manovra, ispiratore di mille geometrie. Ha iniziato la carriera nel Sora nel 1963/64 per poi passare la stagione successiva in C all'Avellino per poi trasferirsi al Chieti. Con i neroverdi si è messo in luce tanto da meritarsi la convocazione nella nazionale semiprofessionisti ed il successivo ac- quisto da parte della Lazio. Nel giugno1966 è subito aggregato al gruppo dei titolari con cui parte per il Venezuela per la tournée di fine stagione. Nella stagione 1966/67 il giocatore, pur gravitando nell'orbita di Prima Squadra, viene impiegato stabilmente con la formazione De Martino, con cui ha partecipato al Campionato di categoria. Con la Lazio, l'occasione per l'esordio in serie A si presenta soltanto nell'ultima e decisiva giorna- ta di campionato a Torino sul campo della Juventus. L'allenatore Neri decideva infatti di schierarlo titolare. La partita si concludeva con la sconfitta dei biancocelesti e la conseguente retrocessione in serie B, ma Di Pucchio, si toglieva la soddisfazione di bagnare l'esordio nella massima serie con un goal realizzato su calcio di rigore. Nel 1967/68 viene ceduto in prestito alla Massese. Torna alla Lazio nel 1968/69 e, suc- cessivamente, alla Sambenedettese, dove rimaneva un anno prima di approdare all'Alessandria. Ai due anni con i grigi, in cui collezionava 64 presenze e 4 goal, facevano seguito una stagione alla Massese e una alla Salernitana. Appesi le scarpe al chiodo, diventa mister, guidando varie formazioni del centro Italia: Isernia, Isola di Liri, Formia, Avezzano, Frosinone e Sora, con un palmares che ne fa uno dei tecnici più titolati d’Italia. Di Pucchio, una vita al centro del campo Gigi Poggio Spengo il trattorino e arrivo…”. A Sora è ancora caldo e Claudio Di Pucchio, la mattina della nostra intervista, è alle prese con il taglio dell’erba in giardino. Non fatica a confessarci quanto sia gradevole il tempo passato a gestire le occupazioni della quotidianità ma, quando iniziamo la nostra chiacchierata, i suoi concetti e le sue osservazioni sono subito puntuali, proprio come i lanci della mezzala che conoscemmo in maglia grigia, agli inizi degli anni 70. “Se mi chiedi qual è il mio attuale rapporto col calcio – esordisce – non faccio fatica a dirti che è pressoché nullo. E non potrebbe essere altrimenti…”. Come mai – lo incalziamo – dopo tanti anni di lavoro e tante soddisfazioni? “Dopo la legge Bosman il calcio è cambiato radicalmente; questo è un mondo in cui faccio fatica a riconoscermi, forse anche perché l’ho vissuto in un modo tutto mio. E di sicuro mi porto dietro il peso e il valore delle mie esperienze, prima di calciatore e poi di allenatore”. Claudio Di Pucchio, tra campionati e spareggi, ha vinto molto in realtà diverse e in condizioni differenti. Il suo nome è legato “ a quello del Sora, portato e mantenuto per anni, alla ribalta del calcio nazionale; potremmo parlare di miracolo ma, in realtà, quella storia, intensa e vincente, non ha niente di fantascientifico ma solo tanto lavoro e una discreta voglia di cambiare metodi e abitudini… “Si, a Sora abbiamo fatto grandi cose, partendo dall’Eccellenza e sfiorando anche obiettivi impensabili (la serie B, ndr) avendo però chiaro in testa un progetto che coinvolgeva l’uomo e il calciatore; un progetto da costruire nel tempo, contando sulla disponibilità del giocatore che in quella tipologia di lavoro si riconosceva, sia che gli servisse da trampolino di lancio sia che gli fornisse l’opportunità di riproporsi dopo esperienza sfortunate. Il legame con la maglia, il senso del gruppo, la disponibilità a costruire un ciclo erano scelte di vita e non solo professionali”. In una realtà piccola, lontana dal grande calcio, immagino sia stata un ‘esperienza straordinaria… “Si, è stato tutto molto appagante. A Sora ho costruito un modello di calcio nel quale mi sentivo coinvolto totalmente e che dava ragione alla mia scelta di tornare al mio paese dopo una vita da calciatore. Lì lavorai pra- ticamente come un manager, curando certamente gli aspetti del campo e della tattica ma guardando anche oltre; occupandomi della costruzione dell’organico, visionando