Slide schianchi 21 06_2013

187 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
187
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Slide schianchi 21 06_2013

  1. 1. INVASIONI DI CAMPOAssemblea Nazionale ENPAV23 giugno 2013Dott. Alberto Schianchi
  2. 2. PRIVATIZZAZIONE DELLE CASSE DEI PROFESSIONISTIDECRETO 509/94•DIVIETO DI QUALSIASI FORMA DI FINANZIAMENTO PUBBLICO•AUTONOMIA GESTIONALE, ORGANIZZATIVA E CONTABILE•AFFERMAZIONE DELLA NATURA PUBBLICA DELL’ATTIVITÀ SVOLTA
  3. 3. CONTROLLI DELLE CASSE• LA VIGILANZA È ESERCITATA DAL MINISTERO DEL LAVORO E DAL MINISTERODELL’ECONOMIA I QUALI:1.APPROVANO LO STATUTO E LE DELIBERE IN MATERIA DI CONTRIBUTI EPRESTAZIONI2.POSSONO FORMULARE RILIEVI SU BILANCI PREVENTIVI E DI ESERCIZIO, ESUI CRITERI DI INDIVIDUAZIONE E DI RIPARTIZIONE DEL RISCHIO NELLASCELTA DEGLI INVESTIMENTI3.APPROVANO IL PIANO TRIENNALE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARIINOLTRE NEL COLLEGIO SINDACALE SONO PRESENTI UN RAPPRESENTANTEDEL MINISTERO DELL’ECONOMIA ED UN RAPPRESENTANTE DEL MINISTERODEL LAVORO CHE HA ANCHE LA PRESIDENZA DELL’ORGANO
  4. 4. CONTROLLI DELLE CASSE• RENDICONTI ANNUALI SOTTOPOSTI A REVISIONE CONTABILEINDIPENDENTEE A CERTIFICAZIONE• CONTROLLO GENERALE DELLA CORTE DEI CONTI SULLA GESTIONE ERELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO• COMMISSIONE PARLAMENTARE DI CONTROLLO SULLE ATTIVITÀ DEGLI ENTIGESTORI DI FORME OBBLIGATORIE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA SOCIALE•PASSAGGIO DAL NUCLEO DI VALUTAZIONE DELLA SPESA PREVIDENZIALEALLA COVIP DEL CONTROLLO SUGLI INVESTIMENTI DELLE RISORSEFINANZIARIE E DELLA COMPOSIZIONE DEI PATRIMONI DELLE CASSE (ART. 14LEGGE 111/2011)
  5. 5. ALL’ORIGINE DELLA PROGRESSIVA ESTENSIONE ALLECASSE DI NORME NATE PER LA PUBBLICAAMMINISTRAZIONE
  6. 6. NEL 2010 I MINISTRI SACCONI (LAVORO) ETREMONTI (ECONOMIA) PROMETTONO L’APERTURA DIUN TAVOLO TECNICO DI CONFRONTO TRA PRESIDENTIDI CASSE E ISTAT, PER INDIVIDUARE IL CORRETTO ITERDI ELIMINAZIONE DELLE CASSE DALL’ELENCONON SI ATTUERÀ MAI
  7. 7. FINANZIARIA 2005: ELENCO ISTAT – LE PRONUNCE PIU’RECENTI2011: ADEPP IMPUGNA ELENCO ISTAT E IL TAR ACCOGLIE IL RICORSO2012:IL CONSIGLIO DI STATO RIGETTA LA SENTENZA DEL TAR2012: CORTE DI CASSAZIONE RIGETTA IL RICORSO DELLE CASSE
  8. 8. DECRETO 78/2010 (Art. 8, comma 15 e Art.9)• GESTIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE ““Le operazioni di investimento e l’utilizzo dellesomme sono sottoposte a vigilanza”• BLOCCATO RINNOVO CONTRATTO DIPENDENTI CASSE per il 2011, 2012 e 2013
