Criteri di accessibilità
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Criteri di accessibilità

on

  • 503 views

 

Statistics

Views

Total Views
503
Views on SlideShare
503
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Criteri di accessibilità Criteri di accessibilità Presentation Transcript

  • Laccessibilità e lusabilitàcome criteri di scelta del sw e degli strumenti online Lucia Ferlino ITD-CNR
  • Una premessa: La Didattica orientata alla Speciale NormalitàSi tratta di una didattica per tutti: • per gli studenti dichiarati disabili; • per coloro che pur non essendo riconosciuti come tali presentano bisogni educativi speciali (deficit di attenzione, di autostima, disturbi di apprendimento…), • Per gli studenti “normali”, ognuno dei quali ha proprie caratteristiche, un proprio stile di apprendimento, bisogni e interessi specifici e differenziati.
  • Didattica orientata alla Speciale NormalitàE’ una didattica che persegue concretamentel’integrazione scolastica: • sul piano operativo, • sul piano dell’accesso ai contenuti, • sul piano dello sviluppo di competenze, • sul piano della comunicazione interpersonalecon tutti gli alunni, compresi quelli dichiarati disabili.
  • Ruolo delle TD nella didattica orientata alla Speciale Normalità• strumenti compensativi, per “fare”, per “abilitare”, persvolgere e rendere normali attività altrimenti precluse(integrazione sul piano operativo)• strumenti per sviluppare capacità e competenzedisciplinari in contesti di apprendimento che rispondano aibisogni formativi degli studenti coinvolti (integrazione sulpiano dello sviluppo delle competenze)
  • Ruolo delle TD nella didattica orientata alla Speciale Normalità•strumenti per apprendere conoscenze e contenuti nelrispetto delle modalità di accesso alle informazioni piùadeguate per gli studenti coinvolti nell’uso (integrazionenell’accesso alle conoscenze)• strumenti di supporto alla comunicazione interpersonale(integrazione sul piano comunicativo)
  • Ruolo delle TD nella didattica orientata alla Speciale NormalitàTale polivalenza di ruoli può favorire lo sviluppo di unadidattica orientata alla speciale normalità favorendo ilraggiungimento di una maggiore autonomianell’organizzazione dello studio e una indipendenzanella produzione a condizione chegli strumenti in uso presentino caratteristiche diaccessibilità e di usabilità.
  • Accessibilità e UsabilitàLe nozioni di accessibilità e di usabilità nascono e vengonodefinite nell’ambito della Human Computer Interaction(HCI)La HCI ha come campo di studio la comprensione di comeprogettare un artefatto informatico utilizzabile,agevolare l’interazione tra utente e computer e rendere ilcomputer più facile da usare.
  • Accessibilità e UsabilitàPartendo da una analisi dei bisogni e dei problemidell’utente, gli studi condotti nell’ambito della HCIforniscono modelli e guideline per migliorarel’adattamento delle caratteristiche dei sistemiinformatici a quelle dell’uomo.L’accessibilità e l’usabilità dei sistemi informaticicostituiscono due parametri fondamentali dell’HCI pervalutare l’adattabilità dei sistemi alle caratteristichee ai bisogni degli utenti.
  • AccessibilitàIl termine accessibilità è usato per indicare se unostrumento (sito web, software o anche altri strumenti diuso quotidiano) è stato progettato e realizzato peressere usato da una gamma molto vasta di utenti,compresi quelli con disabilità.
  • AccessibilitàIl principio ispiratore che dovrebbe guidare laprogettazione di nuovi prodotti e strumenti è quellodella Progettazione Universale (Design for All) secondocui le specifiche di un qualsiasi progetto dovrebberotener conto della varietà di esigenze di tutti gli utentidi quel particolare strumento, compresi quelli condisabilità.
  • Design for allPrincipi di progettazione secondo i quali si deve sempretener conto della varietà di esigenze di tutti gli utenti.I punti di riferimento principali sono: la flessibilità, lusosemplice ed intuitivo, linformazione accessibile, latolleranza agli errori, lo sforzo fisico minimo, lo studio didimensioni e spazi adatti a qualsiasi utente, senza limitiper la capacità di movimento, la postura e la dimensionedel corpo.
  • AccessibilitàTutti vengono messi nella condizione di avvalersi delcomputer, dei software e dei servizi Internet.Circolare dell’AIPA (Autorità per l’Informatica nellaPubblica Amministrazione) del 2001Legge del 9 gennaio 2004, n° 4Decreto Legge agosto 2005
