Economia emotiva, il prezzo nella percezione del cliente - di Ercole Renzi

1,586 views

Published on

Convention FIOF 2014 - Orvieto
Come percepiamo il prezzo quando ci viene comunicato? Sono davvero razionali le motivazioni che ci portano a valutare prezzo, valore, costi e benefici? scopriamo perché quando si parla di prezzo... 2+2 non fa quasi mai 4 ;)

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,586
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
434
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Economia emotiva, il prezzo nella percezione del cliente - di Ercole Renzi

  1. 1. Alessandra Salimbene www.srcomunicazione.it
  2. 2. Vi piacerebbe incassare dal 20 al 50% in più in ogni trattativa a parità di investimento?
  3. 3. Cos’è una Performance 3D? È ogni prestazione personale che ha successo e raggiunge l’obiettivo in quanto coniuga al massimo livello tre ingredienti…
  4. 4. Economia emotiva La branca della psicologia che studia come funziona la mente del cliente (e la nostra!) quando è alle prese con le decisioni economiche.
  5. 5. Prima considerazione Solo il prezzo nel mix di marketing assicura la copertura dei costi e il profitto atteso.
  6. 6. Seconda considerazione Agire sul prezzo significa aumentare il volume d’affari a costo zero: non si richiede niente di più di quello che già si fa salvo una diversa consapevolezza di certi meccanismi.
  7. 7. Terza considerazione L’argomentazione del prezzo costituisce un momento “drammatico”: è la resa dei conti, è il motivo prevalente del contendere con il cliente
  8. 8. A che serve un approfondimento di questo genere? Le persone, specialmente oggi, cercano sempre di ottenere il massimo spendendo il minimo!
  9. 9. Siete d’accordo con questa affermazione?
  10. 10. Eppure… Non c’è niente di più illogico del comportamento di acquisto: tu lo sai perché ne hai prove quotidiane ma, forse, ti manca lo scatto per trasformare questa evidenza in conseguenti strategie di comunicazione.
  11. 11. Il Valore, dal punto di vista del cliente, è semplicemente il risultato di un’operazione aritmetica che fa, spesso in modo inconsapevole, sottraendo i costi dai benefici.
  12. 12. Costi totali > benefici totali = Disvalore percepito non lo voglio!
  13. 13. Benefici totali > costi totali = Valore percepito Lo voglio!
  14. 14. Cosa significa allora la frase tipica… Costa troppo, non pensavo di spendere questa cifra…
  15. 15. È un Valore soggettivo, costruito da motivazioni logiche ed emotive di fronte alle quali il prezzo assume sicuramente rilievo ma accanto ad altri aspetti relativi al contesto, all’accoglienza, alla comunicazione degli addetti, al prodotto, ai servizi, ecc…
  16. 16. È un Valore relativo, quindi “mobile”, mai dato una volta per tutte ma soggetto a valutazioni sempre diverse e da contestualizzare.
  17. 17. Il prezzo per il cliente non ha un valore assoluto, ma un valore sempre riferito a un valore-àncora che ha in testa: è questa àncora che conta per lui che deve decidere e per te che devi capire i suoi criteri di decisione.
  18. 18.  Filmato: Dobbiamo prima trattare
  19. 19. Lo schema emotivo Ogni scelta della nostra vita prevede l’applicazione dello schema emotivo mi piace - non mi piace, potremmo dire “a priori”. È uno schema insondabile e misterioso che emerge dal nostro inconscio e che ci fa incorniciare la realtà in un certo modo.
  20. 20. Quindi? Per il cliente conta il prezzo per come gli viene comunicato e per come, rappresentandoselo, lo riferisce alle tante àncore del suo vissuto emotivo e cognitivo. Funziona così!
  21. 21. Un esempio A) € 1.20 al litro € 1.25 se si paga con carte/bancomat B) € 1.25 al litro € 1.20 se si paga in contanti
  22. 22. Effetto contrasto Se parti dal prezzo alto con la prima proposta, la seconda proposta che farai, meno costosa, sembrerà al cliente ancora più conveniente.
  23. 23. Effetto compromesso Se proponi al cliente tre prodotti e tre alternative di prezzo: fascia alta, fascia media, fascia bassa, per “l’effetto compromesso”, il cliente tenderà ad escludere gli estremi e a focalizzarsi sul prezzo centrale. A monte, quindi, stabilisci il “tuo” prezzo centrale, quello che ti interessa di più.
  24. 24. I generatori di valore Definisci la tua unicità sul mercato Illustra i benefici che garantisci al cliente Non raccontare quanto sei bravo, fai provare sensazioni positive
  25. 25. Noi∑ Io non fotografo con gli occhi, fotografo con il cuore. Vazquez Jose Luis Guardia
  26. 26. La diffidenza del cliente è naturale ha paura di sbagliare ha sentito qualcosa di negativo in merito vuole proteggere i propri interessi cerca di tenere a bada i desideri che vengono “dal suo cuore”
  27. 27. L’obiezione sul prezzo Il punto di partenza per sostenere con successo l’obiezione del cliente sul prezzo è un pensiero positivo di sicurezza, di competenza e di determinazione. Tanto più il prezzo è importante per chi vende, tanto più diventa importante per chi compra!
  28. 28. Ho capito che il cliente acquista il suo Valore Ho capito che nel comunicare il prezzo il come è più importante del cosa Ho capito che la differenza la fa il mio atteggiamento interiore
  29. 29. La vostra nuova filosofia di lavoro: La mente risparmia, il cuore spende!
  30. 30. www.srcomunicazione.it Conv entio www.srcomunicazione.it - Copyright 2014 Sr Comunicazione Srl
  31. 31. Conv entio www.srcomunicazione.it - Copyright 2014 Sr Comunicazione Srl 31
  32. 32. Per articoli, aggiornamenti, eventi e e-book gratuiti… ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA MAILING LIST Su www.srcomunicazione.it Basta l’indirizzo e-mail! Conv entio www.srcomunicazione.it - Copyright 2014 Sr Comunicazione Srl 32
  33. 33. Conv entio www.srcomunicazione.it - Copyright 2014 Sr Comunicazione Srl 33

×