La formazione blended del Master in Didattica dell'Italiano per Stranieri di Genova: il feedback di docenti e studenti

  • 1,129 views
Uploaded on

 

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,129
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
11
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Maria Teresa Caprile, Emanuela Cotroneo, Alessandra Giglio
  • 2.
    • Crescita esponenziale:
    • nel 2001 sono stati 478 i diplomati in percorsi post lauream;
    • nel 2005 sono stati ben 19.724 i diplomati in percorsi post lauream di diversi settori disciplinari
    • dovuta alla domanda di profili specializzati da parte del mercato del lavoro
    • favorita dalle maggiori possibilità di accesso ai corsi, spesso realizzati interamente a distanza o alternando formazione in presenza e a distanza.
  • 3.
    • 16 Master, in prevalenza di I livello e della durata media di un anno;
    • più della metà sono realizzati in modalità blended, integrando formazione in presenza e a distanza.
  • 4.
    • Promotori: Facoltà di Lingue e letterature straniere e Facoltà di Scienze della Formazione;
    • Utenza: laureati di vecchio o di nuovo ordinamento, con laurea triennale o specialistica, provenienti dalle Facoltà di Lingue, Scienze della Formazione, Lettere e Filosofia oltre che insegnanti di ogni ordine e grado in possesso di altri titoli di laurea.
  • 5.
    • 8 mesi di formazione (gennaio-settembre 2008)
    • 125 ore in aula monitorate dal tutor d’aula
    • 300 ore e-learning (FAD) monitorate dai tutor virtuali
    • 1 settimana in presenza alternata a 2 di FAD
    • 75 ore di project work finale
    • 60 CFU
    • 150 ore di tirocinio
  • 6. Area base: fornisce le competenze di base in didattica dell’italiano e comprende insegnamenti quali glottodidattica, tecnologie didattiche, pedagogia interculturale, linguistica italiana ecc. Esame di fine area area base area L2 area LS
  • 7.
    • Area L2:
    • fornisce competenze nella didattica dell’italiano a bambini, adolescenti ed adulti stranieri residenti in Italia e comprende insegnamenti relativi alla didattica dell’italiano nella scuola, alla didattica per specifiche tipologie di apprendenti nonché ad alcuni elementi di diritto dell’immigrazione
    Esame di fine area
  • 8.
    • Area LS:
    • fornisce competenze per l'insegnamento della lingua e della cultura italiana all'estero, oltre che per la promozione di attività culturali attraverso insegnamenti specifici relativi alla didattizzazione di cinema, musica e teatro, alla comunicazione ecc.
    Esame di fine area
  • 9.
    • segreteria didattica: deputata all’organizzazione del Master
    • gruppo classe: 19 corsisti (15 femmine e 4 maschi) di età compresa tra i 24 e i 57 anni
    • corpo docente: 18 specialisti, provenienti da scuole di ogni ordine e grado o da università, operanti da soli o in copresenza;
    • 1 tutor d’aula: incaricato di gestire gli aspetti organizzativo-didattici
    • 3 tutor virtuali : con formazione in didattica dell’italiano e precedente esperienza nell’uso della piattaforma Moodle , “ AulaWeb”
  • 10.
    • la “Palestra” ( hall del Master)
    • l’organizzazione degli spazi: gli “strumenti virtuali”
    • le attività usate:
      • upload di file
      • forum
      • wiki
      • “gym”
  • 11.  
  • 12.  
  • 13.  
  • 14.  
  • 15.
    • Gli studenti ritenevano discretamente soddisfacente l’esperienza; sono però emerse alcune difficoltà tecniche e poca interazione con i docenti. In generale, il gruppo classe considerava positiva la figura del tutor e svolgeva le esercitazioni senza troppe problematiche.
    • Non tutti i docenti erano concordi nell'individuare le positività derivanti dalla FAD ma il giudizio globale era buono.
    • Questionario di valutazione, in forma anonima somministrato a studenti e docenti per testare il gradimento e la riuscita dell’utilizzo della piattaforma AulaWeb nel periodo gennaio – marzo 2008.
    • Hanno risposto al questionario 12/19 iscritti e 5/5 docenti
  • 16.
    • studenti del Master: 19 in totale
    • campione analizzato: 10 studenti, maggioranza di donne
    • età compresa tra i 20 e i 30 anni (4 corsisti), tra i 31 e i 40 (1 corsista), tra i 41 e i 50 anni (3 corsista), non dichiarata (2 corsisti)
    • l’80% del campione era alla prima esperienza FAD
    • ore trascorse online: in media <3 h/giorno e 10 h/settimana (metà del campione degli intervistati non ha quantificato l’impegno)
    • il 70% non avrebbe preferito un corso unicamente in presenza
  • 17.  
  • 18.  
  • 19.
    • docenti del Master: 15 in totale
    • campione analizzato: 4 docenti (2 uomini e 2 donne)
    • età compresa tra i 31 e i 40 anni
    • il 100% ha affermato che l’e-learning influenzi positivamente la didattica; il 50%, tuttavia, non lo ritiene necessario
    • il 50% ha apprezzato la maggiore possibilità di sperimentazione
  • 20.  
  • 21. “ Vorrei rovesciare la domanda e rispondere dicendo che il numero di ore in presenza non era adeguato alle richieste sia del lavoro da svolgere nelle ore FAD, sia della prova finale che del project work”
  • 22.
    • Le opinioni degli studenti non sono sostanzialmente cambiate:
      • rimane costante l’opinione positiva sull’e-learning e sul ruolo del tutor
      • peggiora lievemente l’opinione sul rapporto con i docenti e sull’interazione
    • Le opinioni dei docenti coinvolti in I2 non differiscono molto da quelle dei docenti coinvolti in I1:
      • rimane costante l’opinione positiva sull’e-learning e sul ruolo del tutor
      • peggiora l’opinione sul rapporto ore in presenza/ore FAD
  • 23.
    • Interazione e rapporti virtuali: sfruttare in maniera più completa le potenzialità offerte dalla piattaforma , in un’ottica di apprendimento collaborativo, senza limitarne l’uso all’upload di file o alla scrittura nei forum.
    • Rapporto ore presenza/FAD: adattare il rapporto alle specificità delle materie prevedendo percorsi totalmente online, totalmente in presenza e/o blended .
  • 24.
    • INOLTRE…
    • Una migliore fruizione delle risorse permetterebbe ai docenti di domani di vivere in prima persona un apprendimento a distanza ottimizzato, da riproporre in futuro alla propria classe virtuale .
    sensibilizzare all’e-learning tutte le figure coinvolte
  • 25. [email_address] [email_address] [email_address]