  • Perché SW “accessibile”? “… questi strumenti possono porre agli studenti diversamente abili ulteriori nuove barriere, con caratteristiche e peculiarità tutte proprie, quanti docenti sanno, ad esempio, che il software didattico può presentare anch’esso delle “barriere” agli studenti diversamente abili, può essere anch’esso fonte di discriminazione?” [Scano, 2005].
  • Perché SW “accessibile”? • La consapevolezza delle barriere tecnologiche [!] • I principi del “Design-for-all” (progettazione per tutti) la possibilità offerta a qualsiasi utente di accedere a dei contenuti indipendentemente non solo dalla disabilità ma anche dalla tecnologia utilizzata.
  • La legge 4/2004La Legge 4/2004 [L’accessibilità] è "la capacità dei sistemi informatici […] di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari“ - US Section 508 - EU “Carta di Riga” (Giugno 2006) [!]
  • La legge 4/2004 [!]Punto 3. in relazione alla eAccessibility e allusabilità: [La Carta di Riga]a. integrare le direttive di eAccessibility nella legislazione dell’Unione Europea facendo uso di strumenti quali l’adesione volontaria delle industrie, norme di livello UE e leggi nazionali. È fondamentale monitorare e valutare regolarmente i progressi nell’applicazione di tali direttiveb. tenere sempre conto delle necessità dei disabili nella revisione di direttive concernenti le tecnologie ICT, rafforzando l’attuale quadro normativo e istituendo una commissione di rappresentanti dei paesi membri che ne coordinino l’evoluzione;c. disporre, entro il 2007, di un quadro chiaro delle politiche e degli standard adottati dai vari paesi nell’acquisizione pubbliche di beni e servizi ICT con lo scopo di renderli obbligatori, entro il 2010, per tutte le amministrazioni nel caso superino determinate soglie di spesa;d. sostenere lapplicazione di standard internazionali relativamente all’accessibilità e all’usabilità di hardware, software e servizi ICT;e. facilitare l’accessibilità e l’usabilità dei prodotti e dei servizi ICT per tutti tramite lo sviluppo di contenuti digitali accessibili e fruibili da qualsiasi piattaforma, utilizzando tecnologie assistive interoperabili e promuovendo l’applicazione del "design for all". A tale scopo occorrerebbe promuovere, daccordo con le industrie ICT e il settore delle tecnologie assistive, la definizione di percorso europeo verso il "design for all“ [CNIPA, Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione – Pubbliaccesso. gov.it ]
  • La legge 4/2004La Legge 4/2004 (Legge Stanca) si propone di fare in modo che i servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni (Ministeri, Enti Locali, Scuole, etc.) siano accessibili per tutti i cittadini, nessuno escluso [Scano, 2004]. Art. 5 (Accessibilità degli strumenti didattici e formativi) 1. Le disposizioni della presente legge si applicano, altresì, al materiale formativo e didattico utilizzato nelle scuole di ogni ordine e grado. - US Section 508 - EU “Carta di Riga” (Giugno 2006) [!]
  • SW didattico e accessibilità Uno studente quando usa il computer svolge sia attività di tipo  operativo (relative all’interazione con la macchina)  funzionale (relative al contenuto e all’apprendimento)
  • SW didattico e accessibilità Possibilita’ di poter utilizzare i dispositivi sia hardware che software, che facilitano o addirittura rendono possibile al disabile l’utilizzo del calcolatore (tecnologie assistive)
  • Considerare l’obiettivodidattico… Obiettivi didattici 11 Requisiti del Software Legge 4/2004 CO Conflitto Obiettivi didattici Specifiche Disabilita’
  • SW didattico e accessibilità Ma, in concreto, quali problemi di accessibilità può presentare il software didattico?
  • Un breve giroesplorativo …
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico? Legge 4/2004 - Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per laccessibilità agli strumenti informatici Allegato A: Verifica tecnica e requisiti di accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie internet. Allegato B: Metodologia e criteri di valutazione per la verifica soggettiva dell’accessibilità delle applicazioni basate su tecnologie internet. Allegato C: Requisiti tecnici di accessibilità per i personal computer di tipo desktop e portatili. Allegato D: Requisiti tecnici di accessibilità per l’ambiente operativo, le applicazioni e i prodotti a scaffale. Allegato E: Logo di accessibilità dei siti Web e delle applicazioni realizzate con tecnologie Internet. Allegato F: Importi massimi dovuti dai soggetti privati come corrispettivo per l’attività svolta dai valutatori.
