Parco nazionale del circeo

733 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
733
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Parco nazionale del circeo

  1. 1. PARCO NAZIONALE del CIRCEO Il Parco nazionale del Circeo, istituito nel 1934, è una delle più antiche aree naturali protette d’Italia. Si estende lungo il tratto litorale compreso tra Anzio e Terracina.
  2. 2. STORIAIl Parco fu istituito nel 1934per volere di BenitoMussolini, al fine ditutelare gli ultimi restidelle pianure pontine. Èl’unico parco nazionaleitaliano ed europeo adestendersi completamentein ambiente pianeggiante emarino.Il Parco è inoltre una«riserva della biosfera»dell’ UNESCO dal 1997.
  3. 3. TERRITORIOIl Parco tutela un ricchissimo insieme di territori;vi sono cinque habitat fondamentali:- La foresta;- Il promontorio;- La duna litoranea;- Le zone umide;- L’isola di Zannone.
  4. 4. La Foresta rappresenta la più estesa foresta di pianura in Italia. È ancora oggi un ecosistema ricchissimo ed estremamente vario, ricoperto dalla macchia mediterranea e dalla vegetazione tipica delle aree marine, come pini, Tutta la foresta è visitabile tramite una fitta rete di sentieri, sia pedonali che ciclabili. Percorrendoli, si incontrano specie vegetaliFORESTA tipiche di aree continentali, quali il cerro, il frassino, la farnia e specie tipicamente mediterranee quali il leccio, lalloro, la sughera: la foresta del Circeo, infatti, è un punto dincontro di specie vegetali appartenenti a realtà climatiche diverse. Il sottobosco è ricchissimo di specie, che producono bacche e piccoli frutti, come biancospino, prugnolo, melo lecci e querce da sughero.
  5. 5. PROMONTORIOÈ la cima montuosa del MonteCirceo che tocca i 541 m e che hadato il nome allintero ParcoNazionale. Secondo la leggenda,sul Circeo viveva la maga Circeche, dopo aver tentato ditrasformare Ulisse e i suoicompagni in porci, come narratonellOdissea, li accolse per unanno e diede loro prezioseinformazioni. Visto da lontano, ilCirceo assomiglia ad un donnaaddormentata, il che, secondoalcuni, ha dato origine allaleggenda di Circe. Il promontoriodel Circeo rappresenta inoltre unazona di notevole interessespeleologico dal momento che,alla sua base, si aprono numerosegrotte di straordinaria bellezza. Lapiù conosciuta è la «GrottaGuattari».
  6. 6. DUNA LITORANEANel territorio del parco è compresa una fascia costiera sabbiosa che siestende, in lunghezza, per circa 22 km. La spiaggia è formata da sabbie sottilie ospita piccole piante, come arbusti e cespugli, i quali offrono un habitatideale per moltissime specie animali tra cui tassi, volpi, conigli, lucertole ecoleotteri. Lambiente costiero dunale è un ambiente particolarmentedifficile: le alte temperature, le lunghe siccità, il terreno poco fertile e i fortiventi rendono difficile la sopravvivenza delle specie vegetali, che si sono cosìdovute adattare. La delicatezza di un ambiente dunale di recente formazioneha ovviamente bisogno protezione, e per evitare i danni causati dal calpestiodei numerosi frequentatori della spiaggia, sono state predisposte passerelle inlegno che consentono di accedere alla spiaggia senza danneggiare lavegetazione.
  7. 7. ZONE UMIDESi tratta dei quattro laghi costieri di Paola, Caprolace, Monaci eFogliano, ossia quello che resta delle antiche "paludi pontine", piccolibacini dacqua salmastra e ideale rifugio per molte specie di uccelliacquatici. I laghi sono in realtà degli stagni costieri, con acque pocoprofonde. animali di cui facilmente troviamo le tracce sono il tasso elistrice, oltre a volpe, donnola, cinghiale e riccio. Le sponde dei laghiospitano, dal punto di vista della flora, una vegetazione compostaprevalentemente da salicornie, inule e tamerici. Nelle acque salmastredei laghi, ricche di vita, vengono inoltre praticate attività di pesca consistemi compatibili con le esigenze di tutela, garantendo, così, ilrispetto dellambiente, loccupazione e il mantenimento di attivitàtradizionali. Oltre ai quattro laghi costieri vi sono poi zone acquitrinosee pascoli destinati prevalentemente allallevamento dei bufali allo statobrado.
  8. 8. L’ISOLA DI ZANNONEZannone è una piccola isola entrata a far parte del Parco nel 1979; èdisabitata e ricoperta da boschi di lecci e querce.

×