  9. 9. DECRETO 98/2011 (POI LEGGE 111/2011) “DISPOSIZIONIURGENTI PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA”•ART. 10: RIDUZIONE SPESE “In presenza di uno scostamento rilevante dagli obiettiviindicati per l’anno considerato dal Documento di Economia e Finanza, il MEF può disporre la riduzionedelle spese di funzionamento”•ART. 14: COVIP “Soppressione Nucleo di valutazione e passaggio poteri alla COVIP(Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione)”• ART.16: BLOCCO CONTRATTO DIPENDENTI: “Prorogato per il 2014”
  10. 10. …RISPETTO ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE•TRATTAMENTO FISCALE (ETT VS EET): TASSAZIONE SIASUI RENDIMENTI CHE SULLE RENDITE•DECRETO 138/2011 (CONVERTITO IN LEGGE 148/2011):AUMENTO ALIQUOTA RENDITE DA CAPITALE DAL 12,5%AL 20%
  11. 11. DECRETO 163/2006: CODICE DEGLI APPALTI•INIZIALMENTE CASSE ESCLUSE DALL’APPLICAZIONE•DECRETO 98/2011 (poi Legge 111/2011), art.32, comma 12: GLIENTI PREVIDENZIALI VENGONO QUALIFICATI ALLA STREGUA DIORGANISMI DI DIRITTO PUBBLICO IN QUANTO LACONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA DEGLI ISCRITTI VIENEIDENTIFICATA COME UNA FORMA DI FINANZIAMENTOPUBBLICO•LE CASSE DEVONO QUINDI RISPETTARE IL CODICE DEGLIAPPALTI PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI EFORNITURE
  12. 12. DECRETO 155/92PRIMO ESEMPIO DI PRELIEVO FORZOSO (ILGOVERNO AMATO APPROVA IL PRELIEVO FORZOSODEL 6‰ DAI CONTI CORRENTI BANCARI PER UN"INTERESSE DI STRAORDINARIO RILIEVO", INRELAZIONE A "UNA SITUAZIONE DI DRAMMATICAEMERGENZA DELLA FINANZA PUBBLICA" )
  13. 13. DL 95/2012: SPENDING REVIEWTAGLI SUI CONSUMI INTERMEDI DEL 5% PER IL 2012 E DEL10% DAL 2013, CALCOLATI SULLA BASE DEL 2010, CONOBBLIGO DI VERSARE ALLO STATO IL RISPARMIATO• DIFFICOLTÀ INTERPRETATIVE DELLA NORMA• VINCOLO “INCOMPRENSIBILE” AD UN ANNO BASE• CONTRADDITORIETA’ RISPETTO ALLE RICHIESTE DISOSTENIBILITA’ PREVIDENZIALE A 50 ANNI IMPOSTA DALMINISTRO FORNERO
  14. 14. LEGGE 228/2012(ART. 1 C. 141)PER GLI ANNI 2013 E 2014 LE SPESE PER GLIACQUISTI DI IMMOBILI E ARREDI NON POSSONOESSERE DI AMMONTARE SUPERIORE DELLA SPESASOSTENUTA IN MEDIA NEGLI ANNI 2010 E 2011(ART. 1 C. 142)LE SOMME DERIVANTI DA TALI RIDUZIONI DI SPESADEVONO ESSERE VERSATE ANNUALMENTE NELLECASSE STATALI
  15. 15. LEGGE 244/2007 (FINANZIARIA 2008)A PARTIRE DALL’ANNO BASE 2007, GLI ENTI PUBBLICI DEVONORISPETTARE IL LIMITE DI SPESA PER LA MANUTENZIONEORDINARIA DEGLI IMMOBILI NON A REDDITO DELL’1% DELVALORE DEGLI IMMOBILI MEDESIMI
  16. 16. Lo Stato non versa alla Cassala sua quota…Al 31/12/2012 il credito dell’Ente verso lo Stato è di € 2.817.087 ed è cosìsuddiviso:€ 518.041 residuo maternità erogate nel 2009€ 625.552 residuo maternità erogate nel 2010€ 576.804 residuo maternità erogate nel 2011€ 1.096.690 residuo maternità erogate nel 2012
  17. 17. Abbiamo il dovere disvegliare le coscienze

×