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico?Decr. Min. 8 Luglio 2005Allegato D –Requisiti tecnici diaccessibilità per l’ambiente operativo,le applicazioni e i prodotti ascaffale. n. 11 requisiti di accessibilità
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico? I principi di accessibilità indicati dalla legge sono riconducibili a quattro macro-categorie: 1) Accesso da tastiera 2) Compatibilità con le Tecnologie Assistive 3) Non unicità del canale informativo/comunicativo 4) Caratteristiche di visualizzazione
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico? I principi di accessibilità indicati dalla legge sono riconducibili a quattro macro-categorie: 1) Accesso da tastiera Barre dei menu, le barre degli strumenti e le barre di scorrimento Elementi della pagina di lavoro, Finestre di pop-up 2) Compatibilità con le Tecnologie Assistive 3) Non unicità del canale informativo/comunicativo 4) Caratteristiche di visualizzazione
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico? 1) Accesso da tastiera 2) Compatibilità con le Tecnologie Assistive - lettura oggetti dell’interfaccia (suoni, tasti, - mantenimento impostazioni - modalita’ di presentazione del testo ………… -> 3) Non unicità del canale informativo/comunicativo 4) Caratteristiche di visualizzazione
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico? 1) Accesso da tastiera 2) Compatibilità con le Tecnologie Assistive -lettura oggetti dell’interfaccia: Form, Menu iconici e icone, controlli o immagini “attive”, Barre degli strumenti, Oggetti dell’interfaccia - mantenimento impostazioni Tastiera , Suoni , Mouse - modalita’ di presentazione del testo ………… -> 3) Non unicità del canale informativo/comunicativo 4) Caratteristiche di visualizzazione
  • Software di ingrandimentodello schermo Se serve, e’ possibile attivare il feedback vocale insieme all’ingrandimento
  • Screen reader, display braille,sintesi v.
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico? 1) Accesso da tastiera 2) Compatibilità con le Tecnologie Assistive -lettura oggetti dell’interfaccia: Form, Menu iconici e icone, controlli o immagini “attive”, Barre degli strumenti, Oggetti dell’interfaccia - mantenimento impostazioni Tastiera , Suoni , Mouse - modalita’ di presentazione del testo 3) Non unicità del canale informativo/comunicativo 4) Caratteristiche di visualizzazione
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico?1) Accesso da tastiera2) Compatibilità con le Tecnologie Assistive3) Non unicità del canale informativo/comunicativo - equivalenti visivi o testuali per i segnali audio icone attive, bottoni, pulsanti, indicatori grafici di stato - non unicita’ del canale feedback sonori, segnalazioni acustiche di errore - consistenza dei simboli grafici animazioni, elementi grafici e sonori, filmati, voce narrante - documenti in formato digitale 4) Caratteristiche di visualizzazione
  • Quali requisiti di accessibilità del software didattico?1) Accesso da tastiera2) Compatibilità con le Tecnologie Assistive3) Non unicità del canale informativo/comunicativo4) Caratteristiche di visualizzazione - impostazioni di visualizzazione caratteri, colore e contrasto, icone e loro etichette, menu efinestre di dialogo - elementi lampeggianti - focus attivoUn esempio: Il punto di vistadell’ipovedente
  • Personalizzare la visualizzazione
  • IMPAGINAZIONE FITTATESTI:CARATTERIPICCOLI IMMAGINI: DETTAGLI,POCO CONTORNICONTRASTOCON LOSFONDO
  • Sfondi neutri per la massimaleggibilitàProblemi di interferenza dello sfondo
  • L’importanza di usarecorrettamente i colori
  • SFONDO E TESTO IMPAGINAZIONE FITTA RAPPORTO FRA I COLORI DI SFONDO E TESTI
  • Le valutazioni di accessibilità in ESSEDIQUADRO Progetto AesseDi – Azione 3 Accessibilità del Software didattico • Dichiarazione dell’editore • Strumento di valutazione dell’accessibilità del software didattico • Conformità/non conformità ai requisiti della Legge 4/2004 • Accessibilità per i vari tipi di disabilità (disabilità motoria, ciechi, ipovedenti, disabilità uditiva) • Conflitto con gli obiettivi didattici del prodotto rispetto ad uno o più requisiti della Legge n. 4/2004 • Accessibilità testata sul campo (GLIC)
