Lez Castells
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Lez Castells

on

  • 1,941 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,941
Views on SlideShare
1,938
Embed Views
3

Actions

Likes
1
Downloads
6
Comments
0

1 Embed 3

http://www.slideshare.net 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Lez Castells Lez Castells Presentation Transcript

  • Giornalismo politico
      • Appunti per il corso 2008
      • «Web 2.0, Manuel Castells e il futuro della democrazia»
      • a cura di Alessandro Lanni
  • Cos’è internet?
      • Un sistema che mette in comunicazione
      • contenuti e persone
      • Cosa cambia con il Web 2.0
  • Quali sono le caratteristiche della Rete?
    • Nessuno la possiede, chiunque la può usare, ognuno la può migliorare
    • Non è complicata
    • È una rete di relazioni, non una cosa
    • È stupida
    • Più si rende il sistema complesso, più questo perde valore
    • Creare un centro le toglie valore
  • Le persone si riappropriano della Rete - I blog
    • Cosa sono i blog?
    • «Un nodo, una persona: il suo punto di vista, i suoi pensieri, la sua visione del mondo, i suoi hobby, il suo lavoro, i suoi studi, il tutto stratificato nel tempo a formare una autobiografia intellettuale a disposizione di chiunque sia interessato alla conoscenza e al confronto reciproci». Maistrello 2007, pagg. 20/1
    • In che modo stanno trasformando la Rete?
    • Nei blog il contenuto è la conversazione simmetrica e orizzontale
  • Il passaggio dal sito al blog
      • Con i siti tradizionali c’è chi emette e chi riceve
      • Nei blog i ruoli sono molto più paritari, lo scambio
      • è potenzialmente continuo e multidirezionale
      • I contenuti dei blog, a differenza di quelli dei siti tradizionali, sono fatti per circolare
      • Creare e condividere
  • Il passaggio dal sito al blog/2 L’obiettivo di un blog, a differenza di un sito tradizionale, non è raggiungere un numero alto di contatti. Innanzitutto, perché un blog non si apre per far soldi e non costa nulla aprirlo
  • Blog - Numeri
    • 1999 – poche migliaia di blog nel mondo
    • 2003 (fine) – i blog nel mondo sono 2 milioni (e ogni 5 mesi il numero raddoppiava
    • 2006 (inizio) - 27 milioni di blog
    • 2007 (fine) – i blog superano i 100 milioni.
    • 2010 – trecento milioni?
    • 2020 – tre miliardi?
    • Il maggior numero di blog oggi sono in giapponese: il 37 per cento del totale. Seguono,
    • al secondo posto, quelli in inglese: il 36 per cento
    • Fonte: New York Review of Books
  • Social network – In generale «Le applicazioni basate su reti sociali ( Social network ) sono ambienti di Internet che forniscono un contesto operativo per l’interazione tra reti di contatti che hanno in ciascun partecipante il proprio fulcro». Maistrello 2007, pagg. 46 Alcuni esempi di reti sociali – sistemi di relazioni - Flickr - Anobii - Linkedln - del.icio.us
  • Wikipedia
    • Cosa significa «wiki»?
    • 4 milioni di voci in 200 lingue
    • Almeno 10 lingue hanno più di 100mila lemmi (1,1 milioni in inglese e poi tedesco, francese, polacco, giapponese, olandese, svedese, italiano, portoghese e spagnolo)‏
    • Wikipedia cresce del 7% al mese
  • I feed RSS La metafora dei rubinetti Invece di dover esere noi a cercare tutte le informazioni che ci interessano, sono queste che, tramite un programma, vengono direttamente a cercare noi
  • Generosità I blog e, più in generale, le reti sociali sono generosi Per loro natura hanno valore proprio in quanto portano fuori da loro stessi. Dal modello uno a molti , a quello molti a molti, a quello pochi a pochi dei blog
  • Potere e contropotere secondo Castells
      • Definizione di potere : « la capacità strutturale, da parte di un attore sociale, di imporre la propria volontà su di un altro (o più d’uno) attore sociale»
      • Definizione di contropotere: «la capacità, da parte di un attore sociale, di resistere e sfidare i rapporti di potere istituzionalizzati»
      • Nell’epoca della comunicazione è sui media che si gioca la battaglia tra potere e contropotere, il messaggio politico è un messaggio mediatico ( Esempi di strumenti per la battaglia per il potere sui media: screditare, diffamare, «la politica dello scandalo» che ha come effetto l’anti-politica)‏
      • E conseguente crisi di legittimità della politica e l’emersione di processi di contropotere che si manifestano nello spazio pubblico dei media
      • Come i rapporti tra potere e contropotere cambino con la rivoluzione sociale e tecnologica in corso
  • Le domande di Castells
    • Come si comporteranno i grandi poteri politici ed economici di fronte all’universo della mass self-communication?
    • La mass self-communication sarà un pericolo per le élite e porterà nuova linfa per la partecipazione democratica a tutti noi?
    • Come cambia il rapporto tra potere e contropotere in un mondo in cui informazione e comunicazione sono alla portata di tutti?
  • Cos’è la mass self-communication Dal one-to-many al many-to-many Un sistema di comunicazione di massa creato dagli individui fatto di sms, blog, vlog, podcast, wiki ecc. La crisi della concezione tradizionale dei gatekeeper (tv, giornali, radio)‏ Il futuro del giornalismo ( ma questa è un’altra questione )‏
  • La reazione delle grandi corporation
      • Google acquista Youtube
      • NewsCorp (la società di Rupert Murdoch) acquista MySpace
    Entrambe queste grandi società sanno bene che non possono imporre una formula diversa a quelle sterminate comunità, al tempo stesso quelle diventano enormi bacini per la vendita di pubblicità. Secondo Castells, la strategia delle grandi corporation è farsi vedere il meno possibile. Questo avvantaggia i singoli individui che possono comunque utilizzare quelle piattaforme.
  • L’ottimismo di Castells «Tutti gli attori politici sono presenti tanto nella mass communication che nelle reti della mass self-communication , e tutti hanno l’obiettivo di costruire ponti tra i due diversi sistemi al fine di massimizzare la propria influenza sull’opinione pubblica. Ciononostante, la capacità di ogni attore sociale di guadagnare autonomia e consapevolezza nella costruzione della propria agenda politica è molto più grande nella mass self-communicaiton che nel mondo corporativo dei mass media»
  • Bibliografia
    • Sergio Maistrello, La parte abitata della Rete , Tecniche Nuove
    • Manuel Catells, Comunicazione, Potere e contropotere nella Network society in «Reset.it»
    • AA. VV., Castells e lo scontro per la Rete , in «Reset» 101