decine delle Primavere che giocavano lì attorno, dalla Roma alla Lazio al Napoli e dando a quella società un modello e un’idea di lavoro e di organizzazione che, sono i risultati a dirlo, ha fatto storia”. Ogni mister porta con sé un’idea di calcio. Oggi che va molto di moda parlare di motivazioni, non pensi anche tu di essere stato un motivatore? “Penso di sì, anche se non mi sono mai posto il problema” e ci fa su una risata. “Ho sempre lavorato sui giocatori cercando di valorizzarne le caratteristiche individuali: schede personalizzate, studio della loro carriera e ascolto delle loro impressioni. Se una giocatore lavora bene e si sente considerato e seguito, inevitabilmente, ti da di più. Ovviamente non c’era solo quello perché il lavoro imponeva continuo aggiornamento, scelte “Io... e i Grigi” incontra Claudio Di Pucchio, maestro di calcio giocato e insegnato tattiche, metodologie innovative, in cui il singolo potesse riconoscersi portando poi del suo nel collettivo. Motivare non era un problema se sapevi di avere conquistato i singoli e il gruppo alla tua idea di calcio…”. Quindi la Bosman ha distrutto questa logica? “Si, questa è la mia convinzione. E’ stata uno strappo violento, troppo violento; un rimedio peggiore del male. Forse i rapporti tra calciatori e società potevano essere ripensati, per migliorarli. Ma, certo, questa è stata una soluzione che ha fatto saltare il banco, modificando equilibri e comportamenti, ovunque e in qualunque categoria: lì ho capito che il mio mondo andava cambiando e anche la mia prospettiva di lavoro”. La maglia per te ha avuto un ruolo determinante e per maglia intendiamo le radici, il valore da dare a qualcosa che senti tuo… “Già… per la maglia dei Grigi dis- si no a Giorgio Chinaglia che mi chiese di tornare alla Lazio, dopo il primo campionato con l’Alessandria. Ma c’era da continuare un lavoro; da recuperare lo smacco del campionato perso per un soffio con la Reggiana; dissi di no a Long John e lui un po’ se la legò al dito e per la stessa ragione dissi no anche ai Grigi e al loro Presidente di allora, Remo Sacco che, alla fine del secondo campionato, mi accompagnò fino a Frosinone per convincermi a rimanere. Quella volta funzionò il richiamo di casa e la necessità di trovare la mia stabilità di uomo. E in quella decisione ci sta la mia storia calcistica…” Con un po’ di cuore grigio… insinuiamo. “Solo un po'? Non scherzare, amico mio”, L YHGLDPR GD SPACCIO OCCHIALI DEGLI LENTI SCONTO REALE SUI LISTINI 50% VENDITA DIRETTA CONSEGNA OCCHIALE IN POCHI MINUTI MISURAZIONE GRATUITA DELLA VISTA 01 DAL 20 OLTRE 2.000 MONTATURE SCONTO 30-50% SILVIA ENNIO ALESSANDRIA Corso Acqui, 173 (zona Cristo) - Tel. 0131 240228
  7. 7. 8 - venerdì 25 ottobre 2013 Allievi Nazionali ‘97 __Rosa - Portieri: Agazzi Loris, Baralis Simone, Marchesotti Andrea Matteo. Difensori: Basile Lorenzo, Benech Riccardo, Canapa William, Chiarlo Giorgio, Dolce Daniel, Giudice Andrea, Mignacco Francesco, Mutti Alessandro, Sala Andrea. Centrocampisti: Amello Sebastiano, Casula Leonardo, Checchin Luca, Giordano Andrea, Limone Michele, Vecchié Riccardo, Zemide Fabio. Attaccanti: Cabella Riccardo, Casone Andrea, Dubois Filippo, Gentile Marco, Neirotti Filippo, Serio Daniele. Staff - Allenatore: Maurizio Ferrarese Dirigente: Fabio Neirotti Dirigente Arb.: Paolo Baralis Mass.: Lorenzo Alvigini Prep. Atlet.: Jacopo Capocchiano Prep. Portieri: Andrea Carozzo I risultati del Settore Giovanile __Nella gara di sabato 19 Ottobre al Michelin Sport Club di Spinetta Marengo, valida per la quinta giornata del campionato Berretti, la formazione grigia ha pareggiato 3-3 con la Pro Patria. Le reti per i ragazzi di Mister Melchiori sono state messe a segno da De Nardi (2, il se- condo goal su calcio di rigore) e Marongiu. Due sconfitte esterne nell’ultimo turno di campionato per gli Allievi e i Giovanissimi Nazionali contro i pari età della Pro Vercelli. I ragazzi di Mister Ferrarese sono stati sconfitti 3-2. Le reti grigie sono state messe a segno da Gentile e Neirotti. La formazione allenata da Mister Guaraldo invece è stata battuta 1-0. Il maestro