  • Le valutazioni di accessibilità in ESSEDIQUADRO Progetto AesseDi – Azione 3 Accessibilità del Software didattico • Dichiarazione dell’editore • Strumento di valutazione dell’accessibilità del software didattico • Conformità/non conformità ai requisiti della Legge 4/2004 • Accessibilità per i vari tipi di disabilità (disabilità motoria, ciechi, ipovedenti, disabilità uditiva) • Conflitto con gli obiettivi didattici del prodotto rispetto ad uno o più requisiti della Legge n. 4/2004 • Accessibilità testata sul campo (GLIC)
  • Le valutazioni di accessibilità in ESSEDIQUADRO
  • Le valutazioni di accessibilità in ESSEDIQUADRO • Normative/indicazioni nuove che vengono applicate a prodotti creati prima… (esiti negativi) • Differenza tra  accessibilita’ del WEB (standardizzabile, verificabile in modo automatico e in sostanza proiettabile e applicabile da subito)  accessibilita’ del SW (che richiede invece una valutazione piu’ approfondita, soggettiva, estensiva) trasmessa all’utente tramite un giudizio graduato (scarsa - parziale – nulla – completa) necessit di esprimere valutazioni che non fossero di sola conformita’ o non conformita’ alla legge • Allora è impossibile creare un SW totalmente accessibile? • Prospettiva dell’inclusione stimola a perseguire questa prospettiva dell’accessibilità relazionata a multi-disabilità
  • UsabilitàL’usabilità è il “grado in cui un prodotto può essereusato da particolari utenti per raggiungere certiobiettivi con efficacia, efficienza e soddisfazione inuno specifico contesto d’uso”. Come si può notarel’usabilità può essere definita solo in relazione ad unutente all’interno di un contesto d’uso; non è quindi unacaratteristica del prodotto in sé come lo è invecel’accessibilità
  • UsabilitàL’accessibilità e lusabilità sul piano tecnico sonofattori discriminanti e indispensabili per selezionarestrumenti didattici che siano ottimali nel favorirel’integrazione sul piano operativo, nell’accesso aicontenuti, nella costruzione di specifiche competenzein ciascun studente, nel rispetto delle suecaratteristiche individuali.
  • Punti chiave accessibilità tecnica del software didattico Accesso da tastiera Caratteristiche di visualizzazione(impostazioni di visualizzazione, elementi lampeggianti, focus attivo,Compatibilità con le Tecnologie Assistive(lettura oggetti dell’interfaccia, mantenimento impostazioni) Non unicità del canale informativo/comunicativo(equivalenti visivi o testuali per i segnali audio)
  • Punti chiave accessibilità didattica del software •l’interfaccia grafica è facilmente comprensibile •esiste una coerenza tra contenuti, loro presentazione e obiettivi didattici e/o disciplinari; •gli obiettivi di apprendimento sono chiari •le strategie didattiche sono coerenti
  • Punti chiave accessibilità didattica del software•la difficoltà viene presentata gradualmente•sono presenti aiuti e rinforzi miratiinoltre…può essere usato con dispositivi di input e output, alternativi a quellitradizionali
  • Utilizzabile da tastieraUtilizzabilea scansione Alcune strategie per ipovedenti Sintesi vocale
  • Il menu si apre a tutto schermo,indipendentemente dallarisoluzione adottata
  • La parte nondestinata al bambinoè poco visibile Accanto al testo vi sono anche le immagini, per aiutare nella scelta
  • Il colore rende evidente la scelta del pulsante. Il pulsante si colora anche se il cursore è posizionato sullimmagine corrispondente
  • Larea dello schermo èdedicata allesercizio. Non sono presenti elementi distraenti.
  • E’ possibile utilizzarela sintesi vocale perla lettura delle consegne
  • La possibilità di scegliere livelli diversi consente di personalizzare lattivitàLa struttura dei varilivelli è descrittanella documentazioneallegata al programma
  • L’ambiente diconfigurazione
  • Le impostazioni dellutente predefinito possonoessere modificate oppure possono essere creati nuovi utenti
  • I colori della graficapossono essere modificati in funzione dei bisogni dell’utente
  • Possiamo modificare il tipo di carattereAttivare il passaggio ai livelli
  • Possiamo scegliereil font e i colorida utilizzare
  • Possibilità di●Attivare/disattivare i suonidi rinforzo●Attivare/disattivare lasintesi vocale●Scegliere il personaggio
  • Una personalizzazioneulteriore dellattività èdata dalla scelta del tipodi input
  • Info sul Software http://sd2.itd.cnr.it
  • Dalla ricerca strutturata
  • Dalla ricerca avanzata