Ferrarese Michela Amisano C on Maurizio Ferrarese continua il nostro giro tra le squadre del settore Giovanile grigio. D__ Mister Ferrarese, come valuta questo inizio di campionato? R__ In queste prime giornate abbiamo incontrato squadre importanti di Lega Pro, come Virtus Entella, Pro Vercelli e Pro Patria e squadre di Serie A, come il Torino e Genoa, che partecipano a questo campionato con ragazzi del ’98. Entella e Pro Vercelli sono squadre strutturate, da anni affrontano questo campionato, infatti sono in testa alla classifica e sono le formazioni che ci hanno battuto. Noi siamo partiti quest’anno, con alcuni ragazzi nuovi e stiamo cercando soprattutto di diventare squadra. Siamo orgogliosi di poterci confrontare con squadre di questo livello e ringraziamo la società che ci ha dato l’opportunità di partecipare ad un campionato così importante. D__ Quali sono gli obiettivi della stagione? R__ In accordo con il Coordinatore Organizzativo del Settore Giovanile, Alberto Sala, l’obiettivo è quello di lavorare sui ragazzi per prepararli a vivere quella che un giorno potrebbe essere la prima squadra. Per po- ter arrivare a pensare calcio a buoni livelli bisogna avere una valida formazione di base e bisogna essere preparati a farlo. E questo è un obiettivo che quest’anno il Settore Giovanile si è prefissato, partendo fin dall’inizio con un lavoro incredibile che si sta cercando di migliorare di giorno in giorno. Il risultato, secondo me, deve essere sempre figlio del gioco, soprattutto con i giovani, perché se riesci ad esprimere gioco alla fine il risultato viene e i valori vengono premiati. D__ Due settimane fa uno splendido 4-0 con il Torino. Oltre alla soddisfazione per la vittoria, come riesce a lavorare un allenatore la settimana seguente? R__ Fa sempre piacere ottenere il risultato, ma non dobbiamo perdere di vista il nostro obiet- tivo che è la crescita. Dopo quella vittoria non nascondo che si è vissuta una settimana diversa, nello spogliatoio si respirava un’altra aria. Sono quelle partite che danno all’allenatore la possibilità di lavorare in modo costruttivo perché i ragazzi si convincono che stanno facendo bene. Col gruppo stiamo instaurando un bel rapporto; tutti stanno dimostrando di aver voglia di crescere. Io dico sempre ai ragazzi che la fortuna del calciatore è quella di essere l’unico responsabile della propria prestazione: per questo, quando si scende in campo, bisogna dare tutto quello che si ha dentro senza lasciare in sospeso se e ma che poi possono suonare solo come rimpianti. D__ Nella stagione 2011/12 ha vissuto l’esperienza da allenato- re in seconda al fianco di Mister Sonzogni in prima squadra. Che esperienza è stata? R__ Dopo la carriera da giocatore, sono rimasto nel mondo calcio e ho avuto la fortuna di essere chiamato a dare una mano a questo allenatore, arrivato dopo l’esonero di Mister De Petrillo. Mi sono messo subito a disposizione perché i miei trascorsi in grigio mi hanno legato a questa maglia e a questa città. Mi sono avvicinato ad una persona che aveva 35 anni di esperienza tra Serie B e C, con un incredibile bagaglio di conoscenza del calcio; per me è stata una bellissima occasione perché ho imparato tanto, in un anno difficile. La società e il gruppo si sono impegnati per risolvere una situazione pesante; i ragazzi sono riusciti a ritrovarsi e abbiamo fatto un girone di ritorno impor- tante. E’ mancato davvero poco ad arrivare ai play-off: sarebbe stato un premio a tutti gli sforzi fuori e dentro il campo. D__ Dopo l’esperienza in prima squadra e una parentesi in Bulgaria, il ritorno in Alessandria. Soddisfatto della scelta? R__ Io vivo qui e già anni fa ci sono stati degli avvicinamenti anche con il Settore Giovanile, ma non si era mai concretizzato nulla. Alberto Sala e la nuova società mi hanno contattato e mi hanno scelto per vivere questa esperienza e io non posso che essere felice e ringraziarli perché, avendo anche vissuto Alessandria da calciatore, questa maglia per me ha un valore assoluto.. Da calciatore Alessandria mi ha portato fortuna, chissà che non accada la stessa cosa da allenatore.

×